Connettiti con Renovato 21

Sorveglianza

Il green pass è la piattaforma dell’euro digitale. Cioè della vostra schiavitù

Pubblicato

il

 

«È legittimo dunque porsi la domanda di fondo. Il green pass serve a spingere la vaccinazione di massa o il contrario?»

 

Un articolo di importanza capitale è apparso sul quotidiano La Verità. Il pezzo, complesso e dettagliato, si intitola «La card non è un mezzo ma lo scopo: erogherà “diritti” solo agli schedati».

 

Le rivelazioni dei due giornalisti Claudio Antonelli e Giulia Aranguena, che hanno indagato sull’architettura legale e informatica del green pass, confermano quanto Renovatio 21 scriveva qualche giorno fa: il green pass è il mezzo sul quale correrà l’euro digitale promesso dalla Lagarde alla BCE. Cioè, l’installazione di una società del controllo totale, dove il cittadino è sottomesso biologicamente, economicamente, elettronicamente al potere centrale.

 

«La creazione di questa grande piattaforma di sorveglianza del cittadino – addirittura di capillarità più profonda di quella cinese – è il vero grande compito che i padroni del vapore si sono dati in questi anni» scrivevamo. «Con l’euro digitale, come con il green pass, voi dipendete dall’Istituzione: persino per le attività più basilari, perfino per i diritti «prepolitici»: mangiare, bere, muoversi…».

 

«È legittimo dunque porsi la domanda di fondo. Il green pass serve a spingere la vaccinazione di massa o il contrario?»

Ora l’identità profonda delle due cose – green pass ed euro digitale – è dimostrata dal reportage del giornale milanese, che ha scavato a fondo in documenti e

 

Il green pass, essenzialmente, è una piattaforma elettronica pensata per esistere anche senza il vaccino: «Il green pass nudo e crudo è quindi un account che mira ad attestare il possesso di determinate condizioni in base alle quali un utente può dirsi abilitato e verificato rispetto a una piattaforma che eroga diritti e libertà (vedi il semaforo verde) concessi dal gestore».

 

«In questo caso il gestore della piattaforma è lo Stato, la piattaforma è proprietaria e a totale controllo statale, i diritti e le libertà di accesso a un determinato luogo vengono restituiti sotto forma di concessione da parte del gestore stesso».

 

L’Europa, ha emesso un regolamento (2021/953 del 14 giugno 2021) attraverso cui è stato creato il DGCG – Digital green certificate gateway.

 

Tale euro-gateway è costituito da una rete di database «in ordine all’interoperabilità dei certificati verdi e alla capacità di riconoscimento reciproco tra Stati membri, definiti come semplici punti di backend della rete».

 

Si tratta di una grande operazione informatico amministrativa «essenzialmente riconducibile ai tecnocrati dell’e-Health network, il gruppo di soggetti pubblici istituito dalla Direttiva 2011/24/EU» che raggruppa enti sanitari digitali di vari stati membri. I progetti, che vertevano sull’integrazione dei sistemi di identità digitale erano stati lanciati anni prima della pandemia ma sono stati implementati da una Decisione esecutiva della Commissione  solo il 28 giugno 2021.

 

Su questa base, si è mosso con velocità e precisione impressionanti il governo dell’ex capo della BCE Mario Draghi:

 

«Il governo Draghi, già dallo scorso aprile con il decreto Sostegni, poi a maggio e giugno, rispettivamente con l’introduzione della governance per il PNRR ex decreto 31 maggio 2021 e con il decreto del 17 giugno 2021, ha tirato in piedi, non certo dal nulla, la ciclopica macchina della piattaforma nazionale Digital green certificate (Pn-Dgc) per l’emissione, il rilascio e la verifica dei certificati verdi».

 

Il tema al centro è sempre quello della comunicazione tra database.

 

Così, Draghi «ha reso interoperabili le banche dati dell’anagrafe nazionale vaccinale (ANV), quelle regionali e le ha collegate al sistema della tessera sanitaria gestita dal ministero dell’Economia e dell’EU-DGCG sopra menzionata, facendo diventare il tutto il gateway portante dell’intera infrastruttura digitale. Il compito della certificazione è stato affidato, per l’Italia, al Poligrafico della Zecca dello Stato».

 

Si tratta insomma dell’unificazione di tutte le banche dati in un unico sistema elettronico.

Si tratta insomma dell’unificazione di tutte le banche dati in un unico sistema elettronico.

 

I due giornalisti del quotidiano milanese risalgono la morfologia, criptica, opaca, del sistema e della sua genesi.

 

«In pratica, il cuore stesso del green pass si basa sulla tecnologia della blockchain, destinata a conservare e aggiornare tutte le chiavi pubbliche di firma attribuite alle autorità di certificazione designate nei singoli Stati membri per convalidare i certificati verdi, prima della loro definitiva convalida, nonché tutte le aggregazioni alle chiavi private corrispondenti all’identità di ciascun  holder abilitato dal possesso certificato di una delle tre condizioni di rilascio del pass (vaccinazione, tampone negativo o guarigione)».

 

La struttura «grazie a questa forte interoperabilità (finanche con i framework in corso di sviluppo a livello internazionale come quello dell’OMS datato agosto 2021)» si conforma quindi «come un sistema complessivamente dotato di modularità e scalabilità, costruito cioè come idoneo ad adattarsi a picchi di carico improvvisi senza diminuire il livello di servizio (…) adatto quindi anche a impieghi addizionali, usi, scenari e tipologie di certificazione diverse».

 

«Un sistema complessivamente dotato di modularità e scalabilità, costruito cioè come idoneo ad adattarsi a picchi di carico improvvisi senza diminuire il livello di servizio (…) adatto quindi anche a impieghi addizionali, usi, scenari e tipologie di certificazione diverse»

«È facile allora concludere che il GP account non è null’altro che la stessa identità digitale pubblica degli utenti, o portatori di certificazione verde, da custodire nei portafogli digitali iOS e Android istallati sui cellulari».

 

Quindi «tale ID account sembra proprio essere subordinato nel rilascio alla tenuta di una determinata condotta o al possesso di un determinato status da porre in essere sulla propria persona senza alcuna reale possibilità di libera scelta».

 

«Insomma, siamo di fronte a uno strumento di censimento anagrafico nella sua forma più evoluta. Il cittadino diventa così un Id account a cui sarà possibile collegare funzioni, servizi e diritti di varia natura».

 

Cioè: siamo sicuri che il vaccino sia il fine ultimo di tutta l’immensa architettura elettronica del green pass?

 

«Dinanzi a una siffatta potenza del lasciapassare verde e l’immensa impalcatura della blockchain si può forse dedurre che la vaccinazione non sia il suo fine ultimo o surrettizio. Ma che il green pass sia fine a sé stesso. E una volta messo a terra, non ci sarà marcia indietro».

«Dinanzi a una siffatta potenza del lasciapassare verde e l’immensa impalcatura della blockchain si può forse dedurre che la vaccinazione non sia il suo fine ultimo o surrettizio. Ma che il green pass sia fine a sé stesso. E una volta messo a terra, non ci sarà marcia indietro»

 

«È chiaro che una volta ottenuta e rilasciata a tutti gli italiani l’ID digitale pubblica, per ora condizionata a condotte sanitarie, tale identità digitale possa essere in futuro non solo condizionabile, ma anche plasmabile facilmente per altre esigenze. Controlli fiscali, pagamenti, multe. Anche se la più importante si candida a essere l’applicazione dell’euro digitale, che così come previsto dalla BCE non potrebbe mai essere introdotto senza un’autostrada blockchain come quella del green pass».

 

In pratica, dietro al green pass vaccinale c’è lo stesso software, lo stesso sistema (informatico e legale) che può stravolgere le nostre vite: con il green pass pagherete le tasse, con il green pass salderete le multe. Anzi, non farete nulla: il danaro vi sarà direttamente prelevato senza che voi facciate nulla, perché tutto sarà gestito da un potere centrale che vuole la trasparenza totale. La trasparenza delle vostre finanze, la trasparenza del vostro stato di salute: la privacy non è più un diritto e nemmeno un valore.

 

L’euro digitale mira all’abolizione totale del contante. Con esso l’Europa potrebbe portarsi persino più avanti della Cina nell’evoluzione dello Stato moderno verso il totalitarismo della sorveglianza assoluta. Con l’euro digitale, ogni vostro acquisto sarà tracciato. Quanto spendete in cibo, vestiti, servizi. I prodotti stessi che consumate: la marca dei gelati, la griffe del maglione, il titolo del film, il medicinale omeopatico per l’ansia. Dove andate in vacanza, in che albergo, quale ristorante. Tutti dati che al fisco interessano – e non solo al fisco. Interessano alla Sanità, al Ministero degli Interni, a quello degli Esteri. Interessano anche a «terze parti». I dati sono il petrolio del XXI secolo si dice. Il green pass è un’automobile che vi costringono a comprare per attaccarvi al nuovo ciclo del combustibile.

 

L’euro digitale mira all’abolizione totale del contante. Con esso l’Europa potrebbe portarsi persino più avanti della Cina nell’evoluzione dello Stato moderno verso il totalitarismo della sorveglianza assoluta

Di più: ogni vostra transazione può essere impedita. Avete il diabete? Il sistema potrebbe impedirvi di comprare la Nutella. Domenica senz’auto? Vi possono impedire di acquistare la benzina. Voglia di approfondire? Certi libri no-vax non si possono comperare – su Amazon, lo sapete, è già così: tanti autori sono spariti

 

Tutto può essere controllato in tempo reale da algoritmi talmente potenti da non poter nemmeno spiegare se stessi. Incrociano i dati in modi incomprensibili per la mente umana, e danno un responso che decide della vita di una persona: è quello che si vede in Cina, dove il sistema del pass è stato implementato immediatamente durante la pandemia, con le persone controllate all’uscita della metropolitana – se ti capitava il coloro rosso, dovevi ritornartene a casa e metterti in quarantena. Nessuna spiegazione. Lo Stato e il suo cervellone non ve ne devono alcuna.

 

Questa è la destinazione del mondo moderno: la sottomissione dell’individuo. La nuova schiavitù economica, informatica e biotica che tocca al XXI secolo.

 

Qualche lettore potrà dire: comodo, non avere più la roga di pagare più le multe, ora che te lo potranno prelevare direttamente. La realtà è che alla vostra comodità non pensano minimamente. L’idea è quella di abolire ogni passo intermedio, cioè lo spazio per la reazione ad una decisione calata dall’alto: non avrete il tempo di opporvi, subirete la sentenza e basta. È la disruption, la disintermediazione dello Stato di diritto. Lo stiamo già vedendo con i social media, che bannano e censurano, «depiattaformano» migliaia di persone senza nemmeno dire loro cosa hanno fatto che non va. Nessun processo, tantomeno un «giusto processo». È la nuova civiltà autoritaria che si nasconde dietro il mito della trasparenza.

 

L’idea è quella di abolire ogni passo intermedio, cioè lo spazio per la reazione ad una decisione calata dall’alto: non avrete il tempo di opporvi, subirete la sentenza e basta. È la disruption, la disintermediazione dello Stato di diritto

E, visto che parliamo di processi, pensiamo davvero a cosa succederà al sistema legale. Sarà più facile, sarà immediato, ottenere i danari in un decreto ingiuntivo – o vederveli sottratti. Al contempo, immaginate quando un giudice potrà bloccare o cancellare tutti i vostri beni con un clic. Non avrete più di che vivere, perché non ne avrete nemmeno di nascosti sotto il materasso, perché il contante sarà illegale, e anche l’elemosina avverrà (se sarà ancora consentita) per via digitale – quindi potranno stopparvi anche quella.

 

Ora capiamo meglio perché hanno insistito tanto con il vaccino.

 

Ora capiamo meglio perché per il green pass sono andati allo scontro totale con la società e con un numero cospicuo di lavoratori – con il rischio di innescare un autunno di lotte operaie che potrebbe paralizzare l’Italia e l’Europa.

 

I pagamenti saranno facili e rapidissimi, spariranno i bancomat e forse anche le cassiere. Tanti ebeti (quelli che hanno votato, magari, un partito il cui guru aveva promesso in effetti tutto questo) saranno felicissimi: «io non ho niente da nascondere». Con l’ID account del green pass, avremo il conto dove metteranno gli euro digitali creati dal niente della Eurotower. Magari, per aiutarci ad iniziare a usarli, potrebbero addirittura regalarcene in quantità.

 

Milioni cadranno nella trappola. Qualsiasi cosa faranno, dovrà avere il marchio elettronico.

 

Il futuro prossimo dello Stato moderno, e delle nostre vite, passa di lì. Un sistema di sorveglianza totalista che non ha precedenti nella storia.

 

Un sistema che, tuttavia, ci era stato descritto da migliaia di anni.

 

«Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; 17 e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome» (Apocalisse 13, 16-17)

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

Renovatio 21 è censurata sui social media. Iscrivetevi alla nostra Newslettera

 

Sorveglianza

Ecco il green pass di Adolf Hitler: bucato il sistema di sicurezza. Indovinate ora cosa succederà?

Pubblicato

il

Da

 

Adolf Hitler circola libero per l’Europa con un green pass valido. Il risultato, che chissà a chi giova, è che ci ritroveremo un sistema di identità digitale più serrato.

 

La storia è riportata da diversi giornali democratici dell’Italia del green pass. Vi sarebbe quindi un lasciapassare verde valido intestato al già cancelliere tedesco, che però risulterebbe nato nel 1900. Secondo il certificato verde, il führer si sarebbe sottoposto a vaccino anti-COVID o a tampone e non porrebbe quindi problemi per la sicurezza degli altri.

 

Secondo quanto viene ricostruito dai giornali – non si sa con quale attendibilità – il green pass del famoso austriaco sarebbe stato comprato sul dark web, dove sarebbero in vendita altri green pass falsi ma perfettamente validi. Nel forum Raidforums un utente avrebbe chiesto ad un «venditore» polacco un green pass con su il nome dell’antico alleato dell’Italia. Prezzo 300 euro. Trac, accontentato.

 

Le conseguenze sono immaginabili: il potere cercherà una forma di identificazione ulteriore, che dia la possibilità immediata a chiunque di capire che tu sei tu. Per farlo, si dovrà accettare una ulteriore interoperabilità dei database  e spingere per la definitiva digitalizzazione dell’identità di tutta la popolazione.

«Questi fake anche su alcuni gruppi di Telegram e i QR code sono validi sulle app di verifica, in Italia e in Europa» scrive Yahoo News. «Se inquadrati dalle apposite app, sul display appare la spunta verde e la frase “certificazione valida in tutta Europa“, il che consentirebbe l’accesso ai luoghi di lavoro e di aggregazione se il verificatore non si accorgesse del fatto che siano intestati al dittatore nazista».

 

Il problema è ben più grande di quella che sembra una ragazzata (sulla scorta dei giovani buontemponi che fermano le vecchiette e chiedono indicazioni: «scusi, mi sa dire dov’è Piazza Hitler?»).

 

La questione è che il green pass hitleriano dimostra senza timore di smentita che l’intero sistema dei certificati verdi è stato bucato. Tutto il sistema GP, quindi, non ha più una vera validità.

Il green pass, a cui si lavorava dal 2017,  è solo la piattaforma dell’euro digitale e del futuro della società umana, e cioè la schiavitù bioelettronica: abolizione del contante, cancellazione della privacy, sottomissioni dei vostri dati e dei vostri corpi

 

Si tratta di una debacle informatica e politica totale, non emendabile: è più di un buco nella diga. È la rovina di tutto l’apparato – se un green pass è falso, lo possono essere tutti. Un ristorante con all’interno 100 persone potrebbe contenere 100 persone non vaccinate e non tamponate, che risultano però perfettamente in regola con le restrizioni sanitarie pandemiche.

 

Si ipotizza, quindi, che siano state «rubate» alcune chiavi che consentano la generazione del green pass, così da consentire la creazione di qualsiasi lasciapassare.

 

Ma non finisce qui: l’idea che il sistema green pass sarebbe stato ad un certo punto accusato di poter essere falsificato dai «furbetti» circolava già da tempo. In molti, in realtà, se lo aspettavano. Se si è compreso che il green pass è uno strumento che solo incidentalmente ha a che fare con il COVID e con la sanità, ci si figura anche l’evoluzione delle cose.

Il popolo d’Europa sarà sempre più invaso dal potere totalitario dei padroni del sistema. Grazie anche ad Adolf Hitler.

 

Le conseguenze sono immaginabili: il potere cercherà una forma di identificazione ulteriore, che dia la possibilità immediata a chiunque di capire che tu sei tu. Per farlo, si dovrà accettare una ulteriore interoperabilità dei database (Adolf Hitler non crediamo abbia un codice fiscale registrato in ULSS) e spingere per la definitiva digitalizzazione dell’identità di tutta la popolazione.

 

Renovatio 21 lo ha scritto a più riprese: il green pass, a cui si lavorava dal 2017,  è solo la piattaforma dell’euro digitale e del futuro della società umana, e cioè la schiavitù bioelettronica: abolizione del contante, cancellazione della privacy, sottomissioni dei vostri dati e dei vostri corpi.

 

Lo scandalo del führer green pass, quindi, cade a fagiuolo.

 

Lasciapassare, discriminazione genetica, sorveglianza assoluta, nessuna libertà di parola, eutanasia, eugenetica, bambini creati in laboratorio – e la Germania al comando con il suo marco forte. Davanti a noi abbiamo, insomma, la vera Europa hitleriana

Il popolo d’Europa sarà sempre più invaso dal potere totalitario dei padroni del sistema. Grazie anche ad Adolf Hitler.

 

Lasciapassare, discriminazione genetica, sorveglianza assoluta, nessuna libertà di parola, eutanasia, eugenetica, bambini creati in laboratorio – e la Germania al comando con il suo marco forte. Davanti a noi abbiamo, insomma, la vera Europa hitleriana.

 

 

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

Ti regalano criptovalute se ti lasci scansionare la retina

Pubblicato

il

Da

 

 

Worldcoin, una startup della Silicon Valley, sta offrendo agli avventori criptovalute in cambio della scansione della loro retina.

 

La scansione avviene attraverso un dispositivo sferico riflettente che chiamano «Orb». L’azienda fa sapere di avere l’obiettivo di scannerizzare 1 miliardo di iridi entro il 2023.

 

Il CEO di Worldcoin Alexander Blania ha dichiarato al sito di informazione tecnologica TechCrunch che la loro criptomoneta fa parte di uno sforzo più significativo per costruire un’economia globale più equa guidata da criptovalute, intelligenza artificiale e Internet.

 

La scansione avviene attraverso un dispositivo sferico riflettente che chiamano «Orb». L’azienda fa sapere di avere l’obiettivo di scannerizzare 1 miliardo di iridi entro il 2023.

Worldcoin, dice Blania,  «è iniziato con una discussione sul fatto che il reddito di base universale alla fine sarà qualcosa di molto importante per il mondo e, in generale, ottenere l’accesso all’economia di Internet sarà molto più importante di quanto sia ovvio a questo punto».

 

Come noto, il reddito di base universale, di cui si parla da anni in Silicon Valley, è una forma estremo di reddito di cittadinanza, che l’Italia sta vivendo in maniera assolutamente spuria con la disfunzionale mancia grillina data a molti come contributo di disoccupazione.

 

Per alcuni diventerà un passaggio obbligato a causa dell’automazione di moltissimi lavori, sia manuali che intellettuali, e la conseguente ondata di disoccupazione che si andrà a creare.

 

Worldcoin è stata fondata da Sam Altman: è una figura interessante: già CEO dell’ente per la ricerca sull’Intelligenza Artificiale OpenAI, è stato direttore di Y Combinator (uno dei luoghi di discussione e sperimentazione del reddito universale), il ricchissimo acceleratore aziendale da cui provengono colossali successi economici come Uber e Airbnb. Omosessuale, Altman prevede a breve la fusione uomo-macchina ed è un cosiddetto Doomsday Prepper, uno degli abbienti americani che si sta preparando nel caso del collasso della società.

 

Questa vicenda, che per forme e per contenuti pare davvero uscita da un episodio inedito di Black Mirror, mostra come la creazione di database biometrici (come, in fondo, quello del green pass) è uno sforzo che stanno portando avanti non solo nel pubblico, ma anche nel privato.

Questa vicenda, che per forme e per contenuti pare davvero uscita da un episodio inedito di Black Mirror, mostra come la creazione di database biometrici (come, in fondo, quello del green pass) è uno sforzo che stanno portando avanti non solo nel pubblico, ma anche nel privato.

 

Come riportato da Renovatio 21, la scansione dell’iride (una parte anatomica che è unica per ogni individuo) è già stata praticata su un numero altissimo di cittadini afghani con un sistema specifico introdotto dall’esercito americano denominato HIIDE.

 

Pare che l’intero database ora sia caduto nelle mani dei talebani.

 

 

Immagine screenshot da Worldcoin.org

Continua a leggere

Sorveglianza

In Australia stanno costruendo campi di quarantena per i non vaccinati

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Nonostante alcuni stati inizino provvisoriamente a revocare le restrizioni di blocco, le autorità australiane stanno costruendo campi di quarantena c per prepararsi a ospitare coloro «che non hanno avuto accesso alla vaccinazione».

 

Secondo ABC Australia, una di queste strutture di quarantena da 1.000 posti letto all’aeroporto di Wellcamp, fuori Toowoomba, sarà completamente completata entro la fine di marzo 2022.

 

Le autorità australiane stanno costruendo campi di quarantenaper prepararsi a ospitare coloro «che non hanno avuto accesso alla vaccinazione»

«In questa fase, le cabine saranno utilizzate dai viaggiatori nazionali di ritorno dagli hotspot COVID», afferma il rapporto.

 

I campi sono suddivisi in diverse zone e ospitano camere singole, doppie e familiari e saranno pattugliati dalla polizia e dalle guardie di sicurezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

 

I campi non saranno pronti, secondo quanto riportato, fino al prossimo anno.

 

 

Parlando ancora di nuovi ceppi di COVID e persone «che non hanno avuto accesso alla vaccinazione», il vice premier del Queensland, Steven Miles, ha dichiarato ai media: «prevediamo che ci sarà una continua necessità di strutture di quarantena».

 

Il vice premier del Queensland, Steven Miles: «prevediamo che ci sarà una continua necessità di strutture di quarantena»

Il governo sta affittando il terreno su cui è in costruzione il campo dalla Wagner Corporation per 12 mesi con un’opzione per altri 12.

 

 

Un’altra struttura di quarantena da 1.000 posti letto è in costruzione anche su una caserma dell’esercito di 30 ettari nella zona industriale di Pinkenba, vicino all’aeroporto di Brisbane.

 

Per quanto riguarda leggi e restrizioni anti COVID, l’Australia – come sa il lettore di Renovatio 21 – ha il primato di essere il paese più repressivo al mondo.  Strutture di quarantena, di fatto, già esistono in alcuni Stati del Paese

 

Tuttavia, gli antipodi non stanno agendo in solitaria. Pure le autorità statali in America (per esempio, lo Stato di Washington) stanno costruendo nuove «strutture di quarantena» per gli americani che «non sono in grado di mettersi in quarantena a casa propria».

 

Già dallo scorso anno le autorità di Quebec City, in Canada, hanno annunciato che isoleranno i cittadini «non collaborativi» in strutture apposite per il coronavirus, la cui location rimane un segreto.

 

La Nuova Zelanda ha anche annunciato l’intenzione di mettere i contagiati COVID e i loro familiari in «strutture di quarantena».

Crediamo davvero che  i campi di detenzione per i non vaccinati del nostro Paese siano una ipotesi tanto lontana?

 

A gennaio, le autorità tedesche hanno anche annunciato che avrebbero trattenuto i dissidenti COVID che ripetutamente non rispettano correttamente le regole in quello che è stato descritto come un «campo di detenzione» situato a Dresda.

 

In Italia la situazione è sotto gli occhi di tutti, con l’obbligo unico al mondo di esibire l’infame lasciapassare persino per recarsi al lavoro – cosa che non accadeva né nel Sudafrica dell’Apartheid, né in Unione Sovietica. 

 

Crediamo davvero che  i campi di detenzione per i non vaccinati del nostro Paese siano una ipotesi tanto lontana?

 

 

Continua a leggere

Più popolari