Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Moderna prepara il vaccino mRNA contro gli infarti. Sul serio

Pubblicato

il

Il produttore di vaccini Moderna ha annunciato la prima fase della sperimentazione umana per un’iniezione di mRNA per il trattamento di coloro che hanno sofferto di attacchi di cuore. La notizia arriva tra le crescenti segnalazioni secondo cui gli stessi vaccini mRNA per il COVID aumentano il rischio di attacchi di cuore.

 

A prima vista a qualcuno potrebbe sembrare un titolo di qualche sito umoristico, invece si tratta della realtà.

 

«Ora siamo in un programma super eccitante in cui iniettiamo mRNA nel cuore delle persone dopo un infarto per far ricrescere nuovi vasi sanguigni e rivascolarizzare il cuore», ha detto a Sky News il CEO di Moderna Stéphane Bancel in un’intervista dello scorso ottobre. «È veramente come medicina della fantascienza».

 

Moderna ha annunciato questa settimana che il nuovo trattamento con mRNA è stato iniettato nei primi partecipanti allo studio, che hanno “insufficienza cardiaca stabile”, per valutarne la sicurezza e gli effetti. L’iniezione, mRNA-0184, codifica per la relaxina, un ormone che provoca cambiamenti nel flusso sanguigno che sono “potenzialmente benefici per i pazienti con insufficienza cardiaca”.

 

Il Daily Mail ha osservato che il meccanismo terapeutico proposto per l’iniezione di mRNA funzionerebbe tramite un aumento del flusso sanguigno che potrebbe aiutare la crescita di nuovi vasi sanguigni, contribuendo potenzialmente a ripristinare il tessuto muscolare cardiaco danneggiato.

 

Va notato che da quando lo sviluppo della terapia mRNA è iniziato nel 2012, Moderna non è riuscita a portare sul mercato un singolo candidato mRNA fino all’epidemia di COVID-19 e, a maggio 2020, solo uno dei suoi candidati mRNA aveva superato le prove di Fase 1.

 

StatNews aveva notato nel 2016 che i trattamenti basati sull’mRNA sono «altamente rischiosi» e che «le aziende farmaceutiche hanno provato un lavoro simile e l’hanno abbandonato perché è estremamente difficile far entrare l’RNA nelle cellule senza innescare spiacevoli effetti collaterali».

 

«Novartis ha abbandonato il regno correlato dell’interferenza dell’RNA per le preoccupazioni sulla tossicità, così come Merck e Roche», ha continuato StatNews.

 

Nell’intervista con Bancel, un giornalista di Sky News ha osservato: «l’ironia di COVID è che in qualche modo ti ha davvero permesso di andare a sviluppare queste altre aree a causa delle entrate che sono arrivate dalla porta».

 

Come sottolinea Lifesitenews, c’è tuttavia un’ironia decisamente più notevole: le prove crescenti di problemi cardiaci e persino attacchi di cuore indotti dalle iniezioni di mRNA, comprese quelle di Moderna.

 

L’anno scorso su GB News, il cardiologo con sede nel Regno Unito, il dottor Aseem Malhotra, ha espresso preoccupazione per la ricerca «che mostra che i marcatori associati all’aumento del rischio di infarto» hanno mostrato un aumento del rischio «dall’11% al 25%» dopo la «vaccinazione COVID».

 

Più recentemente, giovedì, Malhotra ha parlato a BBC News dei pericoli legati al cuore delle iniezioni di COVID, attirando l’attenzione sugli «oltre 30.000 decessi in eccesso dovuti a malattie cardiologiche», come riportato dalla British Heart Foundation.

 

A fine del 2022, i patologi medici dell’Ospedale dell’Università di Heidelberg, in Germania, hanno pubblicato i risultati della loro ricerca secondo cui 25 persone di età diverse erano morte a causa di danni cardiaci causati da un’iniezione di COVID, senza alcuna malattia cardiaca sottostante. Un recente studio a Taiwan ha rilevato che quasi un adolescente su cinque, per lo più di sesso maschile, mostrava sintomi cardiaci dopo la seconda iniezione di mRNA Pfizer, e uno studio preliminare dalla Thailandia ha rilevato effetti cardiovascolari dopo l’iniezione Pfizer nel 29,24% dei partecipanti, tra cui tachicardia e palpitazioni.

 

Come riportato da Renovatio 21, i casi di problemi cardiaci ed altre malattie gravi segnalati dopo l’iniezione del vaccino Moderna sono molteplici, inclusi giovani, anche ragazze, e bambini. A metà 2022 l’ente regolatorio per il farmaco negli USA FDA ha autorizzato i vaccini mRNA per i bambini da 6 mesi in su.

 

In Svezia la somministrazione del siero Moderna era stata bloccata per i giovani nel 2021 a causa delle miocarditi. Danimarca, Finlandia, Norvegia e Islanda seguirono nello stop al vaccino della società statunitense.  In California si era avuto il ritiro di un lotto di sieri.

 

In Francia, il vaccino Moderna l’anno scorso è stato sconsigliato ai minori di 30 anni. In Germania, era stato sconsigliato a donne incinte e giovani. Un ammonimento per le donne in stato di gravidanza era stato emesso due anni fa anche dall’OMS.

 

In Italia la questione dell’infezione cardiaca riguardante il vaccino era stata evidenziata dalla stessa Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ancora nell’estate 2021 negli «aggiornamenti su alcuni punti emersi dalla valutazione del rischio di insorgenza di miocardite e pericardite dopo vaccinazione con vaccini a mRNA».

 

«Dopo la vaccinazione con i vaccini a mRNA anti COVID-19 Comirnaty e Spikevax – si legge – sono stati osservati casi molto rari di miocardite e pericardite. I casi si sono verificati principalmente nei 14 giorni successivi alla vaccinazione, più spesso dopo la seconda dose e nei giovani di sesso maschile».

 

Il Comirnaty è il vaccino mRNA Pfizer. Lo Spikevax è il vaccino mRNA Moderna.

 

«I dati a disposizione – precisa l’ente regolatorio farmaceutico nazionale – suggeriscono che il decorso della miocardite e pericardite dopo la vaccinazione non è diverso da quello della miocardite o della pericardite in generale».

 

«Gli operatori sanitari devono prestare attenzione ai segni e ai sintomi di miocardite e pericardite», raccomanda l’AIFA.

 

«Gli operatori sanitari – aggiunge – devono istruire i soggetti vaccinati a rivolgersi immediatamente al medico qualora dopo la vaccinazione sviluppino sintomi indicativi di miocardite o pericardite, quali dolore toracico, respiro affannoso o palpitazioni».

 

Studi avrebbero ipotizzato che i vaccinati moderna potrebbero avere maggiori probabilità di subire infezioni ripetute.

 

Moderna a fine estate ha fatto causa a Pfizer per violazione di brevetto. La società era già in una lotta con il governo USA per il brevetto del vaccino mRNA. Parallelamente, esisterebbe un contratto stipulato dall’ente per le malattie infettive NIAID (quello diretto sino a poco fa da Anthony Fauci) che avrebbe obbligato il Pentagono ad acquistare 500 mila dosi del vaccino, per un totale di 9 miliardi di dollari.

 

Due mesi fa è emerso che l’azienda, che come noto prima del COVID mai aveva venduto un prodotto, sta costruendo la prima fabbrica di mRNA al mondo a Melbourne, in Australia.

 

Come raccontato da Renovatio 21, il Bancel ha una storia speciale, con una gargantuesca coincidenza cosmica nel suo percorso professionale. Prima di Moderna, Stéphane Bancel fu CEO della società francese BioMérieux, posseduta da Alain Merieux, considerato amico personale di Xi Jinping, che visitò il laboratorio BSLM4 di BioMerieux a Lione nel 2014. Secondo quanto appreso, i cinesi avrebbero contattato i francesi per la costruzione del laboratorio di Wuhan, il primo BSL4 del Paese, nel 2004: si, stiamo parlando proprio di lui, il biolaboratorio del pipistrello cinese.

 

Il finanziere francese Patrick Degorce, fondatore di hedge fund e mentore dell’attuale primo ministro britannico Rishi Sunak, fu nel 2011 uno dei primi investitori in quella piccola azienda farmaceutica chiamata Moderna (cioè «Mode» «RNA»), che all’epoca aveva circa dieci dipendenti e un modo di operare molto discreto.

 

La carriera del Bancel è quindi segnata dal coronavirus: prima nella società che aiuterà i cinesi a costruire il laboratorio di Wuhano, poi nel Massachusetts a inizio anni ’10 nella società che per il virus di Wuhano, in teoria, dovrebbe aver trovato il vaccino. I risultati di questa prestigiosa carriera sono quanto mai proficui.  Secondo la rivista Forbes, disponendo dell’8% delle azioni di Moderna (che, ripetiamo, prima del COVID non aveva mai portato sul mercato un prodotto), Bancel è ora tecnicamente un billionaire, un miliardario. Secondo Business Insider, il fortunato francese ha dichiarato che darà via la maggior parte della sua fortuna, stimata in 4,1 miliardi di dollari.

 

Come riportato da Renovatio 21, Moderna e Merck sarebbero vicine alla fase 3 per un vaccino per il cancro alla pelle. Un anno fa è stato invece detto che la società aveva iniziato la sperimentazione umana per un vaccino mRNA per l’AIDS. Due mesi fa è stato annunciato lo sviluppo di un vaccino combinato mRNA COVID-Omicron e influenza; il Bancel ha dichiarato ai media che il vaccino mRNA COVID di fatto diventerà come un’antinfluenzale, con alcuni gruppi di individui vulnerabili che dovranno farlo ciclicamente.

 

Al World Economic Forum di Davos l’anno passato il Bancel lamentò che «nessuno più vuole» i vaccini, per cui era pronto a gettare «30 milioni di dosi nella spazzatura».

 

Come riportato da Renovatio 21, il vaccino Moderna ha utilizzato linee cellulari di feto abortito nella ricerca e nei test.

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Uno studio britannico sui bambini mostra che l’infiammazione cardiaca si sviluppa dopo la vaccinazione COVID, non l’infezione

Pubblicato

il

Da

Un nuovo studio medico condotto da ricercatori dell’Università di Oxford mostra che le malattie cardiache miocardite e pericardite si verificano solo dopo la vaccinazione COVID-19, non dopo l’infezione, nei bambini e negli adolescenti.

 

Lo studio, che è stato pubblicato nella sua versione preprint (cioè prima della peer review, la revisione paritaria), ha confrontato i dati medici di oltre un milione di bambini vaccinati e non vaccinati dai 5 agli 11 anni e degli adolescenti dai 12 ai 15 anni in Inghilterra. La salute dei bambini e degli adolescenti non vaccinati è stata confrontata con quella di coloro che hanno ricevuto una e due dosi di vaccino COVID-19.

 

Secondo lo studio, «sebbene rari, tutti gli eventi di miocardite e pericardite durante il periodo di studio si sono verificati in individui vaccinati», mentre nessun decesso ha provocato bambini o adolescenti per miocardite o pericardite.

Iscriviti al canale Telegram

Lo studio inoltre afferma che «il ricovero ospedaliero correlato al COVID-19 e la frequenza in terapia intensiva erano rari sia negli adolescenti che nei bambini e non si sono verificati decessi correlati al COVID-19».

 

Analizzando i dati forniti dal National Health Service (NHS), il database inglese OpenSAFELY-TPP, che comprende il 40% dei fornitori di cure primarie inglesi, i ricercatori hanno abbinato adolescenti e bambini vaccinati e non vaccinati con background rilevanti simili – età, sesso, posizione – tracciando un grafico di 20 settimane per il confronto di elementi quali test positivi per COVID-19, ricoveri, terapia intensiva, eventi avversi e ricoveri non-COVID.

 

L’analisi ha mostrato che miocardite e pericardite si sono verificate solo nei bambini e negli adolescenti vaccinati, con un’incidenza maggiore di entrambe negli adolescenti piuttosto che nei bambini.

 

Su oltre 839.000 bambini e adolescenti vaccinati esaminati nello studio, sono stati riscontrati 15 casi di pericardite e tre casi di miocardite. Tutti i casi di miocardite e 12 dei 15 casi di pericardite si sono verificati tra gli adolescenti.

 

Tra i casi di pericardite, tutti tranne tre si sono verificati dopo la prima dose di vaccino COVID, con più della metà degli adolescenti con pericardite e miocardite ricoverati in ospedale o portati al pronto soccorso.

 

Lo studio ha inoltre indicato che non vi era alcuna differenza significativa nella gravità dell’infezione da COVID-19 tra i bambini vaccinati e quelli non vaccinati.

 

Nei commenti al nuovo studio raccolti dalla testata statunitense Epoch Times, il cardiologo texano dottor Peter McCullough avrebbe affermato che si tratta di «uno dei tanti che dimostrano che la vaccinazione contro il COVID-19 non è necessaria dal punto di vista medico per i bambini, dato il tasso di infezione inferiore all’1%, e che un’eccessiva vaccinazione i test per il COVID-19 sono uno spreco di risorse».

 

Il dottor McCullough, che uno dei cardiologi più pubblicati al mondo, ha anche affermato che «il fatto che la vaccinazione contro il COVID-19 possa portare a effetti collaterali come miocardite e pericardite significa che può potenzialmente provocare un arresto cardiaco fatale in una frazione di vittime, che non può essere previsto in anticipo».

 

«Un insieme significativo di prove collega rischi significativi ai vaccini COVID, che sono stati sviluppati e rivisti in una frazione del tempo che i vaccini normalmente impiegano nell’ambito dell’iniziativa Operation Warp Speed ​​dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump» scrive LifeSite. Tra questi rischi, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) federale degli Stati Uniti riporta 37.382 decessi, 215.734 ricoveri ospedalieri, 21.616 attacchi di cuore e 28.299 casi di miocardite e pericardite al 29 marzo, tra altri disturbi.

 

I ricercatori dell’ente di controllo epidemico americano CDC hanno riconosciuto un «alto tasso di verifica delle segnalazioni di miocardite al VAERS dopo la vaccinazione COVID-19 basata su mRNA», portando alla conclusione che «è più probabile una sottosegnalazione» che una sovra-segnalazione.

 

Un’analisi su 99 milioni di persone in otto Paesi pubblicata a febbraio sulla rivista Vaccine – la più ampia analisi fino ad oggi – «ha osservato rischi significativamente più elevati di miocardite in seguito alla prima, seconda e terza dose» di vaccini COVID basati su mRNA, nonché segni di aumento del rischio di «pericardite, sindrome di Guillain-Barré e trombosi del seno venoso cerebrale» e altri «potenziali segnali di sicurezza che richiedono ulteriori indagini».

 

Ad aprile, il CDC è stato costretto a rilasciare per ordine del tribunale 780.000 segnalazioni di gravi reazioni avverse precedentemente non divulgate.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, la consapevolezza del ruolo del vaccino nella possibile manifestazione di questa malattia cardiaca, specie nei giovaniè diffusa presso praticamente tutte le istituzioni sanitarie dei Paesi del mondo.

 

Disturbo fino a poco fa abbastanza raro, abbiamo visto incredibili tentativi di normalizzare la miocardite infantile con spot a cartoni animati.

 

Alcuni casi suggeriscono che, anche anni dopo, persone affette da miocardite post-vaccinale non sono ancora guarite.

 

Come riportato da Renovatio 21, la miocardite nello sport è oramai un fenomeno impossibile da ignorare.

 

L’anno scorso il dottor McCullough aveva dichiarato che «l’ipervaccinazione» dei bambini potrebbe essere la causa dell’aumento dell’autismo e del transgenderismo.

 

«Sappiamo che c’è stata un’accelerazione del programma vaccinale senza attenzione alla sicurezza dei prodotti combinati», ha spiegato fornendo numerosi rapporti come fonte delle sue affermazioni. «E ora abbiamo dati molto buoni da uno studio che dimostra che una volta che siamo arrivati ​​a più vaccini in combinazione, i tassi di autismo hanno cominciato ad aumentare negli Stati Uniti».

 

Per quanto riguarda il fenomeno LGBT, con l’aumento esponenziale dei tassi di autismo, rimane rilevante il fatto che alte percentuali di individui «che si sottopongono a un intervento chirurgico transgender tendono ad avere autismo», il che è supportato da molteplici studi.

 

Quindi, in sintesi, «abbiamo una doppia epidemia di autismo e di transgenderismo correlato. La stragrande maggioranza dei bambini che offrono volontariamente il proprio corpo per cambiare genere soffrono di autismo o di disturbi dello spettro autistico. Bisogna rendersi conto che vengono predati e indottrinati», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Cina

Il Pentagono ha condotto una campagna segreta di disinformazione contro il vaccino COVID cinese

Pubblicato

il

Da

L’esercito americano ha organizzato una campagna sotto copertura sui social media al culmine della pandemia per diffamare il vaccino COVID cinese. Lo riporta Reuters.   La campagna del Pentagono per denigrare il vaccino cinese si è svolta tra la primavera del 2020 e la metà del 2021, concentrandosi sulle Filippine prima di diffondersi in altre parti dell’Asia e del Medio Oriente, ha affermato l’agenzia in un articolo venerdì.   L’operazione di disinformazione sarebbe stata basata su falsi account di social media che impersonificavano utenti filippini per diffondere affermazioni secondo cui il vaccino cinese Sinovac, così come i kit di test e le mascherine prodotte dal Paese, erano di scarsa qualità.   Sinovac, che ha iniziato ad essere lanciato nel marzo 2021, è diventato il primo vaccino disponibile per le Filippine durante la pandemia.

Iscriviti al canale Telegram

«Il COVID è arrivato dalla Cina e anche il VACCINO è arrivato dalla Cina, non fidatevi della Cina!» un tipico post della campagna incentrata sullo slogan #ChinaAngVirus (La Cina è il virus), letto secondo Reuters. Un altro post comunemente riscontrato affermava: «Dalla Cina – DPI, maschera facciale, vaccino: FALSO. Ma il coronavirus è reale».   Inoltre, il Pentagono ha cercato di far capire agli utenti musulmani in Asia e nel Medio Oriente che, poiché i vaccini a volte contengono gelatina di maiale, il vaccino cinese dovrebbe essere vietato dalla legge islamica, si legge nel rapporto.   Come riportato da Renovatio 21, a quel tempo le Filippine erano sotto il tallone dell’obbligo pandemico imposto da Rodrigo Duterte, che minacciò il carcere per chiunque rifiutasse il siero.   Reuters ha affermato che la sua indagine ha trovato almeno 300 account su Twitter che corrispondevano alle descrizioni fornite dagli ex ufficiali militari statunitensi che hanno raccontato ai giornalisti della campagna.   L’agenzia ha affermato di aver contattato X in merito agli account e che la piattaforma di proprietà di Elon Musk aveva stabilito – sulla base di modelli di attività e dati interni – che i profili in questione facevano parte di una campagna bot coordinata. Gli account sono stati cancellati, ha aggiunto.   Un alto funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha confermato a Reuters che ha avuto luogo una campagna clandestina sui social media contro Sinovac, ma ha rifiutato di rivelare ulteriori dettagli.   Un portavoce del Pentagono ha detto all’agenzia che l’esercito americano «utilizza una varietà di piattaforme, compresi i social media, per contrastare quegli attacchi di influenza maligna rivolti agli Stati Uniti, ai loro alleati e ai partner». È stata Pechino ad avviare una «campagna di disinformazione per incolpare falsamente gli Stati Uniti per la diffusione del COVID-19», ha affermato.   Il ministero degli Esteri cinese ha sottolineato in una risposta via e-mail che Pechino sostiene da tempo che il governo degli Stati Uniti manipola i social media e diffonde disinformazione.   La Cina comunista era stata colta a raccontare menzogne sul COVID, compresa l’invenzione di sana pianta della figura di un biologo svizzero, le cui dichiarazioni sulla presunta pressione degli Stati Uniti sui ricercatori durante la pandemia erano finite sulla stampa cinese. L’ambasciata svizzera chiese pubblicamente su Twitter di incontrare tale Wilson Edwards, sospettando che si trattasse di fake news. Il biologo elvetico, di fatto, non venne mai trovato.   Ad inizio 2021, i media statali cinesi ripetevano che Alexander Kekulé, direttore dell’Istituto per la ricerca sulla biosicurezza di Halle in Germania, aveva svolto una ricerca che indicava l’Italia, non la Cina, come origine della pandemia. Come riportato dal New York Times, il dottor Kekulé, che ha ripetutamente affermato di ritenere che il virus sia emerso per la prima volta in Cina, è rimasto sorpreso. «Questa è pura propaganda», ha detto in un’intervista al quotidiano americano.   Le autorità cinesi hanno altre volte tentato di rilanciare l’origine della pandemia come extra-cinese dando pubblica eco alle teorie che esso potrebbe essere arrivato con il pesce congelato o la carne importati dal Sud America o perfino con il gelato. Si tratta del temibile gelato gusto Coviddo, di cui Renovatio 21, al tempo, ha scritto in dettaglio.

Aiuta Renovatio 21

Il Sinovac, che si tratta di un vaccino non-mRNA con virus attenuato, fu dichiarato da ricercatori brasiliani come efficace solo al 50,4%. Brasilia, che ne aveva preso in quantità tramite accordi fatti dal governo Bolsonaro che riguardavano anche il 5G, in seguito ne sospese l’uso. In Argentina, Cile e in Perù si parlo del medesimo fiasco. Dubbi sul vaccino cinese emersero anche in Birmania ed Indonesia.   Come riportato da Renovatio 21, il vaccino cinese fu tuttavia lodato da Bill Gates, che si complimentò con Pechino per tutta la sua risposta COVID. La Nord Corea, invece, rifiutò tre milioni di dosi. Alla fine, perfino gli scienziati cinesi ammisero la scarsa efficacia del siero, che tuttavia aveva reso Pechino prima nell’export di un vaccino anti-COVID.   La Cina, pur in assenza di un vero obbligo, ha vaccinato la popolazione dai tre anni in su, arrivando a dichiarare di aver inoculato 3,157 miliardi di dosi.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Governo do Estado de São Paulo via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic
Continua a leggere

Arte

Bergoglio incontra i comici goscisti, abortisti, omotransessualisti e vaccinari

Pubblicato

il

Da

Papa Francesco incontrerà comici di spicco, tra cui Stephen Colbert, Whoopi Goldberg e Jimmy Fallon – tutti personaggi pro-aborto, pro-omotransessualismo e pro-vaccino – in un evento a cui parteciperà anche l’attivista LGBT gesuita padre James Martin.

 

Lo scorso sabato, il Vaticano ha annunciato che l’evento si svolgerà nel Palazzo Apostolico il 14 giugno alle 8:30. L’incontro «mira a stabilire un legame tra la Chiesa cattolica e gli artisti comici».

 

Il Vaticano ha sottolineato nel suo annuncio le parole di Francesco tratte da un’intervista televisiva del 2016 con il canale cattolico italiano TV2000. «Il senso dell’umorismo è una grazia che chiedo ogni giorno, e prego quella bella preghiera di San Tommaso Moro: “Dammi, Signore, il senso dell’umorismo”, che io sappia ridere di una battuta… è bella quella preghiera, vero?» aveva detto il sommo pontefice. «È un atteggiamento umano, ma è il più vicino alla grazia di Dio».

 

L’evento è co-organizzato dal Dicastero per la Cultura e l’Istruzione e dal Dicastero per la Comunicazione.

Iscriviti al canale Telegram

L’ elenco di 105 comici provenienti da 15 paesi include nomi noti dell’industria dell’intrattenimento statunitense, tra cui Stephen Colbert, Jimmy Fallon, Whoopi Goldberg, Conan O’Brien. Si tratta di nomi molto conosciuti in USA, magari per i loro programmi notturni con talk show e battute, oggi però considerati da una vasta parte della popolazione americana – in ispecie quella che sostiene Trump – come puri propalatori della propaganda di Washington e dei suoi valori corrotti.

 

Soprattutto, molti in America riconoscono che questi «artisti» della comicità oltre ad aver venduto l’anima al Deep State e alla Cultura della Morte sono divenuti di fatto incapaci di far ridere.

 

È previsto che partecipi anche il gesuita filo-omotransessualista padre Martin, precedentemente soprannominato il «cappellano» del volgare e di sinistra «The Colbert Report» di Stephen Colbert ed è stato indicato come «artista» da Vatican News.

 

La maggior parte di questi eminenti comici statunitensi sono noti per essere favorevoli all’aborto e pro-LGBT. Colbert, un sedicente cattolico che spesso vanta della sua partecipazione in parrocchia, fece un giorno un lungo monologo in cui dichiarava, in chiara violazione dell’insegnamento cattolico che il libero aborto non andava toccato in alcun modo.

 

Il Colberto sostiene fortemente il cosiddetto matrimonio omosessuale, ha promosso una serie Netflix che sessualizzava i bambini e prendeva in giro Gesù, scrive LifeSiteNews. Il personaggio ha dato prova anche di un classismo totalmente divorziato dalla realtà: nella sua trasmissione, tra applausi scroscianti registrati e risate fasulle, aveva dichiarato che l’aumento del costo della benzina – un effetto contestato duramente all’amministrazione Biden – non lo toccava, perché lui aveva una macchina elettrica Tesla.

 

Resterà tuttavia negli annali, magari anche come prova al futuro processo di Norimberga 2.0, il balletto pro-vaccino che Colbert allestì per lo show, in cui siringhe giganti ballavano invitando la gente a sottomettersi alla puntura mRNA. Si tratta di una vetta altissima: quando il cringe può trasformarsi in danno biologico di massa.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Anche Whoopi Goldberg, che Francesco ha incontrato nell’ottobre del 2023, promuove l’aborto e l’ideologia LGBT e sostiene che l’uccisione dei bambini nel grembo materno che ritiene «non è menzionata» nei Dieci Comandamenti. La Goldberg, che in passate interviste ha affermato di essere ebrea, ha rivelato che in un precedente incontro con il Santo Padre gli ha proposto di prendere parte ad un seguito di Sister Act. Considerando i passati impegni di Bergoglio con la Disney, potrebbe trattarsi di una proposta che l’argentino ha valutato seriamente.

 

Presente nella ciurma papale anche Chris Rock, stand-up comedian considerato tra i maestri della scena attuale, pur essendo in pista dagli anni Ottanta. In una recente scenetta comica, Chris Rock ha ammesso che l’aborto uccide un bambino, ma ha detto che crede che le donne «dovrebbero avere il diritto di uccidere i bambini». Il Rock, famoso per aver condotto la notte degli Oscar due anni fa ricevendo un enigmatico schiaffo in diretta dall’attore afroamericano Will Smith, apparirebbe nelle liste di Epstein.

 

Il presentatore e comico Jimmy Fallon ha criticato le politiche pro-vita nel suo programma a tarda notte, riempiendo anche lui il programma di sketch pro-vaccino di infinito cringe. Il Fallon, come altri, è arrivato ad ospitare il plenipotenziario pandemico Anthony Fauci per indottrinare il pubblico su restrizioni ed iniezioni geniche sperimentali

 


Sostieni Renovatio 21

Un’altra «artista» statunitense invitata all’evento vaticano è Tig Notaro, una lesbica che ha contratto un matrimonio monosessuato per poi ottenere due gemelli dalla sua «moglie» attraverso la fecondazione in vitro e la maternità surrogata, che la Chiesa cattolica condanna come gravemente immorali. Il Vaticano aveva anche invitato il comico Jim Gaffigan, che si presenta come un fedele cattolico ma ha portato i suoi figli piccoli alla «parata del orgoglio» LGBT di New York nel 2017.

 

Tutto questo alla faccia del falsi «scoop» sulla condanna papale della «frociaggine» (sic) nei seminari. Come si possa credere ad una «svolta» conservatrice contro il dilagare dei gay in curia, mentre il pontefice incontra questi personaggi e soprattutto padre Martin, non riusciamo a comprenderlo.

 

Papa Francesco ha segnalato il suo sostegno a padre Martin in molti modi nonostante la promozione dell’omosessualità da parte di quest’ultimo, più recentemente scrivendo la prefazione all’ultimo libro di Martin. Il papa lo ha anche nominato e riconfermato consulente per le Comunicazioni vaticane e ha incontrato Martin più volte, lodando le sue iniziative pro-LGBT.

 

Padre Martin ha insistito affinché il termine «oggettivamente disordinato» in riferimento all’orientamento omosessuale fosse rimosso dal Catechismo della Chiesa Cattolica e sostituito con «diversamente ordinato». Il gesuita spesso dichiarazioni scandalose sull’omosessualità che violano l’insegnamento cattolico sulla moralità sessuale. Prelati di alto profilo e personalità cattoliche avvertono che Martin sta portando le persone fuori strada e mettendo a rischio le anime incoraggiando l’attività omosessuale e non chiamando le persone alla castità.

 

Come riportato da Renovatio 21, a poche ore dalla pubblicazione della dichiarazione vaticana Fiducia Supplicans, padre Martin aveva benedetto una «coppia» omosessuale nella residenza dei gesuiti a Nuova York.

 

Come riportato da Renovatio 21, nel novembre 2022 Bergoglio aveva dapprima concesso un’udienza privata al Martin, per poi elogiarlo pubblicamente durante l’assemblea plenaria del Dicastero per le comunicazioni vaticane.

 

Un anno fa, il Martin aveva dichiarato in pratica che la dottrina del catechismo sull’omosessualità uccide, in quanto porterebbe taluni alla morte per suicidio. Il papa la scorsa estate gli scrisse una lettera di incoraggiamento: «Vi incoraggio a continuare a lavorare sulla cultura dell’incontro, che accorcia le distanze e ci arricchisce delle nostre differenze, come ha fatto Gesù, che si è fatto vicino a tutti».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari