Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Cina e Vaticano, tra gay e Coronavirus

Pubblicato

il

 

 

 

La Santa Sede «apprezza questo gesto generoso ed esprime la sua gratitudine ai Vescovi, ai fedeli cattolici, alle istituzioni e a tutti gli altri cittadini cinesi». Il Vaticano ha ringraziato la Cina per aver inviato forniture mediche per aiutare a combattere il COVID-19, nonostante il virus si sia originato proprio nel paese comunista.

 

«Il Vaticano esulta per la spedizione di forniture mediche cinesi per aiutare a gestire il coronavirus» titola la testata prolife canadese Lifesitenews.

 

L’inviata a Roma Diane Montagna riporta la dichiarazione del 9 aprile di Matteo Bruni della Sala Stampa della Santa Sede: le «donazioni» sono arrivate attraverso la Croce Rossa cinese e la Hebei Jinde Charities Foundation e che le forniture sono state «un’espressione di solidarietà del popolo cinese e delle comunità cattoliche verso coloro che sono coinvolti nel soccorso delle persone colpite da COVID-19 e nella prevenzione dell’attuale epidemia di coronavirus».

 

La Santa Sede, che dall’Italia riceve quantomeno il fiume di danaro dell’8 per mille, ad inizio febbraio aveva pure inviato gratuitamente 700.000 mascherine ai cinesi

La Santa Sede «apprezza questo gesto generoso ed esprime la sua gratitudine ai Vescovi, ai fedeli cattolici, alle istituzioni e a tutti i cittadini cinesi per questa iniziativa umanitaria, assicurando loro la stima e le preghiere del Santo Padre».

 

Come abbiamo preso di recente anche dalla cronaca di altri Paesi (Olanda, Spagna), la Cina non sta esattamente regalando le forniture mediche, che talvolta sono inutilizzabili perché difettose. Abbiamo appreso anche dai discorsi arzigogolati del Ministro degli Esteri Italiano Di Maio che la Cina sta vendendo il materiale, anche se poi la politica filocinese ci sta facendo credere che si tratti di aiuti. Lo scandalo è sorto quando un ufficiale dell’amministrazione Trump avrebbe rivelato che la Cina avrebbe costretto l’Italia a comprare le stesse mascherine che l’Italia in primo luogo aveva donato gratuitamente, quando la crisi epidemica pareva essere confinata alla sola Cina.

 

Ricordiamo qui che anche la Santa Sede, che dall’Italia riceve quantomeno il fiume di danaro dell’8 per mille, aveva pure inviato gratuitamente 700.000 mascherine ai cinesi. Era il 3 febbraio 2020.

 

Non è chiaro cosa abbia voluto la Repubblica Popolare Cinese in cambio.  Magari il pagamento non è stato in danaro: verrebbe da dire che la Santa Sede, con la sua sconsiderata e blasfema ostpolitik verso la Cina (di fatto un tradimento di quasi un secolo di martiri cattolici cinesi, e di milioni di fedeli che vivono la Fede nelle catacombe rischiando l’arresto e la morte) forse ha pagato con l’anima. Qualcuno potrebbe dire che ha già pagato.

L’accordo del 2018 tra Pechino e Vaticano di fatto è la vendita dell’anima cattolica al Moloch del Partito Comunista Cinese

 

L’accordo del 2018 tra Pechino e Vaticano di fatto è la vendita dell’anima cattolica al Moloch del Partito Comunista cinese. Sotto la supervisione del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, l’accordo garantisce potere decisionale al governo di Xi nella nomina dei vescovi, tra le altre concessioni, e apre la strada all’unificazione dell’Associazione Patriottica Cinese (cioè la chiesa «patacca» creata dai cinesi per attirare i cattolici), approvata dallo Stato, e la Chiesa sotterranea, i cui membri sono rimasti uniti alla Santa Sede nonostante il rischio di essere uccisi, imprigionati o altrimenti perseguitati per la loro fede.

 

Per attuare l’affare, il  Vaticano  ha riconosciuto e consacrato sette vescovi «patriottici» scomunicati e ha chiesto a due vescovi clandestini che avevano servito fedelmente per decenni sotto intense persecuzioni di dimettersi a favore dei vescovi riconosciuti dal Partito Comunista. Partito che regge quello Stato dove la fertilità è limitata con aborti forzati, dove l’espianto degli organi è una realtà comune, dove la religione è perseguitata – tutte cose a cui, prima dell’accordo pechinese-bergogliano, pareva che alla Chiesa importasse qualcosa.

 

In Cina la fertilità è limitata con aborti forzati, dove l’espianto degli organi è una realtà comune, dove la religione è perseguitata – tutte cose a cui, prima dell’accordo pechinese-bergogliano, pareva che alla Chiesa importasse qualcosa

«Il Vaticano dovrebbe capire che sta trattando con le organizzazioni del fronte del Partito Comunista e moderare i suoi entusiasmi in generale per quanto riguarda tutte le questioni relative alla Cina», ha scritto in una e-mail a LifeSiteNews Steve Mosher, esperto di affari cinesi che ha esposto al mondo la politica sull’aborto forzato del Partito Comunista, nonché i suoi orribili protocolli per l’espianto di organi.

 

«La Croce Rossa cinese, nonostante il nome, non ha alcun legame con il Cristianesimo. È un’organizzazione gestita dal governo in Cina che è stata recentemente  accusata  di ricevere donazioni destinate alle persone sofferenti di Wuhan nelle settimane passate e averle dirottate per i propri scopi» continua Mosher, autore del libro edito nel 2017 Bully of Asia: Why China’s Dream is the New Threat to World Order Il bullo dell’Asia: perché il sogno cinese è la nuova minaccia per l’ordine mondiale»).

 

«Inoltre, la qualità delle forniture mediche dalla Cina dovrebbe sempre essere attentamente esaminata prima di essere utilizzata. I respiratori non filtrano correttamente i patogeni nell’aria, mentre i test spesso producono risultati falsi», ha aggiunto.

 

Mosher ha anche dichiarato altrove che sta sta diventando sempre più evidente che il coronavirus è sfuggito al laboratorio biomedico di Wuhan, che i tentativi del leader comunista Xi Jinping di sopprimere la notizia dell’epidemia e del rifiuto di agire hanno portato a innumerevoli morti in Cina e alla conseguente rapida e catastrofica diffusione del virus in tutto il mondo, e che il regime di Xi continua a mentire sulla devastazione che la malattia ha provocato in Cina.

 

In Vaticano dell’ipotesi di virus artificiale – ipotesi che esporrebbe Pechino a responsabilità abissali che potrebbero disintegrare il «disgelo» tra Pechino e il Sacro Palazzo – non è stata mai nominata. Tuttavia nel mondo cattolico fuori dall’orbita della cricca bergogliana cardinali e vescovi cominciano a parlarne.

 

L’immorale realpolitik vaticana spiega il silenzio dinanzi alla catastrofe virale globale partita dalla Cina

Il Cardinale cingalese Malcolm Ranjith, noto per le sue posizioni conservatrici, ha parlato subito della Pandemia come il frutto «di sperimentazioni da parte di una nazione ricca e potente», e aggiungendo anche prospettive di politica transnazionale necessarie: «dobbiamo  mettere al bando questo tipo di sperimentazioni che portano al risultato della perdita di vita e causano dolore e sofferenze a tutta la umanità» ha detto il cardinale di Colomb, mandando un messaggio alle autorità internazionali, che dovrebbero aprire le indagini e portare i «responsabili a processo per genocidio».

 

A Ranjith ha fatto eco il vescovo birmano Charles Maung Bo, la prima figura religiosa ad accusare pubblicamente il Partito Comunista Cinese di essere «moralmente colpevole» per la pandemia, di aver vittimizzato il popolo cinese e di «aver distrutto vite in tutto il mondo».

 

L’immorale realpolitik vaticana spiega il silenzio dinanzi alla catastrofe virale globale partita dalla Cina.  «Da quando è stato firmato l’accordo, il regime di Xi ha iniziato la  campagna per eliminare la Chiesa cattolica sotterranea, costringendo i sacerdoti a firmare un documento attestante che aderiranno alla “Chiesa cattolica indipendente” gestita dallo stato che ha portato all’arresto dei sacerdoti che si oppongono, alla chiusura delle loro parrocchie e alla persecuzione» scrive LSN.

 

Nel frattempo, papa Francesco ha diffuso un video messaggio indirizzato ai cattolici cinesi a marzo incoraggiandoli ad essere «buoni cittadini» e a non impegnarsi in attività di «proselitismo», un comando che si oppone in modo patente a quello evangelico: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura» (Mc, 16,15)

L’ironia dell’accoglienza da parte del Vaticano delle forniture mediche cinesi non è passata inosservata ai cattolici sui social media. «I loro 30 pezzi d’argento per aver tradito la Chiesa in Cina … disgustoso»,  ha commentato il frate David M. Chiantella. «Il Vaticano è perduto. Sta a noi mantenere forte la nostra fede. Non possiamo più fare affidamento sui leader della nostra fede. Sono stati compromessi », ha commentato Amme Grimaldi.

 

Nel frattempo, papa Francesco ha diffuso un video messaggio indirizzato ai cattolici cinesi a marzo incoraggiandoli ad essere «buoni cittadini» e a non impegnarsi in attività di «proselitismo», un comando che si oppone in modo patente a quello evangelico: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura» (Mc, 16,15)

 

«La Chiesa vuole che i cristiani cinesi siano veri cristiani e buoni cittadini», ha detto il Bergoglio. «Dovrebbero promuovere il Vangelo, ma senza impegnarsi nel proselitismo e devono raggiungere l’unità della comunità cattolica divisa».

 

Qualcuno ha notato che l’accordo tra il Vaticano e la Cina potrebbe pure essere dovuto ad uno specioso misfatto elettronico.

 

Che ci sia verso pezzi grossi della Curia da parte del Partito Comunista Cinese anche un possibile ricatto basato sui dati dell’app di incontri omosessuali Grindr?

Grindr, la app di incontri sessuali gay dove si dice siano presenti vari consacrati (notoriamente, la quantità di omosessuali in Curia è secondo alcune analisi piuttosto alta), per un periodo finì nelle mani dei cinesi, che acquistarono la società. Il governo Trump chiese alla Cina di farla tornare in mano americana, perché i servizi USA paventavano che le informazioni contenute in quella app (tra cui alcune davvero delicate, ) mettessero a rischio la sicurezza nazionale: quante persone, nell’esercito e nella pubblica amministrazione, nel governo e nelle grandi aziende, potevano essere ricattate?

 

Cosa piuttosto incredibile, la Cina acconsentì, e l’applicazione dei festini omosessuali tornò di proprietà americana. È lecito pensare che qualche copia dei file i cinesi li abbiano tenuti.

 

Che ci sia verso pezzi grossi della Curia da parte del Partito Comunista Cinese anche un possibile ricatto basato sui dati dell’app di Sodoma? Probabilmente non lo sapremo mai.

 

Tuttavia vi lasciamo con una curiosa coincidenza. Ad inizio gennaio vi fu un’offerta italiana di ben 260 milioni di euro per acquistare Grindr. Ad offrire la non indifferente somma è stata la software house milanese Bending Spoons, una startup partecipata dalla holding H14 (che fa capo a Barbara, Eleonora e Luigi Berlusconi) e Nuo Capital, che è un fondo guidato da un ex top manager di Banca Imi, ma, si lesse sui giornali, «con capitale asiatico».

 

Il tutto mentre nella bergamasca preti veri muoiono a decine per portare i sacramenti ai fedeli sterminati dal virus cinese. Sono anche quelli dei martiri «cinesi» che la Chiesa non vuole riconoscere più.

Bending Spoons è l’azienda scelta dal governo per l’app di tracciamento dei cittadini ai tempi del Coronavirus.

 

In Cina l’app di tracciamento è una realtà assodata che impedisce la libera circolazione dei cittadini. Dell’allucinante società di sorveglianza elettronica che è la Cina Renovatio 21 vi ha parlato spesso. Per molti, per esempio per il capo della non troppo lucida task force per la riapertura Vittorio Colao, sistemi di controllo ultradiffusi sono il nostro destino obbligato.

 

Insomma, l’Italia finisce ad assomigliare sempre più alla Cina. A farci da apripista sono stati, come spesso è accaduto, i preti.  O meglio, dei personaggi in clergyman e senza nessuna Fede, ma con la particolarità di qualche vizietto per il quale forse sono pure ricattati.

 

Il tutto mentre nella bergamasca preti veri muoiono a decine per portare i sacramenti ai fedeli sterminati dal virus cinese. Sono anche quelli dei martiri «cinesi» che la Chiesa non vuole riconoscere più.

 

 

Roberto Dal Bosco

Continua a leggere

Cina

412 milioni di cinesi in lockdown. Si moltiplicano le proteste contro la politica «zero-Covid» di Xi Jinping

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Situazione ancora tesa alla Foxconn di Zhengzhou, primo assemblatore mondiale di iPhone. Circa 412 milioni di cinesi sono in lockdown. Contagi in crescita anche a Pechino. Fondo monetario internazionale: crescita cinese a fine anno prevista al 3,2%; consigliato un rafforzamento della campagna vaccinale per invertire il trend negativo.

 

 

 

Si moltiplicano nel Paese le proteste contro la draconiana politica di azzeramento del COVID-19 voluta da Xi Jinping.

 

Circolano sui social media immagini di quelli che sembrano lavoratori della Foxconn a Zhengzhou (Henan) mentre abbattono delle barriere e si scontrano con guardie in tuta protettiva invocando il pagamento dello stipendio. Lo scorso mese personale della compagnia, il più grande assemblatore di iPhone al mondo, è scappato a piedi dallo stabilimento per sfuggire alla quarantena per il coronavirus.

 

Gli allentamenti alle restrizioni sanitarie annunciati la scorsa settimana dal governo sono già un ricordo. Molte città cinesi registrano picchi di contagi spingendo le autorità a tornare subito a lockdown, quarantene e tamponi di massa. Colpita anche la capitale, dove le autorità hanno chiuso centri commerciali, parchi e musei, oltre a interi quartieri, e imposto limiti alla circolazione. Situazione critica anche a Shanghai, ma soprattutto a Chongqing and Guangzhou (Guangdong) dove si registrano il maggior numero d’infezioni.

 

Secondo Nomura, al 21 novembre circa 412 milioni di cinesi erano in lockdown, in salita rispetto ai 340 milioni della settimana precedente. I contagi a livello nazionale sono oltre 28mila.

 

Le misure di contenimento della pandemia sono diventate un problema socio-economico. Nelle settimane scorse Guangzhou ha visto dimostrazioni di piazza poi oscurate dal web.

 

Significative proteste si sono avute poi in Tibet, senza dimenticare quelle dei cittadini di Shanghai, costretti in primavera alla quarantena nelle loro abitazioni e senza viveri per giorni.

 

Ancora più clamorosa è l’azione solitaria di un manifestante che ha esposto a Pechino striscioni critici di Xi alla vigilia del 20° Congresso del Partito lo scorso mese: la sfida più plateale al regime dal movimento democratico di piazza Tiananmen del 1989. La polizia ha arrestato subito Peng Lifa, diventato una star del web con i soprannomi di «uomo del ponte», «guerriero solitario» e «uomo coraggioso».

 

Sul fronte economico le notizie non sono positive. Oggi il Fondo monetario internazionale (FMI) ha pubblicato le previsioni per l’economia cinese.

 

La crescita del PIL a fine 2022 è data al 3,2%, ben lontana dall’obiettivo del 5,5% di Pechino. Per il 2023 è atteso un miglioramento al 4,4%, sull’assunto però che il governo cinese inizi ad accantonare la politica zero-COVIDnella seconda metà dell’anno.

 

L’FMI ha precisato che per raggiungere questo risultato la Cina dovrebbe rafforzare la campagna di vaccinazione, finora fallimentare.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Nessuna amnistia sul COVID: dov’è la giustizia?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo testo comparso sul Substack della scrittrice statunitense Naomi Wolf.

 

 

Vivo in una regione da cartolina: la Hudson Valley, commemorata da pittori e poeti; un mosaico di rossi e gialli autunnali, maestosi pendii collinari, cascate leggendarie e piccole fattorie punteggiate pittorescamente sui pendii di borghi addormentati.

 

Le città della nostra zona sembrano dipinti di Norman Rockwell: c’è Main Street, Millerton, con il suo campanile bianco del 19° secolo, il suo famoso caffè Irving Farm con gli eccellenti chicchi di caffè, il suo affascinante centro commerciale di antiquariato, la sua famosa pizzeria.

 

Quando guidi a Millerton, sembra che tu stia guidando nel cuore dell’America archetipica; tutto ciò che le canzoni di Woody Guthrie commemorano, tutto ciò che i soldati americani sognavano quando erano lontani – tutto ciò che è decente e puro, si trova nelle città della Hudson Valley.

 

Di sicuro  sembra  così, comunque.

 

Ma in questi giorni sono obbligata a mantenere un fervente monologo interiore, solo per poter svolgere piacevolmente i miei affari nel negozio di ferramenta locale, dal fiorista locale, all’ufficio postale.

 

Perché in questi paesini è avvenuto un massacro emotivo. E ora ci si aspetta che ci comportiamo come se non fosse mai successo.

 

Ma psichicamente, emotivamente, c’è sangue che scorre nelle strade; e i corpi sono accatastati, invisibili, davanti ai negozi di dolciumi, alle enoteche di fascia alta, ai graziosi monumenti ai caduti della seconda guerra mondiale, fuori dal mercato degli agricoltori il sabato e fuori dai bar di tapas.

 

Quindi il mio mantra interiore tranquillo è: ti perdono.

 

Ti perdono, cinema di Millerton. Il tuo proprietario, che è stato intervistato poco prima della pandemia, dicendo cose adorabili in un giornale locale su come il teatro rinnovato avrebbe migliorato la comunità locale, ha pubblicato un cartello nel 2021 dicendo che solo le persone vaccinate potevano entrare. Dovevi davvero cercare le parole scritte in piccolo per vedere che potevi attraversare quelle porte, se non vaccinato, solo con un test PCR.

 

Perdono le signorine che lavoravano dietro il banco dei popcorn, per avermi detto che non potevo entrare oltre. Che non potevo sedermi, con altri esseri umani nella mia comunità, a guardare un film insieme a loro.

 

Perdono il giovane bigliettaio per avermi detto che dovevo tornare fuori, sul marciapiede. Non potevo nemmeno stare in piedi nell’atrio.

 

Perdono questi giovani che volevano solo un lavoro e che hanno dovuto discriminare nel modo più atroce e sfregiante – sfregiante per me e senza dubbio anche per loro – solo per mantenere il loro lavoro. Li perdono. Li perdono per la scena mortificante che hanno dovuto causare.

 

Perdono il proprietario del cinema per avermi urlato in modo difensivo quando ho messo in dubbio questa politica.

 

Perdono la coppia di anziani lì vicino nell’atrio; la donna che iniziò a urlarmi contro, in modo allarmante, dicendo che era contenta della politica e non mi voleva da nessuna parte vicino a lei. La perdono. Perdono il marito tacito e imbarazzato nel suo silenzio.

 

Perdono il dipendente del negozio di fiori Millerton che ha chiesto: «Sei vaccinata?» quando sono entrata – quando volevo solo dei bei fiori, dei rami di ulivo artificiali, magari, come quelli che avevo visto su una rivista di decorazione, da sistemare in un vaso nel mio studio.

 

Perdono questo dipendente per aver dovuto seguire un copione che deve essere stato stabilito dal comune, affinché tutte le piccole imprese lo seguano, in una metodologia bizzarra e coercitiva, come questo fuori dal comune, non americano e inappropriato la domanda è stata posta tutta in una volta in qualche modo, negozio dopo negozio, nella mia piccola città, nei paesi vicini, persino a New York City, durante un certo momento del brutto anno 2021.

 

Perdono questi proprietari di negozi per avermi privato di un grande vantaggio di una società libera – il grande dono della libertà, dell’America – quel diritto di essere sognante, di avere un po’ di privacy e di essere preoccupato per i propri pensieri.

 

Perdono questa dipendente per essersi intromessa nella mia privacy in un modo sorprendente, maleducato e del tutto fuori luogo, dato che stava semplicemente vendendo fiori e io stavo semplicemente cercando di comprarli.

 

La perdono per il modo in cui questa richiesta ha fatto salire i miei livelli di adrenalina, come fanno quando le cose sono instabili intorno a te; nel 2021, non potevi dire quali negozi ti avrebbero messo a confronto, o quando, con quella domanda urgente e prepotente: quando ti è capitato di girovagare, desiderando solo del dentifricio, o una fetta di pizza, o per guardare degli oggetti d’antiquariato.

 

No… mi aspettavo un’inquisizione.

 

Perdono questo impiegato del negozio di fiori per avermi presentato questa domanda sorprendente che ogni volta mi ha fatto sentire, con il mio disturbo da stress post-traumatico diagnosticato clinicamente da un trauma molto vecchio, finita in un’imboscata, violata e umiliata. Sicuramente questo senso di agguato è stato avvertito ovunque dai sopravvissuti al trauma.

 

Sei vaccinata?

 

Sei? Vaccinata?

 

Sei vaccinata?

 

Sei nuda? Sei indifesa?

 

Tu sei mia? Il mio possesso?

 

La clip virale del rappresentante marketing della Pfizer, che ammette al Parlamento Europeo che i vaccini mRNA non hanno mai smesso il contagio, dovrebbe trasformare ognuno di questi momenti in una fonte di profondo imbarazzo e autocritica per tutte quelle persone – tutte – che hanno inflitto queste violazioni della privacy ad altri, o che hanno escluso in qualsiasi modo, i loro vicini e connazionali. Lo hanno fatto, ora è chiaro a tutti, sulla base di una totale assurdità.

 

Ma intanto li perdono. Devo, perché altrimenti la rabbia e il dolore mi esaurirebbero a morte.

 

Perdono la mia vicina che si è bloccata quando l’ho abbracciata.

 

Perdono l’altra mia vicina, che mi ha detto che stava facendo zuppa fatta in casa e pane fresco, e che avrei potuto raggiungerla per mangiarne un po’,  se  fossi stata vaccinata. Tuttavia, se non fossi stata vaccinata, ha spiegato, un giorno potrebbe acconsentire a uscire con me.

 

Perdono il sorvegliante – come altro si potrebbe chiamarlo – sicuramente nominato dal Board of Health locale, il quale mi ha detto che non potevo entrare in una chiesa durante un’adorabile festa cittadina all’aperto nel minuscolo villaggio di montagna di Mt Washington, per vedere un mostra, perché ero senza mascherina. Lo perdono per lo sguardo d’acciaio nei suoi occhi mentre è rimasto impassibile quando gli ho spiegato che avevo una grave condizione neurologica e quindi non potevo indossare una maschera.

 

Perdono la signora nervosa al tavolo pieno di ninnoli, che a quanto pare ci aveva denunciato al rappresentante del Board of Health, quando stavamo semplicemente curiosando all’aperto, circondati dall’aria fresca, in una tranquilla giornata di giugno, i nostri volti scoperti, al suo tavolo.

 

Li perdono per aver fatto una scena miserabile su tutto questo davanti al mio figliastro allora di dieci anni. Gli smascherati e i non vaccinati sono eternamente accusati di aver fatto scene, ma le scene sono state realizzate, in realtà, dalle azioni di coloro che erano costrittivi e conformi.

 

Li perdono per averci spinto a lasciare il festival. Perdono il fatto che abbiano manifestato una lezione patetica e indifendibile di servilismo, e di sottomissione a cose che non avevano senso, a un bambino americano impressionabile.

 

Perdono la cassiera della mia banca locale per avermi lanciato un tovagliolo di carta per coprirmi il viso, quando ho spiegato rispettosamente e gentilmente, a sei metri di distanza da lei, perché non indossavo una mascherina.

 

Perdono lo staff del Walker Hotel, a Lower Manhattan, per avermi avvertito che avrebbero chiamato il manager, che senza dubbio chiamerebbe le forze dell’ordine, se mi fossi seduto al bancone del pranzo del Blue Bottle Coffee con me stessa non vaccinata.

 

Perdono i miei cari per averci tenuto lontani dalla tavola del Ringraziamento.

 

Perdono una delle mie migliori amiche per aver lasciato il Paese senza avermi salutato; il motivo era che era «delusa» da me per la mia posizione su mascherine e vaccini. Non importa che questo fosse interamente il mio rischio, il mio corpo, la mia decisione, la mia vita. La sua «delusione» l’ha portata ad assumersi l’onere di censurarmi per qualcosa che non aveva nulla a che fare con lei. La perdono, anche se il mio cuore si è spezzato.

 

Perdono l’amica la cui figlia ha avuto un bambino e che non mi ha lasciato entrare in casa per vedere il bambino.

 

Perdono l’amico che ha detto che non si sedeva in casa con persone non vaccinate.

 

Perdono i membri della famiglia che hanno spinto la mia amata a fare un altro vaccino di richiamo, portandola così direttamente al suo danno cardiaco.

 

Li perdono, perché la mia anima mi dice che devo.

 

Ma non posso dimenticare.

 

Dovremmo semplicemente riprenderci, come se le membra emotive non fossero schiacciate, come se i cuori emotivi e le viscere non fossero stati trafitti, come da oggetti appuntiti? E questo, ancora e ancora?

 

Come se non ci fosse stata nessuna ferocia, nessun massacro qui?

 

Tutte quelle persone – ora che gli atleti stanno morendo, ora che i loro cari si ammalano e sono ricoverati in ospedale, ora che la «trasmissione» è nota per essere una bugia e che l’«efficacia» dei vaccini stessa è nota per essere una bugia – sono si  scusano? Stanno riflettendo su se stessi, sulle loro azioni, sulle loro coscienze, sulle loro anime immortali, su ciò che hanno fatto agli altri in questo vergognoso melodramma nella storia americana e mondiale – un tempo che ora non potrà mai essere cancellato?

 

Non lo sento. Non sento scuse.

 

Non vedo cartelli sul cinema Millerton che dicono:

 

«Cari clienti. Siamo così dispiaciuti di aver trattato molti di voi come se tutti vivessimo secondo le leggi di Jim Crow [le leggi locali e dei singoli Stati degli Stati Uniti d’America emanate tra il 1877 e il 1964 che servirono a creare e mantenere la segregazione razziale, ndr]. Lo abbiamo fatto senza alcun motivo».

 

«Non ci sono scuse, ovviamente, per tale discriminazione, né allora né adesso. Per favore perdonaci».

 

Niente. Avete visto qualcosa del genere? Io no. Non una conversazione. Non un segno. Non un articolo. «Amico mio, sono stato una bestia. Come puoi perdonarmi? Mi sono comportato così male». L’avete sentito? No niente.

 

Invece le persone reagiscono al fatto del loro essere orribili, della loro profonda  ingiustizia , della loro stoltezza, della loro ignoranza e credulità, come cani subdoli e colpevoli. Stanno insinuando.

 

In città ne stanno aggiungendo tranquillamente uno alla lista degli invitati. In campagna, stanno fermando le loro auto nella soleggiata aria autunnale per fare due chiacchiere.

 

Stanno chiamando solo per salutare, dopo due anni e mezzo.

 

Due anni e mezzo di ostracismo brutale e ignorante.

 

Posso e devo perdonare tutti quelli che ho enumerato. Ma è più difficile perdonare, gli altri.

 

Quel perdono personale, interiore di individui illusi, o di piccoli imprenditori forzati, che è il mio stesso lavoro interiore – lavoro che faccio quotidianamente tra me stesso e il mio Dio, solo per non trasformarmi in pietra con il mio fardello di rabbia e furia – non ha nulla a che fare, ovviamente, con il bisogno dei trasgressori da parte loro della relazione di autoesaminarsi e di pentirsi veramente; e certamente non previene né evita il resoconto grave e terribile dei crimini, e l’emanazione di vera giustizia, per i leader, i portavoce e le istituzioni che hanno commesso il male, che ora è assolutamente necessario.

 

Senza commissioni di responsabilità, verità e riconciliazione e livelli di giustizia terribili e commisurati serviti a soddisfare i crimini commessi – come hanno imparato a proprie spese Sudafrica, Sierra Leone, Ruanda e Germania – non c’è assolutamente nulla per garantire che lo stesso identico i crimini non verranno più commessi. E quel processo di indagine, responsabilità, processi e condanne, quando una metà di una Nazione ha abusato sistematicamente dell’altra, è doloroso e severo e impiega anni per raggiungere la sua conclusione.

 

(E sì, ho aggiunto questo paragrafo chiarificatore in risposta alla richiesta ignorante, auto-ingannevole e pericolosa della dottoressa Emily Oster in  The Atlantic  per l’«amnistia», un saggio scritto dopo che questo è stato pubblicato. Non ci siano fraintendimenti. «L’amnestia» per crimini di questa gravità e portata non sono un’opzione. Non c’è stato alcun abbraccio di gruppo dopo la liberazione di Auschwitz).

 

È difficile perdonare il liceo di Chatham, che ha costretto un’adolescente a vaccinarsi contro l’mRNA contro la sua volontà, per poter giocare a basket, e quindi sperare in una borsa di studio per il college. I funzionari devono essere ritenuti responsabili.

 

È difficile perdonare i medici, gli ospedali, i pediatri, che sapevano e sapevano e sapevano. E hanno chinato il capo, e scagliato gli aghi nelle braccia degli innocenti, e hanno commesso il male. I medici che oggi dicono, degli orribili effetti collaterali causati dalle loro stesse mani, dalla loro stessa collusione: «Siamo sconcertati. Non ne abbiamo idea».

 

Quando i medici occidentali, prima del 2020,  non hanno mai  avuto idea?

 

I medici, gli ospedali e le organizzazioni mediche devono essere ritenuti responsabili.

 

È difficile perdonare il sindaco di New York City, che ha spinto i coraggiosi paramedici che non volevano sottoporsi a un pericoloso esperimento, a non avere un reddito con cui sfamare le loro famiglie. Lui e altri leader politici devono essere ritenuti responsabili.

 

È difficile perdonare le università della Ivy League, che hanno preso i soldi e costretto tutti i membri delle loro comunità a sottoporsi a un’iniezione sperimentale mortale o pericolosa, che danneggerà la fertilità di chissà quanti giovani uomini e donne; uno che ucciderà chissà quanti membri della comunità.

 

Hanno preso i soldi e c’è sangue sulle loro mani. Voi, genitori di bambini in età universitaria, avete ricevuto una lettera di scuse? «Siamo così dispiaciuti di aver costretto tuo figlio/tua figlia a sottoporsi a un’iniezione sperimentale che può danneggiarlo, che può paralizzare tua figlia con sanguinamenti ogni singolo mese della sua gravidanza e che potrebbe portare tuo figlio a cadere morto il campo di atletica. E una cosa che, a quanto pare, non ha nulla a che fare con la trasmissione. Non possiamo scusarci abbastanza. (Ma i soldi – erano proprio tanti.) Davvero dispiaciuto. Non lo faremo più, state tranquillo”.

 

Avete ricevuto quella lettera, i genitori di America?

 

I presidi e gli amministratori che hanno preso i soldi e hanno «incaricato» i nostri figli, devono essere ritenuti responsabili.

 

È quasi impossibile perdonare le chiese, le sinagoghe, che hanno preso i soldi e sono rimaste chiuse. O chi ha preso i soldi e poi ha chiuso ai non vaccinati a chiave ai non vaccinati le porte delle cerimonie festive, fino ad oggi. (Salve, sinagoga di Hevreh del Berkshire meridionale. Shalom. Shabbat Shalom. Buon Yom Tov.)

 

«Si prega di notare che è richiesta la prova della vaccinazione all’ingresso per tutti i servizi del giorno sacro. Si prega di portare una copia con voi. Le mascherine sono facoltative e incoraggiate per tutti coloro che si sentono a proprio agio nell’indossarle».

 

I rabbini, i sacerdoti ei ministri che hanno preso il denaro e praticato discriminazioni illegali, e hanno abbandonato la loro vocazione spirituale, devono essere ritenuti responsabili.

 

Questi sono grandi, grandi peccati.

 

Ma nel frattempo, hai delle commissioni da sbrigare. Hai libri da restituire in biblioteca e fiori da ritirare forse dal fiorista – devi andare alla partita di calcio dei bambini, devi andare al cinema; il negozio di ferramenta. Ritorno in chiesa. Ritorno alla sinagoga.

 

Devi riprendere la tua vita.

 

Devi aggirare i corpi che si decompongono invisibilmente nelle affascinanti strade della nostra Nazione. Devi rialzarti come se non fossimo annientati nello spirito.

 

Oppure, devi rispondere di nuovo se sei stato tu a molestare.

 

Ti scuserai se hai sbagliato? Perdonerai, se sei stato offeso?

 

Questa Nazione, che era così lontana dalla sua vera identità e dalle intenzioni dei suoi fondatori, potrà mai, mai  guarire? Possiamo guarire, noi stessi?

 

Il perdono a livello interiore – di individui costretti o illusi – può aiutarci o guarirci come individui privati.

 

Ma solo la resa dei conti più grave, la verità perseguita al limite in ogni singolo caso, indagini e processi avviati secondo la bella regola della nostra legge, e la cupa giustizia è poi servita a leader, portavoce (ehi, dottor Oster) – e istituzioni – ci permetterà mai di guarire, o addirittura di andare avanti in sicurezza insieme, come nazione.

 

 

Naomi Wolf

 

 

 

Immagine di Doug Kerr via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Racconto crudele dalla Cina dello «zero-COVID»

Pubblicato

il

Da

Un articolo di Thomas Hale, corrispondente da Shanghai del Financial Times, dà la rara possibilità di vedere la crudele follia che abita oggi la Cina del regime zero-COVID voluto da Xi Jinping.

 

La storia descritta ha dell’incredibile. Hale non era mai risultato positivo, tuttavia ha dovuto affrontare un’odissea fatta di prigioni pandemiche, tamponi e l’ansia di non sapere quando tutto questo sarebbe finito.

 

Nel caso dello Hale, il semplice fatto di essere designato come un «contatto stretto» di qualche positivo è stato sufficiente per condannarlo a 10 giorni di reclusione in un campo segreto dell’isola identificato solo come «P7».

 

La descrizione di come è strutturato il sistema di repressione pandemica cinese è molto precisa:

 

«I test PCR in Cina sono un rituale quasi quotidiano e le cabine di prova sono comuni a molti angoli delle strade. Assomigliano vagamente a bancarelle che vendono cibo, tranne per il fatto che sono più grandi e a forma di cubo e un lavoratore all’interno siede dietro il plexiglas tagliato con due fori per le braccia».

 

«Sono semplicemente il macchinario di superficie di un vasto sistema di monitoraggio. Il pass digitale COVID cinese ricorda i programmi di tracciabilità e rintracciabilità altrove, tranne per il fatto che è obbligatorio e funziona. Utilizzando Alipay o WeChat, le due principali app del paese, un codice QR è collegato ai risultati dei test più recenti di ciascuna persona. Il codice deve essere scansionato per entrare ovunque, tracciando così la tua posizione. Verde significa che puoi entrare; rosso significa che hai un problema».

 

Per il corrispondente di FT l’orrenda avventura è iniziata con la sua semplice presenza in un bar di Shanghai. Qualcuno che era nello stesso locale è risultato positivo, quindi tramite il suddetto sistema di localizzazione continua, le autorità pandemiche cinesi sapevano che anche lo Hale era stato lì.

 

Si trattava di un colpo di sfortuna pazzesco: il giorno in cui era in quel bar, c’erano solo 18 casi in tutta Shanghai quel giorno, una città che ha 26 milioni di persone.

 

Pochi giorni dopo la sua uscita al bar, le autorità hanno chiamato per confermare che era stato al bar. Il giorno successivo, una persona del Centro municipale di Shanghai per il controllo e la prevenzione delle malattie lo ha avvertito telefonicamente  che le autorità stavano arrivando. Hale stava per essere «portato via» , un’espressione usata dai cinesi per descrivere il fenomeno, riporta Summit News.

 

Successivamente, un membro dello staff dell’hotel ha chiamato per dire che non poteva andarsene e che l’hotel era in isolamento a causa della sua semplice presenza al suo interno. Poi sono arrivati ​​gli uomini in tute ignifughe , che lo hanno scortato lungo un corridoio deserto fino a un ascensore del personale e fuori attraverso l’ingresso dell’hotel isolato. Gli è stato ordinato di salire a bordo di un piccolo autobus guidato da un altro uomo con una tuta ignifuga.

 

Hale si è unito agli altri passeggeri condannati, nessuno dei quali era effettivamente risultato positivo. Le sue speranze secondo cui sarebbe stato portato in un hotel per le quarantene sono state deluse. Un viaggio di oltre un’ora si è concluso su una stradina in mezzo a un campo, con diversi grandi autobus in coda davanti al suo.

 

Qui l’autista è sceso chiudendo l’autobus dietro di sé e allontanandosi. Un altro passeggero è rimasto sorpreso nel sentire che Hale proveniva dal Regno Unito: «Ti hanno portato qui? Con passaporto straniero?» Dopo ore di attesa sull’autobus sempre più freddo, verso le 2 del mattino l’autobus è ripartito.

 

L’alloggio previsto per il giornalista britannico era una scatola simile a un container, rialzata a mo’ dipalafitta. Ogni porta, come la sua, era monitorata da una telecamera. Non c’era acqua calda.

 

«Dentro la mia cabina di 196 piedi quadrati c’erano due letti singoli, un bollitore, un condizionatore, una scrivania, una sedia, una ciotola, due piccoli panni, una saponetta, un piumone non aperto, un piccolo cuscino, uno spazzolino da denti, un tubetto di dentifricio e un materassino arrotolabile dello spessore di un guanto da forno».

 

«Il pavimento era coperto di polvere e sudiciume . L’intero posto ha tremato quando sei andato in giro , cosa che presto ho smesso di notare. La finestra era sbarrata, anche se potevi ancora sporgerti. Non c’era la doccia (…) Il letto era costituito da una struttura in ferro e sei assi di legno, e il materasso era così sottile che dovevi sdraiarti completamente piatto. Al giroletto, nel frattempo, era impossibile appoggiarsi».

 

La connessione internet, tuttavia, era 24 volte più veloce di quella che aveva nel suo hotel. Come Hale, al personale del campo era proibito inviare o ricevere pacchi. Un lavoratore del lager ha detto che guadagnava l’equivalente di circa 32 euro al giorno.

 

In un passaggio tragicomico, lo Hale racconta di aver cercato di scoprire se il suo status di giornalista straniero potesse farlo uscire dalla detenzione . Il lavoratore del campo a cui si è rivolto con la domanda era sconcertato dalla semplice premessa.

 

Il giornalista imprigionato descrive gli aspetti chiave della vita quotidiana durante la detenzione pandemica:

 

  • Ogni mattina veniva svegliato da un «rumore simile a un tosaerba», quando una macchina di livello industriale spruzzava disinfettante sui finestrini della cabina e sui gradini anteriori

 

  • Intorno alle 9 del mattino, due lavoratori sono venuti a somministrare i test PCR. Un risultato positivo avrebbe significato essere portati in un diverso tipo di centro di prigionia

 

  • I pasti venivano consegnati alle 8:00, mezzogiorno e alle 17:00

 

  • Hale ha perseguito una rigida routine di studio della lingua, scrittura, esercizio fisico, musica, scacchi online e poi lettura o visione di intrattenimento di Amazon Prime

 

Hale nota che la routine gli è servita bene. Nel corso del tempo, ha notato che i suoi vicini hanno smesso di fare colazione, mentre di notte si sentivano alcuni che camminavano su e giù per le loro traballanti stanze-container.

 

Il cronista dice di aver sopportato un certo disagio psicologico, sotto forma di non sapere quando sarebbe uscito. Inizialmente gli era stato detto sette giorni, ma alla fine sono stati 10.

 

Hale racconta la voluttà provata al suo rilascio una volta esperiti il ritorno acqua calda della doccia e la morbidezza del suo letto in albergo.

 

Tuttavia il giornalista narra di come ha vacillato quando, una volta uscito per un pasto celebrativo, tuttavia, ha pensato che andare al ristorante significava rientrare  nella matrice di tracciamento dei contatti della Cina comportava il pericolo di un ritorno al confino.

 

Egli ha quindi optato per l’asporto da un ristorante di bistecche, dove un dipendente ha detto che non sarebbe stato necessario controllare il suo codice, se avesse ordinato da asporto.

 

Si tratta di un racconto importante: perché sappiamo bene come il totalitarismo bioelettronico cinese sia sopra di noi, pronto ad essere implementato nell’Europa post-costituzionale uscita dal COVID e dalle prossime emergenze.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari