Connettiti con Renovato 21

Armi biologiche

«Il Coronavirus è una bioarma»

Pubblicato

il

 

 

 

In un lungo articolo apparso su Lifesitenews, il biologo e sinologo Steven W. Mosher si è interrogato su un argomento che per qualche ragione sembra non interessare a politici e giornalisti, nonostante la sua capitale importanza: le origini del coronavirus.

 

«Gli scienziati comunisti cinesi ei loro alleati presso l’Organizzazione mondiale della sanità hanno insistito sul fatto che il virus è emerso da un mammifero esotico – un pipistrello, forse, o un pangolino – che per qualche motivo veniva venduto in un mercato del pesce a Wuhan. Quando i principali virologi americani, il dottor Anthony Fauci e altri, sostenevano l’idea che le infezioni da COVID provenissero da un animale mangiato per il cibo, era “caso chiuso”. Da allora i media americani hanno venduto quella storia. Nel gennaio 2020, la National Public Radio stava già segnalando: “Un mercato umido a Wuhan sta prendendo la colpa come probabile fonte dell’attuale epidemia di coronavirus che sta investendo il mondo”. Anche il National Geographic è intervenuto, dicendo: “I mercati umidi hanno lanciato il coronavirus”».

 

La versione dei «mercati umidi», mai provata,  è finita per favorire la narrativa dell’origine che più spinge la Cina ora: il COVID è arrivato dall’estero – ovviamente – con il cibo surgelato, forse con il pesce o perfino con il gelato (!)

Renovatio 21 ricorda come questa versione dei «mercati umidi», mai provata (nonostante il fatto sospetto dell’immediata costruzione e distruzione mercato del pesce vicino ad uno dei laboratori virologici di Wuhan) sia finita per favorire la narrativa dell’origine che più spinge la Cina ora: il COVID è arrivato dall’estero –ovviamente –con il cibo surgelato, forse con il pesce o perfino con il gelato (!).

 

Nessuno poteva fare un’ipotesi del genere, in realtà: il Partito Comunista Cinese non faceva entrare nessuno a Wuhan – anzi, il suo lungo silenzio, che alcuni ritengono colpevole e programmato («la Cina usa il virus come arma politica», disse un diplomatico britannico), indica che Pechino tutto voleva tranne che chiarezza sulle origini dell’epidemia – semmai, qualcuno ha ipotizzato, voleva il contrario.

 

Il primo a lanciare l’allarme nelle primissime settimane, quando ancora l’ondata non aveva colpito il mondo, fu il dottor Francis Boyle, un esperto di politica delle bioarmi, principale contributore delle leggi contro il bioterrorismo per il governo americano. Boyle suggeriva che il coronavirus con cui abbiamo a che fare qui è «un’arma di guerra biologica».

 

Boyle, parlando dell’Istituto di virologia di Wuhan, un possibile l’epicentro dell’epidemia, ricordava che ci sono state «precedenti segnalazioni di problemi con quel laboratorio e cose fuoriuscite da esso». Tuttto vero: era ciò che diceva l’inquieto servizio di TG3 Leonardo di più di un lustro fa, che altro non faceva che riprendere un articolo uscito all’epoca su Nature: come ricorderete, il video, divenuto virale, fu bollato da tutti – compreso lo stesso telegiornale – come fake news, come manipolazione dei fatti. A Roma, all’epoca, sedeva un governo indicato come molto, molto filocinese, al punto da essere accusato di infilare nei decreti punti che favorivano la Cina per gli appalti alla infrastruttura tecnologica ritenuta fondamentale per il futuro del Paese – il 5G.

Francis Boyle, un esperto di politica delle bioarmi autore delle leggi USA sul bioterrorismo, è stato il primo a suggerire il coronavirus con cui abbiamo a che fare qui è «un’arma di guerra biologica»

 

La dottoressa Yan Li-Meng, fuggita dalla Cina lo scorso aprile, definisce senza remore il virus come «un’arma biologica senza restrizioni», dicendo che si trattava di un coronavirus di pipistrello isolato dall’Esercito Popolare di Liberazione (EPL)  che è stato riprogettato utilizzando la ricerca di ingegneria genetica di gain of function («guadagno di funzione») per renderlo più contagioso e mortale.

 

«Non è un segreto che il regime comunista cinese, nonostante sia un firmatario della Convenzione sulle armi biologiche, considera lo sviluppo delle armi biologiche una parte fondamentale per raggiungere il dominio militare. Dal 2007, i ricercatori del governo cinese hanno scritto pubblicamente sullo sviluppo di armi biologiche utilizzando la controversa ricerca sul “guadagno di funzione” per rendere i virus più letali. Il vicepresidente dell’Accademia cinese delle scienze mediche militari, He Fuchu, ha affermato nel 2015 che i biomateriali erano le nuove “vette strategiche di comando” della guerra» scrive Mosher.

 

La dottoressa Yan Li-Meng, fuggita dalla Cina lo scorso aprile, definisce senza remore il virus come «un’arma biologica senza restrizioni»

Non solo: nel 2017, il principale commentatore della televisione di stato cinese ha rivelato che la guerra biologica, utilizzando virus, era una nuova priorità nell’ambito della politica di sicurezza nazionale di Xi Jinping.

 

Il generale dell’EPL Zhang Shibo è andato ancora oltre quello stesso anno nel suo libro, La nuova posizione di superiorità della guerra , sostenendo che «lo sviluppo della biotecnologia moderna sta gradualmente mostrando forti segni caratteristici di una capacità offensiva», incluso il potenziale di «specifici attacchi genetici etnici».

 

«Non è un segreto che il regime comunista cinese, nonostante sia un firmatario della Convenzione sulle armi biologiche, considera lo sviluppo delle armi biologiche una parte fondamentale per raggiungere il dominio militare»

«Per essere perfettamente chiari, ciò di cui parla il generale Zhang sono armi biologiche che uccidono altre razze, ma per le quali le persone che gli somigliano hanno un’immunità naturale o acquisita. Un’arma del genere colpirebbe selettivamente africani o caucasici o giapponesi o coreani, ma lascerebbe indenne la tua stessa popolazione» scrive Mosher.

 

Come riportava Renovatio 21 anni prima della pandemia, le cosiddette «bombe etniche», armi biologiche di attaccare solo gli individui di una determinata razza o gruppo etnico, non sono una prerogativa della sola Cina, in molti – dagli USA a Israele, etc. – ci stanno lavorando da decenni. La Cina, anche qui, avrebbe fatto quello che fa con ogni prodotto: ha copiato realizzano però un prodotto non sicuro, pericoloso – per quanti prodotti comuni è esattamente così?

 

Tornando al coronavirus, quindi, «non c’è dubbio che il Partito Comunista Cinese sia intenzionato a sviluppare armi di guerra biologica offensiva da alcuni anni. Ma possono? Cosa sappiamo delle capacità della Cina?» si chiede Mosher.

 

«Sappiamo che la Cina ha imparato la genetica inversa – le tecniche di splicing genetico necessarie per creare una super arma biologica – perché abbiamo insegnato ai loro migliori scienziati come farlo. In realtà è anche peggio di così: potremmo aver effettivamente pagato gli scienziati cinesi che hanno creato il virus cinese che ora sta devastando il mondo».

Il generale cinese  Zhang Shibo: «lo sviluppo della biotecnologia moderna sta gradualmente mostrando forti segni caratteristici di una capacità offensiva», incluso il potenziale di «specifici attacchi genetici etnici»

 

Il discorso qui cade su un personaggio molto discusso nelle ultime settimane: il dottor Peter Daszak. Poco prima dell’epidemia di Wuhan, Daszak, capo di un’organizzazione chiamata EcoHealth Alliance, ha rilasciato un’intervista sul suo lavoro con l’Istituto di virologiaWuhan Institute of Virology, che definiva un «laboratorio di livello mondiale degli standard più elevati».

 

Daszak, spiegava di aver finanziato la ricerca presso l’Istituto di virologia di Wuhan da 15 anni. Il lavoro ha coinvolto la raccolta di coronavirus dalla natura e l’utilizzo di tecniche chiamate «guadagno di funzione» (gain of function) per renderli più infettivi e mortali.

 

I coronavirus erano perfetti per questo lavoro, diceva entusiasta Daszak: «Puoi manipolarli in laboratorio abbastanza facilmente. È una proteina spike. La proteina Spike guida molto di ciò che accade con il coronavirus, il rischio zoonotico. Quindi puoi ottenere la sequenza, costruire la proteina. E abbiamo lavorato con Ralph Baric presso l’Università del North Carolina per farlo. Inseriamo la sequenza nella spina dorsale di un altro virus e poi lavoriamo in laboratorio».

 

Daszak affermava che la ricerca che stava conducendo in collaborazione con il laboratorio di Wuhan era necessaria per creare un vaccino per prevenire la prossima pandemia globale. Alla luce di quanto accaduto da allora, però, la sua intervista del 9 dicembre 2019 sembra quasi una confessione. Chiaramente l’uomo non aveva idea che il Partito Comunista Cinese potesse avere in mente altri usi per i coronavirus pericolosi oltre alla ricerca sui vaccini.

«La conclusione è che la Cina, grazie in parte alla formazione e ai finanziamenti ricevuti dagli Stati Uniti, aveva tutto il necessario per creare un’arma biologica mortale: la struttura, la tecnologia e il biomateriale grezzo»

 

«La conclusione è che la Cina, grazie in parte alla formazione e ai finanziamenti ricevuti dagli Stati Uniti, aveva tutto il necessario per creare un’arma biologica mortale: la struttura, la tecnologia e il biomateriale grezzo» ammette il sinologo americano.

 

Per quanto riguarda lo stesso Daszak, una volta iniziata la pandemia, l’ultima cosa di cui voleva parlare era il suo lavoro con il laboratorio di Wuhan. Ha subito appoggiato l’affermazione della Cina secondo cui proveniva da un mercato umido e ha attaccato chiunque dicesse il contrario come un teorico della cospirazione senza regole In un’intervista ad aprile con DemocracyNow ha insistito: «L’idea che questo virus sia scappato da un laboratorio è solo pura sciocchezza. Semplicemente non è vero. Lavoro con quel laboratorio da 15 anni. Sono alcuni dei migliori scienziati del mondo».

 

Come riportato da Renovatio 21, Daszak è stato, in quello che è definibile come il più allucinante, gravissimo conflitto di interessi del secolo, uno degli inviati dell’OMS a Wuhan lo scorso febbraio: in pratica, guidava il team che doveva stabilire l’origine del virus: un po’ come l’oste che dice che il vino è buono, o la volpe a guardia del pollaio, vedete un po’ voi la metafora che vi piace di più.

 

Gli inviati OMS guidati da Daszak fecero una visita al laboratorio per, pensate, ben 3 ore, ovviamente sotto lo stretto controllo delle autorità cinesi che hanno supervisionato tutto il loro viaggio di indagine. I cinesi, per mesi avevano rifiutato di far entrare l’OMS, poi trattarono su una lista di possibili scienziati, fra cui c’era, guarda te la vita, pure Daszak. La task force OMS di Daszak assolse il laboratorio di Wuhan e cementificò l’idea del virus nato dal pipistrello a ferro di cavallo (il quale, come il lettore saprà, vive circa 1000 chilometri più a Sud).

 

«Se le prime infezioni da coronavirus fossero un semplice risultato di trasmissione accidentale da animale a uomo, come affermato, ciò potrebbe essere accaduto ovunque in Cina. È curioso che l’epicentro dell’epidemia si trovi a solo un paio di miglia di distanza da dove si trova l’unico laboratorio di livello 4 della Cina. Un caso?»

Non sorprende che il rapporto di 120 pagine che è risultato dalla missione OMS abbia dedicato solo un paio di pagine al laboratorio di Wuhan e ha concluso che era «estremamente improbabile» che il virus provenisse da lì. Una situazione ridicola: Jamie Metzl, un altro biologo-sinologo che ha servito come funzionario della sicurezza nazionale nell’amministrazione Obama, ha dichiarato all’emittente TV CBS  che non per lui non è possibile chiamare lo sforzo dell’OMS «indagine».

 

«È essenzialmente un tour di studio altamente sorvegliato e curato – ha detto Metzl, che non ha certamente il pedigree del complottista né dell’anticinese – questo gruppo di esperti ha visto solo ciò che il governo cinese voleva che vedessero… È stato concordato innanzitutto che la Cina avrebbe avuto il potere di veto su chi doveva partecipare alla mission … L’OMS ha accettato… Immaginate se avessimo chiesto all’Unione Sovietica di condurre una inchiesta su Chernobyl. Non ha davvero senso».

 

La Cina ha una lunga storia di incidenti di laboratorio, alcuni dei quali abbiamo dettagliato su Renovatio 21. Nel 2004, ad esempio, il virus della SARS è trapelato due volte (!) da un laboratorio di Pechino e ha causato un focolaio della malattia. L’impianto di Wuhan può anche essere stato all’avanguardia, ma gli standard di sicurezza cinesi in generale sono notevolmente permissivi.

 

«Poi c’è questo: se le prime infezioni da coronavirus fossero un semplice risultato di trasmissione accidentale da animale a uomo, come affermato, ciò potrebbe essere accaduto ovunque in Cina. È curioso che l’epicentro dell’epidemia si trovi a solo un paio di miglia di distanza da dove si trova l’unico laboratorio di livello 4 della Cina. Un caso? Penso di no». Quello che pensa Mosher lo abbiamo pensato tutti – a meno che voto o portafogli tendano verso la Cina.

 

Anche l’ex direttore dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), Robert Redfield, ora crede che il coronavirus probabilmente provenisse dal laboratorio di Wuhan. Per aver riportato la notizia data dalla CNN Renovatio 21 è stata bloccata da Facebook.

 

«L’Istituto di virologia di Wuhan non è l’Istituto Nazionale di Sanità», afferma David Asher. «Stava operando un programma segreto e classificato. Dal mio punto di vista, e io sono solo una persona, la mia opinione è che fosse un programma di armi biologiche»

Fin dall’inizio, tuttavia, i media mainstream (in testa i colossi dell’oligarcato che ha programmato la presa di potere di Biden come Washington Post e New York Times) hanno cercato di convincerci che il coronavirus è un prodotto della natura piuttosto che un Frankenstein virale scappato dal laboratorio.

 

Una potente ricerca sulla questione è stata fatta da David Asher, l’ex leader della task force del Dipartimento di Stato che indaga sulle origini di COVID-19. Asher non solo crede che il virus sia fuggito dall’Istituto di virologia di Wuhan, ma anche che sia stato il risultato della ricerca sulle armi biologiche.

 

«L’Istituto di virologia di Wuhan non è l’Istituto Nazionale di Sanità», afferma David Asher. «Stava operando un programma segreto e classificato. Dal mio punto di vista, e io sono solo una persona, la mia opinione è che fosse un programma di armi biologiche».

 

Circolano voci  sull’Internet cinese secondo cui gli Stati Uniti hanno deliberatamente scatenato un’arma biologica americana sulla popolazione cinese: si tratta del famoso caso dello Olimpiadi militari dell’ottobre 2019 tenutesi proprio a Wuhan, dove c’è ragione di sospettare che già vi fosse contagio: la medaglia d’oro olimpica nella sciabola Tagliarol dichiarò di essere tornato dalle gare di Wuhan molto ammalato, anche se non capiva bene cosa fosse l’influenza che si era portato dietro. I suoi superiori militari hanno negato la sua ricostruzione.

 

«È molto caratteristico per i leader del Partito Comunista incolpare il loro principale rivale geopolitico per i crimini che essi stessi commettono»

A differenza che da noi, dove non è possibile neanche lontanamente incolpare la Cina senza incappare nella censura dei social e non solo di quelli, queste voci in Cina non vengono censurate dalle autorità, che al contrario fa sparire tutti rapporti accurati sull’epidemia. Ciò può produrre uno sviluppo di strategia geopolitica non da poco: dopo aver ritardato, sovvertito e sviato l’«indagine» di cartapesta dell’OMS sul laboratorio di Wuhan, la Cina ora chiede all’OMS di indagare sul centro anti-guerra biologica statunitense a Fort Detrick, nel Maryland.

 

«È molto caratteristico per i leader del Partito Comunista incolpare il loro principale rivale geopolitico per i crimini che essi stessi commettono» scrive Mosher.

 

«Con le sue bugie e le sue evasioni, il Partito sta semplicemente cercando di coprire la sua incompetenza nel controllare l’epidemia? Oppure i suoi leader cercano anche di nascondere qualcosa di molto più grave: la loro complicità criminale alle origini dell’epidemia? Anche tenendo conto della propensione del Partito alla segretezza, i molteplici livelli di inganno perpetrati dai funzionari comunisti negli ultimi due mesi, compresi quelli ai massimi livelli, sono stati straordinari».

«Potremmo non sapere mai con certezza se il nuovo coronavirus fosse destinato a essere utilizzato come arma biologica. Ma sappiamo che la stampa, la trasmissione televisiva e i social media occidentali stanno facendo del loro meglio per liquidare la possibilità stessa come una fantasia paranoica»

 

Non resta che constatare la nostra impotenza davanti al mistero dell’origine del virus, e alla probabile minaccia assoluta che esso potrebbe rappresentare – una Chernobyl biologica che dovrebbe metterci tutti in guardia rispetto all’uso della bioingegneria e delle armi biologiche. Sull’energia atomica si è discusso e manifestato ad nauseam, su virus e ingegneria genetica non è stata detta una parola. Le armi atomiche sono ben presenti nel discorso pubblico, la cui pressione ha condotto a trattati etc. Per le bioarmi, praticamente niente: un paio di film, qualche tratto vecchio di decenni che tutti sanno essere disatteso da ogni firmatario.

 

Questa oscena spirale del silenzio è dovuta al Partito Comunista Cinese ma anche e soprattutto alla complicità che esso ha in Occidente tra politici, industriali, giornalisti.

 

«Potremmo non sapere mai con certezza se il nuovo coronavirus fosse destinato a essere utilizzato come arma biologica. Ma sappiamo che la stampa, la trasmissione televisiva e i social media occidentali stanno facendo del loro meglio per liquidare la possibilità stessa come una fantasia paranoica» scrive sconsolato Mosher.

 

Eppure, le prove ci sono «Sappiamo, perché i generali del EPL ci hanno detto così, che i loro ricercatori stanno correndo per sviluppare armi biologiche letali alla velocità consentita dal loro furto di tecnologia occidentale e campioni di virus rubati. Ed è una supposizione più ragionevole presumere che, a causa di questa spinta a sviluppare un’arma biologica mortale, gli standard di sicurezza siano stati trascurati presso l’Istituto di virologia di Wuhan e il coronavirus mortale sia riuscito a fuggire dal laboratorio».

«In altre parole, qualcuno pensa che le autorità comuniste – una volta perfezionata un’arma biologica alla quale essi stessi avevano un’immunità naturale o indotta – esiterebbero a scatenare una pandemia mortale sull’Occidente per realizzare il loro “sogno cinese” di dominio sul mondo?»

 

Pragmaticamente, dobbiamo ammettere che oramai avere certezza dell’origine militare del virus non cambia molto: «se il nuovo coronavirus fosse già stato militarizzato prima di raggiungere le strade di Wuhan è (quasi) di secondaria importanza. Perché i leader comunisti sono chiaramente impegnati in uno sforzo per sviluppare un’arma del genere come parte integrante della loro strategia per la Repubblica Popolare Cinese per sostituire gli Stati Uniti come potenza dominante sul pianeta».

 

Se portiamo questo ragionamento alle estreme conseguenze, il sangue ci si raggela:

 

«In altre parole, qualcuno pensa che le autorità comuniste – una volta perfezionata un’arma biologica alla quale essi stessi avevano un’immunità naturale o indotta – esiterebbero a scatenare una pandemia mortale sull’Occidente per realizzare il loro “sogno cinese” di dominio sul mondo?».

 

La Cina che può progettare di conquistare il mondo, tramite una pandemia bioingegnerizzata e un possibile sterminio massivo, magari regolato su bioarmi «etniche». Quali barriere impedirebbero allo Stato dei milioni di aborti forzati, degli organi espiantati a prigionieri vivi, dei campi di concentramento da milione di persone, di non intraprendere questa via? La morale?

 

La Cina che può progettare di conquistare il mondo, tramite una pandemia bioingegnerizzata e un possibile sterminio massivo, magari regolato su bioarmi «etniche». Quali barriere impedirebbero allo Stato dei milioni di aborti forzati, degli organi espiantati a prigionieri vivi, dei campi di concentramento da milione di persone, di non intraprendere questa via? La morale?

Qualcuno, fra politici, attivisti, religiosi italiani, vuole farsi carico di un pericolo del genere?

 

Qualcuno vuole combattere questa prospettiva?

 

Qualche persona di buona volontà vuole ascoltare questo grido che da questo sito stiamo lanciando non da uno, ma da diversi anni?

 

Lo scenario, se non lo avete capito, riguarda davvero il bene e il male, e la possibile mutazione, o distruzione, della Civiltà. Qualcuno dei nostri lettori, almeno, lo ha capito?

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

La Russia torna a parlare dei laboratori di armi biologiche USA vicino ai suoi confini

Pubblicato

il

Da

La Russia ritiene che gli Stati Uniti stiano ricercando agenti patogeni vicino al confine russo da utilizzare nel suo programma di armi biologiche, ha detto giovedì il vice ministro degli Esteri russo incaricato del controllo degli armamenti. Lo riporta il sito governativo russo Sputnik.

 

«La Russia ha tutte le ragioni per ritenere che componenti di armi biologiche siano state sviluppate nelle immediate vicinanze dei confini russi. In particolare, abbiamo osservato gli Stati Uniti e i suoi alleati condurre ricerche sulla guerra biologica oltre i loro confini nazionali, anche sul territorio dei nostri vicini», ha dichiarato Sergej Rjabkov  ai giornalisti a Mosca.

 

La Russia trova «inaccettabile», ha aggiunto, che funzionari militari stranieri che lavorano in Paesi confinanti con la Russia abbiano campionato agenti patogeni umani ed esportato collezioni nazionali di malattie infettive, inclusi ceppi estremamente pericolosi e resistenti ai vaccini.

 

L’alto diplomatico russo è intervenuto a un briefing in vista della nona conferenza di revisione della Convenzione sulle armi biologiche, che si terrà in Svizzera dal 28 novembre al 16 dicembre.

 

La convenzione vieta lo sviluppo, la produzione e lo stoccaggio di armi biologiche e tossiche e sostiene la loro distruzione.

 

Rjabkov ha detto che la Russia presenterà la prova che gli Stati Uniti conducono tali ricerche in Ucraina a margine della prossima conferenza di Ginevra. Washington ha negato la ricerca sul campo in violazione della convenzione sulle armi biologiche, che ha firmato e ratificato negli anni ’70.

 

«La delegazione russa terrà un evento separato a porte aperte alla prossima conferenza di revisione durante la quale i nostri esperti presenteranno nuovamente le prove a loro disposizione e solleveranno le attività di guerra biologica in Ucraina», ha affermato il viceministro russo.

 

La Russia ha diffuso le sue scoperte sulla ricerca sui patogeni del Pentagono in Ucraina da marzo, ma le autorità ucraine e i loro sponsor statunitensi hanno ripetutamente negato, ha affermato il diplomatico.

 

La Russia cercherà ora di migliorare le misure di costruzione della fiducia nella convenzione per ritenere i firmatari responsabili dello svolgimento di ricerche illecite all’estero.

 

Dopo l’inizio dell’operazione militare speciale in Ucraina, le forze russe hanno scoperto diverse strutture finanziate dagli Stati Uniti con prove di studi sulla guerra biologica.

 

Inizialmente, la Casa Bianca ha negato tali attività, ma nel giugno 2022 il Pentagono ha ammesso di aver finanziato 46 laboratori biologici in Ucraina.

 

Tuttavia, sia Washington che Kiev negano che i laboratori servissero a scopi militari, sostenendo che venivano utilizzati solo per ricerche pacifiche.

 

Come riportato da Renovatio 21, nella storia dei biolaboratori USA in Ucraina sembra coinvolto il figlio del presidente in carica, il perverso e drogato Hunter Biden, e altre realtà, tra cui nomi di Big Pharma e nomi legati al Partito Democratico USA. Si è fatto anche riferimento a una cointeressenza della Repubblica Federale Tedesca.

 

Qualcuno è arrivato a parlare di una possibile connessione tra le strutture ucraine finanziate dagli Stati Uniti e il COVID-19. Il generale russo Igor Konashenkov ha parlato di esperimenti del Pentagono in Ucraina a base di coronavirus di pipistrello.

 

Politici e militari russi lanciano accuse gravi a questi laboratori e a lori sponsores, tra cui quella di fare esperimenti con malattie estremamente pericolose, se non di addirittura attacchi biologici alla popolazione delle repubbliche separatesi da Kiev. Accuse riguardo la rete di laboratori di bio-guerra sono arrivati dal presidente Putin stesso.

 

La Duma, il Parlamento della Federazione Russa, ha invitato Victoria Nuland – che aveva ammesso le «preoccupazioni» americane per i laboratori durante una deposizione alla Commissione Relazioni Estere del Senato USA – a spiegare la questione dei laboratori a Mosca.

 

Non risulta che la Nuland, ritenuta vero puparo di tutto il caos ucraino dal 2014 a oggi (e anche prima, a dir il vero), abbia accettato l’invito.

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

Preparazione alla guerra biologica? La Casa Bianca lancia una strategia nazionale di biodifesa da 88 miliardi di dollari

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

L’esperto di armi biologiche Francis Boyle, JD, Ph.D., ha affermato che la nuova strategia di difesa biologica nazionale da 88 miliardi di dollari dell’amministrazione Biden segnala che gli Stati Uniti stanno espandendo la loro industria della guerra biologica «allo scopo di condurre una guerra biologica».

 

 

 

Martedì l’amministrazione Biden ha annunciato una nuova strategia nazionale di biodifesa da 88 miliardi di dollari che delinea i piani del governo su come rispondere a future pandemie, emergenze di salute pubblica e minacce biologiche.

 

Il lancio della «Strategia nazionale di biodifesa e piano di attuazione per contrastare le minacce biologiche, migliorare la preparazione alla pandemia e raggiungere la sicurezza sanitaria globale» includeva la firma del National Security Memorandum-15 (NSM-15).

 

Gli elementi chiave della nuova strategia includono la rapida produzione e distribuzione di vaccini e test diagnostici e il rafforzamento della sicurezza sanitaria globale.

 

La strategia include anche un nuovo quadro per il ruolo del governo federale durante una crisi futura, che pone la Casa Bianca al centro di qualsiasi risposta del genere, coordinando le azioni di più agenzie federali.

 

La Casa Bianca ha affermato che la nuova strategia adotta gli insegnamenti della pandemia di COVID-19 .

 

In un’intervista con The Defender, il professore di diritto internazionale dell’Università dell’Illinois Francis Boyle, JD, Ph.D., un esperto di armi biologiche che ha redatto il Biological Weapons Anti-Terrorism Act del 1989, ha dichiarato:

 

«Sembra che l’enorme quantità di denaro qui, 88 miliardi di dollari in cinque anni, quando lo si aggiunge a ben oltre, direi, forse 130 miliardi di dollari [in spese per la biodifesa] dall’11 settembre 2001, significa che si stanno attrezzando fino a combattere la guerra con armi biologiche in tutto il mondo».

 

Boyle ha detto a The Defender che tra l’ottobre 2001 e l’ottobre 2015 il governo federale ha speso 100 miliardi di dollari «per scopi di guerra biologica».

 

«Per metterlo in prospettiva», ha detto, «in dollari costanti, il progetto Manhattan per sviluppare la bomba atomica è stato di 40 miliardi di dollari».

 

 

Pianificare le richieste di sviluppo, distribuzione di nuovi vaccini entro 130 giorni

La nuova strategia di biodifesa di Biden include il rapido sviluppo e la diffusione di nuovi vaccini e strumenti diagnostici che prevede in risposta a qualsiasi futura «minaccia biologica».

 

Secondo il piano della Casa Bianca, queste «minacce biologiche» potrebbero essere «naturali, accidentali [o] intenzionali», «con il potenziale di avere un impatto significativo su esseri umani, animali (domestici e selvatici), piante e ambiente e di avere un impatto negativo influiscono sulla salute, sull’economia, sulla società e sulla sicurezza».

 

Secondo STAT , gli obiettivi del piano includono:

 

  • Essere in grado di testare nuovi agenti patogeni entro 12 ore.

 

  • Messa a disposizione del pubblico dei test rapidi entro 90 giorni.

 

  • Riutilizzo dei farmaci esistenti entro 90 giorni.

 

  • Sviluppare vaccini entro 100 giorni.

 

  • Produzione sufficiente del nuovo vaccino per l’intera popolazione statunitense entro 130 giorni e “per la popolazione globale ad alto rischio” entro 200 giorni.

 

  • Sviluppo di nuovi trattamenti entro 180 giorni.

 

Nel giustificare la nuova strategia, un alto funzionario anonimo dell’amministrazione Biden citato da The Hill ha detto:

 

«Noi… sappiamo che il rischio di un’altra pandemia così grave o peggiore del COVID è una vera minaccia. La nuova Strategia Nazionale di Biodifesa delinea quindi una visione audace… verso un mondo libero da pandemie e incidenti biologici catastrofici».

 

Secondo Defense One, altri obiettivi contenuti nel piano includono «rilevare la diffusione di agenti patogeni prima ancora che i pazienti inizino a mostrare sintomi come la febbre» e «aumentare il numero di kit di test diagnostici di decine di migliaia entro una settimana».

 

Un ulteriore elemento del piano è «ripristinare la comunità, l’economia e l’ambiente dopo una pandemia o un incidente biologico», ha riferito The Hill.

 

Il piano dell’amministrazione Biden include anche disposizioni per la preparazione contro il «rilascio accidentale di agenti biologici e le minacce poste da gruppi terroristici o avversari che cercano di utilizzare armi biologiche».

 

Notando che il COVID-19 «ha evidenziato che gli Stati Uniti e il mondo sono vulnerabili alle minacce biologiche, siano esse naturali, accidentali o intenzionali», il piano afferma:

 

«È un interesse vitale degli Stati Uniti prepararsi, prevenire, rilevare, rispondere e riprendersi dalle minacce biologiche in patria e all’estero».

 

«Pertanto, contrastare le minacce biologiche, promuovere la preparazione alla pandemia e raggiungere la sicurezza sanitaria globale sono le massime priorità di sicurezza nazionale e internazionale per gli Stati Uniti».

 

«Andando avanti, gli Stati Uniti devono trasformare radicalmente le loro capacità di proteggere la nostra nazione dalle minacce biologiche e promuovere la preparazione alla pandemia e la sicurezza sanitaria in modo più ampio per il mondo».

 

Secondo STAT, un alto funzionario anonimo dell’amministrazione Bidenha dichiarato martedì: «una delle cose importanti che il COVID ci ha insegnato è che dobbiamo essere in grado di muoverci molto più velocemente per contrastare le minacce pandemiche e dobbiamo anche essere preparati per eventi completamente sconosciuti minacce».

 

Lo stesso funzionario ha affermato che il piano include obiettivi molto alti che non sono scientificamente fattibili al momento, ma potenzialmente potrebbero essere entro un decennio.

 

Secondo il funzionario, questi nuovi sviluppi possono prendere di mira le 26 famiglie di virus che infettano gli esseri umani, «per molti dei quali siamo molto meno preparati dei coronavirus».

 

 

Il Congresso lo finanzierà?

Alcuni hanno messo in dubbio il prezzo del piano e la volontà del Congresso di approvarne il finanziamento.

 

Uno degli elementi della nuova strategia è il suo collegamento a una richiesta del marzo 2022 al Congresso per 88 miliardi di dollari di finanziamenti in cinque anni per «preparazione alla pandemia e biodifesa», una richiesta che finora si è «fermata».

 

Questi fondi sono destinati, in parte, a «finanziare nuove ricerche per prevedere i focolai prima che diventino pandemie» e «accelerare i test rapidi per anticipare dove si stanno muovendo i virus», ha affermato Defense One.

 

Parte di questo denaro proverrà dal finanziamento di base delle agenzie federali coinvolte in questa strategia, ma non è chiaro se il Congresso abbia «molto appetito per la spesa sanitaria pubblica aggiuntiva», secondo STAT, che ha osservato che «i repubblicani al Congresso si sono rifiutati alle recenti richieste di finanziamento delle risposte in corso al vaiolo delle scimmie e al COVID-19».

 

Secondo la Casa Bianca , la nuova strategia «si basa sull’annuncio dell’USAID [Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale] all’inizio di quest’anno che ha impegnato 150 milioni di dollari alla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations [CEPI] per accelerare lo sviluppo di vaccini salvavita e contromisure contro le minacce biologiche».

 

La Casa Bianca ha incluso anche 1,4 miliardi di dollari in «finanziamenti iniziali» forniti all’inizio di quest’anno al «nuovo rivoluzionario Fondo per intermediari finanziari per la prevenzione, la preparazione e la risposta alle pandemie presso la Banca mondiale».

 

Boyle ha descritto gli 88 miliardi di dollari di finanziamento previsto nei prossimi cinque anni come «una drammatica escalation» senza «nessuna giustificazione da legittime ragioni scientifiche».

 

Ha osservato che dal 2015, il governo federale ha «stanziato da 5 a 6 miliardi di dollariall’anno per scopi di guerra biologica, il che, essendo prudente, significherebbe una somma totale dall’11 settembre 2001, fino ad ora, di $ 135- $ 140 miliardi».

 

A suo avviso, questo denaro viene stanziato «per espandere ulteriormente l’industria della guerra biologica statunitense… allo scopo di condurre una guerra biologica» e invece «avrebbe dovuto essere speso per la salute pubblica del popolo americano».

 

 

«Dietro tutto questo trovi Tony»

Parte del prezzo della nuova strategia di biodifesa sembra essere diretta al «reclutamento, formazione e sostegno di un solido e permanente quadro di operatori sanitari in tutti i 50 stati», nelle parole di un alto funzionario dell’amministrazione Biden citato da Reuters.

 

Riferendosi ad esso come un «esercito della salute pubblica», STAT ha riferito che questo «quadro di operatori sanitari» includerà «tecnici di laboratorio, veterinari e operatori sanitari della comunità, non solo per rilevare meglio le malattie emergenti, ma anche per rispondere ad esse».

 

A sua volta, Defense One ha riferito che la strategia «mira ad aumentare il numero di operatori sanitari locali» e «tradizionali operatori sanitari in prima linea», ma anche molte nuove posizioni «relative alla ricerca e alla raccolta di dati», tra cui «l’espansione del campo epidemiologico del CDC programma ufficiale» e «portare più epidemiologi in ogni Stato».

 

L’amministrazione Biden ha anche affermato di essere «impegnata ad aiutare almeno 50 paesi a rafforzare le proprie capacità locali», «rafforzare la forza lavoro della sanità pubblica sia negli Stati Uniti che a livello globale» e «stabilire meccanismi internazionali per rafforzare la sicurezza dei laboratori», secondo STAT.

 

Per alcuni, i «meccanismi internazionali» possono ricordare gli sforzi recenti e in corso dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per stabilire un rinnovato «trattato pandemico globale» – sforzi in cui gli Stati Uniti sotto l’amministrazione Biden hanno svolto un ruolo di primo piano.

 

Come riportato in precedenza da The Defender, l’amministrazione Biden ha espresso ampio sostegno a un «trattato sulla pandemia» e in precedenza ha guidato i negoziati su questo tema.

 

Nella sua intervista con The Defender, Boyle ha anche tracciato collegamenti tra la nuova strategia dell’amministrazione Biden e gli sforzi per sviluppare il «trattato pandemico».

 

Facendo riferimento all’ordine esecutivo firmato di recente dall’amministrazione Biden sul «progresso della biotecnologia e della bioproduzione», Boyle ha osservato che fa menzione di «ricerche dual use [cioè per uso sia civile che militare, ndt]preoccupanti e ricerche che coinvolgono potenzialmente pandemie e altri agenti patogeni ad alte conseguenze».

 

Per Boyle, «ricerca dual use» si riferisce allo sviluppo di «armi da guerra biologica sia offensive che difensive», osservando che «quando si tratta di guerra biologica, difesa significa offesa».

 

«Se stanno dicendo che stanno facendo tutto questo per scopi difensivi, è perché stanno anche pianificando un uso offensivo di armi da guerra biologica, con la difesa per difendersi nel caso in cui gli avversari rispondano in natura», ha aggiunto Boyle.

 

Questo si collega quindi al «trattato pandemico», secondo Boyle, osservando che il dottor Anthony Fauci ha stretti legami con il comitato esecutivo dell’OMS:

 

«Se ricordi, Trump ci ha tirato fuori dall’OMS. Il primo atto che Biden ha fatto è stato quello di rimetterci nell’OMS… e ha nominato Tony Fauci come rappresentante del governo degli Stati Uniti nel comitato esecutivo dell’OMS».

 

«Quindi lo stesso ragazzo che sostiene questa “doppia ricerca di preoccupazione”… sta anche implementando, supervisionando questo nuovo trattato dell’OMS».

 

La strategia di Biden «richiede anche meccanismi internazionali che possano aiutare a rafforzare la sicurezza dei laboratori e le pratiche di bioprotezione in tutto il mondo», soprattutto alla luce delle «domande sui rischi e sui benefici della ricerca sui virus potenzialmente pericolosi», inclusa la fuga di notizie dai laboratori di Wuhan per il COVID-19 teoria.

 

Ciò potrebbe indicare che Biden sta cercando di espandere la ricerca sul guadagno di funzione a livello globale. Come riportato di recente da The Defender, le strutture che conducono tali ricerche, inclusa una struttura in cui è stato sviluppato un ceppo presumibilmente «più letale» della variante COVID-19 Omicron, sono attualmente in fase di espansione negli Stati Uniti.

 

Il guadagno di funzione si riferisce alla «manipolazione di agenti patogeni per renderli più pericolosi», nella speranza di «anticipare un focolaio futuro».

 

Come parte della nuova strategia, è stata firmata una «struttura di coordinamento politico per la biodifesa tra le agenzie governative con la supervisione della Casa Bianca», ha riferito Reuters.

 

Secondo The Hill, questo memorandum «delinea la struttura di coordinamento per la biodifesa tra le agenzie federali, indirizza le agenzie a dare la priorità alla biodifesa, indirizza la comunità dell’intelligence a tenere traccia dei paesaggi delle minacce in evoluzione e garantisce che il governo riveda e aggiusti continuamente le priorità».

 

Boyle, un critico esplicito della ricerca sul guadagno di funzione, ha affermato che sembra che tale ricerca sarà parte integrante della nuova strategia di biodifesa dell’amministrazione Biden. 

 

«È chiaro nel linguaggio che stanno andando avanti a tutto vapore nell’abusare del DNA, dell’ingegneria genetica, del guadagno di funzione, della biologia sintetica, dello splicing genico , CRISPR-Cas9 , per sviluppare armi da guerra biologica» ha detto a The Defender.

 

Ha affermato che il trattato sulla pandemia dell’OMS proposto include un linguaggio su «misure per fornire supervisione e riferire sui laboratori che lavorano per alterare geneticamente gli organismi al fine di aumentare la patogenicità e la trasmissibilità».

 

Per Boyle, «questo significa lavoro di guadagno di funzione, usando e abusando dell’ingegneria del DNA, della biologia sintetica, CRISPR-Cas9. Questo è nel trattato dell’OMS».

 

«Tutto si lega», ha aggiunto Boyle. «L’ordine esecutivo, la strategia di biodifesa, il trattato dell’OMS. Trovi Tony Fauci dietro a tutto questo».

 

«Quando sommi tutto questo, mi sembra che si stiano attrezzando per prepararsi a condurre una guerra biologica offensiva e prepararsi per la difesa, affinché altri stati rispondano con armi da guerra biologica» ha aggiunto Boyle.

 

 

Il piano richiede il coordinamento tra le agenzie federali sotto il controllo della Casa Bianca

La nuova strategia di biodifesa dell’amministrazione utilizzerà più di 20 agenzie federali, mentre «la supervisione della strategia sarà alla Casa Bianca, sotto il consigliere per la sicurezza nazionale».

 

Secondo un alto funzionario dell’amministrazione Biden, la nuova strategia «indirizza la comunità dell’intelligence statunitense a monitorare le minacce e garantire che gli Stati Uniti» si adattino continuamente a questo panorama di minacce in evoluzione «tenendo esercitazioni annuali», per «prevenire epidemie e incidenti biologici prima che succedere», ha riferito Reuters.

 

Questo potrebbe far venire in mente esercizi e simulazioni che hanno avuto luogo appena prima dell’epidemia di COVID-19, vaiolo delle scimmie e antrace, che sembravano prevedere, con notevole somiglianza, cosa sarebbe successo.

 

Secondo la nuova strategia di Biden, i capi delle agenzie federali competenti «attueranno la strategia di biodifesa, nonché le strategie correlate come la strategia di sicurezza sanitaria globale degli Stati Uniti e includeranno attività legate alla biodifesa … all’interno della loro pianificazione strategica e dei processi di bilancio».

 

Ci si aspetta anche che le agenzie federali si coordinino tra loro e con le agenzie non federali su questioni relative alla «impresa di biodifesa».

 

 

La nuova strategia è un una sfida altissima o una meta irraggiungibile?

Oltre alle domande sui finanziamenti, alcuni hanno anche messo in dubbio la fattibilità del nuovo piano.

 

Defence One ha scritto che il raggiungimento di alcuni degli obiettivi «alti» della strategia «richiederà un aumento degli sforzi di raccolta dei dati presso le strutture di ricerca in tutto il mondo», oltre a incrementare in modo significativo una serie di altri sforzi relativi alla ricerca, osservando che il amministrazione «non ha specificato esattamente in quali tecnologie investirà».

 

Secondo Defense One, potrebbe essere necessario sviluppare «nuovi approcci alla ricerca sull’RNA» per «attenuare le pandemie», oltre a «nuove forme di vaccini a base vegetale» che potrebbero «consentire l’aumento graduale della produzione di vaccini di ordini di grandezza».

 

Un anonimo alto funzionario dell’amministrazione Biden citato da Defense One ha riconosciuto che gli altissimi obiettivi previsti dal piano «non sono possibili oggi, ma queste capacità possono essere raggiunte e sono alla nostra portata con le giuste risorse nei prossimi 5-10 anni».

 

Assumere più operatori sanitari potrebbe anche rivelarsi difficile per l’amministrazione Biden a causa della carenza di infermieri che dovrebbe crescere entro il 2025, insieme alla «carenza di altri operatori sanitari» incombente.

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

© 20 ottobre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Armi biologiche

Il dottor Peter McCullough afferma che il COVID è un’arma biologica creata da un’«operazione del governo» USA

Pubblicato

il

Da

Il COVID-19 è un’«arma biologica» di cui è responsabile il governo federale degli Stati Uniti, secondo il dottor Peter McCullough, eminente critico dell’establishment.

 

Internista, cardiologo ed epidemiologo noto per aver analizzato e commentato gli sviluppi dell’epidemia di COVID e la sua risposta politica, McCullough ha rilasciato una recente intervista alla giornalista Kristi Leigh per discutere del libro di cui è coautore con John Leake, The Courage to Face COVID- 19 («Il coraggio di affrontare il COVID-19»).

 

«È stata un’operazione del governo che ha creato SARS-CoV-2 e la proteina spike», dichiara nell’intervista il dottor McCullough. «È il governo degli Stati Uniti che lo ha fatto. E stavano lavorando sulla minaccia e sulla risposta (…) era tutto pianificato (…) il SARS-CoV-2 è un’arma biologica».


 

All’inizio della pandemia, la teoria secondo cui il COVID ha avuto origine in un laboratorio cinese piuttosto che nella natura è stata  condannata come disinformazione: Renovatio 21 fu bandita dai social per aver anche solo riportato qualcuno che ventilava la possibilità che il virus potesse essere una bioarma. La presenza di militari cinesi nel complesso, è fuor di dubbio, dopo e pure prima dello scoppio dell’epidemia..

 

Tuttavia a metà del 2021, con l’aumento di prove sempre più inconfutabili, il mainstream ha iniziato a riconoscere la possibilità che un virus da laboratorio colpisca subito la città – Wuhano – dove è sito quello che è praticamente il laboratorio di massi sicurezza biologica in Cina.

 

A febbraio 2022 l’ex direttore del CDC Robert Redfield arrivò a dire  la versione di Fauci sull’origine del COVID, cioè quella per cui sarebbe partito dal pipistrello,  è «antitetica alla realtà».

 

Lo scorso maggio, i membri repubblicani della House Intelligence Committee degli Stati Uniti hanno pubblicato un rapporto trovando «prove circostanziali significative» che il COVID si è diffuso fuggendo dall’Istituto di Virologia di Wuhan cinese e il senatore repubblicano degli Stati Uniti Rand Paul del Kentucky ha assunto un ruolo di primo piano nel investigando sul direttore uscente del National Institute of Allergy & Infectious Diseases (NIAID) e consigliere della Casa Bianca per il COVID, il dottor Anthony Fauci, sulla sua supervisione nel presunto ruolo del governo degli Stati Uniti.

 

Sotto Fauci, il NIAID ha approvato il finanziamento per EcoHealth Alliance per esplorare la ricerca sul guadagno di funzione (GoF), che comporta il rafforzamento intenzionale dei virus per studiare meglio i loro potenziali effetti sui coronavirus in diversi siti, incluso il WIV.

 

Fauci e i suoi difensori hanno insistito sul fatto che il lavoro approvato dal NIAID non era una ricerca di guadagno di funzione e non avrebbe potuto portare a COVID, ma a gennaio gli investigatori conservatori del Project Veritas hanno rilasciato documenti che hanno ottenuto dimostrando che, prima di passare al NIAID, EcoHealth aveva precedentemente presentato la sua richiesta di finanziamento alla Defense Advanced Research Projects Agency’s (DARPA), che l’ha respinta sulla base del fatto che il progetto avrebbe violato una moratoria preesistente sulla ricerca sul GoF e non ha tenuto conto dei suoi potenziali rischi.

 

Da allora, le e-mail trapelate hanno rivelato che i migliori ricercatori del NIAID, del National Institutes of Health (NIH), del Wellcome Trust di Londra e dell’Erasmus University Medical Center dei Paesi Bassi erano a conoscenza della possibilità di una perdita di laboratorio già nel febbraio 2020, ma temevano pubblicamente riconoscere comprometterebbe «la scienza e l’armonia internazionale».

 

A maggio, il direttore ad interim del NIH Lawrence Tabak ha ammesso al Congresso che l’agenzia ha limitato la disponibilità di dati sulle prime sequenze genomiche di COVID-19, informazioni che potrebbero aiutare a stabilire le origini del virus, su richiesta degli scienziati della Cina comunista.

 

Come riportato da Renovatio 21, la sequenza cronologica della pandemia presenta varie coincidenze e aberrazioni.

 

Otto mesi fa il deputato repubblicano dell’Alabama Mo Brooks disse in TV che il COVID era un’«arma biologica creata nel laboratorio di armi biologiche di Wuhan del Partito Comunista Cinese».

 

 

 

Immagine screenshot da Rumble

Continua a leggere

Più popolari