Connettiti con Renovato 21

Eugenetica

Eugenetica e transumanismo WEF: a Davos relatrice afferma che le «previsioni genetiche» sulle malattie potrebbero influire sulle decisioni di avere figli

Pubblicato

il

La professoressa universitaria statunitense Nita Farahany, ospite al World Economic Forum di Davos, ha dichiarato che le «previsioni genetiche» potrebbero avere un ruolo nel decidere se le persone «decidano di avere figli».

 

«Molte persone e molte organizzazioni diverse con cui lavoro lottano con questioni di previsioni genetiche, in particolare per gli «highly penetrants», il che significa che è c’è la predizione che probabilmente svilupperai la malattia, come ad esempio la SLA, ma non lo fai sapere quando» ha detto la Farahany durante una tavola rotonda intitolata Transforming Medicine, Redefining Life (« Trasformare la medicina, ridefinire la vita»).

 

«Quindi, hai una previsione incredibilmente alta, ma hai ben poca idea di quando sarebbe l’inizio» della malattia. «Come consigli a qualcuno su come integrare tali informazioni nelle loro vite, indipendentemente dal fatto che debbano o meno eseguire test genetici?» si è chiesta l’esperta.

 

«Quali potrebbero essere anche le implicazioni per i loro familiari, perché se hanno quel particolare gene, quella particolare mutazione, potrebbe benissimo essere che i loro figli ce l’abbiano; oppure potrebbe benissimo implicare se decidono o meno di avere figli, di trasmetterlo ai loro figli».

 

La Farahany ha quindi discusso se i datori di lavoro e le compagnie assicurative debbano avere accesso ai dati sulla salute delle persone e alle «previsioni genetiche». Il che significa che si pone la domanda: è lecito discriminare professionalmente non i malati, ma i potenzialmente malati.

 

Insomma: tra le nevi miliardarie di Davos, siamo in pieno Gattacca. Si tratta di una conversazione eugenetica allo Stato puro, di quelle che sarebbero piaciute una volta poco più a Nord.

 

La Farahany non è nuova a dichiarazioni sconvolgenti, fatte come nulla fosse. In un discorso precedente, la professoressa della Duke University ha affermato che i dispositivi indossabili per la lettura della mente non sono un’invenzione del futuro, ma sono già qui fra noi, nei dispositivi indossabili dai consumatori: fasce per capelli che hanno sensori in grado di rilevare l’attività delle onde cerebrali, auricolari, cuffie, piccoli tatuaggi che puoi indossare dietro l’orecchio – «possiamo raccogliere stati emotivi, come la felicità, la tristezza o la rabbia», aveva detto Farahany durante l’evento WEF 2023 chiamato «Ready for Brain Transparency?» («Pronti alla trasparenza celebrale?»).

 

Durante la conferenza, la professoressa ha descritto tale tecnologia come integrata in «dispositivi multifunzionali», in modo che, ad esempio, gli stessi auricolari utilizzati per «prendere chiamate in teleconferenza e ascoltare musica» verrebbe migliorato con sensori elettroencefalografici per captare le onde cerebrali.

 

Farahany ha predetto che nel «futuro a breve termine» tali dispositivi diventeranno «il modo principale con cui interagiamo con tutto il resto della nostra tecnologia» e ha sottolineato che le principali aziende tecnologiche come Meta, guidata da Mark Zuckerberg, stanno «studiando modi per rendere questi dispositivi universalmente applicabili» al resto della nostra tecnologia.

 

“Noi come società dovremmo volerlo”, ha detto la Farahany parlando di tecnologie di lettura del pensiero che potrebbero aiutare a individuare autisti di camion che si addormentano. «In oltre 5.000 aziende in tutto il mondo, i dipendenti stanno già monitorando la loro attività cerebrale per testare i loro livelli di affaticamento», come nelle ferrovie Pechino-Shanghai, dove «i conduttori dei treni sono tenuti a indossare cappelli che raccolgono la loro attività cerebrale», o nelle «società minerarie di tutto il mondo». Perché «se fatta bene, la neurotecnologia ha promesse straordinarie».

 

È stato quindi toccato il tema aziendale riguardo ai dipendenti, cioè «se una persona sta prestando attenzione o se la sua mente sta vagando» e a cosa, più precisamente, sta prestando attenzione.

 

Tale tecnologia non solo può valutare se qualcuno sta prestando attenzione e a cosa, ma può intervenire per riportare la mente in carreggiata. Farahany ha condiviso che il MIT Media Lab ha già sviluppato una «sciarpa tattile» che «dà a una persona un piccolo ronzio – letteralmente – quando la sua mente inizia a vagare per aiutarla a rimettere a fuoco e affinare la sua attenzione».

 

Secondo Farahany, sebbene «non possiamo decodificare il parlato utilizzando semplici dispositivi indossabili», «ciò non significa che non ci sia già molto che possiamo decodificare», e prevede che l’ampiezza di ciò che possiamo raccogliere dal cervello aumenterà considerevolmente «nei prossimi giorni man mano che l’IA diventerà più potente, man mano che i sensori diventeranno più potenti».

 

Ritiene che un’importante difesa contro potenziali abusi della privacy che utilizzano tale tecnologia sia preventivamente «riconoscimento del diritto alla libertà cognitiva, diritto all’autodeterminazione del nostro cervello e delle nostre esperienze mentali», e ha aggiunto che «richiede che aggiorniamo l’esistente internazionale diritti umani».

 

Con questi diritti fondamentali in atto e le «migliori pratiche» in base alle quali i datori di lavoro monitoreranno solo cose come i livelli di affaticamento quando potrebbero determinare, ad esempio, se qualcuno ha sentimenti «amorosi» per un collega, quei datori di lavoro «rispetteranno l’autonomia dell’individuo», ritiene Farahany.

 

Il concetto delle scansioni cerebrali è stato teorizzato da Klaus Schwab nel suo libro sulla Quarta Rivoluzione Industriale, ritenuta una «fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica».

 

«Anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo» dice Schwab. «I dispositivi esterni di oggi, dai computer indossabili alle cuffie per la realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello».

 

Un video di una passata edizione del WEF lo vede discutere entusiasta di questa trasparenza cognitiva con il cofondatore di Google Sergej Brin, con il vecchio che si esalta all’idea di poter sapere tramiti impianti cerebrali di massa cosa pensa il pubblico in sala.

 

 

Come riportato da Renovatio 21, nel 2022 era stato il capo della Nokia a dire che i cellulari «saranno costruiti direttamente nei nostri corpi».

 

 

«La visione che la Farahany ha descritto nei suoi discorsi sembra andare di pari passo con l’idea di uno stato di sicurezza biomedica, qualcosa a cui hanno alluso altri relatori del WEF» scrive Lifesitenews ricordando le parole dell’ex primo ministro britannico Tony Blair, il quale ha affermato in un altro evento di Davos che i registri digitali vaccinali e l’infrastruttura digitale per i dati sanitari sono «importanti» per prepararsi, ovviamente, a future pandemie.

 

Blair, che alcuni indicano come successore di Klaus Schwab, durante il biennio pandemico ha più volte spinto per passaporti vaccinali ed altri sistemi di bio-tracciamento degli esseri umani.

 

Non stupisce che Blair sia tra coloro che vogliono la guerra alla Russia – se necessario anche con armi nucleari.

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

«Accoppiatevi con le persone basse per fermare il Cambiamento Climatico»: eccezionale editoriale del New York Times.

Pubblicato

il

Da

Un editoriale del New York Times suggerisce che tutti dovrebbero «accoppiarsi con persone più basse» per salvare il pianeta dal disastro ambientale.

 

«Quando ti accoppi con persone più basse, stai potenzialmente salvando il pianeta riducendo i bisogni delle generazioni successive» scrive l’autrice dell’articolo Mara Altman.

 

«Abbassare l’altezza minima per i potenziali partner sul tuo profilo di appuntamenti è un passo verso un pianeta più verde», viene specificato nel pezzo, che immaginiamo si stia qui riferendo alle app per persone promiscue dove, a quanto ci pare di capire, ci sono anche filtri eugenetici come quello dell’altezza.

 

Il New York Times sostiene che le persone più basse sono «ambientalisti innati, il che è più cruciale che mai in questo mondo di otto miliardi di persone». Perché «se mantenessimo le stesse proporzioni ma fossimo solo il 10% più bassi nella sola America, risparmieremmo 87 milioni di tonnellate di cibo all’anno (per non parlare di trilioni di litri d’acqua, quadrilioni di unità termiche di energia e milioni di tonnellate di spazzatura)».

 

«Le persone basse non si limitano a risparmiare risorse, ma man mano che le risorse diventano più scarse a causa della crescente popolazione terrestre e del riscaldamento globale, potrebbero anche essere più adatte per la sopravvivenza a lungo termine (e non solo perché più di noi saranno in grado di per incastrarci nelle astronavi quando saremo costretti a lasciare questo pianeta che abbiamo fatto naufragare)» scrive con ardore fantascientifico l’autrice, la cui altezza non è nota.

 

«Il nostro successo come individui non dipende dal picchiare altre persone o animali. Anche se lo fosse, in un’era di pistole e droni, essere alti ora ti rende solo un bersaglio più grande», teorizza la Altman, che a guardare bene non ha il cognome giusto.

 

«Voglio che i figli dei miei figli conoscano il valore di essere bassi» conclude la giornalista.

 

In rete si è nel frattempo scatenata l’ironia, con accuse al NYT di essere un ricettacolo di «altofobia».

 

La decrescita che ci viene comandata dall’alto, insomma, non riguarda solo l’economia dei consumi, ma pure la statura della vostra prole, in attesa della terapia genica mRNA per far decrescere anche la vostra.

 

Tuttavia, ci sarebbe poco da ridere: con il nuovo assetto tecnocratico post-costituzionale dello Stato moderno, deve esserci chiarissimo che se un domani le autorità ci richiedessero di fare bambini bassi via obbligo di bioingegneria CRISPR, miliardi di persone sarebbero d’accordo. Perché, ricordiamolo, fare i bambini con l’ingegneria genetica, è stato detto, «sarà come vaccinarli».

 

Come riportato da Renovatio 21, il principale quotidiano mondiale qualche settimana fa aveva dedicato un entusiastico articolo al guru dell’estinzione umana volontaria Les Knight, presentato come un saggio e spiritoso vecchietto.

 

Un passo alla volta: prima di sparire completamente, non facciamoci mancare una generazione di nani.

 

 

L’eugenetica mostra il suo lato fantasy. SCB. Sono cose belle.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Eugenetica

I bambini con sindrome di Down possono essere abortiti fino alla nascita

Pubblicato

il

Da

All’inizio del 2020, la 24enne Heidi Crowter, di Coventry, che ha la sindrome di Down, si è unita a Cheryl Bilsborrow di Preston, madre del bambino di due anni Hector, anch’egli affetto dalla sindrome di Down, e ha lanciato un’azione storica contro gli inglesi governo contro l’attuale legge sull’aborto che consente di compiere il reato di aborto su una persona con sindrome di Down fino alla nascita.

 

 

Heidi, la denunciante, ha affermato che l’attuale legge le ha fatto sentire che le persone come lei dovrebbero essere «eliminate». Non ha escluso di portare questo caso fino alla Corte Suprema, dicendo che continuerà a lottare per la sua causa e che ha già «informato e cambiato i cuori e le menti delle persone e cambiato le loro opinioni sulla legge».

 

Heidi ha poi consegnato un commovente messaggio ai giornalisti: «attualmente nel Regno Unito i bambini possono essere abortiti fino al momento della nascita se sono considerati gravemente disabili. Sono inclusa… semplicemente perché ho un cromosoma in più».

 

«Quello che mi dicono è che la mia vita non ha lo stesso valore di quella degli altri e non credo sia giusto. Penso che sia francamente discriminazione».

 

Il 6 luglio 2021, circondate da una folla, la giovane donna e Máire Lea-Wilson sono riuscite a presentare il loro caso alla corte. Máire Lea-Wilson è stata costretta ad abortire quando un’ecografia a 34 settimane ha rivelato che suo figlio aveva la sindrome di Down.

 

Nel settembre dello stesso anno, l’Alta Corte di Londra ha negato che fosse discriminatorio abortire bambini perché affetti dalla sindrome di Down.

 

Heidi non si è arresa e ha fatto accettare il suo ricorso contro la legge britannica sull’aborto eugenetico. Ricorso respinto La Corte d’appello britannica ha confermato, venerdì 25 novembre 2022, la legislazione che autorizza l’aborto per le persone con trisomia 21 fino al momento della nascita. Tre alti giudici hanno respinto il ricorso.

 

In una sintesi della decisione, pronunciata da Lord Justice Underhill, Lady Justice Thirlwall e Lord Justice Peter Jackson, i giudici hanno affermato che la legge non interferirebbe con i diritti dei «disabili viventi».

 

Hanno anche affermato: «la Corte riconosce che molte persone con la sindrome di Down e altre disabilità saranno sconvolte e offese dal fatto che una diagnosi di grave disabilità durante la gravidanza sia trattata dalla legge come giustificazione per l’interruzione della gravidanza, e che potrebbero considerare questo per implicare che la loro stessa vita ha meno valore», hanno detto i giudici.

 

L’attuale legge in Inghilterra, Galles e Scozia consente l’aborto purché venga eseguito entro le prime 24 settimane di gravidanza. Inoltre, la legge autorizza anche l’aborto fino al momento della nascita nei casi di «rischio significativo», «quando il nascituro soffre di un’anomalia fisica o mentale o presenta un grave handicap».

 

Heidi Crowter non esclude di portare il suo caso alla Corte Suprema, poiché ha assicurato che continuerà a lottare per questa causa. È già riuscita a «informare e cambiare i cuori e le menti e cambiare le opinioni della gente sulla legge», ha detto ai giornalisti di Sky News.

 

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Immagine di Don’t Screen Us Out via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Eugenetica

Il mea culpa di Nature per la promozione dell’eugenetica

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

All’inizio di quest’anno, la principale rivista scientifica mondiale, Nature, e le sue riviste associate hanno intrapreso una campagna per eliminare dalle loro pagine ogni tipo di discriminazione e disuguaglianza. Sono apparsi numerosi editoriali che spiegano come la nuova enfasi sulla diversità, l’equità e l’inclusione funzionerà senza pregiudicare gli studi accademici e la libertà di parola.

 

Nell’ultima puntata Nature si scusa per aver pubblicato molti articoli dannosi e offensivi, in particolare articoli di Francis Galton, il padre intellettuale dell’eugenetica moderna.

 

«Tra questi articoli dannosi spiccano gli articoli di Galton. Sebbene Nature non fosse il suo editore principale, è stato un editore importante che ha diffuso e legittimato le sue idee. Galton ha sostenuto che l’umanità potrebbe essere migliorata allevando selettivamente quelle che chiamava le persone più degne, intelligenti e di talento».

 

«Nel 1904, Nature pubblicò un articolo in cui affermava di valutare la “distribuzione dei successi e delle capacità naturali” nei membri della famiglia dei membri della Royal Society britannica e concludeva che “devono esistere famiglie eccezionalmente dotate, la cui razza è una risorsa preziosa alla nazione”».

 

L’eugenetica è stata l’ultimo grido nella scienza e nelle politiche pubbliche tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Nature vi si unì.

 

Il suo secondo editore, Richard Gregory, che ha guidato la rivista dal 1919 al 1939, era un fervente sostenitore dell’eugenetica e un convinto sostenitore della superiorità della cultura occidentale.

 

In un editoriale scritto nel 1921 affermò che «le razze altamente civilizzate dell’Europa e dell’America hanno secoli di sviluppo alle spalle» e che «le razze meno avanzate, anche di parti d’Europa, come la penisola balcanica, difficilmente si assicureranno questi ideali per qualche tempo a venire».

 

Nature esprime anche la sua contrizione per la sua precedente «imperialismo, imperialismo, sessismo e razzismo». Dice che «ci sono numerosi altri esempi in cui  Nature ha pubblicato opinioni offensive, dannose e distruttive, avvolte dal velo della scienza» –  persino l’antisemitismo.

 

Ancora nel 2017, afferma l’editoriale, Nature ha pubblicato un articolo offensivo che ha dimostrato quanto il suo staff dovesse ancora imparare. Conteneva frasi tendenziose come:

 

«I difensori di personaggi storici controversi sostengono che dovrebbero essere giudicati in base ai loro risultati piuttosto che in base alle norme moderne. Cancellare i nomi, tuttavia, corre il rischio di insabbiarsi la storia».

 

Battersi il petto per i peccati passati è un’esperienza completamente catartica. Tuttavia, il presente diventa presto passato.

 

La domanda più interessante è se Nature dovrà scusarsi per qualcuno dei suoi atteggiamenti attuali.

 

L’«imperiosità» non è un difetto che si sradica facilmente come l’eugenetica.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari