Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Il papa del battesimo di Satana

Pubblicato

il

 

 

 

Avrete visto, Renovatio 21 è stata in silenzio dinanzi alla notizia della settimana scorsa.

 

È che, nonostante si tratti forse la notizia più grave di questo papato aberrante, siamo abituati. Nel senso che le cose vanno secondo il disegno che ci siamo messi in testa di studiare, e di raccontare ogni giorno: il disegno della Cultura della Morte.

 

Se qualcuno ha ancora dubbi riguardo al fatto che Bergoglio sia il Pontefice della Necrocultura, è ora che si svegli.

 

Se qualcuno ha ancora dubbi riguardo al fatto che Bergoglio sia il Pontefice della Necrocultura, è ora che si svegli

Tutti lo sanno: molti dei candidati vaccini al COVID sono fatti con linee cellulari da feto abortito.  Nessuno in Vaticano, tantomeno il papa, può fischiettare e far finta di niente. Perché una reazione, dentro gli stessi ambienti della chiesa moderna, c’è pure stata.

 

Il cardinale Burke, che l’anno passato fu con Renovatio 21 a quella che praticamente fu la prima conferenza al mondo sul problema dei vaccini composti con aborti, ha ribadito il rifiuto ad una simile medicina in questi mesi. Gli hanno fatto eco in tanti. Per esempio, il vescovo di Tyler, Texas, Joseph Strickland. Oppure il cardinale Antonio Cañizares Llovera, arcivescovo metropolita di Valencia, in Spagna.

 

Prese di posizione nette, incontrovertibili. Impossibile davvero, per i piani alti, far finta di niente, verrebbe da pensare.

 

Tutti lo sanno: molti dei candidati vaccini al COVID sono fatti con linee cellulari da feto abortito.  Nessuno in Vaticano, tantomeno il papa, può fischiettare e far finta di niente

E invece…

 

Succede che Bergoglio, all’udienza generale, faccia diventare anche la pandemia un frusto discorso di classismo goscista. Sarebbe triste – ha detto l’argentino – se nel vaccino per il COVID-19 si desse la priorità ai più ricchi. Un discorso identico davvero a quello che avevamo di fatto già sentito, a dire il vero, dalla bocca di Bill & Melinda Gates, sia di recente sia anni fa.

 

Crediamo sia impossibile che al papa nessuno abbia spiegato che viviamo in un mondo in cui sono proprio i ricchi – Bill Gates e i suoi enti come la Fondazione, il GAVI, il CEPI – a voler vaccinare subito i poveri, e vien da pensare – pensando alla storia del cammello e della cruna nell’ago – che non lo facciano per guadagnarsi il Regno dei Cieli (a cui non credono), ma per altri motivi indicibili; il primo che viene da pensare: perché i poveri non oppongono resistenza, è ideale quindi partire da loro…

 

Come diceva Madre Teresa: «chi non è ancora nato è il più debole, il più piccolo, il più misero». Chi non è ancora nato è innocente, è – soprattutto – indifeso

Sì, nel mondo alla rovescia in cui viviamo, i ricchi vogliono aiutare i deboli bucherellandoli al più presto con sostanze nemmeno testate. Il lupo tende una mano, e la siringa, all’agnello. C’è da riconoscerlo, se il nostro mondo è stato rovesciato, una buona porzione del lavoro lo ha fatto Bergoglio.

 

La propaganda ballista sugli «ultimi», uscita ancora una volta dalle labbra del vertice della Chiesa, ci offende molto. Perché, chi è più ultimo del bambino non nato?

 

Come diceva Madre Teresa: «chi non è ancora nato è il più debole, il più piccolo, il più misero». Chi non è ancora nato è innocente, è – soprattutto – indifeso.

 

Che la vita di un bambino sia sacrificata per farne un vaccino, non può non scatenare l’ira del Dio dei cristiani. E i cristiani non possono, in alcun modo, non pensare a questo fatto ogni singolo giorno

Che la sua vita sia sacrificata per farne un vaccino, non può non scatenare l’ira del Dio dei cristiani. E i cristiani non possono, in alcun modo, non pensare a questo fatto ogni singolo giorno.

 

Perché, lo ribadiamo ancora una volta, la scienza e la sua distribuzione sanitaria stanno resuscitando quello che il Logos aveva esorcizzato per sempre dalla Terra, ossia il sacrificio umano.

 

La dottrina del «male minore», invocato a piene mani per scivolare giù per il pendio assecondando i voleri della Necrocultura (i famosi «paletti» dei democristiani per aborto, provetta, pillolame vario etc.) non serve che a questo: a richiamare l’usanza di quando il mondo era governato dai demòni, a cui andavano sacrificati i figli degli uomini.

La scienza e la sua distribuzione sanitaria stanno resuscitando quello che il Logos aveva esorcizzato per sempre dalla Terra, ossia il sacrificio umano

 

Ma torniamo più in basso. Ci è impossibile non vedere nel lancio del «vaccino per tutti» di Bergoglio certi discorsi, oramai vecchi di due secoli, che la massoneria faceva sulla  «vaccinazione universale».

 

Un’idea che pare aver guidato l’azione della massoneria al potere, specie nel Novecento, e di cui ci sono poche informazioni sulle quali Renovatio 21 sta studiando da anni. Sappiamo, per esempio, come l’idea della vaccinazione universale fosse fortissima in Sud America, specie nei Paesi a guida massonica, come il vecchio Brasile: da essa si sviluppò nel novembre 1904 la «Rivolta dei vaccini» di Rio de Janeiro. La vaccinazione coatta contro il vaiolo, implementata casa per casa dall’autorità con siringa e fucile, sfociò in scontri violentissimi con la popolazione, scontri a cui aderì un’Accademia militare. Bizzarro, pur di vaccinare tutti, il potere non solo incorre nella riprovazione popolare, ma va a rischiare persino un golpe.


Perché?

Rio de Janeiro 1904: bizzarro, pur di vaccinare tutti, il potere non solo incorre nella riprovazione popolare, ma va a rischiare persino un golpe. Perché?

 

La risposta che ci siamo dati, osservando anche qui da noi nell’Italia del XXI secolo il fondamentalismo vaccinale lanciarsi in operazioni improbabili, è che deve essere qualcosa di più di un’idea, o di un principio di corruzione, che lo anima. Dietro a tutto potrebbe esserci qualcosa di non economico – qualcosa di non umano, cioè qualcosa di religioso.

 

La vaccinazione come comandamento? La vaccinazione come sacramento?

 

«La vaccinazione è il sacramento medico corrispondente al battesimo» annotava lo scrittore britannico Samuel Butler. Per quanto si tratti di un autore oscuro, questa massima risuona nei media progressisti italiani da decenni.

Dietro a tutto potrebbe esserci qualcosa di non economico – qualcosa di non umano, cioè qualcosa di religioso. La vaccinazione come comandamento? La vaccinazione come sacramento?

 

Ai tempi della legge Lorenzin, qualche medico ripeté ed ampliò il concetto: il vaccino è un «battesimo laico».

 

«La vaccinazione è un battesimo laico. Accoglie i bambini nella società proteggendoli e proteggendo gli altri dalle gravi malattie. Mi pare che in fondo non manchino le similitudini con il battesimo religioso».

 

L’idea che il vaccino sia un fatto parareligioso è oramai patrimonio comune dell’Italia scristianizzata.

 

«La vaccinazione è un battesimo laico». L’idea che il vaccino sia un fatto parareligioso è oramai patrimonio comune dell’Italia scristianizzata

Non sorprende che il capo della chiesa che ha abbandonato i sacramenti (chiudendo le chiese, privando il popolo dell’Eucarestia, piazzando l’amuchina idrogel nelle acquasantiere) voglia ora sostituire il battesimo cristiano con il «battesimo laico» – quando, a dirla fuori dai denti, «laico» è spessissimo una parola foglia di fico per non dire «massonico».

 

Non stupisce perché la chiesa ipocredente – che non ha fede nel soprannaturale, non crede ai miracoli ed ai santi, non crede al Male e probabilmente nemmeno a Nostro Signore Gesù Cristo – voglia quindi sostituire il suo battesimo.

 

La questione, da tenere a mente, è la materia con cui è fatto questo «nuovo battesimo» promosso dalla nuova religione mondiale.

 

L’aborto, condannato dalla Chiesa cattolica fino a pochi decenni fa come peccato insuperabile, viene materialmente diffuso a tutta la popolazione umana, infilato sotto la sua pelle

Il vaccino più comune ora in Italia, il cosiddetto esavalente (difterite, tetano, epatite-B, poliomielite, pertosse e haemophilus influenzae tipo B) è prodotto con cellule Vero: una linea cellulare immortalizzata che deriva dai reni di una scimmia verde africana (Chlorocebus), isolata nel 1962 in Giappone.

 

Il «battesimo laico» vuole insomma che al fedele sia iniettata direttamente in corpo una parte di scimmia: bestiola per cui gli animalisti si stracciano le vesti (ricordate la proposta, discussa seriamente in Spagna e alle Nazioni Unite, di estendere i diritti umani a gorilla scimpanzé e compagni?), nonché soprattutto animale – ricordiamo che parliamo di religione – considerato nei secoli della Civiltà cristiana come malefico. Simia dei, la scimmia di Dio, è, come noto a tutti, un appellativo del Demonio.

 

Sorvoliamo qui sul fatto che l’iniezione di cellule di scimmia ha avuto davvero un effetto diabolico: è il caso del SV-40 (simian virus 40), inoculato inavvertitamente (?) con la Polio più di mezzo secolo fa, e ora sospettato ufficialmente di aver creato processi cancerogeni su qualche miliardo di individui. (sì, miliardo).

 

L’uso di cellule da feto abortito nei vaccini e nella sperimentazione scientifica in generale (WI-38, MRC-5, Walvax 2, e ora, con il COVID, molto si parla della HEK-293) non è da mettere in discussione in alcun modo

Ma andiamo più a fondo: l’uso di cellule da feto abortito nei vaccini e nella sperimentazione scientifica in generale (WI-38, MRC-5, Walvax 2, e ora, con il COVID, molto si parla della HEK-293) non è da mettere in discussione in alcun modo.

 

Ora, il lettore può immaginare cosa ciò può significare da un punto di vista della religione.

 

L’aborto, condannato dalla Chiesa cattolica fino a pochi decenni fa come peccato insuperabile, viene materialmente diffuso a tutta la popolazione umana, infilato sotto la sua pelle.

 

L’aborto diviene un battesimo. Il battesimo di Satana.

L’aborto diviene un battesimo. Il battesimo di Satana.

 

Il bambino innocente ucciso, squartato, frullato, usato per esperimento, sacrificato al nulla altro non è che l’ultima beffarda offesa che viene perpetrata dal Nemico contro l’umanità Imago Dei, contro la dignità dell’uomo come figlio di Dio.

 

Questo orrore, materializzato in cellule rese immortali, deve essere distribuito in ogni corpo umano al mondo, anche con la forza. Il Papa è d’accordo.

 

Un pezzo di bambino morto, un pezzo del peccato più osceno, della violenza più orrenda, per marchiare tutti gli esseri umani, reclamando la loro appartenenza non più al Signore della Vita, ma a qualcun altro.

Un pezzo di bambino morto, un pezzo del peccato più osceno, della violenza più orrenda, per marchiare tutti gli esseri umani, reclamando la loro appartenenza non più al Signore della Vita, ma a qualcun altro

 

Si tratta del Signore della Morte, di cui con evidenza Bergoglio è davvero il Pontefice. 

 

Il papa del battesimo di Satana.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Stalking vaccinale: donna inseguita ed additata da un uomo perché «non-vaccinata»

Pubblicato

il

Da

 

 

Uno strano video è recentemente divenuto virale in rete.

 

Il filmato mostra un uomo in mascherina mentre segue una donna in un negozio della catena americana Target. L’uomo indossa anche una spilla che presumibilmente testimonia la sua avvenuta vaccinazione.

 

L’inseguitore cerca dunque di svergognare la signora pubblicamente, accusandola di non essere stata vaccinata.

 

Alle proteste della signora, sempre più sconvolta, l’uomo punta il dito e risponde: «È una legge statale».

 

Parrebbe proprio un caso di stalking vaccinale, una nuova variante della violenza sulle donne che sembra però non interessare i media e la politica, recentemente ossessionati dal tema dei maschi prevaricatori.

 

«È il nostro lavoro come comunità riunirci e assicurarci che le persone si vergognino quando mettono a rischio il resto di noi», ripete l’uomo nel video, sostenendo di essere sposato ad una infettivologa (o infettivologo, non sappiamo).

 


Infine, l’uomo viene dissaso dal continuare nella molestia grazie all’intervento della guardia di sicurezza del negozio.

 

Come segnala Summit News, numerosi utenti su internet hanno ricordato la strana somiglianza (anche cromatica!) di questa scena reale con una del film L’invasione degli Ultracorpi.

 

 

Nel famoso film americano, che negli anni ha avuto diverse versioni, gli alieni sostituiscono gli umani e sono in gran parte indistinguibili a parte la loro ossessione per il conformismo.

 

In settimana Don Lemon, giornalista di punta delle CNN, ha dichiarato in TV che, al pari dei sostenitori di Trump, bisognerebbe  chiamare «stupidi» i non vaccinati, e pure i«niziare a svergognarli» in pubblico.

 

«Oppure, abbandonarli» ha detto con grande umanità Lemon parlando con il collega Chris Cuomo.

 

Detto, fatto.

Continua a leggere

Epidemie

Studio: quasi il 50% dei «ricoveri per COVID» 2021 sono stati casi lievi o asintomatici

Pubblicato

il

Da

 

 

Un recente studio mette in discussione quanto sia affidabile e significativo la statistica riguardo i «pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19» negli Stati Uniti.

 

I ricoveri per COVID sono comunemente considerati come la metrica principale quando si discute della gravità della pandemia.

 

Si apprende che tali numeri potrebbero non essere così significativi: la rivista Atlantic ha pubblicato un pezzo straordinario martedì citando un nuovo studio che suggerisce «quasi la metà di quelli ricoverati in ospedale con COVID-19 è per casi lievi o asintomatici».

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 a gennaio 2021, il 36% dei casi di COVID in ospedale era lieve o asintomatico

 

L’Atlantic aveva precedentemente  definito i ricoveri per COVID «il numero pandemico più affidabile», lo scorso inverno.

 

Ora, dopo che è stato pubblicato uno studio nazionale sui registri di ospedalizzazione, la rivista sta aggiustando il tiro riguardo quest’idea.

 

I ricercatori della Harvard Medical School, del Tufts Medical Center e del Veterans Affairs Healthcare System si sono assunti il ​​compito di cercare di capire quanto fossero gravi i casi di COVID nei ricoverati e quante persone conteggiate come ricoveri COVID fossero effettivamente in ospedale per COVID, rispetto al fare il test per il COVID dopo essere stato ricoverato per qualcos’altro.

 

Lo studio «ha analizzato i registri elettronici per quasi 50.000 ricoveri ospedalieri COVID negli oltre 100 ospedali VA in tutto il paese», scrive The Atlantic.

 

Lo studio ha «verificato se ogni paziente necessitava di ossigeno supplementare o aveva un livello di ossigeno nel sangue inferiore al 94%» per cercare di determinare se i casi soddisfacessero la soglia del NIH per la definizione di «COVID grave».

 

«Lo studio suggerisce che circa la metà di tutti i pazienti ricoverati che sono stati presentati sui cruscotti dei dati COVID nel 2021 potrebbe essere stata ricoverata per un altro motivo completamente o avere solo una presentazione lieve della malattia»

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 a gennaio 2021, il 36% dei casi di COVID in ospedale era lieve o asintomatico.

 

Da gennaio 2021 a giugno 2021, durante la diffusione della variante Delta, tale numero è salito fino al 48%. Per i pazienti ospedalieri vaccinati, il numero è salito a un sorprendente 57%.

 

«Lo studio suggerisce che circa la metà di tutti i pazienti ricoverati che sono stati presentati sui cruscotti dei dati COVID nel 2021 potrebbe essere stata ricoverata per un altro motivo completamente o avere solo una presentazione lieve della malattia» scrive The Atlantic.

 

«Lo studio dimostra anche che i tassi di ospedalizzazione per COVID, come quelli citati da giornalisti e responsabili politici, possono essere fuorvianti, se non considerati con attenzione»

«Lo studio dimostra anche che i tassi di ospedalizzazione per COVID, come quelli citati da giornalisti e responsabili politici, possono essere fuorvianti, se non considerati con attenzione».

 

The Atlantic è una rivista fondata nel 1857 da personaggi del calibro di Ralph Waldo Emerson. Negli anni ha espresso i suoi endorsement per candidati democratici come Lyndon Johnson e Hillary Clinton. Pochi anni fa il giornale chiese l’impeachment del presidente Donald Trump.

 

C’è speranza.

Continua a leggere

Epidemie

Per la Danimarca il COVID non è più una «malattia socialmente critica»

Pubblicato

il

Da

 

 

La Danimarca non considererà più il COVID-19 una «malattia socialmente critica». Di conseguenza, Copenhagen bbatterà tutte le restrizioni pandemiche a partire dal 10 settembre. Lo riporta il New York Times.

 

Magnus Heunicke, ministro della Salute del governo espresso dal partito socialdemocratico, aveva scritto su Twitter la scorsa settimana che il paese ha raggiunto la percentuale di vaccinazione a ciclo completo  dell’80% dei cittadini residenti di età superiore ai 12 anni.

 

 

Il giorno dopo, sempre sul social media, ha annunciato che sarebbero state rimosse tutte le limitazioni scattate con la pandemia.

 

«È la buona gestione dell’epidemia danese che lo rende possibile e voglio ringraziare tutti coloro che sono coinvolti per un lavoro gigantesco».

 

La designazione di «malattia socialmente critica» è politica e ha permesso ai funzionari danesi di attuare misure come chiusure nazionali e requisiti per i pass per il coronavirus

La designazione di «malattia socialmente critica» è politica e ha permesso ai funzionari danesi di attuare misure come chiusure nazionali e requisiti per i pass per il coronavirus.

 

Il ministro Heunicke ha affermato che a partire dal 10 settembre il paese eliminerà gradualmente l’ultima delle sue “importanti restrizioni”, incluso il dover mostrare i pass per il coronavirus nei locali notturni e negli eventi sportivi, secondo il Jyllands-Posten, il quotidiano danese divenuto famoso per la questione delle vignette considerate blasfeme dall’Islam.

 

Tuttavia, l’Heunicke ha anche dichiarato che se la situazione cambia, il governo non esiterà a intervenire.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Danimarca è stata tra i primi Paesi a muoversi verso il passaporto vaccinale, e al contempo tra le prime piazze dove si sono svolte proteste massive contro di esso.

 

In un balzo in avanti insensato e preoccupante, l’obbligo vaccinale era stato proposto in Danimarca ancora l’anno scorso, mesi e mesi prima che esistesse il primo vaccino anti-COVID.

 

Questo sito ha segnalato pure altri grotteschi e boccacceschi episodi prodottisi in Danimarca a fine lockdown.

 

Il Paese è salito agli onori delle cronache per un programma TV dove gli adulti si spogliano dinanzi ai bambini e per la proposta del Consiglio di Etica nazionale di legalizzare il cambio di sesso per i bambini di 10 anni.

Continua a leggere

Più popolari