Connettiti con Renovato 21

Grande Reset

I figli del Grande Reset già governano il mondo

Pubblicato

il

 

 

In una intervista pubblicata mesi fa, Monsignor Athanasius Schneider, vescovo ausiliare in Kazakistan e fiero oppositore della follia pandemica e del suo vaccino ricavato dall’industria fetale» poneva una questione semplice: come è possibile che praticamente in ogni Paese del mondo la risposta al coronavirus è stata la medesima?

 

«Trovate le stesse modalità in Libano, in Kazakistan, in Brasile, in Italia – perfino i dettagli, le prescrizioni sanitarie… hanno messo le maschere a tutti, come se fossimo degli schiavi, e poi dovete fare comunque il vaccino».

 

Monsignor Schneider è abituato a viaggiare per il mondo con grande frequenza. Ovunque sia stato, Sua Eccellenza avrebbe trovato le medesime restrizioni, le medesime imposizioni da parte dello Stato.

 

Lockdown, obblighi di vaccinazione, «protocolli» di cura, pass sanitari… E poi i media a senso unico, e i politici pure.

 

Come è stato possibile una simile perfetta ridondanza in ogni angolo del pianeta?

 

Abbiamo ripetuto varie volte che questo, alla fine il COVID costituisce un processo di allineamento: i social media e i media mainstream ora dicono la stessa cosa; il sindacato va d’accordissimo con il padronato; la destra e la sinistra sono al governo insieme…

Qualcuno si è chiesto come questa incredibile mutazione dello scenario politico-sociale di ogni Paese sia potuta avvenire con questa spaventosa simmetria

 

Tuttavia, qualcuno si è chiesto come questa incredibile mutazione dello scenario politico-sociale di ogni Paese sia potuta avvenire con questa spaventosa simmetria.

 

In molti hanno cominciato a notare, durante il biennio pandemico, il rumore di certe mani che si sfregavano, che ad un certo punto cominciò ad essere impossibile da ignorare… ecco che, improvvisamente, si cominciava a parlare di quello che qualche anno fa si chiamava con semplicità «il Club di Davos» (oggi si preferisce chiamarlo World Economic Forum, o WEF). Ecco, spuntano i discorsi di Klaus Schwab, qualcuno comincia ad accorgersi che ha scritto dei libri – l’ultimo pubblicato in Italia, La quarta rivoluzione industriale, ha la prefazione di John Elkann, l’erede di Gianni Agnelli, ed è una lettura obbligata per manager certi rampanti.

 

Ecco che, improvvisamente, si iniziava a sentire questa espressione sinistra, ma usata come fosse bella e solare: «Grande Reset».

 

Essere a gennaio nella piccola cittadina svizzera poco al di là del confine italiano è uno status symbol del livello più alto possibile. Perché Davos – come abbiamo ricordato su queste pagine –  ci vanno uomini di potenza termonucleare, sia che si tratti di trilioni di dollari o di veri e propri missili a testata atomica. Renovatio 21 ha ricordato, per esempio, l’eccezionale edizione 2017, quando tutta l’élite del «Partito di Davos» (copyright Steve Bannon) era spaventata a morte dall’elezione di Trump: ebbene, acclamarono al Forum, come un salvatore, il capo della Cina comunista, Xi Jinping, con i giornali in mano ai gruppi industriali, compresi i nostri, a leccare per terra dove il cinese passava.

 

Eccerto: «Xi Jinping a Davos difende la globalizzazione». Gli industriali applaudono l’oligarca comunista. Non una grinza. Se ci seguite sapete anche perché.

 

Tuttavia la capacità di unire i superpotenti della Terra grazie a una rubrica magica – del genere che aveva, pià o meno così, anche Aurelio Peccei – non basta a spiegare la perfetta consonanza della politica pandemica.

 

E così, qualche mese fa, l’economista tedesco Ernst Wolff ha cominciato a parlare di una «scuola» interna a Davos, la  «Young Global Leaders», dove vengono fatti studiare giovani di belle speranze già segnalati e portati alla corte di Schwab.

I loro nomisono  rilevanti per comprendere gli eventi mondiali durante la pandemia

 

Il tedesco ritiene che i loro nomi sono rilevanti per comprendere gli eventi mondiali durante la pandemia.

 

Il WEF parte nel 1971. A quel punto lo Schwabbo è ancora un pischello: ha 32 anni, tuttavia ha potuto studiare negli USA, dove è entrato nelle grazie di un uomo speciale, che all’epoca appariva quasi invincibile: Henry Kissinger. Il quale oltre che invincibile sta dimostrando di essere anche immortale: a 99 anni sta per uscire con un nuovo libro di analisi storica e geopolitica finissima.

 

Difficile comunque spiegare il successo dell’iniziativa: il WEF (che si è chiamato European Management Forum sino al 1987) riesce a mettere insieme440 dirigenti di 31 nazioni già al suo primo incontro nel febbraio 1971. Un risultato piuttosto notevole, per alcuni inspiegabile, considerando che a tirare le fila c’è un ragazzo così giovane come il Klaus. Il Forum all’inizio conta tra i partecipanti solo manager. Poco più in là, a Davos  scatta il diluvio di politici e personaggi dei media e della mega-finanza che gli riconosciamo ora.

 

Nel 1992 lo Schwab  fonda un’istituzione parallela, la scuola Global Leaders for Tomorrow, che è stata ribattezzata Young Global Leaders nel 2004. Non si accede per invito: pare invece che per seguire i corsi bisogna presentare una domanda di ammissione e lasciarsi scrutinare: il processo di selezione, dicono, è piuttosto rigoroso. «Ogni anno, il Forum dei giovani leader globali intraprende un rigoroso processo per identificare i leader più promettenti e avvincenti del mondo di età inferiore ai 40 anni» scrive il sito ufficiale del YGL.

Facciamo qualche nome della prima classe, quella del 1992, per vedere se qualche nome vi suona: Angela Merkel, Bill Gates, Tony Blair

 

Facciamo qualche nome della prima classe, quella del 1992, per vedere se qualche nome vi suona: Angela Merkel, Bill Gates, Tony Blair… Qualcuno sostiene che siano stati alunni anche Sarkozy e Viktor Orban, ma non troviamo conferme.

 

Edizione dopo edizione, siamo arrivati alla cifra di 1.300 diplomati YGL. Moltissimi di loro sono diventati leader di peso nel loro Paese di origine e in tutto il mondo.

 

Prendiamo la Germania. Quattro studenti di Schwab sono ex e attuali ministri della salute per la Germania, tra cui Jens Spahn, che è il controverso ministro federale della Salute dal 2018.

 

Philipp Rösler, ministro della Salute tedesco dal 2009 al 2011, è stato nominato amministratore delegato del WEF da Schwab nel 2014.

 

Annalena Baerbock, leader dei Verdi tedeschi che è stata la prima candidata del partito a cancelliere alle elezioni federali e che ora è ministro degli Esteri di Berlino, con posizioni piuttosto anti-Putin.

 

Spostiamoci nell’altro emisfero: Jacinda Ardern, il premier della Nuova Zelanda che ha istituito lockdown draconiani (l’ultimo sta partendo ora) anche per un solo caso nel Paese, dichiarando apertis verbis che «non vi sarà fine al programma di vaccinazione» e vantandosi in TV della creazione di una società a due livelli in cui i non vaccinati sono cittadini di serie B privati delle libertà.

 

Non sorprende trovare nella lista il nome di Emmanuel Macron, presidente della Francia, e ancora prima, ministro dell’Economia e agente per la Banca d’affari Rothschild. Il Macrone è un Young Global Leaders classe 2017.

 

Sebastian Kurz, fino a poco tempo fa giovanissimo cancelliere d’Austria, poi espunto di colpo per uno scandaletto. Al suo posto, un governo di lockdown durissimi e obbligo vaccinale totale con multe e carcere speciale per i non vaccinati. (Ora Kurz lavora per il geniale miliardario Peter Thiel, il quale però detesta Davos).

 

Nella lista troviamo anche il governatore della California Gavin Newsom, che è stato selezionato per la classe del 2005. Newsom è sopravvissuto quest’anno ad un processo di recall, ossia una elezione popolare per sfiduciarlo dopo la gestione disastrosa della pandemia; in autunno era sparito per settimane, si mormorò che il suo bel volto fu temporaneamente sfigurato da una paresi di Bell a seguito della terza dose, ma non c’è possibilità di verificare. Newsom è espressione della ricchissima famiglia petrolifera Getty. Suo padre aiutò i Getty a far avere alla ‘Ndrangheta il danaro del riscatto del giovane Getty rapito: un evento che, di rimbalzo, cambiò per sempre il traffico intercontinentale degli sutpefacenti, lanciando i calabresi nell’Olimpo delle mafie più ricche ed efficienti.

 

Jeff Bezos, il padrone di Amazon, è un diplomato del 1998: all’epoca, Amazon era un’azienda che perdeva centinaia di milioni di dollari. Ora è l’uomo più ricco del mondo, con attività robotizzate proprio come raccontato da Schwab nel suo libro sulla Quarta Rivoluizione industriale. Con Amazon, ha guadagnato cifre immense dalla pandemia.

 

Chelsea Clinton, che quando non è in Vaticano lavora ad una cosa oscura chiamata Fondazione Clinton, è del gruppo anche lei.

Pochissimi diplomati della scuola dei Global Leaders lo elencano nei loro curriculum

 

C’è pure Richard Branson, l’inventore del marchio Virgin, che non manca mai.

 

E poi ancora: i fondatori di Google Sergei Brin e Larry page, il grande capo di Facebook Mark Zuckerberg, l’ora più o meno desaparecido magnate del sito cinese Alibaba Jack Ma. Tutti individui che si sono arricchiti spaventosamente in questa crisi senza precedenti.

 

In più, tra gli alumni ecco tocchi di glamour: Leonardo Di Caprio, Charlize Theron, l’artista dei neon Olafur Eliasson, Michael Schumacher (non sappiamo se prima o dopo l’incidente), l’attore hollywoodiano Ashton Kutcher, il presentatore gay CNN Anderson Cooper (erede della potente famiglia americana Vanderbilt e stagista presso la CIA, nonché affittatore di uteri)

 

Nel 2012, Schwab e il WEF hanno fondato un’altra istituzione, la «Global Shapers Community», che riunisce coloro che hanno individuato un potenziale di leadership in tutto il mondo e che hanno meno di 30 anni.

 

Scrive Koening che ad oggi, circa 10.000 partecipanti sono passati attraverso questo programma e tengono regolarmente riunioni in 400 città. Wolff crede che sia l’ennesimo banco di prova in cui i futuri leader politici vengono selezionati, controllati e preparati prima di essere inseriti nell’apparato politico mondiale.

 

Wolff sottolinea che pochissimi diplomati della scuola dei Global Leaders lo elencano nei loro curriculum. Egli racconta di averlo visto elencato solo su uno: quello dell’economista tedesco Richard Werner, noto critico dell’establishment. L’economista suggerisce che la scuola sembra voler includere anche i critici del sistema tra i suoi ranghi, poiché un altro nome tra i suoi diplomati è Gregor Hackmack, il capo tedesco di Change.org, che era nella sua classe del 2010. Wolff ritiene che ciò sia dovuto al fatto che l’organizzazione vuole presentarsi come equa ed equilibrata, sebbene voglia anche garantire che i suoi critici siano un’opposizione controllata.

 

Ma perché proprio loro?

«Wolff ritiene possibile che queste persone siano state selezionate per la loro disponibilità a fare tutto ciò che gli viene detto e che siano incastrate fino a fallire in modo che il successivo contraccolpo possa essere sfruttato per giustificare la creazione di una nuova forma di governo globale»

 

«Wolff ritiene possibile che queste persone siano state selezionate per la loro disponibilità a fare tutto ciò che gli viene detto e che siano incastrate fino a fallire in modo che il successivo contraccolpo possa essere sfruttato per giustificare la creazione di una nuova forma di governo globale» scrive Peter Koenig in un articolo sul sito canadese Global Research,

 

«Wolff osserva infatti che i politici con personalità uniche e visioni forti e originali sono diventati rari e che il carattere distintivo dei leader nazionali degli ultimi 30 anni è stata la loro mitezza e adesione a una rigida linea globalista dettata dall’alto. Ciò è stato particolarmente evidente nella risposta della maggior parte dei Paesi alla pandemia, dove due anni fa politici che non sapevano nulla dei virus hanno improvvisamente proclamato che il COVID era una grave crisi sanitaria che giustificava il rinchiudere le persone nelle loro case, chiudere le loro attività e distruggere intere economie».

 

«Determinare esattamente come funziona la scuola è difficile, ma Wolff è riuscito a imparare qualcosa al riguardo. Nei primi anni della scuola, ha coinvolto i membri di ogni classe che si sono incontrati più volte nel corso dell’anno, inclusa una sessione di “formazione per dirigenti” di dieci giorni presso la Harvard Business School. Wolff crede che, incontrando i loro compagni di classe e diventando parte di una rete più ampia, i laureati stabiliscano quindi contatti su cui fare affidamento nelle loro carriere successive».

 

Il board del WEF include persone come il capo della BCE Christine Lagarde, la regina Rania di Giordania e soprattutto Larry Fink, il CEO di BlackRock, la più grande società di gestione degli investimenti a livello internazionale e che gestisce circa 9 trilioni di dollari all’anno.

Lo scopo materiale del WEF sarebbe quindi facilitare la cooperazione ad alto livello tra le multinazionali e i governi degli Stati, e questo è sotto gli occhi di tutti

 

Lo scopo materiale del WEF sarebbe quindi facilitare la cooperazione ad alto livello tra le multinazionali e i governi degli Stati, e questo è sotto gli occhi di tutti.

 

Wolff fa il caso dell’alumnus YGL Bill Gates, ad esempio, e dei suoi affari Pfizer, il principale produttore di vaccini mRNA, attraverso le iniziative di salute pubblica della sua Fondazione in Africa da molto prima dell’inizio della pandemia. «Forse non a caso, Gates è diventato uno dei principali sostenitori del lockdown e dei vaccini COVID da quando sono diventati disponibili, e il Wall Street Journal ha riferito che la sua Fondazione aveva ricavato circa 200 miliardi di dollari in “benefici sociali” dalla distribuzione dei vaccini prima che la pandemia anche iniziato» scrive Global Research.

 

Secondo l’autore uno degli obiettivi delle attuali politiche perseguite da molti governi è distruggere le attività dei piccoli e medi imprenditori in modo che le multinazionali con sede negli Stati Uniti e in Cina possano monopolizzare gli affari ovunque. Come sappiamo, la distruzione programmata della classe media in Paesi come l’Italia è una realtà di lungo corso, la cui evidenza è ora incontrovertibile.

L’obiettivo finale di questo dominio da parte delle grandi piattaforme è vedere l’introduzione di una valuta bancaria digitale

 

Wolff sostiene che l’obiettivo finale di questo dominio da parte delle grandi piattaforme è vedere l’introduzione di una valuta bancaria digitale e considera la possibilità che due Paesi europei siano già pronti per la valuta elettronica: Svezia e Svizzera. Forse non a caso, la Svezia non ha praticamente avuto restrizioni di lockdowno a causa della pandemia e la Svizzera ha adottato solo misure molto leggere.

 

L’economista tedesco ritiene che la ragione di ciò potrebbe essere che i due Paesi non avevano bisogno di far crollare le loro economie attraverso misure di lockdown perché erano già pronti a iniziare a utilizzare la valuta digitale prima dell’inizio della pandemia. Egli sostiene che potrebbe essere in preparazione un nuovo ciclo di lockdown che abbatterà per sempre le economie mondiali, portando a una massiccia disoccupazione e, a sua volta, all’introduzione del reddito di base universale e all’uso di una valuta digitale gestita da una banca centrale.

 

Come ripetuto tante volte da questo sito, tale avrà dei limiti programmabili, sia in termini di ciò per cui le persone possono spenderla sia nel periodo di tempo e nel luogo in cui la si deve spendere. Inoltre, servirà al controllo fiscale totale, espanso su ogni singola azione dell’individuo, e direttamente agito con prelievi sul conto senza più intermediazione.

 

Quindi: shock, lockdown, crash finanziario e poi la moneta elettronica e un reddito di cittadinanza globale per ciascun sopravvissuto… Si tratta, se non lo avete capito, dell’attuazione dell’idea del WEF per cui «non possiederai nulla e sarai felice», come da slogan dell’organizzazione e da sogno non più così mostruosamente proibito di Klaus Schwabbo.

 

Si tratta, parimenti, di quel piano che Renovatio 21 aveva raccontato con la storia di quella  strana lettera dal Canada uscita a fine 2020…. già il Canada, lo stesso Paese che in queste ore potrebbe vedere una repressione brutale di ogni protesta al Nuovo Ordine.

 

E di fatto, uno degli studenti più riusciti di Davos è certamente lui, Justin Trudeau.

I figli del Grande Reset oggi governano il mondo, e cercano di portare a compimento il loro piano maledetto

 

Renovatio 21 lo aveva notato in più occasioni: Trudeau jr. era stranamente impudico quando parlava in consessi pubblici. Ha usato con sincerità e abbondanza proprio quell’espressione, «Grande Reset», che come sapete è proibita nei media mainstream, e chi la usa è solo un complottista da deridere o da reprimere, rinchiudere, far tacere.

 

Trudeau è ora a capo di un processo di demolizione della democrazia nel suo Paese: insulti a chi osa protestare, nessun incontro, minacce incredibili (i conti bloccati), i finanziamenti rubati, i sostenitori hackerati e doxxati.

 

Del resto la cosa sconvolgente, o divertente, è che Schwab lo ha pure rivendicato, e c’è il video.

 

 

Sì, Schwab rivendica di avere «penetrato», dice, vari gabinetti di governo in tutto il mondo, ma è orgoglioso soprattutto del caso Trudeau.  «Metà di quel gabinetto, o forse addirittura più di metà sono Young Global Leader del World Economic Forum». Testuali parole.

 

Se per i manifestanti di Ottawa il «penetrato» Trudeau è oggi un tiranno, per molti Stati, specie in Europa, è un modello. Il piano con cui egli sta indefessamente portando a termine la mutazione del paradigma politico – con la morte definitiva della democrazia detta liberale – è segno del suo valore come allievo YGL.

 

I figli del Grande Reset oggi governano il mondo, e cercano di portare a compimento il loro piano perverso e maledetto.

 

Diamoci una svegliata.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

Grande Reset

Davos messianica: Klaus Schwab dichiara le élite non elette del WEF come «amministratrici del futuro»

Pubblicato

il

Da

Nel tentativo di ricostruire la fiducia, il fondatore del World Economic Forum (WEF) Klaus Schwab nomina se stesso e la folla di Davos «amministratori del futuro» in occasione dell’incontro annuale del WEF.

 

Martedì scorso, dando il via all’incontro annuale del WEF a Davos, in Svizzera, lo Schwab si è concentrato sul tema dell’incontro di quest’anno, «Ricostruire la fiducia», senza mai menzionare la ricostruzione della fiducia dei privati ​​cittadini.

 

«Dobbiamo ricostruire la fiducia: fiducia nel nostro futuro, fiducia nella nostra capacità di superare le sfide e, soprattutto, fiducia gli uni negli altri», ha affermato Schwab, riferendosi alla folla di Davos.

 

Il capo del gruppo estremista poi dato una definizione piuttosto peculiare di cosa significhi per lui «fiducia»: «la fiducia non è solo un sentimento; la fiducia è un impegno all’azione, alla fede, alla speranza» ha affermato il calvo guru.

 

 

Sostieni Renovatio 21

Lo Schwabbo ha quindi ribadito la necessità di abbracciare la Great Narrative Initiative del WEF, lanciata nel novembre 2021 in seguito al lancio dell’agenda del Grande Reset un anno prima, affermando che «dobbiamo riscoprire e abbracciare la narrativa che ha guidato l’umanità sin dal suo inizio, agendo come amministratori per un futuro migliore».

 

«Il concetto di fiducia e amministrazione fiduciaria ci obbliga a pensare oltre i confini e oltre le nostre vite», ha affermato Schwab, aggiungendo che «incoraggia la collaborazione rispetto alla concorrenza, la sostenibilità rispetto all’opportunità e l’empatia rispetto all’apatia».

 

«Come amministratori del futuro, abbiamo la responsabilità di far avanzare un mondo che sia più ricco di possibilità, più equo nelle opportunità e più sicuro nelle sue fondamenta. Inoltre, come leader nel governo, nel mondo degli affari e nella società, abbiamo la particolare responsabilità di ricostruire la fiducia nel modo in cui assumiamo il nostro ruolo di amministratori fiduciari».

 

Diventa chiaro, quindi, che il guru stia autonominando se stesso e i partecipanti del vertice di Davos come amministratori del mondo e padroni del futuro collettivo dell’umanità, in un impeto messianico ora quasi totalmente slatentizzato.

 

Significativo come tale evidente «complesso di Dio» venga venduto utilizzando una parola placida e pura, «fiducia».

 

«La fiducia è un pilastro fondamentale della nostra vita sociale, economica e politica. È vitale per la cooperazione, la coesione sociale e istituzioni efficaci e funzionanti. Per ricostruire la fiducia, è fondamentale incarnare l’amministrazione fiduciaria, il che significa prendersi cura del bene comune. Usiamo questo incontro annuale per ricostruire la fiducia esercitando la nostra amministrazione fiduciaria individualmente e collettivamente per salvaguardare il futuro dell’umanità e della natura».

 

Ogni anno che passa a Davos l’autodeificazione dell’élite diventa sempre più spudorata, svergognata.

 

Come riportato da Renovatio 21, poche ore fa la Regina d’Olanda ha parlato di sistemi di tracciamento totale dell’essere umano, dalle transazioni economiche allo status vaccinale. Il filosofo transumanista israeliano gay Yuval Harari si è invece concentrato sulla minaccia all’ordine mondiale costituita dall’elezione democratica di Donald Trump.

 

In passato abbiamo sentito di tutto uscire dal WEF: blackout «benefici», telefonini «costruiti dentro i nostri corpi», microchip nel cervello, esseri umani geneticamente per essere più bassi ed intolleranti alla carne, perfino la privazione dell’acqua come strumento di controllo della popolazione.

 

Nel frattempo, sul palco di Davos si celebrano apertamente riti di quel paganesimo amazzonico tanto caro a Bergoglio, accorciando sempre più la distanza nei confronti dei culti che nei secoli compivano sacrifici umani – gli stessi di cui Davos, in ultima analisi, invoca il ritorno.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic

 

 

 

 

Continua a leggere

Grande Reset

«La globalizzazione è fondamentalmente morale»: la lettera di lode di papa Francesco a Klaus Schwab e World Economic Forum

Pubblicato

il

Da

Papa Francesco ha inviato un messaggio di elogio al World Economic Forum (WEF) e al suo fondatore Klaus Schwab, scrivendo che l’incontro annuale del gruppo a Davos, in Svizzera, è una «importante opportunità» nel più ampio tentativo di «esplorare soluzioni innovative ed efficaci per costruire un mondo migliore».   «Mi auguro, quindi, che i partecipanti al Forum di quest’anno siano consapevoli della responsabilità morale che ciascuno di noi ha nella lotta contro la povertà, nella realizzazione di uno sviluppo integrale per tutti i nostri fratelli e sorelle, e nella ricerca della una convivenza pacifica tra i popoli», si legge nella lettera scritta in lingua inglese.   Il messaggio è stato inviato all’edizione 2024 incontro annuale del World Economic Forum, indirizzato al fondatore del WEF, il guru estremista Klaus Schwab.

Sostieni Renovatio 21

Bergoglio nel messaggio non menziona né Cristo, né il cattolicesimo né il ruolo della Chiesa cattolica, sottolineando invece il ruolo del WEF nel futuro globale.   Il romano pontefice ha scelto quindi di parlare delle sofferenze della guerra, insieme alla necessità di affrontare le «ingiustizie che sono le cause profonde dei conflitti». Tra queste ingiustizie, Francesco ha citato la «fame», lo «sfruttamento delle risorse naturali», insieme allo «sfruttamento» delle persone «costrette a lavorare per salari bassi».   Inoltre, ha menzionato un aspetto «fondamentalmente morale» dell’attuale «processo di globalizzazione» attualmente in corso e che mira a «plasmare il futuro della comunità internazionale».   «Il processo di globalizzazione, che ha ormai chiaramente dimostrato l’interdipendenza delle nazioni e dei popoli del mondo, ha quindi una dimensione fondamentalmente morale, che deve farsi sentire nelle discussioni economiche, culturali, politiche e religiose che mirano a plasmare il futuro della comunità internazionale» scrive alla setta di Davos il gesuita argentino.   Pur non promuovendo la fede o la religione come risposta alle attuali crisi della società, Papa Francesco invita governi nazionali e le imprese a promuovere «modelli di globalizzazione lungimiranti ed eticamente sani». Ciò consentirebbe di mettere il «potere» al servizio del «bene comune della nostra famiglia umana, dando priorità ai poveri, ai bisognosi e a coloro che si trovano nelle situazioni più vulnerabili».   Esortando le imprese a praticare «elevati standard etici», Francesco ha anche lanciato un appello alle nazioni affinché svolgano un nuovo ruolo nello sviluppo politico internazionale: «Allo stesso tempo, è evidente la necessità di un’azione politica internazionale che, attraverso l’adozione di misure coordinate, possano perseguire efficacemente gli obiettivi della pace globale e dello sviluppo autentico».   Questo sforzo internazionale comporterebbe il «controllo» di aspetti della sfera finanziaria, ha scritto, ispirandosi ai temi contenuti nell’agenda del «Grande Reset» di Schwab:   «In particolare, è importante che le strutture intergovernative riescano a esercitare efficacemente le loro funzioni di controllo e di indirizzo nel settore economico, poiché il raggiungimento del bene comune è un obiettivo che va oltre la portata dei singoli Stati, anche di quelli dominanti in termini di potere, ricchezza e forza politica».   «Anche le organizzazioni internazionali sono chiamate a garantire il raggiungimento di quell’uguaglianza che è alla base del diritto di tutti a partecipare al processo di pieno sviluppo, nel dovuto rispetto delle legittime differenze».

Aiuta Renovatio 21

Papa Francesco ha segnalato la sua intimità con Klaus Schwab del WEF, inviando un discorso al WEF cinque volte nel suo decennio di pontificato e consentendo una tavola rotonda annuale vaticana alla conferenza annuale con sede a Davos.   In un’intervista del 2021 con Vatican News, il parroco locale di Davos, padre Kurt Susak, ha rivelato che Francesco era stato invitato personalmente da Schwab per il cinquantesimo anniversario dell’evento, sebbene il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin fosse andato al posto del pontefice.   Le azioni e gli interessi pubblici di Papa Francesco sono strettamente in linea con Schwab, le élite globaliste e il WEF. Nel dicembre 2020, Francesco usò la frase «ricostruire meglio», lo slogan sinonimo di politiche globaliste. La frase era il nome del sito web di Joe Biden dopo le elezioni (BuildBackBetter.gov), in cui affermava di «ripristinare la leadership americana».   Poco dopo, Francesco si è unito alle aziende di tutto il mondo per promuovere un nuovo «sistema economico» di capitalismo in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, nonostante il loro legame con l’aborto, e il suo stesso appello a una vita semplice e austera.   A ciò è seguita poi una partnership tra il Vaticano e le Nazioni Unite, in cui il Papa ha mostrato ancora una volta le sue tendenze globaliste promuovendo l’educazione sugli «stili di vita sostenibili», sull’«uguaglianza di genere» e sulla «cittadinanza globale», evitando però qualsiasi menzione di la fede cattolica, ricostruisce LifeSiteNews.   Poi, in un discorso del 2021 alla Banca Mondiale e al Fondo Monetario Internazionale, Francesco ha fatto eco ai sentimenti espressi da Schwab. Il «Grande Reset» anticattolico proposto da Schwab è sostenuto da un focus su un’agenda finanziaria apparentemente «verde», dal «ritiro dei sussidi ai combustibili fossili» e da un nuovo sistema finanziario basato su «investimenti» che promuovono «uguaglianza e sostenibilità» e la costruzione di una «infrastruttura urbana verde».   Infatti, durante l’incontro di Davos ritardato del 2022, un funzionario vaticano ha dichiarato che la Chiesa cattolica è «impegnata nelle varie questioni considerate nel forum», citando le encicliche Laudato Si’ e Fratelli Tutti di Papa Francesco come esempi di come la Chiesa cattolica stava aderendo in aspetti specifici all’agenda mondialista.   Come riportato da Renovatio 21, il discorso del Papa è stato fortemente criticato dall’ex nunzio presso l’arcivescovo americano Carlo Maria Viganò. «A Davos si riuniscono i padroni e i servi della cupola globalista» ha dichiarato il prelato. «Come avrebbe parlato Nostro Signore al sinedrio di criminali eversori del World Economic Forum? Cosa avrebbero detto ai partecipanti del Forum di Davos tutti i Papi da San Pietro a Pio XII? Non quello che ha detto Bergoglio, sicuramente. E questo dimostra ancora una volta che il Gesuita argentino è un servo dell’élite globalista: che lo faccia per interesse o per ricatto, conta poco».   «Bergoglio appoggia esplicitamente il colpo di Stato mondiale e coopera attivamente all’instaurazione del Nuovo Ordine Mondiale» continua monsignor Viganò. «Cos’altro serve per capire che si sono avverate le parole di Leone XIII? che la profezia di Nostra Signora a La Salette si sta compiendo sotto i nostri occhi? “Roma perderà la fede e diventerà sede dell’Anticristo”».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic  
Continua a leggere

Grande Reset

Mons. Viganò: la pandemia, il Grande Reset e il criminale piano di depopolazione mondiale di coloro che odiano Dio

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica il messaggio dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò ai partecipanti alla conferenza online «Medical Doctors for COVID Ethics International». Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Caro Dottor Frost, cari Amici,

 

da ormai quattro anni stiamo assistendo alla realizzazione di un criminale piano di depopolazione mondiale, ottenuto tramite la creazione di una falsa pandemia e l’imposizione di un falso vaccino, che oggi sappiamo essere un’arma biologica di distruzione di massa, progettato allo scopo di distruggere il sistema immunitario della popolazione, di provocarne la sterilità e l’insorgere di malattie mortali.

 

Tanti nostri amici e conoscenti sono morti o sono rimasti gravemente danneggiati per gli effetti avversi di questo siero genico sperimentale. Tanti hanno scoperto troppo tardi di essere stati vittima di un piano globale con un unico copione e sotto un’unica regia. 

 

I governanti di tutti gli Stati occidentali, ostaggio di Bill Gates e di Klaus Schwab, si sono resi complici di questo crimine, dimostrando con il loro comportamento il dolo e la premeditazione: dati falsati sui presunti contagi, statistiche manomesse per attribuire i decessi e gli effetti avversi alla COVID-19 e non al siero genico, cure efficaci proibite, protocolli dannosi imposti senza alcuna base scientifica, autopsie vietate, segnalazioni alle autorità sanitarie impedite o vanificate.

 

 

Sostieni Renovatio 21

 

In questo attacco senza precedenti nella Storia dell’umanità, abbiamo assistito alla complicità di tutte le istituzioni nazionali e internazionali, dell’intera classe medica e dei media. È stata condotta un’operazione di ingegneria sociale volta a manipolare il consenso tramite il terrore, la minaccia, il ricatto e la violazione dei più sacrosanti diritti fondamentali dei cittadini. La magistratura ha taciuto, le forze armate hanno guardato altrove, gli insegnanti e i sacerdoti hanno collaborato zelanti. 

 

Conosciamo bene chi siano gli autori di questo crimine contro Dio e contro l’umanità.

 

Certo, le multinazionali del farmaco hanno lucrato somme spropositate dalla vaccinazione di massa, e si apprestano ad accumulare altri miliardi di dollari dalla vendita delle cure contro il turbocancro che i loro sieri hanno provocato.

 

Hanno lucrato i vaccinatori, incentivati ad amministrare questi veleni anche alle donne incinte, ai bambini e agli anziani.

 

Hanno lucrato i sedicenti esperti, pagati per propagandare la falsa efficacia e sicurezza sul mainstream.

 

Hanno lucrato le multinazionali che, a causa dei lockdown, hanno preso il posto delle piccole aziende, dei ristoranti, dei negozi di prossimità.

 

Hanno lucrato e lucrano tuttora i fornitori di energia, che grazie alla crisi creata dal sistema hanno avuto profitti enormi mentre i costi di elettricità e gas costringono le attività ad aumentare i prezzi e a chiudere.

 

Hanno avuto il loro vantaggio anche quanti hanno approfittato delle restrizioni per lavorare da casa, quanti hanno venduto mascherine inutili e dannose, quanti hanno fornito le barriere di Plexiglas e l’amuchina, quanti hanno gestito la misurazione della febbre nei luoghi pubblici. Molti di loro, che avevano compreso quanto stava avvenendo, hanno preferito tacere per non perdere l’occasione di fare soldi sulla vita e sulla salute di tutti noi. 

Aiuta Renovatio 21

Ma non è solo il denaro il movente di questo crimine. Dietro la brama di arricchirsi di molti c’è la volontà di potere dell’élite eversiva di Davos, che mira a instaurare il Nuovo Ordine Mondiale. La psicopandemia ha costituito la prova generale dell’attacco che ora essi muovono contro l’economia, il tessuto sociale e la vita dell’umanità.

 

Le città di quindici minuti, l’identità digitale, la moneta elettronica, la distruzione dell’agricoltura e dell’allevamento hanno lo stesso scopo, dichiarato nell’Agenda 2030 e nel progetto del Great Reset della Fondazione Rockefeller. Anche la guerra in Ucraina e in Palestina hanno lo stesso scopo: destabilizzare gli equilibri internazionali, creare delle crisi permanenti e alimentare i conflitti per impoverire gli Stati e nutrire il leviatano globalista (…).

 

È necessario che questo colpo di Stato globale sia denunciato e che i suoi responsabili siano processati e giudicati da una Corte internazionale. Ma soprattutto è necessario che tutti noi comprendiamo che questa guerra senza quartiere contro l’umanità non è motivata soltanto dalla brama di ricchezze e di potere, ma principalmente da un motivo religioso, da una ragione teologica. E questa ragione è l’odio di Satana verso Dio, verso la Sua creazione e verso gli uomini, creati a immagine e somiglianza di Dio.

 

Bill Gates, Klaus Schwab, George Soros e le centinaia di servi che essi tengono sotto ricatto nei governi odiano Dio. Odiano la vita, che solo Dio può dare. Odiano l’amore, che viene solo da Dio. Odiano la pace, che può regnare solo dove Cristo regna. Come ha detto qualche giorno fa Tucker Carlson, ci troviamo davanti a persone che servono Satana e i demoni dell’inferno, esattamente come le persone normali adorano e servono Dio. 

 

Questa è dunque una battaglia in cui corpo e anima, materia e spirito sono fatte oggetto di un attacco mortale da parte di uomini e potenze spirituali. Ma non dimentichiamo che, se il nostro nemico si avvale dell’aiuto degli spiriti infernali, noi abbiamo dalla nostra parte il Signore Dio degli eserciti schierati – Dominus Deus Sabaoth – e tutte le schiere degli Angeli e dei Santi, infinitamente più potenti.

 

Dio è onnipotente: non dimentichiamolo mai. Ed è Padre: Egli non abbandona i Suoi figli nel momento della prova. 

 

Vi esorto quindi, cari Amici, a combattere questa battaglia con le armi spirituali che Dio vi mette a disposizione: la preghiera, la fiducia nel Signore, la consapevolezza che questo nemico non si vince dove esso è più organizzato e temibile, ma colpendolo dove è debole (…) .

 

Portate dunque alla luce e denunciate, con coraggio, la rete di complicità e crimini di politici, banchieri, attori, giornalisti, prelati e personaggi famosi accomunati dal loro patto di sangue, e tutto il castello di menzogne e inganni che essi hanno ordito crollerà, trascinando con sé l’intero piano globalista, l’ideologia woke, la teoria gender, la falsa emergenza climatica, la frode sanitaria, la moneta digitale.

 

Simul stabunt, simul cadent, dice l’adagio latino: come stanno in piedi insieme, insieme crolleranno. 

 

Rimanete dunque sotto il vessillo di Cristo, nello schieramento di Dio, che è onnipotente e che ha già vinto, sulla Croce, la guerra che oggi vediamo alle ultime fasi. Stringetevi intorno al Signore, invocate il Suo nome, ed Egli darà slancio alla vostra battaglia. Ricordate le parole di San Paolo: Posso tutto in Colui che mi dà forza (Fil 4, 13). 

 

+ Carlo Maria Viganò

Arcivescovo

 

2 Gennaio 2024
Santissimo Nome di Gesù

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Renovatio 21 offre questo scritto per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari