Connettiti con Renovato 21

Big Pharma

Vaccini e conflitti di interessi: possiamo fidarci dell’OMS?

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 pubblica quest’articolo dell’analista geopolitico William F. Engdhal sul disastro dell’OMS, ora dinanzi agli occhi di tutti, al punto che poche ore fa il presidente USA Trump avrebbe minacciato di tagliare i fondi dell’ente ONU preposto alla salute internazionale. Dei problemi legati alla presidenza dell’OMS avevamo già pubblicato un articolo ulteriore, «Chi è Tedros?», sempre a firma di Engdahl.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

L’organizzazione più influente al mondo con responsabilità nominale per la salute globale e le questioni epidemiche è l’Organizzazione mondiale della sanità delle Nazioni Unite, l’OMS, con sede a Ginevra. Ciò che pochi sanno sono gli effettivi meccanismi del suo controllo politico, gli scioccanti conflitti di interesse, la corruzione e la mancanza di trasparenza che permeano l’agenzia che dovrebbe essere la guida imparziale per superare l’attuale pandemia di COVID-19. Quanto segue è solo una parte di ciò che è venuto alla luce pubblica.

 

Pochi sanno sono gli effettivi meccanismi del suo controllo politico, gli scioccanti conflitti di interesse, la corruzione e la mancanza di trasparenza che permeano l’agenzia che dovrebbe essere la guida imparziale per superare l’attuale pandemia di COVID-19

Dichiarazione pandemica?

Il 30 gennaio Tedros Adhanom, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità delle Nazioni Unite, ha dichiarato un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale o PHIEC.

 

Ciò è avvenuto due giorni dopo l’incontro di Tedros con il presidente cinese Xi Jinping a Pechino per discutere del drammatico aumento dei casi gravi di un nuovo coronavirus a Wuhan e nelle aree circostanti che avevano raggiunto proporzioni drammatiche.

 

Annunciando la sua dichiarazione di emergenza PHIEC, Tedros ha elogiato le misure di quarantena cinesi, misure altamente controverse nella salute pubblica e mai tentate in tempi moderni con intere città, per non parlare dei Paesi. Allo stesso tempo, Tedros, curiosamente, ha criticato altri paesi che si stavano muovendo per bloccare i voli verso la Cina per contenere la strana nuova malattia, portando ad accuse con cui stava indebitamente difendendo la Cina.

 

Annunciando la sua dichiarazione di emergenza PHIEC, Tedros ha elogiato le misure di quarantena cinesi, misure altamente controverse nella salute pubblica e mai tentate in tempi moderni con intere città, per non parlare dei Paesi

I primi tre casi a Wuhan sono stati segnalati, ufficialmente, il 27 dicembre 2019, un mese prima. Tutti i casi sono stati diagnosticati con polmonite «novella» o una nuova forma di coronavirus SARS. È importante notare che il più grande movimento di persone dell’anno, il capodanno lunare e il festival di primavera della Cina, durante i quali circa 400 milioni di cittadini si spostano in tutta la terra per unirsi alle famiglie, è stato dal 17 gennaio all’8 febbraio.

 

Il 23 gennaio alle 2:00,  giorni prima dell’inizio dei festeggiamenti del nuovo anno, le autorità di Wuhan hanno dichiarato alle ore 10 un blocco senza precedenti dell’intera città di 11 milioni di abitanti. A quel punto, centinaia di migliaia se non diversi milioni di residenti erano fuggiti nel panico per evitare la quarantena.

 

Quando il 30 gennaio l’OMS dichiarò la sua emergenza sanitaria pubblica di preoccupazione internazionale, erano state perse preziose settimane per contenere la malattia. Eppure Tedros ha elogiato efficacemente le misure cinesi «senza precedenti» e ha criticato altri paesi per aver posto lo «stigma» sui cinesi tagliando i viaggi.

 

Tedros, curiosamente, ha criticato altri paesi che si stavano muovendo per bloccare i voli verso la Cina per contenere la strana nuova malattia, portando ad accuse con cui stava indebitamente difendendo la Cina

In riferimento alla diffusione COVID-19 di Wuhan e al motivo per cui l’OMS non l’ha definita una pandemia, il portavoce dell’OMS, Tarik Jasarevic, ha dichiarato: «Non esiste una categoria ufficiale (per una pandemia) … L’OMS non utilizza il vecchio sistema di 6 fasi – che vanno dalla fase 1 (cioè nessuna segnalazione di influenza animale che causa infezioni umane) alla fase 6 (cioè una pandemia) – del quale alcune persone potrebbero avere familiarità con l’H1N1 nel 2009. 

 

Quindi, in una sorta di faccia a faccia, l’11 marzo, Tedros Adhanom annunciò per la prima volta che l’OMS definiva la nuova malattia coronavirus, ora ribattezzata COVID-19, una «pandemia globale». A quel punto l’OMS ha dichiarato che ci sono stati più di 118.000 casi di COVID-19 in 114 paesi, con 4.291 morti.

 

La falsa pandemia OMS del 2009

 

A partire da un precedente fiasco con scandalo OMS nel 2009 con la sua dichiarazione di una pandemia globale intorno all’«influenza suina», o  come veniva definita «H1N1», l’OMS decise di abbandonare l’uso del termine pandemia. Il motivo è indicativo della corruzione endemica dell’istituzione dell’OMS.

 

Solo poche settimane prima delle notizie nel 2009 di un giovane bambino messicano infettato da un nuovo virus di «influenza suina» H1N1 a Veracruz, l’OMS aveva tranquillamente cambiato la definizione tradizionale di pandemia.

2009, influenza suina H1N1: quando l’allora direttore generale dell’OMS  Margaret Chan dichiarò ufficialmente un’emergenza pandemica globale di Fase 6, si innescarono programmi di emergenza nazionali tra cui miliardi di dollari di acquisti governativi di presunti vaccini H1N1

 

Non era più necessario che una malattia segnalata fosse estremamente diffusa in molti paesi ed estremamente letale o debilitante. Deve solo essere diffusa, come l’influenza stagionale, nel caso gli «esperti» dell’OMS vogliano dichiarare la pandemia. Per l’OMS  i sintomi di H1N1 erano gli stessi di un brutto raffreddore.

 

Quando l’allora direttore generale dell’OMS, la dott.ssa Margaret Chan, dichiarò ufficialmente un’emergenza pandemica globale di Fase 6, si innescarono programmi di emergenza nazionali tra cui miliardi di dollari di acquisti governativi di presunti vaccini H1N1.

 

Alla fine della stagione influenzale del 2009 si scoprì che i decessi dovuti all’H1N1 erano minuscoli rispetto alla normale influenza stagionale. Il dott. Wolfgang Wodarg, un medico tedesco specializzato in pneumologia, era allora presidente dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa. Nel 2009 chiese un’indagine su presunti conflitti di interesse che circondavano la risposta dell’UE alla pandemia di influenza suina.

Il professor Albert Osterhaus,  la persona al centro della pandemia mondiale di influenza suina H1N1 «Influenza A» del 2009 come consulente chiave dell’OMS sull’influenza, si era personalmente posizionato per profittare dei miliardi di euro dei vaccini presumibilmente mirati a H1N1

 

Anche il Parlamento olandese scoprì che il professor Albert Osterhaus dell’Università Erasmus di Rotterdam, la persona al centro della pandemia mondiale di influenza suina H1N1 «Influenza A» del 2009 come consulente chiave dell’OMS sull’influenza, si era personalmente posizionato per profittare dei miliardi di euro dei vaccini presumibilmente mirati a H1N1.

 

Molti degli altri esperti scientifici dell’OMS che consigliarono al dottor Chan di dichiarare la pandemia ricevevano denaro direttamente o indirettamente da Big Pharma, tra cui GlaxoSmithKline, Novartis e altri importanti produttori di vaccini.  La dichiarazione di pandemia di influenza suina dell’OMS era un falso. Il 2009-10 ha visto l’influenza più lieve al mondo da quando la medicina ha iniziato a seguirla. I giganti farmaceutici  nel processo hanno preso miliardi.

 

È stato dopo lo scandalo della pandemia del 2009 che l’OMS ha smesso di usare la dichiarazione di pandemia in 6 fasi ed è passata ad una «Emergenza sanitaria pubblica di preoccupazione internazionale»,  totalmente vaga e confusa.

 

La dichiarazione di pandemia di influenza suina dell’OMS era un falso. Il 2009-10 ha visto l’influenza più lieve al mondo da quando la medicina ha iniziato a seguirla. I giganti farmaceutici nel processo hanno preso miliardi

Ma ora, Tedros e l’OMS hanno deciso arbitrariamente di reintrodurre il termine pandemia, ammettendo però che sono ancora nel mezzo della creazione di una nuova definizione del termine. «Pandemic» innesca più paura di «Emergency Health Public of International Concern».

 

Il SAGE dell’OMS è ancora in conflitto

Nonostante gli enormi scandali sul conflitto di interessi del 2009-10 che collegano Big Pharma all’OMS, oggi l’OMS sotto Tedros ha fatto ben poco per ripulire la corruzione e i conflitti di interesse.

 

L’attuale gruppo di esperti scientifici dell’OMS (SAGE) è pieno di membri che ricevono fondi «finanziariamente significativi» dai principali produttori di vaccini o dalla Bill and Melinda Gates Foundation (BGMF) o dal Wellcome Trust.

 

Nell’ultima pubblicazione dell’OMS dei 15 membri scientifici di SAGE, non meno di 8 avevano dichiarato interesse, per legge, a potenziali conflitti. In quasi tutti i casi il significativo finanziatore finanziario di questi 8 membri di SAGE includeva la Bill and Melinda Gates Foundation, Merck & Co. (MSD), l’alleanza per i vaccini GAVI (un gruppo di vaccini finanziato da Gates), BMGF Global Health Scientific Advisory Committee, Pfizer, Novovax, GSK, Novartis, Gilead e altri importanti produttori di vaccini farmaceutici  Questo per quanto riguarda l’obiettività scientifica indipendente presso l’OMS.

 

L’attuale gruppo di esperti scientifici dell’OMS (SAGE) è pieno di membri che ricevono fondi «finanziariamente significativi» dai principali produttori di vaccini o dalla Bill and Melinda Gates Foundation (BGMF) o dal Wellcome Trust

Gates e OMS

 

Il fatto che molti dei membri del SAGE dell’OMS abbiano legami finanziari con la Gates Foundation è altamente rivelatore, anche se non sorprendente. Oggi l’OMS è finanziata principalmente non dai governi membri delle Nazioni Unite, ma da quella che viene definita una «partnership pubblico-privato» in cui dominano le società di vaccini private e il gruppo di entità sponsorizzate da Bill Gates.

 

Nell’ultimo rapporto finanziario disponibile dell’OMS, per il 31 dicembre 2017, poco più della metà del budget del fondo generale dell’OMS da più di 2 miliardi di dollari proveniva da donatori privati ​​o agenzie esterne come la Banca mondiale o l’UE.

 

I maggiori finanziatori privati ​​o non governativi dell’OMS sono di gran lunga la Bill and Melinda Gates Foundation insieme all’alleanza per i vaccini GAVI, finanziata da Gates, il fondo globale avviato da Gates per la lotta contro AIDS, tubercolosi e malaria (GFATM). Questi tre hanno fornito all’OMS oltre 474 milioni di dollari.

 

I maggiori finanziatori privati ​​o non governativi dell’OMS sono di gran lunga la Bill and Melinda Gates Foundation insieme all’alleanza per i vaccini GAVI, finanziata da Gates, il fondo globale avviato da Gates per la lotta contro AIDS, tubercolosi e malaria (GFATM). Questi tre hanno fornito all’OMS oltre 474 milioni di dollari. A confronto, il governo degli Stati Uniti, ha donato all’OMS 401 milioni di dollari 

La sola Bill and Melinda Gates Foundation ha dato all’OMS  l’enorme cifra di 324.654.317 di dollari. In confronto, il più grande donatore statale dell’OMS, il governo degli Stati Uniti, ha donato all’OMS 401 milioni di dollari.

 

Tra gli altri donatori privati ​​troviamo i produttori di vaccini e farmaci leader a livello mondiale tra cui Gilead Science (che attualmente sta premendo per avere il suo farmaco come trattamento per COVID-19), GlaxoSmithKline, Hoffmann-LaRoche, Sanofi Pasteur, Merck Sharp e Dohme Chibret e Bayer AG.

 

I produttori di farmaci hanno donato decine di milioni di dollari all’OMS nel 2017. Questo sostegno privato all’industria dei vaccini per l’agenda dell’OMS da parte della Fondazione Gates e Big Pharma è più di un semplice conflitto di interessi.

 

Si tratta di fatto di un dirottamento di alto livello dell’agenzia delle Nazioni Unite responsabile del coordinamento delle risposte mondiali alle epidemie e alle malattie. Inoltre, la Gates Foundation, la più grande del mondo con circa $ 50 miliardi, investe i suoi dollari esentasse in quegli stessi produttori di vaccini tra cui Merck, Novartis, Pfizer, GlaxoSmithKline.

 

In questo contesto, non dovrebbe sorprendere il fatto che il politico etiope, Tedros Adhanom, sia diventato capo dell’OMS nel 2017. Tedros è il primo direttore dell’OMS non medico, nonostante la sua insistenza nell’usare il Dr. come titolo. È un dottore in filosofia di salute comunitaria per una «ricerca che investiga gli effetti delle dighe nella trasmissione della malaria nella regione del Tigray in Etiopia».

 

I produttori di farmaci hanno donato decine di milioni di dollari all’OMS nel 2017. Questo sostegno privato all’industria dei vaccini per l’agenda dell’OMS da parte della Fondazione Gates e Big Pharma è più di un semplice conflitto di interessi.

Tedros, che è stato anche ministro degli Affari esteri dell’Etiopia fino al 2016, ha incontrato Bill Gates quando era ministro della salute etiope ed è diventato presidente del Fondo globale collegato a Gates contro l’HIV/AIDS, tubercolosi e malaria.

 

Sotto Tedros, la famigerata corruzione e conflitti di interesse presso l’OMS sarebbero continuati, persino cresciuti. Secondo un recente rapporto dell’Australian Broadcasting Corporation, nel 2018 e nel 2019 sotto Tedros, l’OMS Health Emergencies Program, la sezione responsabile della risposta globale COVID-19, è stata citata con il più alto rating di rischio rilevando il «fallimento nel finaziare adeguatamente il  programma e le operazioni di emergenza [rischi] e l’inadeguata consegna dei risultati a livello nazionale».

 

Il reportage dell’ABC ha inoltre scoperto che c’è stato anche un «aumento delle accuse di corruzione interna in tutta l’organizzazione, con l’individuazione di molteplici schemi volti a frodare ingenti somme di denaro dall’organismo internazionale». Non molto rassicurante.

 

Un reportage dell’Australian Broadcasting Corporation ha inoltre scoperto che c’è stato anche un «aumento delle accuse di corruzione interna in tutta l’organizzazione, con l’individuazione di molteplici schemi volti a frodare ingenti somme di denaro dall’organismo internazionale»

All’inizio di marzo l’Università di Oxford ha smesso di usare i dati dell’OMS su COVID-19 a causa di ripetuti errori e incoerenze che l’OMS ha rifiutato di correggere. I protocolli di test dell’OMS per i test del coronavirus sono stati più volte citati da vari paesi, tra cui la Finlandia, per difetti, falsi positivi e altri difetti.

 

Questa è l’OMS di cui ora ci dovremmo fidare per guidarci nella peggiore crisi sanitaria del secolo.

 

 

William Engdahl

 

 

 

All’inizio di marzo l’Università di Oxford ha smesso di usare i dati dell’OMS su COVID-19 a causa di ripetuti errori e incoerenze che l’OMS ha rifiutato di correggere. I protocolli di test dell’OMS per i test del coronavirus sono stati più volte citati da vari paesi, tra cui la Finlandia, per difetti, falsi positivi e altri difetti

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Big Pharma

«30 milioni di dosi nella spazzatura»: il CEO di Moderna si lamenta al WEF dei vaccini buttati «perché nessuno li vuole»

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Moderna Stéphane Bancel si lamenta di dover «buttare via» 30 milioni di dosi di vaccino contro il COVID-19 perché «nessuno le vuole».

 

«È triste dire che sto buttando 30 milioni di dosi nella spazzatura perché nessuno le vuole. Abbiamo un grosso problema con la domanda», ha detto Bancel a un pubblico al World Economic Forum di Davos ora in corso, aggiungendo che i tentativi di contattare vari governi vedere se qualcuno vuole recuperare i lotti sono stati un totale fallimento.

 

«In questo momento ci sono governi che abbiamo cercato di contattare … attraverso le ambasciate a Washington. Ogni Paese… e nessuno vuole prenderseli».

 

«Il problema in molti Paesi è che le persone non vogliono i vaccini».

 

I commenti di Bancel arrivano pochi giorni dopo che Bloomberg ha riferito che i funzionari sanitari dell’UE vogliono modificare i contratti con Pfizer e altri produttori di vaccini al fine di ridurre le forniture.

 

In una lettera congiunta della Commissione UE è possibile leggere che «alcuni paesi stanno cercando di modificare i cosiddetti accordi di acquisto anticipato firmati con i produttori, poiché la domanda di vaccini diminuisce e i budget sono messi a dura prova dalle ricadute della guerra in Ucraina e dai costi di accoglienza dei rifugiati».

 

«L’adeguamento degli accordi con i fornitori potrebbe garantire agli Stati membri il diritto di “riprogrammare, sospendere o annullare del tutto le consegne di vaccini con una breve durata”, hanno scritto i primi ministri di Estonia, Lettonia e Lituania in una lettera congiunta alla presidente della Commissione Ursula Von Der Leyen alla fine del mese scorso» scrive la testata economica di Nuova York.

 

Nel frattempo, in una lettera separata il ministero della salute della Bulgaria ha chiesto un «dialogo aperto» con la commissione e le aziende farmaceutiche, sostenendo che l’attuale accordo costringe gli Stati membri ad «acquistare quantità di vaccini di cui non hanno bisogno».

 

Come riportato da Renovatio 21, già dai primi mesi della campagna globale era divenuto chiaro come ad esempio i Paesi africani rifiutassero la vaccinazione COVID. Può darsi che le élite locali spingessero per l’immunizzazione, ma non di certo la popolazione africana, come dimostrano le quantità di dosi donate da Paesi stranieri e programmi vaccinali vari dei Gates rimaste inutilizzate.

 

Prima di Moderna, Stéphane Bancel fu CEO della società francese BioMérieux, posseduta da Alain Merieux, considerato amico personale di Xi Jinping, che visità il laboratorio BSLM4 di BioMerieux a Lione nel 2014.

 

Secondo quanto appreso, i cinesi avrebbero contattato i francesi per la costruzione del laboratorio di Wuhan, il primo BSL4 del Paese, nel 2004.

 

Il suo progetto, iniziato nel 2003, è stato realizzato in collaborazione con la Francia. Parte del personale dei biolab di Wuhano ha ricevuto una formazione presso il laboratorio P4 Jean Mérieux a Lione. Nel febbraio 2017, il primo ministro francese Bernard Cazeneuve, accompagnato dal ministro francese degli Affari sociali e della salute Marisol Touraine, e Yves Lévy, presidente dell’INSERM, hanno preso parte alla cerimonia di accreditamento del laboratorio a Wuhan.

 

Su un documento datato 2014 della Fondazione Mérieux ancora visibile in rete della Fondazione Merieux è possibile leggere che la crisi dell’Ebola, insieme «alla visita presidenziale cinese a Lione ha reso possibile di accelerare il completamento del laboratorio BSL4 in Cina come parte di una cooperazione sino-francese senza precedenti».

 

Nel 2011, dopo aver lavorato in BioMerieux, il Bancel divenne CEO di Moderna, di cui possiede il 9% delle azioni, che oggi valgono almeno un miliardo.

 

La carriera di Bancel è insomma segnata dal coronavirus: prima nella società che aiuterà i cinesi a costruire il laboratorio di Wuhano, poi nel Massachusetts nella società che per il virus di Wuhano, in teoria, dovrebbe aver trovato il vaccino.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il capo di Pfizer: «microchip biologici dentro ai farmaci». Ecco il Grande Reset

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Pfizer al World Economic Forum di Davos parla di farmaci dotati di microchip ingeribili.

 

Albert Bourla, l’oramai notissimo veterinario greco-ebreo-americano a capo del colosso farmaceutico del vaccino COVID mRNA, ha annunziato al consesso organizzato in questi giorni dal guru del Grande Reset Klaus Schwab questa innovazione biomedica.

 

Si tratterebbe, al momento, di un farmaco che segnalerebbe ai sistemi informatici di essere stato assunto dal cittadino.

 

 

«Imagine the compliance», dice il Bourla: immaginate l’obbedienza. Chiaramente, parlando di obbedienza, egli lascia capire che il suo cliente non è il paziente, ma lo Stato moderno che ha reso ogni suo cittadino un paziente, se non una cavia obbligata a farmaci sperimentali sconosciuti.

 

C’è poco da aggiungere, se non ricordare che al WEF di Davos, il regno di Klaus Schwabbo e del Grande Reset, questa solfa in realtà è stata già ascoltata.

 

Basta riportare alla mente le parole di una delle figure più gettonate del «partito di Davos», il filosofo Yuval Harari.

 

«Ciò che abbiamo visto finora è che aziende e governi raccolgono dati su dove andiamo, chi incontriamo, quali film guardiamo» teorizza il pensatore gay israeliano. «La fase successiva è la sorveglianza sotto la nostra pelle».

 

 

«In precedenza, la sorveglianza era principalmente sopra la pelle. Ora sta andando sotto la pelle. I governi vogliono sapere non solo dove andiamo o chi incontriamo. Vogliono soprattutto sapere cosa sta succedendo sotto la nostra pelle».

 

Importante l’ammissione per cui «Il COVID è fondamentale perché questo è ciò convince le persone. ad accettare, a legittimare la sorveglianza biometrica totaleSe vogliamo fermare questa epidemia, non dobbiamo solo monitorare le persone. Dobbiamo monitorare cosa sta succedendo sotto la pelle».

 

Come riportato da Renovatio 21, lo stesso Schwab ha parlato di «Quarta Rivoluzione Industriale» come «fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica» ottenibile con l’impianto di chip cerebrali con cui controllare l’animo del pubblico, e ridefinire il controllo ad esempio dei viaggi internazionali grazie a «scansioni» cerebrali per i passeggeri in aeroporto: «anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo

 

 

In pratica, si tratta di discussioni su nuovi strumenti di sottomissione.

 

E mica si vergognano a parlarne pubblicamente, anzi.

 

Come riportato da Renovatio 21, Bourla – il cui peso politico gli permette incontri secretati con il capo della UE e con il papa –  ha recentemente dichiarato di ricevere brief da CIA e FBI sulle forze contrarie alla vaccinazione. I «no vax» sono stati definiti da Bourla come criminali.

 

In realtà, si tratta solamente persone che non offrono la loco compliance, cioè la loro obbedienza. Cittadini di tutto il mondo che non vogliono essere né cavie, né schiavi, né bestie chippate.

 

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

La FDA limita l’uso del vaccino J&J per un raro disturbo della coagulazione del sangue

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Giovedì la FDA ha imposto limiti rigorosi all’uso del vaccino COVID-19 Johnson & Johnson (J&J) , citando il rischio di una condizione di coagulazione del sangue che l’agenzia ha descritto come «rara e potenzialmente pericolosa per la vita».

 

In una dichiarazione giovedì, la FDA ha affermato che il rischio che i destinatari del vaccino sviluppino trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS) dopo aver ricevuto il vaccino «garantisce la limitazione dell’uso autorizzato del vaccino».

 

L’agenzia ha descritto la TTS come «una sindrome di coaguli di sangue rari e potenzialmente pericolosi per la vita in combinazione con bassi livelli di piastrine nel sangue con insorgenza di sintomi circa una o due settimane dopo la somministrazione del vaccino Janssen [J&J] COVID-19».

 

Peter Marks, MD, Ph.D., direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha affermato che limitare l’uso autorizzato del vaccino Janssen «dimostra la solidità dei nostri sistemi di sorveglianza della sicurezza e il nostro impegno nel garantire che la scienza e i dati guidino il nostro decisioni».

 

Tuttavia, Brian Hooker, Ph.D., PE, Chief Scientific Officer di Children’s Health Defense e professore di biologia alla Simpson University, avrebbe una visione diversa della notizia.

 

«Sembra che la FDA renda omaggio al fatto che la proteina spike può causare la coagulazione e alle diffuse segnalazioni di coagulazione, punendo Janssen, che è diventato il “capro espiatorio” dei produttori di vaccini COVID-19 durante la pandemia», ha detto Hooker.

 

La decisione arriva circa cinque mesi dopo che il CDC ha raccomandato i vaccini mRNA Moderna e Pfizer rispetto a J&J per le dosi di richiamo.

 

Nell’aprile 2021, le agenzie sanitarie federali hanno sospeso la distribuzione del vaccino di J&J per indagare sui casi segnalati di disturbi della coagulazione del sangue che si verificano in coloro che hanno ricevuto l’iniezione. Ma le autorità di regolamentazione hanno revocato la pausa 10 giorni dopo e hanno aggiunto un avviso alle istruzioni per il suo utilizzo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 6 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari