Connettiti con Renovato 21

Scienza

Immortalità: i super-ricchi della Silicon Valley finanziano un misterioso laboratorio

Pubblicato

il

 

 

Una nuova, misteriosa startup della Silicon Valley dedicata alla ricerca anti-aging sta ottenendo importanti finanziamenti dai super ricchi.

 

Secondo il MIT Technology Review, Altos Labs, una società di «riprogrammazione biologica», starebbe attirando grandi investitori come il CEO di Amazon, Jeff Bezos. Tra coloro che hanno aperto il portafogli vi sarebbe anche l’interessante miliardario russo-israeliano Yuri Milner, già investitore early di startup divenute colossali come Facebook, Zynga, Twitter, Groupon, Xiaomi, Airbnb, Whatsapp e la società di analisi del DNA al consumatore 23andMe.

 

L’azienda sta attualmente attirando alcuni dei migliori scienziati del mondo offrendo loro lauti stipendi e promettendogli campo libero riguardo la ricerca anti-invecchiamento. 

 

Alcuni scienziati che partecipano e si uniscono a questo progetto destano qualche lecita perplessità. 

 

Alcuni scienziati che partecipano e si uniscono a questo progetto destano qualche lecita perplessità.

Juan Carlos Izpisúa Belmonte, biologo del californiano Salk Institute di La Jolla (istituto creato dal pioniere del controverso vaccino antipolio Jonas Salk) è tra i tanti scienziati che faranno parte della Altos.

 

Izpisúa Belmonte ha fatto scrivere i giornali nel 2017 quando ha iniziato la ricerca sulla creazione di una chimera umano-suina.

 

Shinya Yamanaka, studioso delle staminali non embrionali e vincitore del premio Nobel per la sua ricerca sull’inversione dell’invecchiamento nelle cellule, si unirà anche come presidente del comitato consultivo scientifico di Altos. 

 

La «riprogrammazione biologica» è un metodo per ringiovanire le cellule che potrebbe essere la chiave dell’immortalità. Come nota Futurism, sebbene ci siano numerose startup di riprogrammazione, nessuna di esse ha il supporto che Altos Labs può vantare in questo momento. 

 

Il MIT Technology Review riferisce che non ci saranno obiettivi difficili o scadenze per i ricercatori di Altos e l’azienda cercherà di creare una «grande scienza», tipo quella di oggi che pontifica su vaccini miracolosi e che fa sfoggio della sua unidirezionalità di pensiero in ogni salottino televisivo, screditando con ogni mezzo lecito o illecito qualunque illustre scienziato provi a dissentire o a porre ragionevoli dubbi.

 

Nel 2010 uscì la notizia che Berlusconi e l’allora patron del San Raffaele Don Verzè stavano lavorando ad un centro di ricerca sull’allungamento della vita

Non sorprende di certo che i super ricchi e potenti del mondo abbiano un notevole interesse nel cercare di vivere il più a lungo possibile: il transumanismo, del resto, è di casa nella Silicon Valley. Il grande venture capitalist Peter Thiel, geniale inventore di PayPal e primo investitore di Facebook nonché fiancheggiatore del primo Trump, non ne ha mai fatto mistero. 

 

Come riportato da Renovatio 21, l’idea della possibilità di ottenere materialmente la vita eterna è un’idea molto diffusa presso i ricchi della Silicon Valley, che hanno sempre i fondi per finanziere ricerche scientifiche di questo tipo. Anche l’Italia aveva una sua via al miliardario immortale: Silvio Berlusconi.

 

Nel 2010 uscì la notizia che l’allora patron del San Raffaele Don Verzè stava lavorando ad un centro di ricerca sull’allungamento della vita. «Al progetto Berlusconi crede fermamente: “Guardate che i 120 anni sono l’età media che tutti potranno raggiungere”» scrisse Il Tempo. L’idea, discussa varie volte da Berlusconi in pubblico, fu ufficializzata durante la festa del compleanno del Don Verzè pre-crash del San Raffaele. 

 

 

 

 

Continua a leggere

Animali

Verso l’immortalità: scienziati trovano i geni nelle meduse. Che dicono i transumanisti?

Pubblicato

il

Da

Il segreto dell’immortalità potrebbe essere contenuto in una medusa più piccola di un’unghia umana; gli scienziati hanno trascorso gli ultimi decenni cercando di svelare i segreti della Turritopsis dohrnii, più comunemente chiamata la medusa immortale.

 

Recentemente i ricercatori dell’Universidad de Oviedo in Spagna hanno pubblicato una nuova ricerca sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) che potrebbe aiutare a risolvere questo mistero. In buona sostanza la medusa immortale sembra avere il doppio delle copie dei geni associati alla riparazione e alla protezione rispetto alla sua parente, ma mortale cugina, la medusa cremisi nota come Turritopsis rubra.

 

«Mentre l’invecchiamento colpisce la maggior parte degli organismi viventi, l’idrozoo Turritopsis dohrnii è l’unica specie in grado di ringiovanire ripetutamente dopo la riproduzione sessuale, diventando biologicamente immortale», hanno scritto gli autori nel documento. «Abbiamo identificato varianti ed espansioni di geni associati alla replicazione, alla riparazione del DNA, al mantenimento dei telomeri, all’ambiente redox, alla popolazione di cellule staminali e alla comunicazione intercellulare».

 

La riparazione del DNA e i telomeri sono particolarmente importanti per la creatura. Quando i tempi sono difficili o la gelatina sta morendo di fame, riassorbe i propri tentacoli e affonda sul fondo del mare, dove diventa ancora una volta un polipo bambino e sputa fuori altre gelatine che alla fine matureranno in meduse.

 

I telomeri della gelatina agiscono come piccoli elmetti di DNA, proteggendo le estremità dei filamenti cromosomici mentre si riproducono. Normalmente i telomeri si accorciano e vengono «esauriti» durante questo processo, ma questo non è il caso di Turritopsis dohrnii.

 

Non è dato sapere ancora come Turritopsis dohrnii modifichi le sue cellule così facilmente e, a livello filosofico, non è chiaro se le meduse risultanti siano o meno lo stesso individuo.

 

Tuttavia i ricercatori hanno motivo di essere entusiasti: uno dei migliori video esplicativi del web su questa speciale gelatina descrive come imparare a sostituire le cellule cerebrali e potrebbe in un futuro far scoprire nuovi trattamenti per malattie che gli esseri umani non sono ancora stati in grado di curare, come il Parkinson o l’Alzheimer.

 

In una dichiarazione l’autore dello studio e professore dell’Universidad de Oviedo ha confermato che il team spera di scoprire come aiutare gli esseri umani a vivere più a lungo.

 

«Da questa conoscenza speriamo di trovare risposte migliori alle molte malattie associate all’invecchiamento che ci sopraffanno oggi», ha detto Carlos López-Otín.

 

La questione che si pone Renovatio 21 è invece quanto tempo ci impiegheranno i transumanisti – sia quelli aperti rispetto alla propria intenzione di vivere per sempre che quelli che più o meno segretamente invece ci investono milioni – a cominciare a parlare di ibridazione genetica uomo-medusa immortale.

 

Considerando poi che questa si rigenera dopo l’accoppiamento, immaginate quanti magnati corrotti e senza Dio potrebbero prendere due piccioni con una fava – anzi scusate cambiamo espressione: quanti gioirebbero per questa unione di utile e dilettevole.

 

La verità è che, meduse immortali o meno, il progetto, che ha profonde radici storiche, è già molto avanti. E ci tocca tutti. Anzi, come ha scritto Renovatio 21: la guerra transumanista è già iniziata.

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Lievito «umano» creato geneticamente in laboratorio

Pubblicato

il

Da

Un team di scienziati dell’Università di Delft, nei Paesi Bassi, è riuscito a inserire per la prima volta geni dei muscoli umani nel lievito di birra.

 

I geni umani in questione esprimono un percorso metabolico che prevede la scomposizione degli zuccheri per produrre energia, lo stesso meccanismo che fa parte di molti disturbi comuni (tra cui, tra gli altri, il cancro), scrive Futurism.

 

Ciò significa che, secondo gli scienziati, tale «lievito umanizzato» via bioingegneria potrebbe aprire molte porte nei campi dello screening dei farmaci e della ricerca sul cancro.

 

«Sembra strano dal momento che il lievito vive come cellule singole e gli esseri umani sono costituiti da un sistema sostanzialmente più complesso, ma le cellule funzionano in un modo molto simile», ha affermato Pascale Daran-Lapujade, ricercatore TU Delft e autore principale di un nuovo studio pubblicato su la rivista Cell Reports.

 

«Rispetto alle cellule o ai tessuti umani, il lievito è un organismo fantastico per la sua semplicità di crescita e per la sua accessibilità genetica: il suo DNA può essere facilmente modificato per rispondere a domande fondamentali», ha aggiunto.

 

«Molte scoperte fondamentali come il ciclo di divisione cellulare, sono state chiarite grazie al lievito».

 

La ricerca dimostra anche il potere dell’editing genetico: «non abbiamo solo trapiantato i geni umani nel lievito, abbiamo anche rimosso i geni corrispondenti del lievito e li abbiamo completamente sostituiti con i geni del muscolo umano», dice Daran-Lapujade.

 

«Potreste pensare di non poter scambiare la versione del lievito con quella umana, perché è un processo così specifico e strettamente regolato sia nelle cellule umane che in quelle di lievito. Ma funziona come un incantesimo!».

 

In effetti, il Daran-Lapujade e i suoi colleghi sono rimasti sbalorditi nello scoprire che gli enzimi prodotti dai geni umani nel lievito fossero sorprendentemente simili a quelli nelle cellule umane.

 

E l’equipe non vuole fermarsi qui: «possiamo umanizzare ulteriormente il lievito e, passo dopo passo, creare un ambiente umano più complesso nel lievito», afferma il biotecnologo.

 

I processi di fusione tra uomo e materiale organico non si fermano al lievito di birra, tanto che già da qualche tempo.

 

In pratica, il DNA umano sta venendo miscelato con quello di altri organismi: c’è il lievito, ci sono i maiali (come nel caso del primo trapianto di cuore suino geneticamente modificato con geni umani al mondo), ci sono anche i topo umanizzati, il cui DNA, cioè, è stato innestato con quello umano. Alcuni topi sono «umanizzati», invece, tramite organi di bambino (cioè, «tessuti fetali») ottenuti con gli aborti: l’amministrazione Biden, appena salita al potere, si peritò a ridare linfa a queste pratiche.

 

Nessuna vera discussione bioetica sull’argomento è stata vista in politica o sui giornali.

 

I topo umanizzati parrebbero aver avuto un loro ruolo anche nelle ricerche del famoso laboratorio di Wuhan da cui pare essere «scappato» il virus SARS-nCoV-2 responsabile del COVID.

 

 

 

 

Immagine di Rosser1954 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Scienza

Bizzarro comportamento di una delle stelle più luminose del cielo

Pubblicato

il

Da

Betelgeuse, la stella supergigante rossa della costellazione di Orione, una delle stelle più luminose del cielo notturno, è stata scossa da una potente esplosione alla fine del 2019.

 

L’insolito evento riguardante una stella così importante, ha lasciato perplessi perfino gli astronomi, scrive Futurism.

 

All’inizio gli scienziati hanno sostenuto che poteva trattarsi dell’esplosione di una supernova. Tuttavia secondo i dati del 2020, la stella è sopravvissuta, nonostante si sia notevolmente attenuata negli anni successivi.

 

Ora, grazie alle osservazioni del telescopio spaziale Hubble della NASA, gli scienziati potrebbero avere una risposta più soddisfacente. Si pensa che la stella abbia subito un’enorme espulsione di massa superficiale, non diversamente dalle espulsioni di massa coronale (CME) del Sole.

 

«Betelgeuse continua a fare alcune cose molto insolite in questo momento; l’interno è una specie di rimbalzo», ha affermato in una dichiarazione della NASA Andrea Dupree del Center for Astrophysics di Harvard, autore di un articolo presentato all’Astrophysics Journal.

 

L’evento è stato di molti ordini di grandezza più grande di una delle espulsioni di massa coronale del nostro Sole, con un’esplosione di 400 miliardi di volte la massa di una normale, secondo la NASA.

 

In effetti, ha spazzato via la massa equivalente di molte lune della Terra.

 

Quindi, cosa avrebbe causato l’enorme scoppio? Il team del Dupree suggerisce che le onde d’urto provenienti dal centro della stella hanno soffiato via pezzi della sua fotosfera, lo strato più basso della sua atmosfera stellare, causando una copertura di polvere che ora sta causando il raffreddamento della superficie della stella e la formazione di una crosta.

 

Si tratta della prima volta che assistiamo a una stella che ha la sua superficie scossa da un evento così potente.

 

«Non abbiamo mai visto un’enorme espulsione di massa dalla superficie di una stella», ha dichiarato il Dupree. «Ci rimane qualcosa che non capiamo completamente».

 

Anche quando si parla di stelle luminosissima, la scienza brancola nel buio.  Qui però ha il pregio di ammetterlo, diversamente da altri settori – praticamente tutti i settori, o per lo meno quelli che si intersecano strettamente con economia e politica. (Esempio a caso: medica e farmaceutica…)

 

 

Continua a leggere

Più popolari