Connettiti con Renovato 21

CRISPR

L’Eugenetica cinese delle gemelle CRISPR

Pubblicato

il

 

 

Pochi giorni fa il ricercatore cinese Jiankui He, genetista della Southern University of Science and Technology di Shenzen, ha dichiarato al mondo di aver fatto nascere due gemelle geneticamente modificate. L’annuncio è stato fatto attraverso il canale YouTube del medico, che aveva rilasciato alcune anticipazioni all’agenzia Associated Press. L’esperimento avrebbe coinvolto sette coppie di cinesi adulti, i cui maschi sono portatori del virus HIV. Il fine di He era quello di far nascere due bambini con DNA modificato, per renderli resistenti al virus HIV dell’Aids.

 

Ventidue, a dire di He, gli embrioni sacrificati per questo esperimento disumano, sedici dei quali sarebbero stati modificati geneticamente attraverso una tecnica di «taglia e cuci» genetico.

 

Un’eugenetica positiva, fondata sulla selezione, sull’utile e sul «potenziamento», che mira a creare una società di «più che perfetti».

 

Si badi bene che la specie più resistente e inattaccabile rispetto al virus HIV è quella degli scimpanzé. Non sono pochi i laboratori di bioingegneria che hanno già pensato a come raggiungere la nuova frontiera della genetica preventiva: la frontiera dei bambini transgenici con geni di scimmia, immuni all’AIDS e ad altre malattie.

Un’eugenetica positiva, fondata sulla selezione, sull’utile e sul «potenziamento», che mira a creare una società di «più che perfetti».

 

Uomini vaccinati preventivamente. Vaccini umani.

 

Spaventa il livello di transumanesimo raggiunto sempre più velocemente, nel silenzio delle Accademie per la Vita.

 

Di tutto questo inferno bioetico, in particolare del caso cinese, abbiamo parlato con la dottoressa Martina Collotta, medico esperto di bioetica e in particolare delle nuove frontiere biotech attraverso le quali l’uomo tenta di sostituirsi a Dio, all’Incarnazione di Cristo, pronunciando orgogliosamente il proprio non serviam.

Uomini vaccinati preventivamente. Vaccini umani.

 

Dottoressa Collotta, il genetista cinese Jiankui He ha recentemente annunciato di aver fatto nascere due gemelle con DNA modificato per «proteggerle» dal virus HIV. Partiamo dal mezzo di comunicazione prescelto: perché un ricercatore dovrebbe presentare al mondo una nuova scoperta o un esperimento riuscito attraverso un video YouTube?

Tutto quello che ha a che fare con questa «scoperta» appare fortemente criticabile, proprio a partire dal modus operandi.

 

E allora? Tutti gli embrioni dovrebbero essere manipolati geneticamente perché l’AIDS scompaia?

Quando una ricerca viene ultimata, sia che si tratti di ricerca di base che di ricerca clinica, la prima ad essere informata deve essere la comunità scientifica, attraverso il mezzo della pubblicazione scientifica. Questo permette, prima di tutto, un «controllo di qualità» su quanto affermato dallo scienziato: come ha condotto l’esperimento? I dati che ha ottenuto sono verosimili? Se sono coinvolte persone, sono stati rispettati i criteri etici?

 

Solo se a queste domande si ottengono risposte positive, l’articolo che presenta la ricerca può essere preso in considerazione per la pubblicazione e, dunque, per l’ufficializzazione della scoperta, lasciando inoltre, sempre, lo spazio a critiche dei colleghi, dei pari, alle «peer review» in cui ogni altro scienziato può dire la sua circa il modo di condurre le ricerche e provare a sua volta a ripeterle per confermare o smentire i dati.

 

Saltare questo percorso obbligato, condiviso dalla comunità scientifica proprio per evitare le «fake news» della ricerca, significa essere consapevoli che qualcosa, nello studio condotto, non rispetta i canoni della scienza, non escludendo quelli etici che sono un elemento essenziale per la validità scientifica della ricerca stessa. Usare i canali non ufficiali equivale a farsi o a fare pubblicità, a destare scalpore; una trovata che arriva a colpire l’opinione pubblica senza filtri e che, per questo, può essere molto pericolosa.

 

Nel caso in cui si trattasse di un fake, a quale scopo tutto questo?

Considerando che He ha detto di aver modificato il DNA delle due bambine allo scopo di renderle immuni al contagio dell’HIV, pubblicizzare la sua scoperta – ammesso, appunto, che non sia una fake news -, equivarrebbe ad un tentativo di sdoganare le biotecnologie con un fine eugenetico. Nobile fine! Eliminare l’AIDS! Peccato che come ben sappiamo il fine non giustifica mai i mezzi.

 

L’HIV è un «mostro nero», è una malattia ad elevato valore simbolico, a impatto emotivo. Dire che ora abbiamo a disposizione un’arma, quella del «taglia e cuci» del DNA, che non si limita, per così dire, alla cura, ma addirittura evita il contagio, lo previene, significa far pensare che questa sia la soluzione ottimale

Perché proprio l’HIV?

È tutto molto ben studiato: l’HIV è un «mostro nero», è una malattia ad elevato valore simbolico, a impatto emotivo. Dire che ora abbiamo a disposizione un’arma, quella del «taglia e cuci» del DNA, che non si limita, per così dire, alla cura, ma addirittura evita il contagio, lo previene, significa far pensare che questa sia la soluzione ottimale.

 

Sembra proprio essere un ballon d’essai lanciato al solo scopo di far credere che l’eugenetica salverà il mondo dalle malattie infettive e da chissà che altro.

 

Tra l’altro, la trasmissione materno-fetale dell’HIV oggi è evitata dai farmaci, dunque, pur ipotizzando anche questa eventualità da prevenire, non vi sarebbe certo bisogno di intervenire sul DNA quando un esiste un trattamento molto meno invasivo e, soprattutto, moralmente lecito. Intervenire in questo modo sul genoma, significa voler prevenire un futuro contagio. E allora? Tutti gli embrioni dovrebbero essere manipolati geneticamente perché l’AIDS scompaia?

 

In Cina si consuma il nuovo transumanesimo della genetica. Perché secondo lei?

Una scienza senza etica conduce a qualsiasi aberrazione, non ultima quella del transumanesimo, della distruzione della persona umana con il fine di creare un uomo nuovo su misura, perfetto, indistruttibile… perfino immortale.

 

In Cina l’etica fatica ad entrare in qualsiasi campo, non solo quello della scienza purtroppo: pensiamo all’economia cinese e, soprattutto, pensiamo a di quale ideologia è impregnata la Cina tutta: il comunismo.

 

Non possiamo parlare di etica quando ci troviamo di fronte ad un’ideologia gnostica che vuole la distruzione dell’uomo. La Cina comunista è il terreno fertile per gli abomini della pseudo-scienza.

 

Inoltre, un’altra ragione sta in quanto detto inizialmente circa il modus operandi di He. La via ufficiale della trasmissione dei risultati delle ricerche scientifiche, in Cina, è spesso bypassata. Molte «fake news» della ricerca vengono proprio da lì. Non abbiamo gli strumenti per verificare se quanto affermato dagli scienziati cinesi sia stato davvero realizzato o meno, ma resta il fatto che l’impatto sull’opinione pubblica rimane. Che sia un falso o che sia stato fatto un altro triste passo verso qualcosa di mostruoso, le coscienze vengono scosse, turbate e falsamente commosse da drammi umani – come appunto il contagio da HIV – che la genetica promette di far dimenticare.

Non abbiamo gli strumenti per verificare se quanto affermato dagli scienziati cinesi sia stato davvero realizzato o meno, ma resta il fatto che l’impatto sull’opinione pubblica rimane.

 

Tornando alle due bambine, dal punto di vista medico, è possibile che il macabro esperimento di He sia riuscito pienamente, ovvero che queste due bambine saranno preservate dall’eventuale virus HIV?

Mettiamo da parte, per un attimo, l’etica, e fermiamoci alla sola scienza biomedica.

 

Due sono i principali ostacoli al successo di un tale esperimento: il primo è la tecnica usata, la CRISPR; il secondo è l’intervento sull’embrione per arrivare ad un essere umano nato vivo e vitale.

 

La CRISPR è un «taglia e cuci» del DNA, sono delle forbici molecolari capaci di individuare un bersaglio di DNA complementare ad uno «stampo», tagliare in tutto o parte il gene bersaglio e sostituirlo con un gene modificato.

 

Peccato che la capacità di riconoscere lo stampo non è un perfetto modello chiave-serratura, e la CRISPR taglia anche «a caso», taglia bersagli simili a quello cercato, sostituisce in maniera imperfetta, «chiude» il DNA tagliato prima che sia stato sostituito correttamente.

Peccato che la capacità di riconoscere lo stampo non è un perfetto modello chiave-serratura, e la CRISPR taglia anche «a caso», taglia bersagli simili a quello cercato, sostituisce in maniera imperfetta, «chiude» il DNA tagliato prima che sia stato sostituito correttamente.

 

Gli errori che può generare sono ancora moltissimi, allo stato attuale della ricerca. Che il «taglia e cuci» di He sia stato tanto preciso, ho i miei dubbi… Quali le conseguenze a lungo termine di tali errori? Tumori, disturbi dello sviluppo, malattie neurodegenerative… Non sappiamo. Proprio perché fino ad ora la ricerca ufficiale non si è spinta tanto oltre. La CRISPR fa ancora parte della ricerca di base, non ne conosciamo gli effetti a lungo termine.

 

Tutto questo fa capire il perché sia inverosimile anche che l’intervento sull’embrione sia andato a buon fine: partire da poche cellule (He, ovviamente, si è ben guardato dal dirci a quale stadio sarebbe intervenuto), modificarle, pretendere che queste, senza errori fatali, continuino il loro sviluppo indisturbate dando vita a due esseri umani vivi, vitali e sani, è quantomeno improbabile. Le fasi dello sviluppo embrionario sono delicate in natura, figuriamoci quando si interviene artificialmente in maniera così massiccia.

 

Lasciando pure un margine di plausibilità, resta il fatto che, per aver ottenuto un successo su di un embrione, quanti altri sarebbero andati persi – ovvero quanti esseri umani uccisi – per permettere un tale risultato?

 

Pare che i ricercatori cinesi non si vogliano fermare all’HIV. Si è parlato anche di colera e vaiolo…

Ogni agente patogeno, virale o batterico, ha uno o più specifici recettori nell’organismo. Questi recettori, per lo più, sono proteine presenti sulla membrana delle cellule, usati per riconoscere sostanze circolanti, ormoni, piccole molecole… tutto quanto riguarda la comunicazione da un distretto all’altro dell’organismo e da cellula a cellula.

 

I recettori per virus e batteri, dunque, non nascono certo per questo; non nascono per permettere un’infezione, ma sono piuttosto presenti fisiologicamente nel nostro organismo per svolgere diverse funzioni necessarie all’omeostasi.

Per aver ottenuto un successo su di un embrione, quanti altri sarebbero andati persi – ovvero quanti esseri umani uccisi – per permettere un tale risultato?

 

Eliminarli o modificarli porta inevitabilmente delle conseguenze, in una sorta di imprevedibile effetto domino, che può essere positivo o negativo.

 

Forse modificare il recettore per l’agente di una malattia infettiva ci renderà immuni a quella malattia, ma chissà che quella modifica non ci renda molto più suscettibili ad un altro patogeno, o alteri irreversibilmente la fisiologica comunicazione intercellulare.

 

Vero o non vero il progresso della tecnica spaventa. Dove vogliono arrivare?

L’obiettivo? L’oltreuomo, il superuomo nietzschiano sono gli obiettivi del transumanesimo e del postumanesimo. Non si tratta solo di «bambini OGM», di «designer baby», si tratta di una nuova concezione della persona umana che, di fatto, viene privata della sua natura.

 

Non siamo più di fronte alla persona nella sua complessità, nella sua natura voluta e creata da Dio come sinolo di anima e corpo. Siamo di fronte all’uomo-macchina di un novello scientismo, un uomo ridotto al suo genoma. Un uomo da tagliare, smontare, correggere e rimontare verso una perfezione che non sarà mai abbastanza perfetta. Tutto questo riecheggia la follia del trapianto di testa. È una sorta di folle corsa verso l’immortalità, fuggendo dalle malattie e dalla limitatezza della nostra creaturalità. Dimenticando che immortale, la nostra anima lo è già!

Non siamo più di fronte alla persona nella sua complessità, nella sua natura voluta e creata da Dio come sinolo di anima e corpo. Siamo di fronte all’uomo-macchina di un novello scientismo, un uomo ridotto al suo genoma. Un uomo da tagliare, smontare, correggere e rimontare verso una perfezione che non sarà mai abbastanza perfetta.

 

Quanti sono gli embrioni sacrificati sull’altare della ricerca e del progresso della tecnica?

Troppi. Non credo sia possibile fare una stima anche solo approssimativa di quanti embrioni vengono sacrificati perché distrutti o congelati. Le stime, di fatto, sono opera di chi quegli embrioni li «fabbrica» e li tratta come materiale biologico di scarto. Come fare a credere alla loro obiettività?

 

Jiankui He potrebbe essere il capro espiatorio per overtonizzare ancora di più la prassi dell’eugenetica positiva?

He si è sicuramente prestato a questo gioco antiumano, forse perché alla ricerca di fama e successo, per non dire di denaro. È molto probabile che si tratti di una semplice pedina, mossa dagli interessi delle compagnie biotech senza etica – e di aziende biotecnologiche He ne possiede due – e dai loro ideologi intenzionati a presentarci un progresso sempre positivo, sempre teso a fare del bene, sempre rivolto al miglioramento dell’uomo.

L’eugenetica biotecnologica è l’arma di una pseudo-scienza che non conosce il limite etico, al punto di presentarsi sotto una veste «etica», quasi moralista: il fine è buono, anzi ottimo! Prevenire, non solo curare. Rendere perfetti, non solo migliorare. Superuomini, non solo uomini.

E chi non abbraccia questa sedicente morale, pecca di crudeltà, condannando l’uomo alla sua naturale imperfezione, alla malattia e alla morte.

Chi quegli embrioni li «fabbrica» li tratta come materiale biologico di scarto

 

La tecnica avanza sempre di più, ad una velocità spropositata. Sembra però non esserci più un argine bioetico, né cattolico né tanto meno laico e soprattutto giuridico capace di arginare questa macchina di morte. Quali rimedi?

L’argine non può esistere «fuori», nell’etica della scienza, nella legge, negli interessi economici che, alla fin fine, guidano la ricerca più dello stesso interesse scientifico.

 

L’argine si è rotto dentro di noi. Si è rotto l’argine della coscienza che giudica secondo la sola vera ed autentica legge morale, si è rotto travolto dalla corrente dell’etica della situazione, dal buonismo del fine che giustifica i mezzi, dal pensiero liquido che non risparmia nemmeno il mondo cattolico.

 

O ritorniamo a costruire l’argine etico alla luce della legge che Dio ha scritto nei nostri cuori e che la Tradizione e il Magistero di sempre non hanno fatto altro che aiutarci a meglio comprendere ed applicare, o soccomberemo anche noi al solito triste «chi sono io per giudicare?».

 

Cristiano Lugli

 

 

Pubblicato previamente su Riscossa Cristiana

Continua a leggere

CRISPR

La tecnologia CRISPR è la ricetta per la catastrofe, non una soluzione per la fame nel mondo

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Bill Gates, il World Economic Forum e gli investitori della Silicon Valley promuovono regolarmente la tecnologia di modifica genetica CRISPR come la soluzione per la sicurezza alimentare globale, ma gli scienziati hanno detto a The Defender che ci sono modi migliori e più sicuri per produrre cibo a sufficienza per tutti.

 

 

Bill Gates, il World Economic Forum (WEF), gli investitori della Silicon Valley e altri pubblicizzano regolarmente l’editing genetico, in particolare la tecnologia CRISPR, come la soluzione alla sicurezza alimentare globale.

 

Ma alcuni scienziati, inclusi due che hanno parlato con The Defender, sono critici nei confronti della tecnologia che, secondo loro, comporta rischi noti e sconosciuti. E inoltre, hanno detto, ci sono modi migliori e più sicuri per produrre cibo a sufficienza per tutti.

 

Claire Robinson, caporedattore di GMWatch, ha criticato gli scienziati pro-GE (ingegneria genetica), le autorità governative e un «media conformi» che «fuorviano le persone sul livello di complessità e rischio coinvolti nell’editing genetico, non importa i tentativi di fingere che non lo sia anche una forma di modificazione genetica».

 

Il dottor Michael Antoniou, capo del Gene Expression and Therapy Group al King’s College di Londra, ha affermato che CRISPR non porta “niente di utile” in agricoltura.

 

«Ci sono state molte segnalazioni in termini di modifica genetica delle colture alimentari», ha detto Antoniou. «Ma direi che ognuno di questi è una completa e totale perdita di tempo perché non ha fatto alcun bene al consumatore».

 

Nonostante i rischi e i discutibili vantaggi citati da Robinson e Antoniou, Bill Gates, il WEF e i principali produttori di prodotti chimici che detengono più brevetti CRISPR continuano a investire pesantemente nella tecnologia mentre fanno pressioni per indebolire o eliminare i controlli normativi.

 

 

«Tana libera tutti OGM», «ricetta per i disastri» che può causare «danni al DNA non intenzionali»

CRISPR – che sta per Clustered Regularly Interspaced Short Palindromic Repeats – agisce come un «preciso paio di forbici molecolari in grado di tagliare una sequenza di DNA bersaglio, dirette da una guida personalizzabile».

 

In altre parole, questa tecnologia consente agli scienziati di modificare sezioni di DNA «tagliando» porzioni specifiche di esso e sostituendole con nuovi segmenti. L’editing genetico non è un concetto nuovo, ma la tecnologia CRISPR è considerata più economica e precisa.

 

Il problema per Robinson è che CRISPR è tutt’altro che una tecnologia di «precisione».

 

«Penso che la cosa da ricordare con l’editing genetico, come tutte le forme di modificazione genetica, sia che può avere effetti indesiderati in termini di piante», ha detto Robinson. «Siamo preoccupati per tossine o allergeni imprevisti. Le piante sono naturalmente molto brave a produrre le proprie tossine, ma con la coltura convenzionale, sai cosa cercare».

 

«Il CRISPR non solo taglia il DNA nel punto di taglio previsto in quella sequenza prevista, perché ci saranno altre sequenze nel genoma che sono molto simili a quella sequenza bersaglio. Quindi può anche ritagliare altri punti in cui non vuoi che tagli. E può anche avere tutti i tipi di effetti a catena… in termini di danni al DNA che provoca al genoma» aggiunge.

 

«E la preoccupazione è con questi danni non intenzionali al genoma, nel caso di piante geneticamente modificate, la preoccupazione è che questo cambierà la composizione della pianta e potrebbe diventare inaspettatamente tossico o allergenico».

 

Lo stesso vale per quanto riguarda l’editing genetico degli animali, secondo Robinson:

 

«Questi erano anche rischi con gli OGM vecchio stile [organismi geneticamente modificati], e sono ancora i rischi con queste piante geneticamente modificate con animali».

 

«I rischi, se li stai modificando geneticamente… sono che ci saranno effetti a catena sugli animali, sul benessere o sulla salute che non possiamo prevedere, come deformità o cambiamenti nella funzione di alcuni geni nell’animale».

 

Antoniou ha concordato, affermando che «innatamente, l’editing genetico può anche causare danni al DNA non intenzionali … anche nel sito della modifica prevista o altrove nel DNA delle cellule bersaglio, con conseguenze a valle sconosciute».

 

Antoniou, Robinson e altri scienziati avvertono che il CRISPR non è la tecnologia miracolosa come la descrivono i suoi promotori.

 

«Non dovremmo cadere in questa trappola – né in un contesto medico né in quello agricolo – che la manipolazione dei geni in qualche modo sia la soluzione a tutti i nostri problemi. Dobbiamo esaminare una situazione e vedere dove il difetto genetico è il problema. Quindi possiamo entrare e provare a risolverlo» ha detto Antoniou a The Defender.

 

«Ma nella maggior parte dei casi ciò non è vero, e quindi dobbiamo guardare alla causa principale, che non è genetica».

 

Usando il cancro come esempio, Antoniou ha detto che «ha una funzione genetica difettosa alla base», ma «la causa del cancro non è stata quella che ha causato il danno genetico che ha causato il cancro in primo luogo».

 

Invece, l’esposizione a sostanze chimiche tossiche e inquinanti nell’ambiente e negli alimenti «sono le cause principali… dell’epidemia di malattie croniche».

 

In una campagna online, l’Institute for Responsible Technology condivide questo punto di vista, sostenendo che l’editing genetico «minaccia il nostro cibo e l’integrità genetica di tutti gli esseri viventi», aggiungendo che «è economico, facile, soggetto a effetti collaterali, scarsamente regolamentato e può alterare in modo permanente il patrimonio genetico della natura, una ricetta per il disastro».

 

Ciò significa, secondo la campagna, che «i nuovi OGM possono essere impiegati senza valutazioni di sicurezza di alcun tipo».

 

La campagna avverte inoltre che, poiché la tecnologia CRISPR è «economica e facilmente accessibile», potrebbe portare a una grande quantità di nuovi OGM nei prossimi 25 anni in cui «anche i prodotti certificati biologici e non OGM potrebbero essere travolti», in un «tana libera tutti OGM».

 

 

«Solo perché qualcosa somiglia a un pomodoro non significa che lo sia»

Un rapporto pubblicato sul Journal of Genetics and Genomics nel 2020 ha rilevato che l’editing genetico CRISPR nel riso ha provocato numerose mutazioni indesiderate e indesiderabili sul bersaglio e fuori bersaglio.

 

Antoniou ha descritto questo come «una grave svista, perché sappiamo che l’editing genetico non è preciso … le prove sono lì per dimostrare che avrai sempre un danno al DNA non intenzionale oltre a quello che vuoi … un intero spettro di danni al DNA non intenzionali che si accumulano a le molteplici fasi del processo di modifica genetica».

 

«Se non si tiene conto di questo, come sta accadendo in questo momento», ha affermato Antoniou, «lancerete un prodotto che potrebbe aver segnato dei cambiamenti nella sua biochimica e quindi nella sua composizione. E inclusa in quella composizione alterata dalla catena potrebbe esserci la produzione non intenzionale di tossine e allergeni», anche nelle colture alimentari.

 

Sia Robinson che Antoniou hanno sollevato preoccupazioni etiche in merito a CRISPR, con Robinson che ha affermato: «questi effetti inaspettati di CRISPR sono molto ben riconosciuti. Se ne parla nella letteratura scientifica… Gli scienziati sanno che queste cose non sono ancora pronte per essere avviate alla sperimentazione clinica. Nel complesso, non sono certamente pronti per essere utilizzati sui pazienti».

 

«Quindi, in campo medico, questi problemi sono ampiamente riconosciuti», ha continuato Robinson, «ma nel campo dell’editing genetico agricolo ci sono molte bugie… che rivendicano precisione, prevedibilità, sicurezza, quando non solo non ci sono prove per queste cose, ma anche le prove esistenti suggeriscono che c’è molto di cui preoccuparsi».

«Lo ignorano perché… “oh, beh, vedi questo pomodoro, cresce come un pomodoro, sembra un pomodoro, ha il sapore di un pomodoro, quindi non c’è niente di sbagliato in questo”.  Ma mi dispiace, no. Solo perché qualcosa assomiglia a un pomodoro non significa che lo sia», ha aggiunto Antoniou.

 

 

C’è una «lobby potente» per esentare dalla regolamentazione piante e animali geneticamente modificati

Secondo Robinson, c’è «una lobby molto potente» che sostiene che piante e animali geneticamente modificati dovrebbero essere esentati dalle normative che regolano gli OGM – e ciò potrebbe portare a «nessun test di sicurezza, test di sicurezza pre-commercializzazione, nessuna etichettatura di OGM e non sarebbe tracciabilità».

 

«Scoprirete che molte bugie vengono raccontate sull’editing genetico dai suoi sostenitori», ha detto Robinson. «Diranno, “oh, non inseriamo geni estranei”. Non è corretto. Il CRISPR può essere utilizzato non solo per inserire deliberatamente geni estranei, ma può anche comportare inavvertitamente l’inserimento di materiale genetico estraneo durante il processo di modifica dei geni perché non è completamente controllato».

 

Di conseguenza, Robinson dichiara che «e qualcosa fosse andato storto, non saremmo in grado di rintracciarne la causa, perché quella pianta geneticamente modificata non sarebbe etichettata come OGM e potrebbe non esserci alcuna registrazione che sia un OGM».

 

Antoniou ha affermato che «nessuno di questi prodotti» e «nessuno di questi raccolti e dei loro prodotti è stato testato correttamente».

 

«Non sto dicendo che i prodotti che sono stati sviluppati finora siano dannosi. Il motivo per cui non posso dirlo è perché il lavoro non è stato fatto» aggiunge.

 

Per Antoniou, i sostenitori del CRISPR stanno dimostrando «pura arroganza». «Sono così completamente sicuri della cosiddetta prevedibilità delle previsioni e quindi della sicurezza del loro prodotto che diventano… incredibilmente compiacenti e semplicemente non sono preparati a fare ciò che, per me, la scienza dice che dovresti fare – che è una caratterizzazione completa, una valutazione del rischio per la salute e una valutazione del rischio ambientale».

 

 

Riguarda il controllo delle multinazionali sull’approvvigionamento alimentare

La stessa potente lobby che sta combattendo la regolamentazione sta anche contribuendo all’alto costo della tecnologia CRISPR, principalmente attraverso i brevetti.

 

Molti brevetti CRISPR sono di proprietà di Corteva Agriscience, un conglomerato formato dalla fusione di Dow AgroSciences e DuPont/Pioneer.

 

«La tecnologia è brevettata, i prodotti sono brevettati. Pertanto, si tratta di aumentare il controllo aziendale sull’approvvigionamento alimentare», ha affermato Robinson. «Sappiamo tutti che a Gates piace quella che chiamerei “tecnologia a sorgente chiusa”: una tecnologia brevettata che non è gratuita ma è di proprietà».

 

«Quello che vogliamo evitare», ha detto Robinson, «è una situazione in cui l’approvvigionamento alimentare finisce per essere interamente brevettato, di proprietà di grandi società … I brevetti su CRISPR sono per lo più di proprietà di Corteva. Un altro titolare di brevetto era la Monsanto, ora di proprietà della Bayer».

 

Secondo Antoniou, poiché Corteva detiene i diritti di brevetto per le domande CRISPR in agricoltura, chiunque altro voglia entrare «deve prima prendere una licenza da loro per sviluppare e, soprattutto, per poi commercializzare un prodotto. Poi ci saranno tasse enormi da restituire, senza dubbio, a Corteva».

 

Ciò significa, ha detto Robinson, «che se un agricoltore voleva piantare un seme o noi vogliamo mangiare un alimento, stiamo pagando da qualche parte lungo la linea … puoi vedere dove sta andando: maggiore consolidamento dell’approvvigionamento alimentare e dell’offerta di semi … In pratica ci verrà detto che tipo di cibo vogliono che mangiamo», compresi carne e latticini coltivati ​​in laboratorio.

 

Antoniou ha detto a The Defender:

 

«E quindi abbiamo piccole e grandi aziende che cercano di modificare geneticamente le colture alimentari chiave … per cose che chiaramente credono porteranno loro denaro … I brevetti ti danno il controllo e quindi puoi addebitare ciò che vuoi, puoi dettare ciò che gli agricoltori coltivano, e puoi dettare ciò che il pubblico mangia».

 

«Non ha niente a che fare con il nutrire il mondo. Non ha nulla a che fare con la generazione di raccolti meravigliosi per affrontare le sfide del cambiamento climatico. Non ha niente a che fare con… rese elevate e così via. Tutto ha a che fare con il controllo dell’approvvigionamento alimentare e il guadagno, e questo per me è totalmente e assolutamente immorale».

 

«È incredibile quante promozioni della tecnologia di editing genetico in agricoltura inizino con l’idea che non produciamo cibo a sufficienza e c’è carenza di cibo, e quindi dovremo usare l’editing genetico per aumentare la produzione agricola» concorda Robinson.

 

Ma questa linea di pensiero è «una sciocchezza a molti livelli», ha detto Robinson, aggiungendo:

 

«Non c’è carenza di cibo nel mondo. Anche in quei paesi dove ci sono terribili problemi di fame, producono cibo ed è disponibile per chi ha soldi».

 

«Ma il problema della fame è, ovviamente, la povertà. Il fallimento delle infrastrutture, il fatto che non puoi portare il cibo alle persone affamate. Ma soprattutto sono le disuguaglianze, cose come guerre e conflitti in corso in alcuni Paesi che significano che le catene di approvvigionamento sono interrotte. Quindi davvero, non c’è carenza di cibo e probabilmente non ci sarà mai».

 

 

Gates, WEF, Silicon Valley “ossessionato” dal CRISPR

Robinson ha detto di non essere sorpresa che il WEF sia interessato alla tecnologia CRISPR, aggiungendo:

 

«Non sono un esperto del WEF, ma so che sono estremamente appassionati di tutte queste cose come la tecnologia dei bioreattori, GM – soluzioni tecnologiche ai nostri problemi agricoli e alimentari».

 

«Sono molto interessati al controllo multinazionale di quasi tutto. Quindi, sì, dobbiamo stare attenti a come viene promossa quell’agenda».

 

CRISPR è anche «un’ossessione della Silicon Valley», secondo Robinson, e «di alcuni investitori molto ricchi… [secondo cui] mangeremo tutti carne e latticini coltivati ​​in laboratorio».

 

Ma Robinson ha detto che questo è un «sogno irrealizzabile, perché i costi energetici e i costi delle risorse delle tecnologie dei bioreattori sono in realtà enormi, e semplicemente non sarà possibile, specialmente in un clima di bollette energetiche in aumento… Semplicemente non sarà possibile per nutrire migliaia o milioni di persone con i prodotti di queste tecnologie».

 

Antoniou ha detto a The Defender: «Bill Gates ha acquistato [CRISPR] alla grande e sempre di più, perché è stato un convinto sostenitore della modificazione genetica delle colture per decenni… a causa della sua ferma convinzione nelle soluzioni tecnologiche a tutto, non sono sorpreso che ora è entrato anche nel settore dell’editing genetico».

 

Descrivendo gli sforzi di Gates per introdurre le colture OGM in Africa come «completi fallimenti», ha aggiunto che «nessun raccolto geneticamente modificato ha contribuito positivamente al sostentamento delle popolazioni in Africa, e in molti casi è andato il contrario».

 

Robinson, a sua volta, ha descritto Gates come «un vero appassionato di OGM», aggiungendo che «investe molti più soldi nelle soluzioni di editing genetico di quanto non faccia nell’allevamento convenzionale, sebbene quest’ultimo abbia avuto molto successo e molto economico in confronto».

 

Questo potrebbe spiegare perché Gates sta acquistando grandi quantità di terreni agricoli, ha affermato Robinson, in una tendenza che ha descritto come «preoccupante»:

 

«Penso che sia una tendenza incredibilmente preoccupante. Sta acquistando terreni agricoli… e anche aziende sempre più grandi stanno acquistando terreni agricoli in tutto il mondo».

 

«Ciò significa fondamentalmente che estendono il loro controllo sull’approvvigionamento alimentare perché la persona che possiede la terra può decidere cosa fare su quella terra, [incluso] se decide di voler coltivare solo colture geneticamente modificate e che tutte le colture che lo faranno essere cresciuto sarà GM».

 

Il Daily Mail, citando l’Associated Press, ha notato che Gates è considerato il più grande proprietario privato di terreni agricoli negli Stati Uniti, avendo «accumulato silenziosamente» quasi 270.000 acri.

 

E in India, la Monsanto – di cui Gates era stato a lungo uno dei principali azionisti – ha assunto il famoso attore indiano Nana Petakar, come «ambasciatore del marchio» per promuovere i semi di cotone geneticamente modificati.

 

Gli agricoltori indiani sono stati incoraggiati a utilizzare i semi, che in molti casi sembrano aver prodotto raccolti inferiori a quelli promessi. Gli agricoltori spesso contraevano debiti significativi, provocando una massiccia ondata di suicidi. Secondo quanto riferito, nel 2014 più di 270.000 agricoltori si erano suicidati come diretta conseguenza.

 

Gates ha anche dichiarato che «tutti i Paesi ricchi dovrebbero passare al 100% di carne sintetica».

 

Robinson ha affermato di sospettare che anche Gates possa essere interessato alla tecnologia CRISPR per il suo potenziale di modificare i geni umani:

 

«Sospetto che stia anche valutando la possibilità di modificare i geni con gli esseri umani CRISPR, che è qualcosa che sta per emergere sempre più».

 

«C’è questa idea che dovresti modificare i geni degli esseri umani in modo che non ereditino malattie genetiche. Ma dobbiamo anche considerare la possibilità che alcuni attori cercheranno di modificare il gene [degli] esseri umani per determinati tratti».

 

Robinson ha detto che questo «mercifica il materiale genetico degli esseri umani» e potrebbe includere «cose ​​​​come altezza, intelligenza, colore della pelle, colore degli occhi, atletismo e così via» che sarebbero «tratti commerciabili per il pubblico in generale» – anche se il la tecnologia «non sarà accessibile a molte persone».

 

Tali preoccupazioni non sono teoriche. Nel 2018, il biofisico cinese He Jiankui ha annunciato la creazione dei primi bambini al mondo modificati geneticamente, modificando il DNA negli embrioni umani.

 

Per questo, Jiankui è stato condannato a tre anni di carcere e multato di 3 milioni di yuan (560.000 euro circa) per aver praticato la medicina senza licenza, aver violato i regolamenti sulla tecnologia di riproduzione assistita dall’uomo e aver fabbricato documenti di revisione dell’etica.

 

Ciò ha portato anche a richieste internazionali per una moratoria su ciò che è noto come editing della linea germinale umana.

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

 

© 17 ottobre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

CRISPR

Ricercatori usano zanzare OGM per vaccinare gli esseri umani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Renovatio 21 da almeno un lustro ritiene la storia delle zanzare bioingegnerizzate – alle quali, ricordiamo en passant, lavorava anche il neo-onorevole professor Andrea Crisanti – come uno dei temi centrali del futuro prossimo. Zanzare sterilizzate per via genetica, zanzare alterate per diventare creature vaccinatrici: il catalogo frankensteiniano che riguarda questi parassiti è vasto e impressionante, e, crede Renovatio 21, prelude a ciò che succederà all uomo.

 

 

Il National Institutes of Health ha finanziato uno studio sperimentale sul vaccino contro la malaria che utilizzava zanzare geneticamente modificate per vaccinare gli esseri umani. La Bill & Melinda Gates Foundation ha stretti legami con la ricerca.

 

 

Il National Institutes of Health (NIH) ha finanziato uno studio sperimentale sul vaccino contro la malaria che utilizzava zanzare geneticamente modificate (GM) per vaccinare gli esseri umani.

 

Un team di ricercatori dell’Università di Washington ha condotto lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine.

 

Lo studio ha coinvolto 26 partecipanti che hanno ricevuto da tre a cinque «iniezioni» – cioè  morsi da una piccola scatola contenente 200 zanzare GM – in un periodo di 30 giorni.

 

Sanaria , una società finanziata in parte dalla Bill & Melinda Gates Foundation (BMGF), è strettamente collegata alla ricerca e i ricercatori coinvolti nella sperimentazione utilizzano una tecnologia di editing genetico fortemente promossa da Bill Gates.

 

 

Zanzare geneticamente modificate usate come «siringhe volanti»

Lo studio ha utilizzato zanzare Plasmodium che causano la malaria che sono state geneticamente modificate per evitare di causare malattie negli esseri umani per infettare i partecipanti con una versione «minore» della malaria , insufficiente a causare malattie gravi, ma sufficiente a far sì che gli esseri umani creino anticorpi.

 

Il dottor Sean Murphy , autore principale dello studio, ha detto a NPR: «usiamo le zanzare come se fossero 1.000 piccole siringhe volanti».

 

Nonostante la pubblicità generata da questo studio, tuttavia, i risultati sembrano essere stati contrastanti.

 

Dei 14 partecipanti allo studio esposti alla malaria, sette hanno contratto la malattia. Per i restanti sette la protezione conferita dal vaccino non è durata più di qualche mese e alla fine è svanita.

 

Secondo lo studio:

 

«Metà degli individui in ciascun gruppo vaccinato non ha sviluppato un’infezione rilevabile da P. falciparum e un sottogruppo di questi individui è stato sottoposto a una seconda [infezione da malaria umana controllata] 6 mesi dopo ed è rimasto parzialmente protetto».

 

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), «le infezioni causate da P. falciparum hanno maggiori probabilità di evolvere in forme gravi e potenzialmente fatali» di malaria.

 

Secondo quanto riferito, le reazioni avverse nei partecipanti allo studio erano «quello che ci si aspetterebbe dopo essere stati morsi da centinaia di zanzare e nient’altro».

 

Ad esempio, la partecipante al processo Carolina Reid ha detto a NPR che il suo intero avambraccio era «gonfio e pieno di vesciche».

Nonostante i risultati contrastanti dello studio, i ricercatori hanno affermato che «i risultati supportano l’ulteriore sviluppo di sporozoiti geneticamente attenuati come potenziali vaccini contro la malaria».

 

I ricercatori hanno suggerito diversi motivi per utilizzare zanzare vive piuttosto che un vaccino che potrebbe essere somministrato tramite una siringa, incluso il fatto che l’uso di insetti vivi aveva un senso, poiché il parassita P. falciparum matura rapidamente all’interno della zanzara.

 

Inoltre, il processo di sviluppo di una versione del parassita che potrebbe essere somministrato tramite una siringa è stato descritto come «costoso e dispendioso in termini di tempo».

 

Tuttavia, secondo Murphy lo studio non sarà utilizzato per la vaccinazione di massa degli esseri umani. Tuttavia, i ricercatori coinvolti nello studio hanno affermato di ritenere che l’approccio utilizzato possa alla fine portare allo sviluppo di un vaccino contro la malaria «sostanzialmente più efficace».

 

Attualmente è in uso un solo vaccino contro la malaria. Il vaccino RTS,S prodotto da GlaxoSmithKline è stato approvato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nell’ottobre 2021, ma secondo quanto riferito ha un tasso di efficacia di solo il 30-40%.

 

La dottoressa Kirsten Lyke, ricercatrice di vaccini presso l’Università del Maryland, ha descritto l’uso di un parassita vivo geneticamente modificato come vaccino come «un punto di svolta totale», affermando che il team di ricercatori «con questo è andato alla vecchia maniera».

 

«Tutte le cose vecchie diventano di nuovo nuove», ha detto Lyke a NPR.

 

Lyke, che non è stata coinvoltoa nello studio sulla malaria della zanzara OGM, ha condotto gli studi di fase 1 per il vaccino Pfizer/BioNTech COVID-19 ed è stato anche co-investigatore per gli studi sui vaccini COVID-19 somministrati da Moderna e Novavax.

 

Stefan Kappe, un parassitologo dell’Università di Washington e del Seattle Children’s Research Institute – che è stato uno degli autori dello studio – ha affermato che l’approccio descritto da Lyke è già in fase di elaborazione dal team, aggiungendo che il team crede che «noi ovviamente può fare di meglio».

 

Tuttavia, secondo Kappe , «l’aumento della capacità di produzione per aumentare la produzione richiederà investimenti».

 

Il team di ricerca ha affermato che il vaccino sviluppato da questo processo verrà eventualmente somministrato tramite siringhe, al fine di somministrare un «dosaggio più accurato».

 

Secondo Lyke, l’uso di una versione leggermente più matura del parassita GM utilizzato durante questo studio potrebbe equipaggiare meglio il corpo umano per preparare una risposta immunitaria.

 

Murphy ha aggiunto che l’approccio del suo team utilizza un intero parassita indebolito piuttosto che una delle proteine ​​prodotte dal parassita, come con il vaccino RTS,S.

 

 

Un’azienda collegata a Gates ha fornito parassiti OGM utilizzati nel processo

Secondo NPR, l’Università di Washington ha collaborato con Sanaria , una «piccola azienda» che produce i parassiti modificati.

 

Secondo il suo sito web, Sanaria è «una società di biotecnologie che sviluppa vaccini protettivi contro la malaria» e i suoi «vaccini si sono dimostrati altamente protettivi contro l’infezione da Plasmodium falciparum negli esseri umani».

 

La società ha anche affermato di aver sviluppato «un approccio innovativo alla malaria utilizzando gli sporozoiti (SPZ) di Plasmodium falciparum (PF) come piattaforma tecnologica per immunizzare le persone contro l’infezione da malaria».

 

Due dei donatori elencati di Sanaria – PATH MVI e l’ Institute for OneWorld Health – sono beneficiari di finanziamenti dal BMGF.

 

PATH, che ha fondato la Malaria Vaccine Initiative (MVI), si descrive come «un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro che guida l’innovazione trasformativa per salvare vite umane e migliorare la salute», lavorando «con partner dell’industria privata, del governo e del mondo accademico per sviluppare vaccini contro la malaria».

 

PATH MVI ha affermato che fornisce consulenza e collabora con «istituzioni pubbliche, imprese, gruppi di base e investitori per affrontare i problemi sanitari globali più difficili del mondo, tra cui la malaria, un parassita notoriamente complesso».

 

Già nel 2008, quando ha ricevuto una sovvenzione di 168 milioni di dollari , PATH MVI ha ricevuto finanziamenti dal BMGF.

 

Oltre al BMGF, altri donatori PATH MVI includono Chevron, ExxonMobil Foundation, USAID Malaria Vaccine Development Program e Open Philanthropy.

 

Mentre Open Philanthropy – uno dei cui principali finanziatori è Dustin Moscovitz, co-fondatore di Facebook insieme a Mark Zuckerberg – ha finanziato una simulazione del vaiolo delle scimmie che «prediceva» una pandemia globale di vaiolo delle scimmie nel maggio 2022, lo stesso mese in cui si è verificata un’epidemia.

 

Open Philanthropy, nell’ultimo decennio, ha fornito centinaia di milioni di dollari in donazioni e sovvenzioni per «salute globale», «biosicurezza e preparazione alla pandemia» e «rischi catastrofici globali».

 

A sua volta, l’Institute for OneWorld Health, che afferma di essere «partner[i] con le comunità dei paesi in via di sviluppo per fornire assistenza sanitaria permanente e sostenibile alle persone cronicamente svantaggiate», ha ricevuto numerose sovvenzioni dal BMGF , inclusa una sovvenzione del 2004 per lo sviluppo di un vaccino contro la malaria.

 

Altri donatori Sanaria includono il NIH e il National Institute of Allergy and Infectious Diseases, guidato dal Dr. Anthony Fauci , e i Centers for Disease Control and Prevention, il Center for Infectious Disease Research, il National Institute of Standards, il Military Infections Disease Research Program e l’European Vaccine Initiative.

 

 

L’entusiasmo di Gates per la tecnologia di editing genetico «fuori scala»

Uno dei nuovi aspetti del processo dell’Università di Washington è stato che i parassiti utilizzati sono stati «disarmati» utilizzando strumenti di editing genetico CRISPR – o Clustered Regularly Interspaced Short Palindromic Repeats.

 

Il CRISPR è descritto come «un componente del sistema immunitario batterico in grado di tagliare il DNA» che «è stato riproposto come strumento di editing genetico», agendo «come un preciso paio di forbici molecolari in grado di tagliare una sequenza di DNA bersaglio, guidate da una guida personalizzabile» — un pezzo di RNA con una sequenza «guida» che si attacca alla sequenza di DNA bersaglio.

 

Secondo geekwire.com:

 

«Quando si tratta di combattere la malaria e altre malattie trasmesse dalle zanzare… CRISPR-Cas9 e altri strumenti di modifica genetica vengono utilizzati per modificare il genoma degli insetti per garantire che non possano trasmettere i parassiti che causano quelle malattie».

 

Gates, un entusiasta sostenitore del CRISPR, aveva precedentemente suggerito che il CRISPR potesse essere utilizzato per eliminare le zanzare che trasmettono la malaria.

 

Secondo un rapporto di Business Insider del 2018:

 

«Gates sostiene da tempo l’utilizzo di strumenti di editing genetico. È stato uno dei primi investitori in Editas Medicine , una delle prime aziende a iniziare a provare a utilizzare CRISPR per eliminare le malattie umane».

 

«I ricercatori della Gates Foundation hanno lavorato per quasi un decennio sui modi per utilizzare l’editing genetico per migliorare le colture e per spazzare via le zanzare portatrici di malaria».

 

In un articolo su Foreign Affairs del 2018 scritto da Gates, ha affrontato in modo specifico le potenziali applicazioni di CRISPR relative alla malaria:

 

«Gli scienziati stanno anche esplorando altri modi per utilizzare il CRISPR per inibire la capacità delle zanzare di trasmettere la malaria, ad esempio introducendo geni che potrebbero eliminare i parassiti mentre attraversano l’intestino di una zanzara nel loro cammino verso le sue ghiandole salivari, il percorso principale attraverso il quale le infezioni vengono trasmesse all’uomo».

 

In un post sul blog del 2021 che affrontava i recenti sviluppi relativi al CRISPR, Gates ha affermato che la sua «eccitazione per il CRISPR è cresciuta da molto alta a fuori scala».

 

E in un tweet di luglio che commemora il decimo «compleanno» di CRISPR , Gates lo ha descritto come «una delle invenzioni più importanti in medicina, biologia e agricoltura».

 

Gates ha anche contribuito a finanziare il vaccino contro la malaria RTS,S attualmente approvato, così come GAVI, The Vaccine Alliance, con cui il BMGF è un partner.

 

Alcuni scienziati, tuttavia, sono meno entusiasti delle applicazioni di modifica genetica di CRISPR, avvertendo che potrebbero avere conseguenze dannose e indesiderate.

 

Ad esempio, in una testimonianza presentata al Parlamento britannico nel 2020, gli scienziati Claire Robinson di GMWatch e Michael Antoniou del King’s College di Londra hanno avvertito:

 

«Gli OGM (compreso l’editing genetico) di colture, animali e alimenti portano a diversi tipi di mutazioni genetiche non intenzionali, che alterano in modo imprevedibile la funzione di molteplici sistemi genetici dell’organismo».

 

«I modelli alterati della funzione genica cambieranno in modo imprevedibile la biochimica dell’organismo».

 

E anche Gates, nel suo articolo su Foreign Affairs del 2018, non poteva ignorare la miriade di controversie etiche associate al CRISPR.

 

Tuttavia, Gates e il BMGF sono stati sostenitori delle zanzare GM anche oltre il CRISPR.

 

Ad esempio, il BMGF ha fornito finanziamenti a Oxitec, un’azienda che ha condotto progetti pilota in Florida e Brasile utilizzando zanzare GM, presumibilmente con l’obiettivo di ridurre la diffusione dei virus trasmessi dalle zanzare.

 

In Brasile, si diceva che le zanzare GM rilasciate non avessero la capacità di produrre prole, ma si scoprì comunque che si erano riprodotte.

 

Secondo quanto riferito, il BMGF è stato anche «pesantemente coinvolto» in sperimentazioni sull’utilizzo di zanzare GM in India – e si è persino spinto a proporre, nel 2017, insieme al Johns Hopkins Center for Communication Programs, lo sviluppo di un’emoji di zanzara, da «usare per campagne di salute pubblica».

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

© 3 ottobre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Alimentazione

Allucinante video di Bill Gates sulla pannocchia: la bioingegneria del Grande Reset alimentare diventa cringe

Pubblicato

il

Da

Il magnate globale Bill Gates ha lanciato sul suo canale un allucinante video che parla di pannocchie.

 

Nel filmato il primo finanziatore dell’OMS appare con una maglietta con stampata sopra una pannocchia mentre parla con una voce distorta di bambina.

 

La musica mostra una serie di immagini montate rapidamente, come un videoclip, dove foto apparentemente ritoccate di Gates bambino si alternano a immagini di grano, campi e a scritte didascaliche sull’importanza del granturco.

 

Nel filmato il miliardario continua a cantare con la voci di bimba anche mentre addenta con avidità una gialla pannocchia.

 

Si tratta con certezza di una delle vette di quello che oggi si chiama cringe.

 

 

Il video è pensato sin dal titolo («It has the juice – and it’s at risk») per trasmettere l’idea che le coltivazioni di grano sono a rischio: di qui immagini catastrofiche di campi resi infertili, aiutano a capire le didascalie, dall’«impatto del cambiamento climatico».

 

Il filmato è stato postato nel canale YouTube ufficiale di Bill Gates, lo stesso che, come sa il lettore di Renovatio 21, aveva ospitato i suoi stranissimi e costosissimi spot all’ingegneria genetica CRISPR-CAS9, nei quali peraltro parlava proprio dei suoi investimenti per bioingegnerizzare l’agricoltura.

 

Come noto, Bill Gates nel 2020 è divenuto il primo proprietario terriero degli USA – curiosa coincidenza in un mondo dove il suo amico di Davos Klaus Schwab dice al resto dell’umanità «non avrai nulla e sarai felice».

 

Come l’immane investimento in latifondi si incastri con il resto dei suoi investimenti, dall’elettronica ai vaccini, lo spiegò in un articolo di due anni fa Robert F. Kennedy jr.

 

«Per un uomo ossessionato dal controllo monopolistico, l’occasione di dominare anche la produzione alimentare deve sembrare irresistibile» scrisse Kennedy.

 

«L’approccio tipico di Gates ai problemi globali pone la tecnologia e i suoi partner dell’industria chimica, farmaceutica e petrolifera al centro di ogni soluzione. La “strategia innovativa” di Gates per la produzione alimentare è stata quella di imporre il fallimentare sistema americano di agricoltura basata su OGM, prodotti chimici e combustibili fossili ai poveri agricoltori africani».

 

«Il numero di africani che soffrono di fame estrema è aumentato del 30 per cento nei 18 Paesi presi di mira da Gates. La povertà rurale si è metastatizzata in modo drammatico e il numero di persone che soffrono la fame in queste nazioni è salito a 131 milioni»

 

«Sotto il sistema di piantagioni di Gates, le popolazioni rurali africane sono diventate schiave sulla propria terra di una tirannica servitù di strumenti high-tech, meccanizzazione, orari rigidi, condizionalità gravose, crediti e sussidi che sono le caratteristiche distintive della “Rivoluzione Verde” di Bill Gates» accusa Kennedy jr.

 

«Gates ha imparato a ingrassare sulle crisi globali, che si tratti di pandemie, clima, carestia o estinzione di massa. Il cambiamento climatico ha fornito a Gates una scusa per creare monopoli su sementi, cibo e agricoltura (…)Nel costruire il suo impero agricolo, Gates si è ripetutamente dimostrato disposto a ignorare le voci di scienziati e agricoltori e di calpestare leggi, trattati, tradizioni, diritti civili, scienza e sensibilità».

 

«Gates rafforza la sua logica in materia di brevetti utilizzando la tecnologia CRISPR per modificare selettivamente il patrimonio genetico dei semi, apportando modifiche sufficienti per resistere alle sfide dei brevetti (…) Centralizzando le Banche dei Semi e manipolando le leggi sulla proprietà intellettuale, Gates ha lanciato una campagna di «colonialismo genetico» per depredare i contadini del mondo e gli agricoltori indigeni dei loro sudati semi e della loro conoscenza».

 

Queste considerazioni era condivise anche dall’analista geopolitico William F. Engdahl, il quale ha dettagliato in un articolo di due anni fa come la Fondazione Gates abbia operato una sorta di prova generale in Africa distruggendone di fatto l’economia alimentare.

 

Engdahl spiegò che la Gates Foundation è un azionista significativo di Monsanto, ora parte di Bayer. «La Fondazione Bill e Melinda Gates ha ereditato l’agenda dei Rockefeller dal complesso medico-industriale all’istruzione alla trasformazione dell’agricoltura».

 

L’agenda alimentare Rockefeller, è possibile leggere in un altro articolo pubblicato da Renovatio 21, è risalente…

 

«La globalizzazione della produzione alimentare mondiale e la creazione dell’agrobusiness, prima guidata dalla Fondazione Rockefeller e oggi con la Fondazione Gates che assume un ruolo più visibile, è forse il fattore più minaccioso per la salute e la mortalità mondiale, molto più di quanto qualsiasi coronavirus abbia dimostrato di esserlo» spiegava Engdahl, che dava dettagli su programmi disastrosi avvenuti in Africa i quali riguardavano esattamente il mais.

 

Come riportato da Renovatio 21, con ogni evidenza Gates sta preparando un Grande Reset alimentare.

 

«La Gates Foundation, alimentata da una “empia alleanza” tra il grande capitale, le istituzioni scientifiche e tecnologiche e gli stati, abbia stabilito un impero globale sulla vita» scrive un vecchio articolo di Children’s Health Defense.

 

Si tratta della diligente conseguenza di chi vuole il controllo – cifra principale della cibernetica – sull’umanità: si persegue il controllo dell’uomo per via biochimica tramite i canali di assunzione di sostanze dell’organismo, i medicinali (come i vaccini…) e financo gli alimenti.

 

Pensateci un secondo. Cerchiamo di ripetere il concetto.

 

Dopo aver ottenuto l’accesso al sistema sanitario mondiale – cioè a sostanze immesse nel corpo dell’umanità per via sottocutanea – Gates sta ottenendo il controllo sul sistema alimentare, cioè sulle sostanze immesse per via digerente.

 

C’è un salto di qualità: i farmaci si possono rifiutare, dei vaccini si può fare a meno. Del cibo no.

 

È il dominio biochimico sulla vita che si sta realizzando, giorno dopo giorno, sotto i nostri occhi.

 

Anche a suon di video talmente cringe da farceli sanguinare.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari