Connettiti con Renovato 21

Intelligence

I servizi tedeschi spiano il loro ex capo per presunti legami con l’«estremismo di destra»

Pubblicato

il

L’agenzia di Intelligence nazionale tedesca chiamata Bundesamt für Verfassungsschutz – l’Ufficio federale per la protezione della Costituzione, meglio nota come BfV – ha messo sotto sorveglianza il suo ex presidente Hans-Georg Maaßen, sospettandolo di legami con l’estrema destra del paese, hanno riferito i media locali.

 

Secondo il sito web T-online e l’emittente pubblica nazionale ARD, l’agenzia conserva ora un ampio dossier sul suo ex direttore, che è stato al timone tra il 2012 e il 2018. La BfV lo ha reso un «caso di osservazione» a causa di sospetti su è possibili legami con l’«estremismo di destra».

 

Maaßen è stato costretto a dimettersi dal BfV dopo una serie di scandali, tra cui il suo porre questioni riguardo le denunce di violenza di estrema destra contro gli stranieri. Diversi media hanno anche affermato che avrebbe consegnato informazioni sensibili al partito populista di destra Alternativa per la Germania (AfD), riporta RT.

Sostieni Renovatio 21

Maassen è ora il leader dell’Unione dei Valori, un partito di destra che recentemente si è separato dall’Unione Cristiano-Democratica della Germania (CDU). Creata inizialmente nel 2017, l’Unione si presentava originariamente come un’associazione conservatrice all’interno della CDU, ma le due fazioni hanno avuto un grave dissidio ideologico che alla fine ha portato alla rottura.

 

Alcuni critici hanno anche accusato l’Unione dei Valori di essere troppo vicina all’AfD, che ha costantemente criticato le politiche di immigrazione di Berlino.

 

Come riportato da Renovatio 21, il Maaßen due mesi fa aveva dichiarato in un’intervista che l’Europa sta affrontando una crisi senza precedenti a causa dell’immigrazione di massa, che l’Islam è ben pronto a conquistare l’Europa e che la Germania e l’Austria potrebbero fare molto per fermare la crisi ma stanno scegliendo di non farlo.

 

La decisione del BfV di mettere il Maaßen sotto sorveglianza è stata confermata dallo stesso politico, che ha pubblicato la relativa comunicazione dell’agenzia. Tra le ragioni è citato il fatto che i membri del movimento Reichsburger – che nega l’esistenza di un moderno Stato tedesco e crede che i cittadini del Paese vivano ancora nel Reich tedesco secondo la Costituzione del 1871 – hanno condiviso il suo video sui social media.

 

Nel dicembre dello scorso anno, le autorità tedesche hanno accusato 27 persone, sospettate di appartenere al movimento Reichsburger, di aver pianificato di rovesciare l’ordine costituzionale del paese.

 

I rapporti affermano anche che Maaßen avrebbe descritto le azioni delle autorità contro i membri del Reichsburger come «sproporzionate», aggiungendo che alcune figure di destra hanno descritto Maaßen come un “repubblicano convinto”.

 

Mercoledì in un’intervista alla rivista Tichys Einblick l’ex presidente del BfV ha definito le accuse di estremismo di destra «prive di fondamento e ingiustificate», suggerendo che il suo ex ufficio stava abusando dei suoi poteri per dare la caccia agli oppositori politici.

Aiuta Renovatio 21

«Questo è un attacco all’ordine democratico fondamentale da parte del ministro federale degli Interni, la signora Faeser», ha aggiunto. La ministro degli Interni Faeser è nota per aver dichiarato di voler combattere l’estremismo di destra sin dall’asilo .Il concetto di estremismo, di fatto, viene ora allargato dalle istituzioni tedesche: in un’intervista con ZDF, il direttore del servizio di Intelligence del Land della Turinga Stephan Kramer ha ammonito riguardo al fatto che le proteste «legittime» per la crisi energetica potrebbero essere «dirottate dagli estremisti».

 

Secondo un articolo comparso due anni fa sul quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitungle agenzie di Intelligence interne tedesche gestirebbero centinaia di account falsi di estremisti di destra sui social media. Tali agents provocateurs telematici possono incitare sia all’odio che alla violenza. È emerso lo scorso agosto che i servizi segreti tedeschi sarebbero pronti a criminalizzare chi critica lo Stato: e l’ufficio attivo in questo tipo di repressione è proprio  il  BfV.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo scorso aprile aprile era emerso che i servizi avevano etichettato l’organizzazione giovanile AfD come «estrema destra» in modo da poter sorvegliarne i membri.

 

A dicembre 2023, il presidente della sezione sassone dell’Ufficio per la protezione della Costituzione (BfV), Dirk-Martin Christian, ha annunciato che l’AfD era stato ufficialmente ritenuto estremista per la sua «agenda anticostituzionale». Tale status giuridico consente al BfV di utilizzare mezzi di sorveglianza e di intelligence per raccogliere informazioni senza restrizioni sulle attività del partito di destra.

 

La Grundgesetz, la «legge di base» e cioè la Costituzione tedesca sulla quale il BfV dovrebbe vigilare, è stata umiliata durante la pandemia (il suo primo articolo recita: «La dignità dell’uomo è intangibile. È dovere di ogni potere statale rispettarla e proteggerla») è successivamente modificata per poter aumentare la spesa militare, che con l’Ucraine (e non solo) sta gonfiandosi senza requie, segno di una effettiva rimilitarizzazione della Germania.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Bundesministerium des Innern/Sandy Thieme via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Germany

Continua a leggere

Intelligence

I servizi segreti russi dicono che la Francia ha pianificato di inviare 2.000 soldati in Ucraina

Pubblicato

il

Da

Il servizio di Intelligence estero russo SVR ha desecretato un rapporto redatto a marzo da un agente secondo il quale la Francia si stava preparando a inviare un contingente di circa 2.000 soldati a combattere in Ucraina. Il briefing è stato pubblicato nell’ultimo numero della rivista dell’SVR.   Secondo quanto riportato, un agente che usava lo pseudonimo Felix sosteneva che l’esercito francese era «preoccupato per l’aumento del numero di francesi uccisi nel teatro operativo militare ucraino», in particolare dopo che le forze russe avevano distrutto un centro di dispiegamento temporaneo per stranieri vicino a Kharkov a gennaio.   Quel solo attacco ha ucciso «decine di cittadini francesi», avrebbe stimato Parigi, notando che da allora attacchi simili sono «diventati la norma nel conflitto ucraino». Il ministero della Difesa francese avrebbe ammesso privatamente di non aver visto tali perdite dalla guerra in Algeria nella seconda metà del XX secolo, secondo il telegramma cifrato di Felix.   L’agente dell’SVR ha riferito che il numero esatto delle vittime e l’idea che ci siano militari francesi in Ucraina sono stati deliberatamente occultati dalle autorità francesi. Temono presumibilmente che il numero delle vittime «abbia superato la soglia psicologicamente significativa» e che la loro pubblicazione possa scatenare proteste pubbliche di massa e malcontento tra gli ufficiali in carica.   Nonostante questi problemi, Felix ha affermato che le autorità francesi stavano comunque preparando un contingente da inviare in Ucraina, sostenendo che questo gruppo era inizialmente pianificato per includere circa 2.000 truppe. Tuttavia, l’esercito francese è presumibilmente preoccupato che sarebbe impossibile inviare segretamente una forza così grande in Ucraina, poiché diventerebbe un obiettivo prioritario per le forze russe.

Iscriviti al canale Telegram

In precedenza, il presidente francese Emmanuel Macron aveva più volte lasciato intendere che il suo Paese avrebbe potuto inviare soldati a combattere al fianco di Kiev, suscitando la condanna della Russia – a cui la Francia vuole perfino togliere la Crimea – e la resistenza della maggior parte degli alleati di Parigi all’interno della NATO e perfino dello stesso popolo francese, che di fatto lo ha punito alle elezioni.   Il leader francese ha poi confermato che stava cercando di formare una coalizione disposta a schierare specialisti per addestrare l’esercito ucraino sul campo, e ha affermato che diverse nazioni avevano già accettato di unirsi allo sforzo. Il mese scorso, alti funzionari ucraini hanno riferito che il primo gruppo di istruttori francesi era già in viaggio verso il Paese.   Mosca ha ripetutamente messo in guardia contro ulteriori aiuti militari a Kiev, mentre il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che gli specialisti militari occidentali sono da tempo attivi in ​​Ucraina «sotto le mentite spoglie di mercenari». Ha messo in guardia che lo spiegamento di forze occidentali in Ucraina potrebbe portare a un «grave conflitto in Europa e a un conflitto globale».   La Russia ha sostenuto altresì che truppe NATO, travestiti da mercenari, controllano le difese aeree in Ucraina.   Come riportato da Renovatio 21, recenti rivelazioni del New York Times indicano che i foreign fighter occidentali in Russia sarebbero coinvolti in tremendi crimini di guerra contro i prigionieri russi.   L’anno scorso la Commissione d”inchiesta russa sui crimini commessi in Ucraina ha dichiarato di aver individuato dei mercenari francesi tra i responsabili dell’uccisione di 25 prigionieri di guerra russi. Avrebbero agito nell’ambito del Battaglione Azov e della 92ª Brigata delle forze armate ucraine.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Evgenij Andrustenko/French Army via Wikimedia pubblicata su Licence Ouverte 2.0
Continua a leggere

Intelligence

L’Intelligence di Mosca dice che l’Occidente vuole sostituire Zelens’kyj

Pubblicato

il

Da

I sostenitori occidentali dell’Ucraina hanno intensificato gli sforzi per trovare un sostituto per Vladimir Zelens’kyj, ha affermato un agente dei servizi segreti esterni russi (SVR) in un rapporto declassificato. Il documento è stato pubblicato nell’ultimo numero della rivista Razvedchik pubblicata dallo stesso SVR.

 

Secondo un agente che usa lo pseudonimo «Stone», gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono «estremamente preoccupati» per il «crescente malcontento» tra la popolazione ucraina a causa del conflitto prolungato e dell’incapacità dell’attuale leadership di porvi fine, soprattutto dopo la scadenza del mandato presidenziale di Zelens’kyj lo scorso maggio.

 

Mentre le potenze occidentali tollereranno Zelens’kyj per ora poiché è «legato a schemi di finanziamento della guerra che portano enormi entrate sia al regime di Kiev che ai produttori di armi occidentali», Stone ha affermato che hanno intensificato gli sforzi per trovare un sostituto adatto.

 

Secondo l’agente, l’Occidente ha già contattato l’ex presidente ucraino Petro Poroshenko e il sindaco di Kiev Vitaliy Klitschko, così come il capo dello staff di Zelens’kyj Andrey Yermak, precedentemente descritto dal Times come il governatore de facto dell’Ucraina.

 

Anche l’ex comandante militare del Paese, il generale Valerij Zaluzhny, e l’ex presidente del parlamento ucraino, Dmitrij Razumkov, sono sulla lista dei potenziali sostituti di Zelensky, ha affermato l’agente russo.

Iscriviti al canale Telegram

«Si presume che queste persone possano essere richieste in caso di un brusco deterioramento della situazione in prima linea e della necessità di un urgente cambio di leadership. Allora sarà possibile sceglierne uno, incolpando Zelens’kyj di tutti i fallimenti», ha affermato l’agente.

 

Ha aggiunto che, per gli Stati Uniti e l’Unione Europea, il punto focale nel trattare con la leadership di Kiev è attualmente «impedire un aumento critico della delusione tra gli ucraini per i fallimenti delle politiche filo-occidentali».

 

Mentre la rivendicazione legale di Zelens’kyj alla carica è in discussione dalla fine di maggio, ha escluso di tenere elezioni presidenziali, citando la legge marziale. Il mese scorso il presidente russo Vladimiro Putin ha previsto che i sostenitori occidentali dell’Ucraina avrebbero rimosso lo Zelens’kyj dal potere una volta che avesse fatto passare tutte le necessarie «decisioni impopolari», il che potrebbe avvenire già l’anno prossimo, scrive RT.

 

In una conferenza stampa durante una visita in Vietnam, Putin ha affermato che Zelens’kyj rimane al potere solo perché non ha ancora esaurito la sua utilità.

 

Come riportato da Renovatio 21, il presidente russo ha ribadito più volte che la legittimità politica del presidente ucraino è finita e che il potere in Ucraina è quindi usurpato. L’ex presidente russo Demetrio Medvedev due mesi fa ha dichiarato che con la scadenza del mandato di Zelens’kyj egli diviene un «obiettivo legittimo» e che l’Ucraina è divenua «un classico Stato fallito».

 

Tre mesi fa sempre il Medvedev aveva detto che l’Occidente stava complottando per assassinare il presidente ucraino. Attualmente Zelens’kyj è nella lista dei ricercati di Mosca.

 

In un rapporto dell’SVR pubblicato a maggio, che citava sondaggi d’opinione riservati condotti dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea, l’agenzia ha affermato che il livello di sostegno a Zelens’kyj, che aveva superato l’80% nei mesi iniziali del conflitto, era sceso al 17% e continua a diminuire.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di pubblico dominio CC0 via Flickr

Continua a leggere

Intelligence

Cuba sostiene di aver sventato un complotto terroristico finanziato dagli USA

Pubblicato

il

Da

Le autorità cubane hanno sventato un sospetto piano terroristico che prevedeva l’uso di armi contrabbandate dagli Stati Uniti, ha affermato lunedì Victor Alvarez Valle, capo investigatore criminale del Ministero degli Interni cubano.   La trama è venuta alla luce per la prima volta a dicembre dell’anno scorso, quando le autorità hanno dichiarato di aver arrestato un uomo arrivato illegalmente sull’isola dal vicino stato americano della Florida, con armi, munizioni ed equipaggiamento militare. Era sospettato di voler «eseguire azioni violente» nella nazione caraibica.   Alvarez ha identificato l’uomo come Ardenys Garcia, un cubano di 40 anni residente in Florida, emigrato illegalmente negli Stati Uniti nel 2014. Secondo gli investigatori, l’indagine di sette mesi che ha seguito la detenzione di Garcia ha rivelato un massiccio schema terroristico che «era stato pianificato, organizzato, sostenuto e finanziato da un gruppo di terroristi cubani con sede negli Stati Uniti» noto come La Nueva Nacion Cubana.   Garcia avrebbe agito su ordine del gruppo, che stava pianificando attacchi contro obiettivi civili a Cuba. Oltre a contrabbandare armi nella nazione insulare, avrebbe dovuto organizzare un movimento armato all’interno del paese e compiere atti terroristici con l’obiettivo di destabilizzare il governo cubano. Il piano avrebbe coinvolto un totale di 32 residenti cubani, con Garcia considerato il principale sospettato.

Iscriviti al canale Telegram

Garcia è accusato di «ingresso illegale nel territorio nazionale e di atti contro la sicurezza dello Stato», ha affermato Alvarez, notando che le autorità stanno anche considerando di accusarlo di spionaggio. Rischia fino a 30 anni di prigione. Altri sospettati del caso sono stati arrestati, ma non sono ancora stati ufficialmente accusati, con l’indagine sul loro coinvolgimento ancora in corso.   L’Alvarez ha affermato che le autorità statunitensi sono state informate dell’indagine, ma non si sono offerte di collaborare e finora non hanno preso provvedimenti contro il presunto gruppo terroristico che opera sul loro territorio. «Questi individui continuano ad agire impunemente nel territorio nordamericano, organizzando, finanziando e sostenendo attività di natura violenta allo scopo di sovvertire l’ordine interno del nostro Paese», ha affermato.   In una dichiarazione rilasciata alla Reuters lunedì, un funzionario del Dipartimento di Stato americano ha affermato che Washington era a conoscenza dell’indagine, ma ha spiegato che le forze dell’ordine americane «perseguono gli individui in base alla legge statunitense e non accettano direttive da governi stranieri».   La tensione nell’isola, tradizionale bastione caraibico di Mosca, non fa che crescere. A inizio anno il parlamentare russo Aleksej Zhuravlev aveva suggerito il posizionamento di armi nucleari della Federazione Russa sull’isola al largo delle coste statunitensi.   A Cuba si era consumata la famosa «crisi dei missili», che i russi chiamano «crisi dei caraibi», tra il 14 e il 28 ottobre 1962, considerata uno dei più punti massimi della tensione tra le potenze atomiche durante la Guerra Fredda. L’URSS aveva deciso di posizionare missili a testata nucleare su suolo cubano (cioè a 140 chilometri dalle coste della Florida) come deterrente ad una invasione da parte degli USA; il leader sovietico Nikita Kurshev reagiva così all’installazione di missili Jupiter in Turchia e in Italia nonché alla tentata invasione di Cuba durante l’episodio della Baia dei Porci nel 1961.   Cosa poco nota storicamente, il blocco navale istituito dagli Stati Uniti per impedire l’arrivo dei missili arrivò quando già bombe atomiche sovietiche erano presenti a Cuba.   La vicenda si risolse con l’impegno per l’URSS di levare da Cuba le armi, e per gli USA di fare lo stesso con i Jupiter piazzati in Turchia e in Italia. L’episodio si concluse con la creazione della «linea rossa», cioè una forma di comunicazione telefonica diretta tra Washington e Mosca.   Come riportato da Renovatio 21, tre mesi fa un ex ambasciatore americano, Victor Manuel Rocha, è stato condannato a 15 anni come spia dell’Avana. L’anno scorso era stata liberata dopo 21 anni di reclusione l’ex responsabile del servizio America Latina alla Defense Intelligence Agency, Ana Belén Montes, che per 16 anni aveva trasmesso ai cubani. i piani del Pentagono.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Enrico Strocchi via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic  
Continua a leggere

Più popolari