Connettiti con Renovato 21

CRISPR

L’Eugenetica cinese delle gemelle CRISPR

Pubblicato

il

 

 

Pochi giorni fa il ricercatore cinese Jiankui He, genetista della Southern University of Science and Technology di Shenzen, ha dichiarato al mondo di aver fatto nascere due gemelle geneticamente modificate. L’annuncio è stato fatto attraverso il canale YouTube del medico, che aveva rilasciato alcune anticipazioni all’agenzia Associated Press. L’esperimento avrebbe coinvolto sette coppie di cinesi adulti, i cui maschi sono portatori del virus HIV. Il fine di He era quello di far nascere due bambini con DNA modificato, per renderli resistenti al virus HIV dell’Aids.

 

Ventidue, a dire di He, gli embrioni sacrificati per questo esperimento disumano, sedici dei quali sarebbero stati modificati geneticamente attraverso una tecnica di «taglia e cuci» genetico.

 

Un’eugenetica positiva, fondata sulla selezione, sull’utile e sul «potenziamento», che mira a creare una società di «più che perfetti».

 

Si badi bene che la specie più resistente e inattaccabile rispetto al virus HIV è quella degli scimpanzé. Non sono pochi i laboratori di bioingegneria che hanno già pensato a come raggiungere la nuova frontiera della genetica preventiva: la frontiera dei bambini transgenici con geni di scimmia, immuni all’AIDS e ad altre malattie.

Un’eugenetica positiva, fondata sulla selezione, sull’utile e sul «potenziamento», che mira a creare una società di «più che perfetti».

 

Uomini vaccinati preventivamente. Vaccini umani.

 

Spaventa il livello di transumanesimo raggiunto sempre più velocemente, nel silenzio delle Accademie per la Vita.

 

Di tutto questo inferno bioetico, in particolare del caso cinese, abbiamo parlato con la dottoressa Martina Collotta, medico esperto di bioetica e in particolare delle nuove frontiere biotech attraverso le quali l’uomo tenta di sostituirsi a Dio, all’Incarnazione di Cristo, pronunciando orgogliosamente il proprio non serviam.

Uomini vaccinati preventivamente. Vaccini umani.

 

Dottoressa Collotta, il genetista cinese Jiankui He ha recentemente annunciato di aver fatto nascere due gemelle con DNA modificato per «proteggerle» dal virus HIV. Partiamo dal mezzo di comunicazione prescelto: perché un ricercatore dovrebbe presentare al mondo una nuova scoperta o un esperimento riuscito attraverso un video YouTube?

Tutto quello che ha a che fare con questa «scoperta» appare fortemente criticabile, proprio a partire dal modus operandi.

 

E allora? Tutti gli embrioni dovrebbero essere manipolati geneticamente perché l’AIDS scompaia?

Quando una ricerca viene ultimata, sia che si tratti di ricerca di base che di ricerca clinica, la prima ad essere informata deve essere la comunità scientifica, attraverso il mezzo della pubblicazione scientifica. Questo permette, prima di tutto, un «controllo di qualità» su quanto affermato dallo scienziato: come ha condotto l’esperimento? I dati che ha ottenuto sono verosimili? Se sono coinvolte persone, sono stati rispettati i criteri etici?

 

Solo se a queste domande si ottengono risposte positive, l’articolo che presenta la ricerca può essere preso in considerazione per la pubblicazione e, dunque, per l’ufficializzazione della scoperta, lasciando inoltre, sempre, lo spazio a critiche dei colleghi, dei pari, alle «peer review» in cui ogni altro scienziato può dire la sua circa il modo di condurre le ricerche e provare a sua volta a ripeterle per confermare o smentire i dati.

 

Saltare questo percorso obbligato, condiviso dalla comunità scientifica proprio per evitare le «fake news» della ricerca, significa essere consapevoli che qualcosa, nello studio condotto, non rispetta i canoni della scienza, non escludendo quelli etici che sono un elemento essenziale per la validità scientifica della ricerca stessa. Usare i canali non ufficiali equivale a farsi o a fare pubblicità, a destare scalpore; una trovata che arriva a colpire l’opinione pubblica senza filtri e che, per questo, può essere molto pericolosa.

 

Nel caso in cui si trattasse di un fake, a quale scopo tutto questo?

Considerando che He ha detto di aver modificato il DNA delle due bambine allo scopo di renderle immuni al contagio dell’HIV, pubblicizzare la sua scoperta – ammesso, appunto, che non sia una fake news -, equivarrebbe ad un tentativo di sdoganare le biotecnologie con un fine eugenetico. Nobile fine! Eliminare l’AIDS! Peccato che come ben sappiamo il fine non giustifica mai i mezzi.

 

L’HIV è un «mostro nero», è una malattia ad elevato valore simbolico, a impatto emotivo. Dire che ora abbiamo a disposizione un’arma, quella del «taglia e cuci» del DNA, che non si limita, per così dire, alla cura, ma addirittura evita il contagio, lo previene, significa far pensare che questa sia la soluzione ottimale

Perché proprio l’HIV?

È tutto molto ben studiato: l’HIV è un «mostro nero», è una malattia ad elevato valore simbolico, a impatto emotivo. Dire che ora abbiamo a disposizione un’arma, quella del «taglia e cuci» del DNA, che non si limita, per così dire, alla cura, ma addirittura evita il contagio, lo previene, significa far pensare che questa sia la soluzione ottimale.

 

Sembra proprio essere un ballon d’essai lanciato al solo scopo di far credere che l’eugenetica salverà il mondo dalle malattie infettive e da chissà che altro.

 

Tra l’altro, la trasmissione materno-fetale dell’HIV oggi è evitata dai farmaci, dunque, pur ipotizzando anche questa eventualità da prevenire, non vi sarebbe certo bisogno di intervenire sul DNA quando un esiste un trattamento molto meno invasivo e, soprattutto, moralmente lecito. Intervenire in questo modo sul genoma, significa voler prevenire un futuro contagio. E allora? Tutti gli embrioni dovrebbero essere manipolati geneticamente perché l’AIDS scompaia?

 

In Cina si consuma il nuovo transumanesimo della genetica. Perché secondo lei?

Una scienza senza etica conduce a qualsiasi aberrazione, non ultima quella del transumanesimo, della distruzione della persona umana con il fine di creare un uomo nuovo su misura, perfetto, indistruttibile… perfino immortale.

 

In Cina l’etica fatica ad entrare in qualsiasi campo, non solo quello della scienza purtroppo: pensiamo all’economia cinese e, soprattutto, pensiamo a di quale ideologia è impregnata la Cina tutta: il comunismo.

 

Non possiamo parlare di etica quando ci troviamo di fronte ad un’ideologia gnostica che vuole la distruzione dell’uomo. La Cina comunista è il terreno fertile per gli abomini della pseudo-scienza.

 

Inoltre, un’altra ragione sta in quanto detto inizialmente circa il modus operandi di He. La via ufficiale della trasmissione dei risultati delle ricerche scientifiche, in Cina, è spesso bypassata. Molte «fake news» della ricerca vengono proprio da lì. Non abbiamo gli strumenti per verificare se quanto affermato dagli scienziati cinesi sia stato davvero realizzato o meno, ma resta il fatto che l’impatto sull’opinione pubblica rimane. Che sia un falso o che sia stato fatto un altro triste passo verso qualcosa di mostruoso, le coscienze vengono scosse, turbate e falsamente commosse da drammi umani – come appunto il contagio da HIV – che la genetica promette di far dimenticare.

Non abbiamo gli strumenti per verificare se quanto affermato dagli scienziati cinesi sia stato davvero realizzato o meno, ma resta il fatto che l’impatto sull’opinione pubblica rimane.

 

Tornando alle due bambine, dal punto di vista medico, è possibile che il macabro esperimento di He sia riuscito pienamente, ovvero che queste due bambine saranno preservate dall’eventuale virus HIV?

Mettiamo da parte, per un attimo, l’etica, e fermiamoci alla sola scienza biomedica.

 

Due sono i principali ostacoli al successo di un tale esperimento: il primo è la tecnica usata, la CRISPR; il secondo è l’intervento sull’embrione per arrivare ad un essere umano nato vivo e vitale.

 

La CRISPR è un «taglia e cuci» del DNA, sono delle forbici molecolari capaci di individuare un bersaglio di DNA complementare ad uno «stampo», tagliare in tutto o parte il gene bersaglio e sostituirlo con un gene modificato.

 

Peccato che la capacità di riconoscere lo stampo non è un perfetto modello chiave-serratura, e la CRISPR taglia anche «a caso», taglia bersagli simili a quello cercato, sostituisce in maniera imperfetta, «chiude» il DNA tagliato prima che sia stato sostituito correttamente.

Peccato che la capacità di riconoscere lo stampo non è un perfetto modello chiave-serratura, e la CRISPR taglia anche «a caso», taglia bersagli simili a quello cercato, sostituisce in maniera imperfetta, «chiude» il DNA tagliato prima che sia stato sostituito correttamente.

 

Gli errori che può generare sono ancora moltissimi, allo stato attuale della ricerca. Che il «taglia e cuci» di He sia stato tanto preciso, ho i miei dubbi… Quali le conseguenze a lungo termine di tali errori? Tumori, disturbi dello sviluppo, malattie neurodegenerative… Non sappiamo. Proprio perché fino ad ora la ricerca ufficiale non si è spinta tanto oltre. La CRISPR fa ancora parte della ricerca di base, non ne conosciamo gli effetti a lungo termine.

 

Tutto questo fa capire il perché sia inverosimile anche che l’intervento sull’embrione sia andato a buon fine: partire da poche cellule (He, ovviamente, si è ben guardato dal dirci a quale stadio sarebbe intervenuto), modificarle, pretendere che queste, senza errori fatali, continuino il loro sviluppo indisturbate dando vita a due esseri umani vivi, vitali e sani, è quantomeno improbabile. Le fasi dello sviluppo embrionario sono delicate in natura, figuriamoci quando si interviene artificialmente in maniera così massiccia.

 

Lasciando pure un margine di plausibilità, resta il fatto che, per aver ottenuto un successo su di un embrione, quanti altri sarebbero andati persi – ovvero quanti esseri umani uccisi – per permettere un tale risultato?

 

Pare che i ricercatori cinesi non si vogliano fermare all’HIV. Si è parlato anche di colera e vaiolo…

Ogni agente patogeno, virale o batterico, ha uno o più specifici recettori nell’organismo. Questi recettori, per lo più, sono proteine presenti sulla membrana delle cellule, usati per riconoscere sostanze circolanti, ormoni, piccole molecole… tutto quanto riguarda la comunicazione da un distretto all’altro dell’organismo e da cellula a cellula.

 

I recettori per virus e batteri, dunque, non nascono certo per questo; non nascono per permettere un’infezione, ma sono piuttosto presenti fisiologicamente nel nostro organismo per svolgere diverse funzioni necessarie all’omeostasi.

Per aver ottenuto un successo su di un embrione, quanti altri sarebbero andati persi – ovvero quanti esseri umani uccisi – per permettere un tale risultato?

 

Eliminarli o modificarli porta inevitabilmente delle conseguenze, in una sorta di imprevedibile effetto domino, che può essere positivo o negativo.

 

Forse modificare il recettore per l’agente di una malattia infettiva ci renderà immuni a quella malattia, ma chissà che quella modifica non ci renda molto più suscettibili ad un altro patogeno, o alteri irreversibilmente la fisiologica comunicazione intercellulare.

 

Vero o non vero il progresso della tecnica spaventa. Dove vogliono arrivare?

L’obiettivo? L’oltreuomo, il superuomo nietzschiano sono gli obiettivi del transumanesimo e del postumanesimo. Non si tratta solo di «bambini OGM», di «designer baby», si tratta di una nuova concezione della persona umana che, di fatto, viene privata della sua natura.

 

Non siamo più di fronte alla persona nella sua complessità, nella sua natura voluta e creata da Dio come sinolo di anima e corpo. Siamo di fronte all’uomo-macchina di un novello scientismo, un uomo ridotto al suo genoma. Un uomo da tagliare, smontare, correggere e rimontare verso una perfezione che non sarà mai abbastanza perfetta. Tutto questo riecheggia la follia del trapianto di testa. È una sorta di folle corsa verso l’immortalità, fuggendo dalle malattie e dalla limitatezza della nostra creaturalità. Dimenticando che immortale, la nostra anima lo è già!

Non siamo più di fronte alla persona nella sua complessità, nella sua natura voluta e creata da Dio come sinolo di anima e corpo. Siamo di fronte all’uomo-macchina di un novello scientismo, un uomo ridotto al suo genoma. Un uomo da tagliare, smontare, correggere e rimontare verso una perfezione che non sarà mai abbastanza perfetta.

 

Quanti sono gli embrioni sacrificati sull’altare della ricerca e del progresso della tecnica?

Troppi. Non credo sia possibile fare una stima anche solo approssimativa di quanti embrioni vengono sacrificati perché distrutti o congelati. Le stime, di fatto, sono opera di chi quegli embrioni li «fabbrica» e li tratta come materiale biologico di scarto. Come fare a credere alla loro obiettività?

 

Jiankui He potrebbe essere il capro espiatorio per overtonizzare ancora di più la prassi dell’eugenetica positiva?

He si è sicuramente prestato a questo gioco antiumano, forse perché alla ricerca di fama e successo, per non dire di denaro. È molto probabile che si tratti di una semplice pedina, mossa dagli interessi delle compagnie biotech senza etica – e di aziende biotecnologiche He ne possiede due – e dai loro ideologi intenzionati a presentarci un progresso sempre positivo, sempre teso a fare del bene, sempre rivolto al miglioramento dell’uomo.

L’eugenetica biotecnologica è l’arma di una pseudo-scienza che non conosce il limite etico, al punto di presentarsi sotto una veste «etica», quasi moralista: il fine è buono, anzi ottimo! Prevenire, non solo curare. Rendere perfetti, non solo migliorare. Superuomini, non solo uomini.

E chi non abbraccia questa sedicente morale, pecca di crudeltà, condannando l’uomo alla sua naturale imperfezione, alla malattia e alla morte.

Chi quegli embrioni li «fabbrica» li tratta come materiale biologico di scarto

 

La tecnica avanza sempre di più, ad una velocità spropositata. Sembra però non esserci più un argine bioetico, né cattolico né tanto meno laico e soprattutto giuridico capace di arginare questa macchina di morte. Quali rimedi?

L’argine non può esistere «fuori», nell’etica della scienza, nella legge, negli interessi economici che, alla fin fine, guidano la ricerca più dello stesso interesse scientifico.

 

L’argine si è rotto dentro di noi. Si è rotto l’argine della coscienza che giudica secondo la sola vera ed autentica legge morale, si è rotto travolto dalla corrente dell’etica della situazione, dal buonismo del fine che giustifica i mezzi, dal pensiero liquido che non risparmia nemmeno il mondo cattolico.

 

O ritorniamo a costruire l’argine etico alla luce della legge che Dio ha scritto nei nostri cuori e che la Tradizione e il Magistero di sempre non hanno fatto altro che aiutarci a meglio comprendere ed applicare, o soccomberemo anche noi al solito triste «chi sono io per giudicare?».

 

Cristiano Lugli

 

 

Pubblicato previamente su Riscossa Cristiana

Continua a leggere

Animali

Il Pentagono ha creato zanzare OGM in grado di sterilizzare la specie

Pubblicato

il

Da

 

 

Nuove dal mondo delle zanzare geneticamente modificate, un tema che Renovatio 21 ritiene fondamentale per la quantità di implicazione che avrà a breve.

 

Futurism riporta che scienziati legati ai laboratori dell’esercito americano hanno trovato un nuovo modo per alterare geneticamente la zanzara Aedes aegypti in modo da decimare le popolazioni selvatiche, sperando di impedire la diffusione di malattie come Zika o dengue.

 

Non solo l’alterazione genetica ha reso sterili i maschi (cosa che era già stata realizzata con la molto controversa tecnologia del gene drive), ma le zanzare maschio potrebbero effettivamente trasferire tale infertilità alla popolazione femminile accoppiandosi con loro, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista PNAS.

 

Si tratta in pratica di aver creato delle creature che, con il rapporto sessuale, invece che procreare sterilizzano la specie.

 

Si tratta in pratica di aver creato delle creature che, con il rapporto sessuale, invece che procreare sterilizzano la specie.

L’inversione della legge naturale non potrebbe diventare più totale di così.

 

«Questo è ancora un altro esempio importante ed entusiasmante di come gli strumenti di biologia sintetica stanno dimostrando un’utilità senza precedenti», ha affermato in un comunicato stampa James Burgess, manager del programma DEVCOM per il laboratorio di ricerca dell’Esercito USA.

 

«Per fare un esempio, è un aumento di precisione, come passare dalla motosega al bisturi, che porta al corretto esito biochimico che potrebbe ridurre sostanzialmente la popolazione di una zanzara molto infettiva».

 

Affinché il sistema funzioni, tuttavia, le femmine devono essere isolate con i maschi. I ricercatori hanno scoperto che le femmine hanno bisogno di accoppiarsi con più zanzare diverse prima di diventare sterili.

 

L’inversione della legge naturale non potrebbe diventare più totale di così

Dopo quattro ore di permanenza in una gabbia con solo maschi geneticamente modificati, i tassi di fertilità delle femmine sono scesi ad appena il 20%.

 

«Essenzialmente, tutte le femmine sono rimaste sterili», ha detto nel comunicato stampa il biologo dell’Università della California Santa Barbara e coautore dello studio, Craig Montell.

 

«Questo ha confermato che i maschi possono sopprimere la fertilità femminile senza produrre sperma».

 

Quel numero è migliorato insieme a una maggiore esposizione ai maschi, ma ciò solleva interrogativi sulla fattibilità nel mondo reale poiché sia i maschi geneticamente modificati che i maschi sani di tipo selvatico competeranno per i compagni in natura.

 

La sfida è che anche se le femmine selvatiche si accoppiano con maschi modificati geneticamente, una popolazione selvatica di Aedes aegypti potrebbe facilmente riprendersi da un calo della fertilità dell’80%, ha spiegato Montell nel comunicato.

 

Dopo quattro ore di permanenza in una gabbia con solo maschi geneticamente modificati, i tassi di fertilità delle femmine sono scesi ad appena il 20%.

Ciò non significa necessariamente che le alterazioni dell’infertilità non funzionino, ma che qualsiasi implementazione di successo di questa tecnologia di hacking genetico delle zanzare richiederebbe ripetute gocce di maschi per mantenere effettivamente bassa la popolazione e fare una notevole differenza quando si tratta di trasmissione della malattia.

 

Questioni logistiche di questo tipo hanno anche creato noie al contestatissimo esperimento nelle Florida Keys, dove la società di biotecnologie Oxitec ha rilasciato zanzare geneticamente modificate in modo simile.

 

«L’esperimento Oxitec ha attirato l’ira della comunità locale per una serie di motivi, incluso il fatto che prevedeva un rilascio dal vivo, rendendolo una situazione diversa da questo nuovo esperimento di laboratorio» scrive Futurism

 

L’esperimento «illustra dove questa ricerca dell’esercito deve inevitabilmente andare – insetti modificati geneticamente rilasciati in natura ».

Tuttavia, esso «illustra dove questa ricerca dell’esercito deve inevitabilmente andare – insetti modificati geneticamente rilasciati in natura ».

 

Come si disse all’epoca, l’esperimento, più che le zanzare, sembrava diretto alla popolazione umana locale, divenuta d’un tratto, e senza il suo consenso, cavia di questa follia genetica.

 

Come riportato in precedenza su questo sito, la ricerca sugli insetti del Pentagono è unita a quella di Bill Gates, che la finanzia le ricerche di ingegneria genetica sulle zanzare effettuata con la tecnica CRISPR

 

Bill Gates è apertamente dietro al rilascio in florida del mezzo miliardo di parassiti OGM.

 

Nella ricerca delle zanzare OGM sono coinvolti grandi gruppi come quello di Bill Gates ma anche Google.

 

Ad alcuni programmi finanziati da Gates sulla modifica genetica delle zanzare nell’ambito della lotta alla malaria lavorò quando era all’Imperial College anche il noto volto TV Andrea Crisanti, che poi stabilì un laboratorio di zanzare GM a Terni. Crisanti – di cui Renovatio 21 scrive da ben prima del COVID – compare anche nel documentario Netflix Unnatural Selection, incentrato su queste tecniche di manipolazione genetica massive.

 

Gli esperimenti non sono sempre riusciti: in Brasile si è arrivati ad una eterogenesi dei fini, con alcune delle zanzare a sviluppare probabilmente «vigore ibrido», in cui un ibrido del naturale con il gene modificato ha creato «una popolazione più robusta rispetto alla popolazione pre-rilascio» che può essere più resistente agli insetticidi. In breve l’esperimento eco-genetico brasiliano, invece che sterminarle, ha creato involontariamente delle «super zanzare».

 

E se le zanzare sterilizzate geneticamente fossero solo un esercizio per poi passare al vero obbiettivo, l’uomo?

La Cina ha recentemente dichiarato, in una celebrazione con l’OMS, la supposta eradicazione della malaria, a quanto sembra senza usare zanzare modificate geneticamente. Tuttavia, come sanno i nostri lettori, la Cina non si fa tanti problemi a modificare geneticamente direttamente gli esseri umani.

 

Tuttavia, dobbiamo tornare a pensare ai Gates: finanzia la sterilizzazione delle zanzare, ma da sempre perora la causa della riduzione della popolazione umana

 

E se le zanzare sterilizzate geneticamente fossero solo un esercizio per poi passare al vero obbiettivo, l’uomo?

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Ingegneria genetica e chimere, la nuova legge bioetica francese

Pubblicato

il

Da

 

 

 

L’Assemblea nazionale francese ha adottato una legge sulla bioetica radicale a che entrerà probabilmente in vigore all’inizio di luglio, una volta superati gli ultimi ostacoli legislativi dopo il terzo passaggio.

 

La nuova legge segna la fine del riconoscimento della paternità, ma anche l’inizio delle chimere (ossia di esseri ibridi, dotati di più DNA) prodotte legalmente e di altri tipi di ingegneria genetica del «materiale umano».

 

La prima legge francese sulla bioetica risale al 1992; fin dall’inizio si è provveduto alla sua revisione periodica e negli anni ha sempre più legalizzato la ricerca sugli embrioni.

La nuova legge segna la fine del riconoscimento della paternità, ma anche l’inizio delle chimere (ossia di esseri ibridi, dotati di più DNA) prodotte legalmente e di altri tipi di ingegneria genetica del «materiale umano»

 

Nella sua ultima mutazione, la legge consentirà l’accesso alla procreazione artificiale a tutte le donne, comprese le donne nelle coppie dello stesso sesso e le donne single, come era stato promesso dal presidente francese Emmanuel Macron in campagna elettorale.

 

L’accesso alla «procreazione medicalmente assistita per tutte» («PMA pour toutes») è stato rifiutato dalla popolazione francese durante le consultazioni pubbliche prima dell’elaborazione del disegno di legge ed è stato anche eliminato dal testo dal Senato a febbraio, portando a un ulteriore discussione da parte dell’Assemblea nazionale che ha reintrodotto il provvedimento.

 

La nuova versione adottata tornerà al Senato per un terzo dibattito entro poche settimane, ma qualunque cosa accada, la camera bassa avrà il voto definitivo che dovrebbe avvenire al più tardi entro la fine del mese. Ciò è in linea con le recenti azioni del governo per far passare il testo in Parlamento.

 

La legge introdurrà altre modifiche significative. Per la prima volta, in linea di principio, sarà consentita la ricerca distruttiva sull’embrione umano fino a 14 giorni: fino ad ora, tale ricerca richiedeva una deroga preventiva speciale. 

Nella sua ultima mutazione, la legge consentirà l’accesso alla procreazione artificiale a tutte le donne, comprese le donne nelle coppie dello stesso sesso e le donne single, come era stato promesso dal presidente francese Emmanuel Macron in campagna elettorale

 

La nuova legge libererà anche la ricerca sulle cellule staminali embrionali umane e consentirà la creazione di gameti artificiali, copie di embrioni umani, embrioni chimerici (che possono essere impiantati negli animali) ed embrioni transgenici (compresa la fecondazione in vitro con «tre genitori»).

 

L’accesso all’aborto sarà ancora più facile di quanto non lo sia già. La nuova legge elimina il periodo di riflessione di «almeno una settimana» e fornisce anche una nuova giustificazione per l’aborto: «la parziale interruzione volontaria di una gravidanza multipla». 

 

Allo stesso tempo, elimina l’obbligo di consultare una persona titolare della potestà genitoriale quando le giovani donne sotto i 18 anni subiscono una «interruzione medica della gravidanza»: aborti oltre il termine legale di 12 settimane di gestazione e fino al parto per problemi di salute che colpiscono la madre o il bambino convalidati da almeno due medici e un’equipe medica.

 

La nuova legge libererà anche la ricerca sulle cellule staminali embrionali umane e consentirà la creazione di gameti artificiali, copie di embrioni umani, embrioni chimerici (che possono essere impiantati negli animali) ed embrioni transgenici (compresa la fecondazione in vitro con «tre genitori»)

Un’altra disposizione barbara introdotta dall’emendamento è stata respinta dall’Assemblea nazionale. Mirava a introdurre un nuovo motivo per gli aborti «medici»: il «disagio psico-sociale».

 

È stata invece smantellata la specifica clausola di coscienza legata alla pratica dell’aborto medico.

 

L’aspetto più pubblicizzato della legge, tuttavia, era quello della procreazione orfana, come sopra accennato. La legge di vecchio tipo — legge che organizza la realtà senza contraddirla, che quasi tutta l’umanità ha compreso fin dalla notte dei tempi — chiama «madre» la donna che partorisce e «padre» l’uomo che ha generato il nuovo individuo che è appena nato (tale legge consente anche al nascituro di ereditare dal padre defunto, se orfano in utero).  La legge francese presuppone che il marito della madre sia il padre di un bambino, salvo prova contraria.

 

Tutto questo è finito. Quando la legge entrerà in vigore, la generazione di un figlio può diventare meramente simbolica e la genitorialità sarà adattata al desiderio della donna. «E se osi dire che un bambino ha bisogno di un padre, è perché sei irrimediabilmente bloccato negli stereotipi di genere, nell’odio della comunità LGBTQI+, e che sei un sostenitore del “patriarcato” che, come Antonio Guterres, segretario delle Nazioni Unite generale, ha detto nel mezzo della pandemia, è la radice di tutti i nostri mali» scrive Lifesitenews.

Quando la legge entrerà in vigore, la generazione di un figlio può diventare meramente simbolica e la genitorialità sarà adattata al desiderio della donna

 

Queste sono le parole che ha usato lo scorso agosto, secondo un tweet delle Nazioni Unite: «La pandemia #COVID19 sta dimostrando ciò che tutti sappiamo: millenni di patriarcato hanno portato a un mondo dominato dagli uomini con una cultura dominata dagli uomini che danneggia tutti: donne, uomini, ragazze e ragazzi».

 

 

Questo è più importante di quanto sembri. Mostra che la pandemia, la “bioetica” e la promozione dei “diritti LGBT” sono tutte collegate come sfaccettature di una stessa ideologia.

 

Nella sua logica, la nuova legge francese sulla bioetica è una legge eugenetica: consente la trasformazione dell’uomo in un organismo geneticamente modificato, l’attraversamento della barriera delle specie, la scelta degli embrioni da impiantare per «usarli» come «medicinale» per un fratello maggiore e modificarli utilizzando la tecnica CRISPR-CAS9.

Nella sua logica, la nuova legge francese sulla bioetica è una legge eugenetica: consente la trasformazione dell’uomo in un organismo geneticamente modificato, l’attraversamento della barriera delle specie, la scelta degli embrioni da impiantare per «usarli» come «medicinale» per un fratello maggiore e modificarli utilizzando la tecnica CRISPR-CAS9

 

Sulla carta questa legge proibisce l’impianto e la gestazione di embrioni geneticamente modificati, tuttavia consente i primi passi che un giorno potrebbero portare all’incubo dei cosiddetti Designer Babies., bambini creati geneticamente su misura secondo i desiderata dei genitori-committenti.

 

Oltre alla negazione della verità della filiazione, questa spinta a rendere legale la manomissione del genoma umano è l’aspetto più terrificante della legge.

 

Secondo la genetista francese Alexandra Henrion-Caude, c’è un rapporto diretto con la crisi del COVID e l’introduzione di questa legge trasgressiva: come ha sottolineato durante un’intervista di gennaio a Radio Courtoisie, storica radio associativa indipendente francese, c’è un legame con la spinta a utilizzare «vaccini» sperimentali per far produrre alle cellule umane proteine ​​introducendo mRNA, «aumentando» le loro capacità e consentendo la modifica del DNA degli embrioni. Lo scopo è chiaramente «transumanista», ha affermato.

 

L’idea di aumentare le capacità del corpo e della mente è centrale anche nella Quarta Rivoluzione Industriale, come la vede il World Economic Forum fondato da Klaus Schwab.

 

Nell’ultimo anno, la maggior parte delle decisioni in Francia sono state prese da ordini esecutivi, sui quali il Parlamento è stato autorizzato, nella migliore delle ipotesi, a commentare. La legge sulla bioetica, invece, viene spinta giù per la gola del Parlamento, come se il governo “avesse bisogno” della approvazione dei rappresentanti della nazione ma fosse allo stesso tempo disposto a forzargli la mano.

Oltre alla negazione della verità della filiazione, questa spinta a rendere legale la manomissione del genoma umano è l’aspetto più terrificante della legge.

 

Molti oppositori della legge hanno lamentato la mancanza delle condizioni per un corretto dibattito democratico. Solo una piccola parte di deputati e senatori assiste effettivamente ai dibattiti parlamentari: nel caso della legge sulla bioetica, solo 130 su 577 erano presenti al turno di votazioni.

 

Il governo ha comunque imposto il dibattito, facendo di tutto per impedire le udienze ordinarie delle commissioni parlamentari coinvolte nella questione. Anche i tempi per gli emendamenti e la discussione all’Assemblea nazionale sono stati severamente ristretti e l’intero testo ha richiesto meno di tre giorni per essere discusso: il partito di opposizione «Repubblicano» e i membri indipendenti sono stati per la maggior parte incapaci di spiegare i loro (oltre 1.500) emendamenti e ottenere un dibattito razionale su misure che hanno conseguenze di così vasta portata.

 

Il testo ha raccolto 84 voti a favore e 43 contrari (oltre alle astensioni), con alcuni rappresentanti coraggiosi che hanno fatto gli straordinari per cercare di incidere sul dibattito. Emmanuelle Ménard, rappresentante indipendente del sud della Francia, ha spiegato perché avrebbe votato contro, accusando il governo e il suo partito di maggioranza di «aprire il vaso di Pandora»:

 

«Siete falsi dei in formazione, che credono di essere al di sopra di tutto: il senso comune, la realtà, la nostra natura carnale e soprattutto, e questa è la cosa più grave, l’interesse superiore del bambino».

Secondo la genetista francese Alexandra Henrion-Caude, c’è un rapporto diretto con la crisi del COVID e l’introduzione di questa legge trasgressiva: cc’è un legame con la spinta a utilizzare «vaccini» sperimentali per far produrre alle cellule umane proteine ​​introducendo mRNA, «aumentando» le loro capacità e consentendo la modifica del DNA degli embrioni

 

La Conferenza episcopale francese ha pubblicato un comunicato che condanna la nuova legge sulla bioetica, affermando:

 

«Ancora una volta, la legge pretende di autorizzare nuove trasgressioni inquadrandole. Ma un quadro non regge mai. Inevitabilmente, finisce per essere cancellato. Inquadrare è autorizzare. L’umanità è cresciuta imponendosi divieti: il divieto di uccidere un innocente, l’incesto, il furto, lo stupro. Mescolare cellule umane e cellule animali non può essere semplicemente inquadrato in un quadro: ciò che deve essere proibito deve essere chiaramente affermato; anche ciò che può essere autorizzato deve essere chiaramente indicato. Questo è possibile solo in riferimento a una visione riflessiva della persona umana e della sua filiazione».

 

Il giorno del voto, il Vescovo Olivier de Germay di Lione ha lanciato un appello alla preghiera durante il mese di giugno, compreso il digiuno il venerdì, per chiedere a Dio di aiutare i legislatori a discernere il vero bene della società e dei bambini.

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Civiltà

Eugenetica, Grande Reset, Intelligenza Artificiale e transumanismo: una storia (parte I)

Pubblicato

il

Da

 

 

Vedremo la biotecnologia servire gli interessi dell’umanità sotto un paradigma multipolare che nutre la sovranità nazionale, la vita umana, la famiglia e la fede?

 

 

Per quanto ci possa causare una buona dose di dispiacere e persino mal di stomaco considerare idee come la presa che l’eugenetica ha sulla nostra epoca attualmente travagliata, credo che ignorare un argomento del genere non faccia davvero alcun favore a nessuno a lungo termine.

 

I preferiti del World Economic Forum costentano concetti come «la nuova classe inutile globale» ,che l’Intelligenza Artificiale, l’ingegneria genetica, l’automazione e la quarta rivoluzione industriale presumibilmente stanno introducendo…  chiamano apertamente per una cittadinanza globale dotata di microchip in grado di interfacciarsi con una rete globale con un unico pensiero… promuovono i «neuralink» per «mantenere l’umanità rilevante» fondendosi con i computer in una nuova epoca di biologia evolutiva

Ciò è particolarmente grave, poiché i principali preferiti del World Economic Forum come Yuval Harari ostentano concetti come «la nuova classe inutile globale» che l’Intelligenza Artificiale, l’ingegneria genetica, l’automazione e la quarta rivoluzione industriale presumibilmente stanno introducendo. Altre creature di Davos come Klaus Schwab chiamano apertamente per una cittadinanza globale dotata di microchip in grado di interfacciarsi con una rete globale con un unico pensiero, mentre Elon Musk e Mark Zuckerberg promuovono i «neuralink» per «mantenere l’umanità rilevante» fondendosi con i computer in una nuova epoca di biologia evolutiva.

 

I principali genetisti darwiniani come Sir James Watson e Sir Richard Dawkins difendono apertamente l’eugenetica mentre una tecnocrazia si consolida in una stazione di governo usando un «Grande Reset» come scusa per inaugurare una nuova era post-stato nazionale.

 

Se c’è qualcosa di fondamentalmente malvagio in agguato dietro questi processi che ha qualche connessione con l’ascesa anglo-americana del fascismo e dell’eugenetica quasi un secolo fa, allora dobbiamo almeno avere il coraggio di esplorare questa possibilità. (…) Forse una simile dimostrazione di coraggio per pensare che l’impensabile potrebbe valga la pena per coloro che potrebbero trovarsi in una situazione simile oggi.

 

 

Cosa non è successo a Norimberga?

Settantasei anni fa, mentre gli alleati consolidavano la loro vittoria sulla macchina nazista e i «Tribunali di Norimberga» venivano rapidamente organizzati, una nuova strategia fu messa in atto dalle stesse forze che avevano investito ingenti energie, denaro e risorse l’ascesa del fascismo come «soluzione miracolosa» del caos economico del dopoguerra che si era diffuso in Europa e negli Stati Uniti.

 

È uno dei più grandi scandali della nostra epoca che la macchina Wall Street-City di Londra che finanziò Hitler e Mussolini come arieti per un nuovo ordine mondiale non sia mai stata effettivamente assicurata alla giustizia.

È uno dei più grandi scandali della nostra epoca che la macchina Wall Street-City di Londra che finanziò Hitler e Mussolini come arieti per un nuovo ordine mondiale non sia mai stata effettivamente assicurata alla giustizia.

 

Sebbene Franklin Roosevelt sia riuscito a mettere un guinzaglio a Wall Street tra il 1933-1945, mentre preparava il palcoscenico mondiale per una bella visione postbellica di una cooperazione vantaggiosa per tutti, le forze oscure dell’oligarchia finanziaria che volevano solo stabilire un sistema unipolare globale di governo non solo evitò la punizione, ma non perse tempo per riconquistare la loro perduta egemonia prima che la guerra fosse giunta al termine.

 

 

Il ruolo di Sir Julian Huxley

Uno dei grandi strateghi concettuali di questo processo fu un uomo di nome Julian Sorrel Huxley (1887-1975). Celebrato come biologo e riformatore sociale, Julian è stato un devoto membro per tutta la vita della British Eugenics Society che ha servito insieme a John Maynard Keynes come segretario e poi come presidente.

 

«La morale per l’UNESCO è chiara. Il compito affidatogli di promuovere la pace e la sicurezza non potrà mai essere pienamente realizzato attraverso i mezzi ad esso assegnati: educazione, scienza e cultura. Deve prevedere una qualche forma di unità politica mondiale, sia attraverso un unico governo mondiale o meno, come l’unico mezzo certo per evitare la guerra»

Julian era un uomo impegnato, che insieme a suo fratello Aldous, ha lavorato duramente per riempire le scarpe molto grandi del nonno Thomas (alias il bulldog di Darwin ).

 

Mentre gestiva contemporaneamente il movimento eugenetico del secondo dopoguerra, Julian si trovò a mettere in moto il moderno movimento ambientalista come fondatore dell’Unione internazionale per la Conservazione della Natura nel 1948 , co-fondando il WWF (World Wildlife Fund) nel 1961, creando il termine «transumanesimo». Egli fondò anche un organismo delle Nazioni Unite immensamente influente chiamato UNESCO (abbreviazione per «Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura») nel 1946, che diresse come Direttore Generale dal 1946 al 1948.

 

Il mandato per la nuova organizzazione è stato definito chiaramente da Huxley nel 1946 in UNESCO,  il suo scopo e la sua filosofia:

 

«La morale per l’UNESCO è chiara. Il compito affidatogli di promuovere la pace e la sicurezza non potrà mai essere pienamente realizzato attraverso i mezzi ad esso assegnati: educazione, scienza e cultura. Deve prevedere una qualche forma di unità politica mondiale, sia attraverso un unico governo mondiale o meno, come l’unico mezzo certo per evitare la guerra… nel suo programma educativo può sottolineare la necessità ultima di un’unità politica mondiale e familiarizzare tutti i popoli con le implicazioni del trasferimento della piena sovranità da nazioni separate a un’organizzazione mondiale».

 

A quale fine dovrebbe mirare questa «unità politica mondiale»? Diverse pagine dopo, la visione di Huxley è presentata in tutti i suoi dettagli contorti:

L’UNESCO «nel suo programma educativo può sottolineare la necessità ultima di un’unità politica mondiale e familiarizzare tutti i popoli con le implicazioni del trasferimento della piena sovranità da nazioni separate a un’organizzazione mondiale»

 

«Al momento, è probabile che l’effetto indiretto della civiltà sia disgenico anziché eugenetico, e comunque sembra probabile che il peso morto di stupidità genetica, debolezza fisica, instabilità mentale e predisposizione alle malattie, che già esistono nell’uomo specie si dimostrerà un fardello troppo grande per realizzare progressi reali. Quindi, anche se è del tutto vero che qualsiasi politica eugenetica radicale sarà per molti anni politicamente e psicologicamente impossibile, sarà importante per l’UNESCO fare in modo che il problema eugenetico sia esaminato con la massima cura e che la mente pubblica sia informata delle questioni in gioco così tanto che ciò che ora è impensabile può almeno diventare pensabile».

 

Dopo che il mondo ha avuto la possibilità di vedere come appariva un programma di eugenetica sotto il pieno sostegno di un ingegnere sociale fascista, non sarebbe esagerato dire che ha perso una buona dose di popolarità agli occhi di una popolazione mondiale ancora molto connessa alle istituzioni culturali tradizionali come il cristianesimo, il patriottismo e il rispetto della sacralità della vita.

 

Anche se trenta Stati degli Stati Uniti e due province canadesi avevano legalizzato le politiche eugenetiche (compresa la sterilizzazione forzata degli inadatti) tra il 1907 e il 1945, la scienza statistica e l’applicazione politica dell’eugenetica si fermarono bruscamente alla fine della seconda guerra mondiale e come ripeté Huxley nel suo manifesto bisognava fare qualcosa di nuovo.

 

 

Una parola sul Tavistock

Huxley ha anche lavorato a stretto contatto con la Clinica Tavistock di Londra che ha ricevuto finanziamenti sia dalla Rockefeller che dalla Macy Foundation negli anni ’30 e ’50.

 

Guidato da uno psichiatra di nome brigadiere generale John Rawlings Rees, l’Istituto Tavistock può essere meglio compreso come il «ramo psichiatrico dell’Impero britannico» fondato nel 1921 che ha innovato le tecniche psichiatriche usando miscele di comportamentismo pavloviano e teorie freudiane per influenzare il comportamento di gruppo in vari modi.

 

«Anche se è del tutto vero che qualsiasi politica eugenetica radicale sarà per molti anni politicamente e psicologicamente impossibile, sarà importante per l’UNESCO fare in modo che il problema eugenetico sia esaminato con la massima cura e che la mente pubblica sia informata delle questioni in gioco così tanto che ciò che ora è impensabile può almeno diventare pensabile»

Nella fase iniziale, la clinica ha esplorato le condizioni mentali estreme delle vittime belliche di stress post-traumatico da combattimento che hanno subito casi di decostruzione psicologica durante il terrore nelle guerre di trincea riconoscendo l’alto grado di malleabilità in questi soggetti.

 

Come delineato da un brillante rapporto EIR del 1996 di L. Wolfe , l’idea alla base di Tavistock è sempre stata guidata dall’obiettivo di capire come il cervello potesse essere «demodellato» e decostruito per essere ricostruito di nuovo come una tabula rasa con la speranza che questa visione degli individui potrebbe essere replicata in seguito tra gruppi sociali più ampi e persino intere nazioni.

 

Molte di queste ricerche sono state applicate sotto forma di MK Ultra negli Stati Uniti e saranno oggetto di un futuro articolo.

 

 

G. Brock Chrisholm: Zar di Tavistockian della sanità mondiale

Un eminente psichiatra che ha trascorso anni a lavorare con Rees alla Tavistock era un canadese di nome G. Brock Chrisolm.

 

Nel 1948, Christolm ha fondato un organismo affiliato alle Nazioni Unite chiamato Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) con l’obiettivo di promuovere la salute mentale e fisica del mondo. Un’impresa nobile che porta molta responsabilità e potere che richiede un leader con una visione eccezionale della natura della malattia e della salute. Purtroppo, in base alle sue visioni malate della natura dell’umanità e della società, Chrisholm era certamente l’uomo sbagliato per il lavoro.

l’Istituto Tavistock può essere meglio compreso come il «ramo psichiatrico dell’Impero britannico» fondato nel 1921 che ha innovato le tecniche psichiatriche usando miscele di comportamentismo pavloviano e teorie freudiane per influenzare il comportamento di gruppo in vari modi

 

Tra le maggiori cause di guerra e malattia mentale nella mente di Chrisholm non c’erano l’imperialismo o l’ingiustizia economica, ma piuttosto la fede della società nel bene e nel male. Scrivendo nel 1946 Chrisholm espose lo scopo della «buona» psicoterapia ed educazione dicendo: «la reinterpretazione e l’eventuale sradicamento del concetto di giusto e sbagliato che è stato alla base dell’educazione dei bambini, la sostituzione del pensiero intelligente e razionale alla fede nella certezze degli anziani: sono questi gli obiettivi tardivi di quasi tutte le psicoterapie efficaci».

 

Ma non era solo il «concetto di giusto e sbagliato» o «la fede nelle certezze dei vecchi» che doveva essere sradicato, ma la religione monoteista, la famiglia e il patriottismo. Parlando otto anni dopo, Chrisholm disse: «Per ottenere il governo mondiale, è necessario rimuovere dalla mente degli uomini il loro individualismo, lealtà alla tradizione familiare, patriottismo nazionale e dogmi religiosi».

 

 

Il mondo diventa mentale

Una volta che l’UNESCO e l’OMS sono stati saldamente al loro posto, è stata creata una terza organizzazione per guidare i finanziamenti e la pratica della salute mentale globale.

 

«La reinterpretazione e l’eventuale sradicamento del concetto di giusto e sbagliato che è stato alla base dell’educazione dei bambini, la sostituzione del pensiero intelligente e razionale alla fede nella certezze degli anziani: sono questi gli obiettivi tardivi di quasi tutte le psicoterapie efficaci»

Come delineato dallo storico Anton Chaitkin , finanziata principalmente dalla Macy Foundation, la World Federation of Mental Health (WFMH) è stata creata nel 1948. La stessa Macy Foundation è stata creata nel 1930 sotto la guida del generale Marlborough Churchill (cugino di Winston) che era stato responsabile dell’intelligence militare segreta dal 1919-1929 sotto forma di «Camera Nera». La sua nuova fondazione era una parte della macchina Rockefeller e usata come canale per versare denaro nelle «scienze della salute» con un focus sull’eugenetica.

 

Il coordinatore tecnico statunitense della conferenza che ha creato la WFMH ha reso note le origini della nuova organizzazione. Nina Ridnour ha scritto che «la Federazione mondiale per la salute mentale… era stata creata su raccomandazione dell’Organizzazione mondiale della sanità delle Nazioni Unite e dell’UNESCO perché avevano bisogno di un’organizzazione non governativa per la salute mentale con cui poter collaborare».

 

E proprio chi sarebbe diventato il primo Direttore Generale della WFMH?

 

Mentre era ancora a capo della Tavistock Clinic di Londra, il generale di brigata John Rawlings Rees fu messo a capo del nuovo organismo nientemeno che dall’arcirazzista Montagu Norman (capo della Banca d’Inghilterra) che aveva creato l’operazione dal suo National L’Associazione per la salute mentale ha lasciato la sua casa londinese di Thorpe Lodge.

 

«Per ottenere il governo mondiale, è necessario rimuovere dalla mente degli uomini il loro individualismo, lealtà alla tradizione familiare, patriottismo nazionale e dogmi religiosi»

Descrivendo questo piano di battaglia strategico per riformare la società, Rees disse:

 

«Se ci prepariamo a uscire allo scoperto e ad attaccare i problemi sociali e nazionali dei nostri giorni, allora dobbiamo avere le truppe d’assalto, e queste non possono essere fornite dalla psichiatria basata interamente nelle istituzioni. Dobbiamo avere squadre mobili di psichiatri che siano libere di muoversi e prendere contatti con il territorio».

 

L’idea di squadre mobili di truppe d’urto psichiatriche era un’idea avanzata dal grande stratega Lord Bertrand Russell che aveva scritto ne L’Impatto della Scienza sulla società del 1952 :

 

«Se ci prepariamo a uscire allo scoperto e ad attaccare i problemi sociali e nazionali dei nostri giorni, allora dobbiamo avere le truppe d’assalto, e queste non possono essere fornite dalla psichiatria basata interamente nelle istituzioni. Dobbiamo avere squadre mobili di psichiatri che siano libere di muoversi e prendere contatti con il territorio»

«Penso che l’argomento che sarà di maggiore importanza politicamente sia la psicologia di massa… La sua importanza è stata enormemente accresciuta dalla crescita dei moderni metodi di propaganda. Di questi il ​​più influente è quello che viene chiamato “educazione”. La religione ha un ruolo, anche se in diminuzione; la stampa, il cinema e la radio giocano un ruolo sempre più importante…. Si può sperare che col tempo qualcuno sarà in grado di persuadere qualcuno di qualcosa se riuscirà a catturare il paziente giovane e se lo Stato gli fornirà denaro e attrezzature».

 

 

La guerra fredda bipolare e un nuovo paradigma globale

Negli anni successivi, l’UNESCO, l’OMS e il WFMH hanno lavorato in tandem per coordinare centinaia di influenti organizzazioni secondarie, università, laboratori di ricerca e scienze segrete, tra cui l’MK Ultra della CIA, al fine di realizzare la società «mentalmente sana» desiderata, ripulita dai suoi collegamenti al cristianesimo, fede nella veridicità, patriottismo nazionale o famiglia.

 

Nel 1971, il mondo era maturo per un grande cambiamento.

 

Gli obiettivi del baby boom di questo vasto esperimento di ingegneria sociale erano stati inondati da un vasto arsenale di guerre culturali ad ogni livello.

 

«Penso che l’argomento che sarà di maggiore importanza politicamente sia la psicologia di massa… La sua importanza è stata enormemente accresciuta dalla crescita dei moderni metodi di propaganda. Di questi il ​​più influente è quello che viene chiamato “educazione”»

Mentre l’LSD si diffondeva nei campus d’America e gli omicidi di leader occidentali che resistevano alla nuova era di guerre nel sud-ovest asiatico diventavano la norma, i baby boomer guardavano i loro cari tornare dal Vietnam in sacchi per cadaveri. «Non fidarsi di nessuno con più di 30 anni» divenne la nuova saggezza poiché l’amore per la patria erasoffocato dalla diffusione innaturale dell’imperialismo anglo-americano all’estero e dalle operazioni in stile COINTEL PRO in patria.

 

Quando il CFR e la Commissione Trilaterale hanno svincolato il dollaro USA dalla riserva aurea, è stata inaugurata una nuova era di deregolamentazione, consumismo e materialismo radicale che ha portato la generazione del baby boom a trasformarsi rapidamente nella generazione iper-materialista del «me» degli anni ’80.

 

A livello ecologico, una nuova etica del «conservazionismo» aveva cominciato a muoversi dai margini al mainstream sostituendo l’ex etica pro-industriale della società produttrice-creatrice che aveva storicamente governato il meglio della civiltà occidentale.

 

Il principale tra i creatori di questa nuova etica della conservazione che ha sostituito l’idea di «proteggere l’umanità dall’impero» con «proteggere la natura dall’umanità», era nientemeno che lo stesso Julian Huxley.

 

Nello stesso anno in cui ha co-fondato il WWF, Huxley ha redatto il Manifesto di Morges (1961) come manifesto organizzativo per il moderno movimento ecologista che contrappone la civiltà umana al presunto equilibrio matematico chiuso della natura.

 

«Al Regime Planetario potrebbe essere affidata la responsabilità di determinare la popolazione ottimale per il mondo e per ciascuna regione e di arbitrare le quote dei vari paesi entro i loro limiti regionali»

Huxley ha co-fondato il WWF con l’arcimalthusian principe Filippo «Voglio-reincarnarmi-come-virus-mortale» Mountbatten e il principe Bernhard dei Paesi Bassi.

 

 

Il regime planetario di Holdren

A metà degli anni ’70, uno dei principali neo-malthusiani di quell’epoca, Paul Ehrlich ha fatto da mentore a un giovane protetto di nome John Holdren e insieme hanno prodotto nel 1977 un manuale sconvolgente chiamato Ecoscience, in cui la coppia ha scritto:

 

«Forse quelle agenzie, combinate con l’UNEP e le agenzie delle Nazioni Unite per la popolazione, potrebbero alla fine essere sviluppate in un Regime Planetario di una superagenzia internazionale per la popolazione, le risorse e l’ambiente. Un Regime Planetario così completo potrebbe controllare lo sviluppo, l’amministrazione, la conservazione e la distribuzione di tutte le risorse naturali, rinnovabili o non rinnovabili, almeno nella misura in cui esistono implicazioni internazionali. Pertanto, il regime potrebbe avere il potere di controllare l’inquinamento non solo nell’atmosfera e negli oceani, ma anche in corpi d’acqua dolce come fiumi e laghi che attraversano i confini internazionali o che scaricano negli oceani. Il Regime potrebbe anche essere un’agenzia centrale logica per regolare tutto il commercio internazionale, forse includendo l’assistenza dai DC ai LDC, e includendo tutto il cibo sul mercato internazionale. Al Regime Planetario potrebbe essere affidata la responsabilità di determinare la popolazione ottimale per il mondo e per ciascuna regione e di arbitrare le quote dei vari paesi entro i loro limiti regionali. Il controllo delle dimensioni della popolazione potrebbe rimanere responsabilità di ciascun governo, ma il regime avrebbe il potere di far rispettare i limiti concordati».

 

«Mi chiedo se, circa 60 anni dopo la morte di Hitler, potremmo almeno azzardare a chiederci quale sia la differenza morale tra la riproduzione per abilità musicali e il costringere un bambino a prendere lezioni di musica. O perché è accettabile allenare corridori veloci e saltatori in alto ma non riprodurli»

Considerando che queste parole furono scritte appena tre anni dopo il rapporto NSSM-200 di Henry Kissinger che trasformò la dottrina della politica estera statunitense da pro-sviluppo a pro-riduzione della popolazione, le parole di Holdren del 1977 non dovrebbero essere prese alla leggera.

 

 

Il progetto del genoma umano fa rivivere i mostri dormienti

Durante i decenni successivi Holdren divenne amico intimo di un Rhodes Scholar e matematico di Harvard di nome Eric Lander che guidò il Progetto Genoma Umano dal 1995 al 2002. Lander ha annunciato il successo della presentazione del genoma umano completamente sequenziato nel 2003 dicendo : «Il Progetto Genoma Umano rappresenta uno dei notevoli risultati nella storia della scienza. Il suo culmine questo mese segna l’inizio di una nuova era nella ricerca biomedica. La biologia si sta trasformando in una scienza dell’informazione».

 

Commentando il potenziale per guidare l’evoluzione umana reso possibile dal Progetto Genoma Umano di Lander e dai nuovi sviluppi nella tecnologia CRISPR dell’mRNA che si stavano sviluppando, Sir Richard Dawkins scriveva nel 2006:

 

«Nel corso degli anni, l’impensabile è diventato concepibile. Siamo all’apice di una nuova era nella storia umana»

«Negli anni ’20 e ’30, scienziati sia di sinistra che di destra non avrebbero trovato particolarmente pericolosa l’idea dei designer baby, anche se ovviamente non avrebbero usato quella frase. Oggi sospetto che l’idea sia troppo pericolosa per una discussione comoda, e la mia congettura è che Adolf Hitler sia responsabile del cambiamento… Mi chiedo se, circa 60 anni dopo la morte di Hitler, potremmo almeno azzardare a chiederci quale sia la differenza morale tra la riproduzione per abilità musicali e il costringere un bambino a prendere lezioni di musica. O perché è accettabile allenare corridori veloci e saltatori in alto ma non riprodurli. Mi vengono in mente alcune risposte, e sono buone, che probabilmente finirebbero per persuadermi. Ma non è giunto il momento in cui dovremmo smettere di avere paura anche solo per porre la domanda?».

 

Non passò molto tempo prima che Holdren si trovasse a godere di un potere maggiore di quanto avesse mai immaginato come zar della scienza e architetto del programma di governance «basato sull’evidenza» di Obama che prevedeva la massimizzazione dei finanziamenti per la tecnologia verde per decarbonizzare l’umanità sotto nuovi sistemi di governance globale. Lander ha lavorato a stretto contatto con Holdren come co-presidente del consiglio scientifico di Obama e anche con il presidente del Whitehead Institute David Baltimore alla creazione del Broad Institute of MIT e Harvard.

 

Insieme, Lander e Baltimore hanno supervisionato un’importante conferenza del 2015 sulla «nuova era della ricerca biomedica» che ha svelato una nuova tecnologia di modificazione genetica nota come CRISPR che prevede l’uso di enzimi e RNA trovati nell’escherichia coli che si è scoperto avere la capacità di indirizzare sequenze di DNA e indurre varie mutazioni. (…). L’incredibile potere di CRISPR di alterare radicalmente il DNA umano per sempre può causare danni inimmaginabili se messo nelle mani sbagliate.

 

La tecnologia CRISPR è già stata acclamata come una chiave per risolvere i nuovi ceppi mutanti di COVID-19 e viene utilizzata come «vaccino» per alcune malattie tropicali

Al vertice internazionale «storico» sull’editing genetico umano nel dicembre 2015, il presidente della conferenza David Baltimore ha fatto eco alle parole raccapriccianti di Julian Huxley durante il suo discorso programmatico: «Nel corso degli anni, l’impensabile è diventato concepibile. Siamo all’apice di una nuova era nella storia umana».

 

Nel gennaio 2021, John Holdren si è congratulato con Erik Lander per essere stato nominato Science Czar (Direttore della politica scientifica e tecnologica della Casa Bianca) di Joe Biden, posizione precedentemente ricoperta da Holdren.

 

In questa posizione, Lander ha supervisionato la riattivazione di ogni politica scientifica dell’era Obama come parte di una revisione tecnocratica del governo degli Stati Uniti in conformità con l’agenda del Great Reset del World Economic Forum.

 

Usando il vasto potere dell’Emergency Authorization Act per aggirare la FDA e lo schiacciassassi di tecnologie di terapia genica spacciate per «vaccini», è iniziato un nuovo esperimento sociale. La tecnologia CRISPR è già stata acclamata come una chiave per risolvere i nuovi ceppi mutanti di COVID-19 e viene utilizzata come «vaccino» per alcune malattie tropicali al momento della stesura di questo documento. L’ovvia connessione tra le organizzazioni di eugenetica di ieri e l’ascesa delle moderne operazioni mRNA associate a GAVI e all’Astra Zeneca di Oxford, svelata dalla giornalista investigativa Whitney Webb all’inizio di quest’anno, dovrebbe essere tenuta ben presente.

L’ovvia connessione tra le organizzazioni di eugenetica di ieri e l’ascesa delle moderne operazioni mRNA associate a GAVI e all’Astra Zeneca di Oxford dovrebbe essere tenuta ben presente

 

Questa tecnologia sarà utilizzata dai moderni eredi degli eugenetisti che sponsorizzano i nazisti nel tentativo di riprendere da dove il dottor Mengele ha interrotto? Oppure vedremo questa biotecnologia servire gli interessi dell’umanità sotto un paradigma multipolare che custodisce la sovranità nazionale, la vita umana, la famiglia e la fede?

 

Le puntate future di questa serie esploreranno le radici eugenetiche del Transumanesimo, dell’Intelligenza Artificiale e del Grande Reset. Affronteremo anche la Scuola di Francoforte, l’ascesa della Cibernetica di Wiener e il programma delineato da Bertrand Russell e David Hilbert nel 1900 per rinchiudere l’intero universo in una stagnante gabbia morta.

 

 

Matthew Ehret

 

 

Articolo pubblicato su gentile concessione dell’autore. 

 

 

.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari