Connettiti con Renovato 21

Armi biologiche

Esiste una connessione tra i biolaboratori ucraini finanziati dagli Stati Uniti e il COVID-19?

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Joseph Mercola pubblicato da LifesitenewsLe opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Potrebbe essere che Metabiota abbia prodotto agenti biologici sotto copertura diplomatica e poi abbia venduto assicurazioni pandemiche e tracker pandemici per «aiutare i paesi a superare ciò che stanno subendo»?

 

 

Con l’emergere di prove di un potenziale insabbiamento di armi biologiche, una società chiamata Metabiota sta guadagnando importanza. I legami tra Metabiota e diversi attori chiave nella pandemia di COVID e/o nella storia dei laboratori ucraini sono molteplici, quindi non esiste un modo davvero semplice per svelarlo in una sequenza logica. Detto questo, iniziamo con ciò che fa Metabiota e le connessioni del suo fondatore, ed espandiamoci da lì.

 

 

La missione di Metabiota

La mission di Metabiota è rendere il mondo più resiliente alle epidemie fornendo «dati, analisi, consigli e formazione per prepararsi alle minacce per la salute globale e mitigarne gli impatti».

 

Attraverso l’analisi dei dati, aiutano «i decisori di governo e industria» a stimare e mitigare i rischi di pandemia. Ma affermano anche di sostenere lo “sviluppo sostenibile”, che sembra avere poco a che fare con la gestione del rischio pandemico.

 

Quel termine, «sviluppo sostenibile», è quello promosso da Klaus Schwab, fondatore del World Economic Forum (WEF). Fa parte integrante del piano di Schwab per un Grande Reset globale e una rivoluzione transumanista (alias la Quarta Rivoluzione Industriale).

 

Non sorprende, quindi, scoprire che il fondatore di Metabiota, Nathan Wolfe, non solo ha stretti legami con il WEF, ma è anche una stella nascente. Si è laureato WEF Young Global Leader ed è stato insignito del premio Technology Pioneer del WEF nel 2021.

 

 

Metabiota e la ricerca dei virus pandemici

Metabiota era un partner principale del programma di minaccia pandemica dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) chiamato PREDICT, che cercava di identificare i virus con potenziale pandemico.

 

Gli appaltatori finanziati attraverso questo programma hanno incluso l’EcoHealth Alliance, guidata da Peter Daszak. Il programma PREDICT, diretto da Dennis Carroll, sembra essere servito come verifica teorica per il Global Virome Project fondato da Carroll.

 

Secondo una recente indagine della US Right to Know (USRTK), Carroll sembra aver dirottato fondi governativi dal programma PREDICT mentre era ancora in esecuzione, per finanziare questo progetto personale, che è stato istituito con l’intenzione di raccogliere, identificare e catalogare 1 milione di virus della fauna selvatica nel tentativo di prevedere quali potrebbero causare un’epidemia umana.

 

 

I finanziamente di Metabiota

Metabiota riceve finanziamenti da diverse organizzazioni e agenzie interconnesse, tra cui:

 

  • Pilot Growth Management, cofondato da Neil Callahan. Callahan è anche cofondatore di Rosemont Seneca Technology Partners e siede nel consiglio di amministrazione di Metabiota

 

  • Il Global Virome Project, che secondo quanto riferito ha pagato (o prevedeva di pagare) Metabiota 341.000 dollari per condurre un’analisi costi-benefici

 

  • In-Q-Tel, una società di venture capital della CIA specializzata in investimenti high-tech che supportano o avvantaggiano la capacità di intelligence delle agenzie di intelligence statunitensi

 

  • Agenzia per la riduzione delle minacce (DTRA) del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. In particolare, nel 2014, DTRA ha assegnato a Metabiota 18,4 milioni di dollari in contratti federali per servizi di consulenza scientifica e tecnica ai laboratori DTRA in Ucraina e Georgia. Esternalizzando il lavoro a società private, DTRA è in grado di aggirare la supervisione del Congresso. La Russia ora accusa gli Stati Uniti di aver finanziato la ricerca sulle armi biologiche segrete e illegali in questi laboratori ucraini e afferma che questa è stata la vera ragione alla base della sua invasione

 

  • Rosemont Seneca, fondo di investimento già co-gestito da Hunter Biden. Se le accuse della Russia si rivelassero vere, questo legame potrebbe rivelarsi profondamente problematico per la Casa Bianca, poiché ciò significa che la famiglia Biden è stata più o meno direttamente coinvolta nel finanziamento di quella ricerca

 

Wolfe ha anche ricevuto più di 20 milioni di dollari in borse di ricerca da Google, NIH e Bill & Melinda Gates Foundation, solo per citarne alcuni, ed era amico dell’ormai scomparso Jeffrey Epstein. Nel suo libro del 2012, The Viral Storm, Wolfe ha ringraziato gli amici per il loro supporto, tra cui Epstein e Boris Nikolic. Nikolic, un venture capitalist biotecnologico, è stato nominato «esecutore testamentario di riserva» nel testamento di Epstein.

 

Epstein, che oltre ad essere un pedofilo condannato e accusato di traffico sessuale di bambini, aveva un forte interesse per l’eugenetica. È ormai risaputo che sognava di creare una sua razza «sovrumana» mettendo incinta dozzine di donne alla volta nel suo ranch del New Mexico. Epstein è anche riuscito a ottenere incontri con Bill Gates, la cui storia familiare è segnata anche da un interesse per l’eugenetica e il controllo della popolazione.

 

 

Il fondatore di Metabiota e il sospetto nella pandemia di COVID

Oltre ad avere stretti legami con il WEF e il suo programma Great Reset, Wolfe, il fondatore di Metabiota, fa anche parte del comitato editoriale di EcoHealth Alliance dal 2004. Nel 2017, ha anche co-scritto uno studio sui coronavirus nei pipistrelli insieme al presidente di EcoHealth Alliance, Peter Daszak.

 

Si deve ricordare che EcoHealth Alliance, un’organizzazione senza scopo di lucro focalizzata sulla prevenzione delle pandemie, ha lavorato a stretto contatto con il Wuhan Institute of Virology (WIV) in Cina, dove si sospetta che la SARS-CoV-2 abbia avuto origine.

 

Daszak – che ha ricevuto finanziamenti per la ricerca sul coronavirus dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), guidato dal dottor Anthony Fauci, e dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti – ha subappaltato parte di quel lavoro a Shi Zheng-li al WIV. È stato anche coautore di progetti di ricerca presso il WIV.

 

Una volta che sono iniziate le voci secondo cui SARS-CoV-2 è stato creato dall’uomo, Daszak ha svolto un ruolo centrale nella trama per oscurare l’origine del laboratorio elaborando una dichiarazione scientifica che condannava tali indagini come «teoria del complotto». 

 

Questo «consenso» fabbricato è stato poi invocato dai media per contrastare chiunque presentasse teorie e prove contrarie.

 

Questo, nonostante nel 2015 abbia avvertito che una pandemia globale avrebbe potuto verificarsi in seguito ad un incidente di laboratorio e che «i rischi erano maggiori con il tipo di ricerca sulla manipolazione dei virus condotta a Wuhan»!

 

Nel 2021 sono state aperte due indagini sulle origini della pandemia di COVID, una dall‘Organizzazione Mondiale della Sanità e un’altra da The Lancet, e Daszak è riuscito in qualche modo a finire in entrambi questi comitati, nonostante avesse apertamente e ripetutamente respinto la possibilità della pandemia come risultato di una fuga da laboratorio.

 

Il riferimento dell’OMS è stato cancellato sia dal sito Web dell’agenzia che dagli archivi Internet, ma diverse notizie come questa di NPR, pubblicate dopo l’avvio dell’indagine, sono ancora disponibili e accessibili.

 

È interessante notare che uno dei consiglieri politici di EcoHealth Alliance è un ex comandante di Fort Detrick di nome David Franz. Fort Detrick è la principale struttura di «biodifesa» gestita dal governo degli Stati Uniti, sebbene lo stesso Franz abbia ammesso pubblicamente che «in biologia … tutto è a duplice uso: le persone, le strutture e le attrezzature».

 

 

Metabiota e DTRA

Alla fine di maggio 2016, Metabiota ha assunto Andrew C. Weber, membro del Council on Foreign Relations, a capo delle sue Global Partnerships. Tra il 2009 e il 2014, Weber è stato assistente segretario alla difesa per la difesa nucleare, chimica e biologica sotto l’allora presidente Obama.

 

Weber è accreditato di aver creato la Defense Threat Reduction Agency (DTRA) – un’agenzia di supporto al combattimento all’interno del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, specializzata nella lotta contro le armi di distruzione di massa, comprese le armi biologiche – e come accennato in precedenza, la DTRA avrebbe finanziato Metabiota per operare laboratori di ricerca biologica in Ucraina finanziati dagli USA.

 

La DTRA ha anche emesso una serie di sovvenzioni all’EcoHealth Alliance, per un totale di almeno 37,5 milioni di dollari, inclusa una sovvenzione del 2017 per 6,5 milioni di dollari per «comprendere il rischio di insorgenza di malattie zoonotiche trasmesse dai pipistrelli nell’Asia occidentale».

 

Secondo un articolo del dicembre 2020 di The Defender, EcoHealth Alliance aveva cercato di nascondere la maggior parte dei finanziamenti del Pentagono che aveva ricevuto tra il 2013 e il 2020, la maggior parte dei quali proveniva dalla DTRA.

 

 

La risposta pasticciata all’Ebola di Metabiota

Nel 2016, CBS News ha pubblicato una feroce critica alla risposta di Metabiota all’epidemia di Ebola del 2014 in Africa occidentale. Metabiota era stata assunta dall’OMS e dal governo locale della Sierra Leone per monitorare la diffusione dell’epidemia, ma secondo un’indagine dell’Associated Press, «alcune delle azioni dell’azienda hanno peggiorato una situazione già caotica».

 

In un’e-mail del 17 luglio 2014 ottenuta da AP, il dottor Eric Bertherat, ufficiale medico presso il Dipartimento di allerta e risposta epidemica e pandemica dell’OMS, si è lamentato di diagnosi errate e «confusione totale» nel piccolo laboratorio Metabiota condiviso con la Tulane University di Kenema , Sierra Leone.

 

Secondo Bertherat, non c’era «nessun tracciamento dei campioni» e «assolutamente nessun controllo su ciò che veniva fatto».

 

«Questa è una situazione che l’OMS non può più approvare», ha scritto. Allo stesso modo, Sylvia Blyden, assistente esecutiva speciale del presidente della Sierra Leone, ha detto che la risposta di AP Metabiota è stata un disastro:

 

«Hanno incasinato l’intera regione», ha detto. Ha definito il tentativo di Metabiota di rivendicare il merito del suo lavoro su Ebola «un insulto per i ricordi di migliaia di africani che sono morti».

 

Anche il funzionario sanitario statunitense Austin Demby, che ha valutato il lavoro di laboratorio di Metabiota e Tulane su richiesta dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e del governo della Sierra Leone, è stato critico.

 

In un’e-mail, Demby ha notato che gli aghi usati sono stati lasciati fuori e non c’era luce ultravioletta per la decontaminazione. Lo spazio era anche troppo piccolo per elaborare in sicurezza i campioni di sangue. «Il potenziale di contaminazione incrociata è enorme e francamente inaccettabile», ha scritto.

 

Anja Wolz, una coordinatrice di emergenza di Medici senza frontiere, ha detto ad AP di aver assistito ai lavoratori Metabiota entrare nelle case di sospetti pazienti affetti da Ebola senza indumenti protettivi e lasciare aree ad alto rischio senza eseguire alcun tipo di procedura di decontaminazione. Ha anche accusato Metabiota di aver calcolato male la gravità dell’epidemia, insistendo sul fatto che avevano la situazione sotto controllo quando chiaramente non lo avevano.

 

Il professore di microbiologia di Tulane Bob Garry è stato anche critico nei confronti della scelta di Metabiota di far eseguire l’operazione al dottor Jean-Paul Gonzalez, poiché Gonzalez, nel 1994, era stato accidentalmente infettato da una rara febbre emorragica mentre lavorava in un laboratorio dell’Università di Yale.

 

Non ha informato nessuno dell’esposizione per più di una settimana, un ritardo che ha messo a rischio più di 100 altre persone. A Gonzalez è stato ordinato di seguire un corso correttivo sulla sicurezza, ma secondo Garry, tale incuria era una bandiera rossa e non pensava che Gonzalez fosse l’uomo giusto per insegnare ai sierraleonesi l’Ebola.

 

«Vuoi davvero che la persona che si è infettata con la febbre emorragica vada in giro a spiegare alle persone come essere al sicuro?» Garry ha chiesto in una e-mail a un rappresentante dei media Metabiota. Wolfe ha difeso la sua azienda, dicendo che non c’erano prove che avessero fatto qualcosa di sbagliato. Alcuni dei problemi ha attribuito a incomprensioni e altri alla rivalità commerciale.

 

 

L’incidente di laboratorio è la causa del COVID «molto probabile», ma meno indagata

In un rapporto del 28 marzo 2022, US Right to Know (USRTK) ha rivelato il contenuto di una nota del Dipartimento di Stato del 2020 ottenuta dal gruppo.

 

USRTK scrive:

 

«Origine dell’epidemia: i laboratori di Wuhan sono rimasti i più probabili ma meno indagati’, si legge in alto. Il promemoria è scritto come BLUF –  uno stile di comunicazione utilizzato nell’esercito. L’identità dell’autore o degli autori è sconosciuta»…

 

«BLUF: Non ci sono prove dirette e fumanti che dimostrino che una fuga dai laboratori di Wuhan abbia causato la pandemia, ma ci sono prove circostanziali che suggeriscono che sia così», si legge nel promemoria. 

 

Apparentemente redatto nella primavera del 2020, il memo descrive in dettaglio le prove circostanziali della teoria della «fuga di laboratorio»: l’idea che il COVID-19 abbia avuto origine in uno dei laboratori di Wuhan, in Cina, l’epicentro della pandemia.

 

Il promemoria solleva preoccupazioni per la «grande quantità» di ricerche sui nuovi coronavirus apparentemente condotte presso l’Istituto di virologia di Wuhan e il vicino laboratorio del Centro per il controllo delle malattie di Wuhan … Il promemoria segnala anche le carenze di biosicurezza in entrambi i laboratori, definendo la «gestione del Wuhan Institute of Virology di virus mortali e animali da laboratorio portatori di virus… spaventosamente povera e negligente».

 

Il memo fornisce una straordinaria finestra sulle preoccupazioni dietro le quinte su un incidente di laboratorio tra i leader della politica estera degli Stati Uniti, anche se questa linea di indagine è stata considerata una teoria del complotto dai virologi internazionali, alcuni dei quali avevano conflitti di interesse non divulgati.

 

Il memo mette in discussione anche l’imparzialità di questi virologi. Shi Zhengli, una ricercatrice sul coronavirus dell’Istituto di virologia di Wuhan soprannominata la «Batwoman», ha strette collaborazioni internazionali di vasta portata, anche con prestigiosi virologi occidentali, osserva il memo.

 

«Persiste il sospetto che Shi occupi una posizione importante e potente nel campo in Cina e abbia un’ampia cooperazione con molti virologi [internazionali] che potrebbero farle un favore», si legge …

 

Il promemoria lamenta che «il luogo più logico per indagare sull’origine del virus è stato completamente isolato dall’indagine del [Partito comunista cinese]» … Il promemoria suggerisce anche che altre ipotesi potrebbero essere servite come distrazione da un’indagine sull’ampia ricerca sui nuovi coronavirus. «È probabile che tutte le altre teorie siano un’esca per impedire un’indagine [nel] WCDC e WIV«, afferma …

 

Il promemoria cita un paper del 2015 coautore di Shi intitolato «Un gruppo simile alla SARS di coronavirus di pipistrello circolanti mostra il potenziale per l’emergenza umana» che descriveva la creazione di una «chimera» o virus ingegnerizzato, con la proteina spike di un coronavirus di un cinese pipistrello a ferro di cavallo.

 

I redattori di Nature Medicine hanno aggiunto una nota nel marzo 2020 avvertendo che l’articolo veniva «utilizzato come base per teorie non verificate secondo cui il nuovo coronavirus che causa COVID-19 era stato progettato» … Ma il promemoria mostra che il Dipartimento di Stato ha effettivamente considerato il documento rilevante per le origini della pandemia».

 

 

NIH ha ritirato la sequenza genica su richiesta del ricercatore WIV

Anche se dobbiamo ancora ottenere prove certe che SARS-CoV-2 sia stato sviluppato come arma biologica, ci sono molte prove circostanziali che puntano in quella direzione. In modo preoccupante, col passare del tempo, sempre più di queste prove circostanziali sembrano evidenziare il coinvolgimento degli Stati Uniti. Se un proverbiale dito punta contro la Cina, altri quattro puntano contro gli USA.

 

Questa è una notizia profondamente cattiva, ma dovrebbe davvero rafforzare la nostra determinazione ad andare fino in fondo. Nessuno di noi è al sicuro finché gli scienziati pazzi responsabili di questa pandemia non saranno assicurati alla giustizia. Non importa chi siano. Con ogni probabilità, scopriremo che la colpa non può essere imputata a una singola nazione. Come minimo, gli Stati Uniti e la Cina sembrano coprirsi a vicenda.

 

A titolo di esempio, ci sono le cancellazioni di informazioni avvenute sia al National Institutes of Health che al WIV, o su richiesta dell’altro, o come quello che sembra essere un favore.

 

Come riportato da Just the News, il NIH ha cancellato una presentazione di sequenziamento genetico di SARS-CoV-2 dal suo Sequence Read Archive (SRA) su richiesta di un ricercatore del WIV. 

 

Le e-mail ottenute tramite richiesta FOIA al NIH da Empower Oversight mostrano che un ricercatore WIV – che aveva presentato due sequenze genetiche all’SRA, una a marzo 2020 e una seconda a giugno 2020 – ha chiesto di ritirare l’ultima.

 

Il NIH inizialmente ha affermato che sarebbe stato meglio modificare o sostituire la presentazione piuttosto che ritrattarla, ma il ricercatore ha insistito affinché fosse rimossa, cosa che hanno fatto. 

 

Ad essere onesti, il NIH afferma anche di aver ritirato almeno otto richieste di SRA in totale, la maggior parte di ricercatori americani, su loro richiesta. Tuttavia, le e-mail mostrano anche i giornalisti diretti del NIH su come fornire una copertura più favorevole e meno sensazionalistica dell’eliminazione della sequenza cinese. 

 

Just the News scrive:

 

«[Empower Oversight] afferma che uno degli elementi più sconcertanti delle e-mail è la prova che mostra che il NIH si è rifiutato di partecipare a un processo trasparente per esaminare i dati sulle sequenze cancellate».

 

«Soprattutto, perché il NIH si è rifiutato di esaminare le copie d’archivio di sequenze cancellate in un processo scientifico aperto per determinare se qualcuna di queste informazioni potrebbe essere in grado di far luce sulle origini della pandemia di COVID-19?”, ha chiesto il gruppo».

 

Tuttavia, tale argomento è stato respinto dal funzionario del NIH Steve Sherry. Sebbene le sequenze non vengano mai completamente cancellate, secondo l’agenzia, Sherry ha detto a un ricercatore che ha chiesto anonimato: «Come sapete, quando i set di dati vengono ritirati dal database, quello stato non consente l’uso per ulteriori analisi».

 

 

Il WIV ha cancellato le menzioni di collaboratori statunitensi

Il WIV ha anche cancellato le informazioni in quello che sembra essere uno sforzo per proteggere il NIH. Poco dopo che Fauci ha testimoniato in un’audizione al Senato nel marzo 2021, la WIV ha cancellato silenziosamente tutte le menzioni della sua collaborazione con il NIAID di Fauci, il NIH e altri partner di ricerca americani dal suo sito web. 

 

Come riportato il 15 maggio 2021 da The National Pulse:

 

«Il 21 marzo 2021, il sito web del laboratorio elencava sei partner di ricerca con sede negli Stati Uniti: University of Alabama, University of North Texas, EcoHealth Alliance, Harvard University, National Institutes of Health (NIH), Stati Uniti e National Wildlife Federation».

 

«Il giorno dopo, la pagina è stata rivista per contenere solo due partner di ricerca: EcoHealth Alliance e l’Università dell’Alabama. Entro il 23 marzo, EcoHealth Alliance era l’unico partner rimasto».

 

«EcoHealth Alliance è gestita dal Dr. Peter Daszak, partner di lunga data del Partito Comunista Cinese, che il redattore capo di National Pulse Raheem Kassam ha ripetutamente affermato sarà il primo “ragazzo caduto” della debacle del laboratorio di Wuhan»…

 

«Oltre a stabilire un rapporto di lavoro tra il NIH e il Wuhan Institute of Virology, i post ora cancellati dal sito descrivono anche gli studi che portano i segni distintivi della ricerca sul guadagno di funzione condotta con il laboratorio di Wuhan».

 

In effetti, una pagina web del  WIV ora eliminata intitolata «Ritornerà la SARS?» dichiarava che:

 

«La prof.ssa Zhengli Shi e Xingyi Ge del WIV, in collaborazione con i ricercatori dell’Università della Carolina del Nord, della Harvard Medical School, del Bellinzona Institute of Microbiology… esaminano il potenziale di malattia di un virus simile alla SARS, SHC014-CoV, che sta attualmente circolando nel pipistrello a ferro di cavallo».

 

«Utilizzando il sistema di genetica inversa SARS-CoV, gli scienziati hanno generato e caratterizzato un virus chimerico che esprime il picco del coronavirus di pipistrello SHC014 in uno scheletro di SARS-CoV adattata al topo».

 

«I risultati indicano che i virus del gruppo 2b che codificano per il picco SHC014 in uno scheletro di tipo selvaggio possono utilizzare in modo efficiente più ortologhi dell’enzima di conversione dell’angiotensina umana II (ACE2) del recettore SARS, replicarsi in modo efficiente nelle cellule primarie delle vie aeree umane e ottenere titoli in vitro equivalenti all’epidemia ceppi di SARS-CoV».

 

«La valutazione delle modalità immunoterapiche e profilattiche disponibili basate sulla SARS ha rivelato una scarsa efficacia; sia l’anticorpo monoclonale che gli approcci vaccinali non sono riusciti a neutralizzare e proteggere dall’infezione da CoV utilizzando la nuova proteina spike».

 

«Sulla base di questi risultati, hanno sintetizzato nuovamente un virus ricombinante SHC014 infettivo a lunghezza intera e hanno dimostrato una robusta replicazione virale sia in vitro che in vivo».

 

Le cancellazioni da parte della WIV dei partner di ricerca americani dal suo sito web (con l’eccezione di EcoHealth Alliance) e la cancellazione dell’articolo che discute della ricerca genetica sul virus SARS sono servite solo a rafforzare i sospetti di un insabbiamento. A quel tempo, la cosa più sorprendente era che stavano nascondendo il coinvolgimento americano e non solo il proprio.

 

 

Siamo noi i cattivi?

Ahimè, come notato da Maajid Nawaz, un ex rivoluzionario islamista che è diventato un attivista anti-estremismo, se si scopre che gli Stati Uniti si sono effettivamente impegnati nello sviluppo illegale di armi biologiche in Ucraina, potrebbe semplicemente risultare che siamo noi i cattivi qui.

 


Scrive, in parte:

 

«Il 24 febbraio 2022, lo stesso giorno dell’invasione russa, alcuni di noi erano già preoccupati per la prospettiva di laboratori di armi biologiche esistenti in Ucraina».

 

«L’esistenza di laboratori di armi biologiche al confine dell’Ucraina con la Russia è stata da allora confermata sia dalla Russia che dagli Stati Uniti (dico entrambi perché il governo ucraino funge essenzialmente da procuratore degli Stati Uniti). L’unica domanda rimasta riguarda cosa stavamo facendo in quei laboratori».

 

«Non c’è più dubbio che abbiamo finanziato la ricerca sulle armi biologiche nel laboratorio di Wuhan in Cina, da dove ora si ritiene che molto probabilmente sia trapelato il COVID. Quindi stavamo facendo lo stesso anche in Ucraina? La Russia ha sicuramente fatto l’accusa».

 

«Il rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov, ha dichiarato: “Nel corso di un’operazione militare speciale, i fatti di una pulizia di emergenza da parte del regime di Kiev delle tracce di un programma biologico militare in corso di attuazione in Ucraina, finanziato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, sono stati scoperti”».

 

«Con questo, ha rilasciato questo documento in cui affermava… che questi documenti confermavano il loro caso. Se le accuse della Russia dovessero reggere, gli Stati Uniti e il suo regime ucraino violerebbero il primo articolo della Convenzione delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi batteriologiche (biologiche) e tossiche».

 

«L’annuncio della Russia sembra aver costretto la mano americana ad ammettere che tali laboratori biologici esistano davvero. Il sottosegretario di Stato americano Victoria Nuland ha inquadrato questa ammissione affermando che questi laboratori erano solo per la ricerca difensiva».

 

«Il sottosegretario Nuland, tuttavia, ha continuato a sostenere che tali laboratori sarebbero stati pericolosi se fossero caduti nelle mani dei russi, senza apparentemente notare la contraddizione insita nella sua posizione secondo cui tali laboratori sono pericolosi solo perché possono essere utilizzati come armi»…

 

Nawaz, infatti, evidenzia una petizione ucraina del 2021 al presidente Zelensky, che chiedeva a) l’immediata chiusura dei «biolaboratori americani nel territorio dell’Ucraina», b) un’indagine sulle attività di quei laboratori e c) un’indagine sulla potenziale partecipazione ucraina alla creazione di SARS-CoV-2.

 

In altre parole, almeno alcuni ucraini, entro il 2021, si chiedevano se i laboratori statunitensi nel loro paese avrebbero potuto essere coinvolti nella creazione di questa pandemia.

 

 

Le denunce vanno a vuoto

Non sorprende che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti abbia preso una linea dura, denunciando tutte le accuse con l’affermazione che «Gli Stati Uniti non hanno laboratori di armi chimiche e biologiche in Ucraina». 

 

In un’altra dichiarazione, il Dipartimento di Stato ha «chiarito» che i laboratori erano per la «biodifesa», non armi biologiche, purificando così semanticamente le loro attività criminali.

 

Il problema è che non esiste una linea netta tra biodifesa e ricerca sulle armi biologiche. Come ammesso dal consigliere politico di EcoHealth Alliance ed ex comandante di Fort Detrick David Franz, è tutto “doppio uso: le persone, le strutture e le attrezzature”. La biodifesa implica la guerra biologica, in quanto implica la creazione di agenti patogeni più pericolosi con il presunto scopo di trovare trattamenti contro di essi.

 

L’esperto di armi biologiche Francis Boyle, che ha redatto il Biological Weapons Anti-Terrorism Act del 1989, ha anche sottolineato che la maggior parte dei laboratori BSL-4 sono a duplice uso:

 

 «Prima sviluppano l’agente di guerra biologica offensivo e poi sviluppano il presunto vaccino». E poi c’è l’accordo sulla proliferazione delle armi tra Stati Uniti e Ucraina, firmato a fine agosto 2005.

 

 

Per inciso, l’ex presidente Obama ha guidato il progetto per la costruzione di questi laboratori ucraini nel 2005, quando era ancora senatore e, curiosamente, l’annuncio online del suo coinvolgimento in questo progetto è stato cancellato anche dal web.

 

In base a questo accordo, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti assisterà il Ministero della Salute in Ucraina, senza alcun costo, per prevenire la «proliferazione di tecnologia, agenti patogeni e competenze» riscontrata in numerosi laboratori ucraini, che «potrebbero essere utilizzati nello sviluppo di armi biologiche».

 

 

La domanda scottante dell’intento

Quindi, l’accordo stesso chiarisce che stanno lavorando su agenti patogeni che POTREBBERO essere usati come armi biologiche e le preoccupazioni dichiarate di Nuland lo confermano. L’unica domanda rimasta allora è quella dell’intenzione. Qual è l’uso previsto di questi agenti patogeni? Difesa? O offesa? E c’è davvero una differenza?

 

Come notato da Nawaz, gli Stati Uniti aggrappati alla difesa della «biodifesa» e alla proliferazione delle armi biologiche è «l’equivalente di negare che la scoperta di Einstein della scissione dell’atomo per generare energia non sia anche qualcosa che potrebbe essere usato per fabbricare armi nucleari. Dopo l’epidemia di COVID, l’idea che i laboratori biologici possano essere utilizzati come armi dovrebbe essere semplicemente presupposta di regola».

 

Inoltre, considera la rete di player recensita in precedenza. La collaborazione ucraino-americana per lo studio di agenti patogeni in grado di trasformarsi in armi è gestita dalla DTRA, che finanzia Metabiota, che è gestita da un leader del WEF con stretti legami personali con l’unica persona – Daszak – sospettata di essere un attore chiave nella creazione della SARS -CoV-2, un intermediario tra NIH e WIV, e una forza centrale nell’insabbiamento della teoria delle perdite di laboratorio.

 

È interessante notare che Metabiota è anche finanziariamente sostenuta dalla società di investimento di Hunter Biden, e non dimentichiamo che il giovane Biden ha anche raccolto uno stipendio a sei cifre da una compagnia del gas ucraina per non aver fatto letteralmente nulla, oltre a fornire il suo «nome potente».

 

Circostanziale o meno, semplicemente non ha un bell’aspetto. E, ormai, dovrebbe essere chiarissimo che qualsiasi laboratorio che svolga un lavoro difensivo è ugualmente in grado di sfornare armi offensive. Discutere questo punto è semplicemente sciocco, poiché tutto si riduce alla semantica.

 

Secondo la giornalista bulgara Dilyana Gaytandzhieva, Metabiota è un attore chiave nei laboratori ucraini. David Horowitz, uno scrittore politico, ha notato che Metabiota è «un’azienda che segue la traiettoria dei focolai e vende assicurazioni contro le pandemie, ma sembra anche avere la sua mano nei laboratori reali che … potrebbero essere la fonte di alcuni di questi focolai».

 

In altre parole, potrebbe essere che Metabiota abbia prodotto agenti biologici sotto copertura diplomatica e poi venduto assicurazioni pandemiche e tracker pandemici per «aiutare i Paesi a superare ciò che stanno subendo»?

 

Nawaz chiede cosa aveva in mente Putin con la sua frase «operazione militare speciale» quando diceva che stava assicurando che una «prossima pandemia» non si verificasse eliminando questi laboratori biologici.

 

A questo punto, sembra una domanda valida.

 

 

Joseph Mercola

 

 

Pubblicato originariamente da Mercola .

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

Antrace nel sud della Russia?

Pubblicato

il

Da

A una donna nella regione di Stavropol’, nella Russia meridionale, è stata diagnosticata la pericolosa infezione batterica dell’antrace, hanno riferito le autorità locali martedì. Lo riporta il sito governativo russo RT.

 

Il governatore locale Vladimir Vladimirov si è rivolto a Telegram per annunciare di aver ricevuto «informazioni che richiedevano la massima attenzione» su una residente del villaggio di Rozhdestvenskaja che aveva contratto l’antrace.

 

La paziente sarebbe in condizioni soddisfacenti, con i medici che si prendevano cura di lei. La vita della donna non sarebbe in pericolo, ha aggiunto il governatore.

 

I media russi hanno rintracciato la paziente con antrace, identificandola solo come Siyadat, una donna di 50 anni.

 

Secondo quanto riferito, è stata infettata mentre macellava un vitello. La donna inizialmente non ha prestato attenzione a una piccola lesione che è apparsa sul suo dito, ma ha continuato a crescere ed è diventata dolorosa.

 

Siyadat ha cercato cure mediche e gli è stato diagnosticato l’antrace. È stata ricoverata in un ospedale per malattie infettive e ora è in cura con antibiotici, secondo quanto riportato.

 

«Ho avuto un ascesso. Il sangue si è raccolto sotto la pelle e poi il mio dito è diventato scuro. I medici mi hanno diagnosticato l’antrace. Non ho eruzioni cutanee o altro. È tutto apposto. Sono una donna sana di 105 chilogrammi», ha detto la paziente al sito web Life.

 

La signora Siyadat ha anche rivelato di aver avuto un problema simile circa otto anni fa, ma si è ripresa da sola senza assistenza medica.

 

L’Istituto di ricerca anti-epidemie di Stavropol’, che è supervisionato dal controllo dei consumatori russo Rospotrbnadzor, mercoledì ha assicurato al pubblico che «non ci sarebbero motivi per la diffusione della malattia».

 

I parenti di Siyadat sono stati posti sotto controllo medico nonostante nessuno di loro fosse stato infettato. I casi di transizione da uomo a uomo dell’antrace sono generalmente molto rari.

 

Ai residenti del villaggio è stato detto di prestare maggiore attenzione all’igiene e di lavarsi spesso le mani.

 

Larisa Tkachenko, consulente capo del ministero della salute locale per le malattie infettive, ha ricordato che i casi di antrace sono stati registrati l’ultima volta a Stavropol nel 2019, casi dove non ci sono state vittime causate dalla malattia nella regione per almeno un decennio.

 

L’antrace desta preoccupazione perché si tratta di un patogeno risaputamente militarizzato sia dai sovietici sia dagli americani. Dopo gli strani e ancora irrisolti episodi terroristici del 2001, con lettere a base di antrace uscita da laboratori USA spedite a vari personaggi noti negli USA, si è tornato a discutere di antrace recentemente con la rete di laboratori di bioarmi finanziati dagli americani in Ucraina.

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

Il Pentagono ammette di aver finanziato 46 laboratori biologici in Ucraina

Pubblicato

il

Da

Lo scorso giovedì il Pentagono ha rilasciato una nota ammettendo il suo coinvolgimento nell’aiutare l’Ucraina a gestire 46 «laboratori, strutture sanitarie e siti diagnostici di malattie» negli ultimi vent’anni.

 

Il governo degli Stati Uniti aveva inizialmente negato l’esistenza di laboratori biologici clandestini in Ucraina dopo che l’esercito russo aveva accusato il governo americano di aver distrutto le prove della loro esistenza sulla scia dell’invasione dell’Ucraina a febbraio.

 

Ora il Pentagono non solo sta riconoscendo la loro esistenza, ma sta confermando di aver contribuito a finanziare i biolaboratori nell’ambito del Programma di riduzione delle minacce biologiche del Dipartimento della Difesa per «consolidare e proteggere gli agenti patogeni», come affermato sul sito web dell’ambasciata USA in Ucraina prima che l’informazione venisse temporaneamente cancellata all’emergere della notizia.

 

Nella «Scheda informativa sugli sforzi di riduzione delle minacce di distruzione di massa con Ucraina, Russia e altri paesi dell’ex Unione Sovietica» rilasciata dal Pentagono è possibile leggere che «gli Stati Uniti hanno anche lavorato in collaborazione per migliorare la sicurezza biologica, la protezione e la sorveglianza delle malattie dell’Ucraina per la salute umana e animale, fornendo supporto a 46 laboratori pacifici ucraini, strutture sanitarie e siti diagnostici delle malattie negli ultimi due decenni. I programmi di collaborazione si sono concentrati sul miglioramento della salute pubblica e delle misure di sicurezza agricola secondo non proliferazione».

 

«Questo lavoro, spesso condotto in collaborazione con organizzazioni esterne, come l’OMS e l’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE), ha portato a una sorveglianza e all’individuazione delle malattie più sicure ed efficaci».

 

Il Pentagono ha anche rivelato che alcuni dei biolaboratori in Ucraina sono stati utilizzati per prepararsi a «pandemie come il COVID-19».

 

«Oggi, le collaborazioni in Ucraina rimangono sforzi pacifici per migliorare la sicurezza nucleare e radiologica, la sorveglianza delle malattie, la sicurezza e la protezione chimica e la disponibilità a rispondere a epidemie e pandemie come COVID-19», ha affermato il Pentagono, sostenendo l’accusa della Russia secondo cui alcuni di questi biolaboratori stavano effettuando ricerche su campioni di coronavirus di pipistrello .

Poco dopo che la Russia ha sollevato la questione dei biolaboratori clandestini in Ucraina, l’amministrazione Biden e i media avevano respinto la questione come una «teoria del complotto» fomentata dalla «disinformazione russa».

 

Tuttavia fu Victoria Nuland, il sottosegretario per gli affari politici del Dipartimento di Stato, ad ammettere a marzo durante un’audizione al Congresso che l’Ucraina ha numerose «strutture di ricerca biologica» e che il governo degli Stati Uniti temeva che la Russia potesse tentare di prenderne il controllo.

 

«L’Ucraina ha strutture di ricerca biologica di cui in realtà ora siamo piuttosto preoccupati che le forze russe possano cercare di ottenere il controllo, quindi stiamo lavorando con gli ucraini su come possono impedire che uno qualsiasi di quei materiali di ricerca cada nelle mani delle forze russe dovrebbero si avvicinano» aveva confessato la neocon Nuland.

 

Le assicurazioni del Pentagono secondo cui i 46 biolaboratori ucraini stanno conducendo ricerche «pacifiche» e «coerenti con le norme internazionali per la sicurezza» sono state contraddette dalla preoccupazione di Nuland riguardo al fatto che i laboratori potessero cadere nelle mani della Russia.

 

«Qualsiasi tentativo di affermare che le strutture biologiche dell’Ucraina sono solo laboratori medici benigni e standard è negato dalla preoccupazione esplicitamente grave di Nuland che “le forze russe potrebbero cercare di ottenere il controllo” di quelle strutture e che il governo degli Stati Uniti quindi, proprio in questo momento, “lavorando con gli ucraini su come impedire che qualsiasi di questi materiali di ricerca cada nelle mani delle forze russe», ha osservato Glenn Greenwald, il giornalista che portò alla ribalta il caso Snowden.

 

In particolare, il laboratorio di Wuhan in Cina, da cui il COVID -19 è potenzialmente sfuggito, è pure etichettato come una struttura di «ricerca» dall’establishment e dalla stampa, dimostrando ulteriormente che questi laboratori possono essere pericolosi.

 

In effetti, le forze armate russe hanno affermato di aver scoperto 30 laboratori biologici in Ucraina a marzo relativi alla ricerca sui patogeni, secondo il capo della Difesa dalle radiologica, chimica e biologica delle forze armate russe, il generale Igor Kirillov.

 

La Russia ha fatto i nomi importanti aziende farmaceutiche occidentali – i nomi maggiori di Big Pharma – nel programma di biolaboratori finanziato dal Dipartimento della Difesa, così come gli ex presidenti Barack Obama e Bill Clinton, il miliardario George Soros, la Fondazione Rockefeller e persino il clan famigliare dei Biden per mezzo degli investimenti e dei contatti di Hunter Biden, il figlio drogato, corrotto e depravato del presidente americano.

 

«Lo schema coinvolge le principali aziende farmaceutiche» dissero i russi. «Gli esperti statunitensi stanno lavorando per testare nuovi farmaci che aggirano gli standard di sicurezza internazionali. Di conseguenza, le aziende occidentali stanno riducendo seriamente il costo dei programmi di ricerca e ottenendo un vantaggio competitivo significativo».

 

«L’operazione militare speciale delle forze armate russe ha attraversato l’espansione biologico-militare degli Stati Uniti in Ucraina e ha interrotto gli esperimenti criminali sui civili», concludeva la dichiarazione.

 

Vari Paesi alle riunioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per le accuse della Russia e hanno chiesto indagini indipendenti tramite l‘articolo 6 della Convenzione delle Nazioni Unite sulle armi biologiche, ma le nazioni occidentali hanno respinto tali preoccupazioni.

 

Scrive Infowars: «ora che il Pentagono ha confermato categoricamente l’esistenza in Ucraina di biolaboratori finanziati dai contribuenti statunitensi, il Consiglio di sicurezza ONU convocherà una riunione per chiedere nuovamente indagini indipendenti sulla questione?».

 

Accuse riguardo la rete di laboratori di bioarmi ucraino-americani fu rilanciata dallo stesso presidente russo Vladimir Putin.

 

È emerso quasi subito da parte russa la notizia che il Pentagono nei laboratori biologici in Ucraina avrebbe avrebbe fatto esperimenti con i coronavirus di pipistrello.

 

Il ministero della Difesa russa il mese scorso ha accusato l’Ucraina di aver cercato di infettare la popolazione di Lugansk con tubercolosi di laboratorio.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Russia ha accusato anche la Repubblica Federale Tedesca di essere implicata nei biolaboratori ucraini.

 

La settimana scorsa la Gosudarstvennaja duma («Duma di Stato»), la camera bassa dell’Assemblea federale della Federazione Russa, ha invitato il sottosegretario di Stato americano Victoria Nuland a presentarsi a Mosca e spiegare il progetto biologico militare statunitense in Ucraina.

 

È molto probabile, diciamo così, che la Nuland non accetti l’invito.

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

La Duma ha invitato a Mosca Victoria Nuland a spiegare i laboratori biologici USA in Ucraina

Pubblicato

il

Da

La Gosudarstvennaja duma («Duma di Stato»), la camera bassa dell’Assemblea federale della Federazione Russa,  ha invitato il sottosegretario di Stato americano Victoria Nuland a presentarsi a Mosca e spiegare il progetto biologico militare statunitense in Ucraina.

 

I parlamentari russi tuttavia non si aspettano che la Nuland compaia.

 

«La Commissione Parlamentare ha deciso di invitare Victoria Nuland nell’ambito di un’indagine parlamentare: il 25 maggio, attraverso i canali diplomatici, le è stato rivolto un invito ufficiale a una riunione della Commissione per rispondere a domande sulle attività dei laboratori biologici militari statunitensi in Ucraina», ha affermato la vicepresidente della Duma di Stato Irina Yarovaja, riportando un comunicato stampa pubblicato ieri sul sito web della Duma di Stato.

 

La Yarovaja ha indicato che «ignorare l’invito della Commissione parlamentare e rifiutarsi di fornire le informazioni necessarie per l’indagine potrebbe essere considerato una conferma dei fatti delle attività nefaste delle agenzie governative statunitensi attraverso la creazione e l’utilizzo di laboratori biologici sul territorio dell’Ucraina» e ciò si rifletterà nella relazione finale.

 

Sempre la Yarovaja ha osservato che erano trascorsi dieci giorni dall’invio dell’invito ma ancora nonv i è stata nessuna risposta da parte degli Stati Uniti che «rivela la vera natura pericolosa dell’intero progetto militare statunitense sui laboratori biologici».

 

La strategia statunitense in materia di sicurezza globale, ha proseguito, «ha ripetutamente avuto conseguenze irreversibili per diversi Paesi. Ciò che gli Stati Uniti stanno preparando per il mondo questa volta nei suoi laboratori militari non è una domanda retorica, ma vitale».

 

La Commissione «non si aspetta di ottenere confessioni da Victoria Nuland o dal Pentagono», ha affermato Yarovaja, «ma è ovvio che il mondo intero dovrebbe essere interessato a prevenire l’invasione virale e patogena degli Stati Uniti nelle attività di altri Paesi e Nazioni».

 

Vladimir Yermakov, direttore del Dipartimento per la non proliferazione e il controllo degli armamenti del ministero degli Esteri, ha dichiarato a TASS il 28 maggio che la Russia intende sollevare la questione delle attività biologiche militari statunitensi in Ucraina in riunioni aperte al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel prossimo futuro.

 

«Abbiamo in programma di finire la preparazione dei materiali nel prossimo futuro e di avviare attività presso la Convenzione sulle armi biologiche e le piattaforme del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Le riunioni pertinenti saranno aperte», ha detto lo Yermakov.

 

«Chiederemo agli Stati Uniti e ai loro alleati di fornire spiegazioni complete, informazioni e documenti su tale attività sul territorio ucraino, invece delle precedenti scuse vuote, al fine di risolvere tutti i problemi e anche di tornare alla corretta attuazione della Convenzione sulle armi biologiche Convenzione».

 

Il finanziamento da parte degli USA dei biolaboratori ucraini è una realtà non più discutibile. Nelle «attività biologiche militari» nel Paese sarebbe coinvolta anche la Germania.

 

Una parziale, ma comunque sconvolgente ammissione la diede proprio Victoria Nuland, sottosegretario del Dipartimento di Stato per l’Eurasia, rispondendo al senatore americano Marco Rubio durante un’audizione al Congresso USA.

 

È stato riportato che gli USA avessero un contratto in Ucraine per lo studio del coronavirus tre mesi prima dello scoppio ufficiale della pandemia.

 

La Russia ha accusato gli USA di preparare in quei laboratori armi biologiche da usare contro l’avversario russo.

 

Sul fronte delle bioarmi, si è parlato di un attacco su Lugansk, repubblica separatista, a base di tubercolosi.

 

Come noto, nella faccenda è spuntato imperiosamente anche il nome del figlio drogato e depravato di Joe Biden, Hunter Biden.

 

La Nuland, vero nome di famiglia Nudelman, ha origini ebraico-ucraine. Il nonno Meyer Nudelman, un sarto, era fuggito dalla Bessarabia nel 1907, quando in Russia c’era ancora lo Zar.

 

Si dice che nonno Nuland (il nome fu cambiato per evitare l’antisemitismo americano) fosse fuggito dai pogrom della rivoluzione russa 1905-1907.

 

La Nuland all’università ha studiato russo. Nel 2014, è divenuto chiaro che si trattasse del player principale della rivoluzione di Maidan.

 

Insomma, tre generazioni dopo, la Nuland è tornata in Ucraina con un’operazione apertamente rivolta contro la Russia che aveva fatto fuggire il nonno.

 

Ora la invitano direttamente in Russia a Mosca, ma lei non va.

 

Continua a leggere

Più popolari