Connettiti con Renovato 21

Controllo delle nascite

L’agenda dello spopolamento globale è un’assoluta realtà, non una teoria del complotto

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Joseph Mercola pubblicato da LifesitenewsLe opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21. Renovatio 21 aveva già scritto del film e della questione dei vaccini per l’infertilità in un articolo del mese scorso.

 

 

 

Nell’intervista che segue, il dottor Andrew Wakefield e Mary Holland, presidente e consigliere generale per la difesa della salute dei bambini, discutono del loro nuovo film documentario, Infertility: A Diabolical Agenda visibile qui.

 

Infertility: A Diabolical Agenda è il quarto film di Wakefield. Il primo è stato Who killed Alex Spurdalakis? seguito da Vaxxed e 1986: The Act.

 

Questo ultimo film descrive in dettaglio le intenzioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di produrre un vaccino anti-fertilità in risposta alla sovrappopolazione percepita e come tali vaccini siano stati utilizzati all’insaputa o al consenso delle persone dalla metà degli anni ’90.

 

«È una storia molto importante, ed è una storia di cui ero a conoscenza da alcuni anni», dice Wakefield. «Penso che molte persone abbiano sentito parlare di questo programma di vaccinazione per l’infertilità condotto intenzionalmente, principalmente nelle donne nei Paesi in via di sviluppo come l’Africa. Ma era stato sospeso, quindi non avevo prestato la dovuta attenzione».

 

«Avrei dovuto prestarci più attenzione, perché nel corso degli anni le persone mi avevano chiesto: “Pensi che ci sia un’agenda per il controllo della popolazione?”»

 

«L’accusa era che l’Organizzazione Mondiale della Sanità, con il pretesto di un programma di prevenzione del tetano neonatale, avesse deliberatamente sterilizzato le donne [in Kenya], usando un vaccino per interrompere le gravidanze esistenti o per prevenire future gravidanze. Lo avevano fatto con il pretesto di proteggere i bambini piuttosto che ridurre effettivamente la popolazione».

 

Come spiegato da Wakefield, non era un segreto che l’OMS stesse lavorando a un vaccino anti-fertilità sin dagli anni 70. Furono pubblicati documenti e l’OMS stessa lo ammise. Il vero problema è quello del consenso informato. 

 

L’OMS è stata colta più di una volta mentre ingannava deliberatamente le donne facendole credere di essere state vaccinate contro il tetano, mentre in realtà venivano sterilizzate. Questo è un minimo etico e morale difficile da battere.

 

 

Svelata la campagna di sterilizzazione segreta nelle Filippine

La storia dettagliata in questo film inizia nel 1995, quando il governo keniota ha lanciato una campagna di vaccinazione dell’OMS contro il tetano tra le donne in età fertile. 

 

Il dottor Stephen K. Karanja, ex presidente della Kenya Catholic Doctors Association, è diventato sospettoso del programma quando ha appreso che si erano verificati programmi di sterilizzazione involontaria camuffandoli da programmi per il tetano.

 

Nello stesso anno, il 1995, la Catholic Women’s League delle Filippine ha effettivamente vinto un’ingiunzione del tribunale che interrompeva un programma dell’UNICEF contro il tetano che utilizzava il vaccino antitetanico contenente hCG. I vaccini anti-hCG sono stati trovati anche in almeno altri quattro Paesi.

 

Questo vaccino anti-tetano legato all’hCG corrispondeva perfettamente al vaccino anti-fertilità annunciato dall’OMS nel 1993. I documenti rivelano che nel 1976 i ricercatori dell’OMS avevano coniugato con successo, ovvero combinata o attaccata, la gonadotropina corionica umana (hCG) sul tossoide tetanico , utilizzato nel vaccino contro il tetano.

 

Di conseguenza, quando il vaccino viene somministrato a una donna, sviluppa anticorpi sia contro il tetano che contro l’hCG.

 

L’HCG è un ormone che viene prodotto non appena lo sperma entra nell’uovo e l’embrione inizia a formarsi. In risposta a questo segnale, le ovaie della donna producono progesterone, che mantiene la gravidanza fino al termine. 

 

Il vaccino coniugato termina efficacemente e previene la gravidanza poiché lo stesso sistema immunitario attaccherà e distruggerà immediatamente l’hCG non appena si forma.

 

All’epoca, Karanja, scomparso nel 2021, convinse i leader della Chiesa cattolica – uno dei maggiori fornitori di assistenza sanitaria in Kenya – a testare il vaccino contro il tetano somministrato, per assicurarsi che non ci fosse un crimine. 

 

Senza spiegazioni, l’OMS ha abbandonato la campagna del 1995, ma nel 2014 sono tornati con un programma per il tetano neonatale.

 

 

Un’agenda diabolica

Ragazze e donne, dai 15 ai 49 anni, sono state istruite a vaccinarsi con una serie di cinque iniezioni, a distanza di sei mesi l’una dall’altra. 

 

Sospettosamente, questo è il programma esatto richiesto al vaccino anti-fertilità per produrre sterilità. La prevenzione regolare del tetano richiede solo un’iniezione ogni 5-10 anni e in nessun caso ne avresti bisogno cinque.

 

La Chiesa cattolica ha deciso di testare i vaccini e ha raccolto tre fiale campione direttamente dalle cliniche durante la campagna del 2014. 

 

I campioni sono stati testati da tre laboratori indipendenti e, come si temeva, contenevano hCG. Successivamente sono state raccolte e testate altre sei fiale. Questa volta, la metà è stata trovata per contenere hCG.

 

Quando la Chiesa cattolica ha reso pubblici i risultati, esortando ragazze e donne a non aderire alla campagna di vaccinazione, il governo keniota è passato all’offensiva, insistendo sul fatto che non c’era nulla di sbagliato nel vaccino. 

 

Wakefield dice:

 

«Hanno usato i media per demonizzare la Chiesa cattolica e insinuare che c’era stata una contaminazione deliberata di questi campioni con hCG per produrre il risultato che desideravano».

 

«È lì che è rimasto fino a quando – ed è qui che diventa davvero interessante e dove il film ha davvero il suo valore – le nostre telecamere sono state invitate di nuovo nel laboratorio dove sono stati eseguiti questi test… e la verità è stata rivelata».

 

Si è trattato della risposta a questa domanda chiave su chi stava mentendo e chi era onesto? Chi tradiva, chi no? È davvero una storia straordinaria che mi ha svegliato sull’importanza di questo problema. C’è una straordinaria dichiarazione profetica alla fine del defunto dottor Karanja, ginecologo ostetrico africano, che era al centro di tutto questo.

 

«Quando avranno finito con l’Africa verranno a prendervi… Questo è probabilmente il momento adatto di passare la parolaa Mary [Holland], perché mai una profezia avrebbe potuto essere più adatta, più vera».

 

 

L’agenda dello spopolamento è ormai una cospirazione di fatto

La Holland dice:

 

«È stato molto difficile rispondere… quando le persone ci chiedevano: “Esiste un programma di spopolamento?” La gente indicava le cose che diceva Bill Gates, come il modo in cui i vaccini avrebbero ridotto la popolazione». 

 

«C’era un’interpretazione che avrebbe reso le persone più sane, e quindi avrebbero scelto di non avere più figli».

 

«Era oscuro. Penso che questo film ci aiuti davvero a capire che questa non è una teoria del complotto. È una realtà assoluta… Il film lo rende chiaro al 100%. Non ci sono dubbi al riguardo. E vedi l’inganno e la truffa».

 

«Giusto per sottolineare, lo Statuto di Roma per la Corte Penale Internazionale che la maggior parte dei paesi del mondo ha sottoscritto… rende la sterilizzazione forzata un crimine di guerra».

 

«Non è una cosa da poco, privare le persone del consenso informato e sterilizzarle. Questo è esattamente quello che è successo. Una delle interviste del film che è così toccante è quella di una donna che non può portare a termine una gravidanza. Si rende conto di avere anticorpi contro l’hCG e si rende conto che qualcuno, da qualche parte, l’ha resa sterile». 

 

«È, come lo chiama lei, un’agenda diabolica…»

 

«Ora possiamo guardare indietro a cosa è successo con il vaccino contro il papillomavirus umano (HPV), sucui ho scritto un libro nel 2018. Una delle cose che abbiamo visto è che… il tasso di gravidanza tra le adolescenti è sceso del 50% dal 2007 al 2018 — 50 %!» 

 

«Ora, qualunque cosa si voglia pensare delle gravidanze non pianificate, è un calo sbalorditivo in 10 anni. Le persone stavano segnalando effetti riproduttivi estremi dal vaccino HPV». 

 

«Ora stiamo sentendo la stessa cosa, solo molto di più, rispetto ai vaccini COVID. Abbiamo sentito che le donne stanno avendo aborti spontanei, i bambini stanno letteralmente morendo per le madri che allattano al seno che sono state vaccinate di recente».

 

«Le deformità congenite vengono segnalate al sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino (VAERS). È ora, penso, al di là del regno della teoria del complotto dire che è molto plausibile che questi vaccini che vengono spinti nel mondo – in particolare i vaccini COVID – abbiano forti effetti anti-fertilità».

 

 

La sicurezza dei vaccini esiste?

È importante rendersi conto che nessuno studio ha mai dimostrato che uno qualsiasi dei vaccini nel programma di vaccinazione infantile sia sicuro, specialmente se somministrato in varie combinazioni. 

 

Come notato da Wakefield, i produttori di vaccini e persone come il dottor Anthony Fauci presentano «un approccio quasi da asilo» alla sicurezza.

 

L’affermazione generale fornita è che i vaccini in generale, e i vaccini COVID in particolare, sono «sicuri ed efficaci» e che non hanno effetti negativi sulla riproduzione e sulla fertilità. Questo, nonostante non abbiano fatto alcuno studio riproduttivo.

 

Le donne che ascoltano tali assicurazioni presumeranno che gli studi necessari siano stati fatti quando, in realtà, questa è una completa bugia. La realtà è che non puoi trovare prove del danno se non le stai cercando. 

 

Un’altra realtà è che le supposizioni  e la fiducia nella scienza non sono la stessa cosa delle prove scientifiche. Una delle principali ipotesi che ora si è rivelata completamente errata è che l’iniezione di mRNA rimanga nel muscolo deltoide, il sito di iniezione.

 

«Nessuno ha mai cercato di determinare se rimangono nel sito di iniezione o meno, o se si diffondono in tutto il corpo, cosa che ovviamente accade», afferma Wakefield. «Quindi, è un presupposto ingenuo e del tutto inappropriato».

 

«L’altra supposizioneche era del tutto inappropriato era fare qualsiasi ipotesi. Darai questo vaccino a sette miliardi di persone… e darai per scontato qualcosa sulla sua sicurezza? Poi scopri, dopo averlo dato alla maggioranza di quei sette miliardi di abitanti, di aver sbagliato completamente».

 

«In effetti, va in tutto il corpo. La proteina spike si trova nei tessuti di tutto il corpo, comprese e in particolare nelle ovaie. Lì può creare una reazione infiammatoria, autoimmunità, danno e infertilità. Non c’è dubbio che sia biologicamente plausibile».

 

«Quindi ecco la mentalità di queste persone, che dopo che il cavallo è scappato, stanno cercando di chiudere il cancello. Se ci sarà un danno, allora il danno è fatto ed è troppo tardi. Questo è totalmente irresponsabile e le persone devono saperlo».

 

Wakefield sottolinea inoltre che nessuna sperimentazione clinica per nessuno dei vaccini nel programma di vaccinazione infantile è mai stata testata contro un vero placebo. Tutti hanno utilizzato placebo attivi, come un’iniezione di alluminio o un altro vaccino, che nasconde efficacemente la maggior parte degli effetti avversi.

 

È interessante notare che in alcune delle prove dei vaccini COVID, hanno effettivamente utilizzato un placebo completamente inerte (sebbene alcuni produttori di vaccini abbiano utilizzato un altro vaccino). Ma poi nota cosa è successo. Prima della fine del processo, hanno smascherato tutti e offerto il vaccino a tutti nel gruppo placebo, sradicando del tutto il gruppo di controllo! Quindi, hanno cercato di seppellire i dati sotto la burocrazia per 75 anni. Per fortuna, un giudice ragionevole non ha permesso loro di farla franca. 

 

Wakefield dice:

 

«Loro [Pfizer] sapevano che c’erano dei problemi. Avevano identificato i problemi facendo lo studio appropriato, almeno all’inizio, fino a quando non hanno somministrato il vaccino al gruppo placebo, eliminando l’opportunità di valutare la sicurezza a lungo termine. Poi hanno cercato di nascondere i dati perché sapevano che rivelavano la gravità delle reazioni avverse al loro vaccino. La corte li ha annullati e ora quei dati vengono analizzati e sono terrificanti».

 

 

Splendida abdicazione alla scienza

Quel che è peggio, il governo ha incentivato l’ignoranza ai sensi della legge. Hanno incentivato il non sapere quali sono gli effetti a lungo termine. 

 

Aggiunge la Holland:

 

«Ciò che è particolarmente sorprendente, in termini di assoluta abdicazione dalla scienza, è che i Centers for Disease Control and Prevention hanno affermato che va benissimo co-somministrare le vaccinazioni COVID con tutto il resto nel programma dell’infanzia. Ciò avrà probabili effetti orribili indicibili… La maggior parte dei pediatri dirà “Ehi, il CDC dice che va bene”…  Somministreranno questi vaccini con altre cose e non c’è scienza a sostenerlo. Nessuna».

 

Sfortunatamente, il futuro sembra cupo a questo proposito, poiché la Food and Drug Administration statunitense sta ora considerando un “Future Framework” in cui i produttori di vaccini potranno riformulare e rilasciare futuri vaccini COVID senza ulteriori test. 

 

All’inizio, le prove cliniche sono facili da manipolare, ma ora non dovranno nemmeno affrontare il problema di fabbricare i risultati desiderati.

 

 «E, naturalmente, ci saranno effetti dannosi sulla fertilità», afferma Holland. «Penso che stia diventando molto chiaro che dobbiamo solo rifiutare tutto questo. È corrotto fino al midollo. È antiumano, voglio dire che è veramente antiumano. Penso che la realtà in cui ci troviamo stia diventando più chiara».

 

 

Una nota di speranza

Wakefield aggiunge:

 

«Per dare seguito a questo, una nota di speranza… Le persone che vengono a sapere di tutto questo potrebbero pensare che siamo in un momento terribilmente buio.  La vedo diversamente, essendo in questo ambiente ormai da 30 anni.  Quando ho iniziato, una manciata di persone in tutto il mondo era preparata a discutere la spinosa questione della sicurezza dei vaccini».

 

«Ora ho letto l’altro giorno che il 70% degli adulti americani ha rifiutato il protocollo raccomandato dal CDC per il vaccino COVID. O non hanno ricevuto la prima dose, non hanno ricevuto la seconda dose, o si sono rifiutati di ricevere i booster, dicendo che questo non è né necessario né sicuro».

 

«Quelle persone – il 70% degli adulti americani – secondo i media mainstream sono antivaccinisti. Quindi, che lo sappiano o meno, si sono uniti alla nostra squadra e l’altra parte ha perso. Questa è una misura disperata, disperata; un tentativo disperato dopo l’altro, e sta cadendo il sistema, e molto male. Per quelli di voi che non l’hanno visto da una prospettiva storica, fatevi coraggio, perché il mondo si sta davvero svegliando in modo straordinario»,

 

«Il lato positivo della nuvola oscura del COVID è che ha svegliato così tante persone… C’è un’inevitabilità in ciò che sta accadendo qui e non la passeranno liscia ancora per molto».

 

 

Abbiamo permesso la creazione di un mondo antiumano

Per quanto riguarda coloro che insistono sul fatto che non hanno obiezioni ai vaccini per l’infanzia, solo al vaccino COVID, Wakefield avverte che quasi tutti i sostenitori della sicurezza dei vaccini hanno iniziato a opporsi a un singolo vaccino o a un singolo ingrediente prima di rendersi conto che non è così semplice.

 

«Siamo tutti giunti alla realizzazione collettiva che questo era molto più complesso di quanto avessimo immaginato in precedenza. Di anno in anno lo stavano rendendo sempre più complesso, aggiungendo più vaccini al programma, raggruppandoli tutti insieme. Come ha detto Mary, l’idea che questi vaccini fossero sicuri in combinazione era quella che non avevano mai testato ma si limitavano a presumere che fossero sicuri».

 

«Siamo giunti alla conclusione che è una tossicità cumulativa, un effetto interattivo, un potenziamento che sta portando a questo massiccio aumento, ad esempio, dei disturbi dello sviluppo neurologico o immunologici. Se ci fosse stato permesso di continuare la ricerca, chiunque di noi, tutti noi, avremmo delle risposte ora. Ma non abbiamo risposte perché il lavoro è stato sabotato ad ogni passo, e ora viviamo in uno stato di ignoranza maggiore di prima».

 

«Ora viviamo in un mondo di malattie causate dall’uomo. È assolutamente sbalorditivo. Niente di tutto questo è mai accaduto, eppure eccoci qui con tutte queste nuove condizioni o nuove varianti su un vecchio tema, come l’autismo regressivo, che non abbiamo visto prima. Questo è qualcosa che l’uomo ha creato».

 

«Altrettanto facilmente l’uomo potrebbe liberarsene se prendessimo l’iniziativa. Questo è ciò che, collettivamente, dobbiamo fare, ed è ciò che sta facendo Children’s Health Defense. Stanno avvisando le persone di questo, svegliandole e funziona».

 

Oltre a conoscere i pericoli dei vaccini, le persone stanno anche iniziando a saperne di più su altre tossine ambientali: pesticidi, organismi geneticamente modificati (OGM), inquinamento dell’aria, inquinamento dell’acqua, alimenti artificiali, prodotti chimici di plastica che imitano gli ormoni e altro ancora, tutto che hanno effetti negativi sulla salute e sulla capacità riproduttiva.

 

«Penso che la maggior parte degli esseri umani voglia vivere in un ambiente pro-umano», dice Holland. «E penso che il mondo del governo aziendale in cui ci troviamo in questo momento sia genuinamente antiumano».

 

 

L’entità del danno è sbalorditiva

Sebbene il VAERS sia l’unico database disponibile pubblicamente che raccoglie le reazioni avverse al vaccino, il governo degli Stati Uniti ha almeno altri 10 sistemi di segnalazione di eventi avversi di cui non condividono i dati.

 

Children’s Health Defense sta presentando richieste del Freedom of Information Act (FOIA) per gli altri sistemi per avere un’idea migliore dell’entità dei danni, ma VAERS e rapporti aneddotici da soli suggeriscono che l’entità delle lesioni e dei decessi è enorme. 

 

Lo confermano anche i dati delle compagnie assicurative di tutto il mondo. 

 

La Holland osserva:

 

«Nel 2021, da una compagnia di assicurazioni sulla vita negli Stati Uniti, una compagnia dell’Indiana, sappiamo che i giovani tra i 18 ei 64 anni hanno subito un tasso di mortalità in eccesso del 40%. Hanno detto che uno spostamento del 10% sarebbe stato un evento su 200 anni. Uno spostamento del 40% è oltre la catastrofico, ed è quello che stiamo guardando. Questi sono segreti che non possono essere nascosti».

 

 

Il Congresso Panafricano sta reagendo

Un’altra notizia positiva è che un Congresso panafricano recentemente convocato sta iniziando a respingere l’OMS. E se l’OMS venisse bandita da un continente come l’Africa, per loro sarebbe la fine del gioco.

 

Spiega la Holland che «l‘OMS sta seguendo un doppio percorso per arrivare a quello che, secondo loro, nel 2024 sarà un nuovo trattato internazionale, che fondamentalmente metterà l’OMS al centro della salute globale e della governance de facto. Una traccia era attraverso le normative sanitarie internazionali proposte dagli Stati Uniti».

 

«Gli Stati Uniti hanno proposto 12 regolamenti nel dicembre 2021 che metterebbero l’OMS al centro di queste cose e metterebbero in atto regolamenti molto draconiani che consentirebbero all’OMS di sostituire qualsiasi decisione a livello di governo nazionale. In una votazione su questi nuovi emendamenti al regolamento sanitario internazionale, 47 paesi africani li hanno respinti tutti».

 

«L’Africa ha davvero aperto la strada dicendo “No, non ci fidiamo dell’OMS, non vogliamo che l’OMS ricopra questo ruolo”. È molto eccitante perché l’Africa è stata assolutamente sfruttata in ogni modo dall’OMS e dalla loro industria farmaceutica partner. Ma non credo che l’agenda dell’OMS sia morta. Abbiamo ancora molto lavoro da fare».

 

«Il 18 giugno abbiamo avuto il lancio di una coalizione per la sovranità africana, che puoi vedere sul sito web di Children’s Health Defense TV. C’erano attivisti, sostenitori, medici, scienziati da tutta l’Africa e poi sostenitori da tutto il mondo. È molto eccitante. Penso che l’Africa stia inviando un messaggio forte e chiaro che non lo tollereremo»,

 

«Lo vedremo un giorno alla volta, ma credo che l’OMS e i suoi sostenitori falliranno, e sicuramente molte persone in tutto il mondo, inclusa la difesa della salute dei bambini, stanno lavorando su cause legali per dimostrare che c’è una frode in corso qui, questo è criminale attività».

 

«Certamente, l’autorizzazione per i bambini piccoli è un atto criminale».

 

«Modificheremo la causa che abbiamo, intentato che consiste nel contestare i vaccini per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni che la FDA ha autorizzato. La modificheremo solo per questi bambini più piccoli. Questo è devastante, questo è un crimine contro l’umanità. Non c’è alcuna giustificazione perché  i bambini piccoli siano sottoposti a questi vaccini. Non sono a rischio di lesioni gravi o morte da COVID, ma sicuramente sono a rischio da questi vaccini».

 

 

Ci si può fidare del sistema giudiziario?

A proposito di cause legali, molte azioni legali negli ultimi due anni sono fallite, ma la Holland, che è il consulente legale generale per Children’s Health Defense, è ottimista, perché i tribunali tendono a cambiare con l’opinione pubblica. Ha notato che i tribunali stanno diventando sempre più ricettivi all’idea che potrebbero esserci frodi in corso con i vaccini COVID e che i conflitti di interesse giocano un ruolo.

 

Ad esempio, due giudici di New York che erano stati assegnati ai casi che stava rappresentando sono stati recentemente costretti a ricusare se stessi, dopo che si è saputo che possedevano tra 50.000 e 500.000 dollari in azioni Pfizer.

 

«Penso che probabilmente vedremo molte più cause legali andate avanti nei prossimi due anni rispetto agli ultimi due anni», dice. «Penso che la popolazione stia arrivando a capire che ci sono conflitti di interesse che impediscono a queste persone di essere imparziali».

 

«Penso che sia una questione di tempo e penso che siamo in una corsa contro il tempo, ma credo che le cause legali avranno probabilmente più successo col passare del tempo e penso che lo stiamo già vedendo. Abbiamo annullato l’obbligo dell’OSHA, abbiamo annullato gli obblighi delle mascherine nel trasporto aereo, abbiamo avuto accesso ai documenti Pfizer. Penso che ci siano altre buone notizie in arrivo dai tribunali, davvero».

 

Il fuoricampo, dal punto di vista giudiziario, sarebbe se potessimo provare che i produttori di vaccini hanno commesso frode o «condotta intenzionale», in quanto ciò eliminerebbe tutte le loro protezioni contro l’azione penale e la responsabilità. I vaccini COVID sono autorizzati per l’uso di emergenza ai sensi del PREP Act del 2005 – che Holland ritiene incostituzionale – e secondo tale legge, la cattiva condotta intenzionale deve essere dimostrata da «prove chiare e convincenti».

 

«Credo che a questo punto ci stiamo avvicinando molto, molto alla soglia in cui possiamo dimostrare una cattiva condotta intenzionale con prove chiare e convincenti», dice.

 

«A quel punto, penso che sarà chiaro a tutta la popolazione che è la protezione della responsabilità sul back-end e i mandati sul front-end che rendono possibile l’intera impresa. Penso che ci siano seri attacchi a entrambi, e quando l’intera verità viene fuori, l’intero paradigma del vaccino scompare».

 

«Penso che sia in vista, davvero. Penso che il fatto che la salute dei non vaccinati sia straordinariamente superiore alla salute dei vaccinati e questa storia sta venendo fuori. Children’s Health Defense uscirà questo autunno con un libro del Dr. Brian Hooker e Robert F. Kennedy Jr., sulla scienza che mostra quanto siano più sane le persone non vaccinate».

 

«Penso che la verità stia venendo fuori e penso che la posta in gioco sia molto alta per i prossimi due anni. Ma credo davvero che alla fine di questi due anni saremo in un paradigma completamente nuovo di vaccini e salute. Le persone hanno visto abbastanza sul lato negativo dei vaccini COVID che ora sono aperte a questo. Penso che probabilmente vedremo un cambiamento epocale».

 

In conclusione, se non hai visto il film, metti da parte 30 minuti per farlo ora. E assicurati di guardarlo fino alla fine. Gli ultimi 10 minuti includono un aggiornamento sulla storia del Kenya, una revisione di ciò che è successo con il vaccino HPV e una panoramica di ciò che sappiamo sui potenziali impatti dei colpi di COVID sulla fertilità.

 

È importante rendersi conto che questo programma di spopolamento non è iniziato e non si è concluso in Kenya. Sta succedendo in tutto il mondo.

 

 

Altri film stanno arrivando

Il quinto film di Wakefield è già in pre-produzione e dovrebbe essere pronto per l’uscita il prossimo anno. Questo sarà un lungometraggio narrativo sul programma di vaccinazione infantile. È stato co-scritto da Terry Rossio, che ha anche scritto Shrek, Pirati dei Caraibi, Aladdin e altre famose produzioni cinematografiche.

 

«È un film molto potente, sposterà davvero la mentalità», afferma Wakefield. «Ci vorranno coloro che sono stati svegliati dalla questione dei vaccini COVID attraverso il ponte dal programma dei vaccini per adulti alla realizzazione che questo è accaduto nel programma dei vaccini per l’infanzia sin dall’inizio. È un film molto, molto importante».

 

Children’s Health Defense uscirà anche con una versione cinematografica del libro di Robert F. Kennedy Jr., The Real Anthony Fauci, che uscirà entro la fine dell’anno, per il quale sono stato intervistato.

 

 

Joseph Mercola

 

 

 

Pubblicato originariamente da Mercola .

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot dal film Infertilità: un’agenda diabolica.

 

 

 

Contraccezione

Ecco il Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria

Pubblicato

il

Da

Il massimo quotidiano del pianeta, il New York Times, ha dedicato un lungo articolo alla figura di Les Knight, 75 anni, il fondatore del movimento Voluntary Human Extinction («Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria»), che è meno un movimento che un libero consorzio di persone che credono che la cosa migliore che gli esseri umani possano fare per aiutare la Terra sia smettere di avere figli.

 

Il Knight ha aggiunto la parola «volontaria» decenni fa per chiarire che gli aderenti non supportano l’omicidio di massa o il controllo delle nascite forzato, né incoraggiano il suicidio. Il loro ethos è ripreso nel loro motto, «Possiamo vivere a lungo e morire», e in un altro dei loro slogan, che Knight appende a vari convegni e fiere di strada: «Grazie per non aver fatto figli».

 

L’articolo è scattato quando lo scorso 15 novembre il pianeta avrebbe raggiunto, otto miliardi di esseri umani. Tuttavia, come riportato da Renovatio 21, il trend è comunque di implosione demografica, visto il rapporto numerico tra vecchiaia e gioventù.

 

Il tizio è ovviamente tra coloro che credono che la sovrappopolazione sia un fattore principale nella crisi climatica.

 

«L’idea che la popolazione debba essere controllata ha portato anche a sterilizzazioni forzate e misure che si sono dimostrate disumane o sono state collegate a teorie razziste come l’eugenetica» si ricorda improvvisamente il New York Times.

 

Il Knight a sterilizzarsi ci ha pensato da sé nel 1973, all’età di 25 anni. Non ha quindi avuto figli. Oltre a sostenere l’accesso universale al controllo delle nascite – che significa, nel gergo angloide, contraccezione e aborto – e opporsi a quello che chiama fascismo riproduttivo, «la mancanza di libertà di non procreare», il personaggi  afferma che, nonostante i nostri numerosi successi, gli esseri umani costituiscono nettamente un danno per la Terra.

 

«Guarda cosa abbiamo fatto a questo pianeta», ha detto il Knight durante una chiacchierata con l’inviato del NYT nel suo cortile. «Non siamo una buona specie».

 

Non è chiaro quanti aderenti ci siano nel gruppo del signor Knight, o quale sia l’estensione della sua portata. Dopo essere stato in gran parte clandestino, il gruppo è diventato popolare quando Mr. Knight ha creato un sito web nel 1996. Ricco di testi ma disinvolto, il sito include citazioni del filosofo pessimista Schopenhauer e vignette varie, nonché argomenti contro la procreazione e per adozione. È stato tradotto in circa 30 lingue, tra cui spicca la presenza, che sa di utopismo stantio ed impenitente quasi commovente, di lingue artificiali come l’Esperanto, l’Interlingua, l’Ido e perfino la «lingua franca».

 

Insegnante in pensione, arruolato durante la Guerra del Vietnam ma non andato al fronte, al College il Knight ha trovato un gruppo chiamato Zero Population Growth, il quale «ha cementato la sua determinazione a non avere figli». «È sempre stato a causa dell’ecologia, a causa del danno che gli umani fanno all’ambiente», racconta ora il vecchio.

 

È l’idea, oramai mainstream, dell’uomo come cancro del pianeta. «Le sue convinzioni sarebbero radicate nell’ecologia profonda, che sfida i presupposti del dominio umano e sostiene che altre specie sono altrettanto significative. Il signor Knight è arrivato a vedere gli umani come la più distruttiva delle specie invasive e come super predatori».

 

L’articolo scrive che «gli Stati Uniti hanno registrato un aumento delle nascite durante la pandemia di coronavirus , invertendo il calo del tasso di natalità del Paese, un sondaggio del 2020 ha rilevato che un americano su quattro che non aveva avuto figli ha citato il cambiamento climatico come motivo», una questione di cui tempo fa ha dato conto Renovatio 21.

 

Il New York Times tuttavia ci tiene a sottolineare  che «la ricerca ha dimostrato che avere un figlio in meno è forse il modo più significativo per ridurre la propria impronta di carbonio». Questa puntualizzazione, in linea con gli ESG ONU e lo stakeholder capitalism promosso dal Grande Reset del World Economic Forum (che, come riportato da Renovatio 21, ha origine negli ambienti che proponevano e propongono il controllo della popolazione), mica poteva mancare.

 

I pensieri mostruosi non si fermano qui. «Al signor Knight non piace spingere le sue convinzioni sulle persone, tuttavia gli piace pensare che ci siano alcuni esseri umani che non esistono perché dei suoi sforzi».

 

Se ci si fa un giro sul sito del Movimento per l’Estinzione Umana Volontaria (VHEMT), si resta basiti. Innanzitutto, per la forma: se diciamo che pare un sito internet del 1995 non scherziamo, anzi, può fungere tranquillamente come macchina del tempo per chi per ragioni anagrafiche non può ricordare come era fatto il web una volta.

 

Il sito è una grande serie di FAQ, di domande con risposte. Alcuni esempi interessanti.

 

Domanda: «È possibile l’estinzione umana volontaria?» Risposta: «La nostra estinzione non è solo possibile, è inevitabile: miliardi di specie sono già andate e venute».

 

Domanda: «Cosa c’è che non va nei bambini? Non vi piacciono i bambini?» Risposta: «La scelta di astenersi dal produrre un’altra persona dimostra un profondo amore per tutta la vita»

 

Domanda: «Staremmo meglio se non fossimo mai nati?» Risposta: «La filosofia dell’antinatalismo è una delle vie principali verso l’estinzione umana volontaria. L’idea è che non abbiamo il diritto di far esistere qualcuno dove sicuramente soffrirà. Non stanno soffrendo nella non esistenza».

Domanda: «Essere genitori fa male all’ecologia della Terra?» Risposta: «La scelta di astenersi dall’aggiungere un altro di noi riduce notevolmente le nostre potenziali emissioni di gas serra»

 

E via così. Menzione speciale ai discorsi su nuovi virus, guerre, fame e rifiuti tossici che potrebbero aiutare l’estinzione umana: in realtà nemmeno questi sono sufficienti, anzi potrebbero in alcuni casi addirittura fortificare la specie.

 

Da notare come la morte, chiamata Grim Reaper («il tristo mietitore») e  rappresentata nelle vignette  del sito come il classico scheletro con mantello, cappuccio e falce, è qui considerata come un «supereroe».

 

Quella del Knight non è l’unica spaventosa iniziativa di terminazione della specie: anzi, è la più borghese, presentabile – e per questo finisce sui giornali. Maggiormente preoccupante è la Chiesa dell’Eutanasia fondata negli anni Novanta a Boston, una sedicente «fondazione educativa senza scopo di lucro dedicata al ripristino dell’equilibrio tra gli esseri umani e le restanti specie sulla Terra». Ciò sarebbe possibile, dicono i membri del culto, solo tramite una riduzione massiva volontaria della popolazione terrestre

 

Si tratterebbe, secondo il suo fondatore Chris Korda (musicista e sviluppatore di software nato in una famiglia di importanti scrittori e registi), forse dell’unica religione completamente e programmaticamente antiumana del mondo.

 

Uno degli slogan per cui il gruppo è noto è «Save the Planet, Kill Yourself», cioè «Salva il pianeta, ucciditi». Ma c’è anche «Eat a Queer Fetus for Jesus», «Mangia un feto strano per Gesù».

 

Il gruppo si è inevitabilmente scontrato con i gruppi antiabortisti cristiani d’America, per poi generare scandalo quando, dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, la Chiesa dell’Eutanasia ha pubblicato sul suo sito web un video musicale di quattro minuti intitolato Mi piace guardare, che combinava pornografia hardcore con filmati del crollo del World Trade Center, inclusa musica elettronica in sottofondo mentre erano scandite le parole «La gente si tuffa in strada / mentre io gioco con la mia carne». Il riferimento era con probabilità alle povere persone imprigionate nell’incendio delle Torri Gemelle che tragicamente si buttarono dai piani alti del palazzo. La clip mostrava anche un uomo che si masturbava e poi si puliva con una bandiera americana.

 

Secondo Wikipedia, le istruzioni della Chiesa dell’Eutanasia su «come uccidersi» per asfissia con l’elio sono state rimosse dal suo sito web nel 2003 dopo che una donna di 52 anni le aveva usate per suicidarsi in Missouri, con conseguenti minacce legali contro l’organizzazione.

 

C’è da considerare che, sia i moderati del VHEMT che gli estremisti della Chiesa dell’Eutanasia, sono sinceri nel portare avanti (solo in modo «teatrale», certo: perché quelli seri là fuori fanno ben altro) il programma della Cultura della Morte, che è il sistema operativo del mondo moderno. Un mondo dove l’essere umano è visto come nemico, e quindi la sua riproduzione va impedite, e i numeri della popolazione vanno ridotti.

 

Tuttavia, costoro non capiscono che il programma è un altro. È leggermente diverso, più complesso, più sottile.

 

Il vero manovratore della Necrocultura non vuole solo l’assassinio della massa umana. No. Vuole che sia l’uomo stesso a implementarla: vuole cioè, la perversione. Non vuole eliminare del tutto gli uomini: deve conservarne una parte, per offenderli ed umiliarli, perché essi sono a immagine del vero avversario del manovratore della morte.

 

Una parte degli uomini, secondo questo disegno, sarà poi necessaria affinché si adori il manovratore nei tempi ultimi. Come sa il lettore di Renovatio 21, non è improbabile che quantomeno una parte di tali adoratori possano essere creature prodotte in laboratorio, figli della provetta, cioè coloro, dice l’Apocalisse di San Giovanni, « il cui nome non è scritto nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo» (Ap 13, 8)

 

Quindi: la riduzione della popolazione terrestre è realtà. Tuttavia, la sua completa estinzione, non è nei piani del Male.

 

Nei piani del Male c’è molto di peggio.

 

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

La Silicon Valley convertita al natalismo?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Questo mese è venuto al mondo l’8 miliardesimo bambino. I demografi ritengono che la popolazione mondiale si stia muovendo verso i 10 miliardi. Ma a un certo punto, la curva inizierà a muoversi verso il basso. Le persone ovunque (eccetto l’Africa sub-sahariana) diventeranno sempre più anziane, comportando enormi oneri per i servizi sociali del governo.

 

Il problema è che la maggior parte dei paesi ha tassi di natalità inferiori al livello di sostituzione. E nessuno sa come convincere le donne ad avere più figli, come ha scoperto la Cina, con suo sgomento.

 

Che cosa si deve fare? Una soluzione arriva da una fonte improbabile: attivisti pro-natalismo facoltosi, fanatici della tecnologia e venture capitalists.

 

 

Capitolo 1: Elon Musk twitta ossessivamente sul crollo della popolazione

L’eccentrico miliardario è stato sposato due volte ma ora si definisce single. Ha avuto almeno nove figli con una combinazione di mogli, fidanzate e surrogate. Ecco alcuni dei suoi ultimi tweet.

 

 

  • «Contrariamente a quanto molti pensano, più qualcuno è ricco, meno figli ha. Sono una rara eccezione. La maggior parte delle persone che conosco ha zero o un figlio». Elon Musk su Twitter, 25 maggio 2022.

 

 

 

Capitolo 2: Malcolm e Simone Collins fanno qualcosa.

Malcolm e Simone irradiano una potente fiducia in se stessi. Come coppia hanno gestito società in cinque continenti che complessivamente hanno raccolto 70 milioni di dollari ogni anno; lui ha raccolto un fondo di private equity; strategia diretta alle migliori società di capitale di rischio in fase iniziale; ha scritto tre libri bestseller; è stato amministratore delegato di Dialog, un ritiro per leader globali fondato da Peter Thiel; e ha conseguito lauree in neuroscienze, economia e politica tecnologica a St Andrews, Stanford e Cambridge.

 

In un servizio su Business Insider, spiegano che vogliono salvare il mondo dal diventare un’idiocrazia nella vita reale. A cominciare da se stessi. Prima di sposarsi, si sono impegnati ad avere tra i 7 ei 13 figli. Dato che Simone era più grande, ha congelato i suoi ovuli per assicurarsi che l’età non fosse un ostacolo. Hanno già 3 figli. Nel 2018, che chiamano l’anno del raccolto, hanno prodotto e congelato quanti più embrioni possibile. Selezionano gli embrioni per l’alto QI e altri tratti preziosi. Si definiscono «hipster eugenetici».

 

«Finché ciascuno dei loro discendenti può impegnarsi ad avere almeno otto figli per sole 11 generazioni, la linea di sangue dei Collins alla fine supererà l’attuale popolazione umana», dicono a Business Insider.

 

 

Capitolo 3: Scopri tutto sull’imminente implosione della popolazione su pronatalist.org .

Dalla loro casa nella Pennsylvania rurale, la coppia Collins, altamente collegata, predica il vangelo del pro-natalismo, che è l’ultima moda tra i super ricchi della Silicon Valley.

 

Negli ultimi 20 anni circa, i miliardari sono stati ossessionati dalla longevità, aumentando la durata della vita a centinaia di anni. La ricerca su questo continua, ma alcuni hanno rivolto le loro menti alla demografia. «La persona di questa sottocultura vede davvero il percorso verso l’immortalità attraverso l’avere figli», afferma Simone.

 

Pronatalist.org, creato da Malcolm e Simone, avvisa i lettori della crisi e propone una soluzione:

 

«I tassi di natalità stanno diminuendo precipitosamente in tutto il mondo, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Se non verranno intraprese azioni drammatiche, assisteremo all’estinzione di intere società, all’espansione di governi totalitari e all’ascesa incontrollata del tribalismo».

 

Il tasso di natalità della Corea del Sud è di circa 0,81 , molto al di sotto del livello di sostituzione. I Collins lo chiamano «genocidio per inerzia». «Questo equivale a una malattia che spazza via il 94% della popolazione. Abbiamo bisogno di soluzioni radicali per salvare i gruppi etnici in via di estinzione».

 

Vedono la politica contemporanea attraverso una lente demografica:

 

«Se ti sei mai chiesto perché diverse fazioni ideologiche in politica sembrano essere sempre meno d’accordo con il passare del tempo, perché stanno diventando più autoritarie e perché il tribalismo sembra aumentare: stai assistendo alla mano invisibile del collasso demografico al lavoro».

 

«I numeri della popolazione alla fine rimbalzeranno entro poche centinaia di anni, ma i progressi che il mondo ha fatto in termini di diritti delle donne, libertà di parola, ambientalismo, uguaglianza razziale, diritti degli omosessuali, ecc. corre il rischio di una cancellazione sistematica se non interveniamo».

 

Qual è la risposta? Solo un cambiamento culturale ci salverà, sostengono. I crediti d’imposta e i bonus bebè non funzioneranno:

 

«Solo le culture con una forte motivazione esterna ad avere figli sono al momento ben al di sopra del tasso di ripopolamento; tutti gli altri entreranno nella pattumiera della storia. In sostanza, ogni cultura mondiale che non ha forti convinzioni religiose o educa e tratta le donne da pari a pari viene sistematicamente cancellata».

 

Una singola famiglia con otto figli che passa con successo quella pratica ai propri figli può salvare il loro intero gruppo etnico. (Una famiglia con otto figli per dieci generazioni porta a oltre un miliardo di discendenti)

 

 

Capitolo 4: networking per il natalismo

I Collins vogliono che tu ti unisca a loro.

 

«Stiamo costruendo attivamente una rete diversificata di famiglie con la grinta per superare questo vortice. Se ti impegni per un alto tasso di natalità e per costruire una cultura sana per la tua famiglia, vogliamo parlarti!»

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

«Picco dei bambini»: siamo 8 miliardi sul pianeta, ma il problema è la contrazione della popolazione che diverrà presto costituita da vecchia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

«Ora ci sono 8 miliardi di persone nel mondo, ma la sovrappopolazione dovrebbe essere l’ultima delle tue preoccupazioni». Questo non è un titolo che Paul Ehrlich avrebbe previsto quando pubblicò The Population Bomb quasi 55 anni fa. Invece i media al giorno d’oggi stanno evidenziando i pericoli di una popolazione in calo.

 

I loro traguardi variano, ma i demografi concordano sul fatto che la popolazione raggiungerà presto gli 8 miliardi e continuerà ad aumentare fino a circa 10 miliardi, ma poi diminuirà rapidamente man mano che gli anziani muoiono senza essere sostituiti dai bambini.

 

Un recente articolo sul Guardian sul declino della popolazione cinese (che ha uno dei tassi di natalità più bassi al mondo) dichiara: «Entro il 2050, gli analisti prevedono che una persona su quattro in Cina andrà in pensione e la popolazione attiva si ridurrà del 10%, con enormi implicazioni economiche».

 

Infatti, come riporta ABC News, mai più ci saranno così tanti bambini al mondo. «Ora abbiamo raggiunto il picco dei bambini», afferma la demografa dottoressa Elin Charles-Edwards. «Non ci saranno mai più bambini vivi sulla Terra di quanti ce ne siano oggi».

 

«Questa è una trasformazione fondamentale dell’aspetto di una società», afferma.

 

Le aliquote fiscali saranno adeguate per supportare sempre più persone, o forse il governo smetterà di sostenerle. I costi del welfare aumenteranno e potrebbero non esserci abbastanza lavoratori.

 

«In qualità di demografi, siamo persone davvero ottimiste perché abbiamo assistito a enormi cambiamenti negli ultimi 100 anni», afferma il dott. Charles-Edwards. «Tutti vivono più a lungo, muoiono meno bambini, muoiono meno donne. In tutta una serie di metriche, stiamo facendo meglio di quanto abbiamo fatto. Abbiamo visto tante piccole azioni creare enormi cambiamenti per le persone».

 

Ma i cambiamenti sono distribuiti in modo disomogeneo tra le società e tra le nazioni. I poveri soffriranno di più con la contrazione della popolazione globale, in particolare per quanto riguarda il cambiamento climatico.

 

«Sappiamo che alcune delle comunità più vulnerabili saranno le più colpite», afferma il dott. Charles-Edwards. «Se sei ricco, sei in grado di adattarti in un modo che non puoi fare se non ci sono le risorse lì. Il cambiamento climatico è il grande elefante nella stanza. Sappiamo che alcuni dei luoghi che subiranno il maggiore impatto sono i meno resilienti, quindi anche questo è qualcosa di cui dobbiamo essere consapevoli».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari