Connettiti con Renovato 21

Necrocultura

Provincia di gente squartata: la classifica

Pubblicato

il

 

 

 

 

«Il Centro Nazionale Trapianti ha elaborato un indice per valutare i risultati delle donazioni di organi e tessuti attraverso il rilascio o il rinnovo della carta d’identità elettronica», ci informa Yahoo News.

 

«Provincia di gente squartata / in quanto a benessere / in quanto ad ideologia». In realtà, questi versi andrebbero molto asciugati: Italia provincia di gente squartata, e basta.

«L’Indice del Dono 2019, così si chiama, si basa sui dati dei 6.274 comuni in cui è già possibile, in Italia, registrarsi come donatori». Come noto, l’anagrafe è stata resa una rampa di lancio per l’espianto degli organi a cuor battente.

 

Nel 2019 vi sono state 2.319.223 dichiarazioni (+22,5% rispetto al 2018). Non c’è unanimità: 1.559.171 consensi (il 67,2%, lo 0,3% in meno del 2018) mentre le opposizioni registrate hanno toccato la cifra di 760.052.

 

Dobbiamo ammettere che è un risultato che non ci aspettavano, e che scalfisce  l’apparente granitica narrazione della «donazione» come cosa buona e bella e soprattutto altruista (egoista tu che pretendi che gli organi ti vengano lasciati mentre il cuore ti batte ancora!).

 

Un terzo degli italiani che sono andati all’anagrafe  si oppone alla predazione degli organi. Ha capito che qualcosa, nel racconto rose e fiori, non torna

Quantomeno terzo degli italiani che sono andati all’anagrafe, insomma, non è che nutra dubbi sulla «donazione» (cioè, fuor di lingua orwelliana, sulla predazione) dei propri organi. Proprio si oppone: non lo vuole fare. Ha capito che qualcosa, nel racconto rose e fiori, non torna.

 

Purtroppo non ci è risparmiata la classifica dei comuni più «virtuosi», perché lasciarsi squartare appena avuto un incidente deve essere diventata una virtù.

 

«Tra le realtà più virtuose, è Cagliari la città con più di 50mila abitanti che registra il maggior numero di donazioni. Nel 2019 i consensi nel capoluogo sardo hanno superato il 79%. Seguono Sassari e Pordenone, mentre tra i comuni di medie dimensioni (tra i 15 e i 50mila abitanti) la cittadina più virtuosa del 2019 è in provincia di Livorno: Collesalvetti, con un tasso di consensi vicino al 95%» prosegue il portale.

 

«Il comune più generoso nella classe demografica dai 1000 ai 5mila residenti è Marianopoli, in provincia di Caltanissetta, Sicilia. Qui, nel 2019 non è stata registrata alcuna opposizione. Il paesino più virtuoso tra quelli con meno di mille abitanti è invece in Trentino, al Nord: si tratta di Luserna».

 

La palma di regione più espiantata del 2019 va alla Valle d’Aosta, ma sul podio salgono anche la Provincia autonoma di Trento (quella retta per decenni dai residui della Democrazia Cristiana) e dalla nobilerrima Sardegna.

 

Bello il quadretto: l’Italia dei cento campanili, è finalmente, da Nord a Sud, unita in questo stupendo atto d’amore moderno che è lo smembramento utilitaristico delle persone. Dove non riuscirono il Risorgimento e i Savoia, riuscì la «donazione». Applaudite.

 

Bello il quadretto: l’Italia dei cento campanili, è finalmente, da Nord a Sud, unita in questo stupendo atto d’amore moderno che è lo smembramento utilitaristico delle persone

Tuttavia, questa trionfalistica classifica non si pone neanche lontanamente il problema dell’effetto che essa può fare su chi, come noi e probabilmente larga parte di quel 33% che si oppone, considera la «donazione» (cioè, la predazione) una barbarie infinita.

 

Chi infatti non crede alla definizione di «morte cerebrale» così come elaborata mezzo secolo fa (tanto tempo: la scienzah non ha fatto nessun passo avanti? Possibile che essa avanzi sempre in direzione della Morte?) vede nascosto nell’espianto di organi un potenziale omicidio per squartamento, che ha come aggravanti:

 

a) l’impossibilità della vittima di difendersi;

 

b) il fine economico (i trapianti costano, i farmaci antirigetto ai quali si viene abbonati a vita pure);

 

c) il fine utilitaristico dell’atto sanguinario (la logica del mors tua vita mea , la filosofia del male minore a fronte di un maggiore godimento della popolazione tipico del pensiero utilitaristico angloide);

 

d) l’assoluta appartenenza di questo processo a quella che chiamiamo Cultura della Morte, o Necrocultura.

 

Dobbiamo ricordarci che la definizione di morte cerebrale di Harvard null’altro è se non una convenzione. Un artificio umano, una regola posta lì come un’altra. Come il divieto di fumare nei bar entrato in vigore con la legge Sirchia.

 

Dobbiamo ricordarci che la definizione di morte cerebrale di Harvard null’altro è se non una convenzione

Una convenzione che è pure stata recepita in modo diverso dai diversi Paesi, per cui, nel medesimo stato fisico, posso risultare morto – cioè squartabile – in un Paese ma non in un altro. Come quando andate a San Marino e la gente, cosa incredibile, fuma nei bar, perché lì mica hanno la legge italiana, e questa questione del tabacco e del cancro si vede che la interpretano in modo diverso.

 

La classifica delle città squartatrici, quindi, ci fa un po’ orrore.

Non si tratta nemmeno di uno di quei fenomeni di intrattenimento come le liste dei serial killer più prolifici, perché i serial killer fanno molti meno morti (due o tre ordini di grandezza in meno!), non agiscono con i nostri danari delle tasse, e non si ammantano – per il momento di un aura di bontà infallibile. Soprattutto, le probabilità di — incontrare un serial killer e divenirne vittima sono in genere, per lo meno in Italia, molto basse: le probabilità di fare un incidente stradale, e quindi finire candidati all’espianto a cuor battente, sono altissime.

 

Le probabilità di incontrare un serial killer e divenirne vittima sono  molto basse: le probabilità di fare un incidente stradale, e quindi finire candidati all’espianto a cuor battente, sono altissime

Di qui la necessità che avvertiamo, fortissima, di difendere i nostri cari e noi stessi, perché la predazione degli organi, figlia prediletta della Necrocultura medico-statale, è solo un’altra forma di guerra contro la popolazione (su un piano numerico) e contro la Vita (sul piano morale).

 

Potete chiedere un’opinione a quella famiglia texana il cui bambino si è svegliato poco prima che gli portassero via gli organi, a modulo già firmato dai genitori (lì ti fanno questa cortesia). Ora il ragazzino sta bene.

 

Cantava Giovanni Lindo Ferretti con i CCCP nell’Italia degli anni Ottanta: «Provincia di gente squartata / in quanto a benessere / in quanto ad ideologia».

 

In realtà, questi versi andrebbero molto asciugati: Italia provincia di gente squartata, e basta.

 

E dell’Italia squartata e squartatrice hanno fatto pure la classifica, e ci tengono a farla conoscere. Viviano un’era di morte che è spaventosa quanto impudica.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Il Nuovo Ordine Mondiale nelle parole del cardinale Ratzinger

Pubblicato

il

Da

È morto a inizio del mese, nel silenzio assordante del Vaticano, Monsignor Michel Schooyans, instancabile nemico della Cultura della Morte e delle Istituzioni che la propolano.

 

Il filosofo e presbitero belga non aveva paura, ad esempio, di puntare il dito direttamente contro le Nazioni Unite. Potete leggere Il complotto dell’ONU contro la vita (edizioni EFFEDIEFFE) per capire il livello di dettaglio con il quale mons. Schooyans sostanziava le sue accuse al sistema internazionale piegato al volere della Necrocultura, in particolare all’idea di riduzione della popolazione umana presente sul pianeta.

 

Il mondialismo, aveva compreso lo Schooyans, era un enorme programma di aborto e contraccezione, cioè un piano che prevedeva la morte massiva di miliardi di esseri umani.

 

Nel 2000 il teologo di Bruxelles pubblicò il libro Nuovo disordine mondiale. La grande trappola per ridurre il numero dei commensali alla tavola dell’umanità, che si avvaleva dell’introduzione entusiastica dell’allora cardinale Joseph Aloisius Ratzinger,  divenuto papa 5 anni dopo con il nome di Benedetto XIV.

 

Lo scritto del Ratzinger è particolarmente interessante, perché nomina specificatamente un concetto, quello di Nuovo Ordine Mondiale, oggi particolarmente vivo nella mente di coloro ai quali è stata data la possibilità di vivere questi anni e di riflettere sul significato di ciò che sta accadendo.

 

Scrive il futuro papa:

 

«Ci sono i tentativi di costruire il futuro attingendo, in maniera più o meno profonda, alle fonti delle tradizioni liberali. Questi tentativi stanno assumendo una configurazione sempre più definita, che va sotto il nome di Nuovo Ordine Mondiale; trovano espressione sempre più evidente nell’ONU e nelle sue Conferenze internazionali, in particolare quelle del Cairo e di Pechino, che nelle loro proposte di vie per arrivare a condizioni di vita diverse, lasciano trasparire una vera e propria filosofia dell’uomo nuovo e del mondo nuovo».

 

«Una filosofia di questo tipo non ha più la carica utopica che caratterizzava il sogno marxista; essa è al contrario molto realistica, in quanto fissa i limiti del benessere, ricercato a partire dai limiti dei mezzi disponibili per raggiungerlo e raccomanda, per esempio, senza per questo cercare di giustificarsi, di non preoccuparsi della cura di coloro che non sono più produttivi o che non possono più sperare in una determinata qualità della vita».

 

«Questa filosofia, inoltre, non si aspetta più che gli uomini, abituatisi oramai alla ricchezza e al benessere, siano pronti a fare i sacrifici necessari per raggiungere un benessere generale, bensì propone delle strategie per ridurre il numero dei commensali alla tavola dell’umanità, affinchè non venga intaccata la pretesa felicità che taluni hanno raggiunto».

 

«La peculiarità di questa nuova antropologia, che dovrebbe costituire la base del Nuovo Ordine Mondiale, diventa palese soprattutto nell’immagine della donna, nell’ideologia del “Women’s empowerment”, nata dalla conferenza di Pechino. Scopo di questa ideologia è l’autorealizzazione della donna: principali ostacoli che si frappongono tra lei e la sua autorealizzazione sono però la famiglia e la maternità».

 

«Per questo, la donna deve essere liberata, in modo particolare, da ciò che la caratterizza, vale a dire dalla sua specificità femminile. Quest’ultima viene chiamata ad annullarsi di fronte ad una “Gender equity and equality”, di fronte ad un essere umano indistinto ed uniforme, nella vita del quale la sessualità non ha altro senso se non quello di una droga voluttuosa, di cui sì può far uso senza alcun criterio».

 

Insomma: Ratzinger riconosceva la malizia dell’ONU e delle sue conferenze, che Schooyans ci aveva insegnato a pensare come niente di più che un tiro bersaglio contro il Vaticano, con qualche Paese africano e poco più  a difendere la Santa Sede sul tema della difesa della vita.

 

Il potente cardinale (chiamato allora dalla stampa «il panzer della curia») vedeva come la Necrocultura fosse distribuita in forma di gender, che altro non è se non il software per la disintegrazione della famiglia – e della sua base, cioè la donna – e cioè della natura umana, alla legge naturale creata da Dio per gli uomini.

 

Il futuro Benedetto, inoltre, ammetteva che il progetto era in tutto e per tutto la riduzione della vita umana sulla Terra, dando perfino una descrizione di sapore evangelico (ridurre il numero dei commensali alla tavola dell’umanità).

 

Gli osservatori sanno che, anni dopo, a papa Ratzinger scappò di parlare di Nuovo Ordine Mondiale, a volte con filosofia abissale, a volte non in termini disforici, anzi.

 

Perché il Ratzingherro non portò avanti una lotta a viso scoperto contro il Nuovo Ordine Mondiale – avanzata in secoli di cattolicesimo, e chiamata da lui con nome e cognome –  non lo sappiamo dire : è il mistero Ratzinger, il papa che si dimette ma rimane papa, il papa che consegna la barca di Pietro a qualcuno che vira verso la tempesta e i mostri marini, probabilmente con il programma di naufragare miliardi di fedeli.

 

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

 

In affiliazione Amazon

 

 

Immagine di Muu-karhu via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0); immagine modificata

Continua a leggere

Necrocultura

Noi e la guerra nucleare della Necrocultura

Pubblicato

il

Da

 

 

La notizia più sconvolgente della settimana: gli USA ammettono di aver aiutato a uccidere generali russi in Ucraina. Così, nero su bianco, sul New York Times. In pratica, si vantano.

 

Che sia vero o no (e sarà vero), non è nemmeno quello che conta: conta la volontà di renderlo pubblico, e su quello non abbiamo dubbi. Perché non si tratta di un leak: il NYT, il Washington Post e tutti gli altri giornali sono oramai ridotti a meri ripetitori di ciò che passano loro i servizi segreti – cioè il vero scheletro che sorregge il Paese, esattamente come il KGB lo è stato per la Russia durante le annate di caos eltsiniano e dopo.

 

Non si sono fermati lì. Ore dopo, sul canale NBC, hanno ostentato anche il fatto, se possibile ancora più allucinante, di aver passato l’Intelligence necessaria ad abbattere un cargo russo con a bordo centinaia di soldati.

 

Non è tutto: poco dopo hanno rincarato la dose, e fatto sapere di aver partecipato all’affondamento dell’incrociatore Moskva, 520 persone a bordo, l’imbarcazione militare russa più importante nel Mar Nero – lo schiaffo più plateale e doloroso subito dalla Russia in questa guerra. Poco dopo, gli americani mostrano un video dei test di una nuova torpedine che cola a picco una nave in un colpo solo.

 

C’è di che rimanere sbalorditi. C’è di che rimanere senza parole. Non è il danno bellico e umano: è l’intenzione che vi è dietro. È la mente in cui nasce, e il quadro verso cui tutto ciò conduce.

 

Non dovete aver dubbi: gli USA vogliono lo scontro diretto con la Russia. Gli americani vogliono la Terza Guerra Mondiale.

 

Un’altra spiegazione non può esserci. In realtà, non è possibile spiegare l’Ucraina di questi ultimi 8 anni in altro modo: una lunga, martellante, sanguinaria provocazione dell’orso atomico. Il quale, ricordiamolo en passant, è la più grande potenza nucleare del pianeta.

 

Qualcuno sta invocando la pioggia di fuoco termonucleare sulla terra – sull’Europa, subito. Vi prego di capire che non c’è altra analisi da fare. Il pupazzo Zelens’kyj, e prima di lui Poroshenko, e tutta la truppa infinita di ultras nazisti, a quello servono, e a nient’altro. Micce per la bomba atomica. Per le bombe atomiche: perché ce ne sono a migliaia e migliaia, e, come ha ricordato qualcuno, sono come le ciliegie: inizi con una e finisci per consumarle tutte.

 

Non è nemmeno esatto dire così, ci rendiamo conto. Putin ha parlato e riparlato di «strumenti» che possiede solo la Russia. Ci sono i missili ipersonici. C’è il drone subacqueo  termonucleare Poseidon, in grado di generare uno tsunami radioattivo che spazzerebbe via la Gran Bretagna e chissà cos’altro (le città USA più popolose, sono sulle coste dei due oceani).

 

Ma non è solo il Cremlino il problema. A quel punto, cosa tireranno fuori gli americani? Bombe a neutroni? Un’arma EMP, un impulso elettromagnetico che frigge ogni circuito elettrico della Russia e dell’Europa? Un’arma biologica di nuovo tipo? Un’invasione di insetti militarizzati? Armi a microonde? Milioni di sciami di microdroni assassini? Oppure un’alterazione genetica massiva con spargimento di gene drive sulla popolazione nemica, di cui per anni, come rivelato dallo stesso Putin, avrebbe raccolto il genoma?

 

Non lo sappiamo, non sappiamo immaginarlo: e nessuno può farlo. Perché in una situazione come questa il pianeta non si è trovato mai.

 

È bene che lo ripetiamo. È bene che lo capiamo: non c’è mai stato, nella storia della Terra, un momento come questo. Ci hanno portato, sul serio sull’orlo dell’abisso. Qualcuno ci ha accompagnati tenendoci per mano. Ora, ci vogliono spingere dentro.

 

Quante cose, capiamo a questo punto. Che cos’era il comunismo? Cos’era la lotta al comunismo? Era una scusa idiota, una foglia di fico. Il comunismo è finito, eppure la lotta contro la Russia si è fatta infinitamente più feroce.

 

Pensateci: al Paese invece, per lo meno nominalmente, il comunismo ancora c’è – la Repubblica Popolare Cinese – non ci chiedono di fare la guerra, anzi, dimentichiamoci dei campi di concentramento degli uiguri, dei martiri cattolici, delle centinaia di milioni di feti massacrati, facciamo affari con il Partito Comunista Cinese.

 

Quindi, cos’era l’anticomunismo? Cos’era la NATO?

 

La risposta più semplice che abbiamo in questo momento incredibile, è che essi erano solo copertura per la lotta alla Russia. Se guardiamo dentro all’ora presente, sappiamo che ciò è vero.

 

Perché? Perché la guerra totale alla Russia? Possiamo dare una risposta politica: la Russia, con il nuovo millennio, ha invertito il suo processo di assimilizzazione nella formula mondialista. Non riuscendo a globalizzarla, i padroni del vapore vogliono cancellarla. Una volta decapitata, la sua infinita superficie di risorse sarà annessa al mercato. Se volete, è la dottrina dell’ammiraglio americano Cebrowski: la guerra per ottenere risorse naturali per gli Stati globalizzati, per mantenere e potenziare la massa finanziaria che permetta la continuazione del neoliberismo e del Washington consensus.

 

Oppure: la guerra alla Russia come semplice continuazione del Grande Gioco ottocentesco, l’impero britannico contro la Russia, per il dominio dell’Asia, il ruolo poi passato all’Impero americano, la talassocrazia angloide contro la forza tellurica degli Zar, e bla bla bla.

 

Forse queste risposte possono bastarvi.

 

A me, francamente no. Da credente, non posso non pensare a Fatima. Non mi riesce di non tornare con la mente alla più grande apparizione di Nostra Signora, dove la Russia era citata esplicitamente. Ne abbiamo scritto.

 

Eppure, si può andare ancora più a fondo.

 

Perché chi sta spingendo questa follia, non sta prevedendo solo la distruzione della Russia, ma dell’intera umanità. Chi sta portando gli USA alla guerra diretta con Mosca non può non prevedere che il risultato potrebbe essere la devastazione atomica del globo.

 

Ergo, gli apprendisti stregoni hanno in mente la cancellazione della vita umano, o quantomeno la sua riduzione – il suo reset. Sappiamo infatti che la dottrina atomica circolante prevede che, alla fine, la guerra atomica possa essere sopravvissuta. Resterà un piccolo gruppo di umani, una società semplificata dove vigeranno le regole dell’utilitarismo più mortifero (per esempio, l’esclusione degli anziani e dei malati dalle riserve del cibo, etc.).

 

Sapete che negli USA esistono diversi complessi sotterranei che consentirebbero all’élite di sopravvivere. Robert Kennedy jr. in un’intervista recente ha raccontato che nei giorni della crisi missilistica di Cuba lui e suo cugino John John dovevano andare lì, ma alla fine il padre e lo zio hanno rinunciato per il segnale che questo poteva inviare alla popolazione. Oggi, ogni vero miliardario statunitense ha il suo bunker survivalista. Qualcuno, insomma, resterà. Questo lo hanno calcolato.

 

Tutto il resto, invece, potrebbe essere spazzato via. Il punto di tutto potrebbe essere proprio questo: il reset termonucleare del pianeta. Indiscutibile, inappellabile. Una (piccola) nuova società che riemerge, e l’orrido brulicare dell’umanità che viene curato per sempre. È il sogno dell’élite fatto realtà.

 

Ciò ci porta a fare una considerazione. Questa è una guerra per l’instaurazione della Necrocultura – a suon di atomiche. È la Cultura della Morte a guidare la mano sanguinaria che trascina il mondo nell’abisso della guerra.

 

La Necrocultura ucciderà milioni. Ma ancora di più, quando avrà finito il suo lavoro, sul poco che resterà, la Necrocultura imporrà la sua legge. La violenza diverrà l’unica regola. La crudeltà diverrà l’unica virtù. Il cannibalismo sarà una forma di alimentazione normale, forse dominante. La perversione non troverà più alcun argine. La bontà diverrà un disvalore. Cristo si ridurrà a un pallido miraggio nel cuore di pochissimi.

 

Capite cosa c’è dietro alle armi a Zelens’kyj, ai generali morti, alle navi affondate, alle bombe che seguiranno. Capite qual è il quadro: è la guerra termonucleare della Necrocultura.

 

A questo punto, ho pochi dubbi che si farà. Hanno messo lì un presidente demente, una marionetta che lancia minaccia dalla fabbrica del complesso militare-industriale: sul serio, genialmente, parla di armi agli ucraini dagli stabilimenti della Lockheed-Martin, nel caso vi servisse più chiarezza.

 

Biden è in totale assenza di cervello. Non è più nemmeno in grado di leggere i teleprompter. Nessuno oramai dice il contrario. Era così anche prima di essere eletto. Anzi, lo hanno eletto proprio per quello: un’altra marionetta, più vuota ancora di quella di Kiev, se possibile, per condurci all’inferno.

 

Sì, hanno truccato le elezioni per fare la guerra alla Russia, impedita dai quattro anni di Trump: ci è impossibile pensare il contrario, e non ci importa se dirlo ci costerà un altro ban, un’altra lista di proscrizione, un altro virus hacker a polverizzare il traffico su questo sito.

 

E quindi?

 

Tante persone ci chiedono se stiamo facendo provviste, come ci stiamo preparando, etc. Qualcosa abbiamo scritto. Un minimo siamo pronti, ma sappiamo perfettamente che non è vero, è una percezione fasulla: nessuno è pronto a quello che può succedere. Perché mai era accaduto prima, mai, nell’era dell’atomo, la Guerra Fredda è divenuta calda.

 

Amici mi chiedono se ho pensato di fuggire da mia sorella, nell’Africa nera. Lì, in effetti, potrebbe essere addirittura che si verrà risparmiati. Forse: il caldo è talmente insopportabile che nemmeno l’inverno nucleare (il  cambiamento materiale del clima indotto dalla guerra atomica teorizzato negli anni Sessanta) potrebbe cambiare le cose, verrebbe da scherzare. E l’abbondanza della natura non richiede nemmeno una vera filiera alimentare. Un bel paradosso: in teoria, in Africa la fame non può arrivare, almeno non da quelle parti.

 

No, non ho pensato di scappare. Nonostante i bambini. Nonostante il rischio che percepisco lucidamente. Sento, come i tantissimi che sentono quello che sento io, di di non dover cedere al ricatto dell’ansia atomica. È vero che abbiamo tutti i motivi per temere: viviamo a pochi metri da basi americane. Abbiamo un primo ministro che parrebbe aver imbastito con i vertici europei e americani la guerra economica contro la Russia, la prima della storia. Siamo tutti in pericolo, sì.

 

Eppure, per qualche motivo il pensiero non ci assilla come dovrebbe.

 

Forse, perché sentiamo anche qualcos’altro. Sentiamo che, se per qualche ragione, il Signore ci risparmiasse l’olocausto nucleare, ci sarebbe tanto, tantissimo da fare qui. Coloro che ci hanno portato dove siamo non possono restare dove sono, devono essere sostituiti – pena il reiterato pericolo dell’estinzione. Chi ha permesso che l’umanità fosse spinta verso il precipizio, deve essere ritenuto responsabile. Si tratta delle stesse forze che ci hanno imprigionato indefinitamente, per procedere alla nostra sottomissione e alla modifica genetica della popolazione umana.

 

La sete di giustizia che in tanti provano è immane. È più forte della paura dell’apocalisse.

 

È la voglia di restare per combattere con i pochi strumenti che ci sono rimasti. La preghiera. La volontà. L’energia della propria carne. La forza vitale di essere padri, madri, sposi. La potenza della Vita contro la Morte.

 

Se non disinstalleremo la Necrocultura dal vertice del mondo, saremo tutti gettati nella fornace della distruzione finale.

 

Se non cancelleremo le élite della Morte, esse cancelleranno noi.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di FireKDragon via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Necrocultura

Cannibalismo di guerra: ucraino pubblica un video in cui si vanta di «mangiare carne di soldato russo»

Pubblicato

il

Da

Un signore ucraino non identificato ha condiviso un video in cui afferma di aver scoperto parti umane in un carrarmato bruciato nella zona di Gostomel. Nelle riprese è possibile vedere come l’osso, con attaccato un pezzo di carne, che presumibilmente apparteneva ad un soldato russo deceduto, è stato quindi cucinato e consumato. Lo riporta la testata di Stato russa Sputnik, il cui sito è ora inaccessibile dall’Italia.

 

Nel filmato, che è semplicemente agghiacciante, l’ucraino cuoce quella che sostiene essere la carne umana del soldato russo. Quindi la assaggia.

 

Il presunto antropofago ucraina afferma quindi che è sempre stato il suo sogno provare la carne di un russo, riporta Sputnik.

 

Su YouTube, il video è stato rapidamente cancellato per aver violato le linee guida della community. Tuttavia, qualche account lo ha ripostato, sia pur dietro restrizione d’età.

 

 

Il filmato è stato caricato anche su Instagram, con tanto di didascalia:

 

«Sì, questo non è un clickbait», avrebbe scritto secondo la testata russa. «Tutti i grandi canali di Telegram sono rimasti scioccati. Cosa ti aspettavi? Pensi ancora che siamo felici di vedere i soldati russi? Il meglio che li attende è la morte rapida. Il peggio – guarda il video».

 

Nella sezione commenti del video di YouTube ora cancellato, gli utenti hanno sottolineato che il carro armato in cui il presunto cannibale ha scoperto l’osso potrebbe essere un T-64, un veicolo militare utilizzato dalle forze ucraine.

 

Pertanto, hanno affermato gli utenti, l’uomo potrebbe aver mangiato il suo stesso connazionale.

 

Il mangiatore di carne umana tuttavia, è rimasto irremovibile sul fatto che si trattasse di un soldato russo, affermando di aver visto l’equipaggiamento russo sparpagliato intorno al carro armato bruciato e di aver filmato in un luogo in cui erano di stanza truppe russe.

 

Il cannibalismo militare è un fenomeno che talvolta affiora nei contesti della guerra belluina. Casi di antropofagia bellica sono stati documentati in Africa (con casi nelle guerre civili guerre civili del Congo, della Liberia, e i conflitti interetnici in Uganda e Ruanda), e, più di recente, in Siria, dove un membro della cosiddetta «opposizione» al presidente Bashar al-Assad fu filmato mentre divorava il cuore di un nemico, una scena rivoltante che fu stigmatizzata anche da Vladimir Putin.

 

Si tratta con evidenza di una regressione ad uno stato precedente la Civiltà, ad una condizione primitivo-tribale, che ricarica degli uomini elementi oscenamente ferali.

 

Come riportato da Renovatio 21, comportamenti incredibilmente sadici e violenti sono stati esibiti da soldati e civili con video di cui, incredibilmente, non si vergognano, al punto da metterli pure in rete: ecco il caso dei prigionieri russi a cui sparano sulle gambe, ecco le telefonate sghignazzanti alle madri russe che hanno persi i figli, ecco video «artistici» con il simbolico sgozzamento stile ISIS degli uomini russi.

 

Tutto sembra parlare di una regressione degli esseri umani ad uno stato di ferocia sconosciuta.

 

Ciò è in linea con il riaffiorare in Ucraina del nazismo, con il suo bagaglio di culto di morte,  così come con dell’innegabile, materiale ritorno del paganesimo a Kiev e dintorni.

 

Laddove c’è la fine della Civiltà, c’è barbarie. Laddove c’è barbarie, ripaganizzazione. Laddove c’è ripaganizzazione, c’è sacrificio umano. Laddove c’è sacrificio umano, c’è cannibalismo.

 

L’Ucraina è stata scientemente nazi-africanizzata da qualcuno, e i frutti sono ora pienamente visibili.

 

Come scritto da Renovatio 21, si prepara ora la trasformazione del Paese in un’area di barbarie, la cui crudeltà è pronta a spandersi per tutt’Europa.

 

L’Ucraina può divenire un serbatoio di Necrocultura pronto ad infettare l’intero continente.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari