Planned Parenthood si congratula con Biden per la sua «elezione»

 

 

 

 

Planned Parenthood e NARAL, i due più grandi enti abortisti americani, hanno entrambi celebrato pubblicamente la «vittoria» di Biden dichiarata dai media mainstream statunitensi ed europei.

 

La Florida Planned Parenthood Alliance ha recentemente fatto sapere che «il lavoro è appena iniziato. Oggi festeggiamo; domani ci mettiamo al lavoro».

Planned Parenthood e NARAL, i due più grandi enti abortisti americani, hanno entrambi celebrato pubblicamente la «vittoria» di Biden

 

Planned Parenthood, lo ricordiamo, è responsabile di una media di 345.672 aborti ogni anno — motivo per il quale l’amministrazione Trump aveva emanato nuove regole federali in base alle quali le cliniche per aborti non sarebbero più state idonee a ricevere finanziamenti per il titolo X, togliendo alla multinazionale abortista, di fatto, 60.000.000 di dollari.

 

Alexis McGill Johnson, presidente di Planned Parenthood Action ha dichiarato: 

 

Planned Parenthood, lo ricordiamo, è responsabile di una media di 345.672 aborti ogni anno — motivo per il quale l’amministrazione Trump aveva emanato nuove regole federali in base alle quali le cliniche per aborti non sarebbero più state idonee a ricevere finanziamenti per il titolo X, togliendo alla multinazionale abortista, di fatto, 60.000.000 di dollari

«Le voci degli elettori erano forti e chiare, ed hanno eletto un nuovo presidente, che è pienamente impegnato a proteggere l’accesso all’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva, compreso l’accesso all’aborto. Durante la sua carriera — ha proseguito la Johnson — la vicepresidente eletta Kamala Harris è stata una ferma sostenitrice dei diritti riproduttivi e dell’assistenza sanitaria. Con l’elezione di Joe Biden e Kamala Harris, l’America sarà nelle mani di leader che sono profondamente impegnati a promuovere ed espandere i diritti riproduttivi».

 

Anche Marie Stopes International (MSI) e Marie Stopes UK, maggiori enti abortisti in Gran Bretagna, sono intervenuti sui fantomatici (ci sono ancora Stati al conteggio delle schede) risultati elettorali.

 

In una dichiarazione online, il Marie Stopes, che ha una media di circa 4 milioni di aborti al mondo ogni anno, si è congratulato con Biden e Harris per la loro dedizione alla «scelta» («choice»: termine della neolingua della Cultura della Morte per significare il feticidio), e ha sollecitato l’abrogazione delle politiche pro-vita di Donald Trump.

 

Il gigante della macchina abortista ha detto: 

 

«Non vediamo l’ora che gli Stati Uniti ripristinino la loro posizione di leader mondiale nella difesa della scelta e dei diritti riproduttivi»

 

«Non vediamo l’ora che gli Stati Uniti ripristinino la loro posizione di leader mondiale nella difesa della scelta e dei diritti riproduttivi».

 

Biden e la Harris sono tutto questo. Questo ed altro, a dire il vero. Con loro, l’America potrebbe trasformarsi nel peggior necro-Stato di sempre: politicamente, sanitariamente, socialmente ed umanamente parlando.

 

Con Biden e la Harris, l’America potrebbe trasformarsi nel peggior necro-Stato di sempre: politicamente, sanitariamente, socialmente ed umanamente

Continuiamo a pregare affinché l’argine costruito Trump, attaccato da menzogne ed evidenti brogli, possa resistere all’avanzamento dell’ingranaggio di Morte che alberga fra le fila democratiche. 

 

 

Cristiano Lugli