Madre incinta arrestata in casa davanti ai figli: aveva fatto un post Facebook sul lockdown in Australia

 

 

Una donna incinta è stata arrestata a casa sua per un post su Facebook che avrebbe incitato alla protesta anti-lockdown nello stato del Victoria.

 

Zoe Buhler, 28 anni, è stata ammanettata nel suo salotto di fronte ai suoi figli e al suo compagno mercoledì pomeriggio e accusata di istigazione.

 

Diversi agenti sono entrati nella casa di Miners Rest, Ballarat, a nord-ovest di Melbourne, con un mandato di perquisizione e hanno iniziato a leggere alla giovane madre i suoi diritti. La notizia è riportata dal britannico  Daily Mail ma il video sta facendo il giro dei social e della rete.

 

 

Zoe Buhler, 28 anni, è stata ammanettata nel suo salotto di fronte ai suoi figli e al suo compagno mercoledì pomeriggio e accusata di istigazione

«Mi scusi, incitamento per cosa, che diavolo? Sono in pigiama, i miei due figli sono qui », dice , chiaramente confusa da quello che sta accadendo in casa sua.

 

«Ho un’ecografia tra un’ora perché sono incinta» dice.

 

Il presunto post offensivo della signora Buhler è collegato all’evento «Freedom Day Ballarat»  da lei creato per le 11 di sabato e ora cancellato. «Chiunque da Ballarat si unisca a noi nella nostra lotta per la libertà e i diritti umani!» scriveva domenica con un link alla pagina dell’evento. La madre sempre più angosciata ha insistito sul fatto che non stava infrangendo alcuna legge creando e promuovendo l’evento.

 

«La stiamo arrestando in relazione all’istigazione»

«In realtà lo ha fatto, ecco perché la stiamo arrestando in relazione all’istigazione», risponde uno dei numerosi agenti di polizia entrati in casa.

 

La signora Buhler si è offerta di cancellare il post mentre il suo fidanzato James Timmins cercava  di mediare cullando  il loro bambino tra le braccia.

 

«Che ne dici di non partecipare all’evento? Non è come se l’avesse fatto, ha scritto un post», ha detto l’uomo.

 

La polizia ha detto che avrebbe sequestrato tutti i dispositivi elettronici in casa

La polizia è rimasta impassibile, dicendole: «ha già commesso il reato». La signora Buhler era angosciata da questo punto e piangeva così tanto che riusciva a malapena a dire agli agenti che «non si rendeva conto» che stava «facendo qualcosa di sbagliato» nel realizzare l’evento online.

 

La polizia ha detto che avrebbe sequestrato tutti i dispositivi elettronici in casa, compresi quelli appartenenti a  Timmins e alla sorella di Zoe. È stata accusata di successiva istigazione rilasciata su cauzione per affrontare la Corte dei magistrati di Ballarat il 25 gennaio del prossimo anno.

 

Una portavoce della polizia del Victoria ha detto al Daily Mail Australia che chiunque pensi di «partecipare alla protesta… può aspettarsi una risposta rapida e ferma dalla polizia».

 

La polizia ritiene che qualsiasi protesta sia in violazione di queste regole e si è dimostrata disposta ad arrestare chiunque organizzi o incoraggi qualsiasi riunione. La polizia del Victoria ha affermato che la protesta avrebbe messo a rischio vite umane e chiunque si fosse presentato sarebbe stato multato o arrestato.

«Non esiteremo a infliggere multe di 1.652 dollari a chiunque stia violando le restrizioni il giorno stesso, o effettuando arresti se necessario».

 

Le città dello Stato di Victoria come Ballarat sono risparmiate dall’ultra duro blocco della fase quattro, ma sono ancora nella terza fase, rendendo illegale il raduno di più di due persone.

 

La polizia ritiene che qualsiasi protesta sia in violazione di queste regole e si è dimostrata disposta ad arrestare chiunque organizzi o incoraggi qualsiasi riunione. La polizia del Victoria ha affermato che la protesta avrebbe messo a rischio vite umane e chiunque si fosse presentato sarebbe stato multato o arrestato.

 

L’evento creato da Zoe Buhler ha coinciso con quello che gli attivisti anti-blocco generali hanno soprannominato «Freedom Day», «Giornata della libertà».

 

La «protesta pacifica» della signora Buhler pure sottolineava che i partecipanti seguono restrizioni come indossare maschere e allontanarsi dalla società «in modo da non essere arrestati»

Ms Buhler allegedly created this event for Saturday at 11am on Sturt Street in Ballarat

L’Australia, e la vicina Nuova Zelanda, paiono essere il banco di prova della nuova dittatura sanitaria mondiale, con la polizia che può entrare in casa e rompere i finestrini delle auto, multe da capogiro, poliziotti che assaltano persone senza mascherina, nonché droni dotati di tecnologia face recognition dispiegati per le città semideserte

La «protesta pacifica» della signora Buhler pure sottolineava che i partecipanti seguono restrizioni come indossare maschere e allontanarsi dalla società «in modo da non essere arrestati».

 

Come riportato a più riprese da Renovatio 21, l’Australia, e la vicina Nuova Zelanda, paiono essere il banco di prova della nuova dittatura sanitaria mondiale, con la polizia che può entrare in casa e rompere i finestrini delle auto, multe da capogiro, proclami di obbligatorietà totale del vaccino, poliziotti che assaltano persone senza mascherina, bambini strappati ai genitori per legge, droni dotati di tecnologia face recognition dispiegati per le città semideserte.