Connettiti con Renovato 21

Sorveglianza

La Nuova Zelanda in lockdown per un singolo caso. La premier: «non parlate con i vicini»

Pubblicato

il

 

 

Il primo ministro della Nuova Zelanda Jacinda Ardern ha imitato il massimo funzionario della sanità pubblica australiano dicendo ai cittadini di «non parlare con i vicini», dopo che il paese è entrato in lockdown completo a causa del rilevamento di un solo caso di COVID.

 

L’intera nazione è in istato di lockdown per tre giorni, con la capitale Auckland in isolamento forzato per una settimana, in seguito alla scoperta di una singola infezione da coronavirus – una sola, sul serio –  nella città costiera di Coromandel.

 

Ai cittadini neozelandesi viene ora detto di evitare di andare a lavoro, a scuola e a svolgere di fatto qualsiasi attività: avete esperienza personale dello schema, all’esterno si va esclusivamente per motivi «essenziali» come l’acquisto di cibo e medicinali.

 

Le raccomandazioni della Ardern sono tuttavie andate ben oltre, quando la giovane premier ha sostenuto che il rischio di trasmettere l’infezione sarebbe così alto che i cittadini non dovrebbero nemmeno conversare con i propri vicini.


«Resta nei vostri luoghi e non assembratevi, non parlate con i vostri vicini, per favore mantenete le vostre “bolle”», ha dichiarato la Ardern, incurante della mostruosità della raccomandazione di evitare perfino di parlare con il vicinato.

 

Nel video, peraltro, la Ardern è accompagnata da una interprete della lingua dei segni: due vicini muti possono comunicare così, magari guardandosi dalla finestra? Nessuno ha posto al primo ministro kiwi questa domanda, anche se deve essere saltata alla mente a molti. Del resto non ci sono studi sulla trasmissione del coronavirus tramite lingua dei segni, o almeno non ancora…

 

Ad ogni modo, nel messaggio dell’onorevole Jacinda non poteva mancare il tambureggiamento terrorista sulla variante Delta in agguato dietro ogni passegiata:

Gli antipodi sono divenuti l’avanguardia del lager pandemico globale.

 

«Sappiamo da casi d’oltremare della variante Delta che può essere diffusa da persone semplicemente camminando uno accanto all’altro, quindi mantenete quei movimenti all’esterno al minimo indispensabile, indossate la mascherina e assicuratevi di mantenere quella distanza fisica».

 

La Arden, nota ultrabortista, sta sostanzialmente ripetendo ciò che il capo della sanità del non lontanissimo stato australiano del Nuovo Galles Meridionale, che  il mese scorso aveva detto ai concittadini che avrebbero dovuto sopprimere le loro conversazioni.

 

«Anche se è nella natura umana impegnarsi in una conversazione con gli altri, essere amichevoli, sfortunatamente questo non è il momento per farlo», aveva affermato con puntiglio la dottoressa Kerry Chant, capo della sanità dello Stato.

 

«Quindi, anche se ti imbatti nel tuo vicino di casa nel centro commerciale… non iniziare una conversazione, ora è il momento di ridurre al minimo le tue interazioni con gli altri, anche se hai una maschera, non pensare che ti permetta di protezione, vogliamo essere assolutamente sicuri che durante la nostra vita quotidiana non entriamo in contatto con nessun altro che rappresenterebbe un rischio».

 

Con evidenza la Ardern non ha contezza della scherno globale per le parole della funzionaria che voleva imbavagliare perfino le chiacchere di pianerottolo.

 

Come riportato da Renovatio 21, collega della Chant messo a capo della sanità dello Stato australiano del Queensland invece si è premurata di ordinare ai nonni «non avvicinatevi ai vostri nipoti».

 

«Perché le autorità australiane e neozelandesi insistono così tanto sul fatto che le persone non si parlino tra loro?» si chiede Summit News.

 

«Forse perché se un numero sufficiente di loro lo facesse, le autorità subirebbero una pressione sufficiente per invertire la disastrosa politica “zero COVID”, il che significa che entrambi i Paesi potrebbero essere sottoposti a una qualche forma di lockdown intermittente per gli anni a venire».

 

La politica sanitaria dell’Australia, folle fino all’inspiegabile, prevede infatti restrizioni qualora si verificasse anche un solo caso: nelle scorse settimane si sono infatti effettuati, nonostante le proteste, numerosi lockdown a fronte di numeri di malati vicino allo zero e ospedali totalmente vuoti.

 

La Nuova Zelanda ha seguito molte delle stesse restrizioni draconiane imposte dal paese vicino Australia, con le autorità che in precedenza avevano annunciato che metteranno tutti i contagiati da coronavirus e i loro familiari stretti in «strutture di quarantena» anche se si rifiutano.

 

Come abbiamo visto questa settimana, l’Australia sta materialmente impedendo anche ai propri cittadini di entrare o uscire dal Paese, mentre ha mobilitato in strada l’esercito per imporre il nuovo lockdown. Lo scorso dicembre lo Stato del Victoria aveva proibito i baci e gli abbracci a capodanno, mentre veniva escogitata anche una legge per negare i regali di Natale ai bambini.

 

L’impossibilità di muoversi liberamente dentro all’Australia in fase di lockdown quest’anno ha causato già 4 neonati morti.

 

Una legge in discussione potrebbe consentire alle autorità australiane di arrestare «i complottisti del COVID». Già l’anno passato la polizia è entrata in casa di numerose persone che avevano la colpa di aver espresso la propria opinione su Facebook, talvolta arrestandole dinanzi ai loro figli piccoli. Le autorità australiane si sono altresì date il potere di strappare i bambini ai genitori qualora essi non fossero ritenuti in grado di garantire le norme anti COVID.

 

Gli antipodi, insomma, sono divenuti l’avanguardia del lager pandemico globale.

 

 

Immagine di Ulysse Beyer via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Intelligenza Artificiale

Dall’app che sente il COVID al green pass basato sull’Intelligenza Artificiale: ecco il biototalitarismo demoniaco

Pubblicato

il

Da

La notizia viene battuta sui principali quotidiani nazionali: Pfizer avrebbe creato una app che è in grado di capire ascoltando un colpo di tosse chi ha il COVID. E siccome ha attendibilità del 92%, potrebbe sostituire i tamponi.



«Basta il suono di qualche colpo di tosse e la nuova app finanziata da Pfizer sarà in grado di identificare la presenza del virus SARSCoV-2. È come un test antigenico, con una precisione del 92%. Il gigante farmaceutico ha investito 116 milioni di dollari, e ha chiuso tutte le operazioni dopo un lungo corteggiamento a ResApp, azienda australiana che si occupa da tempo di assistenza sanitaria digitale» scrive il noto sito napoletano Fanpage.



Di seguito facciamo alcune considerazioni sulla portata dell’introduzione di un ‘invenzione del genere.

 

Va da sé che molti non ci vedrebbero nulla di anomalo se fosse usato per la diagnosi precoce di molte altre patologie, su domanda del paziente e in una clinica. Tuttavia, ancora una volta, col COVID verrebbe introdotto un nuovo cavallo di Troia.

 

Parliamo insomma della possibilità di un un green pass ottenibile attraverso il responso di un’Intelligenza Artificiale (AI) che funziona sulla base di parametri biometrici.



Da qualche anno l’Intelligenza Artificiale è in grado di estrarre dalla realtà  informazioni che sfuggono alla mente umana. Ad esempio, osservando dall’alto una foresta è possibile alla AI  di  capire se sotto a una certa area boschiva possano trovarsi delle rovine sepolte.

 

In questo caso la potenza di calcolo delle IA unita alle reti neurali è in grado di trovare delle microvariazioni (pattern) all’interno di uno scenario che all’intelligenza umana sembrerebbe invece del tutto uniforme. Nell’esempio in questione le AI possono riconoscere  microvariazioni delle ombre del fogliame che denotano irregolarità nel sottosuolo. Un essere umano non sarebbe in grado di percepirle nemmeno fissando una tale fotografia per mesi; le AI possono processare milioni di foto in poco tempo.

 

Non è uno sforzo di immaginazione eccessivo pensare che breve lo faranno per scovare chi sta usando i riscaldamenti a legna per sopperire ai razionamenti del gas.



Scoprendo questi pattern l’AI è in grado di dedurre l’esistenza di variabili che resterebbero sotto la soglia della percezione dell’osservatore umano.

 

Gli applicativi concreti sono potenzialmente infiniti, molti dei quali attualmente ritenuti politicamente scorretti, immorali o inutili. Anni fa, ad esempio, fu sviluppato un applicativo AI che era in grado di stabilire l’orientamento sessuale di un soggetto semplicemente osservando un suo ritratto fotografico.

 

Attualmente il fisco  sta analizzando in tempo reale i movimenti di tutti i conti bancari (aziendali e privati) per cercare pattern che possano corrispondere ad evasione fiscale. E non c’è ancora la moneta digitale, cosa che ovviamente faciliterebbe di molto l’elaborazione dei dati.

 

Allo stesso modo per un’Intelligenza Artificiale sarebbe già oggi possibile leggere e ascoltare tutte le conversazioni di una Nazione,  fornendo alle autorità il profilo politico e psicologico degli utenti. Ci dicono che non lo stiano facendo; ma, nel caso, chi ce lo rivelasse sarebbe poi costretto a rifugiarsi in Russia o, temporaneamente, in un’ambasciata dell’Ecuador.

 

La capacità di trovare pattern nella realtà è alla base dei principali metodi di misurazione del quoziente intellettivo, almeno di quello legato al calcolo logico-simbolico-combinatorio.

 

E qui subentra un discorso più teologico, che tecnologico. Basti pensare che nei monoteismi di origine abramitica creature come angeli e demoni sono caratterizzati per possedere un’Intelligenza di diversi ordini di grandezza superiore rispetto a quella umana.

 

Alle capacità di queste entità è proibito rivolgersi perché anche la sola intenzione costituirebbe una grave sfida ai limiti posti dal Creatore agli esseri umani.  D’altra parte non ci vuole San Tommaso d’Aquino per capire che qualora entità di questo tipo volessero accondiscendere a tali richieste, dimostrerebbero con ciò stesso di essere tra i disobbedienti.

 

Ora, la tecnologia sta diventando in grado di aggirare per buona parte questo discorso: domandiamoci, perché un re empio dovrebbe rivolgersi alla strega di Endor per sapere se un suddito gli sta mentendo, quando ci sarà una AI in grado di rispondere a questa domanda?

 

La questione morale però rimane invariata: se fossimo creati per decifrare automaticamente i pensieri altrui, il Creatore ci avrebbe dato la telepatia. Il campo di applicazioni lecito di queste tecnologie è molto netto: una cosa è prolungare di 10 anni l’età media attraverso diagnosi precoci che usano l’AI, altra cosa è stabilire se durante una telefonata il nostro interlocutore ci ha detto la verità.

 

Qui si aprirebbe un discorso morale interessante, perché di certo tutto ciò che rendesse matematicamente impossibile l’errore morale (cioè il peccato) in questo mondo sembra essere contrario all’ordine della Creazione.

 


Tornando alle applicazioni imminenti dell’IA, è da considerarsi naturale un uso da parte delle compagnie assicurative per calcolare le polizze sulla vita. Qualcuno invece immagina tetramente un futuro di controlli fiscali che analizzano il comportamento anche mentre si compila il 740.

 

Dopotutto, se pensano di imporvi di tossire in un microfono per andare al bar, perché non potrebbero sfruttare tutto il potenziale di analisi di queste macchine infallibili?



Torniamo al piano spirituale: è chiaro che gli Stati supportati da una siffatta tecnologia avrebbero di fatto un potere vessatorio sconosciuto ai totalitarismi, perché potrebbero disporre di un’intelligenza simile a quella di entità demoniache.

 

Di nuovo, una ulteriore spaventosa Finestra di Overton viene aperta anche qui sfruttando l’emergenza del COVID. Pochi rapidi passi e, come in Cina, ci troveremo le scansioni facciali per strada, magari con la scusa di catturare i latitanti (o i ladruncoli, o gli evasori fiscali, i non vaccinati, etc.).

 

Visti i disordini sociali che – salvo risoluzione a breve termine di problemi sistemici –  sono attesi nei prossimi anni, questo genere di strumenti potrebbero essere fondamentali per la repressione e saranno una grande tentazione.

 

Nel frattempo se, usando questa app, riusciremo a dire senza tossendo «trentatré trentini entrarono a Trento tutti e trentatré trotterellando», chissà, magari ci faranno pure partecipare alla lotteria fiscale. Gestita anche quella, magari da una IA.

 

 

Gian Battista Airaghi

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

ID digitali, «una strada digitale verso l’inferno»: verso violazioni gravi e irreversibili dei diritti umani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Gli autori di un rapporto del Center for Human Rights and Global Justice della New York University sui sistemi di identità digitale hanno messo in guardia dalle violazioni «gravi e potenzialmente irreversibili» dei diritti umani e hanno sostenuto un dibattito aperto «con piena trasparenza e coinvolgendo tutte le parti interessate».

 

 

Gli autori di un nuovo rapporto sui sistemi di identità digitale hanno avvertito che «le violazioni dei diritti umani effettive e potenziali derivanti dal modello di ID digitale possono essere gravi e potenzialmente irreversibili».

 

Il rapporto di 100 pagine — «Paving the Road to Hell? A Primer on the Role of the World Bank and Global Networks in Promoting Digital ID» — pubblicato dal Centro per i Diritti Umani e la Giustizia Globale della New York University (NYU) ha esortato le organizzazioni per i diritti umani a prestare attenzione alle minacce poste da una spinta globale per gli ID digitali.

 

I ricercatori della NYU hanno affermato che molti sostenitori — tra cui la Banca Mondiale — definiscono gli ID digitali come un mezzo per raggiungere una maggiore inclusività e sostenibilità ambientale quando, in realtà, è probabile che tali sistemi facciano esattamente il contrario.

 

Secondo il rapporto, l’ID digitale è stato travestito da «inarrestabile gigantesco e inevitabile segno distintivo della modernità e dello sviluppo nel XXI secolo», facendo sì che le voci dissenzienti fossero «cancellate come luddisti e ostacoli al progresso».

 

Gli autori hanno sostenuto un dibattito aperto «con piena trasparenza e coinvolgendo tutte le parti interessate», compresi i più emarginati e più vulnerabili.

 

Gli autori, tra cui Christiaan van Veen, L.L.M., consulente speciale per le nuove tecnologie e i diritti umani presso le Nazioni Unite, hanno esortato la comunità dei diritti umani e le organizzazioni della società civile a garantire che le decisioni globali sull’adozione di sistemi di identificazione digitale non siano prese in fretta ma si basino su «prove e analisi serie».

 

Laddove i sistemi di identificazione digitale minacciano i diritti umani, hanno detto i ricercatori della NYU, tali sforzi dovrebbero essere «fermati del tutto».

 

 

Chi ci guadagna davvero?

«I governi di tutto il mondo hanno investito molto nei sistemi di identificazione digitale, spesso con componenti biometriche», hanno affermato gli autori in una dichiarazione.

 

I sistemi di identificazione digitale che spesso raccolgono dati biometrici — come impronte digitali, iride o altro riconoscimento delle caratteristiche facciali — vengono adottati per sostituire o integrare i sistemi di identificazione governativi non digitali.

 

Secondo un rapporto speciale di Access Now, in India nell’ottobre 2021, i sistemi di identificazione digitale — o «Big ID programs» come li chiamava Access Now — sono spinti da un mercato di attori che vendono e traggono profitto dai sistemi e dalle infrastrutture di identificazione digitale, spesso mettendo in pericolo i diritti umani delle persone che ne dovrebbero beneficiare.

 

I ricercatori della NYU sono giunti alla stessa conclusione:

 

«La rapida proliferazione di tali sistemi è guidata da un nuovo consenso di sviluppo, confezionato e promosso da attori globali chiave come la Banca Mondiale, ma anche da governi, fondazioni, fornitori e società di consulenza».

 

I sostenitori dell’ID digitale sostengono che i sistemi possono contribuire all’inclusività e allo sviluppo sostenibile, con alcuni che arrivano a considerare l’adozione di sistemi di ID digitale un prerequisito per la realizzazione dei diritti umani.

 

Ma i ricercatori della NYU hanno affermato di ritenere che l’«obiettivo finale» dei sistemi di identificazione digitale sia quello di «facilitare le transazioni economiche e la fornitura di servizi nel settore privato, portando anche nuovi individui, più poveri, nelle economie formali e «sbloccando» i loro dati comportamentali».

 

«Le promesse di inclusione e fiorenti economie digitali potrebbero apparire affascinanti sulla carta», hanno detto i ricercatori, «ma i sistemi di identificazione digitale non sono sempre riusciti a mantenere queste promesse in situazioni del mondo reale, soprattutto per i più emarginati».

 

Gli autori hanno aggiunto:

 

«In effetti, stanno emergendo prove da molti paesi, in particolare il mega progetto di ID digitale Aadhaar in India, delle gravi e su larga scala violazioni dei diritti umani legate a questo modello. Questi sistemi possono infatti esacerbare forme preesistenti di esclusione e discriminazione nei servizi pubblici e privati. L’uso delle nuove tecnologie può inoltre portare a nuove forme di danno, tra cui l’esclusione biometrica, la discriminazione e i molti danni associati al “capitalismo della sorveglianza“».

 

I vantaggi dell’uso dell’ID digitale sono «mal definiti» e «scarsamente documentati», hanno detto gli autori della NYU.

 

«Dalle prove esistenti, sembra che coloro che ne trarranno i maggiori benefici potrebbero non essere quelli «lasciati indietro», bensì un piccolo gruppo di aziende e governi», hanno scritto.

 

E aggiungono:

 

«Dopotutto, dove i sistemi di identificazione digitale tendono a eccellere è nella generazione di contratti redditizi per le aziende di biometria e nel miglioramento delle capacità di sorveglianza e controllo della migrazione da parte dei governi».

 

 

Più danno che beneficio, soprattutto per i più emarginati del mondo

Gli autori hanno fatto quattro cose nella loro relazione.

 

In primo luogo, hanno esaminato l’impatto dei diritti umani dei sistemi nazionali di identificazione digitale e hanno sostenuto che un’analisi costi-benefici dei sistemi di identificazione digitale suggerisce che fanno più male che bene, soprattutto per gli individui più emarginati del mondo.

 

«Attraverso l’abbraccio delle tecnologie digitali, la Banca Mondiale e una più ampia e globale rete di attori ha promosso un nuovo paradigma per i sistemi di identificazione che dà la priorità a ciò che chiamiamo “identità economica”», hanno scritto gli autori.

 

E aggiungono:

 

«Questi sistemi si concentrano sull’alimentazione delle transazioni digitali e sulla trasformazione degli individui in dati tracciabili. Spesso ignorano la capacità dei sistemi di identificazione di riconoscere non solo che un individuo è unico, ma che hanno uno status giuridico con diritti associati.

 

«Tuttavia, i sostenitori hanno occultato questo nuovo paradigma nel linguaggio dei diritti umani e dell’inclusione, sostenendo che tali sistemi aiuteranno a raggiungere più obiettivi di sviluppo sostenibile».

 

Gli autori hanno aggiunto:

 

«Come le strade fisiche, i sistemi nazionali di identificazione digitale con componenti biometriche (sistemi di identificazione digitale) sono presentati come l’infrastruttura pubblica del futuro digitale.

 

«Eppure queste particolari infrastrutture si sono dimostrate pericolose, essendo state collegate a gravi e diffuse violazioni dei diritti umani in una serie di paesi in tutto il mondo, colpendo i diritti sociali, civili e politici».

 

 

Dare priorità all‘ «identità economica»

Successivamente, i ricercatori hanno esaminato come è nata un’agenda di «identificazione per lo sviluppo» guidata da più attori globali.

 

Hanno discusso il sistema di identificazione digitale chiamato Aadhaar che è attualmente in fase di sperimentazione da parte del governo dell’India e il sistema di identificazione digitale promosso dalla Banca Mondiale — Identificazione per lo Sviluppo, comunemente chiamato l’Iniziativa ID4D.

 

L’Iniziativa ID4D trae ispirazione dal sistema di identificazione digitale Aadhaar molto criticato in India.

 

Nel sistema Aadhaar, agli individui volontari viene assegnato un numero casuale di 12 cifre dalla Unique Identification Authority of India — autorità statutaria sostenuta dal governo dell’India — che stabilisce l’«unicità» degli individui con l’aiuto di tecnologie demografiche e biometriche.

 

Questo modello di ID digitale, hanno detto gli autori del rapporto della NYU, è pericoloso perché dà la priorità a una «identità economica» per un individuo.

 

Il modello non riguarda solo l’identità di un individuo, ha confermato Joseph Atick, Ph.D., presidente esecutivo dell’influente ID4Africa, una piattaforma in cui i governi africani e le principali aziende nel mercato dell’ID digitale si incontrano.

 

Si tratta delle loro interazioni economiche, ha detto Atick.

 

Il modello ID4D «abilita e interagisce con piattaforme di autenticazione, sistemi di pagamento, firme digitali, condivisione dei dati, sistemi KYC, gestione del consenso e piattaforme di distribuzione settoriali», ha annunciato Atick all’inizio dell’incontro annuale di ID4Africa 2022 a metà giugno, presso il Palais de Congrès di Marrakech, in Marocco.

 

Gli autori del rapporto NYU hanno criticato questo modello:

 

«L’obiettivo, quindi, non è tanto l’identità quanto l’identificazione. I tre processi interconnessi di identificazione, registrazione e autorizzazione sono un esercizio di potere.

 

«Attraverso questo processo, un attore riconosce o nega gli attributi di identità di un altro attore. Gli individui possono essere responsabilizzati attraverso il processo di identificazione, ma tali sistemi sono stati a lungo utilizzati per lo scopo opposto: negare i diritti a determinati gruppi ed escluderli».

 

In terzo luogo, gli autori hanno valutato i dettagli essenziali di come la Banca Mondiale e la sua rete di sostenitori dei sistemi di identificazione digitale hanno lavorato per implementare un’agenda di «identificazione per lo sviluppo» in tutto il mondo.

 

Hanno spiegato come funzionano il finanziamento e la governance dell’Iniziativa ID4D e hanno affermato che la Banca Mondiale e i suoi partner aziendali e governativi stanno «producendo consenso» presumendo che il passaggio a un modello di ID digitale sia inevitabile, desiderabile e necessario per il progresso umano.

 

Ma questo «consenso costruito» manca di una base, hanno detto.

 

«Raramente vengono fornite prove concrete e solide dei presunti benefici associati ai sistemi di ID digitale, si afferma semplicemente che l’ID digitale porterà all’inclusione e allo sviluppo», hanno scritto gli autori.

 

 

3 passi che i sostenitori della privacy possono intraprendere

Infine, gli autori hanno delineato ciò che le organizzazioni per i diritti umani e altri attori della società civile possono fare evidenziando tre modalità di azione:

 

  • «Non così in fretta!» Le organizzazioni possono richiedere che l’adozione governativa di sistemi di identificazione digitale non sia affrettata.

 

Gli autori scrivono:

 

«Prima che qualsiasi sistema di identificazione digitale nuovo o potenziato venga implementato a livello nazionale, è fondamentale stabilire una base di prove e adottare tutte le misure necessarie per anticipare e mitigare in anticipo eventuali danni. Gli studi di base, la ricerca sul contesto specifico, le analisi costi-benefici, le analisi del rapporto costi-benefici e le valutazioni d’impatto sono necessari e dovrebbero essere richiesti in ogni fase del processo».

 

  • «Rendetelo pubblico». La progettazione e la possibile attuazione di un sistema di identificazione digitale devono essere discusse approfonditamente in sedi democratiche, compresi i media pubblici e il Congresso o i parlamenti. «Le organizzazioni della società civile dovrebbero esigere l’apertura per quanto riguarda i piani, le gare d’appalto e il coinvolgimento dei governi stranieri e delle organizzazioni internazionali».

 

  • «Siamo tutti azionisti». Mentre la Banca Mondiale si presenta come un consulente rispettato per i governi a cui dovrebbe essere permesso di plasmare e creare le politiche di identificazione digitale dei governi, è solo un attore. «È importante rendersi conto», hanno scritto gli autori, «che, alla fine, tutti hanno un interesse nei sistemi di identificazione, digitali o meno, che sono essenziali per riconoscere gli individui e attuare i loro diritti umani».

 

E aggiungono:

 

«Sempre più organizzazioni ed esperti stanno iniziando a confrontarsi con la rapida diffusione dell’ID digitale in tutto il mondo, dalle organizzazioni per i diritti digitali ai gruppi che rappresentano le persone con disabilità e dagli esperti che lavorano sui diritti sociali ed economici agli economisti dello sviluppo».

 

«Man mano che questa gamma di organizzazioni cresce, sarà fondamentale condividere esperienze, imparare gli uni dagli altri e coordinare la difesa».

 

 

Le alleanze per i diritti umani possono «reinventare» il «futuro digitale»

Secondo il rapporto, le alleanze multidisciplinari e geograficamente diverse possono non solo aiutare a garantire che i sistemi di identificazione digitale non vengano implementati «nei modi dannosi descritti in questo primer», ma possono anche «aiutare a reinventare come potrebbe apparire il futuro digitale senza il particolare modello di sistemi di identificazione promosso dalla Banca Mondiale e da altri».

 

«Poiché i sistemi di identificazione digitale stanno determinando la forma dei governi e delle società mentre ci precipitiamo nell’era digitale, le domande sulla loro forma e progettazione — e la loro stessa esistenza in primo luogo — sono critiche» scrivono gli autori.

 

«Quali visioni alternative possiamo offrire per salvaguardare meglio i diritti umani e preservare i guadagni di innumerevoli anni di lotta per migliorare il riconoscimento e l’istituzionalizzazione dei diritti?»

 

«Quando riuniamo attori che vogliono una società in cui i diritti umani di ogni individuo e gruppo siano protetti, che tipo di sistemi di identificazione digitale potremmo immaginare? In che modo i sistemi di identificazione digitale potrebbero essere progettati per promuovere veramente il benessere umano?»

 

«In che modo questa visione alternativa, che soddisfa i diritti, differisce dall’identità economica e transazionale descritta qui, come promossa dalla Banca Mondiale e da altri? In effetti, avremmo mai digitalizzato i sistemi di identificazione?»

 

Gli autori non hanno fornito risposte a queste domande.

 

Piuttosto, miravano a «riunire l’eccellente lavoro che i nostri partner, colleghi e altri hanno instancabilmente intrapreso in tutto il mondo» e facilitare la collaborazione «per garantire che il futuro dell’ID digitale rafforzi, anziché compromettere, il godimento dei diritti umani».

 

 

Suzanne Burdick

Ph.D.

 

 

Traduzione di Alessandra Boni.

 

 

© 22 luglio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

Azienda elettrica prende il controllo dei termostati durante un’ondata di caldo

Pubblicato

il

Da

È accaduto nello Stato americano del Colorado: circa 22.000 famiglie in Colorado hanno perso la capacità di controllare i propri termostati dopo che la compagnia elettrica ne ha preso il controllo durante un’ondata di caldo. Lo riporta il canale locale Denver7 News.

 

Dopo che le temperature sono salite oltre i 32°C, agli utenti è stato di fatto impedito di regolare l’aria condizionata a proprio piacimento, trovando  controlli bloccati che mostravano un messaggio che diceva «emergenza energetica».

 

In pratica, un’autorità esterna ha preso possesso della casa, annullando la volontà dei cittadini, peraltro disposti a pagare per il maggiore consumo.

 

 

La compagnie elettrica Xcel ha confermato alla stazione di notizie locale Denver7 che «martedì 22.000 clienti che si erano iscritti al programma Colorado AC Rewards sono stati tagliati  fuori dai loro termostati intelligenti per ore».

 

Un utente ha raccontato che, a differenze delle altre volte in cui era possibile ignorare il messaggio di «emergenza energetica», questa volta non è stato possibile. Il termostato si è così bloccato a circa 26°C.

 

Se avete un termostato «intelligente», cioè collegato a internet e magari impiantato dal vostro fornitore di energia, questo è il vostro destino: la casa, di fatto, non è più completamente vostra. Possono decidere, se vogliono, di rendere la casa inabitabile, d’estate come d’inverno.

 

Gli smartometer, la domotica, altro non sono che un ulteriore tentacolo del processo di sorveglianza e controllo della popolazione implementato in tutto il mondo, come da vanto costante dei partecipanti del World Economic Forum di Davos, dove quest’anno si sono discussi i «tracker dell’impronta carbonica» per spiare e e giudicare la vostra esistenza in ogni sua parte.

 

 

Ricordiamo che il WEF è il luogo dove il fondatore Klaus Schwab non fa mistero di voler chippare i cervelli di tutti.

 

 

Tornando ai termostati, possiamo solo immaginare cosa succederà quando, con qualunque governo, verrà dichiarata l’emergenza energetica, o climatica, o quant’altro: lockdown dell’aria calda e dell’aria fredda.

 

Ogni singola condizione della vostra vita sarà decisa da altri.

 

È la fine della vostra autonomia di cittadini. E con l’autonomia, finirà la vostra dignità umana.

 

Il piano, da un punto di vista metafisico, è solo questo.

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari