Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Davos, «ragioni solide e razionali» per impiantare microchip nei bambini

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Affermando che la tecnologia della «realtà aumentata» «ha la capacità di trasformare la società e le vite individuali», il World Economic Forum ha recentemente suggerito che ci sono ragioni «solide», «razionali» ed «etiche» per considerare l’impianto di microchip nei bambini.

 

 

 

Affermando che la tecnologia della «realtà aumentata» «ha la capacità di trasformare la società e le vite individuali», il World Economic Forum (WEF) ha recentemente suggerito che ci sono ragioni «solide», «razionali» ed «etiche» per considerare l’impianto di bambini con microchip.

 

Secondo un articolo pubblicato questo mese sul sito web del WEF, «le tecnologie implantari potrebbero diventare la norma in futuro» e «fanno parte di una naturale evoluzione subita dai dispositivi wearable [indossabili, ndt]».

 

L’autrice dell’articolo, Kathleen Philips, ha affermato che ci sono argomenti «avvincenti» a favore del microchippaggio degli esseri umani.

 

Ad esempio, le tecnologie implantari potrebbero soppiantare il ruolo attualmente svolto dai prodotti farmaceutici ingeribili, potrebbero aiutare i bambini dislessici o potrebbero «annusare» allergeni alimentari o malattie come il COVID-19, ha affermato la Philips.

 

I potenziali vantaggi di queste «tecnologie straordinarie», ha affermato Philips, sono infiniti, limitati solo da «argomenti etici» piuttosto che da «capacità scientifiche».

 

La Philips è vicepresidente della ricerca e sviluppo di IMEC, una società belga che si definisce «l’hub di ricerca e sviluppo e innovazione leader a livello mondiale nella nanoelettronica e nell’elettronica digitale».

 

Secondo il WEF, l’articolo di Philips è stato «intenzionalmente travisato su siti che diffondono informazioni false», aggiungendo che «il travisamento dei contenuti riduce le conversazioni aperte».

 

 

Le tecnologie impiantabili forniscono «superpoteri» ai bambini

Secondo Philips, mentre «i supereroi hanno dominato i grandi e piccoli schermi per un po’», al giorno d’oggi, «molti bambini si aspettano di sviluppare loro stessi i superpoteri».

 

Suggerendo che la tecnologia implantare ha il potenziale per fornire tali «superpoteri», ha affermato, «la tecnologia ha sempre avuto il potenziale per trasformare la società e migliorare la nostra vita quotidiana e professionale» – e la tecnologia di aumento non fa eccezione.

 

Respingendo le argomentazioni secondo cui tali aspettative sono «irraggiungibili», la Philips ha affermato: «stiamo già facendo i primi passi verso una “società aumentata”», citando le app di monitoraggio del fitness sugli smartphone come parte di un’evoluzione «dall’assistenza sanitaria alla cura del bene [in originale «from health care to “well care”», ndt]».

 

Tale «cura del bene», secondo Philips, «non riguarda più solo la risoluzione di un danno», ma «riguarda la tecnologia che ti supporta e migliora la qualità generale della tua vita».

 

L’argomentazione di Philips rispecchia da vicino le affermazioni fatte di recente da società Big Tech come Apple nel descrivere i presunti vantaggi dei propri prodotti e app sanitari, come riportato di recente da The Defender.

 

In che modo la Philips definisce questo «aumento»?

 

Secondo Philips:

 

«L’aumento può essere definito come l’estensione della riabilitazione dove ausili tecnologici come occhiali, impianti cocleari o protesi sono progettati per ripristinare una funzione persa o compromessa».

 

«Aggiungilo a individui completamente sani e tale tecnologia può dare un aumento. Occhiali da notte, esoscheletri e interfacce cervello-computer fanno il quadro».

 

La tecnologia «aumentata» «aiuterà in tutte le fasi della vita: bambini in un ambiente di apprendimento, professionisti al lavoro e anziani ambiziosi», ha affermato la Philips. «Ci sono molte possibilità».

 

Non solo la tecnologia «diventerà più intrecciata con il corpo sotto forma di impianti», ha affermato Philips. «Si integrerà anche perfettamente con l’ambiente», ha affermato, citando esempi come «sensori su una sedia».

 

La tecnologia fa semplicemente parte di una «naturale evoluzione che i dispositivi indossabili hanno già subito», ha affermato la Philips, sostenendo che «gli apparecchi acustici o gli occhiali non portano più uno stigma» ma sono «accessori e sono persino considerati un articolo di moda».

 

«Allo stesso modo», afferma Philips, «gli impianti si evolveranno in una merce».

 

Ottenere un impianto è più invasivo che prendere un paio di occhiali, ha ammesso Philips, aggiungendo: «In genere, gli impianti saranno collegati a condizioni mediche» – suggerendo che gli impianti diventeranno inizialmente comuni negli esseri umani che soffrono di particolari disturbi.

 

In seguito, Philips ha affermato: «La misura in cui un particolare dispositivo diventa comune dipenderà dalla funzionalità della tecnologia e da quanto è integrata nel tuo corpo e nella vita quotidiana».

 

Ad esempio, le tecnologie implantari possono includere collane che «annusano COVID-19 o allergeni alimentari», per le quali «non c’è motivo immediato per impiantare questo senso in più nel tuo corpo», mentre «un’allergia mortale alle arachidi può giustificare una soluzione più permanente».

 

Ha anche suggerito che «gli impianti cerebrali ci portano un passo avanti» consentendoci di «attingere direttamente al “sistema operativo” del corpo», sostenendo che tale tecnologia è già utilizzata per «attenuare i sintomi dell’epilessia, del morbo di Parkinson o della depressione».

 

«La maggior parte [sebbene in particolare non tutte] le applicazioni rimarranno basate su necessità mediche piuttosto che su uno strumento di lettura del pensiero», ha affermato, e «gli impianti cerebrali potrebbero [enfasi aggiunta] non essere la prima scelta nella nostra società aumentata».

 

Come esempio di «necessità medica», la Philips ha osservato che «si dice che la stimolazione elettrica del nervo vago, la superstrada che ha origine nel cervello, sia una terapia miracolosa per la depressione resistente al trattamento».

 

 

«Ragioni solide e razionali» per «impiantare un chip di tracciamento nel tuo bambino»

Per la Philips, solo «argomenti etici» possono limitare l’invasione delle tecnologie impiantabili nella nostra vita quotidiana e nel nostro corpo.

 

Ponendo la domanda: «vuoi andare in giro con un chip in testa?» la Philips ha affermato che i chip non sono diversi da «apparecchi acustici o cardiofrequenzimetri» o «occhiali intelligenti, telefoni, braccialetti e simili».

 

È «plausibile», ha detto, che gli impianti seguiranno una «evoluzione simile» nel regno della salute e che questo «potenzialmente» potrebbe essere il caso anche nel mondo dell’istruzione e del lavoro.

 

Ponendo un’altra domanda ipotetica, ha chiesto: «Dovresti impiantare un chip di tracciamento nel tuo bambino?» «Ci sono ragioni solide e razionali per questo, come la sicurezza», ha detto.

 

Rispondendo alle preoccupazioni che questo potrebbe essere «un ponte troppo lontano», Philips ha sollevato la questione della sicurezza, citando l’esempio del pacemaker indossato dall’ex vicepresidente Dick Cheney, che è stato apparentemente modificato per prevenire l’hacking.

 

Philips ha anche chiesto ai lettori del suo articolo di «considerare tutti i prodotti farmaceutici che assumi senza fare domande», sostenendo: «Spesso dimentichiamo che questi farmaci sono correlati alle anfetamine» che già «hanno un impatto sul nostro cervello».

 

Riferendosi specificamente ai bambini, Philips ha affermato che ai bambini dislessici potrebbero essere fornite «nuove opportunità attraverso impianti che si traducono in tempo reale», pur riconoscendo che «la dislessia è un tratto personale» che noi, come società, dobbiamo determinare se desideriamo cambiare o no.

 

L’esempio di Philips di utilizzare potenzialmente i chip per curare la dislessia nei bambini ha una certa somiglianza con le affermazioni fatte in un video prodotto nel 2018 dal WEF, che promuoveva la tecnologia di riconoscimento facciale utilizzata in alcune classi cinesi per «controllare che gli studenti [sic] stiano prestando attenzione».


Questa tecnologia è stata anche oggetto di un articolo di Mashable del 2018 , che la descriveva come in grado di «misurare le espressioni degli studenti, inclusi rabbia, fastidio, sorpresa e, naturalmente, felicità», aggiungendo che può avvisare gli insegnanti «quando un il comportamento disattento dello studente raggiunge un certo valore».

 

Un funzionario dell’istruzione cinese è stato citato nella storia di Mashable affermando che «il sistema è abbastanza avanzato da catturare le sottili espressioni facciali in classe», aggiungendo che «questo è un modo molto efficiente per controllare la frequenza delle lezioni».

 

I commenti sulla pagina Facebook del WEF , dove è stato pubblicato il video, sono stati estremamente negativi.

 

Ad esempio, un commento diceva: «sembra più una prigione per me… Il Grande Fratello ti guarda sempre in ogni dettaglio, sembra più come avere prove per punizione o rimprovero».

 

È stato segnalato nel 2019 come l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale nelle aule sia stato «frenato» dalle autorità cinesi. Tuttavia, sembra essere ancora in uso a un certo livello, come l’ esecuzione di pagamenti, provocando recentemente una reazione da parte di alcuni genitori per problemi di privacy.

 

La Philips ha riconosciuto che la tecnologia solleva alcune preoccupazioni etiche. Tuttavia, ha affermato, il ruolo di guardia etica può e deve essere svolto da «istituzioni globali o indipendenti», che possono «guidare i responsabili politici e i ricercatori nella società aumentata sulle cose da fare e da non fare e aiutare a costruire il quadro etico sugli aspetti sociali della tecnologia della realtà aumentata».

 

Le recenti iniziative del Consiglio d’Europa e del Rathenau Institute del governo olandese sono state citate come esempi di tali «istituzioni globali o indipendenti».

 

 

Le tecnologie impiantabili fanno parte della più ampia promozione del WEF delle tecnologie artificiali

L’articolo della Philips è un altro di una recente serie di articoli apparsi sul sito Web del WEF che promuovono l’uso della realtà aumentata, della realtà virtuale (VR) e dell’intelligenza artificiale (AI) in molti aspetti della società, inclusa l’istruzione dei bambini.

 

Come riportato da The Defender a maggio, il WEF, dopo il suo vertice annuale a Davos, in Svizzera, quel mese, ha propagandato i vantaggi della realtà virtuale e dell’intelligenza artificiale in classe, arrivando a suggerire con entusiasmo che alla fine potrebbe soppiantare i mattoni e i scuole di mortaio del tutto.

 

Altri articoli recenti presenti sul sito web del WEF hanno promosso il metaverso come una sorta di fusione tra il proprio corpo fisico e «digitale», e il ruolo che l’IA potrebbe svolgere nell’arginare la diffusione della cosiddetta «disinformazione» e «teorie del complotto» sul Internet.

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

© 25 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

 

Essere genitori

«Influencer» per genitori condannata per abusi su minori

Pubblicato

il

Da

Una madre americana di sei figli, i cui consigli online sui genitori hanno attirato più di due milioni di abbonati su YouTube, è stata condannata il mese scorso ad almeno quattro anni di carcere con l’accusa di aggravamento di abusi su minori.

 

Ruby Franke, 42 anni, che gestiva il canale YouTube «8 Passengers», ora cancellata, è stata arrestata lo scorso agosto nello stato americano dello Utah quando suo figlio dodicenne malnutrito è scappato dalla casa di un’altra donna, Jodi Hildebrandt, 54 anni, per chiedere cibo e acqua a un vicino.

 

Il bambino era stato legato con nastro adesivo e aveva ferite aperte visibili a causa dell’essere stato legato con una corda, secondo i documenti della polizia. Hildebrandt, con il quale Franke collaborava in un’impresa commerciale separata, è stata condannata alla stessa pena detentiva di quattro pene da uno a 15 anni ciascuna.

 

Entrambe si erano dichiarate colpevoli a dicembre delle accuse di abuso aggravato di secondo grado su minori.

 

 

Sostieni Renovatio 21

Scusandosi con i suoi figli dopo la sua condanna, Franke ha detto di aver «creduto che l’oscurità fosse luce e che il giusto fosse sbagliato. Farei qualsiasi cosa al mondo per voi. Ho preso da voi tutto ciò che era tenero, sicuro e buono». Nella sua stessa dichiarazione, la Hildebrandt ha detto che spera che i bambini possano «guarire fisicamente ed emotivamente».

 

Durante il processo dell’anno scorso, il pubblico ministero Eric Clarke ha detto alla corte che due dei figli di Franke erano stati costretti a vivere in un «ambiente simile a un campo di concentramento» e gli erano stati «regolarmente negati cibo, acqua, letti in cui dormire e praticamente ogni forma di divertimento».

 

 

La Franke aveva creato il suo canale YouTube «8 Passengers» nel 2015 e l’estate scorsa aveva accumulato 2,3 milioni di abbonati, molti dei quali attratti dai video della vita familiare suburbana di Franke.

 

Tuttavia, alcuni spettatori si sono preoccupati nel 2020 quando uno dei suoi figli ha detto in un video che aveva dormito su un pouf per sette mesi. Altri video descrivevano Franke che tratteneva il cibo dai suoi figli e «annullava» il Natale come punizione.

 

Il canale YouTube «8 Passengers» è stato cancellato nel 2022, lo stesso anno in cui la Franke si era separata dal marito Kevin.

 

Nell’ambito di un patteggiamento, Hildebrandt – che ha collaborato con Franke in una serie di video di «life coaching» – ha ammesso di essere a conoscenza degli abusi sui minori e di aver costretto uno dei figli di Franke a «saltare più volte in un cactus».

 

Ha aggiunto che Franke aveva detto ai suoi figli che erano «malvagi e posseduti» e dovevano «pentirsi».

 

In una dichiarazione rilasciata dal suo avvocato prima del processo l’anno scorso, Kevin Franke ha chiesto che fosse inflitta la pena massima al suo ex partner per l’abuso «orribile e disumano» dei suoi figli.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Essere genitori

Lucifero vittima ed eroe: i cartoni animati riscrivono il Bene e il Male

Pubblicato

il

Da

Un video girato da una mamma italiana preoccupata sta circolando sui social media.   La signora mostra come su un popolare e onnipresente servizio di streaming vi sia un cartone che, alla prima puntata, riscrive completamente la storia biblica.   Per il cartone, Lucifero era buono, ed è stato punito ingiustamente. Si sarebbe poi trovato, «attratto dalla fiera indipendenza», con Lilith, prima moglie di Adamo poi divenuta demone – e già la presenza di questo personaggio nel cartone animato è indicativa, vista la sua persistenza nella mitologia femminista: di fatto, la vediamo scappare dal primo uomo che ancora prima di essere padre già la tratta come un patriarca.   Il lettore può vedere da sé il livello di inversione a cui si arriva: il «Paradiso» è cattivo, Lucifero è vittima della sua crudeltà; l’atto di dare la mela ad Eva è un atto prometeico di amore per l’umanità…  

Sostieni Renovatio 21

Si resta sbalorditi.   Pare addirittura, ma potremmo sbagliarci, che a San Michele Arcangelo, colui che sconfisse Lucifero, siano assegnate fattezze mostruose.   È semplicemente sconcertante: e provate a pensare a una piccola mente che assorbe questa storia prima di poter frequentare il catechismo, dove, in teoria, dovrebbero raccontargli la versione opposta. A chi crederà, alla TV o al catechista? Cosa sortirà la dissonanza cognitiva prodotta?   Apprendiamo che il cartone si chiama Hazbin Hotel ed è realizzato da un’artista poco più che trentenne, Vivienne Medrano, che sempre a tema infernale produce anche un’altra serie chiamata Helluva Boss. Dopo aver lavorato nei film horror, si è fatta largo su YouTube, per poi fare il suo primo cortometraggio «Son of 666» (2013). Bisessuale, si definisce «una donna queer su internet che ha fatto qualcosa di popolare».   La protagonista di Hazbin Hotel è Charlie Morningstar (Carla Stella del Mattino – anche qui, un riferimento a Lucifero) principessa dell’Inferno, nella sua ricerca per trovare un modo per «riabilitare» i peccatori e ammetterli in Paradiso, tramite il suo «Hazbin Hotel», come alternativa all’annuale «sterminio» delle anime da parte del Paradiso a causa della sovrappopolazione dell’Inferno.   La ragazzina protagonista è aiutata dalla sua «fidanzata» Vaggie, che è anche la sua manager, e da un attore pornografico chiamato Angel Dust. Il prodotto è R-rated, cioè, secondo la classificazione americana, adatto ad un pubblico di under 17 solo se accompagnati da un adulto. Amazon lo segna come «18+», tuttavia sappiamo che almeno al pubblico italiano ogni cartone suggerisce di default l’essere fatto per bambini, e il primo episodio è stato distribuito su YouTube, dov’è ancora possibile vedere liberamente anche il trailer, con violenza e oscenità sin dai primi secondi.   Attacco: «Ciao a te, peccatore perduto, ti piace il sangue, la violenza, e la depravazione di natura sessuale?». Segue turpiloquio vario.     La serie è prodotta in collaborazione con Amazon Studios dalla società di intrattenimento indipendente A24, una casa di produzione basata a Nuova York con all’attivo film e serie controversi come Spring Breakers e Euphoria. Lanciato il 19 gennaio 2024, Hazbin Hotel è il suo primo progetto di animazione, già disponibile con doppiaggio italiano.   Non si dichiara come un cartone per bambini: ma allora, per chi è? Quanti adulti amano vedere disegni stilizzati, caricature in movimento, invece che guardare del cinema? Una domanda antica, a cui forse non sappiamo rispondere perché sottovalutiamo l’infantilizzazione delle masse.   Torniamo un secondo sulla presenza in questo prodotto di intrattenimento del demone Lilith, scritto anche Lilit, Lilitu o Lilis, una figura femminile nella mitologia mesopotamica e giudaica, che secondo alcuni teorie non cristiane sarebbe stata la prima moglie di Adamo e presumibilmente un demone primordiale, una creatura «bandita» dal Giardino dell’Eden per non aver rispettato e obbedito ad Adamo – e per questo oggi citata e riverita dai movimenti femministi che combattono il patriarcato e la figura maschile. Si pensa che sia menzionata nella Bibbia in ebraico nel Libro di Isaia (34, 14), in una lista di animali notturni, dove è tradotto dalla versione CEI con «civetta».   La figura è più consistente nella tarda antichità nella mitologia mandea e nelle fonti della mitologia ebraica dal 500 d.C. in poi. Lilith appare in formule di incantesimo che incorporano una breve storia mitica (conosciuti oggi come historiolas nella mitologia mesopotamica, greca, aramaica, mandea e cabalistica) in vari concetti e località che danno descrizioni parziali di lei. La demonessa è menzionata nel Talmud babilonese, nel testo apocrifo Vita di Adamo ed Eva come la prima moglie di Adamo, e nello Zohar Leviticus come «una donna focosa e focosa che per prima convisse con uomo». Molte autorità rabbiniche tradizionali, tra cui Maimonide e Menachem Meiri, rifiutano l’esistenza di Lilith.   Perché un tale personaggio, di fatto conosciuto per lo più solo da chi è appassionato di esoterismo ed affini, compare in un cartone? Perché gli autori sono immersi nella cultura femminismo e nel gender che glorificano Lilith, le streghe, i demòni, l’Inferno. E credono che sia giusto immergere in questo calderone anche i vostri figli, per cucinarli secondo la ricetta del Moloch perverso-polimorfo che si sta impadronendo dell’Occidente e della sua cultura.

Aiuta Renovatio 21

È molto chiaro quello che sta accadendo, e non parliamo del macro-piano spirituale e morale dove è impossibile non vedere l’insorgenza del demoniaco sulle famiglie: a livello più concreto, è facile rintracciare la genealogia di questa cultura che viene fatta percolare nell’industria dell’intrattenimento, anche infantile. Si tratta del rifiuto radicale del cristianesimo tipico del genderismo, che non esita, come visibile in tanti Gay Pride, ad allearsi a forme e motivi del satanismo – sempre, ovviamente, con la scusa della «satira» a portata di mano.   Non si tratta di un caso isolato. Il principale soggetto dell’industria del family entertainment, Disney, sappiamo bene essere diretto lì. Dopo l’ultimo film di Natale I terribili nove (The Naughty Nine) con personaggi apparentemente LGBT e le scene con baci omoerotici nel cartone Lightyear (2022), vi sarebbe anche il caso della serie TV in via di produzione chiamata Little Demon, che ha suscitato presso i cristiani americani polemiche per la «normalizzazione del paganesimo» e il sostegno a Satana e all’Anticristo.   Come riportato da Renovatio 21, il film natalizio 2022 della Disney conteneva una sequenza che mostrava un gruppo di bambini che tengono in mano cartelli che recitano «WE LOVE YOU SATAN», cioè «TI AMO SATANA». Si tratta di un equivoco che dovrebbe far ridere: «Satan» è l’anagramma di «Santa», cioè Santa Claus, Babbo Natale, quindi nella pellicola i bambini si sono sbagliati, del resto basta invertire due lettere.   Non c’è molto da ridere. Invece c’è da tenere lontani i bambini dall’intrattenimento attuale, la cui agenda di inversione propriamente diabolica non è nemmeno più discutibile.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da YouTube    
Continua a leggere

Essere genitori

Bambini travestiti da donne in lingerie bourlesque fatti sfilare per una città spagnola

Pubblicato

il

Da

È emerso online un video di bambini piccoli che prendono parte a una parata in Spagna indossando lingerie in stile burlesque, copricapezzoli e parrucche, con bandiere arcobaleno LGBT attaccate sulla schiena.

 

Il filmato, girato durante un carnevale annuale a Torrevieja, una città nel sud della Spagna ritenuta «gay-friendly», mostra un gruppo di minori che marcia con diversi che sembrano avere circa 9 o 10 anni o meno.

 

Sostieni Renovatio 21

Oltre ai reggicalze e alle calze erotiche e succinte, ai bambini è stata posizionata una «X» di nastro nero sui capezzoli e è stato applicato un trucco completo sui loro volti.

 

Il video mostra i bambini che vengono istruiti a imitare gli adulti eseguendo gesti provocatori per le strade della città di Alicante davanti a spettatori adulti e ad altri bambini.

 

In un video, si vede una donna che mette qualcosa, presumibilmente dolci, nella bocca dei bambini mentre si muovono.

 

Alcuni di coloro che hanno pubblicato il filmato hanno notato che il titolo della «performance» era «Prometer hasta meter» che indica qualcuno che promette qualsiasi cosa e poi se ne dimentica una volta ottenuto ciò che voleva.

 

Altri video mostravano adulti che indossavano gli stessi abiti ed eseguivano gli stessi movimenti.

 

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Secondo l’account Twitter Right Angle News Network gli organizzatori del numero sarebbero noti per il loro «simbolismo antagonista che prende di mira principalmente il cristianesimo».

 

 

Va notato come Torrevieja sia governata in solitario dal Partido Popular (PP), la versione spagnuola della Democrazia Cristiana, sempre pronta a compromessi o a vere e proprie aperture alla dissoluzione del mondo moderno. La scorsa estate il sindaco della città presenziò, tra drappi omotransessualisti, alla lettura di un manifesto gay nel corso delle celebrazioni del Pride, riporta il quotidiano catalano La Vanguardia.

 

Nel manifesto letto alla presenza del primo cittadino del partito conservatore vi erano una presa di posizione sui «divorzi duri che alcuni usano per legittimare la violenza sessista», i quali «hanno bisogno di opposizione» da parte degli omosessualisti. Il machismo come «la violenza di genere esiste e necessita di opposizione. Perché il genere non è un’ideologia e il collettivo LGTBIQ+ non è una lobby. Perché il concetto di famiglia non è impermeabile, non è un uomo e una donna che hanno figli».

 

Pochi mesi dopo, ecco che, con la scusa del carnevale, anche l’immagine dei figli diviene, come dire, «non impermeabile». Alcuni sostengono che si tratti in realtà di bambine, ma la sostanza non sembra cambiare molto.

 


Sostieni Renovatio 21

È piuttosto inutile nascondersi dietro al fatto che si tratta di carnevale: non si tratta nemmeno di adolescenti, si tratta di bambini piccoli, e l’effetto che un simile video fa sull’animo di un genitore è scioccante.

 

Del resto lo avevano detto: «convertiremo i vostri figli». La canzone dei gay organizzati uscita qualche anno fa, poi subito sparita quando si scoprirono i possibili trascorsi di alcuni cantori coinvolti, di fatto si limitava a riprendere un programma noto.

 

Nel febbraio 1987, comparve sulla testata americana Gay Community News un testo (che non sarebbe sbagliato etichettare come un vero hate speech eterofobo, ma per quello la legge non c’è e non ci sarà mai) intitolato Gay Manifesto. Lo firmava un certo Michael Swift, che alcuni credono fosse solo uno pseudonimo. L’incipit di tale «Manifesto omosessuale» recitava:

 

«Sodomizzeremo i vostri figli, emblema della vostra debole mascolinità, dei vostri sogni superficiali e delle bugie volgari. Li sedurremo nelle vostre scuole, nei vostri dormitori, nelle vostre palestre, nei vostri spogliatoi, nei vostri palazzetti dello sport, nei vostri seminari, nei vostri gruppi giovanili, nei bagni dei vostri cinema, nei vostri dormitori dell’esercito, nelle vostre fermate dei camion, nei vostri club per soli machi, nelle vostre Camere dei Deputati, ovunque gli uomini stiano assieme agli uomini. I vostri figli diventeranno i nostri servi e obbediranno ai nostri ordini. Saranno riplasmati a nostra immagine. Verranno a desiderarci e ad adorarci».

 

Fu detto che in realtà si trattava di satira, di uno scherzo. Insomma, una carnevalata, anche qui. Tuttavia il ritornello si ripete nei decenni.

 

Come riportato da Renovatio 21, la marcia delle Drag Queen durante il Pride di Nuova York della scorsa estate ha scandito una coretto in piena lucidità: «We’re here, we’re queer, we’re coming for your children», cioè «Siamo qui, siamo finocchi, stiamo venendo a prendere i vostri figli». Com’era? «Prometer hasta meter»…

 


Il carnevale non può essere la scusa per tale abisso di degrado – soprattutto perché bisogna realizzare che il carnevale non è solo uno strumento, è il fine di tutto questo, un mondo che, come nel momento di festa estrema, inverte qualsiasi legge naturale e sociale.

 

Preparatevi ad una difesa ad oltranza della vostra prole e della sua innocenza.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine screenshot da Twitter

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari