Connettiti con Renovato 21

Riprogenetica

Embrioni creati da cellule staminali di topo in utero artificiale

Pubblicato

il

Ricercatori israeliani hanno creato modelli embrionali a partire da sole cellule staminali di topo. Si tratta, cioè, della generazione di un essere vivente – un mammifero – senza passare per le cellule sessuali. Lo riporta BioNews.

 

Gli scienziati hanno così potuto osservare la formazione della placenta, del sacco vitellino e di alcuni organi, in modelli embrionali derivati ​​interamente da cellule staminali embrionali di topo.

 

La ricerca è stata condotta presso il Weizmann Institute of Science di Rehovot ed è stata pubblicata sulla rivista scientifica Cell. Il lavoro precedente del team pubblicato su Nature l’anno scorso si era concentrato sullo sviluppo di modi per far crescere con successo embrioni al di fuori dell’utero, o ex utero, un processo impiegato di nuovo per questo studio – in pratica, un processo di ectogenesi, ossia l’uso di un utero artificiale.

 

Il lavoro precedente del team si era concentrato sulla crescita di embrioni rimossi dall’utero di un topo dopo due giorni, nell’utero simulato che avevano sviluppato, mentre il loro ultimo studio mostra che modelli di embrioni realizzati interamente da cellule staminali embrionali potrebbero raggiungere lo stadio in cui gli organi iniziano a formarsi, al di fuori dell’utero.

 

Gli scienziati stati anche in grado di indurre le cellule staminali embrionali a produrre quelle cellule e strutture che si svilupperebbero nella placenta, nella membrana amniotica e nel sacco vitellino.

 

«Finora, nella maggior parte degli studi, le cellule specializzate erano spesso difficili da produrre o aberranti e tendevano a formare un miscuglio invece di un tessuto ben strutturato adatto al trapianto. Siamo riusciti a superare questi ostacoli liberando il potenziale di auto-organizzazione codificato nelle cellule staminali» ha dichiarato il ricercatore capo, il professor Jacob Hanna.

 

Per sviluppare le strutture, i ricercatori hanno preso cellule staminali embrionali di topo e le hanno divise in tre gruppi. Un gruppo era destinato a svilupparsi in organi embrionali, mentre gli altri due sono stati trattati in modo da dare origine alle cellule placentari o al sacco vitellino , le cosiddette strutture extraembrionali necessarie per sostenere l’embrione in via di sviluppo.

 

Tutti e tre i tipi cellulari sono stati quindi mescolati insieme e incubati nell’utero artificiale che il team aveva precedentemente sviluppato.

 

Subito dopo essere state mescolate insieme, le cellule si sono auto-organizzate in aggregati. Tuttavia, nel complesso l’esperimento è stato molto soggetto a errori poiché il 99,5% di questi aggregati non è riuscito a svilupparsi ulteriormente. Lo 0,5% (circa 50 su 10.000 aggregati) ha continuato a formare sfere, che in seguito si sono trasformate ulteriormente in strutture allungate simili a embrioni.

 

Questi sono stati lasciati svilupparsi per otto giorni e mezzo, un terzo della gestazione di un topo. A questo punto, avevano formato un cuore pulsante, la circolazione delle cellule staminali del sangue , un cervello rudimentale con pieghe, un tubo neurale e un tubo intestinale.

 

I modelli di espressione genica nei modelli embrionali sono stati mappati e i ricercatori hanno scoperto che erano simili per il 95% ai modelli murini naturali.

 

Parte quindi il pendìo scivoloso sulla creazione degli embrioni umani sintetici – o meglio, sulla sua accettazione da parte di autorità ed opinione pubblica.

 

«Lo studio ha ampie implicazioni poiché, sebbene la prospettiva di embrioni umani sintetici sia ancora lontana, sarà fondamentale impegnarsi in discussioni più ampie sulla legalità e le implicazioni etiche di tale ricerca» ha dichiarato il dottor James Briscoe , capogruppo principale e assistente direttore della ricerca, presso il Francis Crick Institute.

 

Questo sito aveva riportato lo studio israeliano su embrioni di topo cresciuti nell’utero artificiale lo scorso anno.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’ectogenesi – l’utero artificiale – è più vicina che mai. Tuttavia, le femministe e frange LGBT vi vedono una grande possibilità di distruzione del patriarcato.

 

State pronti a vedere i pro-life che accettano a braccia aperte l’utero artificiale, quando sarà proposto loro che, invece che abortire i bambini, tale tecnologia potrà permettere di trasferire la gravidanza dalla donna alla macchina.

 

 

 

 

Immagine di Markdow via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Riprogenetica

Cellule umane che imitano l’embriogenesi precoce generate in laboratorio

Pubblicato

il

Da

Per la prima volta è stato generato un tipo di cellula embrionale da cellule staminali umane, fornendo un metodo per studiare lo sviluppo post-impianto. Lo riporta BioNews.

 

Pubblicato in Cell Stem Cell , i ricercatori della KU Leuven, in Belgio, hanno creato cellule mesoderma extraembrionali (EXMC) da cellule staminali pluripotenti indotte dall’uomo (iPSC)  Le cellule assomigliano molto a quelle che si formano naturalmente negli embrioni umani.

 

Gli scienziati ritengono che così stanno fornendo un modello per studiare in vitro lo sviluppo precoce: «a lungo termine, si spera che il nostro modello faccia più luce anche sulle sfide mediche come problemi di fertilità, aborti e disturbi dello sviluppo» afferma l’autore principale, il professor Vincent Pasque.

 

Si ritiene che i modelli di cellule staminali umane forniscono un modo accessibile per studiare cellule specifiche e i loro processi, saltando tutta la questione etica legata alla sperimentazione embrionale.

 

Le iPSC umane hanno la capacità di generare tutti i tipi di cellule del corpo, ci viene detto.

 

«Negli esseri umani, questo tipo di cellula appare in una fase di sviluppo precedente rispetto agli embrioni di topo e potrebbero esserci altre importanti differenze tra le specie. Ciò rende il nostro modello particolarmente importante: la ricerca sui topi potrebbe non darci risposte valide anche per gli esseri umani» sostiene il professor Pasque.

 

«Questo nuovo modello cellulare è un passo avanti nella comprensione dello sviluppo delle cellule umane e può fornire un modo per studiare una varietà di disturbi dello sviluppo» scrive BioNews.

 

Quello che può vedere Renovatio 21 invece è un nuovo passo verso una riproduzione totalmente artificializzata e asessualizzata, che non richiede più nemmeno gameti.

 

La produzione di esseri viventi – ed esseri umani – in maniera indipendente addirittura dalle cellule sessuali ha già una sua letteratura basata su studi ed esperimenti.

 

Chiamano queste creature SHEEFS, acronimo che sta per Synthetic Human Entities with Embryo-like Features («entità umane sintetiche con caratteristiche simil-embrionali»).

 

Si tratta di cellule staminali assemblate per diventare un organismo.

 

«Presto, prevedono gli esperti, impareranno come ingegnerizzare queste cellule in nuovi tipi di tessuti e organi. Alla fine, possono assumere le caratteristiche di un essere umano maturo» scriveva il New York Times nel 2017.

 

Si tratta, insomma della creazione di esseri umani senza più legami con la riproduzione umana, come nell’homunculus dell’Alchimia.

 

È un cambio di paradigma totale per l’intera umanità, attaccata nella sua stessa definizione.

 

 

 

 

Immagine di Nicolasrivron via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Riprogenetica

Trapianti di utero il prossimo anno in Australia

Pubblicato

il

Da

Dodici donne australiane diventeranno le prime riceventi nel loro paese di trapianti di utero il prossimo anno, incluso un trapianto da madre a figlia. Lo riporta BioNews.

 

Un progetto di ricerca quinquennale ha ricevuto l’approvazione etica per essere effettuato presso il Royal Prince Alfred Hospital e il Royal Women’s Hospital di Sydney.

 

«Parte di una sperimentazione clinica per fornire dati sulla fattibilità di questi trapianti, la procedura può offrire speranza per le donne nate senza utero, così come per le donne a cui è stato rimosso l’utero per motivi medici» scrive BioNews.

 

«Ci sono altre opzioni per loro come la maternità surrogata o l’adozione, ma per molte donne questo non è sufficiente per soddisfare il loro profondo desiderio di essere effettivamente in grado di portare un bambino da sole», ha spiegato la dottoressa Rebecca Deans, la ginecologa che guida il processo.

 

Viene fatto l’esempio di Kirsty Bryant, 29 anni, che ha subito un’isterectomia d’urgenza nel 2021 dopo aver subito una grave emorragia dando alla luce il suo primo figlio. Sua madre Michelle Hayton, 53 anni, è la sua donatrice.

 

«Farò crescere mio figlio nello stesso grembo materno in cui sono cresciuta io, il che è piuttosto difficile da capire», ha detto la Bryant.

 

Il progetto utilizzerà gli uteri di sei trapianti di donatori vivi e sei donatori deceduti. Sono preferite le donatrici che non hanno raggiunto la menopausa.

 

Per garantire che le donne che ricevono gli uteri non rifiutino il trapianto, è necessario assumere forti farmaci immunosoppressori durante il processo e gli uteri verranno rimossi alla fine di cinque anni. Questo dà alle donne la possibilità di avere due figli nati vivi.

 

Gli interventi chirurgici dei donatori durano dalle quattro alle dieci ore, mentre gli interventi chirurgici dei riceventi richiedono dalle due alle quattro ore.

 

Il primo intervento chirurgico australiano sarà supervisionato dal professor Mats Brännström, un chirurgo svedese che ha eseguito con successo la procedura per la prima volta nel 2012.

 

Successivamente, il primo parto vivo da una donna che ha ricevuto un trapianto di utero è stato nel 2014. I risultati di oltre 70 procedure in tutto il mondo da allora hanno portato a più di 40 nascite riuscite.

 

Tuttavia, sono stati registrati tassi leggermente superiori alla media di preeclampsia (una patologia della gravidanza con ipertensione e eccesso di proteine nelle urine) e nascite premature da bambini nati da uteri trapiantati.

 

Quattro anni fa Renovatio 21 riportava del progetto di primo trapianto di utero nel Regno Unito: la scienza e la pratica nel frattempo si sono molto portate avanti.

 

Dopo i trapianti riusciti in Svezia e Brasile, alcuni hanno cominciato a chiedersi se anche gli uteri finiranno al mercato nero come i reni. Nessun dibattito etico è stato fatto sulla procedura: ovviamente, nemmeno sull’impatto biologico e psicologico sui nascituri, di cui non si ha alcuna idea, ma come per tante altre cose, si va avanti e basta.

 

Due anni fa il Journal of the American Medical Association (JAMA), prestigiosa rivista dell’Ordine dei medici USA, pubblicava un saggio intitolato «Percezioni e motivazioni per il trapianto di utero nelle donne transgender».

 

In breve, lo studio indicava come i transessuali hanno il «desiderio di avere esperienze fisiologiche uniche per le donne cisgender [termine della cultura LGBT per definire gli eterosessuali, NdR], come le mestruazioni e la gestazione, oltre ad avere potenzialmente una vagina trapiantata fisiologicamente funzionante».

 

Il trapianto di utero transessuale, moralmente giustificato dalla nuova classe medica, è dietro l’angolo…

 

 

 

 

Immagine di Scientific American via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Riprogenetica

Creato il primo mammifero con cariotipo artificiale

Pubblicato

il

Da

Utilizzando una nuova tecnica per l’ingegneria genetica a livello cromosomico, scienziati cinesi hanno prodotti topi con cambiamenti genetici evolutivi in ​​laboratorio. Lo riporta BioNews.

 

I ricercatori dell’Accademia Cinese delle Scienze (CAS) affermano di aver creato con successo in laboratorio un topo con un cariotipo nuovo.

 

Un cariotipo è una preparazione dell’insieme completo di cromosomi nelle cellule di una specie o in un singolo organismo, ordinati per lunghezza e altre caratteristiche come la conta del numero di cromosomi. Il cariotipo è, in pratica, o l’immagine completa dei cromosomi di un organismo.

 

Il topo geneticamente modificato, che i ricercatori hanno chiamato Xiao Zhu, o «Piccolo bambù», contiene 19 coppie cromosomiche, una coppia in meno rispetto al numero standard di cromosomi nei topi.

 

«Il topo domestico da laboratorio ha mantenuto un cariotipo standard di 40 cromosomi  dopo oltre 100 anni di riproduzione artificiale. ha affermato il co-primo autore, il dottor Li Zhikun, accademico delle scienze del laboratorio di Cellule staminali e biologia riproduttiva dell’Istituto Zoologico di Stato.

 

«Su scale temporali più lunghe, tuttavia, i cambiamenti del cariotipo causati da riarrangiamenti cromosomici sono comuni. I roditori hanno da 3,2 a 3,5 riarrangiamenti per milione di anni, mentre i primati ne hanno 1,6».

 

Il dottore cinese sembra quindi dire che, grazie all’ingegneria genetica, sono stati in grado di «accelerare» l’evoluzione.

 

Pubblicando i loro risultati su Science , i ricercatori hanno modificato il genoma delle cellule staminali embrionali aploidi. Hanno fuso i due cromosomi murini più grandi, i cromosomi 1 e 2 e due cromosomi di medie dimensioni, i cromosomi 4 e 5. I cariotipi che trasportano i cromosomi 1 e 2 fusi non si sono sviluppati oltre lo stadio embrionale, tuttavia, i cariotipi che trasportano i cromosomi 4 e 5 fusi potevano essere trasmessi alla loro progenie.

 

Le cellule diploidi contengono due serie di cromosomi che si allineano in un certo modo per formare la genetica dell’organismo risultante. Questo è noto come «imprinting genomico» e consente ai geni di essere espressi o meno, a seconda che siano ereditati dalla madre o dal padre. Questo processo può essere manipolato in laboratorio, ma i precedenti tentativi in ​​cellule di mammifero non avevano mai  avuto successo.

 

«L’imprinting genomico viene spesso perso, il che significa che le informazioni su quali geni dovrebbero essere attivi scompaiono, nelle cellule staminali embrionali aploidi, limitando la loro pluripotenza e l’ingegneria genetica», ha affermato il co-primo autore il dottor Wang Libin, altro accademico delle Scienze che fa parte dell’Istituto per le cellule staminali di Pechino e Medicina Rigenerativa.

 

«Recentemente abbiamo scoperto che eliminando tre regioni impresse, potremmo stabilire un modello di imprinting stabile simile allo sperma nelle cellule».

 

«La modifica del numero di cromosomi di un animale richiede solitamente milioni di anni dall’evoluzione» riassume BioNews. «Tuttavia, questa ricerca suggerisce che l’ingegneria a livello cromosomico nei mammiferi potrebbe essere fattibile, il che potrebbe fornire informazioni su come i riarrangiamenti cromosomici possono influenzare l’evoluzione».

 

Non si tratta del solo grande avanzamento riprogenetico fatto sui topolini laboratoriali di recente.

 

Cinque mesi fa era emerso che sempre scienziati cinesi avevano creato topo via partenogenesi., cioè hanno ottenuto un essere fertile partendo da un singolo ovulo non fecondato. La partenogenesi artificiale, possiamo notare, non renderà più necessario il padre, e l’esistenza dei maschi in generale.

 

Come riportato da Renovatio 21, il mese scorso è stato reso noto che scienziati israeliani avevano creato un embrione di topo a partire da cellule staminali, facendolo crescere in un ectogenesi, cioè utero artificiale.

 

La combinazione di ectogenesi e partenogenesi possono sconvolgere completamente la riproduzione umana.

 

Tuttavia, come ripete questo sito, il prossimo passo che è sperimentalmente già avanzato è la gametogenesi, ossia la produzione di cellule sessuali a partire da qualsiasi cellula del corpo: una cella della pelle può divenire uno spermatozoo o un ovulo, così che gli uomini possono produrre ovule e le donne spermatozoi, rendendo possibile per le coppie omosessuali di avere figli geneticamente corrispondenti.

 

La gametogenesi rende obsolescente quindi non solo il padre, ma anche la madre, e la donna in generale, specie pensando ai progressi che sta facendo, anche grazie a fondi dell’Unione Europeal’utero artificiale.

 

Con la gametogenesi potrebbe rendere inutile anche la madre, e la donna in generale, specie pensando ai progressi che sta facendo, anche grazie a fondi dell’Unione Europeal’utero artificiale.

 

Conosciamo in materia il piano che hanno i signori della teoria gender.

 

Come scrive Elisabetta Frezza nel libro Malascuola, per Shulamith Firestone, femminista lesbica suicida nel 2012, il sessismo, così come l’intero sistema di oppressione che vi fa capo, si radica nel modo in cui si configura in natura la riproduzione umana: la schiavitù della donna passa per i suoi «specifici legami con la riproduzione biologica e l’allevamento dei bambini».

 

Per liberarsi del sistema dei sessi, scrive la femminista suicida, bisgona operare non solo sul piano simbolico, ma anche su quello biologico approfittando del progresso tecnologico.

 

«Il fine ultimo della rivoluzione femminista deve essere […] non solo l’eliminazione dei privilegi maschili, ma la stessa distinzione in sessi», e la chiave per raggiungere questo risultato è il controllo della riproduzione, capace di liberare le donne dal peso di far nascere i figli» scrive la Firestone.

 

«Se la riproduzione della specie venisse rimpiazzata dalla riproduzione artificiale, i bambini nascerebbero uguali di entrambi i sessi, o indipendenti da questo fattore» e «la tirannia della famiglia biologica sarebbe finalmente spezzata».

 

E di lì, si va ben oltre.

 

«Il tabù dell’incesto – continua la Firestone – attualmente serve solo a preservare la famiglia: se ci sbarazzassimo della famiglia ci sbarazzeremmo anche delle repressioni che vedono la sessualità posta in formazioni specifiche».

 

Forse così il lettore riesce a capire perché Renovatio 21 dà così tanto peso all’avanzamento forsennato della tecnologia riproduttiva, oramai accettato persino dalla Chiesa cattolica.

 

La riprotecnologia apre alla depravazione terminale dell’essere umano, la distruzione materiale della dignità dell’uomo.

 

 

 

 

 

Immagine di Melissa C. Keinath, Vladimir A. Timoshevskiy, Nataliya Y. Timoshevskaya, Panagiotis A. Tsonis, S. Randal Voss & Jeramiah J. Smith via Wikimedia pubblicato su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari