Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Feti nei barili: una storia che sparirà immediatamente

Pubblicato

il

 

Avrete sentito la storia dei feti trovati ieri in un barile a Granarolo, in provincia di Bologna.

 

Un ragazzo che recupera ferro vecchio e altri materiali nelle industrie si reca presso un capannone per eseguire una raccolta. Gli viene detto di portare via anche dei bidoni gialli, sono una quarantina, tutti accatastati lungo un muro, tra altri rifiuti. Il suo compito sarebbe di «smaltirli da qualche parte». Lui ne apre uno: è pieno di un liquido di colore verde. Dentro vi galleggia un feto umano.

 

Il ragazzo si spaventa. Filma la situazione, poi chiama la polizia.

 

Lo scoop è de Il Resto del Carlino. Il procuratore capo parla di  storia «tutta da verificare». Il sindaco non commenta.

«La formaldeide viene utilizzata solo nei casi, molto rari e peraltro non previsti nelle strutture bolognesi, in cui i corpi vengano donati alla scienza per scopi di ricerca»

 

La notizia si diffonde. Si aggancia anche l’edizione bolognese di Repubblica che racconta che «sono stati ascoltati alcuni dipendenti del policlinico Sant’Orsola, per esempio, per capire come funzioni lo smaltimento dei rifiuti biologici provenienti dagli ospedali».

 

Al Sant’Orsola del resto di feti ed embrioni se ne intendono, c’è un bel servizio di Fisiopatologia della Riproduzione, cioè procreazione medicalmente assistita, cioè riproduzione artificiale, cioè bambini in provetta – ricordiamo anche il record mondiale, quando il dottor Flamigni creò nel 1987 sperimentò la prima gravidanza extracorporea, facendo attecchire un embrione in un utero asportato e tenuto in vita… ma stiamo divagando.

 

«Tuttavia, è emerso che solitamente i resti umani vengono cremati, e che nel caso di bimbi che non sono nati vivi il corpo viene messo a disposizione delle famiglie per l’eventuale inumazione». Non siamo sicuri che qui il giornale parli di feti abortiti, però pazienza.

 

E così il mistero rimane: «La formaldeide viene utilizzata solo nei casi, molto rari e peraltro non previsti nelle strutture bolognesi, in cui i corpi vengano donati alla scienza per scopi di ricerca. Tra l’altro, esistono registri specifici in cui vengono annotate tutte le operazioni di questo genere. E ovviamente, di questi resti non c’è traccia» continua Repubblica.

 

Insomma, un bell’enigma, anzi, un vero giallo – perché di mezzo ci sono dei morti.

 

Più tardi Il Resto del Carlino torna alla carica con più informazioni: «la polizia prova a risalire agli anelli di questo percorso: i feti – conservati all’interno di una dozzina di bidoni gialli con l’etichetta del simbolo dei rifiuti biologici speciali – proverrebbero da una struttura universitaria, una biblioteca di anatomia, che con ogni probabilità li conservava per motivi di studio e di ricerca».

Ci si può quindi tenere dei feti per ricerca? C’è un qualche registro da compilare? È possibile smaltirli così?

 

Ah sì? Ci si può quindi tenere dei feti per ricerca? C’è un qualche registro da compilare? È possibile smaltirli così?

 

Comincia a prendere forma una storia: un’azienda di traslochi anni fa avrebbe fatto un sgombero, e dimenticato in quel capannone i bidoni contenenti piccoli esseri umani… Il rettore dichiara subito che stanno «conducendo le opportune verifiche interne », offre il pieno sostegno alle forze dell’ordine.

 

Al TG regionale Emilia-Romagna, secondo sempre il Carlino, sarebbe andata in onda anche la testimonianza del titolare, «è tutto regolare, è roba di un museo, non c’è nulla di nascosto… Sono lì in magazzino da non so quanti anni e se avessi voluto liberarmene lo avrei fatto da tempo».

 

Esistono musei con feti in formaldeide? Sarebbe strano, perché sappiamo esservi polemiche infuocate per quelle mostre che mostrano cadaveri plastinati, in Italia è all’estero.

 

Museo, università… non è dato sapere. Forse non importa nemmeno.

 

Perché «l’ipotesi di reato per cui si procede sarebbe lo smaltimento illegale di rifiuti biologici». Per lo meno al momento.

Dov’è la dignità di quegli esseri umani finiti in un barile, e prima ancora umiliati chissà in che modo?

 

Non si fa menzione, almeno per il momento, della quantità di leggi che l’ordinamento ha riguardo ai cadaveri: per esempio, l’articolo 410 Codice Penale, il «vilipendio di cadavere». Oppure l’art. 412, l’Occultamento di cadavere». Art. 413, «uso illegittimo di cadavere». Interessante, quest’ultimo: «Chiunque disseziona o altrimenti adopera un cadavere, o una parte di esso, a scopi scientifici o didattici, in casi non consentiti dalla legge, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a lire cinquemila». Sembrebbe il caso, sperando che la multa non sia fatta con il cambio euro-lira del 2002, sarebbero circa €2,50.

 

È possibile evitare di pensare a questi reati forse perché un feto non è un cadavere? Forse perché un feto non è un essere umano? Forse perché il feto non è un cittadino? Forse. Tuttavia da qualche parte anche il feto è tutelato dalla nostre legge: ecco il curator ventris, colui che può essere nominato per tutelare gli interessi di un concepito (art. 643 Codice Civile, «Amministrazione in caso di eredi nascituri»)

«Chiunque disseziona o altrimenti adopera un cadavere, o una parte di esso, a scopi scientifici o didattici, in casi non consentiti dalla legge, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a lire cinquemila»  Art. 413 C. P., «uso illegittimo di cadavere»

 

E poi, non ci dimentichiamo la carta dei diritti UE:  art. 1, «Dignità umana»: «La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata».

 

Troviamo eco anche nella nostra Costituzione, già più bella del mondo, all’art. 2: «La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo».

 

Dov’è la dignità di quegli esseri umani finiti in un barile, e prima ancora umiliati chissà in che modo?

 

Non ci stupiamo: le costituzioni, leggi potrebbero non valere più nulla, lo abbiamo imparato. Soprattutto, non vale più nulla la legge naturale. Quella legge inviolabile iscritta nel cuore di ogni essere umano, che in natura reagisce dinanzi alla visione di un feto abbandonato in un barile come ha fatto il ragazzo di questa storia: con choc e orrore.

Qualcuno, tuttavia, vuole che a questo orrore noi ci abituiamo

 

Qualcuno, tuttavia, vuole che a questo orrore noi ci abituiamo, come del resto ci sono abituati gli «scienziati» (fidati della scienza!) che con i feti lavorano tutti i giorni, più o meno legalmente squartandoli per esperimenti o per altri scopi, come la produzione di linee cellulare per uso scientifico e farmaceutico: le cellule HEK-293, usate praticamente in tutti i vaccini COVID in circolazione (incluso quello russo), sono state create così.

 

Fu un grosso scandalo, anni fa, quando David Daleiden, un’attivista pro-life, fece scoprire al mondo, grazie a delle telecamere nascoste, che la multinazionale  dell’aborto Planned Parenthood si rivendeva i feti abortiti per enti e società che li utilizzavano per esperimenti ed altro. Una ragazza che divenne informatrice di Daleiden raccontò che al primo giorno di lavoro svenne – e in effetti le immagini che portò con sé sono sconvolgenti. Il collega più esperto le disse di non preoccuparsi, si sarebbe abituata. Doveva semplicemente continuare a sezionare piccoli cervelli, occhi, reni, gambette, polmoni, etc.

 

Ab assuetis non fit passio. Dalle cose abituali non nasce la passione. Ci si può abituare anche allo squartamento di bambini innocenti.

 

Solo che, al momento, non è possibile. Anzi: considerate quanta fatica hanno fatto media, pharma, politica e chiesa cattolica per allontanarvi dall’idea che questo vaccino avesse a che fare con l’aborto. Per la stragrande maggioranza, si tratta di una fake news: né questo né nessun altro vaccino c’entra qualcosa con l’aborto. Una campagna massiva, martellante. Certo, una delle menzogne più plateali mai raccontate, alla faccia dei bugiardini.

 

Facile capire perché: se si scoperchia il barile, come ha fatto il povero ragazzo, è facile che molti restino scioccati. E, magari, cambino idea. Una parte consistente della narrazione pandemica si incrinerebbe. Potrebbe addirittura nascere qualche sospetto: ma se fanno i vaccini con i sacrifici dei feti… cos’altro ci fanno? Cosa? Davvero Biden ha ripristinato l’uso di utilizzo dei feti per «umanizzare» i topo con organi umani?

 

Magari salterebbe fuori la storia delle creme di bellezza, registrata in alcuni libri come «leggenda metropolitana», tuttavia raccontata a chi scrive anche da ricercatori di staminali stranieri.

 

E guardando quel piccolo essere umano morto che galleggia nel liquido, non è che qualcuno può cominciare a pensare che sia legittimo non aver a che fare con niente che sia legato anche solo lontanamente a questa cosa orrenda? Farmaci, prodotti vari, pratiche mediche… trasfusioni di sangue? A Bologna quest’ultimo problema lo hanno affrontato di recente. Mai che la visione del feto che galleggi faccia segnare qualche punto ai maledetti no vax.

 

No, non è possibile, al barile va rimesso il coperchio.

 

Non è tempo di scandalizzare la gente, come faceva un tempo una celebre politica italiana che si vantava di mettere i feti in un barattolo.

 

È tempo di rasserenare il pubblico. Va tutto bene, rimettete il coperchio, presto. Non pensateci. Si tratta di roba scientifica, dell’università. Fidatevi della scienza. Non bisogna fare tante domande.

 

E poi erano davvero esseri umani?

 

In un Paese che garantisce l’aborto come un diritto, non lo erano. Quindi, secondo una logica utilitaristica (ed ecologica: gli scarti si riutilizzano!), sarebbero tranquillamente utilizzabili per ogni sorta di esperimento. Non essendo umani, non sono coperti dalle leggi che tutelano la dignità umana. In realtà, non sono neppure cadaveri.

 

Voi capite: nessuno ha davvero voglia di cominciare a fare questo discorso, soprattutto ora. Davvero nessuno: nemmeno le femministe  e gli abortisti più radicali. Anche perché lo schifo organolettico di questa storia è enorme.

Nel 2017 si correva il rischio che il vaccino ritirasse fuori la questione dei feti morti. Nel 2022 si rischia che i feti morti ritirino fuori la questione dei vaccini

 

Soprattutto, è l’autorità che non ha intenzione di dover discutere di questa cosa. Né lo Stato, né la Chiesa hanno intenzione di riaprire questa pagina, che dovettero affrontare già nel 2017 con la legge Lorenzin che implica un vaccino che contiene (sì, contiene, materialmente, non c’entra l’uso nei test: è nelle fiale e poi nei corpi dei vostri figli) cellule di feto abortito, le MRC-5. Noi c’eravamo, e ricordiamo bene con che fatica tentarono di chiudere il discorso, con quante balle, con che insistenza.

 

Nel 2017 si correva il rischio che il vaccino ritirasse fuori la questione dei feti morti. Nel 2022 si rischia che i feti morti ritirino fuori la questione dei vaccini.

 

Per cui facciamo una scommessa: questa storia sparirà con velocità impressionante. Si inabisserà, non ne sapremo più niente, puf. Coperchio, coperchio.

 

Già un po’ lo presentiamo nell’aria: nessuno si sta ponendo le vere domande – a cosa servivano quei feti? Perché venivano conservati? Dove sono nati? Perché sono stati abbandonati? Perché sono stati smaltiti? Quanti erano? Quali pratiche hanno subito? L’uso dei feti sta continuando anche oggi nelle stesse strutture da cui provengono i bidoni?

 

Non so, non percepiamo, a leggere i primi articoli, questa voglia di grande inchiesta, con rivelazioni sconvolgenti almeno quanto la scena descritta in apertura.

Perché a questo punto nemmeno voi, come il feto nel barile, siete esseri umani.

 

Niente da vedere. Circolare.

 

Una storia che sparirà in fretta, verrà accantonata e dimenticata come il feto nel barile. O forse anche peggio: la storia potrebbe fare la fine dei feti abortiti con la pillola RU486, che in genere, invece che nella formaldeide, finiscono nel gabinetto di casa, e di qui alle fogne, dove saranno i festosi banchetti di ratti, pesci e anfibi della situazione.

 

Schifo vero? È la realtà, è il fondamento di prodotti che definiscono la nostra vita – qualche estremista potrebbe dirvi che il vostro green pass certifica che siete passati sopra al problema.

 

Quei bambini morti sono la concrezione della «libertà» assicurata dalla legge, protetta da quelle stesse persone che vi hanno impedito di uscire di casa per mesi e che ora non vi permettono di andare a lavoro, dove i cani magari possono entrare e voi no.

 

Perché a questo punto nemmeno voi, come il feto nel barile, siete esseri umani.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

 

Vaccini

Vaccini, il capo di Pfizer non testimonia al Parlamento Europeo riguardo al possibile «accordo segreto»

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha rinunciato a un appuntamento per testimoniare davanti alla commissione speciale del Parlamento europeo, dove avrebbe dovuto affrontare domande difficili su accordi segreti sui vaccini, riferisce Politico.

 

Il Bourla avrebbe dovuto comparire davanti al panel il 10 ottobre, insieme a funzionari chiave coinvolti nel processo di approvvigionamento dei vaccini dell’UE, per discutere come rispondere alle future pandemie.

 

Secondo l’articolo di Politico, «altri dirigenti farmaceutici si sono rivolti al comitato, tra cui il CEO di Moderna e alti funzionari di AstraZeneca e Sanofi».

 

La presidente della commissione dell’europarlamento, l’eurodeputata belga Kathleen Van Brempt, ha dichiarato a Politico che «si rammarica profondamente» della decisione presa da Pfizer.

 

Dopo una visita al quartier generale di BioNTech la scorsa settimana, la Van Brempt aveva dichiarato in una comunicato  che attendeva con impazienza discussioni «con altri CEO» tra cui «il signor Albert Bourla, CEO di Pfizer» per il prossimo il 10 ottobre, riporta Politico.

 

All’inizio di settembre, un audit relativo alla strategia di approvvigionamento dei vaccini dell’UE ha sollevato interrogativi sul rapporto di Bourla con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen prima che raggiungessero un accordo multimiliardario per i vaccini.

 

Il rapporto della Corte dei conti europea rilevava che von der Leyen era stata direttamente coinvolta nei negoziati preliminari per il più grande contratto di vaccino dell’UE , per un massimo di 1,8 miliardi di dosi del vaccino BioNTech/Pfizer, conclusosi nel maggio 2021.

 

Questo rappresenta un allontanamento dalla procedura negoziale seguita con altri contratti, in cui una squadra negoziale congiunta composta da funzionari della Commissione e dei Paesi membri ha condotto colloqui esplorativi, scrive Politico.

 

Ad aprile, von der Leyen ha ammesso di essersi scambiata messaggi con Bourla per un mese di fila mentre stavano negoziando il gargantuesco contratto per iniettare a tutti gli europei dosi di mRNA sintetico.

 

Due mesi dopo,  questi messaggini sarebbero scomparsi: la Commissione Europea sostenne di non aver traccia dei messaggi, perché «di breve durata» e quindi esclusi dal processo di archiviazione. Spiegazione bizzarra e incongruente, che scatenò accuse di cattiva amministrazione da parte dell’Ombudsman, il difensore civico dell’UE, Emily O’Reilly.

 

La relazione intima di Bourla e von der Leyen è stata notata l’anno scorso dal  New York Times, con Bourla a dire di aver Nsviluppato una profonda fiducia, perché siamo entrati in discussioni profonde».

 

«Conosceva i dettagli sulle varianti, conosceva i dettagli su tutto. Questo ha reso la discussione molto più coinvolta».

 

Il motivo di tale preparazione della Von der Leyen potrebbe avere una spiegazione «famigliare»: Heiko von der Leyen, il marito dell’Ursula, lavora come direttore medico presso Orgenesis, un’azienda di biotecnologie specializzata in terapie geniche, una filiera analoga a quella del vaccino Pfizer, che di fatto, più che un vaccino, è una terapia genica.

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0).

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Biden afferma che «la pandemia è finita», ma gli obblighi vaccinali e l’emergenza sanitaria rimangono in vigore

Pubblicato

il

Da

La dichiarazione del 18 settembre del presidente Joe Biden secondo cui la pandemia di COVID-19 è «finita» ha sollevato domande sul motivo per cui la sua amministrazione non ha posto fine all’emergenza sanitaria pubblica federale e su come il governo o i datori di lavoro possono continuare a imporre vaccini autorizzati per l’uso di emergenza.

 

In un’intervista andata in onda domenica su 60 Minutes, il presidente Joe Biden ha dichiarato che la pandemia di COVID-19 «è finita». Si tratta della prima dichiarazione di questo tipo di una figura politica di spicco negli Stati Uniti.

 

Biden ha rilasciato il commento dal North American International Auto Show in Detroit, che si è tenuta per la prima volta dal 2019.

 

Nelle sue osservazioni, Biden, usando lo show automobilistico come punto di riferimento, ha dichiarato:

 

«Abbiamo ancora un problema con il COVID. Ci stiamo ancora lavorando molto… ma la pandemia è finita».

 

«Se notate, nessuno indossa mascherine. Tutti sembrano essere abbastanza in forma. E quindi penso che stia cambiando. E penso che questo ne sia un perfetto esempio».

 

Sarah Lovenheim, portavoce del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) degli Stati Uniti, ha affermato che l’ emergenza sanitaria pubblica federale «rimane in vigore» e che l’agenzia dovrebbe fornire un preavviso di 60 giorni prima che venga revocata.

 

La prima data possibile in cui la dichiarazione di emergenza sarebbe stata revocata è alla fine di novembre, ben oltre l’attuale data di scadenza del 15 ottobre.

 

HHS ha dichiarato per la prima volta l’emergenza sanitaria pubblica il 31 gennaio 2020 e da allora l’ha rinnovata 10 volte, l’ultima il 15 luglio.

 

Affinché i vaccini COVID-19 possano essere autorizzati per l’uso in emergenza, deve rimanere in vigore un’«emergenza sanitaria pubblica».

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 23  settembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Vaccini

Ai dentisti non vaccinati sequestrano lo studio

Pubblicato

il

Da

Si moltiplicano i casi di ortodontisti non-vaccinati che vengono privati del proprio studio dalle autorità.

 

Non basta quindi che i professionisti che non si sottopongono al siero genico incorrano la sospensione dall’Ordine (inflitta, ci dicono, anche a medici in pensione!) e il blocco del salario e delle entrate: è necessario anche sequestrare lo studio, onde impedire la possibilità di esercitare quella professione che è permessa solo dopo essere passati per la siringa mRNA.

 

A Forlì la Cassazione ha confermato un sequestro preventivo impeditivo di un dentista che sotto indagine per il reato dell’art. 348 del Codice Penale: «Chiunque abusivamente esercita una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni con la multa da euro 10.000 a euro 50.000».

 

I non vaccinati sono quindi da considerarsi lavoratori abusivi.

 

«La condanna comporta la pubblicazione della sentenza e la confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato e, nel caso in cui il soggetto che ha commesso il reato eserciti regolarmente una professione o attività, la trasmissione della sentenza medesima al competente Ordine, albo o registro ai fini dell’applicazione dell’interdizione da uno a tre anni dalla professione o attività regolarmente esercitata» continua l’articolo 348 C.P.

 

Secondo quanto riportato, l’odontoiatra era stato oggetto di un controllo nel suo studio, dove sarebbe stato «trovato a lavorare in studio nonostante la sospensione e denunciato per esercizio abusivo della professione», scrive il sito Odontoiatria 33.

 

Il dentista ha quindi fatto ricorso contro il sequestro delle attrezzature, ma pochi giorni fa è stato ritenuto inammissibile dalla Cassazione. Il tribunale ha quindi condannato l’uomo a pagare le spese processuali nonché 3 mila euro alla Cassa delle Ammende.

 

Si possono contare almeno altri due casi simili, entrambi in provincia di Vicenza.

 

A maggio un odontoiatra  aveva ricevuto una visita della Guardia di Finanza: sospesa dall’Ordine in quanto non vaccinata. Il medico «esercitava abusivamente la professione», scriveva Il Giornale di Vicenza, per cui i finanzieri «hanno anche sequestrato un ambulatorio di Breganze».

 

Il quotidiano locale getta luce anche sul metodo usato per i controlli.

 

«Avvalendosi delle informazioni presenti nelle banche dati, le Fiamme Gialle di Thiene hanno avviato alcuni approfondimenti nei confronti di quelle figure “esercenti le professioni sanitarie” e “operatori di interesse sanitario” che eseguono prestazioni, seppur già destinatari di provvedimenti di sospensione dall’ordine professionale di riferimento su segnalazione dell’autorità sanitaria, continuando a svolgere la libera professione negli studi medici di proprietà o ambulatori di terzi».

 

«Successivamente, sono state effettuate accurate indagini, anche attraverso controlli, pedinamenti e sopralluoghi, rilevando diversi clienti che si recavano nello studio odontoiatrico».

 

«È quindi scattato il blitz dei militari, che hanno eseguito una perquisizione del locale adibito ad ambulatorio, nel corso della quale la professionista è stata sorpresa mentre esercitava abusivamente la professione su un paziente, mentre un altro paziente presente nello studio ha confermato di essere stato visitato nel corso del 2022».

 

La professionista è stata denunciata e lo studio ha subito un sequestro poi convalidato dal giudice per le indagine preliminari con un decreto di sequestro preventivo.

 

La professionista nel titolo del giornale è chiamata «dentista no vax».

 

Situazione analoga a Schio a inizio anno, dove sempre la Guardia di Finanza aveva «eseguito il sequestro preventivo d’urgenza di uno studio odontoiatrico, riconducibile ad un professionista sospeso dall’Ordine provinciale per inosservanza dell’obbligo vaccinale», scrive Vicenza Today.

 

«Dopo mirati sopralluoghi, che permettevano di appurare un andirivieni di pazienti nei dintorni dello studio, ubicato a Schio, i finanzieri hanno eseguito una perquisizione che ha portato loro all’individuazione ed acquisizione delle prenotazioni per le visite odontoiatriche avvenute nei mesi di sospensione, confermate dai quattro pazienti che si erano sottoposti a visite e interventi dentari» continua il sito di cronache vicentine.

 

Sarebbe stata segnalata alla Procura della Repubblica di Vicenza anche l’assistente alla poltrona.

 

Nel frattempo, tuttavia, emersa l’inefficacia del vaccino nel non trasmettere il contagio, sono emerse sentenze come quella di Firenze dove il giudice civile ha reintegrato una psicologa sospesa dall’Ordine perché non in regola con la vaccinazione obbligatoria disposta su tutti gli operatori sanitari.

 

Il giudice ha così detto che la psicologa toscana «non possa essere costretta, per poter sostentare se stessa e la sua famiglia, a questi trattamenti iniettivi sperimentali talmente invasivi da insinuarsi nel suo Dna alterandolo in un modo che potrebbe risultare irreversibile, con effetti ad oggi non prevedibili per la sua vita e salute», riporta Quotidiano Sanità.

 

Il giudice toscano rilevava che lo scopo di «impedire la malattia e assicurare condizioni di sicurezza in ambito sanitario» è  «irraggiungibile perché sono gli stessi report di AIFA ad affermarlo». Il magistrato quindi menzionava un «fenomeno opposto a quello che si voleva raggiungere con la vaccinazione, ovvero un dilagare del contagio con la formazione di molteplici varianti virali e il prevalere numerico delle infezioni e decessi proprio tra i soggetti vaccinati con tre dosi».

 

Il giudice quindi si rivolgeva anche alle autorità sanitarie della Regione Toscana e al Consiglio dell’Ordine degli Psicologi regionale  dicendo che «non possono non essere al corrente del dilagare dei contagi nonostante l’80/90% della popolazione sia vaccinata e sono anche al corrente o dovrebbero esserlo del dilagare del contagio tra vaccinati con tre dosi, degli eventi avversi anche gravi e mortali di soggetti vaccinati; si tratta, infatti, di dati pubblicati dallo stesso Ministero della Salute».

 

Come visibile, un’armonia tra le opinioni giuridiche riguardo i provvedimenti pandemici è di là da venire.

 

 

Continua a leggere

Più popolari