Connettiti con Renovato 21

Bioetica

La religione del Cambiamento Climatico e i suoi sacrifici umani (Addio P.)

Pubblicato

il

 

 

Non esiste Stato laico. Non esiste laicità: ogni realtà umana ha alla base una sua religione.

Persino la società più atea ha in fondo un afflato religioso: lo psicoanalista Carl Gustav Jung scriveva della vitalità spirituale dell’Unione Sovietica, che di fatto religiosamente spandeva con zelo il suo verbo in tutto il mondo.

 

Dobbiamo quindi cercare di capire quale sia la religione che si appresta a dominare la nostra era.

 

La chiesa climatica

La religione d’Europa, e di larga porzione del mondo sviluppato e non, è stata fino a ieri il Cristianesimo. Esso è durato a lungo, ma ha avuto le sue traversie. Per secoli hanno tentato di soppiantare il Cristianesimo con persecuzioni ed invasioni – come noto, mai prevalendo. Al punto che in molti – un nome a caso, Napoleone – in là con gli anni arrivarono a vedere la granitica consistenza del papismo.

 

Ecco la sostituzione del Cristianesimo con questa nuova, disperata «Religione Climatica»

Contro di essa si sta ora tentando un nuovo trick: l’infiltrazione della Chiesa Cattolica, la cui evidenza è emersa con la catastrofe del Concilio Vaticano II, ora sta seguendo un nuovo programmìno di autoindotta sostituzione del Cristianesimo con questa nuova, disperata «Religione Climatica».

 

Quella religione che nell’ultimo hanno ha trovato addirittura un volto pubblicitario: quello, incredibile, di una bambina nordica (forse) affetta da sindrome di Asperger – probabilmente come prova per vedere fino a che punto sono, appunto, autistiche le masse che si mettono al seguito, con tanto di giustificazioni ministeriali.

 

Questa Religione Climatica è costruita come un copia/incolla del Cattolicesimo e della sua morfologia. Per esempio:

 

I) La Religione Climatica dispone di inviolabili dogmi: come la Religione Cattolica.

 

II) La Religione Climatica dispone di una sua apocalisse. Una apocalisse che ha un valore «morale»: il castigo arriva a causa delle azioni degli uomini.

 

III) La Religione Climatica è nemica dell’autosalvazione: l’uomo non può salvarsi da solo, al contrario egli deve necessariamente essere aiutatoe guidato da un’autorità superiore in cui egli deve riporre la sua più totale  fede. 

Questa Religione Climatica è costruita come un copia/incolla del Cattolicesimo e della sua morfologia

 

IV) La Religione Climatica vuol indurre l’uomo a sentire il peso della colpa per il suo peccato; tale ineliminabile peccare è sia quotidiano (nei consumi di ogni giorno) sia ereditato alla nascita ( la cosiddetta carbon footprint), cioè per pressoché ineliminabili questioni puramente umane: un vero e proprio nuovo Peccato Originale.

 

V) La Religione Climatica ha il suo animale simbolico: nel Cattolicesimo era l’Agnello, qui abbiamo l’Orso Polare, e quello che – bufala più bufala meno – vendono come il suo sacrificio.

 

La lista potrebbe andare avanti, al momento ci fermiamo qua. Almeno, bisogna dire, stanno copiando da quelli bravi.

 

Bambini uccisi per il clima

Qualche mese fa abbiamo notato l’apparizione di un bizzarro articolo sul New York Times.

 

Il pezzo si intitolava «Massacre of Children in Peru Might Have Been a Sacrifice to Stop Bad Weather». La lettura lasciava un po’ sgomenti.

 

Vi si narrava di come gli archeologi in Perù avessero annunciato la scoperta di un immane massacro rituale. Essi ritengono che sia il più grande caso conosciuto di sacrificio infantile mai trovato. Sepolti sotto le sabbie di un sito del XV secolo chiamato Huanchaquito-Las Llamas c’erano circa 140 scheletri di bambini, così come i resti di 200 animali, dei lama. Il massacro sarebbe avvenuto presso la civiltà Chimù nel XV secolo.

 

«Mentre il ragionamento dietro il macabro omicidio di massa di ragazzi e ragazze “che avevano solo tra i 5 ei 14 anni” non può essere determinato in modo definitivo, i ricercatori ora dicono che l’atto è stato fatto per disperazione in risposta a un disastroso evento climatico: El Niño».

 

Centinaia di bambini sacrificati al dio del clima, cinque secoli fa

C’est-à-dire: centinaia di bambini sacrificati al dio del clima, cinque secoli fa.

 

Gli antropologi hanno cercato di ricostruire la storia del perché abbiano ucciso questi bambini, presumibilmente aprendo il petto e strappando loro il cuore.

 

«Le uccisioni, suggeriscono gli autori, sono state fatte per ordine dello stato Chimù come appello ai loro dei o spiriti ancestrali per mitigare le piogge».

 

In pratica, dalla lettura dell’articolo del Times si arrivava quasi a giustificare i sacrifici umani nel Perù del XV secolo mettendoli in correlazione con i cambiamenti climatici del loro tempo.

 

«Il quadro che inizia a emergere è che in condizioni di grave disastro climatico, il sacrificio dei bambini potrebbe essere stato il mezzo più potente di comunicazione con il soprannaturale»

 

«Portare a termine un massacro massivo di bambini costituiva un richiamo al potere e all’autorità dei leader sui loro cittadini. È un ottimo modo per far sì che le persone si mettano in fila». Bambini in fila, società indottrinata. Vi dice qualcosa?

 

Ma soprattutto, ci chiediamo: siamo in piena finestra di Overton per l’infanticidio di massa su base climatica?

 

Siamo in piena finestra di Overton per l’infanticidio di massa su base climatica?

In verità sì: come in ogni vera battaglia culturale del sistema, l’obbiettivo è sempre e solo la riproduzione umana: «siamo troppi sul pianeta!». «Sovrappopolazione!». Refrain che abbiamo sentito ripetere anche in questi giorni. Bisogna pur fare qualcosa! Aborto , contraccezione, fecondazione in provetta servono agli stessi scopi dei sacrifici umani peruviani: solo con numeri esponenzialmente più alti.

 

Addio P.

Ma non è dei massimi sistemi che qui voglio dire. Volevo raccontarvi di P.

Di lui in realtà vi ho accennato alla fine di uno scritto, un po’ doloroso, di oramai un anno fa, «La vita senza il dolore».

 

Ma è da tanti anni che volevo scrivere estesamente di P.

Un po’ per pudore, un po’ per altre esitazioni, non ce l’ ho mai fatta. Ora lo voglio ricordare.

 

P. era il fratello di una compagna di liceo. Era alto, aveva i capelli rossi, e fondamentalmente era una persona buona. Frequentava la parrocchia, studiava con grande tranquillità. La famiglia gli voleva bene, e lui contraccambiava senza il minimo tentennamento. Stava qualche anno davanti a noi, e in lui intravedevo, e un po’ invidiavo, la traiettoria esistenziale di una persona sostanzialmente pulita, spensierata. Pura.

 

Come in ogni vera battaglia culturale del sistema, l’obbiettivo è sempre e solo la riproduzione umana

P. era uno di quelli che finita l’università, si era gettato con entusiasmo nel mondo della cosiddetta cooperazione internazionale. E con successo. Viaggi in Africa, villaggi sperduti dove creava il sistema di istruzione per bambini neri sorridenti. Alcuni miei lettori forse lo sanno, ho sempre detestato questo mondo, tuttavia che P. vi trionfasse mi pareva una bella cosa.

 

Via Facebook, avevo visto poi che era tornato in Europa, si era rimesso a studiare per un Master prestigioso in Inghilterra, aveva preso casa in Isvizzera, insomma tutta la trafila – anche questa invidiabile – delle fortune dei globetrotter da ONU o da ONG. Opportunità di stare ovunque, danaro sufficiente, una certa pienezza dell’esistenza dovuta al fatto che si ama quel che si fa, e quel che si fa, cosa importante, si crede sia per il Bene del pianeta.

 

Tra una foto di una maratona, di un compleanno tra amici internazionali o di un giro in bici con la tutina di lycra attillata sui muscoli, avevo notato erano comparsi messaggi insistenti su una tematica: il cambiamento climatico.

 

«Non è questione di se, è questione di quando» scriveva P.

Il linguaggio era quello di uno zelota. Non pareva convinto dell’argomento: pareva esserne invasato. Come, appunto, si può essere invasati di una religione.

 

Vittime di un dio falso che odia l’uomo

Confesso, avevo provato fastidio nel leggere quei post. Pensavo: eccolo qui, il politicamente corretto globale; del resto non farebbe parte di quel mondo, se non ne avesse accettato ciecamente i dogmi più antiumani. Tuttavia, visto che le foto di viaggi e conseguimenti vari continuavano, non avevo nemmeno lontanamente pensato che potesse succedere quel che poi è accaduto.

 

Il traffico ferroviario fermo per un giorno intero. Ricordo ancora le imprecazioni che io stesso tirai «al solito suicida» che, in genere durante la primavera (con i picchi a marzo e a maggio) decide di ammazzarsi rovinando la giornata a tutti i viaggiatori della bisettrice Milano-Venezia.

 

Lo avrei saputo solo giorni dopo. Il «solito suicida», era P.

Aveva camminato, il mattino presto, lungo i binari appena fuori dalla stazione. Avrei poi saputo che una conoscente di mia zia lo aveva visto dalla finestra; un uomo che cammina sui binari si nota. Lui si era sentito come scoperto, aveva abbassato la testa, quasi si vergognasse. Probabilmente questa è stata l’ultima interazione umana che P. ha avuto su questa terra.

 

Quindi, si è gettato sotto un treno in corsa.

Addio P.

 

Non so fino a che punto la religione climatica avesse in lui sostituito la fede cattolica; non so nemmeno in realtà se, nel caso, se ne rendesse conto. So che mille volte ho pensato che se invece del Climate Change avesse avuto nel cuore l’immagine dell’Inferno, forse sotto quel treno non si sarebbe buttato. Forse se vi fosse stata ancora una religione che gli avesse detto «sei figlio di Dio, fatto a sua immagine e somiglianza» invece che «sei un parassita colpevole, il pianeta non ti vuole», lui sarebbe qui.

 

Certo, tutti hanno detto che era la depressione la causa dell’autosacrificio di P.; tuttavia, tra questo e l’ecatombe dei bambini sacrificati sugli altari pagani del Perù del XV secolo non v’è una grande distanza.

 

Vittime di un dio falso che odia l’uomo. 

 

Addio P. Ancora ti penso. Ancora sento il dovere di combattere la falsa religione del niente e della morte che ti ha portato via, e che ci vuole sacrificare tutti al Niente e all’Inferno.

 

 

Roberto Dal Bosco

Continua a leggere

Bioetica

Gruppi ebraici USA definiscono le restrizioni all’aborto una violazione della loro libertà religiosa

Pubblicato

il

Da

Alcuni gruppi ebraici hanno denunciato il recente rovesciamento della sentenza della Corte Suprema  del 1973 Roe vs. Wade – la legge che assicurava copertura costituzionale all’aborto, assurto quindi a «diritto» federale fruibile in ogni Stato dell’Unione – come una violazione dei loro diritti di libertà religiosa.

 

Alcuni di questi gruppi, riporta Lifesitenews, avrebbero espresso la convinzione che il bambino non nato sia parte del corpo della madre ed è quindi considerabile come una persona umana solo una volta che fatto il suo primo respiro.

 

Venerdì il Women’s Rabbinic Network (WRN) ha rilasciato una dichiarazione affermando che «i testi più sacri e autorevoli dell’ebraismo non vedono un feto come un’anima finché non è nato. Piuttosto, un feto è considerato parte del corpo del genitore fino al parto».

 

«La Torah, la Mishnah e il Talmud, i testi più sacri e autorevoli dell’ebraismo, non vedono il feto come un’anima finché non è nato. Piuttosto, un feto è considerato parte del corpo del genitore fino al parto».

 

«Infatti, la parola anima – neshama – significa anche respiro, perché l’ebraismo insegna che la vita non inizia al concepimento o al battito del cuore, ma con il primo respiro. Pertanto, costringere qualcuno a portare una gravidanza che non desidera o che mette in pericolo la sua vita è una violazione della legge ebraica perché dà la priorità al feto rispetto all’adulto vivo che è incinta» scrive la Rete rabbinica delle donne WRN.

 

«Questo deve essere inteso come una violazione della Costituzione degli Stati Uniti che garantisce la nostra libertà di praticare la nostra religione e anche la nostra libertà dai dettami di altre religioni».

 

«Le persone che hanno il potere fisico di creare, nutrire e dare la vita hanno anche il potere di decidere quando e se è il momento giusto per farlo».

 

In risposta a queste affermazioni, il rabbino ortodosso prolife  Yehuda Levin ha accusato questo movimento, affermando: «È davvero blasfemo, è doppiezza, ed è disonestà (…) E la mia unica domanda è: queste persone che dicono queste cose, che ci credano nel loro cuore o meno, stanno solo dissimulando?»

 

Fornendo una prospettiva più ampia, il conduttore radiofonico conservatore Dennis Prager ha cercato di rispondere brevemente alla domanda «Perché gli ebrei sono di sinistra?» durante una trasmissione del 2013 su C-SPAN.

 

«Quando gli ebrei lasciarono l’ebraismo rimasero religiosi, ma la religione che affermavano tendeva a essere una qualsiasi forma di sinistra piuttosto che l’ebraismo (…) Rifiutavano la religiosità tradizionale, e così accettavano una nuova religiosità laica (…) Gli ebrei prendevano una nuova religione in sostituzione di ebraismo, e questo era, lo chiami, femminismo, ambientalismo, marxismo, socialismo e, per alcuni, anche comunismo».

 

Affrontando un’apparente tendenza di questi numerosi gruppi ebraici a incorporare ideologie secolari nelle loro formulazioni religiose, il rabbino Levin ha dichiarato LifeSiteNews che «queste persone, queste libertà, tentano di scimmiottare ogni valore liberale, o la sua mancanza, e cercano di applicarlo ai valori ebrei, il che è totalmente segno di doppiezza. È totalmente falso».

 

Secondo l’ente statistico Pew Research Center, gli adulti che si identificano come ebrei costituiscono il 2,4% della popolazione adulta negli Stati Uniti e l’83% di questi ritiene che l’uccisione di bambini prenati dovrebbe essere legale in tutti o nella maggior parte dei casi – una percentuale inferiore solo rispetto a Unitari, atei e agnostici.

 


Il 17 maggio 140 organizzazioni ebraiche,  inclusa  la famosa Anti-Defamation League (ADL), hanno sponsorizzato  quella che hanno chiamato una «Marcia ebraica per la giustizia sull’aborto» affermando che «l’accesso all’aborto è un valore ebraico» e «vietare gli aborti è un questione della libertà religiosa».

 

Non è una soluzione legale nuova.

 

Si tratta del medesimo argomento utilizzato dal gruppo chiamato «The Satanic Temple» («Il Tempo satanico»), che ha ancora una volta spiegato che intende aggirare le conseguenti restrizioni all’aborto attraverso una «esenzione religiosa», considerando l’uccisione dei feti come parte di un credo religioso, quindi tutelato dalla Costituzione USA.

 

 

 

I fan di Lucifero si sono così definiti, con ebbrezza etimologica «il principale faro di luce nella battaglia per l’accesso all’aborto».

 

È proprio così: la luce, per Satana, è il sacrificio umano degli innocenti.

 

 

 

 

 

Immagine di Fibonacci Blue via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Bioetica

Aborto negli Stati Uniti: l’Europa vuole salvare il soldato Biden

Pubblicato

il

Da

Mentre negli Stati Uniti imperversa la messa in discussione di un presunto diritto all’aborto, dopo la storica decisione della Corte Suprema di annullare la sentenza Roe vs. Wade, il Parlamento Europeo ha appena votato una mozione di denuncia delle «minacce» contro la salute riproduttiva delle donne d’oltreoceano.

 

 

La vediamo il più delle volte al seguito dello zio Sam, ma quando si tratta di farsi paladina dei valori progressisti, la vecchia Europa non esita a prendere in mano la bacchetta, pronta a dare lezioni contro i conservatori di ogni tipo.

 

Così, l’8 giugno 2022, il Parlamento europeo ha convocato un dibattito evocativo sul tema : «Minacce contro il diritto all’aborto nel mondo: la possibile messa in discussione del diritto all’aborto negli Stati Uniti da parte della Corte Suprema».

 

Nel mirino della censura di Strasburgo: il progetto esaminato dalla più alta corte d’oltre Atlantico, volto a contestare l’attuale giurisprudenza sull’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) nel Paese a stelle e strisce, e che da allora ha preso corpo dopo la pubblicazione della sentenza Dobbs da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti.

 

Il quadro per la risoluzione europea è stato redatto dal deputato Predrag Fred Matic – autore del disastroso rapporto omonimo – e da una trentina di parlamentari.

 

Il loro obiettivo: sostenere la politica dell’amministrazione Biden – attualmente in una posizione delicata nell’opinione pubblica americana – invitando l’Unione Europea (UE) e i suoi Stati membri a «iscrivere il diritto all’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea» (punto 24).

 

Il testo parlamentare non esita a dichiararsi «profondamente preoccupato per le potenziali conseguenze per i diritti delle donne nel mondo, se la Corte Suprema degli Stati Uniti ribaltasse Roe vs. Wade» (paragrafo 16).

 

Non sorprende che la risoluzione sia stata adottata il 9 giugno con 364 voti favorevoli, 154 contrari e 37 astensioni. Gli eurodeputati di Renew (centristi), S&D (sinistra) e The Left (estrema sinistra) hanno votato a favore del testo, mentre il gruppo PPE (destra) è rimasto diviso sulla questione.

 

Gli eurodeputati appartenenti alle formazioni più conservatrici (ECR e ID) hanno votato contro, protestando contro le ingerenze delle istituzioni europee: «Quello che sta succedendo qui è un’enorme irregolarità», ha dichiarato Margarita de la Pisa Carrión, a nome ECR.

 

E per aggiungere contro dei deputati progressisti: «Cosa pretendete di fare? Essere al di sopra della giurisdizione americana? Interferire illegalmente in un sistema legale democratico? È vergognoso e screditante per l’istituzione che rappresentate».

 

Ma non è detto che la risoluzione europea avrà l’effetto migliore: a pochi mesi dalle cruciali elezioni di metà mandato, che Joe Biden al momento non sembra poter vincere, l’ingerenza dei deputati di Strasburgo potrebbe non essere gradita dall’opinione americana, sensibile in materia.

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

Continua a leggere

Bioetica

Tecnologia di riconoscimento facciale: come viene utilizzata in Ucraina e perché è ancora così controversa

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce e pubblica questo articolo di The Conversation. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La tecnologia di riconoscimento facciale viene utilizzata per la prima volta in guerra.

 

Potrebbe essere un punto di svolta in Ucraina, dove viene utilizzato per identificare i morti e riunire le famiglie. Ma se non riusciamo a confrontarci con l’etica di questa tecnologia ora, potremmo trovarci riguardo ai diritti umani in un campo minato.

 

Il Ministero della Difesa ucraino utilizza il software di riconoscimento facciale Clearview AI da marzo 2022 per creare un caso per crimini di guerra e identificare i morti, sia russi che ucraini.

 

Il ministero della Trasformazione digitale in Ucraina ha affermato che sta utilizzando la tecnologia Clearview AI per dare ai russi la possibilità di sperimentare il «vero costo della guerra» e per far sapere alle famiglie che se vogliono ritrovare i corpi dei loro cari, sono «benvenuti a venire in Ucraina».

 

L’Ucraina ha libero accesso al software. Viene anche utilizzato ai posti di blocco e potrebbe aiutare a riunire i rifugiati con le loro famiglie.

 

Il contraccolpo sulla privacy

Il mese scorso, tuttavia, l’ Ufficio del Commissario per le informazioni del Regno Unito (ICO) ha multato Clearview AI per oltre 7,5 milioni di sterline per aver raccolto immagini di persone nel Regno Unito e altrove dal Web e dai social media.

 

È stato ordinato di eliminare le immagini e di interrompere l’ottenimento e l’utilizzo dei dati personali dei residenti nel Regno Unito disponibili pubblicamente su Internet. Inizialmente l’ICO aveva dichiarato di voler multare Clearview AI 17 milioni di sterline.

 

Secondo l’ICO, dato l’enorme numero di utenti dei social media nel Regno Unito, è probabile che il database dei volti di Clearview AI contenga una quantità significativa di immagini raccolte senza consenso.

 

Un avvocato di Clearview, AI Lee Wolosky, ha dichiarato: «Sebbene apprezziamo il desiderio dell’ICO di ridurre la propria sanzione pecuniaria su Clearview AI, sosteniamo comunque la nostra posizione secondo cui la decisione di imporre una multa non è corretta in termini di legge. Clearview AI non è soggetta alla giurisdizione dell’ICO e Clearview AI non ha affari nel Regno Unito in questo momento».

 

Clearview AI ha dichiarato di volere 100 miliardi di immagini di volti nel suo database entro l’inizio del 2023, equivalenti a 14 per ogni persona sulla Terra. Più foto della stessa persona migliorano la precisione del sistema.

 

Secondo il sito web di Clearview AI , la sua tecnologia di riconoscimento facciale aiuta le forze dell’ordine a contrastare la criminalità e consente alle aziende di trasporto, alle banche e ad altre società commerciali di rilevare furti, prevenire frodi e verificare le identità.

 

Buzzfeed ha riferito nel febbraio 2020 che diverse forze di polizia britanniche hanno precedentemente utilizzato Clearview AI. Un portavoce di Clearview AI ha affermato che la polizia nel Regno Unito non ha accesso alla sua tecnologia, mentre i portavoce sia della National Crime Agency che della polizia metropolitana non confermerebbero né negherebbero l’uso di strumenti o tecniche specifici.

 

Tuttavia, nel marzo 2022 il College of Policing ha pubblicato una nuova guida per le forze di polizia del Regno Unito sull’uso del riconoscimento facciale in tempo reale.

 

Il governo del Regno Unito prevede di sostituire le principali leggi sui diritti umani con una nuova Carta dei diritti moderna che potrebbe rendere difficile per le persone, se non impossibile, contestare le decisioni basate sulle prove dell’IA in tribunale, compreso il riconoscimento facciale.

 

Il governo del Regno Unito prevede di sostituire le principali leggi sui diritti umani con una nuova Carta dei diritti moderna che potrebbe rendere difficile per le persone, se non impossibile , contestare le decisioni basate sulle prove dell’IA in tribunale, compreso il riconoscimento facciale.

 

Secondo il gruppo di difesa Liberty, è probabile che il disegno di legge abbia un impatto sproporzionato sulle comunità eccessivamente controllate, poiché creerebbe classi diverse di ricorrenti in base al loro comportamento passato.

 

Uno strumento per la guerra

L’amministratore delegato di Clearview AI, Hoan Ton-That, ha affermato che il suo software di riconoscimento facciale ha consentito alle forze dell’ordine e ai funzionari governativi ucraini di archiviare oltre 2 miliardi di immagini da VKontakte, un servizio di social network russo.

 

Hoan ha affermato che il software può aiutare i funzionari ucraini a identificare i soldati morti in modo più efficiente delle impronte digitali e funziona anche se il volto di un soldato è danneggiato.

 

Ma ci sono prove contrastanti sull’efficacia del software di riconoscimento facciale.

 

Secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti , la decomposizione del volto di una persona può ridurre la precisione del software. D’altra parte, recenti ricerche scientifiche hanno dimostrato risultati relativi all’identificazione di persone morte simili o migliori della valutazione umana.

 

La ricerca suggerisce che le impronte digitali, le cartelle cliniche e il DNA sono ancora le tecniche di identificazione più affidabili. Ma sono strumenti per professionisti formati, mentre il riconoscimento facciale può essere utilizzato da non esperti.

 

Un altro problema segnalato dalla ricerca è che il riconoscimento facciale può accoppiare erroneamente due immagini o non abbinare le foto della stessa persona.

 

In Ucraina, le conseguenze di qualsiasi potenziale errore con l’IA potrebbero essere disastrose. Un civile innocente potrebbe essere ucciso se viene erroneamente identificato come un soldato russo.

 

Una storia controversa

Nel 2016 Hoan ha iniziato a reclutare ingegneri informatici per creare l’algoritmo di Clearview AI. Ma è stato solo nel 2019 che la società americana di riconoscimento facciale ha iniziato a fornire discretamente il suo software alla polizia e alle forze dell’ordine statunitensi.

 

Nel gennaio 2020, il New York Times ha pubblicatoun articolo intitolato «La riservata società che può terminare la Privacy così come la conosciamo».

 

Questo articolo ha spinto più di 40 organizzazioni per i diritti civili e la tecnologia a inviare una lettera al Privacy and Civil Liberties Oversight Board e a quattro comitati del Congresso degli Stati Uniti, chiedendo la sospensione del software di riconoscimento facciale di Clearview AI.

 

Nel febbraio 2020, a seguito di una fuga di dati dall’elenco dei clienti di Clearview AI, BuzzFeed ha rivelato che il software di riconoscimento facciale di Clearview AI veniva utilizzato da individui in oltre 2.200 dipartimenti delle forze dell’ordine, agenzie governative e aziende in 27 paesi diversi.

 

Il 9 maggio 2022, Clearview AI ha accettato di interrompere la vendita dell’accesso al suo database dei volti a privati ​​e aziende negli Stati Uniti, dopo che l’American Civil Liberties Union ha avviato una causa accusando Clearview AI di aver violato una legge sulla privacy dell’Illinois.

 

Negli ultimi due anni, le autorità per la protezione dei dati in Canada , Francia , Italia , Austria e Grecia hanno multato, indagato o vietato a Clearview AI di raccogliere immagini di persone.

 

Il futuro di Clearview AI nel Regno Unito è incerto. Lo scenario peggiore per la gente comune e le imprese sarebbe se il governo del Regno Unito non accettasse le preoccupazioni sollevate in risposta alla sua consultazione sulla Carta dei diritti moderna.

 

Liberty ha avvertito di una potenziale «presa di potere» sui diritti umani.

 

Il miglior risultato, secondo me, sarebbe che il governo del Regno Unito abolisse i suoi piani per una moderna Carta dei diritti.

 

Ciò significherebbe anche che i tribunali del Regno Unito dovrebbero continuare a tenere conto dei casi della Corte europea dei diritti dell’uomo come giurisprudenza.

 

A meno che non vengano adottate leggi che regolano l’uso del riconoscimento facciale, l’uso da parte della polizia di questa tecnologia rischia di violare i diritti alla privacy , la protezione dei dati e le leggi sull’uguaglianza.

 

 

Felipe Romero Moreno

Docente senior e tutor di ricerca, scuola di legge dell’Università dell’Hertfordshire

 

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons.

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari