Connettiti con Renovato 21

Controllo delle nascite

Le origini oscure del Grande Reset di Davos

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

È importante capire che non c’è una sola idea nuova o originale nella cosiddetta agenda del Great Reset per il mondo di Klaus Schwab. Né il suo programma della Quarta Rivoluzione Industriale nemmeno la sua affermazione di aver inventato la nozione di Stakeholder Capitalism è un prodotto di Schwab. Klaus Schwab è poco più di un abile agente di pubbliche relazioni per un’agenda tecnocratica globale, un’unità corporativa del potere aziendale con il governo, comprese le Nazioni Unite, un’agenda le cui origini risalgono all’inizio degli anni ’70, e anche prima. Il grande ripristino di Davos è semplicemente un progetto aggiornato per una dittatura distopica globale sotto il controllo delle Nazioni Unite che è stata sviluppata da decenni. Gli attori chiave sono stati David Rockefeller e il suo protetto, Maurice Strong.

 

 

All’inizio degli anni ’70, probabilmente non c’era persona più influente nella politica mondiale del compianto David Rockefeller, allora ampiamente conosciuto come presidente della Chase Manhattan Bank.

 

 

Creare il nuovo paradigma

Alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, i circoli internazionali direttamente legati a David Rockefeller lanciarono una stupefacente schiera di organizzazioni d’élite e gruppi di riflessione.

 

Questi includevano Il Club di Roma; il 1001: A Nature Trust, legato al World Wildlife Fund (WWF); la conferenza sulla Giornata della Terra delle Nazioni Unite di Stoccolma; lo studio del MIT Limits to Growth; la Commissione Trilaterale di David Rockefeller.

 

 

Club di Roma

Nel 1968 David Rockefeller fondò un think tank neomalthusiano, il Club di Roma, insieme ad Aurelio Peccei e Alexander King.

 

Aurelio Peccei, era un senior manager della casa automobilistica FIAT, di proprietà della potente famiglia italiana Agnelli. Gianni Agnelli della FIAT era un intimo amico di David Rockefeller e membro dell’International Advisory Committee della Chase Manhattan Bank di Rockefeller. Agnelli e David Rockefeller erano amici intimi dal 1957. Agnelli divenne un membro fondatore della Commissione Trilaterale di David Rockefeller nel 1973. Alexander King, capo del Programma scientifico dell’OCSE, fu anche consulente della NATO. Quello fu l’inizio di quello che sarebbe diventato il movimento neo-malthusiano «la gente inquina».

 

Nel 1971 il Club di Roma pubblicò un rapporto profondamente viziato, Limits to Growth [I limiti dello sviluppo, ndt], che prevedeva la fine della civiltà come la conoscevamo a causa della rapida crescita della popolazione, combinata con risorse fisse come il petrolio.

 

Il rapporto concludeva che senza cambiamenti sostanziali nel consumo di risorse, «il risultato più probabile sarà un calo piuttosto improvviso e incontrollabile sia della popolazione che della capacità industriale». Era basato su simulazioni al computer fasulle di un gruppo di scienziati informatici del MIT, e faceva un’audace previsione: «se le attuali tendenze di crescita della popolazione mondiale, dell’industrializzazione, dell’inquinamento, della produzione alimentare e dell’esaurimento delle risorse continueranno invariate, i limiti alla crescita su questo pianeta saranno raggiunti entro i prossimi cento anni». Era il 1971.

 

Nel 1974, il Club di Roma dichiarò audacemente: «La Terra ha il cancro e il cancro è l’Uomo». Quindi: «il mondo sta affrontando una serie senza precedenti di problemi globali interconnessi, come sovrappopolazione, carenza di cibo, esaurimento delle risorse non rinnovabili [petrolio-noi], degrado ambientale e cattiva governance».

 

Sostenevano che «è necessaria una ristrutturazione “orizzontale” del sistema mondiale… sono necessari cambiamenti drastici nello strato normativo – cioè nel sistema di valori e negli obiettivi dell’uomo – per risolvere crisi energetiche, alimentari e di altro tipo, cioè cambiamenti sociali e sono necessari cambiamenti negli atteggiamenti individuali se si vuole che avvenga il passaggio alla crescita organica».

 

Nel loro rapporto del 1974, Mankind at the Turning Point («L’umanità al punto di svolta»), il Club di Roma ha ulteriormente affermato che «la crescente interdipendenza tra nazioni e regioni deve quindi tradursi in una diminuzione dell’indipendenza. Le Nazioni non possono essere interdipendenti senza che ciascuna di esse rinunci ad una parte o almeno ne riconosca dei limiti alla propria indipendenza».

 

«Ora è il momento di elaborare un piano generale per la crescita organica sostenibile e lo sviluppo mondiale basato sull’allocazione globale di tutte le risorse limitate e un nuovo sistema economico globale».

 

Questa è stata la prima formulazione dell’Agenda 21 delle Nazioni Unite, dell’Agenda 2030 e del Grande Reset di Davos del 2020.

 

 

David Rockefeller e Maurice Strong

L’organizzatore di gran lunga più influente dell’agenda della “crescita zero” di Rockefeller all’inizio degli anni ’70 era l’amico di lunga data di David Rockefeller, un petroliere miliardario di nome Maurice Strong.

 

Il canadese Maurice Strong è stato uno dei primi propagatori chiave della teoria scientificamente fraudolenta secondo cui le emissioni di CO2 prodotte dall’uomo dai veicoli di trasporto, dalle centrali a carbone e dall’agricoltura hanno causato un drammatico e accelerato aumento della temperatura globale che minaccia «il pianeta», il cosiddetto riscaldamento globale.

 

In qualità di presidente della Conferenza di Stoccolma delle Nazioni Unite per la Giornata della Terra del 1972, Strong ha promosso un’agenda di riduzione della popolazione e abbassamento del tenore di vita in tutto il mondo per «salvare l’ambiente». Strong ha dichiarato la sua agenda ecologista radicale:

 

«Non è l’unica speranza per il pianeta che le civiltà industrializzate crollino? Non è nostra responsabilità realizzarlo?” Questo è ciò che sta accadendo ora sotto la copertura di una pandemia globale pubblicizzata».

 

Strong è stata una scelta curiosa per guidare un’importante iniziativa delle Nazioni Unite per mobilitare l’azione sull’ambiente, poiché la sua carriera e la sua considerevole fortuna erano state costruite sullo sfruttamento del petrolio, come un numero insolito di nuovi sostenitori della «purezza ecologica», come David Rockefeller o Robert O. Anderson dell’Aspen Institute o John Loudon della Shell.

 

Strong aveva incontrato David Rockefeller nel 1947 quando il giovane canadese aveva abbandonato le scuole superiori di diciotto anni e da quel momento la sua carriera si legò alla rete della famiglia Rockefeller.

 

Attraverso la sua nuova amicizia con David Rockefeller, Strong, all’età di 18 anni, ha ricevuto una posizione chiave delle Nazioni Unite sotto il tesoriere delle Nazioni Unite, Noah Monod. I fondi delle Nazioni Unite sono stati gestiti abbastanza convenientemente dalla Chase Bank di Rockefeller. Questo era tipico del modello di «partenariato pubblico-privato» che doveva essere implementato da Strong: guadagno privato dal governo pubblico.

 

Negli anni ’60 Strong era diventato presidente dell’enorme conglomerato energetico e compagnia petrolifera di Montreal noto come Power Corporation, allora di proprietà dell’influente Paul Desmarais. Sarebbe stata utilizzata anche come fondo nero politico per finanziare campagne di politici canadesi selezionati come Pierre Trudeau, padre del protetto di Davos, Justin Trudeau, secondo la ricercatrice investigativa canadese Elaine Dewar (Elaine Dewar, op cit. p. 269-271).

 

 

 Il primo Earth Summit e il Summit della Terra di Rio

Nel 1971 Strong è stato nominato Sottosegretario delle Nazioni Unite a New York e Segretario Generale della prossima conferenza sulla Giornata della Terra, Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente umano (Earth Summit I) a Stoccolma, in Svezia. Nello stesso anno fu anche nominato amministratore fiduciario della Rockefeller Foundation, che finanziò il suo lancio del progetto Stockholm Earth Day (Elaine Dewar, op cit. p.277). A Stoccolma è stato creato il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) con Strong come capo.

 

Nel 1989 Strong è stato nominato dal Segretario generale delle Nazioni Unite a capo della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo del 1992 o UNCED (Rio Earth Summit II). Lì ha supervisionato la stesura degli obiettivi delle Nazioni Unite «Sustainable Environment» (Ambiente sostenibile), l’Agenda 21 per lo sviluppo sostenibile che costituisce la base del Great Reset di Klaus Schwab, nonché la creazione dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite. Strong, che era anche un membro del consiglio di Davos WEF, aveva fatto in modo che Schwab fungesse da consulente chiave per il Summit della Terra di Rio.

 

In qualità di Segretario Generale della Conferenza delle Nazioni Unite di Rio, Strong ha anche commissionato un rapporto al Club di Roma, The First Global Revolution, scritto da Alexander King, in cui ammetteva che l’affermazione sul riscaldamento globale della CO2 era semplicemente uno stratagemma inventato per forzare il cambiamento:

 

«Il nemico comune dell’umanità è l’uomo. Nella ricerca di un nuovo nemico che ci unisse, ci è venuta l’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d’acqua, la carestia e simili sarebbero adatti al conto. Tutti questi pericoli sono causati dall’intervento umano ed è solo attraverso atteggiamenti e comportamenti modificati che possono essere superati. Il vero nemico, quindi, è l’umanità stessa».

 

Il delegato del presidente Clinton a Rio, Tim Wirth, ha ammesso lo stesso, affermando: «dobbiamo affrontare il problema del riscaldamento globale. Anche se la teoria del riscaldamento globale è sbagliata, faremo la cosa giusta in termini di politica economica e politica ambientale». (Elaine Dewar, Cloak of Green: The Links between key ambientali groups, government and big business, Toronto, James Lorimer & Co., 1995, pp. 259-265.)

 

A Rio Strong ha introdotto per la prima volta l’idea manipolativa di «società sostenibile» definita in relazione a questo obiettivo arbitrario di eliminare la CO2 e altri cosiddetti gas serra. L’Agenda 21 è diventata Agenda 2030 nel settembre 2015 a Roma, con la benedizione del Papa, con 17 obiettivi «sostenibili». Egli ha dichiarato, tra l’altro,

 

«La terra, per la sua unicità e per il ruolo cruciale che svolge nell’insediamento umano, non può essere trattata come un bene ordinario, controllato da individui e soggetto alle pressioni e alle inefficienze del mercato. La proprietà fondiaria privata è anche uno strumento principale di accumulazione e concentrazione della ricchezza e quindi contribuisce all’ingiustizia sociale… La giustizia sociale, il rinnovamento e lo sviluppo urbano, la fornitura di abitazioni dignitose e condizioni salubri per le persone possono essere raggiunti solo se si utilizza la terra nell’interesse della società nel suo insieme».

 

In breve, la proprietà privata della terra deve essere socializzata per la «società nel suo insieme», un’idea ben nota ai tempi dell’Unione Sovietica e una parte fondamentale del Grande Reset di Davos.

 

A Rio nel 1992, dove era presidente e segretario generale, Strong dichiarò:

 

«È chiaro che gli attuali stili di vita e modelli di consumo della classe media benestante – che implicano un’elevata assunzione di carne, il consumo di grandi quantità di cibi surgelati e pronti, l’uso di combustibili fossili , elettrodomestici, aria condizionata in casa e nei luoghi di lavoro e alloggi suburbani – sono non sostenibili». (corsivo aggiunto)

 

Strong non ha ascoltato la sua stessa chiamata. Ciò che Strong non ha detto ai suoi alleati ambientalisti a Rio è che aveva anche fatto un enorme acquisto della Colorado Land and Cattle Company, dal trafficante d’armi saudita e risorsa della CIA, Adnan Khashoggi.

 

A quel punto Strong era al centro della trasformazione delle Nazioni Unite nel veicolo per imporre un nuovo fascismo tecnocratico globale di nascosto, usando terribili avvertimenti sull’estinzione del pianeta e sul riscaldamento globale, fondendo le agenzie governative con il potere delle corporazioni in un controllo non eletto di graziosi quasi tutto, sotto la copertura fraudolenta della «sostenibilità».

 

Nel 1997 Strong ha supervisionato la creazione del piano d’azione dopo l’Earth Summit, il Global Diversity Assessment, un progetto per il lancio di una quarta rivoluzione industriale, un inventario di ogni risorsa del pianeta, come sarebbe stata controllata e come questa rivoluzione verrebbe raggiunto.

 

In questo momento Strong era co-presidente del Davos World Economic Forum di Klaus Schwab. Nel 2015 alla morte di Strong, il fondatore di Davos Klaus Schwab scrisse: «era il mio mentore sin dalla creazione del Forum: un grande amico; un consigliere indispensabile; e, per molti anni, membro del nostro consiglio di fondazione».

 

Prima di essere costretto a lasciare le Nazioni Unite in disgrazia per uno scandalo di corruzione in Iraq Food-for-Oil, Strong è stato membro del Club di Roma, fiduciario dell’Aspen Institute, fiduciario della Fondazione Rockefeller e della Fondazione Rothschild.

 

Strong è stato anche nell’occulto Tempio della Comprensione legato al Lucifer Trust (alias Lucis Trust) ospitato presso la Cattedrale di Saint Joh the Divine a New York City, «dove i rituali pagani includono la scorta di pecore e bovini all’altare per la benedizione. Qui, il vicepresidente Al Gore ha tenuto un sermone, mentre i fedeli marciavano verso l’altare con ciotole di compost e vermi…»

 

Questa è l’origine oscura del programma Great Reset di Schwab in cui dovremmo mangiare vermi e non avere proprietà private per «salvare il pianeta».

 

L’agenda è oscura, distopica e ha lo scopo di eliminare miliardi di noi «normali esseri umani».

 

 

William F. Engdahl

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

Controllo delle nascite

Natalità, il premier giapponese afferma che il suo Paese sta precipitando da un precipizio demografico

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge

 

 

 

Il primo ministro giapponese ha avvertito che il suo paese cadrà in un precipizio economico e sociale a meno che non riesca a invertire il declino della sua popolazione.

 

«Il nostro paese è sull’orlo dell’incapacità di mantenere le funzioni della società», ha affermato Fumio Kishida all’inizio della sessione della Dieta di quest’anno.

 

Il numero di nascite nel 2022 è inferiore a 800.000. Nel 1973, al culmine del baby boom, nacquero 2,09 milioni di bambini.

 

La popolazione del Giappone continua a diminuire. Nel 2020, i ricercatori hanno previsto che la popolazione del Giappone sarebbe diminuita da 128 milioni nel 2017 a meno di 53 milioni nel 2100.

 

Più bambini saranno la «massima priorità» per la sua amministrazione, ha affermato Kishida. Ha in programma di spendere soldi per «creare un’economia e una società incentrate sui bambini».

 

«Le politiche sui bambini e sull’assistenza all’infanzia sono l’investimento più efficace per il futuro”» ha detto alla Dieta. Fornirà altri 80.000 yen (592 dollari USA) all’anno alle coppie che hanno un figlio.

 

«Questo non risolverà magicamente i problemi che il Giappone, come nazione, deve affrontare», ha detto a Deutsche Welle Noriko Hama, economista della Doshisha University di Kyoto. «Non si tratta solo di buttare soldi alle giovani coppie e aspettarsi che abbiano più figli. È una questione di scarsa infrastruttura sociale che consente alle persone di sentirsi abbastanza sicure da avere figli».

 

«Al momento, le persone non sono contente dell’ambiente in cui dovranno crescere un bambino e fino a quando non migliorerà, il tasso di natalità non si riprenderà», ha detto.

 

È improbabile che l’immigrazione fermi il declino del Giappone xenofobo. Il corrispondente giapponese della BBC, Rupert Wingfield-Hayes, è sposato con una donna giapponese e ha tre figli. Osserva caustico: «Se vuoi vedere cosa succede a un paese che rifiuta l’immigrazione come soluzione al calo della fertilità, il Giappone è un buon punto di partenza. I salari reali non crescono qui da 30 anni. I redditi in Corea del Sud e Taiwan hanno raggiunto e persino superato il Giappone».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Contraccezione

Ecco il Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria

Pubblicato

il

Da

Il massimo quotidiano del pianeta, il New York Times, ha dedicato un lungo articolo alla figura di Les Knight, 75 anni, il fondatore del movimento Voluntary Human Extinction («Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria»), che è meno un movimento che un libero consorzio di persone che credono che la cosa migliore che gli esseri umani possano fare per aiutare la Terra sia smettere di avere figli.

 

Il Knight ha aggiunto la parola «volontaria» decenni fa per chiarire che gli aderenti non supportano l’omicidio di massa o il controllo delle nascite forzato, né incoraggiano il suicidio. Il loro ethos è ripreso nel loro motto, «Possiamo vivere a lungo e morire», e in un altro dei loro slogan, che Knight appende a vari convegni e fiere di strada: «Grazie per non aver fatto figli».

 

L’articolo è scattato quando lo scorso 15 novembre il pianeta avrebbe raggiunto, otto miliardi di esseri umani. Tuttavia, come riportato da Renovatio 21, il trend è comunque di implosione demografica, visto il rapporto numerico tra vecchiaia e gioventù.

 

Il tizio è ovviamente tra coloro che credono che la sovrappopolazione sia un fattore principale nella crisi climatica.

 

«L’idea che la popolazione debba essere controllata ha portato anche a sterilizzazioni forzate e misure che si sono dimostrate disumane o sono state collegate a teorie razziste come l’eugenetica» si ricorda improvvisamente il New York Times.

 

Il Knight a sterilizzarsi ci ha pensato da sé nel 1973, all’età di 25 anni. Non ha quindi avuto figli. Oltre a sostenere l’accesso universale al controllo delle nascite – che significa, nel gergo angloide, contraccezione e aborto – e opporsi a quello che chiama fascismo riproduttivo, «la mancanza di libertà di non procreare», il personaggi  afferma che, nonostante i nostri numerosi successi, gli esseri umani costituiscono nettamente un danno per la Terra.

 

«Guarda cosa abbiamo fatto a questo pianeta», ha detto il Knight durante una chiacchierata con l’inviato del NYT nel suo cortile. «Non siamo una buona specie».

 

Non è chiaro quanti aderenti ci siano nel gruppo del signor Knight, o quale sia l’estensione della sua portata. Dopo essere stato in gran parte clandestino, il gruppo è diventato popolare quando Mr. Knight ha creato un sito web nel 1996. Ricco di testi ma disinvolto, il sito include citazioni del filosofo pessimista Schopenhauer e vignette varie, nonché argomenti contro la procreazione e per adozione. È stato tradotto in circa 30 lingue, tra cui spicca la presenza, che sa di utopismo stantio ed impenitente quasi commovente, di lingue artificiali come l’Esperanto, l’Interlingua, l’Ido e perfino la «lingua franca».

 

Insegnante in pensione, arruolato durante la Guerra del Vietnam ma non andato al fronte, al College il Knight ha trovato un gruppo chiamato Zero Population Growth, il quale «ha cementato la sua determinazione a non avere figli». «È sempre stato a causa dell’ecologia, a causa del danno che gli umani fanno all’ambiente», racconta ora il vecchio.

 

È l’idea, oramai mainstream, dell’uomo come cancro del pianeta. «Le sue convinzioni sarebbero radicate nell’ecologia profonda, che sfida i presupposti del dominio umano e sostiene che altre specie sono altrettanto significative. Il signor Knight è arrivato a vedere gli umani come la più distruttiva delle specie invasive e come super predatori».

 

L’articolo scrive che «gli Stati Uniti hanno registrato un aumento delle nascite durante la pandemia di coronavirus , invertendo il calo del tasso di natalità del Paese, un sondaggio del 2020 ha rilevato che un americano su quattro che non aveva avuto figli ha citato il cambiamento climatico come motivo», una questione di cui tempo fa ha dato conto Renovatio 21.

 

Il New York Times tuttavia ci tiene a sottolineare  che «la ricerca ha dimostrato che avere un figlio in meno è forse il modo più significativo per ridurre la propria impronta di carbonio». Questa puntualizzazione, in linea con gli ESG ONU e lo stakeholder capitalism promosso dal Grande Reset del World Economic Forum (che, come riportato da Renovatio 21, ha origine negli ambienti che proponevano e propongono il controllo della popolazione), mica poteva mancare.

 

I pensieri mostruosi non si fermano qui. «Al signor Knight non piace spingere le sue convinzioni sulle persone, tuttavia gli piace pensare che ci siano alcuni esseri umani che non esistono perché dei suoi sforzi».

 

Se ci si fa un giro sul sito del Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria (VHEMT), si resta basiti. Innanzitutto, per la forma: se diciamo che pare un sito internet del 1995 non scherziamo, anzi, può fungere tranquillamente come macchina del tempo per chi per ragioni anagrafiche non può ricordare come era fatto il web una volta.

 

Il sito è una grande serie di FAQ, di domande con risposte. Alcuni esempi interessanti.

 

Domanda: «È possibile l’estinzione umana volontaria?» Risposta: «La nostra estinzione non è solo possibile, è inevitabile: miliardi di specie sono già andate e venute».

 

Domanda: «Cosa c’è che non va nei bambini? Non vi piacciono i bambini?» Risposta: «La scelta di astenersi dal produrre un’altra persona dimostra un profondo amore per tutta la vita»

 

Domanda: «Staremmo meglio se non fossimo mai nati?» Risposta: «La filosofia dell’antinatalismo è una delle vie principali verso l’estinzione umana volontaria. L’idea è che non abbiamo il diritto di far esistere qualcuno dove sicuramente soffrirà. Non stanno soffrendo nella non esistenza».

Domanda: «Essere genitori fa male all’ecologia della Terra?» Risposta: «La scelta di astenersi dall’aggiungere un altro di noi riduce notevolmente le nostre potenziali emissioni di gas serra»

 

E via così. Menzione speciale ai discorsi su nuovi virus, guerre, fame e rifiuti tossici che potrebbero aiutare l’estinzione umana: in realtà nemmeno questi sono sufficienti, anzi potrebbero in alcuni casi addirittura fortificare la specie.

 

Da notare come la morte, chiamata Grim Reaper («il tristo mietitore») e  rappresentata nelle vignette  del sito come il classico scheletro con mantello, cappuccio e falce, è qui considerata come un «supereroe».

 

Quella del Knight non è l’unica spaventosa iniziativa di terminazione della specie: anzi, è la più borghese, presentabile – e per questo finisce sui giornali. Maggiormente preoccupante è la Chiesa dell’Eutanasia fondata negli anni Novanta a Boston, una sedicente «fondazione educativa senza scopo di lucro dedicata al ripristino dell’equilibrio tra gli esseri umani e le restanti specie sulla Terra». Ciò sarebbe possibile, dicono i membri del culto, solo tramite una riduzione massiva volontaria della popolazione terrestre

 

Si tratterebbe, secondo il suo fondatore Chris Korda (musicista e sviluppatore di software nato in una famiglia di importanti scrittori e registi), forse dell’unica religione completamente e programmaticamente antiumana del mondo.

 

Uno degli slogan per cui il gruppo è noto è «Save the Planet, Kill Yourself», cioè «Salva il pianeta, ucciditi». Ma c’è anche «Eat a Queer Fetus for Jesus», «Mangia un feto strano per Gesù».

 

Il gruppo si è inevitabilmente scontrato con i gruppi antiabortisti cristiani d’America, per poi generare scandalo quando, dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, la Chiesa dell’Eutanasia ha pubblicato sul suo sito web un video musicale di quattro minuti intitolato Mi piace guardare, che combinava pornografia hardcore con filmati del crollo del World Trade Center, inclusa musica elettronica in sottofondo mentre erano scandite le parole «La gente si tuffa in strada / mentre io gioco con la mia carne». Il riferimento era con probabilità alle povere persone imprigionate nell’incendio delle Torri Gemelle che tragicamente si buttarono dai piani alti del palazzo. La clip mostrava anche un uomo che si masturbava e poi si puliva con una bandiera americana.

 

Secondo Wikipedia, le istruzioni della Chiesa dell’Eutanasia su «come uccidersi» per asfissia con l’elio sono state rimosse dal suo sito web nel 2003 dopo che una donna di 52 anni le aveva usate per suicidarsi in Missouri, con conseguenti minacce legali contro l’organizzazione.

 

C’è da considerare che, sia i moderati del VHEMT che gli estremisti della Chiesa dell’Eutanasia, sono sinceri nel portare avanti (solo in modo «teatrale», certo: perché quelli seri là fuori fanno ben altro) il programma della Cultura della Morte, che è il sistema operativo del mondo moderno. Un mondo dove l’essere umano è visto come nemico, e quindi la sua riproduzione va impedite, e i numeri della popolazione vanno ridotti.

 

Tuttavia, costoro non capiscono che il programma è un altro. È leggermente diverso, più complesso, più sottile.

 

Il vero manovratore della Necrocultura non vuole solo l’assassinio della massa umana. No. Vuole che sia l’uomo stesso a implementarla: vuole cioè, la perversione. Non vuole eliminare del tutto gli uomini: deve conservarne una parte, per offenderli ed umiliarli, perché essi sono a immagine del vero avversario del manovratore della morte.

 

Una parte degli uomini, secondo questo disegno, sarà poi necessaria affinché si adori il manovratore nei tempi ultimi. Come sa il lettore di Renovatio 21, non è improbabile che quantomeno una parte di tali adoratori possano essere creature prodotte in laboratorio, figli della provetta, cioè coloro, dice l’Apocalisse di San Giovanni, « il cui nome non è scritto nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo» (Ap 13, 8)

 

Quindi: la riduzione della popolazione terrestre è realtà. Tuttavia, la sua completa estinzione, non è nei piani del Male.

 

Nei piani del Male c’è molto di peggio.

 

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

La Silicon Valley convertita al natalismo?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Questo mese è venuto al mondo l’8 miliardesimo bambino. I demografi ritengono che la popolazione mondiale si stia muovendo verso i 10 miliardi. Ma a un certo punto, la curva inizierà a muoversi verso il basso. Le persone ovunque (eccetto l’Africa sub-sahariana) diventeranno sempre più anziane, comportando enormi oneri per i servizi sociali del governo.

 

Il problema è che la maggior parte dei paesi ha tassi di natalità inferiori al livello di sostituzione. E nessuno sa come convincere le donne ad avere più figli, come ha scoperto la Cina, con suo sgomento.

 

Che cosa si deve fare? Una soluzione arriva da una fonte improbabile: attivisti pro-natalismo facoltosi, fanatici della tecnologia e venture capitalists.

 

 

Capitolo 1: Elon Musk twitta ossessivamente sul crollo della popolazione

L’eccentrico miliardario è stato sposato due volte ma ora si definisce single. Ha avuto almeno nove figli con una combinazione di mogli, fidanzate e surrogate. Ecco alcuni dei suoi ultimi tweet.

 

 

  • «Contrariamente a quanto molti pensano, più qualcuno è ricco, meno figli ha. Sono una rara eccezione. La maggior parte delle persone che conosco ha zero o un figlio». Elon Musk su Twitter, 25 maggio 2022.

 

 

 

Capitolo 2: Malcolm e Simone Collins fanno qualcosa.

Malcolm e Simone irradiano una potente fiducia in se stessi. Come coppia hanno gestito società in cinque continenti che complessivamente hanno raccolto 70 milioni di dollari ogni anno; lui ha raccolto un fondo di private equity; strategia diretta alle migliori società di capitale di rischio in fase iniziale; ha scritto tre libri bestseller; è stato amministratore delegato di Dialog, un ritiro per leader globali fondato da Peter Thiel; e ha conseguito lauree in neuroscienze, economia e politica tecnologica a St Andrews, Stanford e Cambridge.

 

In un servizio su Business Insider, spiegano che vogliono salvare il mondo dal diventare un’idiocrazia nella vita reale. A cominciare da se stessi. Prima di sposarsi, si sono impegnati ad avere tra i 7 ei 13 figli. Dato che Simone era più grande, ha congelato i suoi ovuli per assicurarsi che l’età non fosse un ostacolo. Hanno già 3 figli. Nel 2018, che chiamano l’anno del raccolto, hanno prodotto e congelato quanti più embrioni possibile. Selezionano gli embrioni per l’alto QI e altri tratti preziosi. Si definiscono «hipster eugenetici».

 

«Finché ciascuno dei loro discendenti può impegnarsi ad avere almeno otto figli per sole 11 generazioni, la linea di sangue dei Collins alla fine supererà l’attuale popolazione umana», dicono a Business Insider.

 

 

Capitolo 3: Scopri tutto sull’imminente implosione della popolazione su pronatalist.org .

Dalla loro casa nella Pennsylvania rurale, la coppia Collins, altamente collegata, predica il vangelo del pro-natalismo, che è l’ultima moda tra i super ricchi della Silicon Valley.

 

Negli ultimi 20 anni circa, i miliardari sono stati ossessionati dalla longevità, aumentando la durata della vita a centinaia di anni. La ricerca su questo continua, ma alcuni hanno rivolto le loro menti alla demografia. «La persona di questa sottocultura vede davvero il percorso verso l’immortalità attraverso l’avere figli», afferma Simone.

 

Pronatalist.org, creato da Malcolm e Simone, avvisa i lettori della crisi e propone una soluzione:

 

«I tassi di natalità stanno diminuendo precipitosamente in tutto il mondo, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Se non verranno intraprese azioni drammatiche, assisteremo all’estinzione di intere società, all’espansione di governi totalitari e all’ascesa incontrollata del tribalismo».

 

Il tasso di natalità della Corea del Sud è di circa 0,81 , molto al di sotto del livello di sostituzione. I Collins lo chiamano «genocidio per inerzia». «Questo equivale a una malattia che spazza via il 94% della popolazione. Abbiamo bisogno di soluzioni radicali per salvare i gruppi etnici in via di estinzione».

 

Vedono la politica contemporanea attraverso una lente demografica:

 

«Se ti sei mai chiesto perché diverse fazioni ideologiche in politica sembrano essere sempre meno d’accordo con il passare del tempo, perché stanno diventando più autoritarie e perché il tribalismo sembra aumentare: stai assistendo alla mano invisibile del collasso demografico al lavoro».

 

«I numeri della popolazione alla fine rimbalzeranno entro poche centinaia di anni, ma i progressi che il mondo ha fatto in termini di diritti delle donne, libertà di parola, ambientalismo, uguaglianza razziale, diritti degli omosessuali, ecc. corre il rischio di una cancellazione sistematica se non interveniamo».

 

Qual è la risposta? Solo un cambiamento culturale ci salverà, sostengono. I crediti d’imposta e i bonus bebè non funzioneranno:

 

«Solo le culture con una forte motivazione esterna ad avere figli sono al momento ben al di sopra del tasso di ripopolamento; tutti gli altri entreranno nella pattumiera della storia. In sostanza, ogni cultura mondiale che non ha forti convinzioni religiose o educa e tratta le donne da pari a pari viene sistematicamente cancellata».

 

Una singola famiglia con otto figli che passa con successo quella pratica ai propri figli può salvare il loro intero gruppo etnico. (Una famiglia con otto figli per dieci generazioni porta a oltre un miliardo di discendenti)

 

 

Capitolo 4: networking per il natalismo

I Collins vogliono che tu ti unisca a loro.

 

«Stiamo costruendo attivamente una rete diversificata di famiglie con la grinta per superare questo vortice. Se ti impegni per un alto tasso di natalità e per costruire una cultura sana per la tua famiglia, vogliamo parlarti!»

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari