«Punteggio di credito sociale», il Partito Comunista Cinese impone nuove rigide regole

 

 

La Cina considererà le persone che mettono seriamente in pericolo la salute e la sicurezza delle persone, o che non rispettano la concorrenza leale e il normale ordine sociale dei mercati, come minacce per la società secondo le sue nuove linee guida sul credito sociale.

 

L’emittente statale CCTV ha riferito che le misure sono state discusse durante una recente riunione del consiglio di stato citando una riunione del consiglio di stato guidata dal premier Li Keqiang, l’uomo di punta del presidente Xi per la gestione delle ricadute del coronavirus.

La Cina considererà le persone che mettono seriamente in pericolo la salute e la sicurezza delle persone, o che non rispettano la concorrenza leale e il normale ordine sociale dei mercati, come minacce per la società secondo le sue nuove linee guida sul credito sociale

 

Tra queste nuove misure punitive, la Cina promuoverà lo sviluppo di qualità del settore della segnalazione del credito, incoraggiando al contempo la condivisione di informazioni sul credito relative alla finanza, all’amministrazione governativa e ai servizi pubblici per accelerare l’uso ordinato dei dati relativi al governo e rafforzare la sicurezza delle informazioni.

 

L’incontro, presieduto mercoledì dal premier Li Keqiang, ha deciso misure per affinare il meccanismo di deterrenza. I principi includono l’adesione a leggi e regolamenti, la protezione dei diritti e degli interessi, l’adozione di un approccio prudente e appropriato e l’attuazione di gestori basati su elenchi.

 

Il sistema di credito sociale cinese è un programma governativo in fase di attuazione, la Repubblica Popolare Cinese regola il comportamento dei suoi cittadini sulla base di un sistema a punti. I cittadini con punteggi più alti hanno difficoltà a ottenere prestiti bancari, visite mediche gratuite e sconti sul riscaldamento.

 

Il sistema di credito sociale cinese è un programma governativo in fase di attuazione, la Repubblica Popolare Cinese regola il comportamento dei suoi cittadini sulla base di un sistema a punti. A quando in Italia?

Vengono detratti punti per violazioni del codice stradale, vendita di prodotti difettosi o mancato pagamento di prestiti. In alcuni casi, alle persone con cattivi punteggi di credito sociale è stato impedito di acquistare biglietti aerei o ferroviari. Altre infrazioni possono essere il fumo nelle aree non fumatori, l’acquisto di troppi videogiochi (o il troppo giocare), etc.

 

Considerando la simpatia, diciamo così, che il regime di Pechino gode presso una forza di governo presentatasi sulla scena anni fa con tratti esplicitamente tecno-totalitari, ci chiediamo quando il sistema del credito sociale sarà proposta anche qui in Italia.