Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Vaccino COVID-19, Conte dà 287,5 milioni alla GAVI di Bill Gates (e ai Vaccine Bond)

Pubblicato

il

 

 

Sale a 287,5 milioni la cifra che il contribuente italiano fornirà a Global Alliance for Vaccine Initative, ente transnazionale di vaccinazione voluto e cofinanziato dalla Bill&Melinda Gates Foundation.

 

Ieri, dopo un meeting internazionale guidato dal premier britannico Boris Johnson sul tema vaccino coronavirus, Conte ha annunciato che l’Italia darà circa 80 milioni di euro per la nuova COVID Facility GAVI, struttura che dovrebbe accelerare lo sviluppo del vaccino contro il Coronavirus.

 

Conte ha quindi puntualizzato che l’Italia erogherà altri 120 milioni a sostegno dell’impegno per i vaccini GAVI nel quinquennio 2021-2025 e poi ancora altri 150 milioni fino al 2030 per l’IFFIm, che si sommano ai 137,5 già previsti.

 

Sale a 287,5 milioni la cifra che il contribuente italiano fornirà a GAVI

L’IFFIm, sigla che varie testate italiane non si peritano di spiegare, sta per «International Finance Facility for Immunisation», ossia «Struttura di finanza internazionale per l’immunizzazione». Si tratta di una operazione dell’ente interministeriale britannico International Finance Facility (IFF).

 

IFFIm vende obbligazioni – ufficialmente denominate Vaccine Bonds – sui mercati dei capitali per raccogliere fondi per GAVI. Dal suo lancio nel 2006, IFFIm ha raccolto più di 3 miliardi di dollari sfruttando dei mercati dei capitali e i fondi disponibili per i programmi di immunizzazione della GAVI sono stati raddoppiati.

 

Conte ha promesso 150 milioni per l’ente che emette i Vaccine Bond, l’IFFIm

Il ruolo di IFFim rispetto a GAVI è visibile sin dalla home page del loro sito: «Vaccine Bonds investing in global health»: «i Vaccine Bond investono sulla saluta mondiale».  In pratica, ci pare di capire, Conte ha promesso 150 milioni per l’ente che emette i Vaccine Bond.

 

La riunione di ieri, chiamata «Global vaccine summit», era di fatto un vertice per il  rifinanziamento di GAVI. Per l’ente della vaccinazione mondiale, è stato un giorno di manna. Il rifinanziamento di GAVI e delle sue operazione, grazie anche a Conte, ha portato in cassa quasi 9 miliardi di euro.

 

«Siamo entusiasti di annunciare che il nostro obiettivo è stato raggiunto e superato. Grazie a tutti i nostri donatori abbiamo raggiunto un totale di 8,8 miliardi di dollari» ha annunciato trionfalmente GAVI al termine del Global Vaccine Summit 2020 dove il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha promesso 287,5 milioni di euro di danaro del contribuente da qui al 2030.

 

Era un vertice per il  rifinanziamento di GAVI. Grazie anche a Conte, ha portato in cassa quasi 9 miliardi di euro

«Si tratta di un risultato favoloso – ha detto il CEO di GAVI, l’epidemiolgo Seth Berkley (già in forza, prima di GAVI, alla Fondazione Rockefeller), in conferenza stampa al termine del summit – avevamo chiesto di raggiungere la cifra di 7,4 miliardi di dollari e invece siamo arrivati al 8,8 miliardi», e cioè il 20% in più rispetto all’obiettivo, «una cifra che ci consentirà di avere risorse aggiuntive per garantire l’accesso all’immunizzazione in tutto il mondo».

 

Si apprende così che non tutto questo danaro, ottenuto in clima di emergenza, sarà utilizzato per l’emergenza: «una parte consistente di questi fondi saranno stanziati per un vaccino di successo contro COVID-19». Ciò significa che grazie al Coronavirus, anche tutti gli altri programmi vaccinali saranno rinforzati ad ogni latitudine a suon di miliardi di dollari.

 

La Bill&Melinda Gates Foundation ha donato  a GAVI 750 milioni di dollari nel 2005 e 1,56 miliardi di dollari per il quadriennio 2016-2020. Tra il 2009 e il 2015 i Gates hanno assegnato a GAVI 3,152 miliardi di dollari, una cifra più che doppia rispetto a quanto nello stesso periodo assegnavano all’OMS, 1,535 miliardi di dollari.

 

Non tutto questo danaro, ottenuto in clima di emergenza, sarà utilizzato per l’emergenza: grazie al Coronavirus, anche tutti gli altri programmi vaccinali saranno rinforzati ad ogni latitudine a suon di miliardi di dollari

GAVI fornisce l’8,18% dell’intero budget dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che si deve sommare al 12,12% dato all’OMS indipendentemente dalla Fondazione Gates; la somma delle due cifre – praticamente private – supera la percentuale in carico agli USA (15,18%), che ora per volontà di Trump hanno interrotto l’erogazione di danaro pubblico all’ente.

 

L’approccio di GAVI alla salute pubblica è stato descritto come orientato al business e alla tecnologia, usando misure orientate al mercato e cercando risultati quantificabili. Questo modello, chiamato anche «approccio Gates» è  in contrasto con l’approccio della Dichiarazione  di Alma Ata (1978), che si concentra sugli effetti dei sistemi politici, sociali e culturali sulla salute.

 

La Conferenza Internazionale sull’assistenza sanitaria primaria fu un evento di fondamentale importanza per la storia mondiale della medicina, e vide nella città sovietica di Alma Ata (ora Almaty, Kazakhstan) la partecipazione di praticamente tutte le Nazioni con l’esclusione della Repubblica Popolare Cinese, Paese peraltro confinante con Almaty.

 

Al punto 4 della Dichiarazione di Alma Ata possiamo per esempio leggere: «Le persone hanno il diritto e il dovere di partecipare individualmente e collettivamente alla progettazione e alla realizzazione dell’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno».

L’«approccio Gates» è  in contrasto con l’approccio della Dichiarazione  di Alma Ata (1978), che si concentra sugli effetti dei sistemi politici, sociali e culturali sulla salute

 

Punto 6: «L’assistenza sanitaria primaria è costituita da quelle forme essenziali di assistenza sanitaria che sono basate su tecnologie e metodi pratici, scientificamente validi e socialmente accettabili, che sono rese accessibili a tutti gli individui e alle famiglie nella comunità grazie alla loro piena partecipazione».

 

Ci pare che nei magheggi di Gates, GAVI ed OMS vi sia ben poca partecipazione popolare, e nemmeno tecnologie e metodi «csientificamente validi e socialmente accettabili».

 

Ci chiediamo se in Italia vi sia un’opposizione in grado di chiedere conto al governo di queste aberrazioni

Riunioni come quella in cui Conte ha promesso i quasi 300 milioni di euro di danaro pubblico per il cittadino non sono nuove e sono continuate imperterrite anche durante il lockdown, come riportato da Renovatio 21.

 

Al di là della legittimità di questi finanziamenti – in ispecie di minaccia di collasso sistemico imminente – ci chiediamo come sia possibile che non vengano prese in considerazione 1) le voci di chi esprime dubbi sulla possibilità di aver un vaccino contro il C-19 (un po’ come il mai arrivato vaccino per il raffreddore) e 2) le prime inquietanti testimonianze sugli effetti collaterali dei primi vaccini sperimentali.

 

Ci chiediamo, cioè, quanti anche nei partiti non al potere abbiamo timore del dio Vaccino, e quanti ancora ne sono devoti

Ci chiediamo se in Italia vi sia un’opposizione in grado di chiedere conto al governo di queste aberrazioni. Ci chiediamo, cioè, quanti anche nei partiti non al potere abbiamo timore del dio Vaccino, e quanti ancora ne sono devoti.

 

La posta in gioco è altissima: e non stiamo parlando dei miliardi di dollari, ma dei miliardi di persone che dovranno sottostare a questi programmi biologici calati dall’alto in disprezzo della libertà, dell’autonomia e della dignità dell’Uomo.

 

 

 

Immagine di Ben Fisher/GAVI Alliance via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Bioetica

Ricerche sui feti: università americana assume un investigatore indipendente

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Per mesi l’Università di Pittsburgh è stata messa sotto pressione da gruppi pro-vita per i suoi programmi di ricerca sui tessuti fetali. Ci sono state accuse secondo cui gli scienziati di UPitt hanno prelevato i reni di bambini non ancora nati mentre i loro cuori stavano ancora battendo.

 

L’Università ha negato con fermezza ogni addebito.

 

Ci sono state accuse secondo cui gli scienziati di UPitt hanno prelevato i reni di bambini non ancora nati mentre i loro cuori stavano ancora battendo

«Come abbiamo ripetutamente notato, l’Università di Pittsburgh non esegue procedure mediche e non fa parte del processo di raccolta dei tessuti», ha detto a Fox News ad agosto David Seldin, vice cancelliere di Pitt per la stampa.

 

«Tutta la ricerca dell’Università è strettamente controllata per garantire il rispetto di leggi e regolamenti federali e statali rigorosi e rigorosi».

 

All’inizio di questo mese l’Università ha compiuto l’insolita iniziativa di assumere un investigatore esterno per dimostrare che le sue pratiche di ricerca rientrano nei limiti della legge. Ha assunto  uno studio legale rispettato di Washington DC, Hyman Phelps & McNamara.

 

«La ricerca sui tessuti fetali è soggetta a solidi controlli interni a Pitt e altamente regolamentata a livello statale e federale», ha affermato una dichiarazione dell’UPitt.

 

«L’Università conduce regolarmente revisioni per garantire che le sue attività di ricerca – in tutte le aree di ricerca — siano conformi alle politiche interne e a tutte le leggi federali e statali pertinenti».

Un deputato statale repubblicano ha dichiarato di non voler spendere i soldi dei contribuenti per un’università che commette atrocità «deplorevoli, grottesche e moralmente offensive» in nome della ricerca sui bambini abortiti

 

La ricerca sui tessuti fetali è diventata un parafulmine per le controversie politiche.

 

Secondo il Pittsburgh Post-Gazette, un deputato statale repubblicano ha dichiarato di non voler spendere i soldi dei contribuenti per un’università che commette atrocità «deplorevoli, grottesche e moralmente offensive» in nome della ricerca sui bambini abortiti. La sua reazione ha ricalcato le accuse mosse contro l’Università.

 

«Di fronte a un’implacabile raffica di attacchi senza fondamento, l’Università di Pittsburgh sta combattendo le bugie in malafede con apertura e onestà», ha affermato Dan Frankel, rappresentante del governatore dello stato nel consiglio di amministrazione di UPitt.

 

«Ho piena fiducia che la scuola si dimostrerà ciò che è sempre stata: un campione per la scienza e la ricerca».

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Cosa trasforma cittadini comuni in torturatori?

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

L’articolo 5 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite afferma:

 

«Nessuno può essere sottoposto a tortura o a trattamenti o punizioni crudeli, disumani o degradanti».

 

Tuttavia, i governi continuano a torturare le persone nelle stazioni di polizia e nelle carceri. Cosa ne pensano i torturatori?

 

Dal momento che la tortura ha una tale cattiva pubblicità, i torturatori sono normalmente riluttanti a parlare della loro professione. Ma i ricercatori della De Paul University, a Chicago, che stanno creando una storia orale dell’Iraq, hanno intervistato 14 uomini che erano impiegati come torturatori sotto il dittatore iracheno Saddam Hussein.

 

Altre ricerche hanno suggerito che i torturatori fossero costretti a fare il loro macabro lavoro. Ma gli accademici De Paul hanno scoperto che i loro soggetti si offrivano volontari e talvolta pagavano anche tangenti per ottenere un lavoro sicuro come agente di sicurezza. Erano psicologicamente normali. Quando hanno scoperto che sarebbero stati impiegati come torturatori, sono rimasti scioccati, ma avevano bisogno del lavoro.

 

Si offrivano volontari e talvolta pagavano anche tangenti per ottenere un lavoro sicuro come agente di sicurezza. Erano psicologicamente normali

Sono stati addestrati da torturatori esperti su come infliggere dolore ed estorcere confessioni. Gli è stato detto di reprimere i sentimenti di compassione. Uno ha detto che gli è stato detto di «non mostrare mai pietà a coloro che vorrebbero danneggiare il paese o il presidente Saddam Hussein, che era come il padre della nostra famiglia».

 

Ai prigionieri è stato detto che «i loro peccati sono enormi e non possono essere perdonati! I loro peccati sono che vogliono rovesciare il regime, disturbando il nostro governo e disperdendo caos, terrorismo, saccheggi e uccisioni. Non credere mai che qualcuno di loro sia una vittima! Noi ne siamo le vittime».

 

Due degli uomini si sono rifiutati e sono stati essi stessi torturati fino a quando non hanno accettato di tornare al lavoro.

 

Sono state fatte relativamente poche ricerche in quest’area oscura dell’esperienza umana.

 

I ricercatori De Paul si sono confrontati con le informazioni dei soldati americani che hanno torturato i filippini nella guerra dal 1899 al 1902, i soldati greci sotto la giunta militare dal 1967 al 1974, i soldati cileni sotto Pinochet, i brasiliani durante il periodo di governo militare in Brasile 1964-1985 e soldati americani ad Abu Ghraib.

 

I ricercatori di De Paul hanno sostanzialmente scoperto che i torturatori si diventa, non si nasce.

 

Molti degli uomini iracheni si sono pentiti del loro coinvolgimento. Confidavano nel fatto che Dio avrebbe perdonato i loro peccati, ma uno aveva rinunciato a quella speranza, dicendo: «So che Dio non mi perdonerà mai per tutti i brutti crimini che ho commesso nei confronti di tutte quelle persone innocenti, e quindi merito davvero tutto quello che ho ora sto soffrendo».

 

Come nota in calce, il museo Amna Suraya nella città irachena di Sulaymaniyah, nella regione del Kurdistan, è diventato una grande attrazione turistica. Un tempo era il quartier generale settentrionale del Mukhabarat, l’agenzia di intelligence irachena, e un luogo per le torture. È, secondo un articolo della rivista Vice, «il museo più deprimente del mondo», con manichini a grandezza naturale di torturatori al lavoro.

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Scordatevi i vaccini etici

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Jose Trasancos su gentile concessione del sito di Children of God for Life. A differenza di COGfL, Renovatio 21 non crede alla possibilità dei vaccini etici, perché riteniamo dubbia la tecnologia vaccinale in sé, e quindi risulta non «etico» il suo uso, come ingenera questioni etiche pure la presenza di tanti ingredienti nei  sieri (al di là delle cellule di feto: cellule di cane, insetto, rene di scimmia, alluminio, tiomersale, polisorbato 80). Oltre alle questioni biochimiche e sanitarie, l’etica è chiamata in causa anche dalla stessa presenza di politiche vaccinali contrarie non solo al giuramento di Ippocrate ma pure ai diritti fondamentali così come alla dignità umana più elementare. Ribadiamo inoltre che l’assenza di un vaccino «etico» nel senso usato da COFfL, cioè privo di cellule di aborto, è raro semplicemente perché il potere farmaceutico non lo sente come problema politico o commerciale che crei ostacoli ai loro prodotti. Di questo vuoto, ha una sua immensa responsabilità la Chiesa cattolica.

 

 

 

Molti di noi stanno aspettando da mesi un vaccino COVID-19 prodotto eticamente derivato.

 

Abbiamo seguito da vicino la notizia, sperando in informazioni sui risultati degli studi clinici e stime aggiornate su quando quel giorno potrebbe arrivare.

 

Credo che sia giunto il momento di considerare la possibilità che un’opzione etica potrebbe non essere disponibile per anni

In questo periodo, abbiamo visto un certo numero di candidati al vaccino abbandonare l’elenco dei moralmente intransigenti. Sanofi Pasteur/GSK, Medicago e Novavax sono esempi notevoli di quelle che speravamo fossero opzioni morali autorizzate per l’uso dalla FDA. Ci sono due rimanenti in studi che hanno una possibilità di autorizzazione a breve termine.

 

Oppure no?

 

È con un certo rammarico che condivido le mie opinioni in merito. Abbiamo seguito gli sviluppi il più da vicino possibile e credo che sia giunto il momento di considerare la possibilità che un’opzione etica potrebbe non essere disponibile per anni.

 

Entrambi i vaccini nelle prove non sono tenuti a richiedere l’autorizzazione fino a metà-fine 4° trimestre di quest’anno.

 

Il governo federale ha moltissime uova nel paniere di Pfizer/Moderna/Johnson & Johnson e non sarebbe una sorpresa se scegliessero di proteggere quel paniere

La FDA ha segnalato che è probabile che uno o più dei vaccini attualmente autorizzati ricevano la piena approvazione entro il prossimo mese o due. Quando ciò accadrà, tutti i vaccini candidati negli studi clinici si troveranno su un percorso di approvazione rispetto a un percorso di autorizzazione. L’esperienza ci dice che ci vorranno anni, non mesi.

 

Sarebbe anche irragionevole aspettarsi una sorta di dispensa. Il governo federale ha moltissime uova nel paniere di Pfizer/Moderna/Johnson & Johnson e non sarebbe una sorpresa se scegliessero di proteggere quel paniere.

 

Dove ci lascia questo? Ci lascia senza la possibilità di un vaccino etico in tempi brevi. Potrebbero essere anni.

 

La scelta potrebbe presto ridursi tra l’andare avanti o retrocedere.

 

 

Jose Trasancos

CEO Children of God for Life

 

 

 

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21

Continua a leggere

Più popolari