Connettiti con Renovato 21

Big Pharma

«30 milioni di dosi nella spazzatura»: il CEO di Moderna si lamenta al WEF dei vaccini buttati «perché nessuno li vuole»

Pubblicato

il

Il CEO di Moderna Stéphane Bancel si lamenta di dover «buttare via» 30 milioni di dosi di vaccino contro il COVID-19 perché «nessuno le vuole».

 

«È triste dire che sto buttando 30 milioni di dosi nella spazzatura perché nessuno le vuole. Abbiamo un grosso problema con la domanda», ha detto Bancel a un pubblico al World Economic Forum di Davos ora in corso, aggiungendo che i tentativi di contattare vari governi vedere se qualcuno vuole recuperare i lotti sono stati un totale fallimento.

 

«In questo momento ci sono governi che abbiamo cercato di contattare … attraverso le ambasciate a Washington. Ogni Paese… e nessuno vuole prenderseli».

 

«Il problema in molti Paesi è che le persone non vogliono i vaccini».

 

I commenti di Bancel arrivano pochi giorni dopo che Bloomberg ha riferito che i funzionari sanitari dell’UE vogliono modificare i contratti con Pfizer e altri produttori di vaccini al fine di ridurre le forniture.

 

In una lettera congiunta della Commissione UE è possibile leggere che «alcuni paesi stanno cercando di modificare i cosiddetti accordi di acquisto anticipato firmati con i produttori, poiché la domanda di vaccini diminuisce e i budget sono messi a dura prova dalle ricadute della guerra in Ucraina e dai costi di accoglienza dei rifugiati».

 

«L’adeguamento degli accordi con i fornitori potrebbe garantire agli Stati membri il diritto di “riprogrammare, sospendere o annullare del tutto le consegne di vaccini con una breve durata”, hanno scritto i primi ministri di Estonia, Lettonia e Lituania in una lettera congiunta alla presidente della Commissione Ursula Von Der Leyen alla fine del mese scorso» scrive la testata economica di Nuova York.

 

Nel frattempo, in una lettera separata il ministero della salute della Bulgaria ha chiesto un «dialogo aperto» con la commissione e le aziende farmaceutiche, sostenendo che l’attuale accordo costringe gli Stati membri ad «acquistare quantità di vaccini di cui non hanno bisogno».

 

Come riportato da Renovatio 21, già dai primi mesi della campagna globale era divenuto chiaro come ad esempio i Paesi africani rifiutassero la vaccinazione COVID. Può darsi che le élite locali spingessero per l’immunizzazione, ma non di certo la popolazione africana, come dimostrano le quantità di dosi donate da Paesi stranieri e programmi vaccinali vari dei Gates rimaste inutilizzate.

 

Prima di Moderna, Stéphane Bancel fu CEO della società francese BioMérieux, posseduta da Alain Merieux, considerato amico personale di Xi Jinping, che visitò il laboratorio BSLM4 di BioMerieux a Lione nel 2014.

 

Secondo quanto appreso, i cinesi avrebbero contattato i francesi per la costruzione del laboratorio di Wuhan, il primo BSL4 del Paese, nel 2004.

 

Il suo progetto, iniziato nel 2003, è stato realizzato in collaborazione con la Francia. Parte del personale dei biolab di Wuhano ha ricevuto una formazione presso il laboratorio P4 Jean Mérieux a Lione. Nel febbraio 2017, il primo ministro francese Bernard Cazeneuve, accompagnato dal ministro francese degli Affari sociali e della salute Marisol Touraine, e Yves Lévy, presidente dell’INSERM, hanno preso parte alla cerimonia di accreditamento del laboratorio a Wuhan.

 

Su un documento datato 2014 della Fondazione Mérieux ancora visibile in rete della Fondazione Merieux è possibile leggere che la crisi dell’Ebola, insieme «alla visita presidenziale cinese a Lione ha reso possibile di accelerare il completamento del laboratorio BSL4 in Cina come parte di una cooperazione sino-francese senza precedenti».

 

Nel 2011, dopo aver lavorato in BioMerieux, il Bancel divenne CEO di Moderna, di cui possiede il 9% delle azioni, che oggi valgono almeno un miliardo.

 

La carriera di Bancel è insomma segnata dal coronavirus: prima nella società che aiuterà i cinesi a costruire il laboratorio di Wuhano, poi nel Massachusetts nella società che per il virus di Wuhano, in teoria, dovrebbe aver trovato il vaccino.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Trump parla dei danni da vaccino e attacca Big Pharma

Pubblicato

il

Da

L’ex presidente e attuale favorito candidato repubblicano alle presidenziali 2024 Donald J. Trump la scorsa settimana ha rotto il silenzio sul tema dei danni da vaccino COVID-19, affermando che Big Pharma dovrebbe divulgare tutti i dati che suggeriscono che il vaccino potrebbe potenzialmente danneggiare i destinatari.

 

Lo scorso mercoledì, in un podcast condotto dall’ex candidata repubblicana al ruolo di governatore del Michigan Tudor Dixon, Trump ha affermato che sosterrà la divulgazione pubblica di eventuali fatti o dati relativi agli eventi avversi che le aziende farmaceutiche potrebbero avere.

 

Affrontando il tema dei coaguli di sangue, della miocardite e degli attacchi cardiaci ampiamente attribuiti al vaccino contro il COVIDovid-19, la Dixon ha spiegato: «Joe Biden ha appena annunciato che finanzierà un nuovo vaccino. Vuole che tutti facciano questo vaccino».

 

 

«E sentiamo parlare di molte lamentele da parte di danneggiati da vaccino. Dire molte, è come un eufemismo. Numerose», ha continuato. «Le aziende farmaceutiche si sono rifiutate di rilasciare i propri dati sugli effetti collaterali dei vaccini, ma abbiamo riscontrato casi di miocardite, coaguli di sangue e attacchi di cuore. Sono tutti in aumento. La ricerca non è mai stata pubblicata».

 

«Quindi, chiederete alle aziende produttrici di vaccini, che le aziende farmaceutiche rilascino al pubblico i dati sui loro vaccini in modo che possiamo vedere cosa stanno effettivamente vedendo sugli effetti collaterali di questo vaccino?» ha chiesto la Dixon.

 

«Beh, dovrebbero farlo. Siamo tutti nella stessa situazione e dovrebbero farlo», ha risposto Trump.

 

«E francamente, qualsiasi cosa nuova, e non avevo ancora sentito quello che [Biden] ha detto, ma qualsiasi cosa nuova deve essere esaminata con molta attenzione. Ma dovrebbero farlo. Se hanno i fatti – voglio dire, i fatti sono pubblici. Dovrebbero essere resi pubblici immediatamente. Le persone dovrebbero capirlo e dovrebbero sapere cosa mostra la ricerca e cos’è l’accertamento dei fatti».

 

«Non dimenticare», ha aggiunto Trump, «quando abbiamo iniziato, nessuno ne aveva mai idea, nemmeno della parola “pandemia”. È stato 100 anni fa, nel 1917… quella fu l’ultima volta. Ed è stata una cosa orribile. Forse sono morti cento milioni di persone, ma nessuno pensava che potesse succedere di nuovo. Sembrava una cosa antica: la peste. Parlavano della peste, ma anche noi avevamo la nostra peste. Si chiamava COVID. Si chiamava virus cinese».

 

«Che cosa è quel laboratorio di Wuhan e cosa è uscito da lì, perché è uscito dal laboratorio di Wuhan. E ciò che ciò ha fatto al mondo è stato incredibile. Sessantamila miliardi di danni, tanti morti, milioni e milioni di persone in tutto il mondo. Quello che è successo lì è stato semplicemente incredibile, orribile», ha continuato.

 

La Dixon ha continuato chiedendo a Trump cosa pensasse dei giganti farmaceutici che potrebbero nascondere dati dietro le protezioni del PREP Act che forniscono immunità da responsabilità fino al 2024.

 

«Il presidente Biden, solo un paio di giorni fa, ha detto che rilascerà un nuovo vaccino che funziona. Queste sono le sue parole esatte: “funziona”. Non so se questo significhi che pensa che l’ultimo vaccino non abbia funzionato. Ma le aziende farmaceutiche sono state protette dal PREP Act e questo le protegge fino al 24 dicembre, quando il sole tramonta».

 

«Dirà a queste aziende che devono essere oneste su ciò che è successo con questo vaccino? E crede che dovremmo iniziare un nuovo vaccino a questo punto?» chiese Dixon.

 

Trump ha risposto: «devono essere onesti con i numeri, i fatti, e hanno l’obbligo di essere onesti. E se intendono trattenersi, significa che stanno trattenendo qualcosa che non va bene».

 

«Signor presidente, le sto dicendo che ci sono persone là fuori che vorrebbero disperatamente che lei le difendesse in quel caso», ha detto Dixon.

 

«Bene, li difenderemo in molti modi», ha risposto Trump.

 

Con tale risposta, l’ex presidente sembra dire di avere a mente la quantità di cittadini feriti dai vaccini prodotti con l’Operazione Warp Speed da lui iniziata.

 

Come riportato da Renovatio 21, Trump in settimana ha promesso di respingere la possibile nuova isteria COVID in arrivo, attaccando lockdown, obblighi di mascherina ed obblighi vaccinali: «non obbediremo» ha tuonato in un videomessaggio.

 

 

Trump collega il COVID alle accuse di broglio elettorale per il voto 2020.

 

«Vogliono riavviare l’isteria del COVID in modo da poter giustificare più blocchi, più censura, più cassette postali illegali, più schede elettorali per corrispondenza e trilioni di dollari in pagamenti ai loro alleati politici in vista delle elezioni del 2024. Vi suona familiare?» aveva detto nel videomessaggio.

 

All’inizio di quest’anno, Trump aveva dichiarato che, se rieletto, avrebbe formato una task force per indagare «lo straordinario aumento dell’autismo, dei disturbi autoimmuni, dell’obesità, dell’infertilità e delle allergie gravi».

 

 

Si tratta, come noto, del cavallo di battaglia di Robert F. Kennedy junior, che sembra qui citato parola per parola.

 

Riguardo l’autismo, durante la campagna 2016 Trump fece capire di voler approfondire la questione della possibile correlazione tra autismo e vaccini. Una volta eletto, avrebbe subito convocato alla Trump Tower Robert F. Kennedy jr., affidandogli il compito di impostare l’indagine. Della cosa, dopo l’inaugurazione, non si fece più nulla. A raccontarlo, in un podcast, è stato lo stesso RFK jr.

 

Ciononostante, Trump, forse resosi conto della manovra a cui è stato sottoposto, stavolta sembra piuttosto agguerrito contro i colossi farmaceutici.

 

«Se Big Pharma froda i pazienti e i contribuenti americani e antepone i profitti alle persone, deve essere indagata e ritenuta responsabile», aveva affermato Trump a giugno.

 

Come riportato da Renovatio 21, non è escluso, come è arrivato a dichiarare pubblicamente il giornalista Tucker Carlson, che tutto questo programma gli sarà impedito direttamente con un attentato.

 

Nella situazione attuale, con l’inferno termonucleare alle porte, tutto è possibile.

 

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

Immagine di pubblico dominio CC0 via Flickr

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Vaccini mRNA, si prepara un business da 132 miliardi di dollari. Nonostante le reazioni avverse

Pubblicato

il

Da

Il governo degli Stati Uniti e le aziende farmaceutiche stanno investendo ingenti somme per sviluppare nuovi vaccini a mRNA per malattie infettive e cancro, alimentando una redditizia piattaforma di mRNA valutata 136,2 miliardi di dollari. Lo riporta Epoch Times.

 

Un programma recentemente istituito dalla Casa Bianca ha annunciato il 23 agosto che sta concedendo un totale di 25 milioni di dollari in tre anni alla Emory University, alla Yale School of Medicine e all’Università della Georgia per sviluppare vaccini terapeutici personalizzati contro i tumori e le infezioni emergenti, simili a in che modo i vaccini a mRNA COVID-19 prendono di mira la SARS-CoV-2.

 

Questi progetti mirano a utilizzare l’mRNA – un elemento essenziale nei vaccini COVID-19 sviluppati per prevenire le infezioni da SARS-CoV-2 – per programmare una classe unica di cellule immunitarie chiamate cellule dendritiche, di modo avviare la risposta immunologica desiderata.

 

Aziende farmaceutiche come Moderna, BioNTech e CureVac stanno conducendo studi clinici utilizzando vaccini a base di mRNA contro melanomi avanzati, tumori delle ovaie, del colon-retto e del pancreas.

 

Il National Institutes of Health (NIH), l’ente sanitario pubblico statunitense, sta collaborando con BioNTech per sviluppare un vaccino personalizzato per il cancro al pancreas. Oltre al COVID-19 e al cancro, altri vaccini basati su mRNA in fase di sviluppo prendono di mira l’influenza, l’herpes genitale, i virus respiratori e l’herpes zoster.

 

Le piattaforme di mRNA risultano per lo Stato e per Big Pharma assai interessanti, perché riducono i costi e abbreviano i tempi di sviluppo del vaccino. Tuttavia prove ed esperienza suggeriscono che la tecnologia mRNA utilizzata per i nuovi vaccini contro il COVID-19 è associata a vari danni e non impedisce né il COVID-19 né la sua trasmissione, come ammesso da Pfizer dinanzi al Parlamento Europeo.

 

I tassi senza precedenti di eventi avversi successivi alla vaccinazione contro il COVID-19 mettono in ombra i benefici, secondo ricercatori australiani che affermano che la proteina spike SARS-CoV-2, proveniente dal virus o creata dal codice genetico nei vaccini mRNA e adenovettori DNA, è tossica e causa una vasta gamma di malattie.

 

Nel loro articolo recentemente pubblicato su Biomedicines intitolato «”Spikeopathy”: la proteina Spike del COVID-19 è patogena, sia dal virus che dal vaccino mRNA», i ricercatori hanno esplorato dati sottoposti a revisione paritaria che contrastano la narrativa del vaccino mRNA «sicuro ed efficace».

 

La patogenicità della proteina Spike, chiamata «spikeopatia», descrive la capacità della proteina Spike di causare malattie e, secondo i ricercatori, può colpire molti sistemi di organi.

 

I ricercatori hanno annotato nello studio: tossicità delle proteine ​​​​spike («spikepatia») sia dal virus che quando prodotte da codici genetici in persone vaccinate con vaccini COVID-19; proprietà infiammatorie in specifiche nanoparticelle lipidiche (LNP) utilizzate per trasportare l’mRNA; azione di lunga durata causata dalla N1-metil pseudouridina nell’mRNA sintetico, noto anche come modRNA; distribuzione diffusa di codici mRNA e DNA rispettivamente tramite l’LNP e le matrici dei vettori virali; le cellule umane producono una proteina estranea che può causare autoimmunità.

 

I dati farmacocinetici e farmacodinamici mostrano che la progettazione dei vaccini COVID-19 mRNA e adenovettoreDNA consente la biodistribuzione incontrollata, la durabilità e la biodisponibilità persistente della proteina spike all’interno del corpo dopo la vaccinazione. La farmacocinetica è lo studio di come l’organismo interagisce con le sostanze somministrate per tutta la durata dell’esposizione. La farmacodinamica valuta più da vicino l’effetto del farmaco sul corpo.

 

Ciò potrebbe spiegare il numero senza precedenti di eventi avversi che sembrano essere associati alla proteina «spike» prodotta dalle tecnologie genetiche impiegate da Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson, nonché alla tecnologia del DNA vettoriale virale utilizzata da altri Paesi, sostengono i ricercatori.

 

Come ricorda Epoch Times, i vaccini COVID-19 a base genetica sono prodotti terapeutici che effettivamente rientrano nella definizione di terapia genica dell’ente regolatorio americano del farmaco FDA, perché inducono le cellule della persona vaccinata a produrre antigeni per l’espressione transmembrana che invoca una risposta immunitaria.

 

In base alla progettazione, queste nuove piattaforme vaccinali rischiano danni ai tessuti secondari alle risposte autoimmuni sollevate contro le cellule che esprimono antigeni di picco estranei, dicono i ricercatori.

 

«La FDA era a conoscenza della patogenicità delle proteine ​​​​spike prima di rilasciare al pubblico i vaccini COVID-19» scrive Epoch Times. «In un incontro dell’ottobre 2022 con i suoi consulenti sui vaccini, la FDA ha presentato un elenco estremamente accurato di potenziali eventi avversi associati ai vaccini COVID-19, inclusi “possibili eventi avversi” neurologici, cardiovascolari e autoimmuni».

 

React19, un’organizzazione che fornisce supporto finanziario, emotivo e fisico a coloro che hanno subito lesioni a lungo termine dovute ai vaccini COVID-19, ha fornito un elenco di oltre 3.400 articoli pubblicati e casi clinici di lesioni che colpiscono più di 20 sistemi di organi.

 

Più di 432 articoli sottoposti a revisione paritaria riguardano articoli e segnalazioni di casi di miocardite, cardiomiopatia, infarto miocardico, ipertensione, dissezione aortica, sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS), tachicardia e disturbi di conduzione, un problema con il sistema elettrico che controlla il cuore velocità e ritmo.

 

Il gruppo più comune di eventi avversi segnalati in seguito alla vaccinazione contro il COVID-19 sia ai database di farmacovigilanza che a Pfizer riguarda disturbi neurologici. Secondo l’articolo, i sintomi neurologici e il declino cognitivo con malattia neurodegenerativa accelerata sono caratteristiche delle lesioni acute da vaccino COVID-19 e, in una certa misura, della sindrome del Long COVID. La ricerca suggerisce che gli LNP che trasportano l’mRNA per produrre le proteine ​​​​spike possono attraversare la barriera ematoencefalica e causare effetti neurotossici.

 

Non è solo la proteina spike che può causare malattie. Anche gli LNP che fungono da metodo di somministrazione sono tossici e proinfiammatori.

 

Una ricerca del 2018 ha dimostrato che anche piccole quantità di nanoparticelle assorbite dai polmoni possono portare a effetti citotossici. È stato dimostrato che le nanoparticelle ingerite influenzano i linfonodi, il fegato e la milza, mentre quando iniettate come trasportatori di farmaci, possono superare qualsiasi barriera e traslocare nel cervello, nelle ovaie e nei testicoli, principalmente dopo la fagocitosi da parte dei macrofagi, che aiutano a distribuire loro attraverso il corpo. Gli effetti sul sistema riproduttivo suggeriscono che le nanoparticelle lipidiche possono essere citotossiche e danneggiare il DNA.

 

Secondo gli autori, due componenti dei complessi di nanoparticelle lipidiche mRNA, ALC-0315 e ALC-0159, sono preoccupanti, poiché non sono mai stati utilizzati in un medicinale e non sono registrati né nella Farmacopea Europea né nell’Inventario Europeo C&L. Banca dati.

 

Un’interrogazione posta al Parlamento europeo nel dicembre 2021 ha sottolineato che il produttore delle nanoparticelle specifica che le nanoparticelle sono solo per la ricerca e non per uso umano. La Commissione Europea ha risposto che l’eccipiente contenuto nel vaccino Comirnaty della Pfizer «ha dimostrato di essere appropriato (…) in conformità con le linee guida e gli standard scientifici pertinenti dell’EMA», cioè l’ente regolatorio del farmaco dell’euroblocco.

 

L’mRNA nel frattempo si sta facendo largo nella nostra vita, anche a colpi di spot pubblicitari allucinanti.

 

 

Secondo l’avvocato attivista Thomas Renz, l’mRNA sarebbe già entrato nella catena alimentare umana tramite i vaccini fatti al bestiame. In Cina, invece, quest’anno hanno rivelato di aver inventato un latte vaccino mRNA. Anche la Repubblica Popolare, che inizialmente, come la Russia, sembrava guardinga nei confronti dell’ultima tecnologia vaccinale, ora pare aver aperto le porte all’RNA messaggero, perfino a colazione.

 

Moderna ha annunciato, cosa beffarda assai per chi ritiene che il vaccino COVID produca problemi cardiaci – un vaccino mRNA per il trattamento di coloro che hanno sofferto di attacchi di cuore.

 

Moderna ha aperto la prima fabbrica mRNA a Melbourne (città che la repressione pandemica aveva reso una zona di guerra, oltre che un simbolo della sottomissione globale alla siringa genica sperimentale) mentre l’OMS ha lanciato un hub per la tecnologia a Città del Capo.

 

Moderna e Merck sarebbero vicine alla fase 3 per un vaccino per il cancro alla pelle. Un anno fa è stato invece detto che la società aveva iniziato la sperimentazione umana per un vaccino mRNA per l’AIDS. Due mesi fa è stato annunciato lo sviluppo di un vaccino combinato mRNA COVID-Omicron e influenza; il CEO di Moderna Stephane Bancel (che prima per coincidenza dirigeva l’azienda che ha costruito il laboratorio di Wuhano) ha dichiarato ai media che il vaccino mRNA COVID di fatto diventerà come un’antinfluenzale, con alcuni gruppi di individui vulnerabili che dovranno farlo ciclicamente.

 

Allo studio vi sarebbe anche una pillola robotica in grado di rilasciare vaccini mRNA direttamente nello stomaco.

 

Come scritto da Renovatio 21, in futuro ogni vaccino sarà un vaccino mRNA. L’alterazione genica sarà la prassi biomedica principale, in ossequio al funzionalismo riduzionista che fa dell’uomo non più solo una macchina, ma un computer il cui codice è la DNA – di qui il decennale interesse nella genetica di un informatico come Bill Gates.

 

Il cardiologo texano Peter McCullough, forte di alcuni studi apparsi di recenti, si è chiesto se «il codice genetico dei vaccini mRNA possa essere tramandato da genitore a figlio», provocando la creazione di una nuova razza umana, sogno di tanta eugenetica che, lungi dall’essere sparita con Hitler (che era, in fondo, solo un pupazzo minore) imperversa nelle pensiero dell’élite mondialista.

 

Vi è una inquietante continuità biblica tra ipotesi apocalittiche e la possibile correlazione tra i vaccini mRNA e i casi di lebbra, una piaga ben conosciuta dalle Sacre Scritture.

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Vaccini COVID, anche il contratto di fornitura tra Pfizer e Australia rimane secretato

Pubblicato

il

Da

I contratti di fornitura di vaccini mRNA tra il colosso farmaceutico Pfizer e il governo australiano rimangono secretati, come avviene in altri Paesi del mondo. si tratta di un’ulteriore rivelazione dalla recente udienza del senato australiano con rappresentanti della Pfizer.

 

Durante l’audizione il senatore Malcolm Roberts del One Nation Party ha chiesto ai portavoce della Pfizer se i contratti tra il governo australiano e Pfizer in merito alla fornitura delle iniezioni COVID «includono una clausola che nega l’indennizzo nel caso in cui Pfizer commetta un reato come il trattamento fraudolento dei dati degli studi».

 

«Pfizer si attiene sempre alle leggi e ai regolamenti dei mercati in cui opera, obbliga ai più alti standard per le sperimentazioni cliniche e tutte le sue operazioni» ha risposto uno dei rappresentanti di Pfizer.

 

Tale affermazione cozza contro il dato storico, visto Pfizer ha dovuto pagare miliardi di dollari per questioni legali inerenti suoi prodotti negli ultimi due decenni. Nel 2009, la Pfizer ha pagato la cifra record di 2,3 miliardi di dollari per risolvere le accuse penali e civili per la commercializzazione illegale del suo antidolorifico Bextra.

 

Pressato nuovamente da Roberts per rispondere alla sua domanda, il rappresentante Pfizer ha affermato che i contenuti del contratto tra il colosso farmaceutico e il governo australiano «rimangono riservati».

 

 

Secondo un’inchiesta del Washington Post, Pfizer avrebbe contratti segreti con moltitudini di Paesi, che prevedono, oltre la manleva sulle responsabilità riguardo gli effetti collaterali, anche l’uso di beni pubblici (palazzi, etc.) degli Stati come collateral.

 

«Pfizer ha formalizzato 73 accordi per il suo vaccino contro il coronavirus  (…) solo cinque contratti sono stati formalmente pubblicati dai governi e questi con “censure significative”» scriveva il WaPo mesi fa. «Gran parte di ciò che si sa sui contratti di Pfizer è trapelato, spesso attraverso il giornalismo di testate locali o internazionali, incluso il Bureau of Investigative Journalism».

 

La spirale del silenzio riguardo questi contratti sarebbe quindi dettagliata nei contratti stessi: «il contratto stipulato con il Brasile vieta al governo di fare “qualsiasi annuncio pubblico riguardante l’esistenza, l’oggetto o i termini dell'[accordo]” o di commentare il suo rapporto con Pfizer senza il previo consenso scritto della società».

 

L’anno passato una sentenza di un giudice uruguagio fermò la vaccinazione COVID dei bambini con meno di 13 anni fino a quando il governo di Montevideo non avesse consegnato i contratti con Pfizer. Lo stesso governo affermava che una clausola di riservatezza nel contratto gli impedisce di produrre i documenti

 

Come riportato da Renovatio 21, il capo del colosso Big Pharma Albert Bourla non accettò di presentarsi dinanzi al Parlamento Europeo per parlare anche riguardo al possibile «accordo segreto» con la Commissione UE, con lo scandalo della presidenza Von der Leyen che rifiuta di mostrare gli SMS con il CEO di Pfizer.

 

A inizio anno Pfizer si è offerta di estendere il suo contratto per il vaccino COVID-19 con l’Unione Europea riducendo al contempo le consegne, aspettandosi che la UE paghi miliardi di euro per le dosi inutilizzate a causa di un forte eccesso di offerta in alcuni Paesi. L’offerta del colosso farmaceutico del vaccino mRNA ha suscitato indignazione da parte di una manciata di Stati membri, che affermano che l’accordo servirebbe gli interessi di Big Pharma rispetto ai propri cittadini.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Più popolari