Connettiti con Renovato 21

CRISPR

Jeff Bezos assume i migliori scienziati per sconfiggere la morte

Pubblicato

il

Il fondatore di Amazon Jeff Bezos, sta radunando un team di scienziati di spicco per assistere nel suo sogno di sviluppare la tecnologia dell’immortalità. 

 

Il miliardario sta elargendo cospicui fondi ad una startup anti-invecchiamento soprannominata Alto Labs.

 

Il progetto ha recentemente reclutato Hal Barron, ex direttore scientifico del colosso farmaceutico GlaxoSmithKline. Barron è stato scelto come CEO di Alto Lab. Un segno chiaro e tangibilissimo che Bezos, come nelle sue mire spaziali, sta facendo sul serio.

 

Il miliardario sta elargendo cospicui fondi ad una startup anti-invecchiamento soprannominata Alto Labs

«Sono profondamente onorato di aver ricevuto questa opportunità irripetibile di guidare un’azienda così unica con una missione trasformativa per invertire la malattia», ha affermato Barron in un comunicato stampa della neonata startup Altos Labs.

 

Barron non è l’unico nome pesante del team dell’azienda votata alla ricerca anti-aging.

 

Nel pool di scienziati assunti c’è il dottor Shinya Yamanaka, vincitore del premio Nobel 2012 per la medicina per il suo lavoro nella ricerca sulle cellule staminali, e Jennifer Doudna, co-vincitrice del premio Nobel 2020 in chimica per il suo ruolo nello sviluppo dello strumento di editing genetico CRISPR, la principale tecnologia di ingegneria genetica che sta richiamando l’attenzione – e i tanti danari – di un altro degli uomini più ricchi della storia, Bill Gates

 

Come noto, il CRISPR è stato utilizzato per la produzione in laboratorio delle famose supergemelle cinesi, pubblicamente note come i primi esseri umani ad essere venuti al mondo con un processo di bioingegneria CRISPR.

 

L’utilizzo del CRISPR, è stato ipotizzato, potrebbe essere correlato ad una aumentata possibilità di sviluppare il cancro.

 

Tuttavia la tecnica CRISPR si candida ad essere il processo attraverso passerà tutta la vita «ammessa» sul pianeta, umana e non: dalle piante agli animali domestici, a – ovviamente – i bambini, programmati geneticamente per la perfezione.

 

I finanziamenti ottenuti dalla startup di Bezos che vuole allungare la vita sarebbero per oltre 3 miliardi di dollari. E siamo solo a poco tempo dal lancio.

 

Nel pool di scienziati assunti c’è il dottor Shinya Yamanaka, vincitore del premio Nobel 2012 per la medicina per il suo lavoro nella ricerca sulle cellule staminali, e Jennifer Doudna, co-vincitrice del premio Nobel 2020 in chimica per il suo ruolo nello sviluppo dello strumento di editing genetico CRISPR

Bezos non è nemmeno l’unico investitore super ricco che aiuta a finanziare Alto Labs. Anche il miliardario russo-israeliano Yuri Milner si sta impegnando per aiutare a sviluppare la tecnologia anti-invecchiamento.

 

La missione di Altos Labs è raggiungere la riprogrammazione biologica. Questo è un metodo per ringiovanire essenzialmente le cellule dopo che sono maturate. In teoria, le cellule potrebbero quindi essere indotte a «riparare» il corpo mentre invecchia e persino curare malattie legate all’età come la demenza. 

 

Come riportato da Renovatio 21, gli imprenditori tecnologici della Silicon Valley a più riprese hanno dato prova del loro desiderio di vivere per sempre.

 

Ultimamente si è tornati a parlare della parabiosi, cioè della trasfusione di sangue giovane, che è, letteralmente, una forma di vampirismo, ma che gode del favore di diversi investitori e CEO di aziende tecnologiche.

 

I finanziamenti ottenuti dalla startup che vuole allungare la vita sarebbero per oltre 3 miliardi di dollari

In Italia abbiamo avuto il caso non dissimile di un miliardario alla cerca dell’estensione della vita: Silvio Berlusconi.

 

Nel 2010 uscì la notizia che l’allora patron del San Raffaele Don Verzè stava lavorando ad un centro di ricerca sulla life extension.

 

Lo dichiarò lo stesso  Silvio, secondo i giornali «Al progetto Berlusconi crede fermamente: “Guardate che i 120 anni sono l’età media che tutti potranno raggiungere”» scrisse Il Tempo.

 

In Italia abbiamo avuto il caso non dissimile di un miliardario alla cerca dell’estensione della vita: Silvio Berlusconi

L’idea, discussa varie volte da Berlusconi in pubblico, fu ufficializzata durante la festa del compleanno di Don Verzè, nel periodo in cui il San Raffaele non era ancora finito nel disastroso crash economico che portò l’ospedale ad essere venduto ad un altro gruppo sanitario.

 

Berlusconi, scrive Blitz, ne avrebbe parlato anche durante un viaggio in Russia, intrecciando il tema con quello della democrazia: «da noi in Italia c’è un sacerdote magico di 90 anni che ha messo in piedi la più grande organizzazione sanitaria con l’obiettivo di aumentare la vita media a 120 anni. Per arrivare a questa ulteriore permanenza di ciascuno di noi su questa terra, lo sforzo che dobbiamo fare è che su questa terra ci sia democrazia».

 

Vi furono quindi le rivelazioni dello stesso Don Verzè in una intervista del 2010: «Silvio Berlusconi mi ha chiesto di farlo campare fino a 150 anni e lui pensa che arrivando a 150 anni metterà a posto l’Italia». Anche Don Verzè insisteva sulla genetica, e andava oltre parlando di microchip sotto cutanei: «Si predice quale sarà la patologia di ogni persona leggendo il genoma con un microchip sottopelle che avverte se c’è qualcosa che non va».

 

Tornando a Berlusconi, pensa che la candidatura al Quirinale del cavaliere sia l’ultima, potrebbe sbagliarsi di grosso.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

CRISPR

Bioingegneria CRISPR usata contro i danni delle ubriacature giovanili

Pubblicato

il

Da

Bioingegneria CRISPR utilizzata per invertire i «danni epigenetici» causati dall’eccesso di alcol degli adolescenti.

 

«Un “reset di fabbrica” ​​del cervello, utilizzando l’editing del genoma , potrebbe essere utilizzato per trattare la dipendenza da alcol e l’ansia» riporta BioNews che cita un gruppo di scienziati.

 

Il team di ricercatori dell’Università dell’Illinois di Chicago (UIC), aveva precedentemente collegato le ubriacature adolescienziali ad alterazioni a lungo termine nella programmazione epigenetica del gene ARC, con conseguente diminuzione dell’espressione di ARC nell’amigdala di roditori e umani.

 

L’amigdala è una parte del cervello che aiuta a definire e regolare le emozioni e questi cambiamenti epigenetici determinano una predisposizione all’ansia e al disturbo da consumo di alcol nell’età adulta.

 

Nel presente studio, i ricercatori hanno dimostrato che questa riprogrammazione epigenetica indotta dall’esposizione all’alcol adolescenziale può essere invertita utilizzando l’editing del genoma.

 

«Le ubriacature precoci possono avere effetti significativi e duraturi sul cervello e i risultati di questo studio offrono la prova che l’editing del genoma è un potenziale antidoto a questi effetti», ha affermato l’autore senior, il professor Subhash Pandey , professore di psichiatria e direttore del Centro per la ricerca sull’alcol in epigenetica presso l’UIC. Il Pandey ha anche affermato che questa tecnica potrebbe «offrire una sorta di ripristino delle impostazioni di fabbrica per il cervello, se vuoi».

 

Insomma: un grande reset biomolecolare del vostro cervello ottenuto tramite ingegneria genetica.

 

Il team, che ha pubblicato i risultati su Science Advances , ha esposto per la prima volta i ratti all’eccesso di alcol in un momento del loro sviluppo che coincideva con l’adolescenza umana. L’ansia è stata misurata dall’attività esplorativa dei ratti nei test del labirinto e la preferenza per l’alcol è stata misurata monitorando la quantità di liquido consumato quando ai ratti è stata presentata una scelta di due bottiglie costituite da opzioni come acqua del rubinetto, acqua zuccherata e concentrazioni variabili di alcol.

 

Gli scienziati hanno utilizzato l’approccio di modifica del genoma CRISPR-dCas9 per manipolare i processi di acetilazione e metilazione dell’istone nel gene ARC, che sono modificazioni epigenetiche note.

 

Lo studio ha scoperto che quando dCas9 è stato utilizzato per promuovere l’acetilazione dell’istone nei ratti adulti esposti all’alcol durante l’adolescenza, l’espressione del gene ARC è tornata alla normalità e il successivo aumento dei livelli di proteine ​​​​ARC ha portato a una riduzione dell’ansia e del consumo di alcol.

 

Al contrario, quando dCas9 è stato utilizzato per promuovere la metilazione dell’istone nei ratti adulti non esposti all’alcol durante l’adolescenza, l’espressione del gene ARC è diminuita portando ad un aumento dell’ansia e del consumo di alcol.

 

Questi risultati dimostrano che l’editing epigenomico del gene Arc nell’amigdala può migliorare l’ansia degli adulti e la dipendenza dall’alcol dopo l’esposizione all’alcol da adolescente.

 

«Le ubriacature negli adolescenti sono un serio problema di salute pubblica e questo studio non solo ci aiuta a capire meglio cosa succede nei cervelli in via di sviluppo quando sono esposti ad alte concentrazioni di alcol, ma soprattutto ci fa sperare che un giorno avremo trattamenti efficaci per il malattie complesse e sfaccettate dell’ansia e del disturbo da consumo di alcol», ha affermato il professor Pandey.

Gli autori notano inoltre che, mentre questi dati suggeriscono che l’editing epigenomico ad ARC può modulare in modo bidirezionale i cambiamenti comportamentali causati dall’esposizione all’alcol adolescenziale, sono necessari ulteriori studi.

 

Il CRISPR, rivoluzionaria tecnica di ingegneria genetica di precisione recentemente promossa da Bill Gates con spot e investimenti ultramilionari, si candida ad essere la porta attraverso cui deve passare ogni essere vivente, sia prima di nascere che poi.

 

Come riportato da Renovatio 21, la scopritrice del CRISPR Jennifer Doudna ha recentemente dichiarato l’intenzione di bioingegnerizzare nuove specie per lottare contro il Cambiamento Climatico.

 

I bambini in provetta a breve potrebbero essere obbligatori (esattamente così come si ha l’obbligo dei bambini vaccinati) e la medicina sta del resto trasformandosi sempre più in genetica.

 

L’OK per la transizione della medicina biochimica a quella genomica è stato dato dal grande referendum chiamato COVID.

 

Una volta che miliardi di persone hanno accettato l’alterazione genica del vaccino mRNA, si tireranno indietro dinanzi a qualsiasi terapia genica CRISPR, presentata peraltro in modo così mriacolistica da essere in grado di cancellare i propri «peccati» giovanili?

 

Nel frattempo, criceti modificati geneticamente con il CRISPR si sono rivelati mostruosamente aggressivi.

Continua a leggere

Animali

Esperimento genetico CRISPR trasforma criceti in mostri ultra-aggressivi

Pubblicato

il

Da

Roditori domestici resi mostruosi e cattivi dalla bioingegneria CRISPR.

 

Utilizzando la nuova tecnologia di editing genetico CRISPR, il team di neuroscienze della George State University ha scoperto che l’eliminazione di un recettore della vasopressina – un ormone associato all’aggressività, alla comunicazione e al legame sociale sia negli esseri umani che nei criceti – sembrerebbe sovraccaricare i peggiori istinti dei criceti OGM.

 

«Avevamo previsto che se avessimo eliminato l’attività della vasopressina, avremmo ridotto sia l’aggressività che la comunicazione sociale», ha affermato in una dichiarazione il ricercatore di neuroscienze della GSU H. Elliott Albers. «Ma è successo il contrario».

 

Futurism nota giustamente che «i ricercatori della Georgia State University potrebbero aver pubblicato l’ eufemismo scientifico dell’anno dicendo che il loro esperimento CRISPR con i criceti “ha scoperto che la biologia alla base del comportamento sociale potrebbe essere più complessa di quanto si pensasse in precedenza”».

 

Gli scienziati avevano scelto specificamente i criceti siriani, noti per la loro aggressività, perché «forniscono un modello potente per gli studi sul comportamento sociale perché la loro organizzazione sociale è molto più simile a quella umana di quella osservata nei topi».

 

Il team della GSU è stato sorpreso di scoprire che i loro tentativi di reprimere l’aggressività nei criceti geneticamente modificati li hanno resi sia più aggressivi che più socievoli, un effetto che a qualcuno potrebbe ricordare il caso dei simpatici Mogwai, che nella famosa pellicola diventano mostruosi Gremlins.

 

Questi risultati “controintuitivi” hanno suggerito «una conclusione sorprendente», ha affermato Albers nella dichiarazione: che i recettori neurali e i comportamenti a cui sono associati potrebbero non essere in grado di essere attivati ​​e disattivati ​​individualmente, e che i tentativi di farlo potrebbero essere ardui.

 

«Sviluppare criceti geneticamente modificati non è stato facile», ha concluso Albers in un altro eufemismo.

 

È chiaro al lettore a questo punto dove Renovatio 21 lo vuole portare: una volta ottenuto questo risultato con i roditori, cosa impedirà l’uso della bioingegneria comportamentale sugli esseri umani?

 

Cosa impedirà i padroni del vapore di dichiarare illegali i bambini non geneticamente filtrati contro l’aggressività? (Quale coppietta per bene non vorrebbe un figlio calmo, tranquillo e socievole, invece di un bimbo a rischio ADHD e conseguenti terapie di psicofarmaci anfetamicni?)

 

E dall’altro lato, pure: cosa impedirà l’uso di risultati come quello della GSU per la creazione di individui programmaticamente aggressivi?

 

Come riportato da Renovatio 21, la Cina è stata accusata dagli USA di perseguire un programma di supersoldati geneticamente modificati

 

Un po’ di aggressività indotta geneticamente – invece che procurata con farmaci occulti come il BZ – non guasterebbe alle guerre di prossima generazione, da tutte le parti in giuoco.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

CRISPR

La creatrice del CRISPR: bioingegnerizzeremo nuove specie per lottare contro il Cambiamento Climatico

Pubblicato

il

Da

In una nuova intervista al MIT Technology Review, Jennifer Doudna, una delle inventrici del rivoluzionario sistema di modifica genetica CRISPR, ha affermato che il CRISPR può essere utilizzato per «migliorare» la capacità delle comunità microbiche nel suolo o nell’acqua «di catturare il carbonio».

 

La Doudna, che ha ricevuto un Premio Nobel 2020 insieme alla collega Emmanuelle Charpentier per la scoperta dell’enzima in grado di consentire un editing genetico considerato «di precisione», sostiene che la sua tecnica aiuterà il pianeta a risolvere il problema del Cambiamento Climatico, ritenuto tremendamente fondamentale.

 

L’idea di bioingegnerizzare per geoingegnerizzare – modificare la vita per modificare il clima – è «potenzialmente di alto impatto», dice la Doudna.

 

«C’è stata molta attenzione agli usi medici clinici del CRISPR», ha detto alla rivista del Politecnico bostoniano.

 

Tuttavia, sospetto che nel prossimo decennio, quando pensiamo all’impatto globale e all’impatto sulla vita quotidiana, è qui che gli usi in agricoltura e persino per affrontare il cambiamento climatico avranno potenzialmente un impatto molto più ampio».

 

L’idea di utilizzare CRISPR per migliorare geneticamente la capacità delle piante di aspirare l’anidride carbonica è in circolazione da almeno un paio d’anni. Ad esempio, l’iniziativa Harnessing Plants del Salk Institute for Biological Studies (l’istituto creato dal pioniere del controverso vaccino polio Jonas Salk) sta tentando di amplificare i sistemi radicali delle piante e la produzione di suberina, il loro guscio protettivo responsabile della conservazione dell’anidride carbonica.

 

Processi simili potrebbero essere utilizzati per consentire anche agli organismi viventi di immagazzinare più anidride carbonica.

 

Oltre a consentire alle piante di immagazzinare più anidride carbonica, il CRISPR potrebbe anche consentire loro di diventare più adattabili a un futuro sconvolto dal clima, intuisce il sito Futurism.

 

Alcuni scienziati dell’Università della California Berkeley stanno tentando di modificare la genetica del riso, una delle principali fonti di calorie per gli esseri umani in tutto il mondo, per essere più resistente alla siccità. La ricerca è affiliata all’Innovative Genomics Institute, fondato da Doudna.

 

«Al momento tutto questo è molto azzurro», ha detto alla rivista TIME Jill Banfield, una scienziata dell’ecosistema dell’Università della California a Berkeley e uno dei più stretti collaboratori di Doudna.

 

«In primo luogo, vogliamo capire i pezzi e come si incastrano».

 

Come ripetuto da Renovatio 21, il CRISPR è candidato ad essere l’unico modo in cui tutta la vita – vegetale, microbica, animale, umana – potrà arrivare ad esistere sul pianeta. Esso rappresenta il primo vero pulsante per il controllo del potere sulla vita naturale. Come noto, uno degli uomini più ricchi del mondo, non per niente un informatico, sta lautamente e pubblicamente finanziando lo studio e l’uso del CRISPR: Bill Gates. Egli lo rivendica perfino nei video di auguri natalizi.

 

Per quanto la Doudna finora sia stata molto timida sull’argomento – ha espresso il suo dissenso sulla creazione delle supergemelle cinesi CRISPR immuni all’HIV; del resto, studiava lo yogurt, quando ha fatto la sua rivoluzionaria scoperta di infinito potenziale eugenetico – i progetti estremi degli esperti di genetica si sprecano.

 

George Church, collega della Doudna che con le si è conteso la paternità del CRISPR in tribunale, ha in programma di de-estinguere i mammuth, nonché di creare app di incontri basati sulla compatibilità genetica.

 

Tuttavia, non si tratta solo di riprogrammare la riproduzione degli esseri viventi: stanno suggerendo che è possibile, cambiando la vita, cambiare anche l’ambiente. Come dicevamo più sopra: bioingegneria per geoingegneria…

 

Secondo Church, ad esempio, il ritorno del mammutto in Siberia avrebbe un impatto ambientale positivo.

 

Si tratta, insomma, della volontà di ri-creazione dell’universo sin dalla sua base cromosomica. Si tratta del Grande Reset genomico di ogni essere vivente.

 

Se un’idea del genere vi pare esagerata, possiamo dirvi che il CRISPR non è nemmeno il programma più folle saltato in mente ai Frankenstein del DNA. Potete leggere l’articolo di Renovatio 21 (praticamente, ovviamente, unico in Italia e non solo) sui mirror humans, cioè il progetto di capovolgere la biochimica degli esseri umani per renderli immuni a qualsiasi malattia.

 

Non si tratta di fantascienza: si tratta di realtà, anzi, di politiche, che sono in atto ora mentre leggete queste righe.

 

Se sentite che la cosa vi tocca, e vi toccherà in futuro e soprattutto devasterà la porzione di XXI secolo che vivranno i vostri figli, sappiate che al momento non avete un rappresentante – in Parlamento, in chiesa, sui giornali, nel mondo dell’attivismo ambientalista o catto-qualunquista – che se ne stia occupando.

 

Avete solo le poche forze di Renovatio 21, più le forze che ci metterete voi.

 

Perché se qualcuno non inizia questa battaglia, il mondo degli umanoidi CRISPR avrà vinto in partenza

 

 

Continua a leggere

Più popolari