Il modello Cina: 10 punti in meno sul «credito sociale» a chi non indossa la mascherina

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Partito Comunista Cinese sta punendo i cittadini in alcune aree del paese che commettono trasgressioni legate al COVID come non indossare una maschera in pubblico sottraendo 10 punti dal loro punteggio di credito sociale e in alcuni casi inserendoli in liste nere che non consentono loro di viaggiare.

«Coloro che sono finiti nella lista nera sono stati puniti con una serie di misure, tra cui il divieto di acquistare voli, viaggi ferroviari ad alta velocità e prenotazioni di hotel di lusso»

 

Un lungo articolo sul London Times spiega come il PCC abbia sfruttato la pandemia COVID per espandere massicciamente il monitoraggio dei propri cittadini e introdurre nuovi metodi con cui potevano essere puniti per aver commesso infrazioni relative a COVID che non sono aumentate al livello di atti criminali.

 

Alcune delle trasgressioni di recente introduzione che portano a detrazioni di punti di credito sociale e divieti di viaggio includono il mancato utilizzo di una maschera in pubblico (detrazione di 10 punti) e il mancato isolamento (detrazione di 50 punti).

«I cittadini con i punteggi più bassi possono essere esclusi dall’impiego nel governo e le imprese possono essere escluse dai sussidi o dalla partecipazione a programmi di appalti pubblici»

 

«Coloro che sono finiti nella lista nera sono stati puniti con una serie di misure, tra cui il divieto di acquistare voli, viaggi ferroviari ad alta velocità e prenotazioni di hotel di lusso», riporta il giornale inglese.

 

«I cittadini con i punteggi più bassi possono essere esclusi dall’impiego nel governo e le imprese possono essere escluse dai sussidi o dalla partecipazione a programmi di appalti pubblici», aggiunge il rapporto.

 

Le persone in alcune aree del paese “sorprese a nascondere i sintomi del virus, a nascondere i dettagli del loro recente viaggio, a evitare cure mediche o ad avere contatti con pazienti sospetti hanno visto i loro reati aggiunti alla loro cartella personale di credito sociale”.

 

Coloro che diffondono quelle che il regime comunista considera informazioni «veritiere» sulla pandemia e sul vaccino vengono inseriti nelle “liste rosse” per il loro buon comportamento e ricompensati con vantaggi che includono pagamenti in contanti, prestiti a basso interesse e sconti sulle bollette

«Rispecchiando la censura dei social media e l’attuale legislazione del governo occidentale che cerca di punire le persone per aver diffuso “teorie del complotto” o “disinformazione”, la Cina deduce anche punti di credito sociale per “aver diffuso voci”, una punizione inflitta a operatori sanitari e giornalisti che hanno accusato la Cina di nascondere l’epidemia nei primi giorni della pandemia» nota Summit News.

 

«Durante un mese lo scorso anno, il governo di Shanghai ha registrato 96 violazioni delle regole relative a COVID, come l’occultamento della cronologia dei viaggi. Solo nove sono stati ritenuti abbastanza gravi da giustificare un procedimento penale, ma tutti sono stati resi pubblici online e allegati ai record di credito sociale  delle persone» continua il Times.

 

Al contrario, coloro che diffondono quelle che il regime comunista considera informazioni «veritiere» sulla pandemia e sul vaccino vengono inseriti nelle “liste rosse” per il loro buon comportamento e ricompensati con vantaggi che includono pagamenti in contanti, prestiti a basso interesse e sconti sulle bollette.

 

La pandemia COVID ha consentito al PCC di centralizzare ulteriormente i progetti pilota del punteggio di credito sociale in un unico schema, con ai cittadini lo stato verde, ambra o rosso tramite un’app semaforo per determinare la loro conformità alle normative.

 

L’intento del sistema è quello di «rafforzare il controllo totalitario delle persone» creando un quadro di «cloud di polizia»che consentirà alle autorità di monitorare e prevedere l’attività di dissidenti e attivisti

«Ha permesso alla Cina di dispiegare tutta la forza dello stato di sorveglianza, attingendo a una raccolta di dati su movimento e comportamento – combinata con brutalità casuale nei confronti di coloro che hanno resistito alla quarantena dopo essere stati segnalati dagli algoritmi», ha detto Ian Williams, un esperto di cinese sicurezza informatica.

 

«Gli elementi di» credito sociale «hanno coinvolto analisi dettagliate del comportamento, della posizione, del movimento e del monitoraggio delle interazioni sociali sui social media».

 

L’ex diplomatico britannico a Pechino Charles Parton ha detto che l’intento del sistema è quello di «rafforzare il controllo totalitario delle persone» creando un quadro di «cloud di polizia»che consentirà alle autorità di monitorare e prevedere l’attività di dissidenti e attivisti.

 

Nel frattempo, in Occidente, la deplatforming dei conservatori è iniziata con le società Big Tech che bannavano  gli utenti e ha portato le banche a congelare i conti bancari e i controlli aeroportuali a mettere le persone in liste di non volo per le loro opinioni politiche» scrive Summit News.

 

Lo stato tecno-biosecuritario cinese si considera un modello da esportazione tanto che ha chiesto ufficialmente all’OMS di sviluppare  per tutto il mondo i famosi passaporti vaccinali

«Una progressione simile si è verificata in Cina, dove il sistema ha avuto inizio nel settore aziendale e alla fine si è espanso nello stato distribuendo direttamente le punizioni agli individui».

 

«L’unica differenza che sembra tra il sistema cinese e l’Occidente è che il governo cinese non può fare affidamento su una legione di attivisti della mafia e giornalisti autoproclamati per fare il lavoro sporco per loro. Questi gruppi di odio hanno armato Twitter per facilitare le molestie organizzate, il doxxing, la deplatforming e la rovina a tutto tondo dei conservatori e di chiunque metta in discussione la narrativa della mafia su base quotidiana».

 

Come riportato a più riprese da Renovatio 21, lo stato tecno-biosecuritario cinese si considera un modello da esportazione tanto che ha chiesto ufficialmente all’OMS di sviluppare  per tutto il mondo i famosi passaporti vaccinali.

In Italia la Cina può essere vista come modello e partner da un’intero partito di maggioranza e da parti rilevanti di altri partiti di maggioranza relativa

 

Il lettore di Renovatio 21 sa che in Italia la Cina può essere vista come modello e partner da un’intero partito di maggioranza e da parti rilevanti di altri partiti di maggioranza relativa. Dalla Cina molti soggetti politici italiani filocinesi hanno stimolato durante la pandemia traffici di mascherine non sempre limpidi o lineari. Sul piatto balla ancora la rete 5G nazionale, infrastruttura di capitale importanza per il futuro del Paese. Anche il Brasile di Bolsonaro, inizialmente sulle posizioni anticinesi di Trump, ora si è molto ammorbidito e ha concesso a Huawei di partecipare al bando per il 5G del Paese.

 

I sistemi di sorveglianza cinese, sviluppati spesso con l’aiuto di competenze accademiche occidentali, permettono oramai una face recognition precisissima e perfino, in alcuni casi, la ricostruzione del volto di un uomo a partire da un frammento del suo DNA – tutte tecniche che i critici di Pechino assicurano essere usate per la repressione dell’etnia uigura in Xinjiang.

 

La Cina è un incubo elettrototalitario dove ogni cittadino è tracciato e spiato dallo smartphone e da mille altri sistemi illiberali: decisamente un modello per il nostro futuro prossimo anche qui.

Recentemente il governo ha varato una app per la delazione nei confronti di cittadini che esprimono «opinioni errate»; esso inoltre ha lanciato un progetto sperimentale di sorveglianza del 100% dello spazio pubblico che coinvolge sia telecamere disseminate ovunque che l’utilizzo del vicinato come spia costante.

 

La Cina è un incubo elettrototalitario dove ogni cittadino è tracciato e spiato dallo smartphone e da mille altri sistemi illiberali: decisamente un modello per il nostro futuro prossimo anche qui.