«Dobbiamo rifiutare qualsiasi vaccino sviluppato usando bambini abortiti» dice un vescovo texano

 

 

 

Il vescovo Joseph Strickland di Tyler, Texas, ha ribadito la sua opposizione ai vaccini creati usando linee cellulari di bambini abortiti di fronte ai vescovi del Regno Unito sostenendo che i cattolici hanno il “dovere di essere vaccinati, “Anche se la produzione del vaccino è moralmente problematica. Lo riferisce Lifesitenews.

 

«Rinnovo la mia richiesta di rifiutare qualsiasi vaccino sviluppato utilizzando bambini abortiti», ha twittato Strickland il 1 agosto.

 

«Rinnovo la mia richiesta di rifiutare qualsiasi vaccino sviluppato utilizzando bambini abortiti»

«Anche se ha avuto origine decenni fa, significa ancora che la vita di un bambino era finita prima che nascesse e quindi il suo corpo era usato come pezzi di ricambio. Non finiremo mai con l’aborto se non FERMIAMO QUESTO MALE!»

«Anche se ha avuto origine decenni fa, significa ancora che la vita di un bambino era finita prima che nascesse e quindi il suo corpo era usato come pezzi di ricambio»

Strickland ha pubblicato i suoi ultimi commenti sui vaccini sabato dopo che la Conferenza episcopale cattolica di Inghilterra e Galles (CBCEW) ha dichiarato la scorsa settimana che i cattolici hanno un «dovere prima facie da vaccinare».

 

Il documento CBCEW ha citato per la prima volta una dichiarazione vaticana del 2005 incentrata sulla questione morale dei vaccini che sono stati preparati da cellule derivate da feti umani abortiti prima di affermare il loro sostegno all’idea espressa in una dichiarazione della Pontificia Accademia per la vita del 2017 secondo cui «tutte le vaccinazioni clinicamente raccomandate possono essere usato con la coscienza pulita».

 

Ad aprile, Strickland ha pubblicato  una lettera pastorale chiedendo ai fedeli cattolici di unirsi a lui per contribuire a fermare qualsiasi sviluppo di un vaccino contro il coronavirus derivato da bambini abortiti.

«Tragicamente, le persone non sono a conoscenza o hanno scelto di chiudere un occhio sui progressi della scienza medica che consentono lo sviluppo di vaccini con l’uso all’ingrosso di corpi di bambini abortiti»

 

«Tragicamente, le persone non sono a conoscenza o hanno scelto di chiudere un occhio sui progressi della scienza medica che consentono lo sviluppo di vaccini con l’uso all’ingrosso di corpi di bambini abortiti», ha scritto il 23 aprile.

 

Strickland ha sottolineato che solo perché «il crimine dell’aborto è considerato legale nella nostra nazione non significa che sia moralmente lecito utilizzare i cadaveri di questi bambini per curare una pandemia globale. Questa pratica è malvagia».

 

«Come vostro pastore», scrisse il vescovo, «vi esorto ad unirti a me, ADESSO, nel parlare appassionatamente ma devotamente contro questa pratica. Come ho detto all’inizio di questa lettera, vi aiuterò a superare questa tempesta nel miglior modo possibile».

 

Strickland ha sottolineato che solo perché «il crimine dell’aborto è considerato legale nella nostra nazione non significa che sia moralmente lecito utilizzare i cadaveri di questi bambini per curare una pandemia globale. Questa pratica è malvagia»

Molti dei principali candidati al vaccino contro il coronavirus sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti vengono sviluppati utilizzando linee cellulari fetali originariamente derivate dai tessuti dei bambini abortiti negli anni ’70 e ’80.

 

In una lettera aperta pubblicata a maggio, il clero cattolico e i laici guidati dall’ex nunzio papale Arcivescovo Carlo Maria Viganò e dai cardinali Gerhard Ludwig Mueller, Joseph Zen e Janis Pujats hanno affermato che «per i cattolici è moralmente inaccettabile sviluppare o usare vaccini derivati ​​da materiale da feti abortiti ».

 

 

 

 

Immagine di Peytonlow via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)