Connettiti con Renovato 21

Immigrazione

I no vax rimpiazzati dagli ucraini: la Grande Sostituzione è qui

Pubblicato

il

«È consentito l’esercizio temporaneo delle qualifiche professionali sanitarie e della qualifica di operatore socio-sanitario ai professionisti cittadini ucraini residenti in Ucraina prima del 24 febbraio 2022 che intendono esercitare nel territorio nazionale, in strutture sanitarie pubbliche o private, una professione sanitaria o socio sanitaria in base a qualifica conseguita all’estero regolata da direttive UE».

 

Così la Gazzetta Ufficiale del 21 marzo.

 

È il decreto «Misure urgenti» per l’Ucraina.

 

In pratica, medici e infermieri ucraini potranno esercitare in Italia, esultano i giornali.

 

E la cosa fantastica è che il posto c’è: ci sono migliaia di medici e infermieri non vaccinati che sono stati allontanati dal lavoro per mesi senza stipendio.

I profughi capitano quindi a fagiuolo: andranno ad occupare il lavoro dei purgati dall’apartheid biotica

 

I profughi capitano quindi a fagiuolo: andranno ad occupare il lavoro dei purgati dall’apartheid biotica.

 

Sarebbe da non credere. Sarebbe qualcosa davanti alla quale vorremmo dire: inimmaginabile.

 

Inimmaginabile per i sindacati, che beccano soldi (tanti) per difendere il lavoratore italiano, non quello ucraino. Sappiamo da tempo, tuttavia, che non è così, con la triplice siringa che si è schierata con il governo del drago banchiere e del padronato col soldo Recovery per discriminare il lavoratore forte dei suoi diritti costituzionali. Sbadigliamo.

 

Inimmaginabile per il partito di governo chiamato Lega Nord, andato avanti per decenni con l’argomento che «gli immigrati rubano il lavoro agli italiani». Ora succede per decreto, e al governo ci sono loro.

 

Epperò vi diciamo che no, per noi non è inimmaginabile.

 

Chi conosce i segreti dell’immigrazione, cioè chi ha il coraggio di guardare in faccia il piano che la sottende, non può stupirsi. Non più di quanto ci stupiamo per la comparsa della Deltacron, della Omicron 2, etc. La pressione artificiale, l’occasione della malattia, crea mutazioni, crea varianti.

L’Ucraina è solo una nuova variante del piano di ridefinizione dell’Europa, che possiamo chiamare «la Grande Sostituzione»

 

L’Ucraina è solo una nuova variante del piano di ridefinizione dell’Europa, che possiamo chiamare «la Grande Sostituzione». L’establishment spernacchia a sentire l’espressione, ma è stata coniata da un adepto delle pariginerie, Renaud Camus, per anni considerato uno dei più importanti scrittori omosessuali di Francia.

 

Alla fine degli Novanta, mentre scrive una guida al Sud della Francia, l’intellettuale ha un’epifania: «Improvvisamente mi sono reso conto che nei villaggi molto antichi (…) anche la popolazione era totalmente cambiata (…) è stato allora che ho iniziato a scrivere così».

 

Nel 2011 Camus pubblica il libro Le Grand Remplacement, dove definisce il popolo indigeno francese come «sostituito» demograficamente da popoli non europei, provenienti principalmente dall’Africa o dal Medio Oriente, in un processo di «immigrazione popolare» incoraggiato da un «potere sostitutivo», che porta ad un «genocidio sostitutivo».

 

L’intero processo è portato avanti da quelle che chiama «élite sostitutrici». Il processo, scopre lo scrittore, è top down: non è il popolo, e forse nemmeno «il mercato» a chiedere l’immigrazione; essa viene semplicemente decisa dall’alto e implementata verticalmente.

 

Camus non è il primo a capire determinate cose. Sulla Grande Sostituzione aveva scritto già decenni prima il romanzo definitivo uno scrittore connazionale, Jean Raspail, che ne Il campo dei Santi immaginava la Francia colonizzata da milioni di pezzenti provenienti dal disastro della fame in India (erano i tempi di Indira Gandhi, quella che sterilizzava a go-go).

 

Ancora prima, a moltissimi era chiaro quel che stava per accadere perché avevano letto Praktische IdealismusIdealismo pratico») e gli altri testi del conte Calergi.

 

Il Kalergi (si preferisce scriverlo con la K perché era era mezzo austriaco, ma la famiglia è greco-veneziana, è quella del palazzo del Casinò sul Canal Grande dove morì Wagner) sognava la riformulazione biologica dell’Europa.

 

Per questo, teorizzava tra deliri e luoghi comuni insopportabili, si dove procedere con l’immigrazione extraeuropea, africana e in particolare asiatica (dovete capire che il nobiluomo, figlio di ambasciatore, aveva la mamma giapponese: la cosa non sembra averla mai digerita del tutto) al fine di creare una nuova razza con cui riempire il continente.

 

«[gli abitanti dei futuri] Stati Uniti d’Europa non saranno i popoli originali del Vecchio continente, bensì una sorta di subumanità resa bestiale dalla mescolanza razziale (…) È necessario incrociare i popoli europei con razze asiatiche e di colore, per creare un gregge multietnico senza qualità e facilmente dominabile dall’élite al potere. L’uomo del futuro sarà di sangue misto. La razza futura eurasiatica-negroide, estremamente simile agli antichi egiziani, sostituirà la molteplicità dei popoli, con una molteplicità di personalità»

 

Questa nuova razza ibrida – il famoso «meticciato» ora tanto decantato dal Bergoglio e dai suoi leccapiedi consacrati –  andava creata per essere più docile ad un progetto politico ulteriore.

 

«Nei meticci si uniscono spesso mancanza di carattere, assenza di scrupoli, debolezza di volontà, instabilità, mancanza di rispetto, infedeltà con obiettività, versatilità e agilità mentale assenza di pregiudizi e ampiezza di orizzonti» scriveva Kalergi.

Capite da voi di cosa stia parlando Kalergi: del cittadino perfetto per uno Stato di manipolazione permanente, dove ogni volontà è piegata dal potere e dalle sue tecniche – potete pensare, ad esempio, alle emergenze, alle ipnosi di massa etc

 

Capite da voi di cosa sta parlando: del cittadino perfetto per uno Stato di manipolazione permanente, dove ogni volontà è piegata dal potere e dalle sue tecniche – potete pensare, ad esempio, alle emergenze, alle ipnosi di massa etc.

 

Con caratteristiche psicologiche deboli, ogni corpo intermedio tra il popolo e lo Stato si dissolve. Non ci sono fratellanze, associazioni, famiglie…

 

Ognuno è per sé. Solo per sé.

 

Si tratta con ogni evidenza del processo del Solve et Coagula. Sciogli e riunisci. Resetta e ricostruisci…

 

Il sottofondo massonico nel pensiero e nella vita del conte Kalergi (in alcune foto davvero simigliante al Mario Draghi!), per alcuni è evidente. Al di là dei circoli di destra che lo vedono come l’architetto della gommonautica africana sul Canale di Sicilia, in altri ambiti è rispettato. C’è un premio biennale a suo nome, che viene dato a personaggi distintisi per l’europeismo. Lo hanno vinto la Merkel e una quantità di europapaveri come Van Rompuy o l’indimenticabile lussemburghese della sciatica Jean Claude Juncker.

 

È impossibile non vedere come si stia realizzando ciò che Kalergi aveva rivelato. Una nota politica immigrazionista qualche anno fa parlava, giustamente, degli immigrati come lo specchio del nostro futuro: senza radici, riprogrammabili. È proprio così.

 

Guardate la quantità di africani che sono arrivati. Possiamo dire che hanno cominciato a ricevere una sorta di reddito di cittadinanza prima di noi. Hanno vestiti e telefonini più nuovi e più costosi della popolazione italiana, ma anche bici, monopattini elettrici, alloggio, cibo (che tra poco sarà un lusso). Tutti questi sono sistemi di controllo politico: è chiaro che nel momento in cui nei condomini-ghetto degli immigrati africani dovesse cominciare a mancare questa manna che piove dalle tasche del contribuente, potrebbe iniziare qualche problema.

 

E così, una società di povertà non percepita (hai la pancia piena, lo smartphone, il televisore 70 pollici), la manipolazione è a buon mercato: l’individuo non reclama diritti, non chiede equità, né nel lavoro né nella società, obbedisce a qualsiasi ordine (chiuditi in casa, iniettati mRNA sintetico) perché narcotizzato dal microedonismo e dalla TV spazzatura, alla quale magari fanno pure credere di poter un giorno, chissà, partecipare.

È la possibilità di manipolazione che conta.  È la facoltà di resettare l’uomo, riplasmarlo secondo il proprio progetto

 

È la possibilità di manipolazione che conta.  È la facoltà di resettare l’uomo, riplasmarlo secondo il proprio progetto.

 

«Creare un gregge multietnico senza qualità e facilmente dominabile dall’élite al potere» ammetteva Kalergi.

 

Comincia essere chiaro ora perché gli ucraini siano importanti per il padrone del mondo, ora.

 

Gli ucraini, dopo 30 anni di solve et coagula iniziato dai Clinton e portato avanti da CIA e Dipartimento di Stato e infine dal clan Biden, sono stati resettati: hanno perso la radice slava, è stata innestata loro l’idea paradisiaca della NATO. Sono stati portati a credere che l’Europa sia la UE. Con gli ultras calcistici sono andati ancora più a fondo: hanno ripescato oscure figure degli anni Trenta e Quaranta, gli hanno fatto credere di essere germanici, figli della svastica e delle rune.

 

Allo stesso tempo, ricordiamo come nel 2014 si parlava di una diffusione immensa in Ucraina delle «chiese» pentecostali americane. Saltò fuori che fornivano radioline a batteria solare che non smettevano mai di inviare i messaggi dei luterani miracolisti, quasi certamente (come in Brasile e nel Sud America tutto) infiltrati dalla CIA.

Sostituzione, reset, reboot. Cambio software. Cambio del sistema operativo: etnia, cultura, religione

 

Sostituzione, reset, reboot. Cambio software. Cambio del sistema operativo: etnia, cultura, religione.

 

Ecco, l’Europa ha bisogno di persone così. È in corso la liquidazione del vecchio cittadino europeo: costoso, non troppo facilmente manipolabile, nonostante la prova ovina appena data col COVID.

 

Fatte entrare i popoli volubili, «versatili», come dice il Kalergi. Dentro gli africani.

 

E dentro anche gli ucraini, che provengono di fatto da uno Stato di per sé «africanizzato»: partono nel 1992 con zero debito pubblico, ora devono in giro almeno 57 miliardi. Chi ha viaggiato per le strade dell’Ucraina si chiede dove siano finiti quei soldi, e la risposta è solo: nelle tasche della cleptocrazia politica e del contorno di oligarchi. Come in Africa: l’intero volume di vendita dei diamanti, dell’oro, del petrolio, del legno finisce dritto nel conto personale del dittatore. Qualche briciola ai gerarchi, o magari ad un «imprenditore» puparo.

 

Non stiamo mancando di rispetto agli ucraini, un grande popolo studioso, lavoratore, migliore di tanti altri popoli europei. Sappiamo bene che noi non siamo così lontani dall’africanizzazione totale, ci dirigiamo lì, ci riempiono di africani proprio per questo.

 

Ma è un altro il punto che bisogna sottolineare: sappiamo che si può evitare. Perché lo abbiamo davanti agli occhi: l’Ucraina della tirannide di cleptocrati ed oligarchi è quello che sarebbe la Russia se non fosse comparso Putin.

Quali sono i cittadini europei più difficilmente manipolabili? Quali sono gli italiani che non si bevono più nessuna palla del potere, e rimangono attaccati come possono alla loro Costituzione, alla loro religione, alla loro famiglia, alla legge naturale?

 

Ora, tornando a noi: quali sono i cittadini europei più difficilmente manipolabili? Quali sono gli italiani che non si bevono più nessuna palla del potere, e rimangono attaccati come possono alla loro Costituzione, alla loro religione, alla loro famiglia, alla legge naturale?

 

Vi diamo la risposta: massì, loro, i no vax. Dissidenti. Renitenti. Resistenti. Irriducibili. Non negoziabili. Coloro che non solo non credono alla narrazione unica, ma che sono un vero pericolo per essa – con la loro stessa esistenza.

 

È quindi assolutamente logico che la Grande Sostituzione inizi da loro, il cui sacrificio, come spiegato tante volte da Renovatio 21, è già stato calcolato dal potere, accettato e programmato.

 

Ed è ovvio che siano gli ucraini a procedere alla sostituzione dei dissidenti. Sono, finalmente, sul serio degli immigrati che «scappano dalla guerra»: la giustificazione morale è impellente, e sarà bellissimo vedere i giornaloni descrivere gli orridi, egoisti no vax contro le povere vittime di Putin, quasi letteralmente crocerossine, icone viventi dell’altruismo. Ecco le prime scene della guerra civile biotica, e come nel conflitto in Ucraina, sappiamo già tutti perfettamente chi è il cattivo.

 

Ma non solo. Gli ucraini hanno dimostrato di essere resettabili: per il paradiso NATO sono disposti a tutto, anche a rischiare di farsi invadere dalla Russia – qualcuno finalmente pure lo dice, se l’eroe Zelens’kyj avesse detto che non sarebbe entrato nella NATO poche settimane fa, probabilmente fuori dal Donbass non sarebbe successo nulla.

 

E non dimentichiamoci quanto emerso da poco: gli ucraini avevano appena fatto partire una bel sistema di digital ID governativo, una app fine-di-mondo dove, oltre ad ogni possibile materia burocratica, potevi tenere ovviamente i tuoi soldi, e magare ottenerne, tipo 30 euro per ogni vaccinazione. Il sogno di Klaus Schwab, di cui Zelens’kyj ovviamente è stato ospite.

 

Chi merita il posto di lavoro all’ospedale, quindi? L’infermiera ucraina che brava di divenire suddita di Bruxelles, o il no vax che ha capito il giochetto europeo, e che della schiavitù sotto il Moloch UE non ne può più?

 

La risposta la conoscete. Il sistema, oggi, è basato su «premialità», dà accesso ai beni e servizi vitali solo se si è dimostrata la «virtù», per esempio la sottomissione alle iniezioni sperimentali di mRNA.

 

Verrà premiato chi si allineerà. I sanitari ucraini sono allineati a prescindere.

I no vax sono invece il contrario assoluto dell’allineamento al sistema infame caricatosi in Occidente. Era ovvio che andassero purgati, era altrettanto ovvio che andassero sostituiti

 

I no vax sono invece il contrario assoluto dell’allineamento al sistema infame caricatosi in Occidente.

 

Era ovvio che andassero purgati, era altrettanto ovvio che andassero sostituiti.

 

Medici e infermieri vaccinati, tuttavia, non battano troppo le mani.

 

La Grande Sostituzione è per tutti. Oggi gli ucraini, domani i bengalesi, gli indonesiani, i cinesi, gli africani, le macchine.

 

Nessuno di voi si salverà, se non tornerete ad essere uomini.

 

Uomini che combattono per restare uomini, uomini che combattono per l’umanità.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Immagine di Ziddius via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

 

Immigrazione

Lara Logan: l’invasione di immigrati è parte del piano per il governo mondiale

Pubblicato

il

Da

La reporter di guerra Lara Logan è apparsa nel podcast di Steve Bannon War Room sostenendo che l’invasione massiva di milioni di immigrati sia parte di un «piano a lungo termine e di un’ideologia politica per cancellare la sovranità di questa nazione e cambiare l’aspetto del mondo, per sempre».

 

«Non è solo la sovranità americana ad essere sul ceppo, è la sovranità sul mondo», ha detto Logan a Bannon. «È solo che questo è il luogo che è la luce e la guida per il mondo intero. E quindi questo è il Paese che deve cadere per primo affinché gli altri Paesi cadano».

 

Il tema discusso nel podcast era quello del confine meridionale degli USA, dove il fiume di immigrati è libero di entrare nel Paese senza problemi, talvolta portando con sé su mandato dei narcocartelli la pericolosa droga chiamata fentanil, che causa migliaia e migliaia di morti nell’America devastata dalla crisi degli oppioidi generata in America da Big Pharma.

 

La Logan ha quindi raccontato che una fonte di alto livello all’interno delle Nazioni Unite le ha detto che il piano prevede l’ingresso di 100 milioni di persone negli Stati Uniti per poi giustificare l’unione di Canada, Messico e Stati Uniti in un’unica entità governativa .


«E quello che ho appreso da una fonte, che è una fonte davvero unica, essendosi infiltrata nella “setta” globalista a livello delle Nazioni Unite è che partecipava a riunioni di alto livello che richiedevano una serie di autorizzazioni di sicurezza durante le quali discutevano effettivamente il piano per portare 100 milioni di persone negli Stati Uniti, al fine di aprire la strada a un governo regionale di Stati Uniti, Canada e Messico».

 

Si tratta dell’implementazione di un piano che «dovrebbe portare 100 milioni di persone dai paesi dell’America Latina, insieme a una strategia per creare questi cartelli, rendendo la vita insopportabile. Si chiama “Strategia Push-Pull“, in cui spingono le persone fuori da questi Paesi, dove in questo modo è insopportabile vivere, e le trascinano negli Stati Uniti».

 

«Poi, una volta raggiunto quel numero critico di oltre cento milioni in questa invasione, allora proporranno: “Bene, per la tua famiglia e i tuoi amici a casa, che hanno bisogno di viaggiare facilmente, hanno bisogno di una migliore la vita e così via e così via – possiamo fare tutto questo meglio con un governo regionale che con un governo statunitense”. E avranno abbastanza massa critica all’interno del Paese per attuare quella politica».

 

«Questo è il piano globalista a cui stiamo lavorando. Ma quello che stiamo già facendo è vivere sotto la loro politica, dove hanno fatto del diritto alla migrazione un “diritto umano”, riconosciuto dall’ONU nel 2018 e che ora sostituisce i nostri diritti sovrani, grazie all’amministrazione Biden e agli ideologi della frontiera aperta che sono in questo governo, a cui non è mai stato chiesto, ad essere onesti, della loro strategia durante la campagna elettorale» dice la Logan.

 

«Stanno attuando una strategia e una politica che, non solo nessun americano ha votato per questo, perché non è stata data loro l’opportunità ma la maggior parte degli americani non supporta.

 

La Logan si riferisce un documento strategico delle Nazioni Unite del 2001, ora cancellato, intitolato «Migrazione sostitutiva: è una soluzione per il declino e l’invecchiamento delle popolazioni?», di cui Renovatio 21 vi ha già parlato quando Draghi si mise a fare certi discorsi sugli immigrati.

 

Il documento ONU, conosciuto anche come il rapporto ONU, ST/ESA/SER.A/206 «Replacement migration», è sempre più difficile da reperire online. Si tratta di una era e propria road map delle politiche migratorie attualmente in atto a livello globale.

 

Difficile pensare come questo non sia scaturigine ufficiale di quello che è chiamato Piano Kalergi.

 

Il piano di sostituzione, etnica e religiosa, della popolazione europea è stato discusso dal fondatore di Renovatio 21 in una conferenza di qualche tempo fa, ancora visibile online.

 

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Svezia, quattro rifugiati su cinque sono andati in vacanza nel Paese da cui sono fuggiti

Pubblicato

il

Da

Un nuovo sondaggio ha rilevato che quasi quattro rifugiati su cinque che vivono in Svezia sono andati in vacanza nei paesi da cui erano originariamente fuggiti.

 

Il sondaggio è stato condotto dalla società di sondaggi Novus per conto del quotidiano online svedese Bulletin.

 

È emerso che il 79% delle persone che sono arrivate in Svezia come rifugiati, presumibilmente in fuga da guerre o persecuzioni, sono tornate nel loro Paese d’origine da quando sono arrivate in Svezia.

 

«Secondo il sondaggio, non desiderano, tuttavia, tornare a casa definitivamente», riporta Remix News.

 

«Quando gli è stato chiesto se hanno intenzione di tornare permanentemente nel loro Paese di nascita in futuro, solo il 2% dice di sì, mentre il 16% dice forse: l’81% di coloro che sono arrivati ​​in Svezia da Paesi non europei afferma di no, principalmente perché credono che la Svezia sia un Paese migliore per crescere i propri figli».

 

I migranti possono entrare e uscire dalla Svezia perché non c’è alcuna barriera che glielo impedisca, a differenza di Paesi come la Svizzera e la Germania, dove i rifugiati che tornano nei loro paesi d’origine senza permesso rischiano di perdere lo status di asilo.

 

«Se qualcuno, un rifugiato siriano, va regolarmente in vacanza in Siria, non può onestamente affermare di essere perseguitato in Siria», aveva affermato l’allora ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer nel 2019.

 

«I risultati dell’indagine evidenziano ancora una volta come la stragrande maggioranza dei cosiddetti “rifugiati” non siano affatto rifugiati, sono migranti economici che sfruttano il nascondiglio emotivo del termine “rifugiato” per abusare del sistema, e così facendo danneggiando gli interessi dei veri rifugiati» spiega Summit News.

 

Negli ultimi 20 anni, la Svezia ha accolto più rifugiati pro capite di qualsiasi altro paese occidentale, un processo che ha visto la Svezia passare dall’essere uno dei Paesi più sicuri d’Europa al secondo più pericoloso del continente, dove Stoccolma si trova dietro solo alla Croazia. Descrivendo il triste fenomeno, il quotidiano tedesco Bild ha titolato: «La Svezia è il paese più pericoloso d’Europa».

 

In momenti davvero grotteschi, le autorità svedesi hanno detto alle profughe ucraine di vestirsi in modo da non provocare i migranti.

 

Come riportato da Renovatio 21, vi sono state storie di profughe ucraine che, dopo notti in cui il loro ostello è stato assediato da immigrati afroasiatici, hanno dichiarato di sentirsi più al sicuro nel proprio Paese in guerra.

 

Il tasso di disoccupazione per i migranti è quattro volte superiore a quello dei nativi svedesi, con alcune aree a forte immigrazione che registrano livelli di disoccupazione fino al 78%.

 

Il fallimento del multiculturalismo in Svezia è stato ammesso dalla stessa premier Anderson.

 

Si tratta di una sorta di guerra civile permanente tra la vecchia tollerante Svezia e le continue violenze di bande di immigrati.

 

La Svezia ha subito anche una «Grande Sostituzione» di tipo elettorale: oltre un milione di immigrati, su un Paese da 10 milioni, avevano diritto di voto alle ultime elezioni della settimana scorsa.

 

Ciononostante, le elezioni sono state vinte dal blocco elettorale che comprende il Sverigedemokraterna, il nazionalista Partito Democratico Svedese di Kimmie Akeson, che porta avanti una chiara piattaforma contraria alla migrazione di massa.

 

 

Immagine di PAnd0rA via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Francia, decapita il padre gridando «Allahu Akbar» in un parcheggio

Pubblicato

il

Da

La polizia ha arrestato un sospetto marocchino che avrebbe decapitato suo padre e portato la testa in giro per un parco in Francia mentre gridava «Allahu akbar» durante il fine settimana. Lo riporta la testata transalpina Actu17.

 

La scena di orrore si è consumata attorno alle 2 di notte a Saint-Priest, un comune vicino a Lione.

 

Arrivati sul luogo del crimine, gli agenti della brigata anticriminalità (BAC) hanno scoperto il corpo di una vittima senza testa che giaceva in un parcheggio. Hanno quindi perquisito la zona alla ricerca di un sospetto.

 

In un parco vicino, i poliziotti avrebbero trovato un uomo che portava una testa amputata in una mano e una lama insanguinata nell’altra. Il sospetto avrebbe  quindi urlato «Allahu akbar» e cercato di accoltellare gli agenti durante il suo arresto, sostiene la Police.

 

Il sospetto è un marocchino 25enne con alle spalle una storia di «fatti di diritto comune, controversie familiari sullo sfondo di alcol e narcotici» ha detto una fonte a Actu17. Risiede legalmente in Francia.

 

Secondo quanto riportato, la vittima è  il padre 60enne. Entrambi gli uomini vivevano in una casa non distante dalla scena del brutale omicidio.

 

La vittima sarebbe stata inseguita per strada da suo figlio armato del coltello da cucina. Dei testimoni avrebbero dato l’allarme.

 

«Sia davanti agli inquirenti che davanti al giudice per le indagini, l’imputato ha ammesso i fatti di cui è accusato fornendo spiegazioni confuse che sollevano il potenziale di disturbi psichiatrici», ha spiegato il magistrato a seguito di un’udienza.

 

Sono in corso le indagini e il procedimento penale.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari