Connettiti con Renovato 21

Sorveglianza

ID digitale, con l’aiuto di Davos il Canada sta per lanciare il programma federale di identificazione elettronica

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Funzionari governativi hanno affermato che il programma è «l’equivalente elettronico di un documento di identità riconosciuto», come una patente di guida o un passaporto, che «conferma» che sei chi dici di essere «in un contesto digitale».

 

 

Il governo canadese, basandosi su una partnership con il World Economic Forum (WEF), sta sviluppando un nuovo «Programma di identità digitale» federale.

 

L’obiettivo della nuova iniziativa è quello di sviluppare un documento digitale di prova di identità, che potrebbe essere utilizzato in diversi sistemi e ambienti che vanno dai servizi governativi agli aeroporti e al controllo delle frontiere, secondo Slay News.

 

I funzionari hanno rivelato i dettagli del programma nel vasto rapporto del governo «Canada’s Digital Ambition 2022», pubblicato il 4 agosto.

 

Secondo il rapporto, il «Programma di identità digitale» fa parte della priorità 2.2 del «Digital Ambition» canadese, che cerca di «costruire e utilizzare soluzioni comuni per la fornitura di servizi digitali».

 

«Il nostro prossimo passo per abilitare il governo digitale è l’adozione di un modello di fornitura di servizi “government as a platform” [governo come piattaforma, ndt]», afferma il rapporto. Il programma federale di identità digitale è il «passo successivo per rendere i servizi più convenienti da accedere».

 

I funzionari hanno affermato che il programma è «l’equivalente elettronico di un documento di identità riconosciuto», come una patente di guida o un passaporto, che «conferma che» sei chi dici di essere «in un contesto digitale».

 

Secondo il rapporto, «la pandemia di COVID-19 ha evidenziato la necessità che i servizi governativi siano accessibili e flessibili nell’era digitale».

 

Tuttavia, la partnership del Canada con il WEF è iniziata prima della pandemia.

 

Sotto il primo ministro canadese Justin Trudeau, membro del programma Young Global Leaders del WEF, il Canada ha partecipato dal 2018 al programma «Known Traveller Digital Identity» (KTDI), il programma pilota del WEF per sviluppare un ID digitale.

 

Il WEF ha descritto KTDI come «la prima collaborazione globale nel suo genere» che «riunisce un consorzio globale di individui, governi, autorità e industria dei viaggi per migliorare la sicurezza nei viaggi nel mondo».

 

Funzionari del governo canadese nel 2018 hanno dichiarato che l’obiettivo dell’iniziativa KTDI era «testare le tecnologie digitali emergenti e come possono migliorare la sicurezza e il flusso continuo di viaggiatori aerei legittimi», alla luce di un aumento previsto dei viaggiatori aerei a livello globale da 1,2 a 1,8 miliardi entro il 2030.

 

Il 2030 è l’anno obiettivo dell’«Agenda 2030» delle Nazioni Unite e dei suoi «Obiettivi di sviluppo sostenibile» o SDG.

 

Il WEF ha caratterizzato il programma KTDI come «l’innovazione dirompente di cui l’ecosistema globale della sicurezza dei viaggi ha bisogno» e come un «cambiamento di paradigma verso un sistema di identità digitale interoperabile che dia la priorità alla centralità del viaggiatore, sostiene la privacy fin dalla progettazione e consente la cooperazione fiduciosa tra il pubblico internazionale e i partner del settore privato necessari per garantire la circolazione sicura e protetta delle persone attraverso i confini».

 

Secondo il WEF, «Il progetto pilota KTDI offre un maggiore controllo sulle informazioni personali, affidando ai passeggeri la responsabilità di quando e come i dati vengono condivisi attraverso un'”identità digitale gestita dal viaggiatore”».

 

Le affermazioni secondo cui le persone avranno «un maggiore controllo sulle informazioni personali» sono un tema comune in tali iniziative di identità digitale, compresi i passaporti per i vaccini digitali, come precedentemente riportato da The Defender.

