L’Intelligence americana conferma: lavoratori del laboratorio di Wuhan malati già a novembre 2019

 

 

 

Un rapporto dell’Intelligence statunitense inedito ha rivelato che almeno tre ricercatori che lavorano presso l’Istituto di virologia di Wuhan, dove sono stati condotti esperimenti sul coronavirus, sono stati ricoverati a metà novembre 2019 con sintomi corrispondenti a quelli di COVID. La notizia è stata data dal quotidiano finanziario Wall Street Journal.

 

Si sarebbe trattato, quindi, del primo cluster di malati COVID conosciuto a Wuhan – e casualmente lavoravano tutti proprio nel laboratorio subito sospettato di essere all’origine della pandemia.

 

Le rivelazioni danno ancora più credito all’idea che la catastrofe epidemica globale sia nata proprio tra i vetrini e i microscopi dell’Istituto di virologia della città cinese, l’unico del Paese, peraltro, a potere operare su virus estremamente pericolosi come quello della SARS.

 

Si sarebbe trattato, quindi, del primo cluster di malati COVID conosciuto a Wuhan – e casualmente lavoravano tutti proprio nel laboratorio subito sospettato di essere all’origine della pandemia

Il Wall Street Journal  riporta che «la divulgazione del numero dei ricercatori, dei tempi delle loro malattie e delle loro visite ospedaliere arriva alla vigilia di una riunione dell’organo decisionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che dovrebbe discutere la prossima fase di un’indagine sulle origini del COVID-19».

 

L’articolo rileva inoltre che i dettagli della segnalazione vanno oltre una scheda informativa del Dipartimento di Stato, emessa durante gli ultimi giorni dell’amministrazione Trump, in cui si afferma che diversi ricercatori del laboratorio, un centro per lo studio dei coronavirus e di altri patogeni, si sono ammalati nell’autunno 2019 «con sintomi compatibili sia con COVID-19 che con una comune malattia stagionale».

 

Secondo il Journal, l’Intelligence proviene da più fonti ed è «molto precisa».

 

Diversi ricercatori del laboratorio, un centro per lo studio dei coronavirus e di altri patogeni, si sono ammalati nell’autunno 2019 «con sintomi compatibili sia con COVID-19 che con una comune malattia stagionale»

Fonti di Intelligence straniere, lo ricordiamo, parlarono di fuga dal laboratorio o di arma biologica vera e proprio già a gennaio 2020 – Renovatio 21 lo ha subito riportato venendo tacciata, immediatamente, di diffusione di fake news.

 

I nuovi dettagli emersi contraddicono le affermazioni del governo cinese secondo cui i primi casi del virus non sono stati osservati fino all’8 dicembre 2019. Inoltre coincidono con le affermazioni precedentemente non confermate del  South China Morning Post secondo cui esistono dati del governo cinese che documentano i casi iniziali il 17 novembre 2019, più di tre settimane prima.

 

Commentando le rivelazioni, David Asher, l’ex capo investigatore del Dipartimento di Stato sulle origini del virus ha detto che è «molto dubbio che tre persone in circostanze altamente protette» si siano ammalate di «gravi condizioni tutte nella stessa settimana, e ciò non avrebbe niente a che fare con il coronavirus».

 

Asher ha precedentemente affermato che l’Intelligence punta a un coinvolgimento delle forze armate cinesi che conducono ricerche sulle armi biologiche presso il laboratorio.

È «molto dubbio che tre persone in circostanze altamente protette» si siano ammalate di «gravi condizioni tutte nella stessa settimana, e ciò non avrebbe niente a che fare con il coronavirus»

 

«Insabbiamento, cospirazione, tutti i segni distintivi della colpa sono associati a questo caso. E il fatto che il gruppo iniziale di vittime fosse dello stesso istituto che stava svolgendo la ricerca altamente pericolosa, se non sospetto, è significativo».

 

Il ministero degli Esteri cinese ha risposto agli sviluppi rilasciando una dichiarazione che insiste sul fatto che non sono stati segnalati casi di COVID-19 tra il personale e gli studenti dell’istituto di virologia.

 

Come riporta Summit News, anche il direttore del CDC di Biden ha affermato questa settimana che esiste una «possibilità» che il virus COVID-19 sia trapelato dal laboratorio di Wuhan.

 

I media progressisti e i cosiddetti fact-checker (nuovi padroni del discorso grazie alle censure dei social media) hanno ripetutamente respinto la nozione come una «teoria del complotto». Ora sono costretti ad un umiliante retrofront.

«Insabbiamento, cospirazione, tutti i segni distintivi della colpa sono associati a questo caso. E il fatto che il gruppo iniziale di vittime fosse dello stesso istituto che stava svolgendo la ricerca altamente pericolosa, se non sospetto, è significativo»

 

Come sta emergendo ufficialmente, l’ente sanitario nazionale americano NIH ha assegnato una sovvenzione di 3,7 milioni di dollari all’Istituto di virologia di Wuhan per condurre la ricerca sul  coronavirus. I risultati della ricerca sulle funzioni sostenuta dagli Stati Uniti a Wuhan sono stati pubblicati nel 2017 sotto il titolo «La scoperta di un ricco pool genetico di coronavirus correlati alla SARS di pipistrello fornisce nuove informazioni sull’origine del coronavirus SARS».

 

Come riportato da Renovatio 21, il dottor Anthony Fauci ora sta facendo marcia indietro e non rigetta più la teoria della fuga di laboratorio, arrivando persino ad ammettere il proprio coinvolgimento nella ricerca che si stava svolgendo lì.

 

In precedenza era emerso che il laboratorio di Wuhan aveva tenuto un campione di coronavirus che era al 96,2% lo stesso del COVID-19  per quasi un decennio. Ciò ha spinto la speculazione sull’origine del virus.

 

In precedenza era emerso che il laboratorio di Wuhan aveva tenuto un campione di coronavirus che era al 96,2% lo stesso del COVID-19  per quasi un decennio. Ciò ha spinto la speculazione sull’origine del virus

L’idea del virus proveniente dal laboratorio di Wuhan non quindi più in nessun modo  è una teoria del complotto marginale, visto che è ora sostenuta da importanti figure scientifiche,  giornalistiche di Intelligence e politiche a livello globale.

 

Ha fatto un certo scalpore l’articolo di Nicholas Wade (già stimato capo servizio del New York Times per le questioni scientifiche) apparso sul seriosissimo Bulletin of Atomic Scientists. «È chiaro che l’Istituto di Virologia di Wuhan stava costruendo sistematicamente nuovi coronavirus chimerici e stava valutando la loro capacità di infettare cellule umane e topi che esprimono ACE2» scrive Wade. «È chiaro che parte o tutto questo lavoro veniva eseguito utilizzando uno standard di biosicurezza – livello di biosicurezza 2, il livello di biosicurezza di uno studio dentistico statunitense standard – che rappresenterebbe un rischio inaccettabilmente alto di infezione del personale di laboratorio (…) In tutta la Cina, la pandemia è scoppiata alle porte dell’istituto di Wuhan. Il virus era già ben adattato agli esseri umani, come previsto per un virus cresciuto in topi umanizzati».

 

L’ex direttore del CDC Robert Redfield, un importante virologo, ha dichiarato alla CNN lo scorso marzo che crede che il coronavirus possa essere sfuggito al laboratorio di Wuhan già nel settembre 2019.

 

L’idea del virus proveniente dal laboratorio di Wuhan non quindi più in nessun modo  è una teoria del complotto marginale, visto che è ora sostenuta da importanti figure scientifiche,  giornalistiche di Intelligence e politiche a livello globale

Un importante scienziato tedesco dell’Università di Amburgo ha pubblicato i risultati a febbraio di uno studio di un anno che conclude che la causa più probabile della pandemia di coronavirus è stata una fuga del patogeno dall’Istituto di virologia di Wuhan.

 

Anche altre figure dell’Intelligence in  tutto il mondo, come l’ex capo del servizio segreto esterno britannico, hanno chiesto che il laboratorio di Wuhan venga indagato.

 

Come riportato da Renovatio 21, dopo aver trascorso mesi cercando di negoziare una visita, i funzionari dell’OMS hanno in gran parte assolto la Cina dalla colpa per la pandemia COVID-19 dopo aver visitato un laboratorio di virus a Wuhan per sole 3 ore. A dirigere il gruppo c’era tale Peter Daszak, coinvolto con il suo ente (finanziato da Fauci con i danari del contribuente americano) negli esperimenti sul Coronavirus.  Le volpi a guardia del pollaio.

 

 

 

 

 

Immagine di Ureem2805 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). Modifiche aggiunte