Connettiti con Renovato 21

Transumanismo

«Ectogenesi in 5-7 anni»: parla il padrone della più grande impresa di maternità surrogata dell’Ucraina

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Poiché la clinica per fecondazione in vitro BioTexCom con sede a Kiev è probabilmente la più grande agenzia di maternità surrogata al mondo, vale la pena registrare i pensieri del suo proprietario sul futuro della riproduzione assistita.

 

Nel 2019, Albert Tochilovsky è stato intervistato da un sito web ucraino. Il testo è stato tradotto e pubblicato sul sito web di BioTexCom.

 

Il Tochilovsky afferma che le tre tendenze più dinamiche nella medicina riproduttiva sono l’editing del genoma per produrre designer babies [bambini fatti su misura, ndt]; sostituzione mitocondriale per consentire alle donne tra i 50 ei 60 anni di rimanere incinta; ed ectogenesi, o uteri artificiali.

 

«Penso che acquisiremo l’ectogenesi entro 5-7 anni e la nostra clinica continua a lavorare in questa direzione. Dubito, tuttavia, che l’Ucraina ci permetterà di fare una cosa del genere perché l’Ucraina ha paura di tutto. Molto probabilmente, l’ectogenesi sarà consentita nelle suddette America e Gran Bretagna».

 

«Qui il problema dell’urbanizzazione è pressante, mentre solo il 2% della popolazione è impegnato nell’agricoltura. Questa è una società altamente sviluppata, in cui le donne costruiscono la loro carriera prima di raggiungere l’età di 40-45 anni, dopodiché vogliono avere figli. Al giorno d’oggi, gli immigrati aiutano a risolvere questo problema. Credo che in futuro questo problema sarà risolto attraverso l’uso dell’ectogenesi e della sostituzione mitocondriale».

 

L’intervistatore risponde che ci sono serie obiezioni etiche all’ectogenesi. Il Tochilovsky risponde che molte industrie, persino le automobili, il sistema bancario e la marijuana sono state severamente criticate all’inizio. Paragona la riproduzione avanzata all’enorme industria del sesso tedesca:

 

«Sapete, una volta che Beate Uhse ha avviato l’industria del sesso, ha aperto il primo sexy shop del mondo. Inutile dire che la società si oppose immediatamente e lei divenne la nemica numero uno. Ha combattuto contro questo atteggiamento. Poi l’industria del sesso iniziò a produrre più soldi dell’agricoltura. Ora Beate Uhse è una stimata imprenditrice e una persona pubblica».

 

L’industria del futuro, dice, è la biotecnologia. Il mondo sta affrontando una grave crisi demografica e avrà bisogno della tecnologia della fertilità per garantire che ci siano abbastanza persone.

 

«Nel prossimo futuro avverrà una rivoluzione in biologia. Vivremo più a lungo, per 300 e 500 anni. E anche meglio. All’inizio, questa tecnologia sarà follemente costosa, ma poi il costo diminuirà di dieci volte. La domanda è chi sarà il primo in queste tecnologie».

 

E l’Ucraina potrebbe essere in una buona posizione per trarre vantaggio da queste tendenze, se il governo si rendesse conto che il futuro risiede nella fertilità e non nell’agricoltura. (L’intervista ha avuto luogo prima dell’attuale guerra con la Russia.)

 

Il vantaggio competitivo dell’Ucraina, sostiene, è la mancanza di regolamentazione e la mancanza di preoccupazioni etiche.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Stiamo già vivendo in una realtà transumanista?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’anno scorso un esperto di transumanesimo di Oxford ha pubblicato Future Superhuman: Our transhuman lives in a make-or-break century.

 

Elise Bohan, un’australiana, ha sostenuto che i «sacchi di carne dal cervello di scimmia» (ovvero gli esseri umani) devono essere aggiornati con la tecnologia per affrontare le sfide del 21° secolo.

 

Il suo libro ha offerto l’occasione per un interessante dibattito con Mary Harrington, editorialista di Unherd, un magazine online britannico.

 

Harrington è una scettica transumanista. Dice che viviamo già in una società transumanista in cui ci affidiamo alla tecnologia per soddisfare i bisogni primari. E l’esperienza è stata del tutto negativa.

 

«Questa era è iniziata a metà del ventesimo secolo, con un’innovazione biomedica che ha cambiato radicalmente ciò che significa essere un essere umano, nell’ordine sociale umano: la tecnologia riproduttiva».

 

«La pillola è stata la prima tecnologia transumanista: si proponeva di non correggere qualcosa che non andava nella “normale” fisiologia umana – nel senso migliorativo della medicina fino a quel momento – ma invece ha introdotto un paradigma completamente nuovo. Si proponeva di interrompere la normalità nell’interesse della libertà individuale».

 

«Quasi ogni donna adulta nel mondo sviluppato ha implicitamente accettato la convinzione che la piena personalità femminile adulta dipenda strutturalmente da tecnologie che interrompono la normale fertilità femminile. E secondo la definizione con cui ho aperto, ciò rende quasi ogni donna adulta nel mondo sviluppato una transumanista».

 

L’autrice osserva che la tecnologia, nonostante le sue promesse liberatorie, è una merce rara che è governata dal dominio del mercato:

 

«E laddove la tecnologia viene utilizzata per “liberarci” dal tipo di dati – come la normale fertilità femminile – che prima erano gestiti, pragmaticamente, da norme sociali o legali, ciò che la sostituisce non è una “persona” umana libera dalla “natura”, ma un mercato in cui quella ‘natura’ diventa un insieme di problemi di domanda e offerta»

 

«Siamo già nell’era transumanista. Ma la storia finora suggerisce che, lungi dal fornire utopia, ciò che offre principalmente è una mercificazione del corpo umano che avvantaggia in modo sproporzionato coloro che hanno già potere e privilegi».

 

Harrington sottolinea inoltre che il transumanesimo è incompatibile con l’umanesimo vecchia maniera. Se il transumanesimo dovesse prevalere, ci sarebbe una massiccia rivoluzione culturale ed etica:

 

«Non puoi avere il transumanesimo senza buttare via l’umanesimo. E se le persone sono solo “sacchi di carne dal cervello di scimmia” come descrive Elise, che hanno urgente bisogno di essere migliorate, quale possibile ragione potremmo avere per opporci a un mercato di organi umani? O all’infanticidio? O all’ingegnerizzare geneticamente le masse perché siano più docili? Tutti questi sono repellenti solo se messi contro un’antropologia umanista».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Eugenetica

Eugenetica e transumanismo WEF: a Davos relatrice afferma che le «previsioni genetiche» sulle malattie potrebbero influire sulle decisioni di avere figli

Pubblicato

il

Da

La professoressa universitaria statunitense Nita Farahany, ospite al World Economic Forum di Davos, ha dichiarato che le «previsioni genetiche» potrebbero avere un ruolo nel decidere se le persone «decidano di avere figli».

 

«Molte persone e molte organizzazioni diverse con cui lavoro lottano con questioni di previsioni genetiche, in particolare per gli «highly penetrants», il che significa che è c’è la predizione che probabilmente svilupperai la malattia, come ad esempio la SLA, ma non lo fai sapere quando» ha detto la Farahany durante una tavola rotonda intitolata Transforming Medicine, Redefining Life (« Trasformare la medicina, ridefinire la vita»).

 

«Quindi, hai una previsione incredibilmente alta, ma hai ben poca idea di quando sarebbe l’inizio» della malattia. «Come consigli a qualcuno su come integrare tali informazioni nelle loro vite, indipendentemente dal fatto che debbano o meno eseguire test genetici?» si è chiesta l’esperta.

 

«Quali potrebbero essere anche le implicazioni per i loro familiari, perché se hanno quel particolare gene, quella particolare mutazione, potrebbe benissimo essere che i loro figli ce l’abbiano; oppure potrebbe benissimo implicare se decidono o meno di avere figli, di trasmetterlo ai loro figli».

 

La Farahany ha quindi discusso se i datori di lavoro e le compagnie assicurative debbano avere accesso ai dati sulla salute delle persone e alle «previsioni genetiche». Il che significa che si pone la domanda: è lecito discriminare professionalmente non i malati, ma i potenzialmente malati.

 

Insomma: tra le nevi miliardarie di Davos, siamo in pieno Gattacca. Si tratta di una conversazione eugenetica allo Stato puro, di quelle che sarebbero piaciute una volta poco più a Nord.

 

La Farahany non è nuova a dichiarazioni sconvolgenti, fatte come nulla fosse. In un discorso precedente, la professoressa della Duke University ha affermato che i dispositivi indossabili per la lettura della mente non sono un’invenzione del futuro, ma sono già qui fra noi, nei dispositivi indossabili dai consumatori: fasce per capelli che hanno sensori in grado di rilevare l’attività delle onde cerebrali, auricolari, cuffie, piccoli tatuaggi che puoi indossare dietro l’orecchio – «possiamo raccogliere stati emotivi, come la felicità, la tristezza o la rabbia», aveva detto Farahany durante l’evento WEF 2023 chiamato «Ready for Brain Transparency?» («Pronti alla trasparenza celebrale?»).

 

Durante la conferenza, la professoressa ha descritto tale tecnologia come integrata in «dispositivi multifunzionali», in modo che, ad esempio, gli stessi auricolari utilizzati per «prendere chiamate in teleconferenza e ascoltare musica» verrebbe migliorato con sensori elettroencefalografici per captare le onde cerebrali.

 

Farahany ha predetto che nel «futuro a breve termine» tali dispositivi diventeranno «il modo principale con cui interagiamo con tutto il resto della nostra tecnologia» e ha sottolineato che le principali aziende tecnologiche come Meta, guidata da Mark Zuckerberg, stanno «studiando modi per rendere questi dispositivi universalmente applicabili» al resto della nostra tecnologia.

 

“Noi come società dovremmo volerlo”, ha detto la Farahany parlando di tecnologie di lettura del pensiero che potrebbero aiutare a individuare autisti di camion che si addormentano. «In oltre 5.000 aziende in tutto il mondo, i dipendenti stanno già monitorando la loro attività cerebrale per testare i loro livelli di affaticamento», come nelle ferrovie Pechino-Shanghai, dove «i conduttori dei treni sono tenuti a indossare cappelli che raccolgono la loro attività cerebrale», o nelle «società minerarie di tutto il mondo». Perché «se fatta bene, la neurotecnologia ha promesse straordinarie».

 

È stato quindi toccato il tema aziendale riguardo ai dipendenti, cioè «se una persona sta prestando attenzione o se la sua mente sta vagando» e a cosa, più precisamente, sta prestando attenzione.

 

Tale tecnologia non solo può valutare se qualcuno sta prestando attenzione e a cosa, ma può intervenire per riportare la mente in carreggiata. Farahany ha condiviso che il MIT Media Lab ha già sviluppato una «sciarpa tattile» che «dà a una persona un piccolo ronzio – letteralmente – quando la sua mente inizia a vagare per aiutarla a rimettere a fuoco e affinare la sua attenzione».

 

Secondo Farahany, sebbene «non possiamo decodificare il parlato utilizzando semplici dispositivi indossabili», «ciò non significa che non ci sia già molto che possiamo decodificare», e prevede che l’ampiezza di ciò che possiamo raccogliere dal cervello aumenterà considerevolmente «nei prossimi giorni man mano che l’IA diventerà più potente, man mano che i sensori diventeranno più potenti».

 

Ritiene che un’importante difesa contro potenziali abusi della privacy che utilizzano tale tecnologia sia preventivamente «riconoscimento del diritto alla libertà cognitiva, diritto all’autodeterminazione del nostro cervello e delle nostre esperienze mentali», e ha aggiunto che «richiede che aggiorniamo l’esistente internazionale diritti umani».

 

Con questi diritti fondamentali in atto e le «migliori pratiche» in base alle quali i datori di lavoro monitoreranno solo cose come i livelli di affaticamento quando potrebbero determinare, ad esempio, se qualcuno ha sentimenti «amorosi» per un collega, quei datori di lavoro «rispetteranno l’autonomia dell’individuo», ritiene Farahany.

 

Il concetto delle scansioni cerebrali è stato teorizzato da Klaus Schwab nel suo libro sulla Quarta Rivoluzione Industriale, ritenuta una «fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica».

 

«Anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo» dice Schwab. «I dispositivi esterni di oggi, dai computer indossabili alle cuffie per la realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello».

 

Un video di una passata edizione del WEF lo vede discutere entusiasta di questa trasparenza cognitiva con il cofondatore di Google Sergej Brin, con il vecchio che si esalta all’idea di poter sapere tramiti impianti cerebrali di massa cosa pensa il pubblico in sala.

 

 

Come riportato da Renovatio 21, nel 2022 era stato il capo della Nokia a dire che i cellulari «saranno costruiti direttamente nei nostri corpi».

 

 

«La visione che la Farahany ha descritto nei suoi discorsi sembra andare di pari passo con l’idea di uno stato di sicurezza biomedica, qualcosa a cui hanno alluso altri relatori del WEF» scrive Lifesitenews ricordando le parole dell’ex primo ministro britannico Tony Blair, il quale ha affermato in un altro evento di Davos che i registri digitali vaccinali e l’infrastruttura digitale per i dati sanitari sono «importanti» per prepararsi, ovviamente, a future pandemie.

 

Blair, che alcuni indicano come successore di Klaus Schwab, durante il biennio pandemico ha più volte spinto per passaporti vaccinali ed altri sistemi di bio-tracciamento degli esseri umani.

 

Non stupisce che Blair sia tra coloro che vogliono la guerra alla Russia – se necessario anche con armi nucleari.

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Transumanismo

Davos, il capo della Nokia dice che i cellulari «saranno costruiti direttamente nei nostri corpi»

Pubblicato

il

Da

Il CEO del colosso delle telecomunicazioni Nokia in un incontro dell’edizione 2022 del World Economic Forum ha predetto la fusione tra essere umano e telefono cellulare.

 

L’anno passato a Davos Pekka Lundmark ha detto all’incontro che pensa che la tecnologia dei telefoni cellulari «sarà integrata direttamente nei nostri corpi» entro un decennio.

 

Il Lundmark ha affermato che entro il 2030 è probabile che le interfacce di connettività che utilizziamo per comunicare cambieranno così radicalmente che coloro che utilizzano smartphone fisici saranno in minoranza.

 

Il video è riemerso in questi giorni in cui viene lanciata l’edizione 2023 del World Economic Forum di Davos.

 

 

In pieno stile transumanista davosiano, la Nokia aveva pubblicato un articolo nel gennaio 2022 che esprimeva le previsioni dell’azienda di un «mondo che fonde i domini digitale, fisico e umano per creare esperienze immersive rivoluzionarie».

 

«L’unione di macchine, dati ambientali, sistemi di conoscenza intelligenti e solide capacità di calcolo che ridefiniscono il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci prendiamo cura del nostro pianeta. Questo è esattamente ciò che sperimenteremo con l’arrivo del 6G dal 2030» scriveva il pezzo pubblicato sul sito aziendale, incentrato sull’arrivo entro il prossimo decennio del 6G, di cui Nokia sarebbe «un pioniere».

 

 

Come riportato da Renovatio 21, la fusione uomo-macchina è stata apertamente teorizzata dal guru di Davos Klaus Schwab.

 

Lo Schwab di fatto da anni propone una «quarta rivoluzione industriale» basata su una «fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica».

 

La tecnologia di interfaccia uomo-macchina, secondo il guru del Great Reset, «consentirà alle autorità di «intromettersi nello spazio fino ad ora privato della nostra mente, leggendo i nostri pensieri e influenzando il nostro comportamento».

 

Schwab era arrivato a suggerire scansioni cerebrali, rese possibile dagli impianti biocibernetici, anche solo per viaggiare:

 

«Anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo».

 

L’eccitazione dello Schwabbo per un imminente futuro di impianti cerebrali traspirava da un incontro pubblico avuto a Davos con il cofondatore di Google Sergej Brin.

 

 

«Puoi immaginare che tra 10 anni saremo qui seduti avendo un impianto nel nostro cervello, tramite il quale posso immediatamente percepirvi, perché tutti voi avrete degli impianti, misurandovi tutte le vostre onde cerebrali – e posso dirti immediatamente come reagiscono le persone, oppure posso sentire come reagiscono alcune persone alle tue risposte. È immaginabile?» chiede il guru globalista svizzero al miliardario ebreo-russo-californiano.

 

Di recente il WEF ha proposto sul suo sito un articolo in cui si suggeriva che ci sono ragioni «solide», «razionali» ed «etiche» per considerare l’impianto di bambini con microchip.

 

Nokia, aziende più importante della Finlandia, con l’arrivo degli smartphone subì un periodo turbolento al termine del quale fu acquisita dalla Microsoft di Bill Gates (che era entrata con una collaborazione sui telefonini. Microsoft cedette la Nokia nel 2016, per poi significare la volontà di riacquisto nel 2020.

 

La scalata della multinazionale di Bill Gates nel grande gioiello industriale finnico è nel Paese fonte di racconti e particolari ricostruzioni.

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari