Origini del C-19: perché non dovreste credere all’OMS

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo apparso sul sito Bitter Winter – Libertà religiosa e diritti umani in Cina.

 

 

 

Esperti dell’agenzia delle Nazioni Unite affermano che il virus non poteva provenire da un laboratorio cinese, perché glielo avevano detto i cinesi.

 

 

 

Incredibile. Ma non inaspettato.

 

Gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), un’agenzia delle Nazioni Unite spesso accusata di essere amichevole con la Cina, sono andati a Wuhan e hanno concluso che la teoria secondo cui il virus è trapelato accidentalmente da uno dei laboratori locali di ricerca sui virus non è credibile.

 

Gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), un’agenzia delle Nazioni Unite spesso accusata di essere amichevole con la Cina, sono andati a Wuhan e hanno concluso che la teoria secondo cui il virus è trapelato accidentalmente da uno dei laboratori locali di ricerca sui virus non è credibile

Mentre esperti non cinesi che hanno sostenuto che la teoria del laboratorio non può essere liquidata come complottista, compresi quelli dell’autorevole Centro nazionale francese per la ricerca scientifica, basando le loro scoperte su un’analisi del virus, i viaggiatori allegri dell’OMS hanno semplicemente creduto a ciò che i cinesi hanno detto loro.

 

Il dottor Peter Ben Embarek, l’esperto danese a capo del team dell’OMS, ha dichiarato in una conferenza stampa di essere giunto alle sue conclusioni attraverso interviste con manager e scienziati cinesi che lavorano nei laboratori di Wuhan. Queste discussioni, ha detto Ben Embarek, sono «lunghe, franche, aperte». I cinesi gli hanno raccontato la storia del «presente e del passato e di tutti i progetti che coinvolgono pipistrelli e coronavirus e progetti più avanzati», ha aggiunto che «ha interrogato ampiamente i funzionari dell’Istituto di Virologia di Wuhan su cosa pensassero dell’ipotesi di fuga di laboratorio» e costoro hanno negato e detto che la sicurezza nei loro laboratori funziona perfettamente – «sono i migliori per respingere le affermazioni e fornire risposte a tutte le domande».

 

Onestamente, questo è uno scandalo, ed è ancora più scandaloso che rispettabili media internazionali prendano sul serio Ben Embarek. Non solo ha visitato una possibile scena del crimine più di un anno dopo che si sospettava il crimine, ma ha chiesto al sospetto se avesse commesso il crimine e ha accettato «no» come risposta. Forse la prossima volta che l’OMS visiterà la Russia, chiederà ai servizi segreti se hanno avvelenato Alexei Navalny, avrà una discussione «lunga, franca, aperta» con loro e riferirà che hanno detto di no, non si occupano di veleni, e «loro sono i migliori per respingere le affermazioni e fornire risposte a tutte le domande.».

 

L’OMS aveva già accettato di sostenere l’affermazione cinese secondo cui il virus proveniva dal cibo, o da animali selvatici venduti nel mercato di Wuhan o, come il PCC preferisce di gran lunga, da cibo congelato arrivato a Wuhan dagli Stati Uniti, Norvegia o Italia

C’è di peggio. Ben Embarek è di mestiere un esperto di sicurezza alimentare, e il fatto che sia stato nominato, in accordo con i cinesi, capo del team di ispezione dell’OMS, indicava chiaramente che il risultato era predeterminato. L’OMS aveva già accettato di sostenere l’affermazione cinese secondo cui il virus proveniva dal cibo, o da animali selvatici venduti nel mercato di Wuhan o, come il PCC preferisce di gran lunga, da cibo congelato arrivato a Wuhan dagli Stati Uniti, Norvegia o Italia.

 

Con vergogna sua e dell’OMS, Ben Embarek ha tenuto la sua conferenza stampa con Liang Wannian, leader della parte cinese di quello che era dopo tutto il team congiunto Cina-OMS, che, incontrastato dal rappresentante dell’OMS, ha continuato la propaganda del PCC sul «cibo contaminato» proveniente dall’estero.

 

Analizzando i media cinesi, Zeng Guang, uno scienziato capo presso il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha affermato che il virus dopo tutto potrebbe aver avuto origine in un laboratorio, un laboratorio americano, cioè. Zeng ha accusato gli Stati Uniti di molteplici «crimini» nella produzione e nell’uso di armi biologiche, implicando che potrebbero aver creato anche il virus responsabile del COVID-19.

 

Il mondo ha tollerato per troppo tempo la farsa degli «esperti» cinesi e dell’OMS che spacciano propaganda

Il mondo ha tollerato per troppo tempo la farsa degli «esperti» cinesi e dell’OMS che spacciano propaganda che ricorda i processi di Stalin contro uno scienziato accusato di spacciare gli stessi veleni usati dai suoi servizi segreti. È un ottimo momento per smettere di prendere sul serio questi «esperti».

 

 

Massimo Introvigne

 

 

 

Articolo apparso su Bitter Winter con il titolo «COVID-19’s Origins: Why You Should Not Believe the WHO».

 

 

«Il nostro lavoro funziona grazie a qualche centinaio di reporter cinesi, una cinquantina dei quali sono stati arrestati e una trentina ancora in prigione – ci ricorda il professor Introvigne, direttore di Bitter Winter – Nessuno di loro è retribuito e continuano a fare uscire notizie e fotografie inedite a rischio della galera»