 

Il WEF in un comunicato stampa del 2019 ha spiegato come il KTDI sia collegato in modo più ampio ai documenti di identità di ogni tipo emessi dal governo, affermando che «il KTDI si basa su un’identità digitale interoperabile, collegata direttamente ai documenti di identità emessi dal governo», attraverso l’uso di «crittografia, tecnologia del registro distribuito e biometria».

 

Il sistema «garantisce la portabilità e (…) salvaguarda la privacy dei dati personali», mentre il libro mastro digitale «fornisce un registro accurato e a prova di manomissione dei dati di identità di ciascun viaggiatore e delle transazioni autorizzate», afferma il comunicato stampa.

 

La tecnologia blockchain ha un posto di rilievo in KTDI, con la sua funzione principale descritta come quella di «emettere, revocare e verificare crittograficamente gli identificatori di credenziali senza la necessità di un intermediario centralizzato (come un’autorità di certificazione)».

 

Utilizzando «dati di identità che di solito vengono archiviati su un chip sul passaporto di un passeggero», questa app digitale verrebbe «memorizzata e crittografata in modo sicuro su [un] dispositivo mobile» e viene controllata dalle autorità «utilizzando dati biometrici (…) senza la necessità di un passaporto».

 

Il comunicato stampa del WEF e altri documenti non spiegano perché l’uso dei passaporti fisici sia ora apparentemente oneroso e non specificano se i «dati di identità» che verrebbero archiviati digitalmente includerebbero le credenziali del vaccino, in effetti un’estensione dei passaporti vaccinali .

 

Andrew Bud, CEO della società di identificazione biometrica iProove, un appaltatore del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti, ha recentemente descritto i certificati di vaccino come la guida di «l’intero campo dell’identificazione digitale in futuro», aggiungendo che «non riguardano solo il COVID [ma] qualcosa di simile più grandi» e che «una volta adottati per il COVID [loro] verranno rapidamente utilizzati per tutto il resto».

 

Nell’ambito del programma KTDI, i passeggeri possono stabilire uno «stato di viaggiatore noto» nel tempo accumulando «attestazioni» da «partner di fiducia», come «agenzie di frontiera e compagnie aeree riconosciute», una caratteristica che sembra assomigliare ai sistemi di «punteggio di credito sociale» attualmente in uso testato in Cina.

 

Interessanti anche alcuni dei partner del WEF nel programma pilota KTDI. Essi includono:

 

  • L’aeroporto internazionale di Schiphol di Amsterdam, luogo di recenti gravi ritardi e dove il traffico aereo è stato limitato a causa di presunte preoccupazioni ambientali (anche i Paesi Bassi fanno parte del programma pilota KTDI).

 

  • Aeroporto internazionale di Toronto-Pearson, che ha anche subito forti ritardi di recente.

 

  • L’aeroporto internazionale di Montreal-Trudeau, dal nome del padre dell’attuale primo ministro canadese, l’ex primo ministro canadese Pierre Trudeau, e anche il luogo di notevoli ritardi la scorsa estate.

 

Questi partner sono «supportati» dalla società di tecnologia dell’informazione irlandese-americana Accenture, che ha aiutato l’Australia a sviluppare il suo sistema di passaporto vaccinale digitale.

 

A sua volta, l’ idea per il KTDI è stata «inizialmente concettualizzata da un gruppo di lavoro multi-stakeholder lanciato nel 2015», che includeva diversi governi ed entità come Google, Visa, Marriott International, il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti, l’Associazione internazionale del trasporto aereo e l’INTERPOL.

 

Anche se il Canada ha iniziato ad allentare o eliminare alcune delle restrizioni legate al COVID-19 del Paese, tra le più restrittive al mondo negli ultimi due e più anni, i cittadini e i funzionari pubblici continuano a dover affrontare sanzioni per le violazioni dei mandati sui vaccini e per essersi rifiutati di utilizzare passaporti vaccinali digitali.

 

A una consigliera dell’Ontario è stata ritirata una paga di 90 giorni per presunta violazione del mandato di vaccinazione del suo comune, in particolare, per aver partecipato a due riunioni del consiglio a maggio senza fornire prove di vaccinazione contro COVID-19. La sanzione è stata comminata anche se il mandato in questione è stato da allora revocato.

 

E come riportato di recente da The Defender, a giugno, un medico canadese è stato multato di 6.255 dollari al suo ritorno nel Paese, per il suo rifiuto di utilizzare l’app di informazioni sanitarie ArriveCAN del paese.

 

Secondo il Global Government Forum , il Canada è uno degli otto paesi che hanno formato un gruppo di lavoro per l’ID digitale nel 2020. Il gruppo comprende anche Australia, Finlandia, Israele, Nuova Zelanda, Singapore, Paesi Bassi e Regno Unito.

 

I Paesi che hanno implementato sistemi di identificazione digitale o stanno lavorando in tal senso includono Estonia , Germania , Regno Unito . e Australia , così come l’UE.

 

I funzionari del governo canadese intendono avviare consultazioni pubbliche su un quadro di identificazione digitale per i servizi del governo federale, ma non hanno ancora annunciato quando.

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

© 16 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

La Banca Centrale d’Israele promuove lo Shekel Digitale

Pubblicato

il

Da

Per accelerare lo sviluppo della valuta digitale della banca centrale ( CDCC ), Israele sta portando avanti l’iniziativa dello shekel digitale. La Banca d’Israele (BoI) collaborerà con una serie di fornitori di servizi per creare un sofisticato sistema di pagamento digitale basato su questa nuova valuta. Lo riporta il sito Reclaim The Net.

 

La Banca Centrale Israeliana ha delineato i suoi piani in un annuncio , rivelando il lancio della «Digital Shekel Challenge». Questa iniziativa, ispirata al “Progetto Rosalind” dell’Innovation Hub della Banca dei regolamenti internazionali (BRI), mira a esplorare prototipi di software avanzati per le transazioni. Il progetto BRI, condotto in collaborazione con la Banca d’Inghilterra, funge da modello per questo impegno israeliano.

 

Nell’ambito della sfida, la Banca Centrale dello Stato Ebraico offrirà un ambiente sandbox dotato di un livello API interfaccia di programmazione dell’applicazione»). I partecipanti competeranno per sviluppare soluzioni di pagamento CBDC in tempo reale progettate per un uso pubblico diffuso.

Iscriviti al canale Telegram

Shauli Rejwan, socio dirigente di Masterkey Venture Capital a Tel Aviv, ha fatto luce sulla struttura del programma in un’intervista, descrivendo la sfida come un processo in tre fasi: domande e presentazioni iniziali, successivo accesso alla nuova rete per progetti selezionati e una presentazione finale a una giuria, molti dei quali sono figure di spicco nella comunità crittografica.

 

«Questa iniziativa rappresenta un passo significativo per l’ecosistema israeliano, poiché potenzialmente colma il divario tra l’industria web3 e il governo, anche se DeFi, ZK e soluzioni senza autorizzazione non sono ancora state prese in considerazione», ha affermato il Rejwan.

 

Gli inviti a partecipare sono stati estesi a soggetti del settore privato, istituzioni pubbliche e ambienti accademici. La banca centrale ha sottolineato una preferenza per usi innovativi e originali nel settore dei pagamenti, siano essi miglioramenti ai sistemi esistenti o applicazioni completamente nuove.

 

L’iniziativa consente inoltre ai partecipanti di adattare le proprie soluzioni a nicchie specifiche e scenari unici, nonostante l’applicabilità universale delle CBDC.

 

Come ripetuto da Renovatio 21, Israele nel 2020 è stato uno dei primi Paesi a istituire, assieme ad un programma di vaccinazione massivo (e fallimentare, oltre che inutile), una potente architettura di sorveglianza biopolitica della popolazione, che andavano dai braccialetti di tracciamento geografico ad un sistema di green pass tale da non consentire di ordinare il cibo nemmeno da chioschi automatici dei fast food.

 

Le CBDC introdurranno un sistema di programmazione dell’esistenza del cittadino inappellabile e onnipervasivo, molto superiore al credito sociale della Repubblica Popolare Cinese. Ciò, unito ad un impianto tecnologico sull’essere umano, ci spinge a realizzare che siamo davvero di fronte all’«uomo terminale» – non solo nel senso dell’ultima umanità, ma della persona ridotta a terminale, interfaccia, di una grande macchina che lo comanda.

 

Il progetto di una CBDC globale, una valuta digitale sintetica globale controllata dalle banche centrali, ha lunga storia. Nel 2019, prima della pandemia, dedollarizzazionesuperinflazione e crash bancari che stiamo vedendo, l’allora governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney ne aveva parlato all’annuale incontro dei banchieri centrali di Jackson Hole, nel Wyoming nel 2019.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, l’euro digitale sembra in piattaforma di lancio, e la presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde sembra aver ammesso che sarà usato per la sorveglianza dei cittadini.

 

Come ripetuto da Renovatio 21la piattaforma su cui si è costruito il green pass è la medesima dell’euro digitale, i cui preparativi sono partiti ben prima del COVID.

 

L’abolizione del contante – che il CEO del mega-fondo internazionale BlackRock sostiene essere accelerata dalla guerra ucraina – non può che portare che alla piattaforma che sarà la vostra schiavitù definitiva.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’economista tedesco Richard Werner ha dichiarato di aver sentito da un funzionario di una Banca Centrale che i sistemi per «i CBDC assomigliano a un piccolo chicco di riso che vogliono metterti sotto la pelle».

 

Di chip impiantati a Davos parla da molto tempo: dai telefonini «costruiti direttamente nei nostri corpi» immaginati dal capo di Nokia ospite di Klaus Schwab, ai farmaci con biochip raccontati dal CEO di Pfizer Albert Bourla, agli articoli sulle ragioni «solide e razionali» per piazzare microchip dentro il corpo dei bambini.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

Ammissioni di funzionari OMS: green pass e passaporti vaccinali potrebbero essere stati una truffa

Pubblicato

il

Da

Testimoniando in una causa legale, il principale esperto di vaccini dell’OMS ha affermato di aver sconsigliato i passaporti vaccinali COVID poiché i vaccini non bloccavano la trasmissione e davano un falso senso di sicurezza. Lo riporta su Substack il giornalista Paul D. Thacker.   La dottoressa Hanna Nohynek dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha testimoniato in tribunale di aver informato il suo governo che i passaporti vaccinali non erano necessari ma di essere stata ignorata, nonostante avesse spiegato che i vaccini COVID non fermavano la trasmissione del virus e che i passaporti davano un falso senso di sicurezza.   Le sorprendenti rivelazioni sono emerse in un’aula di tribunale di Helsinki dove il cittadino finlandese Mika Vauhkala ha fatto causa dopo che gli è stato negato l’ingresso in un bar perché non aveva un passaporto vaccinale.

Sostieni Renovatio 21

La dottoressa Nohynek è primario presso l’Istituto finlandese per la salute e il benessere ed è presidente del gruppo strategico di esperti sull’immunizzazione dell’OMS. Testimoniando ieri, ha dichiarato che l’Istituto finlandese per la salute sapeva già nell’estate del 2021 che i vaccini contro il Covid-19 non avevano fermato la trasmissione del virus   Nello stesso periodo del 2021, l’OMS affermava di star lavorando per «creare un quadro internazionale affidabile» per viaggiare sicuri mentre gli stati membri dell’UE iniziavano a lanciare passaporti COVID come il green pass.   Il regolamento UE sui certificati digitali COVID è stato approvato nel luglio 2021 e successivamente sono stati emessi oltre 2,3 miliardi di certificati. I visitatori in Francia erano vietati se non avevano un passaporto vaccinale valido che i cittadini dovevano portare con sé per acquistare cibo nei negozi o per utilizzare i trasporti pubblici.   Tuttavia, «la dottoressa Nohynek ha testimoniato che il suo istituto aveva informato il governo finlandese alla fine del 2021 che i passaporti COVID non avevano più senso, ma i certificati continuavano a essere richiesti. Lo ha riferito ieri il giornalista finlandese Ike Novikoff, uscito dall’aula del tribunale di Helsinki dove ha parlato la dottoressa Nohynek» scrive Thacker.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

«L’ammissione della dottoressa Nohynek secondo cui il governo ha ignorato il consiglio scientifico di sospendere i passaporti vaccinali si è rivelata scioccante poiché lei è ampiamente inserita nei circoli medici globali. Oltre a presiedere il gruppo consultivo strategico dell’OMS sulle vaccinazioni, la dottoressa Nohynek è uno dei principali consulenti finlandesi sui vaccini e fa parte dei consigli di amministrazione di Vaccines Together e dell’International Vaccine Institute».   La certificazione digitale COVID-19 dell’UE ha contribuito a istituire la rete globale di certificazione sanitaria digitale dell’OMS nel luglio 2023. «Utilizzando le migliori pratiche europee contribuiamo agli standard sanitari digitali e all’interoperabilità a livello globale, a vantaggio dei più bisognosi», ha affermato un funzionario dell’UE.   Il cittadino finlandese Mika Vauhkala ha creato un sito web discutendo il suo caso contro il governo finlandese in cui scrive di aver avviato la sua causa «per difendere i diritti fondamentali» dopo che gli è stata negata la colazione nel dicembre 2021 in un bar di Helsinki perché non aveva un passaporto COVID anche se lui era sano. «La Costituzione finlandese garantisce che nessun cittadino venga discriminato in base, tra l’altro, alle sue condizioni di salute», afferma Vauhkala sul suo sito web.   La causa di Vauhkala è continuata oggi presso il tribunale distrettuale di Helsinki, dove il cardiologo britannico Dr. Aseem Malhotra ha testimoniato che, durante la pandemia di COVID, alcune autorità e professionisti medici hanno sostenuto politiche non etiche, coercitive e disinformate come mandati vaccinali e passaporti vaccinali, che hanno minato il consenso informato del paziente e la pratica medica basata sull’evidenza.   «Sapevano che era una truffa assoluta. L’hanno fatto comunque» ha commentato la giornalista Kim Iversen. «Non era perché fossero davvero preoccupati per la nostra salute. Non era perché lo fossero davvero preoccupati per la diffusione Sapevano che questi vaccini non fermavano la diffusione. Lo sapevamo fin dall’inizio».  

Aiuta Renovatio 21

«Dicevano: Oh cavolo, i primi due non hanno funzionato, ne avremo bisogno di un terzo. E quando ne stavano esaminando il quarto, il resto del mondo parlava di passaporti per i vaccini, mentre noi li avevamo i dati, lo sapevamo già, ma l’hanno forzato comunque, perché non si è mai trattato di fermare davvero la diffusione o la nostra salute. Ed è per questo che questo nuovo piccolo trattato globale o qualunque cosa abbia firmato Biden che cerca i virus 50 paesi diversi».   «Non si tratta nemmeno della nostra salute. Sappiamo tutti che si tratta di trovare un modo per sorvegliare le persone, inserire le persone nei passaporti, in una sorta di sistema di sorveglianza. È assolutamente spaventoso» esclama la giornalista statunitense.   Come ribadito da Renovatio 21, il sistema informatico costruito dall’Unione Europea per il green pass è la piattaforma, preparata prima del COVID, per l’euro digitale, la moneta elettronica con cui sarà possibile controllare e dirigere ogni aspetto della vita del cittadino.   Secondo l’eurodeputato neerlandese Rob Roos, nell’iniziativa di ID digitale europeo lanciata lo scorso anno verrà inserito subito l’euro digitale.   Come riportato da Renovatio 21, OMS e UE hanno annunciato nel 2023 un sistema globale di passaporto vaccinale digitale.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di © European Union, 2024 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International
Continua a leggere

Cina

La Cina accusata di aver sequenziato il DNA tibetano e uiguro per rifornire il mercato dei trapianti di organi

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Una commissione del Congresso degli Stati Uniti ha ascoltato testimonianze scioccanti sul presunto prelievo forzato di organi da parte di uiguri e praticanti del Falun Gong in Cina.

 

Il presidente della Commissione esecutiva del Congresso sulla Cina (CECC), il deputato Chris Smith, studia la questione da anni. È fermamente convinto che la Cina stia permettendo orribili violazioni dei diritti umani.

 

«Il prelievo forzato di organi su scala industriale in Cina è un’atrocità senza eguali nella sua malvagità: bisogna tornare agli orribili crimini commessi nel 20° secolo da Hitler, Stalin, Mao o Pol Pot per trovare atrocità sistemiche comparabili», ha affermato nella sua introduzione all’udienza del 21 marzo. «Il numero delle persone giustiziate o dei loro organi – alcuni anche prima che siano cerebralmente morti – è sconcertante».

Sostieni Renovatio 21

Tra i testimoni davanti al CECC c’era la dottoressa Maya Mitalipova, direttrice del Laboratorio di cellule staminali umane presso il Whitehead Institute for Biomedical Research del Massachusetts Institute of Technology. È una uigura nata in Kazakistan.

 

Le sue accuse sono state sorprendenti. Ha detto che il governo cinese ha costruito il più grande database del DNA del mondo con l’aiuto della tecnologia americana.

 

Il DNA delle popolazioni indigene del Tibet e dello Xinjiang, dove vive la maggior parte dei 15 milioni di uiguri e di altri popoli turchi della Cina, è stato sequenziato. Ha stimato che il sequenziamento del DNA di 15 milioni di persone costerebbe 1 o 2 miliardi di dollari. Perché il governo dovrebbe farlo?

 

La sua risposta agghiacciante è che il governo cinese utilizza il database per selezionare i donatori di organi.

 

«Quando un paziente richiede un organo in Cina, i dati sequenziati del suo DNA verranno “confrontati” con i milioni presenti nel database del DNA archiviato nei computer. Entro pochi minuti verrà trovata una corrispondenza perfetta. Se un potenziale donatore di organi non è in prigione o in un campo, le autorità cinesi possono facilmente trovare un motivo per trattenere una persona compatibile e ucciderla su richiesta per i suoi organi».

 

«Questo è il motivo principale per cui il governo cinese ha investito miliardi di dollari nel sequenziamento del DNA dell’intera popolazione dello Xinjiang e del Tibet. Perché in cambio guadagnerà esponenzialmente molti più miliardi di dollari all’anno».

 

Ethan Gutmann, un esperto di espianti di organi, ha anche testimoniato che adulti uiguri giovani e sani vengono prelevati da campi di internamento di massa e uccisi per i loro organi.

Aiuta Renovatio 21

Gutmann, l’autore di The Slaughter, un libro sul prelievo forzato di organi, indaga da anni sul prelievo forzato di organi in Cina. Inizialmente, ha detto, venivano usati gli aderenti al movimento vietato del Falun Gong. Tuttavia, intorno al 2017 la Cina ha iniziato a procurarsi organi da uiguri e altri musulmani nello Xinjiang per pazienti provenienti dal Medio Oriente. «Supponendo che i turisti degli organi dello Stato del Golfo preferiscano i donatori musulmani che non mangiano carne di maiale, [la Cina] ha cercato di sfruttare il passaggio dalle fonti del Falun Gong a quelle uigure».

 

Un’altra testimone davanti al CECC è stata Anne Zimmerman, presidente del comitato per le questioni bioetiche della New York City Bar Association. Ha affermato che gli esperti di bioetica hanno una responsabilità speciale nel garantire che le istituzioni non collaborino al prelievo di organi.

 

Liu Pengyu, portavoce dell’ambasciata cinese a Washington, ha dichiarato a Radio Free Asia che la Cina è governata da leggi e che «la vendita di organi umani e i trapianti illegali sono severamente vietati». «I diritti umani delle persone di tutti i gruppi etnici nello Xinjiang sono stati completamente protetti», ha detto. «Le affermazioni che avete menzionato non reggono e non significano altro che sensazionalismo artificiale».

 

Michael Cook

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Continua a leggere

Più popolari