Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Bill Gates annuncia una nuova pandemia con un nuovo patogeno

Pubblicato

il

Bill Gates ha garantito alla Conferenza annuale sulla sicurezza di Monaco i che una nuova pandemia sta arrivando.

 

«Avremo un’altra pandemia. La prossima volta sarà un agente patogeno diverso», ha detto Gates al conduttore della CNBC Hadley Gamble che lo intervistava.

 

Il miliardario ha quindi lodato l’approccio alla pandemia dell’Australia che: «hanno orchestrato la diagnostica, hanno eseguito politiche di quarantena e hanno un tasso di mortalità in una lega diversa rispetto agli altri Paesi ricchi». Poi ha cercato di giustificare la repressione operata sul popolo dai vertici politico-sanitari australiani: «hanno meno macchine PCR rispetto ad altri paesi ricchi, hanno più viaggiatori provenienti dalla Cina rispetto ad altri Paesi». Come riportato da Renovatio 21, in uno strano messaggio di tre settimane fa dove faceva gli auguri a tutto il popolo cinese per il nuovo anno, elogiava anche l’approccio cinese alla pandemia.

«Avremo un’altra pandemia. La prossima volta sarà un agente patogeno diverso»

 

Il padrone di Microsoft ha quindi citato i milioni di morti, il bilancio economico, la mancanza di istruzione, la depressione, i decessi per overdose e altri effetti negativi dei lockdown come risultati del COVID, non delle politiche del governo.

 

Il magnate ha quindi buttato lì una cosa per fare capire dove andrà a parare.

 

«Il costo per essere pronti per la prossima pandemia non è molto alto… Non è come il cambiamento climatico dove conosci 10 trilioni, 20 trilioni, questi sono numeri grandi».

 

Come sa il lettore di Renovatio 21, Bill Gates sta finanziando progetti enormi (per budget e per portata fisica) come l’oscuramento del sole, e anche una serie di operazione di alterazione genetica dell’ecosistema, a partire dalle zanzare rese sterili con la bioingegneria CRISPR.

 

A Monaco Gates ha quindi parlato dei costi del sistema di biosicurezza che ha in mente per il mondo: «la capacità di sorveglianza globale costerebbe un miliardo all’anno. La ricerca e sviluppo che dobbiamo fare per ottenere vaccini magici, diagnostica e terapeutica, è meno di 100 miliardi nel prossimo decennio. Quindi, se siamo razionali, allora sì, lo prenderemo presto e non diventerà globale come è successo questa volta».

Il più grande contributor privato dell’OMS prevede un mondo perennemente dominato dal vaccino.

 

In più auspica (e lavora) per un sistema di biosorveglianza internazionale, come specificato nel suo messaggio sui «Germ Games», dove ha cominciato a parlare con insistenza della «minaccia bioterrorista», facendo enigmaticamente riferimento ad un ritorno del vaiolo.

 

Gates ha poi deriso chi gli ha chiesto in merito all’obbligo di mascherina: «Deve essere dura, sai, devi indossare i pantaloni… Queste società sono così crudeli. Perché devi indossare i pantaloni, sto cercando di capirlo»

 

A Monaco è stato inoltre domandato se sia possibile o meno prevenire la prossima pandemia, Gates si è nuovamente riferito all’Australia, dicendo che se ogni Nazione del pianeta avesse fatto quello che ha fatto, non avremmo avuto la pandemia.

«Tristemente il virus stesso, in particolare la variante chiamata Omicron, è un tipo di vaccino, crea sia l’immunità dei linfociti B che dei linfociti T e ha svolto un lavoro migliore nel raggiungere la popolazione mondiale rispetto a quello che abbiamo con i vaccini»

 

Di tutto questo enorme discorso di Gates – fondamentale per capire ancora più a fondo il pensiero della figura sanitaria più importante al mondo – i media tradizionali, e i vari scappati di casa con seguiti su Telegram (che, nonostante i proclami, dagli stessi grandi media traggono le informazioni)  hanno rilevato solo la parte in cui Gates ha dichiarato che Omicron ha fornito un’immunità migliore di quella dei vaccini.

 

Tuttavia, ha trovato la cosa «triste»: «Tristemente il virus stesso, in particolare la variante chiamata Omicron, è un tipo di vaccino, crea sia l’immunità dei linfociti B che dei linfociti T e ha svolto un lavoro migliore nel raggiungere la popolazione mondiale rispetto a quello che abbiamo con i vaccini».

 

Ha detto proprio così: «sadly». «Tristemente».

 

Billo non si smentisce mai.

 

L’unico problema che ha è che, pure i suoi detrattori, non capiscono quanto profondo, radicato, finanziato sia il suo progetto.

 

 

 

 

Immagine del ministro degli Affari Esteri olandese via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0); immagine modificata

Epidemie

Il governo USA ha insabbiato la fuga del virus geneticamente modificato: parla l’ex vicepresidente del partner di laboratorio di Wuhan: il governo degli Stati Uniti

Pubblicato

il

Da

Un libro scritto dall’ex vicepresidente dell’organizzazione medica non governativa EcoHealth Alliance conferma che il COVID-19 è stato creato artificialmente ed è fuggito dall’Istituto di Virologia di Wuhan, questa volta in un nuovo libro sulla situazione. Lo riporta il quotidiano britannico The Sun.

 

«EcoHealth Alliance e i laboratori stranieri non disponevano delle misure di controllo adeguate per garantire un’adeguata biosicurezza, bioprotezione e gestione del rischio, il che ha portato alla fuga del virus dall’Istituto di virologia di Wuhan» sostiene Andrew Huff, che ha anche prestato servizio come soldato di fanteria dell’esercito in Iraq e come ricercatore presso il Department of Homeland Security degli Stati Uniti.

 

Lo Huff ha pubblicato un libro, The Truth About Wuhan («la verità su Wuhan») in cui scrive che «la Cina sapeva fin dal primo giorno che si trattava di un agente geneticamente modificato» e che «il governo degli Stati Uniti è responsabile del trasferimento di pericolose biotecnologie ai cinesi».

 

Huff afferma che già nel 2015 aveva espresso ai funzionari di EcoHealth le sue preoccupazioni sul fatto che la società «non avesse una visibilità sufficiente o una conoscenza diretta di ciò che stava accadendo nei laboratori stranieri appaltati e gestiti”, che il governo federale ha emesso avvertimenti nel 2018 che l’Istituto di Virologia di Wuhan non aveva gli esperti necessari per gestire in sicurezza la ricerca sul coronavirus, che «ha buone ragioni per credere che il governo degli Stati Uniti sia stato allertato dell’epidemia nell’agosto o nell’ottobre 2019» e che quando il COVID è scoppiato per la prima volta alla fine del 2019.

 

Di conseguenza, scrive il libro in uscita, la Cina «e alcuni dei loro collaboratori del governo degli Stati Uniti presso il Dipartimento di Stato, USAID e il Dipartimento della Difesa sono entrati in una modalità di insabbiamento totale».

 

«Ero terrorizzato da quello che ho visto. Stavamo proprio consegnando loro la tecnologia delle armi biologiche» dice lo Huff in un ulteriore commento raccolto dal Sun.

 

Huff ha lasciato EcoHealth Alliance nel 2016 «a causa di un gran numero di preoccupazioni etiche relative al lavoro scientifico e all’EcoHealth Alliance nel suo insieme» e alla fine del 2019 gli è stato offerto un lavoro presso la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), che ritiene potesse servire a infliggerli un obbligo legale di tacere.

 

Huff sta attualmente facendo causa a EcoHealth, la quale nega le sue affermazioni, insistendo sul fatto che, poiché «non ha mai lavorato presso o con l’Istituto di Virologia di Wuhan, le sue affermazioni in questo senso non possono essere attendibili».

 

Nell’ambito di tale causa, ha precedentemente attestato che il «processo di sviluppo della SARS-CoV2 è stato anche descritto in dettaglio nella proposta presentata e in ultima analisi finanziata dai National Institutes of Health (HHS NIH), dal National Institute of Allergy and Malattie infettive (NIAID) diretto da Anthony Fauci, da EcoHealth Alliance con l’Istituto di Virologia di Wuhan e un’università americana elencati come collaboratori.

 

Lo scorso maggio, i membri repubblicani della House Intelligence Committee hanno pubblicato un rapporto in cui si trovavano «prove circostanziali significative” che il COVID si è diffuso da una fuga di notizie nel laboratorio di Wuhan. Sotto l’ex direttore e consigliere COVID della Casa Bianca, il dottor Anthony Fauci, il National Institute of Allergy & Infectious Diseases (NIAID) ha approvato i finanziamenti per EcoHealth per esplorare la ricerca sul guadagno di funzione (Gain of Function, o GoF), che comporta il rafforzamento intenzionale dei virus per studiarne meglio il potenziale effetti, sui coronavirus, in diversi siti, incluso l’Istituto di Virologia di Wuhano.

 

Fauci e i suoi difensori hanno insistito sul fatto che il lavoro approvato da NIAID non era una ricerca di guadagno di funzione e non avrebbe potuto portare a COVID, ma a gennaio la testata di giornalismo investigativo americano Project Veritas hanno rilasciato documenti che hanno ottenuto dimostrando che, prima di andare a NIAID, EcoHealth aveva precedentemente lanciato la sua richiesta di finanziamento alla DARPA, che l’aveva respinta sulla base del fatto che il progetto avrebbe violato una moratoria preesistente sulla ricerca GoF e non avrebbe tenuto conto dei suoi potenziali rischi.

 

«Da allora, le e-mail trapelate hanno rivelato che i migliori ricercatori del NIAID, del National Institutes of Health (NIH), del Wellcome Trust di Londra e dell’Erasmus University Medical Center dei Paesi Bassi erano a conoscenza della possibilità di fughe dal laboratorio già nel febbraio 2020, ma temevano pubblicamente riconoscerlo avrebbe compromesso “la scienza e l’armonia internazionale”» riassume Lifesitenews.

 

Ricordiamo come il Fauci, nel 2021, disse che la bioingegneria sul virus valeva «il rischio di una pandemia che provoca incidenti in laboratorio». Fauci, dice il senatore del Kentucky Rand Paul, «potrebbe essere il responsabile dell’intera pandemia». La Disney però ha fatto su di lui un documentario agiografico.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo stesso direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros già sei mesi fa riconosceva in privato che il COVID potrebbe essere fuggito dal laboratorio.  Ufficialmente, sempre a metà 2022, anche l’OMS ammise l’ipotesi. Pochi mesi prima, personale dell’indagine OMS sulle origini del COVID aveva sostanzialmente ammesso che la Cina aveva ordinato alla sua squadra cosa scrivere.

 

Alcuni documenti dimostrerebbero che gli USA avevano un contratto per studiare il coronavirus in Ucraina tre mesi prima che il COVID esistesse ufficialmente come fatto sanitario.

 

Un articolo investigativo della collaboratrice di Vanity Fair Katherine Eban, basato su oltre 100.000 documenti dell’EcoHealth Alliance, mostra una realtà inquietante di «contratti di sovvenzione oscuri, supervisione fragile dei NIH e perseguimento di sovvenzioni governative per ricerche globali sempre più rischiose».

 

La bizzarra storia di questo patogeno che viene per coincidenza dalla stessa città che ospita il grande laboratorio BSL-4 non è ancora finita. Tuttavia, altra coincidenza che piace segnalare a Renovatio 21, nell’azienda francese che ha costruito il laboratorio cinese lavorava Stephen Bancel, futuro CEO di Moderna. Patrick Degorce, uno dei primi investitori quando ancora una diecina di anni fa Moderna (che significherebbe «Mode RNA») era solo un’idea peraltro non troppo divulgata all’esterno, è il finanziere hedge fund che fu mentore e collega dell’enigmatico Rishi Sunak, attuale premier britannico.

 

Per aver ipotizzato, ancora a inizio 2020 seguendo alcune fonti che il COVID potesse avere un’origine laboratoriale, Renovatio 21 è stata piazzata in liste internazionali di diffusori di fake news e bannata plurime volte dal noto social network, che è arrivato a disattivare gli account personali di chi gestiva la pagina – account e pagine sono tornati solo dopo essere stati in tribunale.

 

 

Continua a leggere

Epidemie

I vaccinati costituiscono la maggior parte dei decessi per COVID-19: dati CDC

Pubblicato

il

Da

I dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) – l’ente statale americano per il controllo delle epidemie – hanno mostrato che le persone vaccinate e potenziate costituivano la maggior parte dei decessi per COVID-19 ad agosto.

 

Come riassume la testata americana Epoch Times, dei 6.512 decessi totali registrati nell’agosto 2022, il 58,6% dei decessi è stato attribuito a persone vaccinate o che hanno ricevuto il booster e sembra essere un segno di una tendenza in crescita in cui le persone vaccinate stanno diventando sempre più la maggioranza dei decessi per COVID-19.

 

Nel gennaio 2022, la mortalità per COVID-19 tra i vaccinati era ancora una minoranza con il 41% dei dati relativi a individui vaccinati o potenziati.

 

Tuttavia, l’analisi dei dati CDC di giugno e luglio ha mostrato che oltre il 50% dei decessi è stato segnalato in individui vaccinati, con rispettivamente il 62 e il 61%.

 

«Non possiamo più dire che questa è una pandemia di non vaccinati», ha dichiarato al Washington Post Cynthia Cox, vicepresidente della Kaiser Family Foundation, in un articolo dello scorso 23 novembre.

 

La Cox, pur sostenendo la vaccinazione contro il COVID-19, ha fornito tre ragioni che potrebbero spiegarne il motivo.

 

Uno sarebbe che alla maggior parte degli americani è stata data almeno la serie primaria. La sua seconda ragione è che gli anziani, che hanno il maggior rischio di morire di COVID, hanno anche maggiori probabilità di sottoporsi alle vaccinazioni.

 

L’ultima ragione specificata dalla Cox era che la potenza del vaccino diminuirà nel tempo e man mano che le varianti diventeranno più resistenti , e quindi ha raccomandato un maggiore assorbimento del richiamo.

 

È stato dimostrato che l’efficacia della vaccinazione COVID-19 diminuisce drasticamente nel periodo di pochi mesi, a volte cadendo in un’efficacia trascurabile.

Il cardiologo Dr. Peter McCullough ha dichiarato a The Epoch Times che la pandemia è stata guidata solo dai non vaccinati nel 2020, dove non c’erano vaccini disponibili, e dal 2021 sono state soprattutto le persone vaccinate a morire di COVID-19. Secondo il dottor McCullough, ciò avviene semplicemente perché il vaccino ha fatto poco per controllare la mortalità.

 

I dati del CDC arrivano «troppo tardi per trarre questa conclusione». I vaccinati «probabilmente hanno raggiunto la maggioranza durante il 2021», ha affermato McCullough.

 

Nel 2020, il CDC ha documentato negli USA più di 385.000 decessi per COVID, mentre nel 2021, quando sono state lanciate le vaccinazioni, ci sono stati più di 463.000 decessi per COVID-19.

 

Entro giugno del 2021, circa il 53% della popolazione statunitense aveva ricevuto la prima dose e il 44% era stato completamente vaccinato.

 

Eppure c’era poca differenza nei casi di mortalità COVID-19 tra la prima metà del 2021 e la seconda metà, con oltre 244.000 casi (più del 50% dell’intero anno) segnalati da luglio a dicembre.

 

«Certamente non può essere una situazione in cui diamo la colpa ai non vaccinati per le morti per COVID. E certamente non concluderemmo che i vaccini abbiano avuto alcun impatto su di noi poiché la maggior parte dei decessi si è verificata durante l’era delle vaccinazioni», ha affermato McCullough.

 

Come riportato da Renovatio 21, uno studio di Oxford uscito ad ottobre ha sostenuto che i «completamente vaccinati» hanno un rischio di infezione COVID maggiore del 44% rispetto ai non vaccinati.

 

A marzo avevamo riportato come i dati inglesi indicassero che stavano morendo più i vaccinati a doppia dose che i non vaccinati.

 

Ad agosto il CDC aveva emanato nuove linee guida sanitaria USA per il COVID eliminano le distinzioni tra vaccinati e non vaccinati.

 

Già a inizio 2022 era stato riportato come negli ospedali australiani i ricoverati COVID completamente vaccinati superano i non vaccinati.

 

Non possiamo chiudere questo articolo senza menzionare l’ex premier italiano Mario Draghi, che ebbe a dire, in una conferenza stampa ascoltata poi dall’intera Nazione, che «i nostri problemi dipendono dai non vaccinati». Non si trattava solo di parole al limite dell’hate speech: era anche una falsità conclamata, largamente definibile come tale già allora.

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

L’influenza aviaria si sta ancora diffondendo negli Stati Uniti: milioni di polli al macello

Pubblicato

il

Da

L’influenza aviaria continua a diffondersi negli Stati Uniti.

 

In Nebraska, i funzionari dicono che altri 1,8 milioni di polli dovranno essere uccisi, dopo che la malattia è stata scoperta in una fattoria a circa 120 miglia a nord di Omaha, la capitale dello stato. Le autorità statunitensi avrebbero eliminato oltre 50 milioni di uccelli.

 

Lo stato più colpito dall’epidemia è l’Iowa, dove sono stati uccisi 15,5 milioni di uccelli; Il Nebraska è secondo, con 6,8 milioni di uccelli sterminati in 13 allevamenti.

 

Si prevede che i prezzi di pollo e tacchino, che sono già influenzati dall’aumento dei costi di mangimi e carburante, continueranno a salire. Gli USA già stanno vivendo una crisi nella produzione e distribuzione di uova. Una confezione da 12 uova costa ora al dettaglio negli Stati Uniti circa 8 dollari, e il prezzo sta salendo.

 

Si parla anche di una sparizione delle uova dagli scaffali perfino negli Stati americani concentrati sull’agricoltura.

 

Il 3 novembre, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno riferito che i focolai di influenza aviaria si stavano diffondendo: «Dall’inizio del 2022, più di 49 milioni di uccelli in 46 stati sono morti a causa dell’influenza aviaria… o sono stati abbattuti … a causa dell’esposizione a uccelli infetti. Questo numero si avvicina ai 50,5 milioni di uccelli in 21 stati che sono stati colpiti dalla più grande epidemia di influenza aviaria verificatasi nel 2015».

 

Il rapporto del CDC raccomandava ai proprietari e ai gestori dei volatili di lavarsi le mani e i vestiti, un grande consiglia mai prima udito.

 

L’influenza aviaria si era diffusa nel Regno Unito e in altre parti d’Europa. Come confermatoci anche da fonti sul territorio italiano, si tratta di una vera e propria epidemia, di cui, tuttavia i media – forse perché intasati ancora dal COVID? – non hanno parlato.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari