Connettiti con Renovato 21

Epidemie

La resurrezione delle pesti

Pubblicato

il

 

 

 

Il lettore conoscerà quel marchio di avveniristiche automobili chiamato Tesla. Esse non hanno motore endotermico, dispongono della guida autonoma (compresa la funzione, comoda e al momento senza grande ostacoli regolatori, di uscire da sole dal garage), e pure della possibilità di accelerare come nemmeno una Lamborghini in quello che è detto «Insane mode» (c’è anche, per i più fortunati, il «Ludicrous mode», ancora più impressionante).

 

Ebbene, se qualcuno volesse farsi un giro sul sito della Tesla, scoprirebbe una ulteriore incredibile caratteristica: per i modelli più costosi è previsto infatti un optional , come dire, apocalittico.

 

«Sistema di filtraggio dell’aria: Model S dispone di un sistema unico di filtraggio dell’aria di qualità HEPA, che rimuove almeno il 99,97% del particolato esausto eliminando polline, batteri, virus e inquinamento. Il sistema HEPA che assicura una “difesa contro armi biologiche” protegge te e i tuoi i passeggeri garantendo nell’abitacolo un’ambiente di qualità clinica». [sic, l’orrendo apostrofo errato è sul sito].

Nel video di Casaleggio Gaia la democrazia elettronica, grande sogno tecnocratico casaleggesco, arrivava solo dopo che una guerra batteriologica aveva spazzato via tutta la popolazione globale lasciandone un miliardo

 

Non è la prima volta che agli abbienti scappa questa strana chiacchiera della guerra biologica. Ricordate il video di Casaleggio Gaia? Lì la democrazia elettronica, grande sogno tecnocratico casaleggesco, arrivava solo dopo che una guerra batteriologica aveva spazzato via tutta la popolazione globale lasciandone un miliardo.

 

Quando emerse il filmato, dalla Casaleggio Associati partirono getti d’acqua per spegnere il fuoco. Ma no, si tratta di pura fantasia.

 

Tuttavia in una inchiesta de L’Espresso emerse poco dopo un dettaglio molto indicativo: Grillo voleva investire sulla costruzione di un villaggio turistico in Costa Rica che, recitava il sito, metteva a riparo dalla guerra biologica.

 

Grillo voleva investire sulla costruzione di un villaggio turistico in Costa Rica che, recitava il sito, metteva a riparo dalla guerra biologica

«Ogni abitazione sarà dotata di un bunker antiatomico», si leggeva nella presentazione del progetto sotto la voce sicurezza, «fornito di particolari filtri depuratori progettati per difendersi da contaminazioni chimiche, biologiche e batteriologiche».

 

Insomma, Grillo e Casaleggio all’imminente pandemia di sterminio ci credevano proprio.

 

C’è da capirli, abbiamo passato i primi anni 2000 a sentire prospettive di catastrofe virale (H5N1, H1N1), con editoriali sui giornaloni che parlavano impunemente di crollo dei mercati (gli stessi mercati che oggi in teoria cascano per colpa del governo gialloverde) e granitico ritorno dei confini nazionali.

Un fotogramma del video della Casaleggio Associati Gaia, the future of politics

 

Come noto, non accadde nulla: se non, dietro le quinte, qualche impennata nei fatturati dei produttori di vaccini, comprati a manbassa dai sistemi sanitari Stati nazionali.

 

Tuttavia non era questo l’obiettivo: era che l’opinione pubblica andava, come dire, «vaccinata».

 

Il messaggio arrivò: la grande pandemia globale, con o senza sforzo militare, può accadere.

 

Nel frattempo, ci direbbero sotto siero della verità, guardatevi qualcuno dei tanti film di zombie che stanno producendo: è quello che vi faremo, vi ridurremo con la motosega.

 

Ma andiamo con ordine.

 

La resurrezione del vaiolo

Ad inizio anno, all’Università dell’Alberta il dottor David Evans ha sintetizzato l’Horsepox, un virus che era sparito del tutto, e che è cugino di Smallpox: il virus del vaiolo.

Uno strano segno lo abbiamo avuto quando ad inizio anno, all’Università dell’Alberta il dottor David Evans sintetizzò l’Horsepox, un virus che era sparito del tutto, e che è cugino di Smallpox: il virus del vaiolo.

 

I dottori decisero pure di pubblicare la loro prodezza. Fioccarono le critiche: fare l’horsepox in laboratorio ha messo in pericolo il pubblico rivelando fondamentalmente la ricetta di come in qualsiasi laboratorio si potrebbe produrre il vaiolo da utilizzare come arma biologica.

 

Il dottor Evans ha risposta in modo semplice: volevo studiare il virus, e non c’era altra via se non sintetizzarlo. La hybris della Biologia Sintetica è piuttosto piatta.

Fare l’horsepox in laboratorio ha messo in pericolo il pubblico rivelando fondamentalmente la ricetta di come in qualsiasi laboratorio si potrebbe produrre il vaiolo da utilizzare come arma biologica

 

David Evans e il suo collaboratore Ryan Noyce

 

 

Poi ha cominciato a tirare fuori la storia di un nuovo vaccino, di cui il mondo, per la verità, non sente il bisogno.

 

Evans avrebbe potuto fare ricerche su un esemplare di horsepox raccolto in natura, ma non perseguì quell’alternativa. Usare il virus naturale – dice lo scienziato – avrebbe pouto impedire  alla compagnia farmaceutica con cui sta lavorando di commercializzare questo nuovo vaccino per il vaiolo.

Usare il virus naturale – dice lo scienziato – avrebbe pouto impedire  alla compagnia farmaceutica con cui sta lavorando di commercializzare questo nuovo vaccino per il vaiolo

 

Per la Tonix, la farmaceutica con cui sta lavorando Evans, sarebbe più commercializzabile un vaccino ottenuto da virus sintetico invece che uno ottenuto da virus naturale.

 

Se il virus della horsepox di Tonix viene approvato dalla Food and Drug Administration come vaccino contro il vaiolo, l’azienda potrebbe ottenere un lucroso premio: un buono speciale che il governo dà alle aziende che hanno sviluppato contromisure mediche contro potenziali minacce alla sicurezza.

La libertà con cui si possono preparare nuovi patogeni è estrema. Farmaceutiche, enti e governi ci manovrano sopra in continuazione.

 

La libertà con cui si possono preparare nuovi patogeni è estrema. Farmaceutiche, enti e governi ci manovrano sopra in continuazione.

 

Il bioterrore è a portata: di tutti. Ora.

E tutto mentre malattie che si pensavano debellate, come appunto degli zombie, risorgono misteriosamente e sono assetate di sangue.

 

La resurrezione della polio

Il Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie USA (il leggendario CDC) ha finora registrato 127 casi sospetti di un disturbo del sistema nervoso simile alla poliomielite che può causare la paralisi, dando via un’indagine sull’epidemia di questa malattia rara. Di questi 127, 62 casi in 22 Stati sono confermati come mielite flaccida acuta (AFM). Essa colpisce in genere i bambini e può causare debolezza muscolare o paralisi, insufficienza respiratoria e persino la morte.

Al momento, sono colpiti in particolare Minnesota e Colorado.

 

L’AFM colpisce il midollo spinale, compromettendo la funzione muscolare e i riflessi, secondo il CDC. La debolezza delle braccia e delle gambe sono sintomi comuni, ma la malattia può anche comportare debolezza facciale; difficoltà a deglutire, parlare e orinare; può provocare inoltre intorpidimento, e formicolio.

 

Vi era nel vaccino antipolio, tuttavia, un dono inaspettato. Già nel 1960 trovarono che le cellule renali di Macaco contenute nel vaccino (animalisti, vegetariani: siete stati avvisati) presentavano una singolare sorpresa: erano affette dal Simian Virus 40 (SV-40), un virus naturalmente contenuto nel corpo delle scimmie, alle quali parrebbe non produrre alcun danno.

La condizione può diventare pericolosa per la vita quando i muscoli coinvolti nella respirazione diventano così deboli che il paziente va in insufficienza respiratoria, o quando la malattia innesca gravi complicazioni neurologiche. Alcuni pazienti guariscono completamente, mentre altri vedono un danno neurologico duraturo.

 

Si tratta di una nuova polio? In sé, non sarebbe nemmeno la cosa peggiore, rispetto a ciò che potrebbe seguirne dopo, quando scienziati e manager di Big Pharma si occupano della cosa.

 

La polio, c’è da ricordare, fu oggetto della più massiva campagna di vaccinazione del secolo XX. Nel dopoguerra, i dottori Jonas Salk ed Albert Sabin ottennero un vaccino per via intramuscolo (1954) e uno per via orale (1962).

 

Albert Sabin, ebreo russo polacco emigrato negli USA, passa alla storia come benefattore dell’umanità, rinunciando ad un patent sul vaccino che lo avrebbe reso ultramiliardario. «Tanti insistevano che brevettassi il vaccino, ma non ho voluto. È il mio regalo a tutti i bambini del mondo».

 

Grazie ai vaccini la polio è stata eradicata, è la versione che leggerete sui giornali e sui manuali di medicina: solo 223 casi nel 2013.

 

Vi era nel vaccino antipolio, tuttavia, un dono inaspettato. Già nel 1960 trovarono che le cellule renali di Macaco contenute nel vaccino (animalisti, vegetariani: siete stati avvisati) presentavano una singolare sorpresa: erano affette dal Simian Virus 40 (SV-40), un virus naturalmente contenuto nel corpo delle scimmie, alle quali parrebbe non produrre alcun danno.

Il virus SV40

 

I problemi insorgono quando l’SV-40 esce dal suo ambiente per essere iniettato in altre speci. Nel 1961 si trovarono evidenze di come l’SV-40 creasse tumori se iniettato nei topi.

 

Studi a cavallo del 2000 – tanto ci volle perché qualcuno osasse intraprenderli: 40 anni – correlarono la presenza dell’SV-40 contratto con la vaccinazione anti-polio a forme di tumore pure negli esseri umani: cervello, scheletro, mesotelioma,  linfoma non Hodgkin. La questione, dice persino la Treccani online, c’è ma è «tuttora controverso il ruolo del SV-40 nell’insorgenza di alcuni tumori umani (mesoteliomi, osteosarcomi)».

 

Vennero infettati con l’SV-40 dai 10 a 30 milioni di vaccinati americani. Ma anche in Unione Sovietica, Cina,Giappone e in Africa c’è il sospetto che la popolazione ne sia infetta.

Vennero infettati con l’SV-40 dai 10 a 30 milioni di vaccinati americani. Ma anche in Unione Sovietica, Cina,Giappone e in Africa c’è il sospetto che la popolazione ne sia infetta.

 

Qualcuno tira fuori cifre-monstre con centinaia di milioni di infetti al mondo. Capite a questo punto come l’immagine delle apocalissi-zombie sia estremamente concreta: il mondo intero è contaminato.

 

Sparisce la polio, parte l’epidemia globale del cancro. Grazie alle vaccinazioni.

Aggiungiamo anche questa leccornia, che approfondiremo magari un’altra volta: la teoria, messa a tacere a suon di querele milionarie delle farmaceutiche contro giornalisti e ricercatori, secondo cui l’HIV – cioè il virus responsabile dell’epidemia mondiale di AIDS – nasce dalla contaminazione del vaccino orale antipolio di Sabin con un il virus degli scimpanzé SIVcpz, cioè il primo progenitore del virus HIV-1.

È così?

 

No, è peggio: ora pare che ritorni persino la polio. E con essa, chissà quali vaccini, e quindi, chissà quali altre malattie che questi portano.

Il virus Ebola

 

La resurrezione di Ebola

In questo 2018, c’è stato un altro focolaio di Ebola in Congo. Eterno, immancabile babau di Ebola. Ecco che l’Organizzazione Mondiale della Sanità lancia il suo numero: colpite 1.500 persone.

 

L’OMS sostiene che sono state potenzialmente esposte al virus mortale dell’Ebola nella regione del Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo, luoghi piagati dalla presenza di milizie locali e quindi difficilmente accessibili agli operatori umanitari. Non è stato quindi possibile identificare tutte le catene con cui il virus si è trasmesso nella parte orientale del paese assediata dalla violenza delle milizie. In particolare, la regione è infestata dalle Allied Defence Forces, un gruppo ribelle islamista ugandese che negli ultimi quattro anni ha massacrato e ucciso  centinaia di civili.

 

L’idea di Ebola in mano agli islamisti dovrebbe mettere i brividi, e in effetti è nel plot della recente serie di Amazon Jack Ryan, ispirata al personaggio creato da Tom Clancy, dove l’incubo è appunto un gruppo jihadista che porta su suolo americano il tremendo virus africano dissotterrandolo nottetempo dai cadaveri dei cimiteri.

 

La realtà è un po’ diversa: gli USA i malati di Ebola se li portano in casa da soli. Per «curarli», ovviamente. Cioè: ti dicono, ce li portiamo attraverso l’Oceano, rischiando di scatenare una pandemia anche nel nostro continente. Perché siamo generosi.

La realtà è un po’ diversa: gli USA i malati di Ebola se li portano in casa da soli. Per «curarli», ovviamente. Cioè: ti dicono, ce li portiamo attraverso l’Oceano, rischiando di scatenare una pandemia anche nel nostro continente. Perché siamo generosi.

 

Anche un bambino capisce che l’interesse americano è il solo studio del patogeno che se da una parte è una minaccia civile dall’altra è una opportunità militare.

 

Si chiede un ex berretto verde sul sito SHTFPLAN: «Quando quei pazienti erano qui, pensi che Fort Detrick [dove si trova la principale struttura di ricerca di armi biologiche degli Stati Uniti, NdR] non abbia ricevuto campioni di sangue da questi pazienti?»

 

L’Africa nera (il caos del Congo, in ispecie), a pensarci bene, è un laboratorio splendido per testare armi biologiche: la gente nasce e muore nel nulla, le anagrafi sono un optional, il potere politico assente o corrotto all’inverosimile, la dignità umana un concetto inesistente.

L’Africa nera (il caos del Congo, in ispecie), a pensarci bene, è un laboratorio splendido per testare armi biologiche: la gente nasce e muore nel nulla, le anagrafi sono un optional, il potere politico assente o corrotto all’inverosimile, la dignità umana un concetto inesistente.

Tuttavia i militari americani hanno dimostrato di non disdegnare anche lo stesso suolo patrio per fare esperimenti batteriologici: ad esempio, con il  rilascio del Bacillus subtilis (1960) che gocciolava dalle lampadine della metropolitana di Manhattan per «testare» la diffusione di microrganismi in strutture di transito civile di massa come metropolitane e autobus; una cosa accaduta solo pochi anni fa.

 

Oppure l’Operazione Sea-Spray, cioè l’esperimento segreto della Marina Militare degli Stati Uniti (1950) in cui i batteri Serratia marcescens e Bacillus globigii venivano spruzzati sulla baia di San Francisco in California. Oppure la diffusione segreta, nel maggio 1965, del Bacillus globigii presso l’aeroporto nazionale di Washington e il suo terminal dei Greyhound, gli autobus a lunga percorrenza: più di 130 passeggeri furono esposti ai batteri, viaggiando in 39 città in sette Stati nelle due settimane seguenti al finto attacco.

 

Aggiungete tutte le volte in cui Washington ha testato armi nucleari e biologiche abusando i suoi soldati e civili.

 

I militari americani hanno dimostrato di non disdegnare anche lo stesso suolo patrio per fare esperimenti batteriologici

Il lettore può immaginare quale strage per la popolazione se una versione bioingegnerizzata di Ebola finisse oggi negli aeroporti, nelle metropolitane, sugli autobus, come il governo americano già faceva prima nei ben meno feroci anni Cinquanta.

 

Ci sono tanti film catastrofici sull’argomento: compresi soprattutto le loro declinazioni horror, quelle con gli zombie.

 

Ma perché auspicare il ritorno della peste?

Perché essenzialmente l’epidemia, e ancor di più la sua componente emotiva principale – la paura – è un grande strumento di ingegneria sociale.

 

Shock and Cull

Perché essenzialmente l’epidemia, e ancor di più la sua componente emotiva principale – la paura – è un grande strumento di ingegneria sociale.

 

Uno shock sistemico ottenuto tramite epidemia – lo sapeva Casaleggio che sognava la peste che avrebbe reso possibile un mondo largamente depopolato e controllato dai computer, lo sa il suo ministro Giulia Grillo che ieri ha parlato di «Epidemia di morbillo» per estendere le vaccinazioni agli adulti – permette una riconfigurazione integrale della società, delle mansioni dello Stato e della sensibilità umana stessa.

L’influenza spagnuola

 

Un recente articolo apparso sulla BBC lodava il potere trasformativo avuto dall’Influenza Spagnola di inizio Novecento.

 

«L’influenza spagnola è emersa mentre il mondo si stava riprendendo da anni di guerra globale. Avrebbe avuto effetti sorprendenti e di ampia portata».

 

Uno degli effetti fu la creazione dei Servizi Sanitari Nazionali. «A partire dagli anni ’20, questo cambiamento cognitivo ha cominciato a riflettersi nei cambiamenti alla strategia di salute pubblica. Molti paesi hanno creato o riorganizzato i loro ministeri della salute, istituito sistemi migliori di sorveglianza delle malattie e adottato il concetto di medicina socializzata – assistenza sanitaria gratuita per tutti».

Uno degli effetti dell’influenza spagnolo fu la creazione dei Servizi Sanitari Nazionali

 

Se vogliamo leggerlo in altro modo, possiamo dire che questo paradigm shift investe anche la Chiesa: da padrona di cliniche ed ospedali, l’arrivo dello Stato nazionale ne diluisce la presenza in ambito sanitario sino a farla scomparire.

 

Si tratta quindi dell’implementazione di un fato di secolarizzazione della malattia. La religione perde il presidio materiale del luogo dove il fedele sperimenta direttamente il male e la morte, per la felicità di quelle forze che, oltre che a odiare la religione, ritengono che solo il piacere sia la dimensione che l’uomo deve ricercare. I danni alla Chiesa, da un punto di vista di Apostolato, sono incalcolabili.

 

Davanti allo shock, tutte le carte in tavola si possono cambiare. E la morte e la malattie, da fatti di mistero religioso, divengono questioni statali.

Si tratta quindi dell’implementazione di un fato di secolarizzazione della malattia. La religione perde il presidio materiale del luogo dove il fedele sperimenta direttamente il male e la morte, per la felicità di quelle forze che, oltre che a odiare la religione, ritengono che solo il piacere sia la dimensione che l’uomo deve ricercare

 

Ma c’è da discutere anche della mira precisa che ebbe la pandemia. «L’influenza è stata a volte definita una malattia democratica, ma nel 1918 era tutt’altro. Ad esempio, se avessi vissuto in alcune parti dell’Asia, avresti avuto 30 volte più probabilità di morire che se vivessi in alcune parti d’Europa».

 

A morire insomma erano, come da darwinismo sociale britannico, i poveri.

 

Nello stato americano del Connecticut, ad esempio, il nuovo gruppo di immigrati – gli italiani – subì le peggiori perdite. A Rio de Janeiro, allora capitale del Brasile, le favela furono infettate completamente. A Parigi, enigmaticamente, all’apparenza,  la più alta mortalità registrata in alcuni dei quartieri più ricchi, ma si trattava delle cameriere oberate di lavoro che dormivano nelle fredde chambres de bonne in genere situati nei sottotetti.

 

E la morte e la malattie, da fatti di mistero religioso, divengono questioni statali

In tutto il mondo, i poveri, gli immigrati e le minoranze etniche erano più sensibili – non  perché erano costituzionalmente inferiori, come gli eugenetisti amavano sostenere, ma perché erano più propensi a mangiare male, a vivere in condizioni affollate, a soffrire altre malattie di base e avere scarso accesso all’assistenza sanitaria.

 

«Le cose non sono cambiate molto – è l’amara considerazione degli inglesi – uno studio sulla pandemia di influenza del 2009 in Inghilterra ha mostrato che il tasso di mortalità nel quinto più povero della popolazione era triplo rispetto a quello più ricco».

 

È il grande cull, parola poco traducibile in italiano: sfoltimento, abbattimento… È così che è chiamata la contrazione della popolazione terrestre programmata dai potenti.

È il grande cull, parola poco traducibile in italiano: sfoltimento, abbattimento… È così che è chiamata la contrazione della popolazione terrestre programmata dai potenti.

 

Come da imperativo malthusiano, in assenza di guerre, solo la malattia può riportare equilibrio nell’universo.

 

Se volete, è il tema del più grande kolossal dell’anno, Avengers: Infinity Wars, dove il cattivone Thanos, che in realtà è il vero protagonista, vuole dimezzare la vita nell’universo per evitare sofferenze e carestie dovute alla mancanza di risorse. «Thanos non fa nulla di male» è stato il grido che si è levato dai millennial.

 

Una generazione cresciuta per amare la morte ed odiare la vita, una lost generation più di quella uscita dalla guerra o dall’Influenza Spagnola, totalmente incapace di vedere il piano sottostante.

 

Stordirci per eliminarci. Le grandi epidemie paventate in ogni momento – dalla super-gonorrea ai superbatteri antibiotico-resistenti servono a questo.

Stordirci per eliminarci. Le grandi epidemie paventate in ogni momento – dalla super-gonorrea ai superbatteri antibiotico-resistenti servono a questo.

 

Nel frattempo, procede la scansione genomica della popolazione, soprattutto quella bianca: «Entro due o tre anni, il 90% degli americani di origine europea sarà identificabile dal loro DNA».

 

La tecnologia genetica, anche come semplice censimento, aiutata dal narcisismo dell’era dei social media per il quale gli americani mandano a compagnie private il loro DNA, mostra il suo lato huxleyano di strumento di controllo sociale.

 

Ma di questo parleremo in un prossimo articolo.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

Articolo precedentemente apparso su EFFEDIEFFE.

Continua a leggere

Epidemie

La pandemia ha rovinato la salute mentale dei bambini. Che non hanno dove andare

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Gli esperti medici di tutto il Paese affermano che la salute mentale dei bambini si è deteriorata durante la pandemia, con un gran numero di bambini che hanno occupato i letti nei pronto soccorso a causa della carenza di collocamenti, fornitori e risorse per combattere la crisi.

 

 

Dall’inizio della pandemia, gli ospedali pediatrici in tutto il paese hanno registrato un aumento «astronomico» del numero di bambini che necessitano di assistenza per la salute mentale.

 

A peggiorare le cose, gli ospedali che hanno faticato a soddisfare la domanda di servizi di salute mentale prima della pandemia ora si trovano a che fare con ancora meno risorse, come letti, fornitori, terapisti e consulenze, grazie al COVID.

 

La salute mentale tra i giovani si è deteriorata durante la pandemia quando i lockdown hanno aumentato i conflitti familiari e le scuole chiuse hanno lasciato i bambini isolati dalle attività e dai loro coetanei.

 

Una media di cinque bambini alla settimana sono stati ammessi all’ospedale universitario della scuola di medicina presso la East Carolina University di Greenville, nella Carolina del Nord, per overdose di paracetamolo, oppiacei, antidepressivi e Ritalin

Secondo il Washington Post, dal giugno dello scorso anno alla tarda primavera 2021, una media di cinque bambini alla settimana sono stati ammessi all’ospedale universitario della scuola di medicina presso la East Carolina University di Greenville, nella Carolina del Nord, per overdose di paracetamolo, oppiacei, antidepressivi e Ritalin.

 

Normalmente, l’ospedale vede solo cinque bambini al mese.

 

A maggio, l’ospedale pediatrico del Colorado ha dichiarato lo «stato di emergenza» poiché i bambini trattati per l’ansia sono raddoppiati, il numero di casi di depressione è triplicato e l’abuso di sostanze e i disturbi alimentari sono aumentati rispetto ai livelli pre-pandemia.

 

«Non abbiamo mai visto nulla di simile a questa rapida crescita nei bambini che presentano problemi di salute mentale e la gravità di tali problemi», ha affermato Jenna Glover, direttrice della formazione psicologica presso il Children’s Hospital Colorado. «Non l’ho mai visto in tutta la mia carriera».

 

Altri ospedali hanno registrato aumenti ancora maggiori. A gennaio, il Wolfson Children’s Hospital di Jacksonville, in Florida, ha registrato un aumento del 300% del numero di ricoveri di emergenza sanitaria comportamentale da aprile 2020.

 

A maggio, l’ospedale pediatrico del Colorado ha dichiarato lo «stato di emergenza» poiché i bambini trattati per l’ansia sono raddoppiati, il numero di casi di depressione è triplicato e l’abuso di sostanze e i disturbi alimentari sono aumentati rispetto ai livelli pre-pandemia.

Da gennaio ad aprile 2021, le visite del dipartimento di emergenza sanitaria comportamentale sono aumentate del 72% rispetto allo stesso periodo di due anni fa, ha affermato l’ospedale.

 

Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno riscontrato che le visite al pronto soccorso per sospetti tentativi di suicidio durante febbraio e marzo del 2021 erano superiori di oltre il 50% per le ragazze adolescenti rispetto al 2019 e di oltre il 4% per i ragazzi.

 

«Nell’ultimo anno, c’è stata una valanga di bambini e adolescenti fortemente depressi e ansiosi», ha detto la psichiatra infantile di San Francisco Michelle Guchereau. È «straziante» e «sconvolgente» dover voltare le spalle ad alcuni, ha detto.

 

Da aprile a ottobre 2020, gli ospedali statunitensi hanno registrato un aumento del 31% dei ragazzi dai 12 ai 17 anni in cerca di aiuto per la loro salute mentale e un aumento del 24% per i ragazzi dai 5 agli 11 anni.

«Non abbiamo mai visto nulla di simile a questa rapida crescita nei bambini che presentano problemi di salute mentale e la gravità di tali problemi»

 

Nel marzo di quest’anno, il Seattle Children’s Hospital ha riferito di aver visitato uno o due pazienti ogni notte per tentato suicidio. L’ospedale ha ospitato i bambini nel pronto soccorso perché non c’erano letti disponibili in psichiatria pediatrica.

 

Un rapporto dello stato del Massachusetts ha mostrato che il 39% dei pazienti pediatrici che si sono presentati al pronto soccorso per problemi di salute mentale nel 2020 ha occupato i letti del pronto soccorso a causa dell’indisponibilità di letti in pediatria.

 

Durante la pandemia, l’Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital di Chicago ha raggiunto quello che la dottoressa Jennifer Hoffmann, medico di medicina d’urgenza, ha definito un «punto di crisi». Ci sono state così tante visite al pronto soccorso legate alla salute mentale che ha attivato una risposta solitamente riservata alla gestione dei disastri.

 

«Consente il coordinamento al più alto livello di leadership per affrontare la crisi della salute mentale tra i bambini», ha affermato Hoffmann.

 

L’ospedale di Hoffmann doveva anche collocare i bambini nel pronto soccorso o ricoverarli in letti medici, dove a volte aspettavano giorni prima che fosse disponibile un letto in degenza psichiatrica.

Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno riscontrato che le visite al pronto soccorso per sospetti tentativi di suicidio durante febbraio e marzo del 2021 erano superiori di oltre il 50% per le ragazze adolescenti rispetto al 2019 e di oltre il 4% per i ragazzi.

 

Il Dr. John Walkup, presidente del Pritzker Department of Psychiatry and Behavioral Health presso l’ospedale, ha affermato che la pandemia ha esacerbato i problemi di accesso preesistenti.

 

«Negli Stati Uniti non abbiamo mai avuto un sistema di salute mentale adeguato per i bambini – mai – quindi prendi un sistema inadeguato per cominciare, e poi all’improvviso, metti i bambini che sono a rischio elevato… in una condizione molto difficile. E ora hai una crisi degli accessi», ha detto Walkup.

 

Molti dei bambini dell’ospedale di Walkup curati al pronto soccorso avevano un problema di salute mentale che non è mai stato diagnosticato o che è stato trattato in modo inadeguato prima della pandemia. Ora, quando cercano aiuto, non possono ottenere un appuntamento regolare con un terapeuta. Anche prima della pandemia, gli studi hanno dimostrato che a volte possono volerci mesi per ottenere un primo appuntamento.

Nel marzo di quest’anno, il Seattle Children’s Hospital ha riferito di aver visitato uno o due pazienti ogni notte per tentato suicidio. L’ospedale ha ospitato i bambini nel pronto soccorso perché non c’erano letti disponibili in psichiatria pediatrica.

 

«Quei ragazzi, quando togli la scuola, il sostegno familiare, il sostegno al reddito, il sostegno alimentare, il sostegno alla casa o perdono un parente, quei bambini diventano davvero sintomatici in grande stile», ha detto Walkup.

 

Zach Zaslow, direttore senior degli affari governativi presso il Children’s Hospital Colorado, ha affermato che il suo ospedale finisce per accogliere i bambini nel pronto soccorso o nell’unità di degenza, non perché sia il meglio per i bambini, ma perché «non c’è letteralmente nessun altro posto dove andare».

 

«A volte vengono trasferiti in strutture residenziali fuori dallo stato per ricevere le cure di cui hanno bisogno, il che divide le famiglie», ha raccontato Zaslow. «E può essere traumatizzante anche per i bambini».

 

 

Il Regno Unito sta vivendo una crisi simile

Il Regno Unito sta vivendo una simile crisi di salute mentale pediatrica, con un terzo dei letti ospedalieri di emergenza in alcune parti dell’Inghilterra ora occupati da bambini vulnerabili che non hanno bisogno di cure mediche urgenti ma non hanno nessun altro posto dove andare, affermano gli specialisti.

 

I medici affermano di sentirsi come costose «babysitter» per i bambini vulnerabili, molti dei quali sono in cura ma le permanenze si sono dovute interrompere a causa del loro comportamento violento e autolesionista.

 

Un rapporto dello stato del Massachusetts ha mostrato che il 39% dei pazienti pediatrici che si sono presentati al pronto soccorso per problemi di salute mentale nel 2020 ha occupato i letti del pronto soccorso a causa dell’indisponibilità di letti in pediatria.

Altri presentano gravi disturbi dello sviluppo neurologico o dell’alimentazione e necessitano di cure specialistiche non disponibili nei normali reparti pediatrici, dove rimangono «bloccati», a volte per mesi.

 

La polizia è sempre più coinvolta nell’aiutare a trattenere i bambini, o a riportarli indietro quando scappano, e i pediatri si occupano di bambini vulnerabili che non sono malati fisicamente ma hanno mostrato comportamenti così difficili da non poter essere accuditi in altri luoghi.

 

 

Più di due terzi delle contee degli Stati Uniti non hanno psichiatri

Secondo il Washington Post, il problema e i suoi effetti sono complessi.

 

Un articolo sull’Academic Pediatrics Journal ha esaminato gli ostacoli alla gestione dei problemi psicosociali dal 2004 al 2013, e ha scoperto che anche prima della pandemia i pediatri erano sopraffatti dalla cura dei bambini con problemi di salute mentale.

 

Gli psicologi hanno segnalato un aumento del 30% della domanda di servizi per i bambini sotto i 13 anni e un aumento del 16% per gli adolescenti. In un ospedale del Michigan, i ricoveri di adolescenti con disturbi alimentari sono più che raddoppiati durante la pandemia.

 

I medici affermano di sentirsi come costose «babysitter» per i bambini vulnerabili, molti dei quali sono in cura ma le permanenze si sono dovute interrompere a causa del loro comportamento violento e autolesionista

A partire dal 9 settembre, secondo i dati federali, più di 124 milioni di americani vivono in «aree con carenza professionale» per la salute mentale e il paese ha bisogno di almeno 6.500 professionisti in più per colmare le lacune.

 

Attualmente, negli Stati Uniti ci sono in media solo 9,75 psichiatri infantili ogni 100.000 bambini di età inferiore ai 19 anni. Lo scarso accesso a psichiatri infantili e adolescenziali è stato a lungo una preoccupazione sollevata da pediatri e famiglie. L’American Academy of Child and Adolescent Psychiatry ha affermato che abbiamo bisogno di più di quattro volte il numero attualmente disponibile.

 

I tempi di attesa per i nuovi appuntamenti possono essere di molti mesi e alle famiglie potrebbe essere richiesto di pagare di tasca propria o di percorrere lunghe distanze poiché gli psichiatri si trovano nelle grandi città. Più di due terzi delle contee degli Stati Uniti non hanno nemmeno uno psichiatra.

 

Altri presentano gravi disturbi dello sviluppo neurologico o dell’alimentazione e necessitano di cure specialistiche non disponibili nei normali reparti pediatrici, dove rimangono «bloccati», a volte per mesi.

Secondo il Guardian, le strutture che forniscono servizi di salute mentale per i bambini sono state sistematicamente indebolite e sottofinanziate dai successivi governi locali e nazionali, anche se i risultati positivi portano a una riduzione della domanda di servizi per adulti, che potrebbe far risparmiare notevoli spese al servizio sanitario nazionale del Regno Unito.

 

Coloro che hanno il potere di rivedere ed espandere il sistema di salute mentale semplicemente non lo stanno facendo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 9 settembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Il generale Figliuolo è indagato nel caso delle mascherine

Pubblicato

il

Da

 

 

Il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza COVID-19 scelto da Mario Draghi, sarebbe indagato all’interno dell’inchiesta della Procura di Roma sul capo di Stato maggiore Enzo Vecciarelli. Lo riporta Il Fatto Quotidiano.

 

Il generale di Squadra Aerea Vecciarelli, secondo la sintesi di Affari Italiani, sarebbe «accusato di corruzione per l’esercizio della funzione».

 

Secondo le accuse iniziali, Vecciarelli nella sua veste di pubblico ufficiale si sarebbe messo a disposizione di una società fornitrice di mascherine e macchinari per la produzione e il confezionamento di mascherine, agevolando lo sdoganamento di 600mila mascherine alle Forze Armate, in cambio Vecciarelli avrebbe ricevuto per se e i suoi familiari utilità consistite “nella donazione di generi alimentari e di 58 capi di abbigliamento”. E nel capo di imputazione si citano: “Abiti sartoriali, cappotti, vestito da sposa, giacche, camice e divise”».

 

«L’iscrizione di Figliuolo è un atto dovuto, a sua tutela» scrive il Fatto.

 

Sull’inchiesta, chiamata Minerva, « si tiene il massimo riserbo: da quel poco che trapela il generale non è mai finito direttamente nelle intercettazioni, ma sarebbero altri a far riferimento a lui nell’ambito di circostanze che riguardano però un periodo precedente alla sua nomina da parte del governo Draghi» scrive Affari Italiani.

 

«Nelle prossime settimane, la Procura di Roma depositerà una richiesta di archiviazione, nel frattempo però il commissario risulta ancora iscritto» anticipa il giornale.

 

Il generale Figliuolo, originario di Potenza come il ministro Speranza e il ministro Lamorgese, è stato nominato il 1º marzo 2021  commissario straordinario per l’emergenza COVID-19 dal neopremier Mario Draghi. Il generale subentrò così al precedente commissario, nominato nel corso del governo Conte bis, Domenico Arcuri.

 

Come riporta l’agenzia Adnkronos, anche Arcuri è stato indagato dalla Procura di Roma per la fornitura di mascherine provenienti dalla Cina. Tuttavia, per l’accusa di corruzione, la procura ha chiesto l’archiviazione.

 

 

 

 

Immagine di Esercito Italiano via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.5 Generic (CC BY 2.5); immagine modificata con ritaglio e ridimensionamento.

 

Continua a leggere

Epidemie

Virus scappato dal laboratorio di Wuhan? Tutto OK. Come con la Mucca Pazza

Pubblicato

il

Da

 

Siamo arrivati alla fase in cui la fuga del virus del laboratorio non è più un tabù, né un’ipotesi ardita, né un’ipotesi in genere. È un accadimento sensato, sul quale quasi sbadigliare.

 

Il Corriere della sera manda in stampa un articolo che certifica che «Non sarebbe la prima né l’ultima volta. Nella storia della medicina si contano migliaia se non milioni di fughe di microrganismi dai laboratori». Insomma, i cinesi non hanno fatto niente di male. I misteri del laboratorio pandemico sono ordinaria amministrazione.

 

Un articolo del Corriere: i cinesi non hanno fatto in fondo niente di male. I misteri del laboratorio pandemico sono ordinaria amministrazione.

È l’idea che uno può farsi leggendo l’intervista ad un ex direttore del dipartimento di neuroscienze dell’Istituto Superiore di Sanità.

 

Lo scienziato ha lavorato a lungo sulla malattia Creutzfeldt-Jakob, della quale un variante, nel 2001 è diventata encefalopatia spongiforme bovina (BSE), è cioè la ben nota «mucca pazza»

 

Dopo mesi e mesi in cui chi parlava di fuga dal laboratorio veniva bollato come idiota da deridere o pericolo complottista da censurare, ora se ne può dire con estrema nonchalance: «Non stupirebbe trovare la prova che il SARS-CoV-2 sia uscito fuori inavvertitamente dal centro di Wuhan dove si studiano i coronavirus» dice l’esperto ex ISS.

 

«Nessuna misura di contenimento, anche la più sofisticata, può azzerare il rischio». Insomma, dai, poche storie: può capitare.

 

«Nei centri di ricerca, anche in quelli ad altissima sicurezza, i cosiddetti P3 e P4, non è impossibile che un agente patogeno contamini l’operatore. Nel caso del SARS-2 non è fantascienza ipotizzare che durante una procedura un tecnico abbia inalato le particelle infette emesse, tanto per fare un esempio, durante la fase di centrifugazione di materiale infetto e che le cappe, nonostante siano dotate di chiusura ermetica, non fossero state azionate».

 

Quindi, attenzione: magari il COVID è pure uscito dal laboratorio, ma badate bene che il Partito Comunista Cinese – tanto amico di certi politici ed élite industriali dell’Italia odierna – è innocente fino a prova contraria.

 

«Può darsi che l’episodio non fosse noto alle autorità»

«Può darsi che l’episodio non fosse noto alle autorità. Un ricercatore che, supponiamo, dopo qualche giorno abbia sviluppato una forma influenzale, potrebbe non aver messo in relazione quei sintomi con un incidente a lui passato inosservato».

 

È piuttosto incredibile: di tutte le storie dell’insabbiamento operato dal governo di Pechino – come quelle, documentate con estrema precisione e pervicacia dalla giornalista australiana Sharri Markson – qui non fanno cenno. Del dottore morto dopo che aveva dato l’allarme, nemmeno. Dei blogger e giornalisti scomparsi, neanche. Tutto lascia pensare che, fuggito il virus, le autorità cinesi sapessero qualcosa non troppo tempo dopo la fuga – e hanno operato, dice qualche malizioso, forse addirittura per lasciare che il mondo intero si infettasse. Per non parlare di chi dice che il rilascio sia stato parte di un’operazione precisa: una teoria estrema che oggì è tabù, domani chissà…

 

Ma in fondo è inutile interrogarsi più di tanto, perché «la verità è difficile da ricostruire e mi riporto alla variante di Creutzfeldt-Jakob», dice il neuroscienziato ISS.

 

Vogliamo davvero mettere i tre casi della Creutzfeldt-Jakob con il contagio globale del COVID? Mezza manciata di incidenti di laboratorio con una catastrofe planetaria di cui non stiamo vedendo (per cause non solo virologiche, certo) la fine?

L’intervistato si riferisce ad un caso di fuga dal laboratorio della malattia.  Un problema che coinvolse « tre ricercatori. Di almeno due dei 3 casi siamo certi. Uno è stato descritto su New England Journal Medicine. Si parla di esposizione occupazionale in un tecnico che aveva maneggiato campioni di topo contaminato con l’agente infettivo che causa l’encefalopatia spongiforme bovina, la BSE, o con quello della variante di Creutzfeldt-Jakob. Poi sappiamo di una 24enne francese morta 19 mesi dopo essersi tagliata. E indossava due paia di guanti».

 

«È la conferma che tante volte nei rendiconti dei laboratori non si trova traccia di incidenti proprio in quanto possono passare inosservati anche al ricercatore».

 

È tutto vero. I virus possono scappare dai laboratori, vero. I virus possono scappare dai laboratori senza che nemmeno il ricercatore se ne renda conto, vero anche questo.

 

Tuttavia non possiamo non notare come la questione sia senza proporzione: vogliamo davvero mettere i tre casi della Creutzfeldt-Jakob con il contagio globale del COVID? Mezza manciata di incidenti di laboratorio con una catastrofe planetaria di cui non stiamo vedendo (per cause non solo virologiche, certo) la fine?

 

Da qualche parte qualcuno ha forse già ordinato che bisogna «normalizzare» l’ipotesi della fuga di laboratorio, preparare il pubblico al fine di non farne esplodere le ire quando la cosa sarà ammessa

Al di là delle parole dello specialista, l’impressione che si può trarre quando si leggono articoli impaginati così è che forse da qualche parte qualcuno abbia già ordinato che bisogna «normalizzare» l’ipotesi della fuga di laboratorio, preparare il pubblico al fine di non farne esplodere le ire quando la cosa sarà ammessa.

 

Qualche testata, mesi fa, ha dato notizia che la Cina starebbe preparando una dichiarazione di colpevolezza. Chiaramente, questo non sarebbe un atto di giustizia e sincerità spirituale, ma un calcolo precisissimo.

 

Renovatio 21 ha teorizzato che questo calcolo sarebbe fatto poggiando anche su un accordo con Washington. L’Afghanistan potrebbe essere una parte della contropartita. Un altra parte del patto potrebbe essere il futuro  di Taiwan.

 

La Cina potrebbe ammettere tutto, specie qualora le responsabilità americane (cioè, dell’ente sanitario guidato da Fauci) divenissero incontrovertibili, distribuendo così più equamente le colpe: noi cinesi lo abbiamo fatto scappare, ma ce lo avete fatto fare voi, eravate d’accordo, e ci avete pure pagati…

 

Si prepara un’ammissione definitiva dell’origine frankensteiniana del COVID?

Il tutto considerando, come riportato plurime volte da Renovatio 21, che Joe Biden è considerato da taluni (specie i dissidenti cinesi) come un pupazzo in mano a Pechino, e la storia degli affari e delle perversioni di Hunter Biden potrebbero far pensare che Pechino sul presidente USA (eletto in elezioni controverse) potrebbe avere enormi leve personali e politiche.

 

Come riportato da Renovatio 21, la fine 2020 un professore cinese, in una conferenza finita in TV, disse pubblicamente che i rapporti USA-Cina sarebbero tornati ottimi, dopo la parentesi di Trump, grazie al fatto che i cinesi avevano dato al figlio di Biden miliardi per il suo fondo di investimento.

 

Ora: si prepara un’ammissione definitiva dell’origine frankensteiniana del COVID?

 

Quanto, a questo punto, questa rivelazione aiuterebbe la narrazione pandemica?

Domanda numero due: quanto, a questo punto, questa rivelazione aiuterebbe la narrazione pandemica?

 

Sapendo che il virus è una chimera laboratoriale, la paura nei suoi confronti e la fiducia nel vaccino aumenterebbero?

 

Probabilmente sì. Così come aumenterebbe la considerazione rispetto alla tecnologia mRNA: sapendo che il virus è artificiale, nessuno vuole iniettarsi in corpo una sua versione attenuata. Meglio procedere con la trasformazione del proprio corpo in fabbrica vaccinale, facendo produrre le spike alle proprie cellule affinché vengano attaccate dal loro stesso sistema immunitario.

 

Cosa altro dobbiamo aspettarci, in questo teatrino osceno della virologia?

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari