Connettiti con Renovato 21

Controllo delle nascite

Metti una sera a cena: Bill Gates, Rockefeller, Soros. E la riduzione della popolazione terrestre

Pubblicato

il

 

 

Il giornale britannico Sunday Times del 24 maggio 2009 pubblicò un articolo interessante. Parlava di un incontro top-secret di 14 delle persone più ricche del mondo, avvenuto  il 5 maggio 2009, e si intitolava «Il club dei miliardari tentano di frenare la crescita della popolazione». L’autore era il giornalista John Harlow.

 

L’incontro era stato organizzato su iniziativa dell’uomo che all’epoca era ritenuto da Forbes il più ricco del mondo, William Henry Gates III, detto comunemente Bill Gates, fondatore del megacolosso informatico Microsoft.

 Il mondo è piccolo, soprattutto per i miliardari. Anzi questi il mondo lo vogliono rendere ancora più piccolo riducendo la popolazione umana

 

Un altro organizzatore fu l’investitore speculativo Warren Buffett, classificato n. 2 da Forbes nella classifica dei paperoni planetari, uno che ha promesso 31 miliardi di dollari, la maggior parte della sua fortuna, alla Fondazione Bill e Melinda Gates (come se ne avessero bisogno). Il trio degli organizzatori si completava con l’immancabile David Rockefeller.

 

Rockefeller fece in modo che l’incontro si tenesse a casa del presidente della Rockefeller University di New York, Sir Paul Nurse. Un addetto ai lavori sostenne che la conventicola si poteva chiamare  «The Good Club», il Club dei buoni.

 

L’incontro era stato organizzato su iniziativa dell’uomo che all’epoca era ritenuto da Forbes il più ricco del mondo, Bill Gates, con Warren Buffett e David Rockefeller

Oltre ai tre organizzatori, alla riunione hanno partecipato il sindaco di New York Michael Bloomberg, recentemente candidato con campagne fa centinaiaia di milioni alle primarie democratiche in sfida al presidente Trump; vi era Peter G. Peterson, avvocato dei tagli al bilancio del governo che ha cofondato l’enorme gruppo di investimenti private equity Blackstone (fatturato 2017: 7,1 miliardi di dollari); vie erano ex gestore degli hedge fund Julian H. Robertson jr.,  l’ex presidente di Cisco Systems (azienda dell’elettronica necessaria ad internet) John Morgridge e sua moglie Tashia, lo speculatore immobiliare Eli Broad e sua moglie Edythe, l figlio di David Rockefeller, David Rockefeller, e magnati dei media Ted Turner (ex padrone della CNN, ex marito di Jane Fonda, concentrato in operazioni di charity abortiste e ultra-ambientaliste) e della popolarissima ed influentissima presentatrice afroamericana Oprah Winfrey.

 

Certo, non poteva mancare lui: all’incontro vi era lo speculatore internazionale George Soros, «l’unico individuo al mondo – dice lucidamente qualcuno – con una sua politica estera».

 

«I partecipanti inizialmente si sono rifiutati di rivelare i dettagli della riunione, citando un accordo per proteggere la riservatezza della discussione» scrisse il Sunday Times

Non poteva mancare lui: all’incontro vi era lo speculatore internazionale George Soros, «l’unico individuo al mondo – dice lucidamente qualcuno – con una sua politica estera»

 

L’incontro di cinque ore è iniziato con ogni persona che ha dato uno speech di 15 minuti sulle «cause» da essi supportati. Durante la cena, il Times riferì che «prendendo spunto da Gates, si ritrovarono tutti d’accordo sul fatto che la sovrappopolazione» fosse la «causa ombrello» che poteva superare ogni altra preoccupazione.

 

La sessione fu così «discreta», disse sempre il Sunday Times, che ad alcuni collaboratori dei miliardari fu detto che i loro padroni erano «a un briefing sulla sicurezza».

 

Durante la cena, «prendendo spunto da Gates, si ritrovarono tutti d’accordo sul fatto che la sovrappopolazione»

Un altro partecipante affermò che alla cena vi fu concordia sul fatto che avrebbero appoggiato una strategia «in cui la crescita della popolazione sarebbe affrontata come una minaccia ambientale, sociale e industriale potenzialmente disastrosa …. Loro [i partecipanti] devono essere indipendenti dalle agenzie governative, che non sono in grado per evitare il disastro che vediamo tutti incombere».

 

In questi giorni di disastro pandemico in corso, speriamo che qualche campanello stia suonando nella testa del lettore. Anche di quello che ha pronta l’etichetta «complottisti!» per mettere a tacere questi fatti.

 

Perché si tratta di fatti, poi finiti anche su altre testate. La notizia rimbalzò sull’americana ABC News, che riferì: «L’incontro ricordava i saloni del 1907 dei principali finanziatori americani tenuti nello studio di JP Morgan, per discutere di come i cittadini privati ​​potessero fermare il panico economico».

 

Peraltro, per coincidenza, nemmeno un lustro dopo Bill Gates era ospite a cena a Nuova York di un altro bizzarro miliardario dalle idee ancora più bizzarri (e dai crimini sessuali riconosciuti), Jeffrey Epstein. Il primo incontro tra Epstein e Gates risale al 2011, quando Esptein già era stato condannato per crimini pedofili e registrato come sex offender.

Sarebbero appoggiato una strategia «in cui la crescita della popolazione sarebbe affrontata come una minaccia ambientale, sociale e industriale potenzialmente disastrosa …. Loro [i partecipanti] devono essere indipendenti dalle agenzie governative, che non sono in grado per evitare il disastro che vediamo tutti incombere»

 

Secondo una ricostruzione del New York Times apparsa nel tardo 2019, Epstein desiderava comporre i miliardi «filantropici» di Gates proprio con la potentissima banca JP Morgan di cui era cliente e partner. La JP Morgan è da generazioni una banca legata ai Rockefeller. Il circoletto attraversa le generazioni e gli scandali ma è davvero bello ristretto.

 

Insomma, il mondo è piccolo, soprattutto per i miliardari. Anzi questi il mondo lo vogliono rendere ancora più piccolo riducendo la popolazione umana.

 

Per favore, notate che sono gli stessi che da un lustro vi parlano di Pandemia e che vi vogliono dare a tutti i costi il vaccino.

 

E se non credete a noi, credete a Robert Kennedy junior:

 

«Nel 2010, Gates ha devoluto $ 10 miliardi all’OMS dicendo: “Dobbiamo fare di questo il decennio dei vaccini”. Un mese dopo, in un Ted Talk  Gates ha affermato che i nuovi vaccini «potrebbero ridurre la popolazione».

 

Vaccini e depopolazione. Pandemia e distruzione della vita umana. Non c’è segreto, non c’è complotto. L’unica cosa inspiegabile è la stupidità di chi non apre gli occhi e lo vede 

«Nel 2014, la Catholic Doctors Association del Kenya ha accusato l’OMS di sterilizzare chimicamente milioni di donne keniote non disposte a sottoporsi alla Campagna vaccinale contro il tetano. I laboratori indipendenti hanno scoperto una formulazione sterilizzante in ogni vaccino testato. Dopo aver negato le accuse, l’OMS ha finalmente ammesso di aver sviluppato vaccini per la sterilità per oltre un decennio. Accuse simili sono arrivate da Tanzania, Nicaragua, Messico e Filippine».

 

Vaccini e depopolazione. Pandemia e distruzione della vita umana. Non c’è segreto, non c’è complotto. L’unica cosa inspiegabile è la stupidità di chi non apre gli occhi e lo vede.

 

 

 

 

Immagine di Borsheims tratta da Flickr su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0) modificata con filtro bianco e nero altri filtri luce.

 

Continua a leggere

Ambiente

Aumento delle vasectomie: è la paura di pesare sul pianeta?

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Secondo i medici intervistati da The Australian, le vasectomie per gli uomini australiani senza figli tra i 20 ei 30 anni stanno aumentando vertiginosamente.

 

Un medico di Sydney specializzato in vasectomia afferma che tra la metà e un terzo dei suoi pazienti sono senza figli. Ha iniziato a richiedere consulenza per gli uomini sotto i 30 anni per assicurarsi che comprendano appieno le implicazioni della procedura.

 

Molti degli uomini, afferma il dottor Justin Low, sono preoccupati di danneggiare l’ambiente generando figli

Molti degli uomini, afferma il dottor Justin Low, sono preoccupati di danneggiare l’ambiente generando figli.

 

«Poi ci sono quelli che mi dicono: “Semplicemente non voglio portare i bambini in un mondo come questo’… Per loro si tratta di sostenibilità, si tratta di cambiamenti climatici e del futuro del pianeta, e semmai, Il COVID-19 e la pandemia hanno solo rafforzato quella sensazione, quel terrore, e sempre più ragazzi sono venuti a parlarne».

 

«Ho anche avuto persone che si sono entusiasmate molto per i problemi di sostenibilità. Mi diranno: “Ma dottore, sicuramente lo sai, sicuramente hai letto gli studi! La cosa migliore che puoi fare per il pianeta è non avere un figlio”».

Queste sono persone che non dicono: “Semplicemente non voglio bambini”, sono persone che, in un momento diverso della storia, in un’altra epoca, avrebbero potuto desiderarli”»

 

«Voglio dire, siamo stati tutti influenzati dai nostri tempi, quindi posso capire quel pensiero, ma comunque. Questo è ciò che è così scioccante, queste sono persone che non dicono: “Semplicemente non voglio bambini”, sono persone che, in un momento diverso della storia, in un’altra epoca, avrebbero potuto desiderarli”».

 

Kain Harris, di Canberra, ha detto a The Australian di aver subito una vasectomia a 36 anni.

 

Ha spiegato:

 

«”Per me è incredibile che, anche adesso, quest’anno, nel mezzo di una pandemia globale, le persone vogliano ancora avere figli – parlare di priorità diverse”, afferma Harris».

 

«C’è questo senso di terrore esistenziale in questo momento, guardi al futuro che sta arrivando e pensi solo, cosa rimarrà alla prossima generazione?»

«“C’è questo senso di terrore esistenziale in questo momento, guardi al futuro che sta arrivando e pensi solo, cosa rimarrà alla prossima generazione? Ci saranno limitazioni su come vivremo, ci saranno lotte, e perché far passare un’altra vita inutilmente?”»

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Il braccio destro di Soros tra accuse di violenza e sadomasochismo

Pubblicato

il

Da

 

 

Sei donne accusano di violenza sessuale l’ex manager finanziario e braccio destro di George Soros Howard Rubin. Lo riporta il  Daily Mail.

 

«Secondo le vittime, Rubin, 66 anni, sposato, pagava loro anche 5.000 dollari per sessioni sadomaso nella prigione sotterranea che aveva costruito nel suo appartamento di Manhattan» scrive il quotidiano britannico.

 

«Secondo le vittime, Rubin, 66 anni, sposato, pagava loro anche 5.000 dollari per sessioni sadomaso nella prigione sotterranea che aveva costruito nel suo appartamento di Manhattan» scrive il quotidianobritannico

«Molte delle donne che hanno preso parte a queste serate di sesso perverso stanno facendo causa al finanziere, sostenendo che le ha abusate; nonostante gli accordi di non divulgazione» riguardanti le sessioni di sesso sadomasochista.

 

Nel 2017 vi erano già state delle accuse; a oggi tuttavia il numero delle querelanti è salito a sei. Il processo civile si terrà a novembre. Le presunte vittime chiedono risarcimenti per 18 milioni di dollari.

 

«Una delle ragazze sarebbe stata picchiata così selvaggiamente che la sua protesi mammaria destra si è capovolta, e il chirurgo non è stato in grado di operarla».

 

«Un’altra donna ha raccontato che lei e Rubin avevano fatto sesso contro la sua volontà, sostenendo che mentre era legata nella sua camera le aveva detto: “Ti violenterò come violento mia figlia” prima di costringerla ad avere un rapporto» continua la testata inglese nell’articolo rimbalzato in Italia sul sito Dagospia.

 

«Una delle ragazze sarebbe stata picchiata così selvaggiamente che la sua protesi mammaria destra si è capovolta, e il chirurgo non è stato in grado di operarla».

Rubin ha tre figli e lo scorso mese la moglie ha chiesto il divorzio dopo 36 anni di matrimonio. L’uomo, riconosciuto come braccio destro dello speculatore internazionale George Soros, possiede proprietà immobiliari negli Hamptons e nell’Upper East Side di New York, i luoghi più cari ed esclusivi del pianeta.

 

Il Rubin era conosciuto nei circoli di Wall Street come un pezzo grosso fino a quando questo scandalo ha minacciato la sua reputazione.

 

Le accuse originali sono state avanzate da Mia Lytell, Amy Moore e Stephanie Caldwell nel 2017. La Lytell e la Moore sono ex conigliette di Playboy, mentre la Caldwell è una modella che lavorava in uno strip club di Miami.

 

Tutte accusano Rubin di aggressione, percosse e traffico di esseri umani.

«Un’altra donna ha raccontato che lei e Rubin avevano fatto sesso contro la sua volontà, sostenendo che mentre era legata nella sua camera le aveva detto: “Ti violenterò come violento mia figlia” prima di costringerla ad avere un rapporto»

 

«In breve, sostengono di essere state portate a New York e sfruttate», ha detto John Balestriere, avvocato che agisce per conto delle donne. «Nessuno sta dicendo che sia stata loro puntata una pistola alla testa per venire a New York. Le nostre clienti affermano di essere state ingannate e di essere state vittime di violenza fisica e sessuale».

 

«Nessuna di queste donne è venuta a New York sapendo che sarebbe stata abusata fisicamente e sessualmente. Non hanno acconsentito a quello che è successo. Il fattore chiave è che il signor Rubin ha affermato che queste donne hanno acconsentito alla violenza fisica e sessuale perpetrata contro di loro. Le nostre sei clienti dicono di non aver acconsentito…»

 

«Nella causa iniziale le vittime hanno sostenuto di essere state chiamate per alcuni giochi fetish blandi, forse per scattare qualche foto, ma nessuna si aspettata di essere legata con corda e nastro adesivo, imbavagliata e picchiata» scrive il Daily Mail.

 

«La Lytell ha detto di essere stata tenuta in uno stato di semi-coscienza tanto da non sapere se Rubin l’avesse penetrata o se avesse usato un oggetto per farlo».

 

L’avvocato di Rubin ha presentato una mozione per giudizio sommario, perché le donne hanno firmato accordi di non divulgazione con penali da 500.000 dollari in caso di violazione. Ma secondo le vittime hanno avuto poco tempo per leggere gli accordi e non c’erano «avvocati presenti» al momento della firma. Inoltre, dicono che quando «urlavano o protestavano, Rubin diventava semplicemente più violento».

 

«Il signor Rubin non è stato accusato di alcun crimine. È tutta una questione civile» dice l’avvocato del miliardario associato a Soros.

«È BDSM totale. La maggior parte delle ragazze lo adora e torna per averne di più. Ma mi piace sincerarmi su tutto»

In un’occasione il Rubin avrebbe  inviato un messaggio alla Lytell per accertarsi che la ragazza avesse coscienza di quel che stavano per fare. «Sai cosa ti aspetta?» dice un messaggio agli atti. «È BDSM totale. La maggior parte delle ragazze lo adora e torna per averne di più. Ma mi piace sincerarmi su tutto». Il BDSM, per chi non lo sapesse, è la pratica del sadomasochismo. La scena ricorda lucidamente la recente serie TV Billions, ambientata tra i miliardari degli hedge fund (una categoria di fatto inventata da Soros) dove uno dei personaggi è un cultore convinto del sadomasochismo.

 

Rubin nega anche qualsiasi accusa di droga. «Non forniva droghe alle ragazze, tranne forse antidolorifici durante gli incontri».

Rubin nega anche qualsiasi accusa di droga. «Non forniva droghe alle ragazze, tranne forse antidolorifici durante gli incontri»

 

Un ex collega che ha lavorato con Rubin alla Soros Fund Management ha detto al New York Post:

 

«Pensavo fosse un bravo ragazzo. Era un ragazzo ebreo sbarazzino e assolutamente normale. Sono stato sorpreso di sentire che aveva quell’appartamento», riferendosi al sex dungeon, la sala di torture sessuali, dove, secondo le accuse delle sei donne, sarebbero avvenuti degli abusi.

 

Un altro ha descritto Rubin come «forte, aggressivo e incapace di trattenere i suoi sentimenti. Un uomo il cui ego era legato all’essere il più grande stronzo oscillante di Wall Street».

 

I miliardi di Soros sono da sempre sospettati di alimentare rivoluzioni e cambi di regime in giro per il mondo, ivi compresi, recentemente, gli Stati Uniti.

Niente in confronto a quello che deve essere l’ego di George Soros, definito come «l’unico uomo al mondo dotato di una politica estera».

 

I miliardi di Soros sono da sempre sospettati di alimentare rivolte, rivoluzioni e cambi di regime in giro per il mondo, ivi compresi, recentemente, gli Stati Uniti.

 

La sua capacità di incidere nelle relazioni internazionali è ora  però superata, grazie al virus, da quella di Bill Gates.

 

Renovatio 21 tempo addietro ha scritto riguardo alla fondamentale differenza fra i due, che si conoscono e che qualche anno fa partecipavano pure alle stesse cene (dove vi erano i Rockefeller, i Buffett etc.) dove l’argomento di conversazione principale era sempre lo stesso: la riduzione della popolazione mondiale.

 

Il lettore può sentire la consonanza tra i vizi privati e le pubbliche «virtù» degli oligarchi della Necrocultura globale: sadismo, masochismo contro l’essere umano, la cui dignità deve essere calpestata e offesa, e la cui riproduzione inibita.

Si tratta di un’idea – anzi, una pratica, visto che siamo in piena implementazione  – mille volte più perversa degli orrori sessuali di Rubin, che in effetti, come tutte le perversioni, non hanno una radice tanto lontana dalla visione umana dell’oligarcato: sul sadomasochismo, come sulla politica mondiale fatta di aborto e contraccezione, regna sovrana l’infertilità, la nemesi del seme dell’uomo Imago Dei.

 

Il lettore può sentire la consonanza tra i vizi privati e le pubbliche «virtù» degli oligarchi della Necrocultura globale: sadismo, masochismo contro l’essere umano, la cui dignità deve essere calpestata e offesa, e la cui riproduzione inibita.

 

 

 

Bill Gates e George Soros, la vera differenza

 

Metti una sera a cena: Bill Gates, Rockefeller, Soros. E la riduzione della popolazione terrestre

Lockdown, le cinque persone più ricche d’America hanno guadagnato 75 miliardi di dollari

Vaccinazione e contraccezione: Melinda Gates comincia a gettare la maschera

 

 

Immagine di leesan via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

Continua a leggere

Controllo delle nascite

La brutta verità su John Maynard Keynes e la battaglia di Bretton Woods

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Settantacinque anni di storici revisionisti in gran parte finanziati dalla British Roundtable/Chatham House e dalla sua filiale americana (il Council on Foreign Relations) hanno ostacolato la vera natura antimperiale dell’intenzione fondatrice di Bretton Woods e l’ordine del dopoguerra incentrato sulla Nazioni unite.

 

Allora, proprio come oggi, due fazioni opposte facevano a gara per plasmare l’essenza dell’ordine mondiale mentre la macchina nazista (finanziata da Wall Street e dalla Bank of International Settlements di Londra) volgeva al termine.

 

Allora, proprio come oggi, due fazioni opposte facevano a gara per plasmare l’essenza dell’ordine mondiale mentre la macchina nazista (finanziata da Wall Street e dalla Bank of International Settlements di Londra) volgeva al termine

Nel caso qualcuno fosse confuso su queste fazioni, non sto parlando di capitalismo contro comunismo.

 

Questa lotta di fazione in questione era tra i nazionalisti del New Deal guidati da Franklin Roosevelt contro quegli imperialisti razzisti rappresentati da Sir Winston Churchill che desideravano usare la crisi della guerra per stabilire un rianimato impero britannico rafforzato dai muscoli americani.

 

I New Dealer di Franklin Delano Roosevelt erano caratterizzati dalla loro totale adesione alla convinzione che la piaga del colonialismo dovesse essere debellata e che una nuova era di sviluppo a lungo termine di grandi progetti infrastrutturali dovesse caratterizzare la comunità delle nazioni sovrane per il prossimo secolo.

 

Questi patrioti credevano nell’internazionalizzazione del New Deal, erano impegnati a lavorare con la Russia e la Cina come alleati naturali dell’America e diffidavano profondamente degli inglesi.

 

Nel caso di Bretton Woods, dove rappresentanti di 44 nazioni si sono riuniti per due settimane per creare un nuovo sistema postbellico nel luglio 1944, questa battaglia è stata una battaglia tra il fidato consigliere economico di Franklin Delano Roosevelt Harry Dexter White (primo direttore del FMI e alleato di vicepresidente di FDR Henry Wallace) e Lord John Maynard Keynes (eugenista, pedofilo (1) e difensore dell’Impero britannico).

 

 

Churchill e Keynes: razzista duro/razzista soft imperiali

Laddove Churchill rappresentava il sostenitore conservatore impenitente del «fardello dell’uomo bianco» per esercitare il dominio sui popoli di colore «inferiori» della terra, Keynes rappresentava il poliziotto buono dell’Impero come un «socialista della società fabiana» (alias: ingegnere sociale) dalla London School of Economics.

Laddove la stirpe di Churchill preferiva falciare i propri nemici con cannoni, conteggio dei cadaveri e tortura, come si è visto nella guerra boera o nelle guerre dell’oppio o nella prima guerra mondiale, i metodi fabiani di Keynes preferivano l’attrito e la lenta sovversione

 

Laddove la stirpe di Churchill preferiva falciare i propri nemici con cannoni, conteggio dei cadaveri e tortura, come si è visto nella guerra boera o nelle guerre dell’oppio o nella prima guerra mondiale, i metodi fabiani di Keynes preferivano l’attrito e la lenta sovversione. Ad ogni modo, il risultato di entrambi i percorsi è stato lo stesso.

 

Mentre molti conoscono le opinioni razziste e filofasciste di Sir Churchill che parlava con ammirazione di Mussolini e persino di Hitler (2) nei primi giorni in cui si credeva ancora che questi fascisti e corporativi avrebbero agito come signori in marcia per l’oligarchia finanziaria, ma la maggior parte delle persone non sa che Keynes ha anche sostenuto Hitler e disprezzato Franklin Delano Roosevelt.

 

Contraddicendo il mito che Franklin Delano Roosevelt fosse un keynesiano, il suo l’assistente Francis Perkins registrò l’interazione del 1934 tra i due uomini quando Roosevelt le disse (3):

 

«Ho visto il tuo amico Keynes. Ha lasciato tutta una filastrocca di cifre. Deve essere un matematico piuttosto che un economista politico. In risposta, Keynes, che allora stava cercando di cooptare la narrativa intellettuale del New Deal, dichiarò di aver “supposto che il presidente fosse più istruito, economicamente parlando”».

 

 

Keynes l’eugenista Fabiano

Sebbene Keynes sia annunciato come la luce guida del New Deal (e, come tale, difeso dai moderni Green New Dealer e dai tecnocrati del Great Reset che desiderano imporre al mondo un sistema di governo dall’alto verso il basso), il fatto è che Keynes non solo detestava Franklin Roosevelt, ma anche l’umanità più in generale.

Il fatto è che Keynes non solo detestava Franklin Roosevelt, ma anche l’umanità più in generale

 

Ciò si vedrà chiaramente in 1) la sua devozione alle teorie di Thomas Malthus, 2) la sua promozione dell’eugenetica come scienza di purificazione razziale e controllo della popolazione, e 3) la sua devozione generale al governo mondiale come membro di spicco della Fabian Society.

 

Fin dai suoi primi giorni a Cambridge, dove salì rapidamente fino a diventare uno degli apostoli selezionati di Cambridge (4), Keynes si dedicò al servizio dell’impero, diventando Cavaliere dell’Ordine di Bath e Ordine di Leopold nel 1919.

 

Il suo libro dell’inizio del 1911 sulla  Valuta e la finanza indiana (5)(condotto durante la sua incursione quinquennale nell’Ufficio indiano dell’Impero) ignorò tutte le reali ragioni politiche per le carestie che affliggevano l’India e sostenne freddamente una maggiore integrazione del sistema bancario indiano nel Controlli della City di Londra che risolverebbero in qualche modo i problemi dell’India.

 

1) la sua devozione alle teorie di Thomas Malthus, 2) la sua promozione dell’eugenetica come scienza di purificazione razziale e controllo della popolazione, e 3) la sua devozione generale al governo mondiale come membro di spicco della Fabian Society

La realtà dimostrabile era che le carestie indiane erano strumenti coordinati di controllo della popolazione (6) dall’élite malthusiana dell’establishment britannico che considerava «guerra, carestia e malattia» come i doni che la natura dava ai forti per gestire i deboli.

 

Mentre le sue ultime Conseguenze della pace del 1919   sembravano essere un avvertimento ragionevolmente comprensivo che le riparazioni draconiane di Versailles avrebbero fatto danni incredibili e avrebbero portato a una nuova guerra mondiale, in realtà Keynes stava mostrando un freddo gioco di prestigio.

 

Servendo come rappresentante del Tesoro britannico alla Conferenza di Versailles, Keynes non si oppose mai al fascismo: sostenne semplicemente che un percorso più liberale verso il fascismo globale poteva essere stabilito sotto la direzione della Banca d’Inghilterra. La sua opposizione, tuttavia, all’approccio più violento preferito dagli imperialisti conservatori tra gli intellettuali britannici, era di forma più che di sostanza.

 

Keynes e i suoi compagni Fabiani HG Wells, Bertrand Russell e GB Shaw preferivano il «gioco lungo», «lento e costante», che ricorda il generale romano Quinto Fabio Massimo che notoriamente combatteva i suoi nemici con un lento logoramento piuttosto che in uno scontro su vasta scala (6).

 

A causa della generale ignoranza del pubblico su questa strategia, celebriamo questi luminari della Fabian Society per il loro pacifismo, sebbene in realtà fossero altrettanto razzisti, fascisti e amanti dell’eugenetica come le loro controparti più miopi e ostinate sir Oswald Mosley, Lord Alfred Milner e persino Winston Churchill.

La realtà dimostrabile era che le carestie indiane erano strumenti coordinati di controllo della popolazione (6) dall’élite malthusiana dell’establishment britannico che considerava «guerra, carestia e malattia» come i doni che la natura dava ai forti per gestire i deboli.

 

Laddove la vera soluzione alla stampa iperinflazionistica di denaro e alla chiusura dell’economia industriale della Germania negli anni del primo dopoguerra si trovava nell’accordo russo-tedesco di Rapallo (distrutto con l’assassinio del ministro degli Esteri del sistema americano Walter Rathenau) (8), Keynes e i suoi simili chiedevano semplicemente l’integrazione economica del sistema bancario e militare tedesco sotto il controllo della Banca d’Inghilterra/Lega delle Nazioni.

 

 

Keynes: discepolo di Thomas Malthus

Definendo la sua fede misantropica nella sovrappopolazione, l’economista della British East India Company Thomas Malthus (1766-1834) affermava una nuova «legge fondamentale» nel suo famoso Saggio sulla popolazione del 1799 :

 

«Il potere della popolazione è così superiore al potere della terra di produrre sussistenza per l’uomo, che la morte prematura deve in un modo o nell’altro visitare la razza umana».

Come si potrebbe evitare questa crisi? Malthus risponde come solo un devoto imperialista potrebbe:

 

«Dovremmo facilitare, invece di tentare stupidamente e vanamente di impedire, le operazioni della natura nel produrre questa mortalità; e se temiamo la visita troppo frequente dell’orrenda forma di carestia, dovremmo incoraggiare diligentemente le altre forme di distruzione, che costringiamo la natura a usare. Nelle nostre città dovremmo restringere le strade, affollare più gente nelle case e corteggiare il ritorno della peste».

 

«Dovremmo facilitare, invece di tentare stupidamente e vanamente di impedire, le operazioni della natura nel produrre questa mortalità; e se temiamo la visita troppo frequente dell’orrenda forma di carestia, dovremmo incoraggiare diligentemente le altre forme di distruzione, che costringiamo la natura a usare. Nelle nostre città dovremmo restringere le strade, affollare più gente nelle case e corteggiare il ritorno della peste» Thomas Malthus

Sebbene alcuni apologeti considerassero Keynes un anti-malthusiano, a causa della sua teoria che la sovrappopolazione potesse essere superata incoraggiando la spesa piuttosto che il risparmio, il che, a sua volta, avrebbe in qualche modo creato mercati e quindi nuove fabbriche e maggiore crescita, la realtà era l’opposto.

 

Keynes non solo ha parlato in modo esuberante di Malthus per tutta la sua vita come una delle più grandi menti di tutti i tempi, ma ha anche plagiato molte delle teorie di Malthus (9), ad esempio quella della «deficit della domanda che causa disoccupazione e recessione» delineata nel suo Trattato sul danaro del 1930. Nel suo Saggio su Malthus del 1933 (10), Keynes scrive:

 

«Pensiamo a Malthus oggi come il primo degli economisti di Cambridge, soprattutto come un grande pioniere dell’applicazione di una cornice di pensiero formale alla complessa confusione del mondo degli eventi quotidiani. Malthus ha affrontato i problemi centrali della teoria economica nel migliore dei modi».

 

Nella sua conferenza del 2 maggio 1914 Popolazione (11), Keynes sosteneva che il governo dovrebbe «modellare la legge e la consuetudine deliberatamente per determinare quella densità di popolazione che dovrebbe esserci» e che  «ci sarebbe più felicità nel mondo se la popolazione di esso dovesse essere diminuito».

 

Dicendo che  «India, Egitto e Cina sono gravemente sovrappopolati»,  Keynes ha sostenuto l’uso della violenza per difendere le  «razze bianche superiori»  in questa lotta per la sopravvivenza con il pacifista dicendo:

 

«Quasi tutte le misure mi sembrano giustificate per proteggere la nostra standard di vita da lesioni per mano di razze più prolifiche. Potrebbe rendersi necessaria una certa spartizione del mondo; e suppongo che questo non possa inverosimilmente provocare guerre razziali. In ogni caso tali guerre riguarderanno una questione sostanziale».

Keynes non solo ha parlato in modo esuberante di Malthus per tutta la sua vita come una delle più grandi menti di tutti i tempi, ma ha anche plagiato molte delle teorie di Malthus

 

Come presidente ad interim della Lega Neo-Malthusiana, Keynes dichiarò nel 1927:

 

«Noi di questa società siamo neo-malthusiani… Credo che per il futuro il problema della popolazione emergerà nel problema molto più grande dell’Eredità e dell’Eugenetica. La qualità deve diventare la preoccupazione».

 

Nel 1946, Keynes, ancora un membro della Società Britannica di Eugenetica (dopo aver prestato servizio come l’agenzia di vicepresidente 1936-1944) ha scritto in  The Eugenics Review:  «il tipo di mente eccentrica, scettica, osservatrice, abbagliante, cavalleresca di Galton lo ha portato alla fine a diventare il fondatore della più importante, significativa e, aggiungerei, genuina branca della sociologia che esiste, vale a dire l’eugenetica».

 

Questa non era una teoria della torre d’avorio, ma concetti con un significato molto reale.

 

Nel 1937, la Teoria generale dell’occupazione di  Keynes fu pubblicata nella Germania nazista. Se qualcuno desidera difendere l’idea che l’economista fosse in qualche modo un difensore antifascista dei «valori liberali”, legga le sue stesse parole nella prefazione e poi ridefinisca i “valori liberali» o la loro ingenua idea di Keynes:

«Quasi tutte le misure mi sembrano giustificate per proteggere la nostra standard di vita da lesioni per mano di razze più prolifiche. Potrebbe rendersi necessaria una certa spartizione del mondo; e suppongo che questo non possa inverosimilmente provocare guerre razziali. In ogni caso tali guerre riguarderanno una questione sostanziale» E.M, Keynes

 

«Posso forse aspettarmi di trovare meno resistenza tra i lettori tedeschi che tra quelli inglesi, quando presento loro una teoria dell’occupazione e della produzione nel suo insieme… La teoria della produzione nel suo insieme, oggetto di questo libro, può essere molto più adatta alle condizioni di uno stato totalitario, che la teoria della produzione e della distribuzione della ricchezza in circostanze di libera concorrenza».

 

Lo stesso Hitler non era solo un devoto eugenista (le cui politiche di purificazione razziale sono emerse grazie al finanziamento della Rockefeller, della Carnegie Foundations e dell’establishment britannico), ma era anche un devoto detto malthusiano (12):

 

«Verrà certamente il giorno in cui l’intera umanità sarà costretta a frenare l’incremento della specie umana, perché non vi sarà più alcuna possibilità di adeguare la produttività del suolo al perpetuo aumento della popolazione».

 

 

Keynes contamina Bretton Woods

Durante la conferenza di Bretton Woods tenuta nel New Hampshire dal 1 al 20 luglio 1944, i due paradigmi opposti si scontrarono di nuovo, proprio come avevano fatto nel 1776 o nel 1867 sui termini dell’ordine mondiale del dopoguerra. Da un lato il sistema americano di anticolonialismo ha gareggiato per un sistema di collaborazione vantaggiosa per tutti e multipolarismo, mentre dall’altro, il sistema britannico di malthusianesimo a somma zero ha spinto per un dominio anglosassone unilaterale sul mondo.

 

Questo scontro prese la forma delle battaglie condotte dal fidato collaboratore di FDR Henry Dexter White contro John Maynard Keynes a Bretton Woods, dove 730 delegati in rappresentanza di 44 nazioni si riunirono per definire i termini dell’ordine del dopoguerra.

 

«Noi di questa società siamo neo-malthusiani… Credo che per il futuro il problema della popolazione emergerà nel problema molto più grande dell’Eredità e dell’Eugenetica. La qualità deve diventare la preoccupazione» E.M. Keynes

Sebbene questa conferenza sia notoriamente associata alla creazione della Banca mondiale, del Fondo Monetario Internazionale e dell’Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT), si presume erroneamente che sia una creazione keynesiana.

 

Il ruolo di Keynes come rappresentante dell’Impero britannico, proprio come il suo precedente ruolo a Versailles nel 1919, fu definito dall’intenzione a tutti i costi di plasmare le condizioni di un ordine mondiale post-nazione per conto della City di Londra.

 

Come Bertrand Russell e altri apostoli di Cambridge prima e dopo, Keynes è stato addestrato nel dispiegamento sofisticato di statistiche e logica matematica per coprire lo stupro imperiale delle nazioni bersaglio.

 

Lord Keynes fu schierato per guidare la delegazione britannica a Bretton Woods e portare avanti un piano che prevedeva la creazione di un’Unione di Compensazione Internazionale controllata dalla City di Londra che denominasse tutti i pagamenti in un’unità contabile comune: il Bancor.

 

Il Bancor verrebbe utilizzato per misurare i disavanzi commerciali o eccedentari di tutte le nazioni, espropriando i surplus entro la fine dell’anno e tassando i paesi con deficit.

L’imposizione di una «architettura matematica» sui sistemi fisici (non matematici) delle Nazioni era il modo più sicuro per mantenere una gabbia invisibile sulla terra sotto un ideale di «equilibrio matematico»

 

L’imposizione di una «architettura matematica» sui sistemi fisici (non matematici) delle Nazioni era il modo più sicuro per mantenere una gabbia invisibile sulla terra sotto un ideale di «equilibrio matematico».

 

La sadica austerità fiscale richiesta dagli economisti matematici e da altri tecnocrati a Bruxelles riflette la forza ancora attiva dello spirito di Keynes che perseguita il mondo oggi.

 

 

Bretton Woods come un New Deal globale

In opposizione a Keynes, il programma anticoloniale di Franklin Delano Roosevelt era rappresentato dal suo stretto alleato Harry Dexter White e dal segretario al Tesoro Henry Morganthau.

 

White (oggi calunniato come agente sovietico dagli storici affiliati al CFR) ha combattuto con le unghie e con i denti per assicurarsi che la Gran Bretagna non sarebbe stata al posto di guida del nuovo sistema economico emergente o degli importanti meccanismi del FMI a cui sarebbe andato a capo.

 

La sadica austerità fiscale richiesta dagli economisti matematici e da altri tecnocrati a Bruxelles riflette la forza ancora attiva dello spirito di Keynes che perseguita il mondo oggi.

White si assicurò che il sistema di «preferenza» economica coloniale utilizzato dalla Gran Bretagna per mantenere il saccheggio del libero scambio in tutto il suo impero fosse distrutto e la sterlina non svolgesse un ruolo primario nel commercio globale.

 

Invece, fu istituito un sistema di tassi di cambio fissi per garantire che la speculazione non potesse dilagare sulle strategie di crescita nazionali e il dollaro (allora sostenuto da una potente piattaforma economica fisica ) era una spina dorsale per il commercio mondiale.

 

A Bretton Woods, Dexter White e Henry Morganthau hanno raggiunto accordi per fornire vasti trasferimenti di tecnologia per aiutare l’industrializzazione del Sud America. (13)

 

Allo stesso tempo, le delegazioni dell’India, dell’Europa orientale e della Cina hanno presentato programmi su larga scala modellati sul New Deal. (14)

 

È degno di nota il fatto che la delegazione cinese introdusse i piani infrastrutturali elaborati per la prima volta da Sun Yat-sen nel suo 1920  International Development of China (15)approvati insieme sia da Mao che da Zhou Enlai che da Chiang Kai-Shek del Kuomintang!

 

Fu istituito un sistema di tassi di cambio fissi per garantire che la speculazione non potesse dilagare sulle strategie di crescita nazionali e il dollaro (allora sostenuto da una potente piattaforma economica fisica ) era una spina dorsale per il commercio mondiale

Se questi piani non fossero stati sabotati, è sorprendente considerare quale tipo di progresso si sarebbe potuto aprire per i cinesi 70 anni prima che qualcuno sentisse il termine «Belt and Road Initiative».

 

In questa fase iniziale, la Russia era ancora felice di essere un membro fondatore del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale, progettati per agire come meccanismi di prestito a basso costo per lo sviluppo globale a lungo termine, a basso interesse e ad alta tecnologia.

 

Commentando il sostegno al sistema di reciproco interesse postbellico di Franklin Delano Roosevelt, Stalin aveva dichiarato:

 

«Possiamo contare che le attività di questa organizzazione internazionale siano sufficientemente efficaci? Saranno efficaci se le Grandi Potenze che hanno sopportato il peso della guerra contro la Germania di Hitler continueranno ad agire in uno spirito di unanimità e armonia. Non saranno efficaci se questa condizione essenziale viene violata».

 

Proprio come la Reconstruction Finance Corporation (RFC) è stata utilizzata come banca nazionale per finanziare migliaia di grandi progetti di infrastrutture, trasporti, energia e acqua durante il New Deal e proprio come Glass-Steagall ha rotto il monopolio della finanza speculativa privata sull’economia produttiva , questi New Dealer desideravano utilizzare la Banca Mondiale e il FMI per emettere credito produttivo a lungo termine ea basso interesse per progetti di mega infrastrutture a lungo termine in tutto il mondo. Non solo nella ricostruzione dell’Europa.

 

Tra le figure di spicco di questo gruppo di patrioti c’erano il sottosegretario di Stato Sumner Welles, il confidente di FDR Harry Hopkins e il leader del partito repubblicano Wendell Willkie che lavorò a stretto contatto con il suo rivale democratico diventando un «ambasciatore del New Deal» internazionale.

 

«Ho cercato di chiarire… che mentre siamo alleati [della Gran Bretagna] e in esso per la vittoria al loro fianco, non devono mai avere l’idea che ci siamo solo per aiutarli a mantenere il loro arcaico, idee sull’impero medievale… spero che si rendano conto di non essere un socio anziano; che non staremo a guardare il loro sistema vanificare la crescita di ogni Paese in Asia e metà dei Paesi in Europa che dobbiamo riavviare»

Nel 1942, dopo essere stato inviato da FDR in un tour mondiale per organizzare un progetto internazionale del New Deal in una corsa per porre fine al colonialismo, Willkie scrisse:

 

«In Africa, in Medio Oriente, in tutto il mondo arabo, così come in Cina e in tutto l’Estremo Oriente, libertà significa abolizione ordinata ma programmata del sistema coloniale… Quando dico questo per avere la pace questo mondo deve essere libero, sto solo segnalando che è iniziato un grande processo che nessun uomo – certamente non Hitler – può fermare… Hanno aperto i libri. Le vecchie paure non li spaventano più… Sono decisi, come devono essere, che non c’è più posto per l’imperialismo all’interno della loro società che nella Società delle Nazioni».

 

La battaglia di Franklin Delano Roosevelt con Churchill su questo argomento è stata ben documentata nel libro di suo figlio/assistente Elliot Roosevelt  As He Saw It  (1946):

 

«Ho cercato di chiarire… che mentre siamo alleati [della Gran Bretagna] e in esso per la vittoria al loro fianco, non devono mai avere l’idea che ci siamo solo per aiutarli a mantenere il loro arcaico, idee sull’impero medievale… spero che si rendano conto di non essere un socio anziano; che non staremo a guardare il loro sistema vanificare la crescita di ogni Paese in Asia e metà dei Paesi in Europa che dobbiamo riavviare».

 

Questa visione è stata espressa continuamente da Franklin Delano Roosevelt nei suoi centinaia di discorsi, così come dal suo vicepresidente Henry Wallace, nella creazione della Carta atlantica e delle Quattro libertà. E ‘stato incorporato nella difesa della sovranità nazionale nella Costituzione delle Nazioni Unite (apparentemente inesistente nella Società  delle Nazioni diretta dai britannici in  precedenza). Doveva essere lo spirito di governo che animava il mondo mentre l’umanità entrava in un’età matura della ragione creativa.

 

 

Allora, cos’è successo?

Finché Franklin Delano Roosevelt era in carica, questo alveare gestito dai britannici è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che il buon FDR e i suoi alleati avevano creato.

 

Finché Franklin Delano Roosevelt era in carica, questo alveare gestito dai britannici è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che il buon FDR e i suoi alleati avevano creato.

Alla morte del presidente, Harry Dexter White è stato estromesso dalla sua posizione di direttore del FMI ed etichettato come agente comunista.

 

Henry Wallace fu estromesso per ragioni simili e lavorò con White in un’offerta presidenziale del 1948 come candidato presidenziale di terze parti.

 

William Willkie (che aveva discusso della creazione di un nuovo partito con FDR) morì nell’ottobre 1944 e il braccio destro di FDR Harry Hopkins che fece di più per instaurare uno stretto legame di amicizia con Stalin, morì nel 1946.

 

Elliot Roosevelt intervistò Stalin alcuni anni in seguito, e registrato che Stalin ha sempre creduto che il padre di Elliot fosse stato avvelenato (16) «dalla banda di Churchill». Nel 1946, Churchill inaugurò la Guerra Fredda mettendo ex alleati l’uno contro l’altro per i restanti 70 anni mentre sganciava bombe nucleari su un Giappone sconfitto. Stalin si è lamentato della morte di Roosevelt dicendo che «il grande sogno è morto».

 

Sulla scia della morte di FDR, il modello di governo di Keynes che permeava il sistema operativo dell’era postbellica, assicurò che i progetti su larga scala guidati dall’intenzione che avrebbero potuto finalmente porre fine al colonialismo non avrebbero visto la luce del giorno.

 

All’oligarchia ci sono voluti altri 25 anni per smantellare il sistema di cambio fisso di Bretton Woods che ha portato alla fluttuazione del dollaro USA da parte di Nixon nel 1971 sui mercati speculativi, convertendo il mondo sempre più in un sistema di casinò militarizzato.

 

Finché Franklin Delano Roosevelt era in carica, questo alveare gestito dai britannici è stato tenuto a bada, ma non appena è morto, l’infestazione ha preso il controllo dell’America e ha immediatamente iniziato a minare tutto ciò che il buon FDR e i suoi alleati avevano creato.

Invece di essere usati come strumenti per la crescita a lungo termine, come previsto, il FMI e la Banca Mondiale sono stati usati come strumenti di schiavitù del debito e ricolonializzazione, come delineato nelle Confessioni di un sicario dell’economiadi John Perkins. (17)

 

(…)

 

Matthew Ehret

 

 

Articolo pubblicato su gentile concessione dell’autore. 

 

 

 

NOTE

1) Da  Keynes: A Critical Life  di David Felix: «[Keynes] consigliò Lytton, che stava andando in vacanza a Tunisi e in Sicilia, sulle modalità “se vuoi andare dove ballano i ragazzi nudi”. Rispondendo al gusto scatologico dell’amico, ha concluso con i versi di una poesia: “Abbiamo pagato la nostra causa a Giano/ Ho scambiato una bocca per l’altro ano”. Lui stesso stava per raggiungere un vecchio compagno di classe, ora ufficiale coloniale lì: “Parto per l’Egitto… ho appena saputo che “il ragazzo da letto” è pronto».

 

2)  Nel 1927, Churchill disse a Mussolini: «Se fossi stato italiano, sono sicuro che sarei stato con te con tutto il cuore dall’inizio alla fine nella tua lotta trionfante contro gli appetiti e le passioni bestiali del leninismo» e nel 1935 disse di Hitler: «il coraggio, la perseveranza e la forza vitale che gli hanno permesso di… superare tutte le… resistenze che gli hanno sbarrato il cammino». Un quadro completo delle opinioni filofasciste di Churchill è messo a nudo in «The Real Winston Churchill»di Richard Seymour, Jacobin Magazine.

3) Frances Perkins, The Roosevelt I Knew, Viking Press, 1946

4) Murray Rothbard, Keynes, the Man, Von Mises Institute, 2010, p.13

5) John Maynard Keynes, Indian Currency and Finance, MaCMillan &Co., 1913

6) Shashi Tharoor, Inglorious Empire: what the British did to India,, Hurst, 2017

7) Per un’esposizione più completa delle origini, degli scopi e dei risultati della Fabian Society, vedere: What is the Fabian Society and to What End was it Created?  dell’autore, Canadian Patriot Review, 2013

8) Si veda il capitolo 4 per il sabotaggio dell’Accordo di Rapallo del 1923

9) Steve Kates, Keynes’s plagiarism of Malthus and McCracken , History of Economic Ideas, 2010

10) John M. Keynes,  Thomas Robert Malthus, Essays in Biography, 1933

11) La trascrizione completa del discorso di Keynes del 1914 è ri- pubblicato come appendice in Jay Taylor, Keynes on Eugenics, Race, and Population Control, Von Mises Institute, novembre 2019

12) Renee Nal, «The Enduring Influence of Thomas Malthus», Fondazione RAIR, 14 novembre 2019

13) Gerry Rose, «New Understanding of the Bretton Woods Agreements Opens the Door to the Four Powers Dialogue», EIR, 21 agosto 2020

14)  Mr. Atish R. Ghosh e Miss Mahvash S Qureshi,  From Great Depression to Great Recession: The Elusive Quest for International Policy Cooperation, FMI, 30 marzo 2017

15) The International Development of China by Sun Yat-sen, Shanghai Commercial Press, 1920

17)Rick Hampson, «Stalin Admitted Knowledge Of English, Roosevelt’s Son Says », Associated Press, 6 febbraio 1986

17)  John Perkins, Confessioni di un sicario dell’economia, Berrett-Koehler Publishers Inc., 2004

 

Continua a leggere

Più popolari