Connettiti con Renovato 21

Ambiente

Oscurare artificialmente il sole: il folle progetto di geoingegneria climatica di Bill Gates

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Per più di un decennio Bill Gates ha incanalato milioni di dollari in uno schema scientificamente folle presumibilmente per studiare la possibilità di «raffreddamento globale artificiale». Il progetto, guidato da un fisico di Harvard, propone di inviare satelliti nell’atmosfera per far cadere tonnellate di sostanze chimiche nel tentativo di bloccare il sole. Ora una forte resistenza all’interno della Svezia ha costretto Gates & co. abbandonare il previsto lancio del satellite svedese. Quest’ultima avventura nella geoingegneria di Gates mostra quanto sia un’impresa non scientifica la farsa del riscaldamento globale. Come Gates senza dubbio ben sa, in effetti la Terra si sta lentamente raffreddando mentre entriamo in quello che alcuni astrofisici stimano potrebbero essere diversi decenni di raffreddamento globale causato da un ciclo del Grand Solar Minimum a cui siamo entrati nel 2020.

 

 

 

SCoPEx è una trama finanziata con fondi personali di Gates per testare la fattibilità dell’oscuramento del sole tramite la geoingegneria artificiale

Il 2 aprile l’Agenzia Spaziale Svedese, ha annunciato che il programma, lo Stratospheric Controlled Perturbation Experiment (SCoPEx), finanziato da Bill Gates, ha «diviso la comunità scientifica» e quindi non verrà portato avanti. SCoPEx è una trama finanziata con fondi personali di Gates per testare la fattibilità dell’oscuramento del sole tramite la geoingegneria artificiale.

 

Il piano è quello di far cadere la polvere di carbonato di calcio aerosol di solfato nell’atmosfera da palloncini ad alta quota in uno schema folle per cercare di bloccare il sole e quindi «prevenire» il riscaldamento globale.

 

L’agenzia svedese ha deciso di annullare l’esperimento a causa di una forte opposizione non solo da parte della comunità scientifica e ambientalista, ma anche degli indigeni svedesi Saame o Lapponia che sono pastori di renne e temevano che le particelle potessero causare un inquinamento ambientale grave o sconosciuto alle loro mandrie. In particolare, il Consiglio Saami ha avvertito che l’esperimento Gates «tenta essenzialmente di imitare le eruzioni vulcaniche vomitando continuamente il cielo con particelle che oscurano il sole».

 

Almeno dal 2010 Gates ha richiesto l’oscuramento artificiale del sole. Ha dato 4,6 milioni di dollari al fisico di Harvard David Keith per far avanzare lo schema

Almeno dal 2010 Gates ha richiesto l’oscuramento artificiale del sole. Ha dato 4,6 milioni di dollari al fisico di Harvard David Keith per far avanzare lo schema.

 

Keith è consulente di Gates dal 2005. Insieme a Chevron, Gates è anche un importante investitore nella società di Keith, Carbon Engineering, una società canadese di Direct Air Capture.

 

Direct Air Capture è un altro folle schema, un processo di cattura dell’anidride carbonica (CO2) direttamente dall’aria ambiente, utilizzando grandi ventilatori per spingere l’aria ambiente attraverso un filtro dove viene trattata con solvente caustico per estrarre CO2. Implica quantità impressionanti di acqua ed energia e un’area di terra delle dimensioni dell’India secondo alcune stime. Secondo stime prudenti, la cattura del carbonio per raggiungere zero CO2 dai combustibili fossili avrebbe un costo di oltre 5 trilioni di dollari all’anno, anche se fosse possibile su scala di massa. Keith sembra felice di giocare con progetti così bizzarri a spese del miliardario pseudo-scienziato Gates.

 

«C’è una linea di ricerca su quella che viene chiamata geoingegneria, che sono varie tecniche che ritarderebbero il riscaldamento per farci guadagnare altri 20 o 30 anni per rimetterci in sesto» Bill Gates, 2010

In un discorso TED del 2010, Gates ha risposto a una domanda sul blocco solare per cercare di compensare il riscaldamento globale. Ha poi affermato: «Dobbiamo iniziare a prendere misure di emergenza per mantenere stabile la temperatura della terra?… C’è una linea di ricerca su quella che viene chiamata geoingegneria, che sono varie tecniche che ritarderebbero il riscaldamento per farci guadagnare altri 20 o 30 anni per rimetterci in sesto».

 

Keith ha detto che nonostante la battuta d’arresto svedese il gruppo cercherà supporto nell’amministrazione Biden per fare i test negli Stati Uniti. Le Accademie Nazionali di Scienze, Ingegneria e Medicina degli Stati Uniti hanno recentemente pubblicato un rapporto in cui si chiede di pompare 100-200 milioni di dollari nella «geo-ingegneria solare» nei prossimi cinque anni.

 

 

Geo-ingegneria molto reale

Fino a poco tempo il governo degli Stati Uniti ha negato di condurre la geoingegneria e ha etichettato qualsiasi discussione su tali progetti come «scie chimiche», e l’irrorazione dei cieli come una «teoria del complotto».

 

Fino a poco tempo il governo degli Stati Uniti ha negato di condurre la geoingegneria e ha etichettato qualsiasi discussione su tali progetti come «scie chimiche», e l’irrorazione dei cieli come una «teoria del complotto»

Ora sembrano essere più aperti su quelli che sono stati progetti di geoingegneria altamente classificati.

 

Nel novembre 2017 la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, dominata dai repubblicani, ha tenuto le prime audizioni su «Geoingegneria: innovazione, ricerca e tecnologia». Il gruppo ha discusso la necessità di ulteriori ricerche sulla geoingegneria a riflessione solare, nota come iniezione di aerosol stratosferico.

 

Una sostanza considerata per il progetto Gates e altri schemi di protezione solare è quella che viene chiamata cenere volante di carbone, il residuo lasciato in una centrale elettrica a carbone dopo aver bruciato il carbone. Tuttavia, la cenere volante di carbone, che nelle moderne centrali a carbone viene catturata e smaltita in modo sicuro, se seminata nelle nuvole per oscurare il sole, potrebbe portare una pioggia acida tossica sulla Terra.

 

Secondo i Physicians for Social Responsibility, «a seconda di dove è stato estratto il carbone, la cenere di carbone contiene tipicamente metalli pesanti tra cui arsenico, piombo, mercurio, cadmio, cromo e selenio, nonché alluminio, antimonio, bario, berillio, boro, cloro , cobalto, manganese, molibdeno, nichel, tallio, vanadio e zinco».

Nel novembre 2017 la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, dominata dai repubblicani, ha tenuto le prime audizioni su «Geoingegneria: innovazione, ricerca e tecnologia». Il gruppo ha discusso la necessità di ulteriori ricerche sulla geoingegneria a riflessione solare, nota come iniezione di aerosol stratosferico

 

Il gruppo osserva che l’Environmental Protection Agency (EPA) ha scoperto che, «se mangiati, bevuti o inalati, questi agenti tossici possono causare cancro e impatti sul sistema nervoso come deficit cognitivi, ritardi nello sviluppo e problemi comportamentali. Possono anche causare danni al cuore, malattie polmonari, difficoltà respiratorie, malattie renali, problemi riproduttivi, malattie gastrointestinali, difetti alla nascita e ridotta crescita ossea nei bambini».

 

Questo non è una cosa trascutrabile.

 

 

Grand Solar Minimum

Si può dire molto contro il progetto Gates-Harvard. La dichiarazione del Consiglio Saami secondo cui l’impresa di protezione solare Gates-Keith è un tentativo «di imitare le eruzioni vulcaniche vomitando continuamente il cielo con particelle che oscurano il sole», è la più rilevante e per ragioni che non vengono discusse così ampiamente come dovrebbero.

 

La cenere volante di carbone, che nelle moderne centrali a carbone viene catturata e smaltita in modo sicuro, se seminata nelle nuvole per oscurare il sole, potrebbe portare una pioggia acida tossica sulla Terra

Ciò che il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite rifiuta di discutere è la relazione tra il sole e i cambiamenti climatici sulla Terra. Di gran lunga il fattore più importante nel cambiamento climatico e meteorologico della Terra è il sole ei suoi cicli di eruzioni solari e ciclicamente anche la mancanza degli stessi.

 

Il punto fondamentale sui cambiamenti climatici odierni è che la Terra non è nella fase iniziale del riscaldamento globale, ma di un periodo di raffreddamento globale, chiamato dagli astrofisici un Grande Minimo Solare.

 

Se questo è corretto, fa presagire il cambiamento climatico più drammatico e di gran lunga più pericoloso che si possa immaginare. Secondo la NASA il nostro pianeta è entrato in quello che stimano sarà il ciclo minimo solare più forte in circa 200 anni.

 

Ciò che Al Gore e altri cercano di tenere nascosto è il fatto che la Terra non si sta riscaldando dal 2000 circa, e dall’estate 2020, è entrata in quella che sarà una fase di raffreddamento che durerà alcuni prevedono fino a circa il 2055.

«Se mangiati, bevuti o inalati, questi agenti tossici possono causare cancro e impatti sul sistema nervoso come deficit cognitivi, ritardi nello sviluppo e problemi comportamentali. Possono anche causare danni al cuore, malattie polmonari, difficoltà respiratorie, malattie renali, problemi riproduttivi, malattie gastrointestinali, difetti alla nascita e ridotta crescita ossea nei bambini»

 

Storicamente periodi di Grand Solar Minimum, prendendo posto ogni 200 anni circa, crea modelli meteorologici altamente instabili, inondazioni prolungate, massicci fallimenti dei raccolti e sbalzi di temperatura (sia su che giù), nonché disturbi del flusso a getto, che creano singolari ondate di calore e incendi selvaggi tra gli altri estremi eventi.

 

Questi effetti sono stati anche tutti registrati durante periodi almeno un secolo prima dell’invenzione del motore a combustione interna.

 

Ciò di cui nessun modello computerizzato per il riscaldamento globale è in grado di incorporare gli effetti del nostro sole sul clima terrestre, questo nonostante le prove scientifiche ben documentate che i cicli solari sono il fattore più importante nel cambiamento del clima nel corso degli anni. In effetti non ci provano nemmeno.

 

Eruzioni solari conosciute popolarmente come macchie solari aumentano e diminuiscono in cicli di 11 e 22 anni all’incirca. In cima a questi cicli ci sono grandi cicli di 100 e 200 anni. Da giugno 2020 abbiamo iniziato un tale Grande Minimo Solare, in cui l’attività delle macchie solari potrebbe probabilmente diminuire a zero per diversi decenni.

 

 

Vulcani e sole

La crescente ricerca scientifica sta scoprendo che mentre il meccanismo di guida non è del tutto chiaro, i periodi di minimo solare e, in particolare di Grand Solar Minimum, sono anche associati a un drammatico aumento dei terremoti e dell’attività vulcanica.

Il punto fondamentale sui cambiamenti climatici odierni è che la Terra non è nella fase iniziale del riscaldamento globale, ma di un periodo di raffreddamento globale, chiamato dagli astrofisici un Grande Minimo Solare.

 

Un gruppo di scienziati giapponesi guidati da Toshikazu Ebisuzaki ha esaminato i tempi di 11 eventi vulcanici eruttivi che hanno prodotto magma ricco di silice da quattro vulcani in Giappone. Hanno scoperto che «Nove degli 11 eventi si sono verificati durante le fasi inattive dell’attività magnetica solare (minimo solare), che è ben indicizzato dal numero di macchie solari del gruppo. Questa forte associazione tra i tempi dell’eruzione e il minimo solare è statisticamente significativa fino a un livello di confidenza di 96,7». Questa è una correlazione molto alta.

 

Circa 200 anni fa abbiamo avuto l’ultimo periodo del Grand Solar Minimum, noto agli scienziati come Dalton Minimum, all’inizio del XIX secolo.

 

Nel 1816, la copertura nuvolosa in tutto il pianeta era così grave da essere conosciuta come l’anno senza estate.

 

I periodi di minimo solare e, in particolare di Grand Solar Minimum, sono anche associati a un drammatico aumento dei terremoti e dell’attività vulcanica

Il Dalton Minimum durò dal 1790 al 1820 circa. Nel 1815 un’enorme eruzione vulcanica al Monte Tambora in Indonesia, la più potente eruzione vulcanica nella storia umana documentata, vomitò così tanta cenere vulcanica nell’atmosfera che nel 1816 Thomas Jefferson registrò nel suo diario meteorologico in Virginia l’assenza del sole estivo. Ha innescato condizioni meteorologiche estreme e fallimenti del raccolto in molte aree del mondo.

 

Il gelo e la neve in Nord America durante il giugno 1816 distrussero la maggior parte dei raccolti agricoli. A livello globale è stata la peggiore carestia del XIX secolo.

 

La prova che siamo nelle prime fasi di un Grande Minimo Solare simile a quello del 19° secolo o peggio è convincente.

 

 

Nel 1816, la copertura nuvolosa in tutto il pianeta era così grave da essere conosciuta come l’anno senza estate

L’incredibilmente attivo vulcano Sinabung di Sumatra è esploso in modo spettacolare il 2 marzo, inviando cenere vulcanica a 40.000 piedi di altezza nell’atmosfera.

 

Le particelle espulse ad altitudini superiori a 32.800 piedi (10 km) – e nella stratosfera – hanno un effetto di raffreddamento diretto sul pianeta. L’Islanda, l’isola caraibica di St. Vincent e altre eruzioni nelle ultime settimane suggeriscono che potremmo essere soggetti a shock climatici molto più drammatici di quanto ammette lo zar globale del clima Bill Gates.

 

Gates, il Forum Economico Mondiale di Davos e innumerevoli «scienziati» del clima affamati di sovvenzioni rifiutano di considerare la realtà solare, perseguendo invece progetti folli come l’oscuramento chimico del sole.

 

I trilioni di dollari che si prevede verranno spesi in energia solare ed eolica inefficiente, indica che la loro agenda non ha nulla a che fare con la salute del pianeta, né di noi.

Gates, il Forum Economico Mondiale di Davos e innumerevoli «scienziati» del clima affamati di sovvenzioni rifiutano di considerare la realtà solare, perseguendo invece progetti folli come l’oscuramento chimico del sole

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

ESG: un altra frode che le élite progressiste hanno imposto all’economia

Pubblicato

il

Da

Il fascino degli obiettivi ambientali, sociali e di governance (ESG) ha ipnotizzato l’America aziendale nell’offrire fondi ESG che segnano investimenti per dare priorità agli obiettivi sociali. Le aziende che tengono conto degli obiettivi ambientali, sociali e di governance nelle loro decisioni detenevano collettivamente 8,4 trilioni di dollari in attività di investimento statunitensi all’inizio del 2022.

 

La principale società di investimento BlackRock ha più che raddoppiato le sue partecipazioni a oltre 500 miliardi di dollari e altri attori stanno seguendo il suo esempio.

 

Gli investimenti ESG stanno diventando un appuntamento fisso nel panorama aziendale globale, ma non senza contraccolpi.

 

Alcuni imprenditori e politici negli Stati Uniti sostengono che dare la priorità agli investimenti ESG a scapito del benessere degli azionisti ridurrà i rendimenti per gli investitori. Le forti preoccupazioni sulla fattibilità degli investimenti ESG hanno portato la Florida a ritirare attività per un valore di 2 miliardi di dollari da BlackRock in un’epurazione ESG a livello nazionale.

 

Ma la battaglia si sta riscaldando solo perché il presidente Joe Biden ha ribaltato un disegno di legge del Senato che impediva ai gestori di fondi di tenere conto degli obiettivi ambientali, sociali e di governance nelle loro decisioni di investimento. Nel settore privato, alcuni magnati hanno lanciato aziende per contrastare gli investimenti ESG acquistando azioni di società come Apple e Disney per minare l’attivismo del management.

 

Indubbiamente, gli investimenti ESG stanno creando una tempesta negli Stati Uniti, ma a parte l’entusiasmo che circonda gli investimenti ESG, quali sono le implicazioni?

 

Massimizzare il benessere degli azionisti è l’obiettivo primario di un fondo di investimento e i fondi ESG non dovrebbero essere perseguiti se non riescono a raggiungere questo obiettivo.

 

Alcuni ipotizzano che, poiché gli azionisti sono i proprietari della società, debbano essere liberi di sostenere politiche che raggiungano gli obiettivi ESG. Pertanto, gli investimenti ESG possono essere compatibili con la massimizzazione del benessere degli azionisti.

 

Tuttavia, le aziende devono garantire che gli azionisti apprezzino i costi e i benefici degli investimenti ESG. Gli azionisti potrebbero percepire la virtù nell’usare i loro investimenti per effettuare il cambiamento sociale, ma apprendere che i fondi ESG non sono competitivi cambierà sicuramente le loro prospettive. Sebbene la ricerca sulla fattibilità dei fondi ESG sia agli inizi, gli studi dimostrano che non hanno funzionato per gli investitori.

 

I fondi ESG hanno fatto peggio delle loro controparti S&P e le commissioni tipiche dei fondi ESG possono essere tre volte superiori alla cifra riportata. Inoltre, la ricerca empirica non fornisce argomenti convincenti per gli investimenti ESG.

 

Secondo un documento finanziario di Samuel M. Hartzmark e Abigail B. Sussman, non ci sono prove che i fondi ad alta sostenibilità superino i fondi a bassa sostenibilità. È importante che le revisioni e le meta-analisi dei fondi ESG siano ugualmente deludenti nella valutazione. Una revisione di 1.141 articoli primari sottoposti a revisione paritaria e ventisette metarevisioni pubblicati tra il 2015 e il 2020 ha dimostrato che il caso dei fondi ESG è inconcludente perché la loro performance è indistinguibile dai fondi non ESG.

 

Né è evidente che i fondi ESG registrino performance sociali superiori. Una ricerca del Massachusetts Institute of Technology afferma che gli obiettivi ESG non sempre sono in linea con le preferenze degli azionisti. Anche in presenza di un esplicito mandato a perseguire obiettivi sociali, i fondi ESG continuano a votare contro gli azionisti.

 

I risultati del MIT mostrano che Vanguard e BlackRock hanno votato contro le proposte che richiedono la divulgazione della diversità e delle qualifiche del consiglio di amministrazione di Apple, Salesforce, Twitter, Discovery e Facebook.

 

Abbastanza scioccante è che il Vanguard Social Index Fund abbia votato contro quasi tutte le risoluzioni ambientali e sociali esaminate nel periodo 2006-2019. I fondi ESG non solo non si impegnano a perseguire gli obiettivi sociali degli azionisti, ma ottengono anche scarsi risultati sugli indicatori ambientali e di governance.

 

Uno studio ad ampio raggio condotto da ricercatori universitari indica che i fondi ESG detengono azioni con emissioni di carbonio più elevate per unità di reddito, dimostrano prestazioni inferiori alla media in relazione alle emissioni di carbonio in base alla produzione di emissioni grezze e all’intensità delle emissioni e hanno livelli inferiori di indipendenza del consiglio di amministrazione.

 

Con misure oggettive, i fondi ESG non riescono a promuovere gli obiettivi sociali e a fornire rendimenti per gli azionisti. Tuttavia, poiché gli azionisti possiedono società, possono sempre esercitare pressioni per i fondi ESG, ma le società non dovrebbero mai progettare questi strumenti senza il consenso degli azionisti o la fornitura di informazioni accurate sulla loro fattibilità. Inoltre, i politici e le autorità di regolamentazione dovrebbero desistere dall’imporre obiettivi ESG alle aziende.

 

L’investimento ESG è attivismo e le aziende possono determinare se intendono perseguire l’attivismo sociale per volere degli azionisti senza che i politici interferiscano.

 

 

Lipton Matthews

 

 

 

Articolo apparso su Mises Institute, tradotto e pubblicato su gentile concessione del signor Matthews.

 

 

 

 

Immagine di

 

Continua a leggere

Ambiente

Scienziati russi confutano la tesi antropogenica del cambiamento climatico

Pubblicato

il

Da

Il consenso scientifico totale sul cambiamento climatico provocato dall’uomo – il dogma strombazzato dall’establishment occidentale ad ogni piè sospinto – non è così totale, visto che in Russia c’è avanza altre teorie geofisiche a riguardo.

 

La recente pubblicazione di un documento del Consiglio scientifico dell’Accademia russa delle scienze sulle questioni complesse dell’integrazione economica eurasiatica, della modernizzazione, della competitività e dello sviluppo sostenibile, presieduto da Sergej Glazev, che confuta l’«origine antropogenica» del cambiamento climatico, presenta una teoria molto interessante che era basato su alcuni degli ultimi lavori dello scienziato russo Vladimir Ivanovic Vernadskij (1863-1945).

 

Mentre le persone guardano al fattore più ovvio qui – il rapporto mutevole tra il Sole e la Terra come possibile fonte del «riscaldamento» – il capo ricercatore dell’Istituto per la ricerca nucleare dell’Accademia delle scienze russa, il dottor Leonid Bezrukov, ha posto l’ipotesi del riscaldamento della superficie terrestre e degli oceani a seguito del decadimento radioattivo dell’isotopo potassio-40 sotto la superficie terrestre, la cui potenza di flusso termico è di circa 1 watt per metro quadrato, molto più del flusso di calore antropogenico influenza sull’atmosfera.

 

La fonte del lavoro teorico su cui si basa questa ipotesi è attribuita al dottore in scienze geologiche e mineralogiche Vladimir Larin, che ha studiato la composizione dell’idruro metallico della Terra, la cui espansione rilascia idrogeno e altri gas.

 

Tuttavia, la prima persona a formulare la teoria dell’esistenza dell’idrogeno sulla superficie terrestre fu Vernadskij, che fu anche il primo a indicare un effetto molto più ampio del decadimento degli elementi nucleari della Terra nel determinare il calore della Terra, attraverso il suo concetto di «migrazione degli atomi» ben al di sotto del sottile strato della biosfera terrestre, un teoria che sviluppò in modo più esteso nella sua ultima opera incompiuta, Chimicheskoe stroenie biosferii zemli i ee okruzhenija («La struttura chimica della biosfera e dei suoi dintorni»), considerata dal geniale biochimico russo come il «libro della vita».

 

I membri del consiglio scientifico stanno progettando di presentare domanda al Ministero dell’Istruzione e della Scienza e all’Accademia delle scienze russa per organizzare uno studio interdisciplinare dei processi descritti.

 

Nel frattempo, nell’Italia sconvolta dalle alluvioni in Romagna, c’è chi avanza l’idea del carcere per chi nega il cambiamento climatico: nel giornale dell’imprenditore ora svizzero Carlo De Benedetti Domani abbiamo letto che «il negazionismo climatico dovrebbe essere un reato».

 

Come riportato da Renovatio 21, undici scienziati membri del gruppo Clintel hanno pubblicato una dichiarazione in cui respingono l’affermazione secondo cui l’attuale alluvione in Italia è correlata al cambiamento climatico antropogenico, cioè da cambiamenti meteorologici indotti dall’attività umana.

 

I firmatari, insieme ad altri, hanno scritto il libro Dialogo sul clima recentemente pubblicato in Italia.

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

 

Continua a leggere

Ambiente

A giudizio in Vaticano gli ambientalisti incollati al Lacoonte

Pubblicato

il

Da

Il 24 maggio 2023 si è svolta la seconda udienza della causa promossa dallo Stato del Vaticano nei confronti di due attivisti ambientalisti che si erano incollati alla celebre statua del Laocoonte nell’agosto 2022. Gli imputati si sono difesi dall’accusa di aver voluto danneggiare la scultura, ma i rappresentanti dei «Musei dei papi» affermarono da parte loro di temere danni «permanenti».

 

Il 18 agosto 2022, gli attivisti italiani del movimento Ultima Generazione si sono incollati alla statua del Laocoonte, con l’obiettivo di dimostrare l’inerzia delle autorità sul cambiamento climatico. Questa statua è databile al I o II secolo d.C.: fu riscoperta nel XVI secolo.

 

Il 9 marzo si è svolta una brevissima prima udienza preliminare. Gli imputati sono accusati di danneggiamento a «monumento pubblico di inestimabile valore storico-artistico» mediante collante «tenace e corrosivo»: erano presenti Guido Viero ed Ester Goffi, che si erano incollati alla statua, ma Laura Zorzini, che aveva fatto la foto della scena, era assente all’udienza.

 

Guido Viero, 62 anni, ha spiegato di voler agire per la figlia e la nipote, e «per le generazioni future». Voleva protestare contro la mancanza di investimenti del governo italiano nell’energia sostenibile. Sulla base della scultura in questione, gli attivisti avevano attaccato un cartello in cui si chiedeva niente gas o carbone.

 

Un simbolo mediatico

Il giudice Giuseppe Pignatone ha sottolineato che i Musei Vaticani si trovano nel territorio della Città del Vaticano, e non in Italia. Guido Viero ha risposto argomentando sulla portata «più mediatica». Ha spiegato di aver scelto il Laocoonte per riferirsi al mito di colui «che cercava di avvertire i suoi concittadini delle disgrazie a venire». La scultura rappresenta infatti il ​​sacerdote troiano che cercò di smascherare l’inganno del cavallo di Troia raccontato nell’Eneide.

 

Ha anche affermato di aver «assolutamente escluso» possibili danni. «Le nostre azioni non danneggeranno mai persone o cose», ha detto. Gli imputati si erano così «informati» sul materiale utilizzato: un collante «che si toglie facilmente con l’acetone».

 

L’altra imputata, Ester Goffi, laureata in arte contemporanea, ha affermato di non essere a conoscenza di eventuali danni che la statua avrebbe potuto subire. Un esperto gli aveva assicurato che questo prodotto non lasciava segni sulla pelle né danneggiava il marmo. Non aveva subito alcun danno durante le operazioni di distacco.

 

I testimoni dei Musei Vaticani

Sono stati ascoltati diversi testimoni, tra cui un addetto alla sicurezza, un gendarme, e il responsabile del restauro dei Musei, Guy Devreux, contattato per riparare il Laocoonte. Quest’ultimo ha dichiarato al tribunale che i lavori di restauro del marmo hanno richiesto meno tempo di quanto previsto dalla stima iniziale, che era di poco superiore ai 15.000 euro.

 

In totale, gli esperti hanno impiegato una settimana, soprattutto perché i Musei avevano chiesto «un lavoro rapido», ha spiegato. Allo stato attuale, Guy Devreux ha accennato a un danno che potrebbe essere «permanente», perché l’intervento effettuato è servito solo a «nascondere» il danno subito dal marmo.

 

La base, su cui si sono incollati gli attivisti, è «parte integrante» dell’opera d’arte, ha aggiunto il restauratore. La parte superiore del basamento «sostiene tutta la scultura», ha spiegato, precisando che tale basamento è stato datato tra il 1815 e il 1957.

 

La causa è stata presa in esame e la sentenza sarà pronunciata nell’udienza fissata per il 12 giugno.

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Più popolari