Connettiti con Renovato 21

Armi biologiche

L’Intelligence americana conferma: lavoratori del laboratorio di Wuhan malati già a novembre 2019

Pubblicato

il

 

 

 

Un rapporto dell’Intelligence statunitense inedito ha rivelato che almeno tre ricercatori che lavorano presso l’Istituto di virologia di Wuhan, dove sono stati condotti esperimenti sul coronavirus, sono stati ricoverati a metà novembre 2019 con sintomi corrispondenti a quelli di COVID. La notizia è stata data dal quotidiano finanziario Wall Street Journal.

 

Si sarebbe trattato, quindi, del primo cluster di malati COVID conosciuto a Wuhan – e casualmente lavoravano tutti proprio nel laboratorio subito sospettato di essere all’origine della pandemia.

 

Le rivelazioni danno ancora più credito all’idea che la catastrofe epidemica globale sia nata proprio tra i vetrini e i microscopi dell’Istituto di virologia della città cinese, l’unico del Paese, peraltro, a potere operare su virus estremamente pericolosi come quello della SARS.

 

Si sarebbe trattato, quindi, del primo cluster di malati COVID conosciuto a Wuhan – e casualmente lavoravano tutti proprio nel laboratorio subito sospettato di essere all’origine della pandemia

Il Wall Street Journal  riporta che «la divulgazione del numero dei ricercatori, dei tempi delle loro malattie e delle loro visite ospedaliere arriva alla vigilia di una riunione dell’organo decisionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che dovrebbe discutere la prossima fase di un’indagine sulle origini del COVID-19».

 

L’articolo rileva inoltre che i dettagli della segnalazione vanno oltre una scheda informativa del Dipartimento di Stato, emessa durante gli ultimi giorni dell’amministrazione Trump, in cui si afferma che diversi ricercatori del laboratorio, un centro per lo studio dei coronavirus e di altri patogeni, si sono ammalati nell’autunno 2019 «con sintomi compatibili sia con COVID-19 che con una comune malattia stagionale».

 

Secondo il Journal, l’Intelligence proviene da più fonti ed è «molto precisa».

 

Diversi ricercatori del laboratorio, un centro per lo studio dei coronavirus e di altri patogeni, si sono ammalati nell’autunno 2019 «con sintomi compatibili sia con COVID-19 che con una comune malattia stagionale»

Fonti di Intelligence straniere, lo ricordiamo, parlarono di fuga dal laboratorio o di arma biologica vera e proprio già a gennaio 2020 – Renovatio 21 lo ha subito riportato venendo tacciata, immediatamente, di diffusione di fake news.

 

I nuovi dettagli emersi contraddicono le affermazioni del governo cinese secondo cui i primi casi del virus non sono stati osservati fino all’8 dicembre 2019. Inoltre coincidono con le affermazioni precedentemente non confermate del  South China Morning Post secondo cui esistono dati del governo cinese che documentano i casi iniziali il 17 novembre 2019, più di tre settimane prima.

 

Commentando le rivelazioni, David Asher, l’ex capo investigatore del Dipartimento di Stato sulle origini del virus ha detto che è «molto dubbio che tre persone in circostanze altamente protette» si siano ammalate di «gravi condizioni tutte nella stessa settimana, e ciò non avrebbe niente a che fare con il coronavirus».

 

Asher ha precedentemente affermato che l’Intelligence punta a un coinvolgimento delle forze armate cinesi che conducono ricerche sulle armi biologiche presso il laboratorio.

È «molto dubbio che tre persone in circostanze altamente protette» si siano ammalate di «gravi condizioni tutte nella stessa settimana, e ciò non avrebbe niente a che fare con il coronavirus»

 

«Insabbiamento, cospirazione, tutti i segni distintivi della colpa sono associati a questo caso. E il fatto che il gruppo iniziale di vittime fosse dello stesso istituto che stava svolgendo la ricerca altamente pericolosa, se non sospetto, è significativo».

 

Il ministero degli Esteri cinese ha risposto agli sviluppi rilasciando una dichiarazione che insiste sul fatto che non sono stati segnalati casi di COVID-19 tra il personale e gli studenti dell’istituto di virologia.

 

Come riporta Summit News, anche il direttore del CDC di Biden ha affermato questa settimana che esiste una «possibilità» che il virus COVID-19 sia trapelato dal laboratorio di Wuhan.

 

I media progressisti e i cosiddetti fact-checker (nuovi padroni del discorso grazie alle censure dei social media) hanno ripetutamente respinto la nozione come una «teoria del complotto». Ora sono costretti ad un umiliante retrofront.

«Insabbiamento, cospirazione, tutti i segni distintivi della colpa sono associati a questo caso. E il fatto che il gruppo iniziale di vittime fosse dello stesso istituto che stava svolgendo la ricerca altamente pericolosa, se non sospetto, è significativo»

 

Come sta emergendo ufficialmente, l’ente sanitario nazionale americano NIH ha assegnato una sovvenzione di 3,7 milioni di dollari all’Istituto di virologia di Wuhan per condurre la ricerca sul  coronavirus. I risultati della ricerca sulle funzioni sostenuta dagli Stati Uniti a Wuhan sono stati pubblicati nel 2017 sotto il titolo «La scoperta di un ricco pool genetico di coronavirus correlati alla SARS di pipistrello fornisce nuove informazioni sull’origine del coronavirus SARS».

 

Come riportato da Renovatio 21, il dottor Anthony Fauci ora sta facendo marcia indietro e non rigetta più la teoria della fuga di laboratorio, arrivando persino ad ammettere il proprio coinvolgimento nella ricerca che si stava svolgendo lì.

 

In precedenza era emerso che il laboratorio di Wuhan aveva tenuto un campione di coronavirus che era al 96,2% lo stesso del COVID-19  per quasi un decennio. Ciò ha spinto la speculazione sull’origine del virus.

 

In precedenza era emerso che il laboratorio di Wuhan aveva tenuto un campione di coronavirus che era al 96,2% lo stesso del COVID-19  per quasi un decennio. Ciò ha spinto la speculazione sull’origine del virus

L’idea del virus proveniente dal laboratorio di Wuhan non quindi più in nessun modo  è una teoria del complotto marginale, visto che è ora sostenuta da importanti figure scientifiche,  giornalistiche di Intelligence e politiche a livello globale.

 

Ha fatto un certo scalpore l’articolo di Nicholas Wade (già stimato capo servizio del New York Times per le questioni scientifiche) apparso sul seriosissimo Bulletin of Atomic Scientists. «È chiaro che l’Istituto di Virologia di Wuhan stava costruendo sistematicamente nuovi coronavirus chimerici e stava valutando la loro capacità di infettare cellule umane e topi che esprimono ACE2» scrive Wade. «È chiaro che parte o tutto questo lavoro veniva eseguito utilizzando uno standard di biosicurezza – livello di biosicurezza 2, il livello di biosicurezza di uno studio dentistico statunitense standard – che rappresenterebbe un rischio inaccettabilmente alto di infezione del personale di laboratorio (…) In tutta la Cina, la pandemia è scoppiata alle porte dell’istituto di Wuhan. Il virus era già ben adattato agli esseri umani, come previsto per un virus cresciuto in topi umanizzati».

 

L’ex direttore del CDC Robert Redfield, un importante virologo, ha dichiarato alla CNN lo scorso marzo che crede che il coronavirus possa essere sfuggito al laboratorio di Wuhan già nel settembre 2019.

 

L’idea del virus proveniente dal laboratorio di Wuhan non quindi più in nessun modo  è una teoria del complotto marginale, visto che è ora sostenuta da importanti figure scientifiche,  giornalistiche di Intelligence e politiche a livello globale

Un importante scienziato tedesco dell’Università di Amburgo ha pubblicato i risultati a febbraio di uno studio di un anno che conclude che la causa più probabile della pandemia di coronavirus è stata una fuga del patogeno dall’Istituto di virologia di Wuhan.

 

Anche altre figure dell’Intelligence in  tutto il mondo, come l’ex capo del servizio segreto esterno britannico, hanno chiesto che il laboratorio di Wuhan venga indagato.

 

Come riportato da Renovatio 21, dopo aver trascorso mesi cercando di negoziare una visita, i funzionari dell’OMS hanno in gran parte assolto la Cina dalla colpa per la pandemia COVID-19 dopo aver visitato un laboratorio di virus a Wuhan per sole 3 ore. A dirigere il gruppo c’era tale Peter Daszak, coinvolto con il suo ente (finanziato da Fauci con i danari del contribuente americano) negli esperimenti sul Coronavirus.  Le volpi a guardia del pollaio.

 

 

 

 

 

Immagine di Ureem2805 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). Modifiche aggiunte

Continua a leggere

Armi biologiche

Vaiolo, il mistero delle fiale ritrovate. Cosa sta succedendo?

Pubblicato

il

Da

 

Il mondo delle epidemie e dei laboratori è appena stato scosso da un altro incredibile mistero.

 

Fiale di ciò che è stato etichettato come «vaiolo» sono state trovate in un congelatore di laboratorio a Filadelfia la settimana scorsa, scatenando una risposta immediata da parte dell’FBI e del CDC. Non si tratta di una cosa di poco conto: il vaiolo, considerato estirpato dal pianeta, ha ucciso negli anni milioni di esseri umani.

 

Il 17 novembre Yahoo News riporta che 15 «fiale discutibili» sono state trovate nel congelatore da laboratorio della Merck in Pennsylvania. 10 di esse sono etichettate come «Vaccinia» e le restanti cinque etichettate come Smallpox, «vaiolo».

 

Il misterioso ritrovamento delle fialette di vaiolo avviene praticamente negli stessi giorni in cui Bill Gates si mette a parlare di «Germ Games» e specificamente di… vaiolo

Tale è la gravità dell’accaduto che, secondo quanto riportato, la struttura sarebbe stata immediatamente chiusa.

«Non ci sono indicazioni che qualcuno sia stato esposto al piccolo numero di fiale congelate. Le fiale congelate etichettate come “vaiolo” sono state scoperte casualmente da un lavoratore di laboratorio mentre puliva un congelatore in una struttura che conduce ricerche sui vaccini in Pennsylvania “, ha detto a Yahoo News un portavoce del CDC».

«Il CDC, i suoi partner amministrativi e le forze dell’ordine stanno indagando sulla questione e il contenuto delle fiale sembra intatto. L’operatore di laboratorio che ha scoperto le fiale indossava guanti e una mascherina facciale. Forniremo ulteriori dettagli non appena disponibili», ha affermato il portavoce.

 

Non si tratta della prima volta. Nel 2014 un altro set di fiale fu scoperto nel Maryland. All’epoca scoprirono 6 fiale. Il CDC promise di testare e distruggerle. Erano riemerse per caso durante le pulizie in un magazzino del campus del National Institutes of Health (NIH) di Bethesda. Dissero che erano state «dimenticate».

 

Il Gates in un messaggio di pochi giorni prima mise insieme le parole «vaiolo» e «bioterrorismo»

Il vaiolo è considerato «eradicato» dal 1980 a seguito di una martellante campagna di vaccinazione globale. È ammesso che alcuni campioni vivi siano conservati in due soli luoghi, negli USA ad Atlanta (nella struttura del CDC chiamata VECTOR) e in Russia, nella città siberiana di Novosibirsk.

 

Il misterioso ritrovamento delle fialette di vaiolo avviene praticamente negli stessi giorni in cui Bill Gates si mette a parlare di «Germ Games» e specificamente di… vaiolo.

 

Il Gates in un messaggio di pochi giorni prima mise insieme le parole «vaiolo» e «bioterrorismo».

 

«Uno dice, OK, e se un bioterrorista portasse il vaiolo in 10 aeroporti? Sai, come reagirebbe il mondo a questo?» si è chiesto retoricamente il magnate di Seattle.

 

Bill Gates: «Ci sono epidemie causate naturalmente ed epidemie causate da bioterrorismo che potrebbero anche essere molto peggiori di quelle che abbiamo vissuto oggi e tuttavia, i progressi della scienza medica dovrebbero darci strumenti»

«Ci sono epidemie causate naturalmente ed epidemie causate da bioterrorismo che potrebbero anche essere molto peggiori di quelle che abbiamo vissuto oggi e tuttavia, i progressi della scienza medica dovrebbero darci strumenti».

 

Come riportato da Renovatio 21, Richard Hatchett, il CEO dell’ente vaccinale transnazionale fondato da Gates CEPI, ha svelato i progetti in via di realizzazione del vaccino universale in una recente intervista al Corriere della Sera, citando proprio il vaiolo.

 

«Abbiamo la prova che è possibile ottenere un vaccino universale per una famiglia virale, per esempio quello che usiamo contro il vaiolo protegge contro tutti i virus della famiglia degli Orthopoxvirus» aveva dichiarato Hatchett un po’ oscuramente. Stava insomma parlando di vaiolo in relazione al «supervaccino», che era il tema dell’intervista.

 

Ribadiamo che i lettori non possono non essere colpiti dal fatto che, parlando di bioterrorismo, Gates sia finito a parlare proprio il vaiolo.

 

Il 20 luglio 2018 Renovatio 21 pubblicava un articolo intitolato «Farmaco per il vaiolo approvato dalla FDA, solo una mossa contro il bioterrorismo?».

 

Oramai più di tre anni fa, 16 mesi prima della pandemia, Renovatio 21 scrivevamo che «negli ultimi mesi è impossibile non vedere come vi siano strani movimenti attorno al vaiolo».

Oramai più di tre anni fa, 16 mesi prima della pandemia, Renovatio 21 scrivevamo che «negli ultimi mesi è impossibile non vedere come vi siano strani movimenti attorno al vaiolo».

 

C’era già in ballo da un lustro la programmatica resurrezione in laboratorio del patogeno che di fatto rappresenta l’inizio della storia dei vaccini.

 

A fine 2017, alcuni ricercatori della Università di Alberta (Canada) hanno ricreato sinteticamente un virus simil-vaiolo, riportando in vita un ceppo pericolosissimo morto decenni fa. La notizia aveva destato molte polemiche. Alcuni critici hanno sottolineato come tale ricerca fosse inutile o addirittura dannosa: una forma sintetica del virus potrebbe finire nelle mani di terroristi, dissero.

 

Scriveva Renovatio 21:

 

«Le aree semantiche del terrorismo biologico e dei vaccini paiono interrelate in ogni articolo dei giornali internazionali; ma il motivo è presto detto: vi è una stretta relazione anche tra il business dell’informazione e quello della sanità che fornisce agli Stati le fialette a suon di miliardate. I casi vari dell’influenza aviaria dovrebbero bastare a rendere l’idea».

 

Il business dell’informazione e quello del controllo biologico hanno in comune una figura inevitabile: Bill Gates.

 

Bill Gates: «la prossima epidemia potrebbe avere origine sullo schermo del computer di un terrorista intenzionato a utilizzare l’ingegneria genetica per creare una versione sintetica del virus del vaiolo»

Il quale anni addietro aveva predetto che «la prossima epidemia potrebbe avere origine sullo schermo del computer di un terrorista intenzionato a utilizzare l’ingegneria genetica per creare una versione sintetica del virus del vaiolo».

 

Questa frase è stampata nella pagina «Chi siamo» del sito di una farmaceutica dell’Oregon, Siga Technologies di Corvallis, Oregon, una società privata che ha sviluppato un nuovo farmaco antivaiolo sotto un contratto federale di difesa biomedica.

 

Altre volte in questi tempi sono emerse storie di vaiolo. Quattro mesi fa la Cina avrebbe riportato la prima morte umana  per «Monkey B» – un virus chiamato anche vaiolo delle scimmie.

 

Chiediamo umilmente: cosa sta succedendo?

Ora la storia delle fialette misteriose. Abbandonate, dimenticate in un magazzino… Trovate contemporaneamente alle dichiarazioni di un miliardario onnipotente ossessionato dai vaccini.

 

Insomma: vaiolo, «bioterrorismo», Bill Gates che canta e ricanta.

 

Chiediamo umilmente: cosa sta succedendo?

 

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

La Turchia ha usato armi chimiche in «almeno 300 attacchi» nel Kurdistan, dice il PKK

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

La denuncia dei combattenti curdi, considerati terroristi dai turchi (e da parte dell’Occidente). I vertici del movimento chiedono, invano, una inchiesta internazionale. Fonte di AsiaNews: «Parte di verità», i luoghi montagnosi nel versante iracheno in cui si rifugiano «non possono essere attaccati con armi convenzionali». 

 

 

 

Nei suoi ripetuti attacchi contro i ribelli curdi rifugiati oltre-confine in territorio iracheno, la Turchia avrebbe utilizzato «in almeno 300 occasioni» (anche) armi chimiche nel colpevole silenzio della comunità internazionale, che non ha mai approfondito appelli e denunce. È quanto affermano i miliziani del Partito curdo dei lavoratori (PKK), obiettivo dei raid aerei di Ankara, che chiedono agli organismi internazionali di aprire un’inchiesta; i vertici dell’organizzazione invitano delegazioni indipendenti e istituzioni a visitare la regione del Kurdistan iracheno e ispezionare i tunnel scavati fra le montagne in cerca di prove.

 

Certo la denuncia, rilanciata da Opendemocracy, non si può definire «indipendente» ma altre voci confermerebbero un uso ambiguo delle armi da parte dell’esercito turco.

 

«Vi è una parte di verità» sottolinea ad AsiaNews una fonte autorevole nella regione curda, che chiede l’anonimato per motivi di sicurezza. «Per mesi – prosegue – si sono verificati pesanti scontri fra l’esercito di Ankara e il PKK nelle aree attorno a Erbil e nei pressi del confine con l’Iran, a Sulaymaniyya. I combattenti curdi usano le grotte nelle montagne, dalle parti di Qandil ci sarebbe una sorta di città, che non possono essere attaccate con armi convenzionali. Per questo avrebbero utilizzato i gas per stanare i miliziani e ne sarebbero morti tanti, compresi i loro familiari».

 

Nella denuncia i combattenti curdi chiedono alla comunità internazionale di visitare i tunnel e di verificare tracce di armi chimiche che ancora persistono sui sedimenti della roccia o di esaminare i cadaveri dei guerriglieri deceduti nelle offensive.

 

A conferma delle affermazioni, il PKK avrebbe pubblicato video e immagini scarti degli attacchi, parti dei corpi degli uccisi e testimonianze dei sopravvissuti, oltre a racconti della popolazione locale, anch’essa vittima delle violenze.

 

L’11 ottobre scorso la Mezopotamya News Agency, filo-curda, ha rilanciato la notizia di almeno 548 ricorse a cure mediche dopo un attacco nei pressi del loro villaggio da parte dell’aviazione turca. Le persone hanno riportato «eccessiva lacrimazione, visione alterata, mal di testa improvvisi, sangue dal naso e difficoltà respiratorie».

 

I vertici del Partito democratico del Kurdistan (KDP), che controllano la regione, avrebbero collaborato con funzionari turchi per far tacere le voci. Il 4 settembre un giornale vicino al KDP ha riferito di una famiglia vittima di un «sospetto attacco chimico» con il governo locale impegnato a soffocare l’inchiesta. In passato armi chimiche sarebbero state utilizzate in territorio siriano, negli anni più bui del conflitto.

 

Per i curdi è «scioccante» che queste denunce non siano sfociate nell’apertura di una inchiesta, o quantomeno una verifica a livello internazionale, soprattutto alla luce dei precedenti all’epoca dei raìs Saddam Hussein che ha utilizzato a più riprese armi chimiche.

 

In diverse occasioni, come è avvenuto il mese scorso in seguito alla richiesta formale di un parlamentare svedese, i vertici dell’Unione europea hanno respinto la richiesta di indagini sottolineando che il PKK è una «organizzazione coinvolta in attacchi terroristi» e oggetto di misure «punitive» di Bruxelles. Ecco perché oggi è necessaria una «indagine indipendente», sebbene sia difficile ottenere prove perché «Ankara blocca le indagini e sfrutta le poche pressioni delle organizzazioni internazionali».

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di Kurdishstruggle via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0).

Continua a leggere

Armi biologiche

Dissidente PCC: la Cina ha liberato il COVID ai Giochi mondiali militari 2019

Pubblicato

il

Da

 

 

In una rivelazione scioccante che solleva serie dubbi sulla narrativa ufficiale sulle origini di COVID in Cina, nuove rivelazioni di un informatore del PCC in esilio affermano che gli agenti cinesi hanno diffuso il COVID durante un evento sportivo internazionale tenutosi a Wuhan nell’ottobre 2019.

 

Secondo questa timeline epidemica, esso è  considerabile il primo evento super-spreader. Vi parteciparono migliaia e migliaia di persone da una vastità di Paesi del mondo.

 

Si sarebbe trattato, quindi, del luogo e del momento ideale per lo scatenamento di una pandemia.

 

«Penso che il governo cinese avrebbe colto l’occasione per diffondere il virus durante i Giochi militari, poiché molti stranieri si sarebbero presentati lì»

Il dissidente del Partito Comunista Cinese Wei Jingsheng ha proposto una tesi davvero estrema. Egli afferma che gli agenti cinesi hanno deliberatamente diffuso il COVID durante questi giochi militari. La gola profonda PCC ha anche affermato di aver cercato di avvertire l’amministrazione Trump del COVID cinque mesi prima dell’inizio della pandemia.

 

Il torneo internazionale per atleti militari si è tenuto esattamente Wuhan, proprio dove i pazienti malati avrebbero iniziato a travolgere gli ospedali e, a guardare le immagini che arrivavano dalla cina, a morire in strada. Tutto questo nemmeno tre mesi dopo che Pechino aveva notificato l’epidemia all’OMS a Capodanno.

 

Dopo i giochi, sostiene Wei, alcuni dei 9.000 atleti che hanno partecipato si sono ammalati di una misteriosa malattia, inclusi atleti francesi, americani e tedeschi.

 

L’Italia ha forse dimenticato il caso dello schermidore Tagliariol. Lo spadista trevigiano, già oro a Pechino, era i Mondiali militari come aviere capo dell’Aeronautica militare distaccato nel gruppo sportivo. Nel maggio 2020 dichiarò: «ci siamo ammalati tutti, 6 su 6 nell’appartamento e moltissimi anche di altre delegazioni. Tanto che al presidio medico avevano quasi finito le scorte di medicine». «Ho avuto febbre e tosse per 3 settimane – dice lo spadista azzurro – e gli antibiotici non hanno fatto niente; poi è toccato a mio figlio e alla mia compagna. Non sono un medico, ma i sintomi sembrano quelli del COVID-19». Poi vi furono ritrattazioni e smentite.

 

«Penso che il governo cinese avrebbe colto l’occasione per diffondere il virus durante i Giochi militari, poiché molti stranieri si sarebbero presentati lì», ha detto Wei nel documentario di Sky News Australia intitolato «Cosa è successo davvero a Wuhan?».

 

«Sapevo della possibilità che il governo cinese utilizzasse alcune strane armi, comprese le armi biologiche, perché sapevo che stavano facendo esperimenti di quel tipo»

Il Jingsheng dice che sapeva «della possibilità che il governo cinese utilizzasse alcune strane armi, comprese le armi biologiche, perché sapevo che stavano facendo esperimenti di quel tipo».

 

La competizione sportiva in questione si è svolta a Wuhan dal 19 al 27 ottobre 2019.

 

Wei afferma di essere andato da figure di spicco dell’amministrazione Trump nel novembre 2019, ma è stato ignorato. Ora sappiamo che i casi di COVID potrebbero essersi diffusi negli Stati Uniti in quel momento e sicuramente prima del Natale 2019. Anche se non ha voluto dire con quale funzionario ha parlato, afferma che era un «funzionario di alto livello» dell’amministrazione Trump.

 

Per News.au, David Asher, un ex investigatore COVID per il Dipartimento di Stato, afferma nel documentario che i Giochi erano «sospetti».

 

«Vediamo alcune indicazioni nei nostri dati… che c’era COVIDin circolazione negli Stati Uniti già all’inizio di dicembre, forse prima» ha detto.

 

«Alcune delle persone che sono tornate da questi Giochi erano malate di qualcosa».

«Alcune delle persone che sono tornate da questi Giochi erano malate di qualcosa».

 

Essendo stato esiliato negli Stati Uniti anni prima, Wei ha detto di essere stato informato di ciò che stava accadendo attraverso gli addetti ai lavori del PCC che condividevano le loro paure sulla situazione e descrivevano l’insabbiamento da parte del governo centrale.

 

Ma alla fine dell’autunno, le lamentele sul COVID avevano già iniziato a spuntare sui social media in Cina, dove sono state immediatamente censurate dal PCC, aggiunge Wei.

 

Alla fine, quando il virus si è diffuso e i primi sforzi per coprirlo e contenerlo sono falliti, a Pechino non è rimasta altra scelta che rivolgersi all’OMS. Anche a quel punto, Pechino ha continuato a negare le prove della diffusione da uomo a uomo, fino a quando non è diventato ovvio nei giorni a seguire.

 

Sebbene non ci siano prove concrete che la Cina abbia usato il COVID come arma biologica, ci sono molti elementi che suggeriscono che il laboratorio di Wuhan stava lavorando su un virus che assomigliava molto al COVID-19

Come riporta il documentario TV della giornalista Sharri Markson, non ci sono prove concrete che la Cina abbia usato il COVID come arma biologica, tuttavia ci sono molti elementi che suggeriscono che il laboratorio di Wuhan stava lavorando su un virus che assomigliava molto al COVID-19.

 

Recentemente sono stati condivisi documenti che mostrano un’agenzia statunitense – il celebre e misterioso braccio ricerca e sviluppo dell’esercito, la DARPA – che rifiuta una proposta di Peter Daszak che chiede soldi per finanziare la ricerca per infettare i pipistrelli con coronavirus da un pipistrello manipolato.

 

L’offerta è stata presentata da Daszak, che lavora per conto della EcoHealth Alliance con sede negli Stati Uniti (che è stata avvolta nella controversia del dottor Fauci e dei suoi alleati per aggirare un divieto statunitense sulla ricerca gain of function che potrebbe o meno aver contribuito alla pandemia globale di COVID), e Daszak sperava di utilizzare l’ingegneria genetica per mettere «siti di scissione specifici per l’uomo» sul COVID dei pipistrelli «che avrebbe reso più facile per il virus entrare nelle cellule umane», un metodo che per coincidenza risponderebbe a una domanda precisa che circola nella comunità scientifica: come il SARS-CoV-2 si è evoluto per diventare così contagioso per l’uomo?

 

Questi ricercatori stavano inavvertitamente aiutando i cinesi a sviluppare l’arma biologica più potente dell’era moderna?

 

Continua a leggere

Più popolari