Connettiti con Renovato 21

Big Pharma

«Cina unica fonte»: globalizzazione e forniture mediche

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 pubblica quest’articolo dell’analista geopolitico William F. Engdhal sull’ulteriore scacco industriale e biologico inflitto dalla Cina e dalla sua globalizzazione al resto del mondo. Perché, su queste colonne lo ripeteremo sempre: la globalizzazione è cinese o non è. Il ruolo di Clinton nello start della globalizzazione, cioè nell’apertura alla Cina che doveva divenire «fabbrica del mondo», è accennato brillantemente da Engdahl in fondo all’articolo.

 

Ci limitiamo a ricordare che non parliamo di trame troppo oscure: la controversia attorno a possibili finanziamenti della Repubblica Popolare Cinese alla campagna Clinton 1996 è stata oggetta di indagini e reportage dagli stessi giornalisti del Watergate come Bob Woodward. Ma molta storia è ancora da scrivere. Nel frattempo, il mondo può essere strangolato dalla Cina anche a partire dalla fornitura di farmaci. Se è vero che il 97% degli antibiotici venduti in America sono prodotti in Cina, si tratta di una minaccia ben superiore a quella del COVID-19.

 

 

I gravi rischi e pericoli nel processo di outsourcing mondiale e la cosiddetta globalizzazione degli ultimi 30 anni circa stanno diventando palesemente chiari mentre l’emergenza sanitaria in corso in Cina minaccia le catene di approvvigionamento mondiali dalla Cina al resto del mondo

 

I gravi rischi e pericoli nel processo di outsourcing mondiale e la cosiddetta globalizzazione degli ultimi 30 anni circa stanno diventando palesemente chiari mentre l’emergenza sanitaria in corso in Cina minaccia le catene di approvvigionamento mondiali dalla Cina al resto del mondo.

 

Mentre gran parte dell’attenzione è focalizzata sui rischi per i componenti degli smartphone o la produzione automobilistica attraverso forniture di componenti chiave dalla Cina o al crollo delle consegne di petrolio nelle ultime settimane, c’è un pericolo che presto diventerà allarmante per il sistema sanitario globale.

 

Se l’arresto forzato della produzione cinese continuerà per molte settimane ancora, il mondo potrebbe iniziare a soffrire tagli o carenze nella fornitura di medicinali e dispositivi medici. La ragione è che negli ultimi due decenni gran parte della produzione di medicinali e forniture mediche come maschere chirurgiche è stata esternalizzata in Cina o semplicemente prodotta in Cina da società cinesi a prezzi molto più bassi, costringendo le aziende occidentali a chiudere.

 

 

La Cina è l’unica fonte

Se l’arresto forzato della produzione cinese continuerà  il mondo potrebbe iniziare a soffrire tagli o carenze nella fornitura di medicinali e dispositivi medici. Negli ultimi due decenni gran parte della produzione di medicinali e forniture mediche come maschere chirurgiche è stata esternalizzata in Cina a prezzi molto più bassi, costringendo le aziende occidentali a chiudere

Secondo la ricerca e le audizioni del Congresso degli Stati Uniti, circa l’80% delle attuali medicine consumate negli Stati Uniti viene prodotto in Cina.

 

Ciò comprende le società cinesi e le compagnie farmaceutiche straniere che hanno esternalizzato la produzione di farmaci in joint venture con partner cinesi.

 

Secondo Rosemary Gibson dell’istituto di ricerca di bioetica dell’Hastings Center, che nel 2018 ha scritto un libro sul tema, la dipendenza è più che allarmante. Gibson cita le newsletter mediche stimando che oggi circa l’80% di tutti i principi attivi farmaceutici in uso negli Stati Uniti sono prodotti in Cina.

 

«Non si tratta solo di ingredienti. Anche di precursori chimici, i mattoni chimici utilizzati per produrre i principi attivi. Dipendiamo dalla Cina per i componenti chimici utili per produrre un’intera categoria di antibiotici … noti come cefalosporine. Sono usati negli Stati Uniti migliaia di volte ogni giorno per le persone con infezioni molto gravi».

 

I farmaci made in China oggi includono la maggior parte degli antibiotici, pillole anticoncezionali, medicinali per la pressione sanguigna come valsartan, anticoagulanti come eparina e vari farmaci antitumorali. Comprende medicinali comuni come la penicillina, l’acido ascorbico (vitamina C) e l’aspirina. L’elenco include anche farmaci per il trattamento dell’HIV, morbo di Alzheimer, del disturbo bipolare, della schizofrenia, del cancro, della depressione, dell’epilessia, per citarne alcuni. Un recente studio del Dipartimento del Commercio ha scoperto che il 97 percento di tutti gli antibiotici negli Stati Uniti provenivano dalla Cina.

I farmaci made in China oggi includono la maggior parte degli antibiotici (97% di tutti quelli utilizzati in USA), pillole anticoncezionali, medicinali per la pressione sanguigna come valsartan, anticoagulanti come eparina e vari farmaci antitumorali, penicillina, acido ascorbico (vitamina C), aspirina, farmaci per il trattamento dell’HIV, morbo di Alzheimer, del disturbo bipolare, della schizofrenia, del cancro, della depressione, dell’epilessia, per citarne alcuni

 

Pochi di questi farmaci sono etichettati made in China poiché le compagnie farmaceutiche negli Stati Uniti non sono tenute a rivelare il loro approvvigionamento.

 

Rosemary Gibson afferma che la dipendenza dalla Cina per i medicinali e altri prodotti sanitari è così grande che «… se la Cina chiudesse le porte domani, entro un paio di mesi, gli ospedali negli Stati Uniti smetterebbero di funzionare». Potrebbe non essere così lontano.

 

All’epoca in cui iniziò l’outsourcing della produzione di farmaci statunitensi ed europei in Cina, nessuno poteva immaginare l’attuale catastrofe sanitaria che si sarebbe diffusa da Wuhan nel giro di pochi giorni.

 

La massiccia quarantena cinese iniziata alla fine di gennaio ha imposto la chiusura di circa il 75-80% di tutte le fabbriche cinesi e ha creato una domanda interna cinese senza precedenti per ogni tipo di prodotto medico da quando l’OMS ha dichiarato l’emergenza sanitaria per il coronavirus o COVID-19 alla fine di gennaio.

 

Non è chiaro quanto duramente saranno colpite le consegne di prodotti farmaceutici vitali, compresi gli antibiotici essenziali dalla Cina agli Stati Uniti, all’Europa o ad altri paesi, sebbene emergano rapporti aneddotici di ospedali che iniziano a riscontrare problemi di consegna.

 

Anche l’idea di rivolgersi all’India, altro importante fornitore farmaceutico globale, non sembra praticabile poiché la maggior parte dei produttori indiani dipendono dalla Cina per i principi attivi dei farmaci.

Come si è sviluppata una situazione così unilaterale? Dobbiamo tornare al ruolo della presidenza di Clinton in quella che fu poi definita la globalizzazione, il modello Davos di esternalizzazione di qualsiasi cosa

 

 

Clinton e l’outsourcing

L’emergere della Cina negli ultimi anni come gigante globale in termini di farmaci e prodotti farmaceutici è incorporato nel piano nazionale Made in China-2025 come una delle dieci aree prioritarie per la Cina per ottenere la leadership mondiale.

 

Non è stato semplicemente uno sviluppo casuale. Questo a sua volta, come chiarisce chiaramente l’attuale crisi COVID-19, è un’enorme vulnerabilità per il resto del mondo.

 

Come si è sviluppata una situazione così unilaterale? Dobbiamo tornare al ruolo della presidenza di Clinton in quella che fu poi definita la globalizzazione, il modello Davos di esternalizzazione di qualsiasi cosa, dai paesi industriali avanzati come gli Stati Uniti o la Germania, soprattutto verso la Cina dopo il 2000.

Nel 2019 la Cina era diventata di gran lunga la più grande fonte mondiale per i principi attivi farmaceutici (API)

 

Nel maggio 2000, in una delle azioni di più ampia portata della sua presidenza, Bill Clinton, con il forte sostegno delle multinazionali statunitensi, è riuscito, superando le forti obiezioni e avvertimenti di molti sindacati, a far passare al Congresso lo status permanente della Cina come partner commerciale favorito e il sostegno alla Cina per l’entrata nell’Organizzazione Mondiale del Commercio.

 

Ciò ha dato il via libera alle aziende americane per un’ondata di investimenti all’estero nella produzione cinese più economica nota come «outsourcing». I principali produttori di farmaci statunitensi erano tra questi. Entro due anni dal passaggio dell’accordo di libero scambio degli Stati Uniti con la Cina, gli Stati Uniti hanno chiuso il loro ultimo impianto di fermentazione della penicillina nello Stato di New York a causa di grave  concorrenza a basso prezzo cinese. 

 

Il tallone d’Achille di questa globalizzazione e dipendenza per le medicine vitali da un unico paese diventa ora chiaro in modo allarmante

Nel 2008, il governo cinese ha definito la produzione farmaceutica come «un’industria ad alto valore aggiunto» e ha rafforzato l’industria attraverso sussidi e riduzioni delle tasse sull’esportazione per incoraggiare le aziende farmaceutiche ad esportare i loro prodotti. Nel 2019 la Cina era diventata di gran lunga la più grande fonte mondiale per i principi attivi farmaceutici (API). 

 

Il tallone d’Achille di questa globalizzazione e dipendenza per le medicine vitali da un unico paese diventa ora chiaro in modo allarmante, mentre il futuro della Cina come fornitore affidabile di farmaci necessari e altre forniture mediche è diventato improvvisamente una questione di grave preoccupazione per il mondo intero.

 

 

William F. Engdahl

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il capo di Pfizer: «microchip biologici dentro ai farmaci». Ecco il Grande Reset

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Pfizer al World Economic Forum di Davos parla di farmaci dotati di microchip ingeribili.

 

Albert Bourla, l’oramai notissimo veterinario greco-ebreo-americano a capo del colosso farmaceutico del vaccino COVID mRNA, ha annunziato al consesso organizzato in questi giorni dal guru del Grande Reset Klaus Schwab questa innovazione biomedica.

 

Si tratterebbe, al momento, di un farmaco che segnalerebbe ai sistemi informatici di essere stato assunto dal cittadino.

 

 

«Imagine the compliance», dice il Bourla: immaginate l’obbedienza. Chiaramente, parlando di obbedienza, egli lascia capire che il suo cliente non è il paziente, ma lo Stato moderno che ha reso ogni suo cittadino un paziente, se non una cavia obbligata a farmaci sperimentali sconosciuti.

 

C’è poco da aggiungere, se non ricordare che al WEF di Davos, il regno di Klaus Schwabbo e del Grande Reset, questa solfa in realtà è stata già ascoltata.

 

Basta riportare alla mente le parole di una delle figure più gettonate del «partito di Davos», il filosofo Yuval Harari.

 

«Ciò che abbiamo visto finora è che aziende e governi raccolgono dati su dove andiamo, chi incontriamo, quali film guardiamo» teorizza il pensatore gay israeliano. «La fase successiva è la sorveglianza sotto la nostra pelle».

 

 

«In precedenza, la sorveglianza era principalmente sopra la pelle. Ora sta andando sotto la pelle. I governi vogliono sapere non solo dove andiamo o chi incontriamo. Vogliono soprattutto sapere cosa sta succedendo sotto la nostra pelle».

 

Importante l’ammissione per cui «Il COVID è fondamentale perché questo è ciò convince le persone. ad accettare, a legittimare la sorveglianza biometrica totaleSe vogliamo fermare questa epidemia, non dobbiamo solo monitorare le persone. Dobbiamo monitorare cosa sta succedendo sotto la pelle».

 

Come riportato da Renovatio 21, lo stesso Schwab ha parlato di «Quarta Rivoluzione Industriale» come «fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica» ottenibile con l’impianto di chip cerebrali con cui controllare l’animo del pubblico, e ridefinire il controllo ad esempio dei viaggi internazionali grazie a «scansioni» cerebrali per i passeggeri in aeroporto: «anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo

 

 

In pratica, si tratta di discussioni su nuovi strumenti di sottomissione.

 

E mica si vergognano a parlarne pubblicamente, anzi.

 

Come riportato da Renovatio 21, Bourla – il cui peso politico gli permette incontri secretati con il capo della UE e con il papa –  ha recentemente dichiarato di ricevere brief da CIA e FBI sulle forze contrarie alla vaccinazione. I «no vax» sono stati definiti da Bourla come criminali.

 

In realtà, si tratta solamente persone che non offrono la loco compliance, cioè la loro obbedienza. Cittadini di tutto il mondo che non vogliono essere né cavie, né schiavi, né bestie chippate.

 

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

La FDA limita l’uso del vaccino J&J per un raro disturbo della coagulazione del sangue

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Giovedì la FDA ha imposto limiti rigorosi all’uso del vaccino COVID-19 Johnson & Johnson (J&J) , citando il rischio di una condizione di coagulazione del sangue che l’agenzia ha descritto come «rara e potenzialmente pericolosa per la vita».

 

In una dichiarazione giovedì, la FDA ha affermato che il rischio che i destinatari del vaccino sviluppino trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS) dopo aver ricevuto il vaccino «garantisce la limitazione dell’uso autorizzato del vaccino».

 

L’agenzia ha descritto la TTS come «una sindrome di coaguli di sangue rari e potenzialmente pericolosi per la vita in combinazione con bassi livelli di piastrine nel sangue con insorgenza di sintomi circa una o due settimane dopo la somministrazione del vaccino Janssen [J&J] COVID-19».

 

Peter Marks, MD, Ph.D., direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha affermato che limitare l’uso autorizzato del vaccino Janssen «dimostra la solidità dei nostri sistemi di sorveglianza della sicurezza e il nostro impegno nel garantire che la scienza e i dati guidino il nostro decisioni».

 

Tuttavia, Brian Hooker, Ph.D., PE, Chief Scientific Officer di Children’s Health Defense e professore di biologia alla Simpson University, avrebbe una visione diversa della notizia.

 

«Sembra che la FDA renda omaggio al fatto che la proteina spike può causare la coagulazione e alle diffuse segnalazioni di coagulazione, punendo Janssen, che è diventato il “capro espiatorio” dei produttori di vaccini COVID-19 durante la pandemia», ha detto Hooker.

 

La decisione arriva circa cinque mesi dopo che il CDC ha raccomandato i vaccini mRNA Moderna e Pfizer rispetto a J&J per le dosi di richiamo.

 

Nell’aprile 2021, le agenzie sanitarie federali hanno sospeso la distribuzione del vaccino di J&J per indagare sui casi segnalati di disturbi della coagulazione del sangue che si verificano in coloro che hanno ricevuto l’iniezione. Ma le autorità di regolamentazione hanno revocato la pausa 10 giorni dopo e hanno aggiunto un avviso alle istruzioni per il suo utilizzo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 6 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

La Pfizer testa il vaccino contro la malattia di Lyme sui bambini

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Martedì Pfizer ha affermato che i risultati degli studi clinici di fase 2 del suo vaccino sperimentale contro la malattia di Lyme hanno prodotto risultati «positivi», anche tra i partecipanti agli studi pediatrici. Il vaccino «offre a Pfizer la possibilità di aggiungere un driver di crescita alla sua gigantesca unità vaccinale», ma alcuni esperti affermano che il trattamento è una soluzione migliore.

 

 

 

Martedì Pfizer ha affermato che i risultati degli studi clinici di fase 2 del suo vaccino sperimentale contro la malattia di Lyme hanno prodotto risultati «positivi», anche tra i partecipanti agli studi pediatrici.

 

Il produttore di farmaci sta sviluppando il vaccino VLA15 in collaborazione con l’azienda biotecnologica francese Valneva, che Pfizer ha descritto come «un’azienda di vaccini speciali focalizzata sulla prevenzione di malattie con gravi bisogni insoddisfatti».

 

VLA15 è un «vaccino a subunità proteica multivalente», che prende di mira «la proteina di superficie esterna A (OspA) del Borrelia», il batterio che causa la malattia di Lyme, ha riferito Pfizer.

 

Lo studio di fase 2 ha incluso soggetti adulti e bambini di età compresa tra 5 e 17 anni. Complessivamente, sono stati arruolati nello studio 600 partecipanti sani.

 

«VLA15 ha dimostrato forti dati di immunogenicità e sicurezza in studi preclinici e clinici», ha affermato Pfizer.

 

Secondo le due società, i risultati «positivi» derivanti dalla Fase 2, inclusi i «dati pediatrici positivi», consentiranno loro di procedere con uno studio pianificato di Fase 3.

 

Nella fase 2, le aziende hanno testato il vaccino sperimentale VLA15 con due diversi programmi di somministrazione: un regime a due dosi a distanza di sei mesi e un regime a tre dosi con iniezioni di follow-up somministrate a due e sei mesi dopo la somministrazione iniziale.

 

Entrambi i programmi prevedevano dosi di 180 μg.

 

«VLA15 è risultato essere più immunogeno rispetto agli adulti con entrambi i programmi di vaccinazione testati» e «il profilo di sicurezza e tollerabilità osservato nella fascia di età da 5 a 17 anni era simile al profilo precedentemente riportato negli adulti», hanno affermato le società.

 

Simile alle affermazioni fatte da Pfizer sulle dosi di richiamo dei vaccini COVID-19 , il produttore di farmaci ha anche affermato che mentre il regime a due dosi di VLA15 ha dimostrato l’immunità, una terza dose di VLA15 «ha aumentato il livello di anticorpi contro una proteina di superficie esterna».

 

Le aziende non hanno segnalato eventi avversi gravi correlati al vaccino durante lo studio di fase 2.

 

Come riportato in precedenza da The Defender, nei documenti presentati alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, Pfizer ha sorvolato sugli effetti negativi del suo vaccino COVID-19, ammettendo in quegli stessi documenti che l’azienda ha assunto più di 600 nuovi dipendenti per elaborare le segnalazioni di danni da vaccino.

 

Il successo riportato del regime a tre dosi porterà le due società a continuare con la somministrazione di tre dosi nella Fase 3 dello studio, anche per i bambini.

 

La sperimentazione di fase 3 di VLA15, inclusa la partecipazione di bambini di età pari o superiore a 5 anni, dovrebbe iniziare nel terzo trimestre di quest’anno, in attesa dell’approvazione normativa.

 

Gli studi VLA15 sembrano essere la continuazione di una tendenza in cui le aziende farmaceutiche vedono i vaccini come una cura per qualsiasi cosa, dal comune raffreddore all’HIV al cancro.

 

Tuttavia, mentre molti dei nuovi vaccini in fase di sviluppo utilizzano la tecnologia dell’RNA messaggero (mRNA), questo non è il caso del VLA15.

 

 

«Opportunità di crescita» per Pfizer

La FDA nel luglio 2017 ha rilasciato a Valneva una designazione accelerata che consente specificamente una revisione accelerata di «farmaci per trattare condizioni gravi e soddisfare un’esigenza medica insoddisfatta».

 

Valneva ha venduto i diritti di VLA15 a Pfizer per un costo iniziale di 130 milioni di dollari nel 2020, momento in cui le due società hanno annunciato una collaborazione per lo sviluppo e la commercializzazione continui del vaccino.

 

Secondo i termini dell’accordo tra le due società, la prima dose dello studio di Fase 2 ha comportato un pagamento aggiuntivo di 10 milioni di dollari da Pfizer a Valneva.

 

Secondo Fierce Biotech, uno studio di Fase 3 di successo «potrebbe dare a Pfizer una chiara opportunità di crescita» e «offre a Pfizer la possibilità di aggiungere un driver di crescita alla sua mastodontica unità vaccinale», poiché il numero di casi di malattia di Lyme segnalati nel Gli Stati Uniti sono triplicati dalla fine degli anni ’90.

 

Questo aumento potrebbe essere dovuto a cambiamenti nell’uso del suolo che hanno portato più esseri umani in prossimità delle zecche che trasmettono il Borrelia.

 

Citando i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), Pfizer ha affermato che circa 476.000 americani vengono diagnosticati e curati per la malattia di Lyme ogni anno, più altri 200.000 casi segnalati ogni anno in Europa.

 

La malattia di Lyme è considerata la malattia trasmessa da vettori più diffusa nell’emisfero settentrionale.

 

L’aumento delle infezioni di Lyme ha portato il CDC a dichiarare che «sono necessari urgentemente nuovi strumenti per prevenire le malattie trasmesse dalle zecche».

 

VLA15 è l’unico vaccino contro la malattia di Lyme attualmente in fase di sviluppo clinico attivo, secondo Pfizer, tuttavia non rappresenta il primo tentativo di sviluppare un vaccino contro la malattia di Lyme.

 

Negli anni ’90, SmithKline Beecham si è assicurata l’approvazione per un vaccino Lyme, che è stato successivamente ritirato dal mercato.

 

Nello stesso periodo, anche Pasteur Mérieux Connaught – ora noto come Sanofi – ha chiesto l’approvazione per un vaccino contro la malattia di Lyme, prima di abbandonare lo sforzo.

 

 

Necessità della domanda degli esperti

Mentre il CDC ha chiesto «nuovi strumenti» per prevenire la diffusione di malattie trasmesse dalle zecche, alcuni analisti medici hanno messo in dubbio la necessità specifica di un vaccino.

 

Secondo Brian Hooker, Ph.D., Chief Scientific Officer per Children’s Health Defense , esistono già trattamenti efficaci per la malattia di Lyme.

 

Hooker ha detto a The Defender:

 

«La malattia di Lyme, causata dal batterio Borrelia burgdorferi tramite la puntura di zecca della zecca dalle zampe nere, è curabile con gli antibiotici standard».

 

«Invece di introdurre un altro vaccino adiuvato con alluminio per bambini e adolescenti, sembra più prudente concentrarsi sulla diagnosi precoce e sul trattamento della malattia».

 

Gli adiuvanti in alluminio sono già utilizzati nel vaccino HPV e sono stati associati a disturbi neurologici e cardiaci negli adolescenti e nei giovani adulti, ha affermato Hooker.

 

Mark Crispin Miller, professore di studi sui media presso la New York University che ha sperimentato i sintomi della malattia di Lyme, ha fatto confronti tra il vaccino sperimentale contro la malattia di Lyme e i vaccini COVID-19.

 

Miller ha detto a The Defender:

 

«Senza dubbio il CDC/FDA benedirà questo vaccino di Lyme, indipendentemente dai suoi rischi, proprio come hanno spinto i “vaccini” COVID negli ultimi due anni».

 

«E il loro sostegno a questo nuovo vaccino è particolarmente perverso, dal momento che il CDC et al. hanno a lungo negato l’esistenza della “Lyme cronica”, perché il suo trattamento adeguato costerebbe più di quanto le compagnie assicurative vogliano pagare».

 

Nonostante le sue difficoltà con Lyme, Miller ha detto che non vede alcun motivo per perseguire un vaccino Lyme:

 

«Come persona che ha combattuto Lyme per più di 10 anni, e a costi enormi, non vedo alcun motivo per riporre alcuna fiducia in quelle autorità, la cui lunga negazione della realtà di questa condizione ha fatto a me e a innumerevoli altri, grave danno».

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

© 21 aprile 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari