Il vaccino sta mandando centinaia di persone al pronto soccorso, dicono i dati del governo USA

 

 

 

 

 

Le persone finite pronto soccorso dopo aver ricevuto un vaccino COVID-19 sarebbero centinaia e quelle che hanno subito reazioni avverse sarebbero oltre 1.000, secondo dati governativi USA provenienti dal Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

 

Il VAERS è un sistema di segnalazione gestito dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e dalla Federal Drug Administration (FDA). Raccoglie informazioni dal pubblico sulle reazioni negative ai vaccini. Il CDC e la FDA con lo scopo di trovare i dati utili per rilevare tempestivamente eventuali problemi potenziali con i vaccini con licenza negli Stati Uniti. Secondo il suo sito web, «gli operatori sanitari sono tenuti a segnalare determinati eventi avversi e i produttori di vaccini sono tenuti a segnalare tutti gli eventi avversi che vengono alla loro attenzione».

 

Le persone finite pronto soccorso dopo aver ricevuto un vaccino COVID-19 sarebbero centinaia e quelle che hanno subito reazioni avverse sarebbero oltre 1.000, secondo dati governativi USA

Fin dai primi giorni delle prime iniezioni somministrate, le persone hanno iniziato a sperimentare cose come «nausea, tremori, dolore lancinante e respiro sibilante», scrive Lifesitenews.

 

«Un’operatrice sanitaria del Bartlett Regional Hospital in Alaska ha subito una sospetta reazione allergica grave, o anafilassi, dopo aver ricevuto il vaccino della Pfizer. È stata portata al pronto soccorso e lì ha trascorso diverse notti prima di essere dimessa» ha riferito la testata americana Epoch Times.

 

Da allora, anche un secondo operatore sanitario dello stesso ospedale in Alaska ha subito effetti collaterali negativi dal vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19. I medici gli hanno somministrato adrenalina per aprire le vie aeree. Una dichiarazione pubblicata nel sito web della città di Juneau recita: «Un secondo membro del personale ha sperimentato gonfiore agli occhi, sensazione di testa vuota e irritazione alla gola dieci minuti dopo essere stato iniettato».

 

Fin dai primi giorni delle prime iniezioni somministrate, le persone hanno iniziato a sperimentare cose come «nausea, tremori, dolore lancinante e respiro sibilante»

Un’altra donna dell’Alaska, dipendente della Foundation Health Partners a Fairbanks, ha subito una reazione allergica al vaccino. Questa donna non aveva «alcuna allergia nota, ma in precedenza aveva sperimentato una reazione avversa a una puntura d’ape. In un comunicato, la Fondazione Health Partners ha detto che la dipendente era sotto controllo dopo aver ricevuto il vaccino quando ha iniziato a manifestare sintomi anafilattici 10 minuti dopo», riferisce WBTV.

 

Il sistema ha ricevuto segnalazioni di 1.156 eventi avversi totali. Di questi, 17 sono stati «in pericolo di vita» e due hanno portato a una «disabilità permanente».

 

Migliaia di altri segnalano l’incapacità di tornare immediatamente al lavoro o svolgere le normali attività quotidiane dopo il vaccino. Secondo Epoch Times, questi incidenti sono stati segnalati tramite V-safe, «un’applicazione per smartphone… che utilizza messaggi di testo e sondaggi web per fornire controlli sanitari personalizzati e consente agli utenti di informare rapidamente il CDC se stanno riscontrando effetti collaterali».

Il sistema ha ricevuto segnalazioni di 1.156 eventi avversi totali. Di questi, 17 sono stati «in pericolo di vita» e due hanno portato a una «disabilità permanente»

 

La FDA starebbe presumibilmente studiando le reazioni allergiche al vaccino contro il coronavirus Pfizer, o così almeno è stato detto alla popolazione.

 

«Le attuali linee guida della FDA dicono che la maggior parte degli americani con allergie dovrebbe essere autorizzata a prendere il vaccino, ma che le persone che hanno avuto reazioni gravi ad altri vaccini non dovrebbero essere vaccinate». Inoltre, coloro che hanno avuto reazioni al vaccino non dovrebbero ricevere una seconda dose.

 

Migliaia di altri segnalano l’incapacità di tornare immediatamente al lavoro o svolgere le normali attività quotidiane dopo il vaccino

Al 6 gennaio, il numero di segnalazioni è «308 da pazienti inviati al pronto soccorso ospedaliero documentati sul sistema di segnalazione degli eventi avversi dei vaccini».

 

Negli USA – come del resto in Italia con la legge 210/92, i  produttori di vaccini non possono essere citati in giudizio se i loro prodotti feriscono o uccidono qualcuno, grazie a una legge federale degli anni ’80 che impone che tali casi siano trattati tramite il segreto Programma nazionale di risarcimento delle lesioni da vaccino.

 

Al 6 gennaio, il numero di segnalazioni è «308 da pazienti inviati al pronto soccorso ospedaliero documentati sul sistema di segnalazione degli eventi avversi dei vaccini».

Il programma è stato ampiamente attaccato dagli attivisti per la sicurezza dei vaccini come inadeguato e truccato contro i denuncianti.