Connettiti con Renovato 21

Immigrazione

Il Financial Times: gli europei dovrebbero «prepararsi al rifornimento demografico da parte di arabi e asiatici»

Pubblicato

il

 

 

 

Il giornale economico Financial Times ha pubblicato un articolo in cui afferma che le persone che vivono nei paesi europei dovrebbero «prepararsi al rifornimento demografico da parte di arabi e asiatici».

 

L’autore è il politologo indo-americano Parag Khanna, un uomo legato al World Economic Forum di Davos (l’ente dell’élite transnazionale che promuove il Grande Reset)  e il Council on Foreign Relations (Think Thank di relazioni estere americano fondato dalla famiglia Rockefeller). Il Khanna, già «Global Governance Fellow» presso la Brookings Institution, è altresì autore di un libro intitolato Il movimento del mondo. Le forze che ci stanno sradicando e plasmeranno il destino dell’umanità (2021).

 

Nella nuova narrazione migratoria, le masse di profughi afroasiatici non stanno più scappando dalla guerra, ma dagli effetti del cambiamento climatico

Nella nuova narrazione migratoria, le masse di profughi afroasiatici non stanno più scappando dalla guerra, ma dagli effetti del cambiamento climatico, che renderà vaste aree del pianeta diventeranno «inabitabili», causando quindi il trasferimento di «milioni, se non miliardi di persone (…) su terreni alle latitudini più adatte alla sopravvivenza».

 

Si tratterebbe insomma dei famosi migranti climatici, dei quali anche il principale testimonial dell’immigrazione globale, Jorge Mario Bergoglio, ha iniziato a discettare.

 

Nell’articolo il Khanna affronta anche il frusto argomento della «carenza di manodopera» che affliggerebbe il Nord America e l’Europa, un problema che richiederà quindi ai Paesi avanzati di «aprire di conseguenza i rubinetti dell’immigrazione».

 

«Il Nord America e l’Eurasia devono assorbire più persone»

«Il Nord America e l’Eurasia devono assorbire più persone», chiede Khanna, apparentemente insoddisfatto dell’enorme numero di migranti che stanno già accogliendo.

 

Non manca un progetto specifico per i Paesi che si stanno opponendo al piano migratorio della globalizzazione: Ungheria, Polonia, Cechia, Slovacchia.

 

«Gli odierni paesi di Visegrad, tesi dal punto di vista fiscale e in via di spopolamento, potrebbero fondersi in una federazione più ampia per amministrare meglio le loro foreste vitali, l’agricoltura e i fiumi al fine di prepararsi al rifornimento demografico da parte di arabi e asiatici».

 

Il tema della «grande sostituzione» – l’idea per cui la popolazione europea sta venendo programmaticamente sostituita da masse di immigrati – teorizzata dall’intellettuale francese Camus era derisa e additata come complottista fino a pochi mesi fa.

 

Ora, anche perfino nel mainstream americano (ad esempio, il giornalista TV Tucker Carlson) ne parlano apertamente. Anche perché sono gli stessi partiti progressisti a rivendicare l’idea.

 

Per i sostenitori dell’immigrazione di massa, l’idea che gli europei vengano sostituiti demograficamente rappresenta un processo inevitabile, e quindi andrebbe incoraggiato, accelerato. La parola «meticciato» – altro termine ripetuto ossessivamente dal Bergoglio – è spesso usato questi ambiti come ideale della nuova Europa.

 

Tuttavia, se a parlare della sostituzione etnica in atto non è la sinistra, l’argomento è una fallacia indimostrabile, una teoria del complotto, una paranoia razzista. 

 

Il declino della Civiltà occidentale pare sia una prospettiva eccitante per moltissimi membri del progressismo suicida che infesta un po’ ovunque i governi di quello che un tempo era noto come «mondo libero», specialmente laddove esso non ha nemmeno vinto le elezioni.

 

 

 

Immagine di Gémes Sándor/SzomSzed via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

Continua a leggere

Immigrazione

Immigrazione: una minaccia da parte di Draghi?

Pubblicato

il

Da

 

 

Mentre a Trieste si manganella e si bersagliano donne e madri di famiglia con lacrimogeni e idranti, si susseguono gli sbarchi di migranti sulle coste siciliane e del resto lo stesso Ministero dell’Interno, a ottobre 2021, ammette un incremento esponenziale degli sbarchi rispetto a tutto il 2020.

 

È però lo stesso Draghi, nel momento in cui scatena la guerra biotica contro milioni di cittadini italiani a dirci che «l’immigrazione è come la digitalizzazione, bisogna tutelare e sostenere sicuramente durante la transizione, ma sono fatti inevitabili, non ci sono muri da alzare ma bisogna prendere coscienza, tutelarsi e gestirli in maniera intelligente e con una visione, come sulla digitalizzazione».  

 

«L’immigrazione è come la digitalizzazione (…) sono fatti inevitabili»

Il Draghi va però oltre dichiarando che «per trasformare i migranti in fratelli occorre saperli accogliere, bene e con il senso dell’importanza di essere italiani. Sennò non riusciremo ad accoglierli e ne faremo dei nemici. E ne abbiamo già fatti di nemici»

 

La dichiarazione, che suona come una minaccia nemmeno troppo velata e piuttosto inquietante postula qualcosa di ben comprensibile: rassegnatevi perché i migranti continueranno ad arrivare, vedete di accoglierli come fratelli, come italiani, o saranno vostri nemici, molti lo sono già e sono in mezzo a voi.

 

Conosciamo le libertà di movimento di cui godono delinquenti di ogni provenienza e sbandati raver mentre gli italiani sono sottoposti alla tortura di green pass e tamponi per poter nutrire loro stessi e le loro famiglie.

 

Sappiamo anche che molti migranti hanno delle abitudini affatto particolari che probabilmente secondo il Draghi dovremmo accettare e integrare nella quotidianità affinché non divengano nemici peggiori di quello che sono attualmente.

«Per trasformare i migranti in fratelli occorre saperli accogliere, bene e con il senso dell’importanza di essere italiani. Sennò non riusciremo ad accoglierli e ne faremo dei nemici. E ne abbiamo già fatti di nemici»

 

È tuttavia la prima volta che un politico italiano dichiara senza mezzi termini che i migranti sono nemici reali e potenziali e che continueranno ad arrivare.

 

Finora erano stati presentati «solamente» come portatori di valori positivi, di nuovi stili di vita e come «l’avanguardia della globalizzazione». 

 

 

È tuttavia la prima volta che un politico italiano dichiara senza mezzi termini che i migranti sono nemici reali e potenziali e che continueranno ad arrivare

Perché tutto ciò avviene e continua ad avvenire in un Italia economicamente moribonda, sottoposta da marzo 2020 ad ogni genere di restrizioni ed ora anche al ricatto del green pass?

 

Perché gli sbarchi aumentano vertiginosamente anziché diminuire? Perché ciò fa parte del piano e perché risponde al principio dell’«ordo ab chao», concetto fondamentale per massonerie e culti diabolici che indica la volontà di creare un ordine dal caos, dal terrore e dallo scompiglio.

 

È pertanto necessario seminare paura e divisione, creare insicurezza per meglio dominare e per creare dalla distruzione e dalla discordia un Nuovo Ordine.

 

Significa ad esempio non punire i delinquenti, creare ad arte sacche di insicurezza invitando i cittadini a rassegnarsi a vivere come in zone di guerra.  

 

Il rapporto ONU «Replacement migration» un tomo di 157 pagine (con una sezione dedicata all’Italia) risalente al 2001 da sbattere in faccia a chiunque vi accusi di complottismo quando parlate di «grande sostituzione» o di «piano Kalergi»

Il premier Draghi, oltre alla minaccia postula però anche un altro punto ossia che i migranti vanno accolti bene con il senso e l’importanza di essere italiani, il che vale a dire che costoro, una volta sbarcati, sono dunque già italiani.

 

Draghi non si è inventato nulla in quanto si tratta di un discorso che da anni circola in ambienti accademici ed a livelli ben più alti come attesta il rapporto ONU, ST/ESA/SER.A/206 «Replacement migration» (Migrazione di sostituzione), ormai sempre più difficile da reperire online, e da considerarsi come la vera e propria road map delle politiche migratorie attualmente in atto a livello europeo.

 

È un tomo di 157 pagine (con una sezione dedicata all’Italia) risalente al 2001 da sbattere in faccia a chiunque vi accusi di complottismo quando parlate di «grande sostituzione» o di «piano Kalergi».

 

Nicolò Volpe

 

 

 

Immagine d’archivio

Continua a leggere

Gender

Garage tedesco con parcheggi solo per LGBT e immigrati

Pubblicato

il

Da

 

 

Un parcheggio situato ad Hanau, in Germania, ha svelato in settimana posti auto dedicati riservati ad automobilisti LGBTQ e migranti. Lo riporta il quotidiano britannico Daily Mail.

 

La società Hanauer Parkhaus GmbH  ha costruito tre posti auto per la «diversità» in un parcheggio sotterraneo nel centro di della cittadina di circa 96 mila  abitanti situata nel land dell’Assia.

 

Thomas Morlock, presidente del consiglio di sorveglianza della società di parcheggi e consigliere comunale, ha dichiarato all’inaugurazione che l’obiettivo era quello di aiutare le persone che sentono «un bisogno speciale di protezione».

 

Ovunque si va sempre più verso non solo quella che Putin al Valdai nel 2013 chiamò «la tirannia delle minoranze», ma verso una società segregazionista vera e propria, in cui alcune categorie – i vaccinati, gli omosessuali, gli immigrati – hanno evidentemente più diritti di altri.

 

Ciò mina alla base l’idea di equità giuridica alla base della democrazia. Ma i «democratici» e il loro partiti non sembrano proprio rendersene conto.

 

Di qui, l’apparizione di situazioni grottesche come questa.

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

«Gli immigrati come bombe virali»: allarme sul confine tra Messico e USA

Pubblicato

il

Da

 

 

Lara Logan, giornalista inviata di guerra famosa per i suoi reportage dall’Afghanistan e dal Nord Africa, ha raccontato a Fox News di una storia che starebbe circolando negli ambienti dell’Intelligence americana.

 

Gli immigrati in arrivo in Texas – in questo momento per lo più haitiani provenienti da altri Paesi sudamericani perfino lontani come il Cile – costituirebbero per gli USA una minaccia biologica.

 

«Bene, questo è quello che mi è stato detto: c’è un gruppo di persone e veterani dell’Intelligence e delle armi biologiche che hanno indagato e monitorato, facendo del loro meglio può perché gran parte di esso è nascosto, i movimenti di migranti nel cuore della notte in tutto questo Paese» dice la Logan riferendosi agli attraversamenti del confine tra Messico e Stati Uniti.

 

«Allo stesso tempo stavano monitorando e monitorando l’aumento dei casi di COVID e quello che hanno scoperto quando hanno sovrapposto quei modelli di computer è che ovunque ci fosse un grande movimento di massa di immigrati clandestini, c’era anche un aumento minimo del 200% del COVID».

 

«Quindi ho parlato con altri, professionisti che hanno molta familiarità con questo, specialisti di armi biologiche, e hanno appena detto che è quello che chiamerebbero una “bomba virale”. È così che disperderesti un virus usando gli esseri umani come una bomba»

«Quindi ho parlato con altri, professionisti che hanno molta familiarità con questo, specialisti di armi biologiche, e hanno appena detto che è quello che chiamerebbero una “bomba virale”. È così che disperderesti un virus usando gli esseri umani come una bomba».

 

Quindi la Logan sta forse suggerendo che potrebbe esserci un’intelligenza strategica che manda gli immigrati sapendo di creare focolai epidemici?

 

«Questo è qualcosa che sta succedendo. Stanno ancora osservando. Stanno ancora indagando. Non sono usciti pubblicamente con le loro scoperte. Ma è stato ben documentato dal CDC nel corso degli anni che ovunque tu abbia avuto questo tipo di movimenti il risultato è che ci sono stati casi precedenti».

 

La Logan sottolinea che non ci sia da sorprendersi, in quanto «non stanno testando nessuno».

 

Secondo la Logan, il disastro immigratorio in corso in Texas fa parte di un programma specifico – di un’operazione di guerra psicologica condotta sullo stesso popolo americano, verrebbe da dire.

 

«Sai cosa stanno facendo, vogliono che tu rinunci alle tue leggi, e rinunci a farle rispettare, perché allora è facile per loro fare quello che vogliono. Si tratta di spezzare la tua volontà di combattere, e puoi vederlo ovunque perché quando guardi il confine, sai, non c’è più un confine, giusto? È andato… E per di più, l’amministrazione Biden ha persino rimosso la parola “illegale” dalla conversazione. Non ti è più permesso parlare di clandestini. Devi dire migranti».

 

Come aveva già notato per l’Afghanistan, la Logan non crede che queste catastrofi avvengano per caso.

 

«Ogni singola cosa che fanno non è un fallimento. Non è solo caos. Non è un errore. Perché non cercano di correggerlo. È un piano E quando lo guardi, qual è il loro piano? Beh, parlano della, sai, migrazione sicura, regolare e ordinata, giusto? Ora abbiamo onde migratorie, onde regolari e onde irregolari. Non abbiamo l’immigrazione clandestina, non abbiamo crisi. Non abbiamo problemi».

 

«Quel linguaggio è parola per parola, quello che puoi leggere nel Global Compact on Migration delle Nazioni Unite del 2018, che ha reso la migrazione un diritto umano, quindi nel loro libro sostituisce tutti gli altri diritti, diritti sovrani, diritti costituzionali, diritti dati da Dio e così via».

«Quel linguaggio è parola per parola, quello che puoi leggere nel Global Compact on Migration delle Nazioni Unite del 2018, che ha reso la migrazione un diritto umano, quindi nel loro libro sostituisce tutti gli altri diritti, diritti sovrani, diritti costituzionali, diritti dati da Dio e così via».

 

«E poi è davvero interessante per quelli di voi che non hanno dimenticato l’estate dell’amore con gli Antifa… Se guardate le piattaforme anarchiche, li vedrete gioire proprio ora perché stanno prendendo quelle narrazioni, quelle false narrative…»

 

La sinistra radicale, che ora praticamente guida gli USA, gioisce dicendo: «questa è la nostra occasione ora per sbarazzarci del confine, proprio come vogliono fare con la polizia, liberarsi del Dipartimento di Giustizia, liberarsi dell’FBI, liberarsi di tutto, giusto?»

 

L’intervista finisce su di una nota combattiva.

 

«E se ti arrendi, se ti arrendi, allora hanno vinto».

 

La situazione in USA pare improvvisamente essere diventata una copia simmetrica di quanto avviene nel canale di Sicilia: frotte senza fine di immigrati, alcuni da Paesi lontani e improbabili, che qualcuno pare spingere verso l’Italia e l’Europa.

 

Come notato da Renovatio 21 a suo tempo, sulla questione dei problemi epidemici portati dagli immigrati (per esempio l’HIV, che in certi Paesi del Continente Nero è decine se non centinaia volte più diffuso che in Italia) nessuno si era mai scomodato prima; oggi, con il COVID, men che meno.

Continua a leggere

Più popolari