Connettiti con Renovato 21

Transumanismo

Davos, il capo della Nokia dice che i cellulari «saranno costruiti direttamente nei nostri corpi»

Pubblicato

il

Il CEO del colosso delle telecomunicazioni Nokia in un incontro dell’edizione 2022 del World Economic Forum ha predetto la fusione tra essere umano e telefono cellulare.

 

L’anno passato a Davos Pekka Lundmark ha detto all’incontro che pensa che la tecnologia dei telefoni cellulari «sarà integrata direttamente nei nostri corpi» entro un decennio.

 

Il Lundmark ha affermato che entro il 2030 è probabile che le interfacce di connettività che utilizziamo per comunicare cambieranno così radicalmente che coloro che utilizzano smartphone fisici saranno in minoranza.

 

Il video è riemerso in questi giorni in cui viene lanciata l’edizione 2023 del World Economic Forum di Davos.

 

 

In pieno stile transumanista davosiano, la Nokia aveva pubblicato un articolo nel gennaio 2022 che esprimeva le previsioni dell’azienda di un «mondo che fonde i domini digitale, fisico e umano per creare esperienze immersive rivoluzionarie».

 

«L’unione di macchine, dati ambientali, sistemi di conoscenza intelligenti e solide capacità di calcolo che ridefiniscono il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci prendiamo cura del nostro pianeta. Questo è esattamente ciò che sperimenteremo con l’arrivo del 6G dal 2030» scriveva il pezzo pubblicato sul sito aziendale, incentrato sull’arrivo entro il prossimo decennio del 6G, di cui Nokia sarebbe «un pioniere».

 

 

Come riportato da Renovatio 21, la fusione uomo-macchina è stata apertamente teorizzata dal guru di Davos Klaus Schwab.

 

Lo Schwab di fatto da anni propone una «quarta rivoluzione industriale» basata su una «fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica».

 

La tecnologia di interfaccia uomo-macchina, secondo il guru del Great Reset, «consentirà alle autorità di «intromettersi nello spazio fino ad ora privato della nostra mente, leggendo i nostri pensieri e influenzando il nostro comportamento».

 

Schwab era arrivato a suggerire scansioni cerebrali, rese possibile dagli impianti biocibernetici, anche solo per viaggiare:

 

«Anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo».

 

L’eccitazione dello Schwabbo per un imminente futuro di impianti cerebrali traspirava da un incontro pubblico avuto a Davos con il cofondatore di Google Sergej Brin.

 

 

«Puoi immaginare che tra 10 anni saremo qui seduti avendo un impianto nel nostro cervello, tramite il quale posso immediatamente percepirvi, perché tutti voi avrete degli impianti, misurandovi tutte le vostre onde cerebrali – e posso dirti immediatamente come reagiscono le persone, oppure posso sentire come reagiscono alcune persone alle tue risposte. È immaginabile?» chiede il guru globalista svizzero al miliardario ebreo-russo-californiano.

 

Di recente il WEF ha proposto sul suo sito un articolo in cui si suggeriva che ci sono ragioni «solide», «razionali» ed «etiche» per considerare l’impianto di bambini con microchip.

 

Nokia, aziende più importante della Finlandia, con l’arrivo degli smartphone subì un periodo turbolento al termine del quale fu acquisita dalla Microsoft di Bill Gates (che era entrata con una collaborazione sui telefonini. Microsoft cedette la Nokia nel 2016, per poi significare la volontà di riacquisto nel 2020.

 

La scalata della multinazionale di Bill Gates nel grande gioiello industriale finnico è nel Paese fonte di racconti e particolari ricostruzioni.

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Eugenetica

Eugenetica e transumanismo WEF: a Davos relatrice afferma che le «previsioni genetiche» sulle malattie potrebbero influire sulle decisioni di avere figli

Pubblicato

il

Da

La professoressa universitaria statunitense Nita Farahany, ospite al World Economic Forum di Davos, ha dichiarato che le «previsioni genetiche» potrebbero avere un ruolo nel decidere se le persone «decidano di avere figli».

 

«Molte persone e molte organizzazioni diverse con cui lavoro lottano con questioni di previsioni genetiche, in particolare per gli «highly penetrants», il che significa che è c’è la predizione che probabilmente svilupperai la malattia, come ad esempio la SLA, ma non lo fai sapere quando» ha detto la Farahany durante una tavola rotonda intitolata Transforming Medicine, Redefining Life (« Trasformare la medicina, ridefinire la vita»).

 

«Quindi, hai una previsione incredibilmente alta, ma hai ben poca idea di quando sarebbe l’inizio» della malattia. «Come consigli a qualcuno su come integrare tali informazioni nelle loro vite, indipendentemente dal fatto che debbano o meno eseguire test genetici?» si è chiesta l’esperta.

 

«Quali potrebbero essere anche le implicazioni per i loro familiari, perché se hanno quel particolare gene, quella particolare mutazione, potrebbe benissimo essere che i loro figli ce l’abbiano; oppure potrebbe benissimo implicare se decidono o meno di avere figli, di trasmetterlo ai loro figli».

 

La Farahany ha quindi discusso se i datori di lavoro e le compagnie assicurative debbano avere accesso ai dati sulla salute delle persone e alle «previsioni genetiche». Il che significa che si pone la domanda: è lecito discriminare professionalmente non i malati, ma i potenzialmente malati.

 

Insomma: tra le nevi miliardarie di Davos, siamo in pieno Gattacca. Si tratta di una conversazione eugenetica allo Stato puro, di quelle che sarebbero piaciute una volta poco più a Nord.

 

La Farahany non è nuova a dichiarazioni sconvolgenti, fatte come nulla fosse. In un discorso precedente, la professoressa della Duke University ha affermato che i dispositivi indossabili per la lettura della mente non sono un’invenzione del futuro, ma sono già qui fra noi, nei dispositivi indossabili dai consumatori: fasce per capelli che hanno sensori in grado di rilevare l’attività delle onde cerebrali, auricolari, cuffie, piccoli tatuaggi che puoi indossare dietro l’orecchio – «possiamo raccogliere stati emotivi, come la felicità, la tristezza o la rabbia», aveva detto Farahany durante l’evento WEF 2023 chiamato «Ready for Brain Transparency?» («Pronti alla trasparenza celebrale?»).

 

Durante la conferenza, la professoressa ha descritto tale tecnologia come integrata in «dispositivi multifunzionali», in modo che, ad esempio, gli stessi auricolari utilizzati per «prendere chiamate in teleconferenza e ascoltare musica» verrebbe migliorato con sensori elettroencefalografici per captare le onde cerebrali.

 

Farahany ha predetto che nel «futuro a breve termine» tali dispositivi diventeranno «il modo principale con cui interagiamo con tutto il resto della nostra tecnologia» e ha sottolineato che le principali aziende tecnologiche come Meta, guidata da Mark Zuckerberg, stanno «studiando modi per rendere questi dispositivi universalmente applicabili» al resto della nostra tecnologia.

 

“Noi come società dovremmo volerlo”, ha detto la Farahany parlando di tecnologie di lettura del pensiero che potrebbero aiutare a individuare autisti di camion che si addormentano. «In oltre 5.000 aziende in tutto il mondo, i dipendenti stanno già monitorando la loro attività cerebrale per testare i loro livelli di affaticamento», come nelle ferrovie Pechino-Shanghai, dove «i conduttori dei treni sono tenuti a indossare cappelli che raccolgono la loro attività cerebrale», o nelle «società minerarie di tutto il mondo». Perché «se fatta bene, la neurotecnologia ha promesse straordinarie».

 

È stato quindi toccato il tema aziendale riguardo ai dipendenti, cioè «se una persona sta prestando attenzione o se la sua mente sta vagando» e a cosa, più precisamente, sta prestando attenzione.

 

Tale tecnologia non solo può valutare se qualcuno sta prestando attenzione e a cosa, ma può intervenire per riportare la mente in carreggiata. Farahany ha condiviso che il MIT Media Lab ha già sviluppato una «sciarpa tattile» che «dà a una persona un piccolo ronzio – letteralmente – quando la sua mente inizia a vagare per aiutarla a rimettere a fuoco e affinare la sua attenzione».

 

Secondo Farahany, sebbene «non possiamo decodificare il parlato utilizzando semplici dispositivi indossabili», «ciò non significa che non ci sia già molto che possiamo decodificare», e prevede che l’ampiezza di ciò che possiamo raccogliere dal cervello aumenterà considerevolmente «nei prossimi giorni man mano che l’IA diventerà più potente, man mano che i sensori diventeranno più potenti».

 

Ritiene che un’importante difesa contro potenziali abusi della privacy che utilizzano tale tecnologia sia preventivamente «riconoscimento del diritto alla libertà cognitiva, diritto all’autodeterminazione del nostro cervello e delle nostre esperienze mentali», e ha aggiunto che «richiede che aggiorniamo l’esistente internazionale diritti umani».

 

Con questi diritti fondamentali in atto e le «migliori pratiche» in base alle quali i datori di lavoro monitoreranno solo cose come i livelli di affaticamento quando potrebbero determinare, ad esempio, se qualcuno ha sentimenti «amorosi» per un collega, quei datori di lavoro «rispetteranno l’autonomia dell’individuo», ritiene Farahany.

 

Il concetto delle scansioni cerebrali è stato teorizzato da Klaus Schwab nel suo libro sulla Quarta Rivoluzione Industriale, ritenuta una «fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica».

 

«Anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo» dice Schwab. «I dispositivi esterni di oggi, dai computer indossabili alle cuffie per la realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello».

 

Un video di una passata edizione del WEF lo vede discutere entusiasta di questa trasparenza cognitiva con il cofondatore di Google Sergej Brin, con il vecchio che si esalta all’idea di poter sapere tramiti impianti cerebrali di massa cosa pensa il pubblico in sala.

 

 

Come riportato da Renovatio 21, nel 2022 era stato il capo della Nokia a dire che i cellulari «saranno costruiti direttamente nei nostri corpi».

 

 

«La visione che la Farahany ha descritto nei suoi discorsi sembra andare di pari passo con l’idea di uno stato di sicurezza biomedica, qualcosa a cui hanno alluso altri relatori del WEF» scrive Lifesitenews ricordando le parole dell’ex primo ministro britannico Tony Blair, il quale ha affermato in un altro evento di Davos che i registri digitali vaccinali e l’infrastruttura digitale per i dati sanitari sono «importanti» per prepararsi, ovviamente, a future pandemie.

 

Blair, che alcuni indicano come successore di Klaus Schwab, durante il biennio pandemico ha più volte spinto per passaporti vaccinali ed altri sistemi di bio-tracciamento degli esseri umani.

 

Non stupisce che Blair sia tra coloro che vogliono la guerra alla Russia – se necessario anche con armi nucleari.

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

Il Patriarca di tutte le Russie Cirillo contro la sorveglianza digitale post-COVID e il transumanismo

Pubblicato

il

Da

Il 22 dicembre scorso si è tenuta a Mosca, nella sala per le conferenze ecclesiastiche della Cattedrale del Cristo Salvatore, la riunione generale del clero della Patriarcale e Primaziale Arcidiocesi Metropolitana di Mosca, sotto la presidenza del proprio gerarca, il Patriarca Cirillo.

 

Alla riunione hanno partecipato buona parte dei quasi 2000 sacerdoti e diaconi che servono nel territorio della città, e rappresentanze degli oltre 2000 monaci e monache residenti nei monasteri urbani.

 

Il Patriarca ha tenuto una lunga e articolata relazione, nel corso della quale si è soffermato su molteplici tematiche riguardanti la vita della diocesi moscovita e, più in generale, della Chiesa Russa nel corso dell’anno che va concludendosi.

 

In particolare, il Patriarca ha parlato dei gravi effetti sociali dell’epidemia trascorsa e delle minacce che questi comportano: «durante la diffusione dell’infezione da coronavirus, (…) abbiamo visto anche molti fenomeni negativi, come l’alienazione reciproca delle persone, l’aggravarsi dell’egoismo, l’insorgere di fobie e panico, la manipolazione dell’opinione pubblica e, cosa più amara, l’abbandono da molte persone della partecipazione di persona ai sacri uffici e alla vita della chiesa».

 

«In molti Paesi del mondo, la lotta contro il coronavirus è servita come pretesto per aumentare il controllo da parte degli stati e delle corporazioni private sulla vita delle persone e della società, particolarmente attraverso l’introduzione di tecnologie digitali che non sono trasparenti per la maggior parte delle persone. Nei due anni di diffusione dell’infezione, gli squilibrî sociali ed economici tra le persone si sono intensificati, risultando pure in un ingiusto arricchimento di taluni e nell’impoverimento di altri.

 

«È diventato ancora più comune in molti Paesi e società l’imporsi dell’ideologia della sinistra radicale, dei loro falsi e immorali «valori», e molto spesso ciò è avvenuto con il potere coercitivo degli stati».

 

«Sembrava che a causa delle restrizioni agli spostamenti e alla cooperazione internazionale lo sviluppo della globalizzazione avrebbe avuto un freno. Tuttavia, abbiamo visto che ciò non è accaduto, e anzi l’ideologia del globalismo si è persino rafforzata, proponendo il predominio totale di certi paesi e delle loro alleanze politico-militari su altre nazioni, al posto di pacifiche e rispettose interazioni. Il globalismo è una sorta di pretesa di universalità senza Dio, che implica il disprezzo per l’identità, per il benessere, per la libertà e la religione della maggioranza dei popoli della terra».

 

«Molti ritengono che l’infezione di coronavirus e quanto le è connesso siano stati forse la più grande prova che l’umanità abbia affrontato negli anni recenti; forse questo avrebbe dovuto far sì che le persone traessero le giuste conclusioni da quanto è successo, e conseguentemente rifiutassero di partecipare ai processi distruttivi che si attuano nel mondo, e si rivolgessero a Dio. Purtroppo, questo non è accaduto, e l’umanità è anzi entrata, a mio avviso, in una nuova e persino più grave e pericolosa crisi».

 

Il Patriarca ha poi speso alcune parole sul conflitto in Ucraina, e ricordando i fatti di Jugoslavia nel 1999 ha fatto notare come «la macchina militare occidentale, tramite ricatto economico o politico, con l’aiuto delle cosiddette rivoluzioni colorate, opera consistentemente contro quei paesi i cui popoli sono portatori dell’Ortodossia».

 

Cirillo ha poi rimarcato i doveri del clero nella preghiera e nell’assistenza ai soldati, alle loro famiglie e ai rifugiati in questi momenti difficili. Ha anche comunicato dei contatti avuti con il Ministero della Difesa, affinché in caso di mobilitazione generale sia garantita l’esenzione dal clero dal servizio militare – finora non prevista dalla legge russa – in quanto l’83° Canone Apostolico e il 7° canone del Concilio di Calcedonia vietano ai chierici di portare armi.

 

Ancora, ha parlato dei rischi dell’«attitudine consumista alla vita umana, [del]la distruzione degli ideali di famiglia e [del]l’esaltazione dell’idea dell’assenza deliberata di figli, la cosiddetta childfree, [del]la propaganda della perversione sessuale e corruzione dei bambini, [del] tentativo di normalizzare la pratica della maternità surrogata, [del]la diffusione del peccato di infanticidio che grida vendetta al cielo, l’aborto».

 

A tal riguardo, ha esortato il clero moscovita a chiamare il peccato col proprio nome, anche quando questo possa non piacere ai potenti del mondo.

 

Egli ha poi proseguito:

 

«Ho più volte parlato del fatto che una significativa minaccia della modernità è l’idea del “miglioramento” arbitrario della persona, cioè l’idea del transumanesimo. Se la principale idea dell’umanesimo secolare era il riconoscimento dell’altissimo valore della persona in sé, al di fuori del suo legame con Dio, allora la base – consapevole o meno – dell’idea del transumanesimo è la disumanizzazione. D’altronde, nella scelta tra il cammino della vita e quello della morte (cfr. Ger. 21,8), l’umanità sta scegliendo la civiltà della morte e del declino, dacché si è proposta di eliminare completamente dalla propria civiltà la Fonte della Vita, cioè Dio».

 

Secondo il Patriarca, la tentazione primigenia del diavolo, quella di non seguire i piani di Dio e di calpestare l’immagine di Dio in noi per «essere come dèi», ritorna oggi prepotentemente.

 

«L’idea della disumanizzazione è intesa in un senso biologico, quando si compiono esperimenti sul corpo umano, sul genere, sulla genetica (…) Ma è intesa anche in un senso sociale, che si esprime particolarmente nell’aggressiva imposizione di forme eccessive di digitalizzazione, nelle quali l’uomo è depersonalizzato, e le sue decisione sono alla mercé degli algoritmi dei computer e della cosiddetta Intelligenza Artificiale».

 

«La comunicazione tra persone è pure disumanizzata, specialmente nei social network, quando gli utenti diventano isolati nel loro mondo o, più spesso, sono loro imposte preferenze e fonti d’informazione, e sparisce invece la genuina comunicazione di persona. Ma soprattutto, la disumanizzazione s’impone nel mondo delle idee, quando gli anti-valori che contraddicono il piano di Dio […] penetrano nella sfera della cultura, e danneggiano le fondamenta dell’educazione e della formazione».

 

Il primo gerarca della Chiesa Russa ha espresso la propria approvazione per le misure adottate dalla Duma di Stato contro la propaganda omosessuale, ma ha sottolineato come un’importante compito pastorale al giorno d’oggi sia contrastare la propaganda anti-famiglia che abbonda nella cultura di massa, abbattendo gli stereotipi antinatalisti.

 

Il Patriarca ha evidenziato i problemi a cui vanno incontro le giovani famiglie, a partire dalla necessità di lavorare per molte madri che vorrebbero invece dedicare il proprio tempo alla cura dei figli, annunciando di aver chiesto all’Assemblea Federale Russa degli speciali sostegni alle famiglie, evidenziando però come il primo necessario passo sia l’eliminazione dalla cultura popolare delle «aspirazioni egoistiche, con l’obbiettivo di “aver tutto dalla vita”, uno slogan che è il vessillo dell’era del consumismo illimitato. (…) L’approvazione nella cultura popolare di comportamenti dissoluti quali l’adulterio o il divorzio come norma di vita, o addirittura come valori, è distruttiva per la salvezza delle anime e la loro salute spirituale. Questi fenomeni devono essere direttamente e senza compromessi chiamati con il loro nome, e in una visione ortodossa sono un peccato».

 

Cirillo ha esortato quindi il clero a proclamare la verità divina su questo tema, in confessione e nei dialoghi con i giovani sposi, ma anche sulle piattaforme televisive e con ogni mezzo che forgia la cultura popolare. Ancora ha rivolto parole dure contro l’aborto, spiegando di essersi speso con ogni mezzo presso il governo perché esso venga tolto dai diritti garantiti dall’assicurazione medica obbligatoria: «Purtroppo, una pericolosa credenza continua a persistere nella nostra società, secondo cui la soppressione di una vita concepita sia un diritto umano. Questo è semplicemente ingiurioso nei confronti del vero significato di “diritti umani”. Oggi questa parola, “diritti umani”, copre un sacco di cose, compresi varî tipi di comportamenti peccaminosi e antisociali. Un’innocente persona viva, che non è ancora nata, ma che porta in sé l’immagine di Dio, viene considerata un ostacolo a una vita comoda, e una fonte di scomodità che può essere facilmente eliminata! L’aborto nella mente di molte persone è diventato qualcosa di quotidiano. E questo è un grandissimo peccato davanti a Dio».

 

Altre parole sono state spese sul tema dell’arrivo di molti immigrati musulmani, soprattutto provenienti dai paesi dell’Asia Centrale, nell’area moscovita, e di come la comunità locale e le parrocchie debbano relazionarsi con questo fenomeno, che molti guardano con preoccupazione.

 

Il Patriarca ha infine relazionato sulle attività pastorali e liturgiche del proprio ministero e della diocesi di Mosca nell’anno trascorso.

 

 

Nicolò Ghigi

 

 

 

Immagine giunta a Renovatio 21 da un sacerdote presente all’evento

 

 

Continua a leggere

Animali

Verso l’immortalità: scienziati trovano i geni nelle meduse. Che dicono i transumanisti?

Pubblicato

il

Da

Il segreto dell’immortalità potrebbe essere contenuto in una medusa più piccola di un’unghia umana; gli scienziati hanno trascorso gli ultimi decenni cercando di svelare i segreti della Turritopsis dohrnii, più comunemente chiamata la medusa immortale.

 

Recentemente i ricercatori dell’Universidad de Oviedo in Spagna hanno pubblicato una nuova ricerca sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) che potrebbe aiutare a risolvere questo mistero. In buona sostanza la medusa immortale sembra avere il doppio delle copie dei geni associati alla riparazione e alla protezione rispetto alla sua parente, ma mortale cugina, la medusa cremisi nota come Turritopsis rubra.

 

«Mentre l’invecchiamento colpisce la maggior parte degli organismi viventi, l’idrozoo Turritopsis dohrnii è l’unica specie in grado di ringiovanire ripetutamente dopo la riproduzione sessuale, diventando biologicamente immortale», hanno scritto gli autori nel documento. «Abbiamo identificato varianti ed espansioni di geni associati alla replicazione, alla riparazione del DNA, al mantenimento dei telomeri, all’ambiente redox, alla popolazione di cellule staminali e alla comunicazione intercellulare».

 

La riparazione del DNA e i telomeri sono particolarmente importanti per la creatura. Quando i tempi sono difficili o la gelatina sta morendo di fame, riassorbe i propri tentacoli e affonda sul fondo del mare, dove diventa ancora una volta un polipo bambino e sputa fuori altre gelatine che alla fine matureranno in meduse.

 

I telomeri della gelatina agiscono come piccoli elmetti di DNA, proteggendo le estremità dei filamenti cromosomici mentre si riproducono. Normalmente i telomeri si accorciano e vengono «esauriti» durante questo processo, ma questo non è il caso di Turritopsis dohrnii.

 

Non è dato sapere ancora come Turritopsis dohrnii modifichi le sue cellule così facilmente e, a livello filosofico, non è chiaro se le meduse risultanti siano o meno lo stesso individuo.

 

Tuttavia i ricercatori hanno motivo di essere entusiasti: uno dei migliori video esplicativi del web su questa speciale gelatina descrive come imparare a sostituire le cellule cerebrali e potrebbe in un futuro far scoprire nuovi trattamenti per malattie che gli esseri umani non sono ancora stati in grado di curare, come il Parkinson o l’Alzheimer.

 

In una dichiarazione l’autore dello studio e professore dell’Universidad de Oviedo ha confermato che il team spera di scoprire come aiutare gli esseri umani a vivere più a lungo.

 

«Da questa conoscenza speriamo di trovare risposte migliori alle molte malattie associate all’invecchiamento che ci sopraffanno oggi», ha detto Carlos López-Otín.

 

La questione che si pone Renovatio 21 è invece quanto tempo ci impiegheranno i transumanisti – sia quelli aperti rispetto alla propria intenzione di vivere per sempre che quelli che più o meno segretamente invece ci investono milioni – a cominciare a parlare di ibridazione genetica uomo-medusa immortale.

 

Considerando poi che questa si rigenera dopo l’accoppiamento, immaginate quanti magnati corrotti e senza Dio potrebbero prendere due piccioni con una fava – anzi scusate cambiamo espressione: quanti gioirebbero per questa unione di utile e dilettevole.

 

La verità è che, meduse immortali o meno, il progetto, che ha profonde radici storiche, è già molto avanti. E ci tocca tutti. Anzi, come ha scritto Renovatio 21: la guerra transumanista è già iniziata.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari