Connettiti con Renovato 21

Armi biologiche

I vaccini come guerra biologica?

Pubblicato

il

Il dipartimento della biologia molecolare dell’ala medica 59esima brigata dell’aviazione degli USA ha rivelato di aver raccolto specificamente campioni di RNA russo, suscitando forti timori in Russia a causa di un possibile programma di armi biologiche diretto dagli Stati Uniti.

 

L’articolo di TeleSUR,«La ‘bomba etnica’ dall’aeronautica statunitense conferma la correlazione di DNA russo» riferisce

 

«La Russia ha sollevato la sua preoccupazione per i tentativi delle forze armate statunitensi di raccogliere campioni di DNA dai cittadini russi, rilevando il potenziale uso di tali campioni biologici allo scopo di creare nuove armi per la guerra genetica. L’aeronautica statunitense ha cercato di calmare le preoccupazioni del Cremlino, osservando che i campioni sarebbero stati utilizzati solo per i cosiddetti scopi di “ricerca”, e non per il bioterrorismo. Rivolgendosi ai rapporti russi, il portavoce del Comando della US Air Education and Training Captain Beau Downey ha detto che il suo centro ha scelto a caso il popolo russo come fonte di materiale genetico, per favorire la sua continua ricerca del sistema muscolo-scheletrico».

“Il rapporto affermerebbe inoltre che l’uso di campioni di tessuti russi nello studio USAF ha alimentato il sospetto che il Pentagono continui a tentare di sviluppare una presunta ‘arma biologica’ rivolta specificamente contro i russi”

 

Il rapporto affermerebbe inoltre che «l’uso di campioni di tessuti russi nello studio USAF ha alimentato il sospetto che il Pentagono continui a tentare di sviluppare una presunta “arma biologica” rivolta specificamente contro i russi».

 

Il presidente russo Vladimir Putin avrebbe dichiarato:

 

«Sapete che il materiale biologico viene raccolto in tutto il paese, in diversi gruppi etnici e persone che vivono in diverse regioni geografiche della Federazione Russa? La domanda è: perché viene eseguita questa raccolta? È stato fatto intenzionalmente e professionalmente».

 

E mentre le forze armate statunitensi tentavano di respingere l’idea che qualsiasi tipo di arma biologica etnico-specifica fosse oggetto di ricerca, la presunzione che tale arma possa presto esistere non è affatto inverosimile.

 

I documenti politici statunitensi le hanno incluse nella pianificazione generale geopolitica e militare dell’America per quasi due decenni, e l’Aeronautica statunitense stessa ha prodotto documenti riguardanti le varie combinazioni in cui queste armi potrebbero essere utilizzate.

 

C’è anche la storia inquietante delle nazioni allineate occidentali che hanno creato armi biologiche specifiche etniche in passato, incluso il regime di apartheid in Sud Africa, che ha cercato di utilizzare il suo programma nazionale di vaccinazione come copertura per sterilizzare segretamente la popolazione nera.

 

“Il regime dell’apartheid in Sud Africa, che ha cercato di utilizzare il suo programma nazionale di vaccinazione come copertura per sterilizzare segretamente la popolazione nera”

Nel rapporto scritto dai neoconservatori Progetto per un nuovo secolo americano (PNAC) del 2000 intitolato Rebuilding Amercan Defenses si afferma:

 

«La proliferazione di missili balistici, da crociera e di velivoli senza pilota a lungo raggio (UAV) renderà molto più facile proiettare l’energia militare in tutto il mondo. Le munizioni stesse diventeranno sempre più accurate, mentre i nuovi metodi di attacco – elettronico, “non letale”,  biologico  – saranno più ampiamente disponibili. ( p.71 del pdf ) 

 

Nello stesso documento è inoltre dichiarato:

 

«Anche se ci vorrà qualche decennio perché il processo di trasformazione si svolga, nel tempo, l’arte della guerra in aria, terra e mare sarà molto diversa da quella attuale,  e il “combattimento” probabilmente avrà luogo in nuove dimensioni: nello spazio, nel “cyber-spazio” e forse  il mondo dei microbi».  ( p.72 del pdf )

 

E infine:

«Forme avanzate di guerra biologica che possono “indirizzare” specifici genotipi possono trasformare la guerra biologica dal regno del terrore in uno strumento politicamente utile». ( p.72 del pdf)

 

Più di recente – precisamente nel 2010 – l’aeronautica statunitense in un   documento di controproliferazione intitolato “Biotecnologie: patogeni geneticamente modificati”  ,elenca  diversi modi in cui tali armi potrebbero essere utilizzate:

 

«Il gruppo JASON, composto da scienziati accademici, è stato consulente tecnico del governo degli Stati Uniti. Il loro studio ha generato sei vaste classi di patogeni geneticamente modificati che potrebbero rappresentare gravi minacce per la società. Questi includono -pur non limitandosi solo a queste- armi biologiche, geni,, terapia genica come arma, virus furtivi, malattie scambiabili e altre malattie progettate su misura». 

 

Il documento discute la possibilità di ideare una «malattia che potrebbe spazzare via un’intera popolazione o un determinato gruppo etnico». 

 

Il Progetto Coast ieri ed oggi 

L’idea che l’Occidente possa utilizzare tali armi ha già un precedente allarmante. Per quanto riguarda il regime dell’apartheid in Sud Africa – il rapporto delle Nazioni Unite intitolato  Project Coast: il programma di guerra chimica e biologica dell’apartheid spiega quanto segue:

 

“L’arte della guerra in aria, terra e mare sarà molto diversa da quella attuale, e il “combattimento” probabilmente avrà luogo in nuove dimensioni: nello spazio, nel “cyber-spazio”

 

«C’era qualche interazione tra Roodeplaat Research Laboratories (RRL) e Delta G [laboratori di armi biologiche e chimiche], con Delta G che ha preso parte ad alcuni dei progetti di biochimica RRL RRL, facendo test su animali di alcuni prodotti targati proprio Delta G. Un esempio di questa interazione ha riguardato il lavoro di anti-fertilità.  Secondo i documenti di RRL [Roodeplaat Research Laboratories], la struttura aveva un certo numero di progetti registrati volti a sviluppare un vaccino anti-fertilità. Questo è stato un progetto personale del primo amministratore delegato di RRL, il dott. Daniel Goosen. Goosen, che aveva fatto ricerche sui trapianti di embrioni, disse alla TRC che lui e Basson avevano discusso la possibilità di sviluppare un vaccino anti-fertilità che possa essere somministrato in modo selettivo, senza la conoscenza del ricevente. L’intenzione, disse, era di somministrarla a donne sudafricane, a loro insaputa».

 

A quel tempo, la tecnologia sembrava non essere sufficientemente matura per realizzare le ambizioni del regime dell’apartheid.

 

La suddetta carta della US Air Force entrerebbe anche nei dettagli riguardanti ciascuna arma elencata, inclusa una terapia genica: «La terapia genica potrebbe essere solo la pallottola d’argento per il trattamento delle malattie genetiche umane. Questo processo comporta la sostituzione di un gene cattivo con un buon gene per normalizzare la condizione del ricevente. Il trasferimento del gene “sano” richiede che un vettore raggiunga il suo obiettivo. I vettori comunemente utilizzati sono virus geneticamente modificati per trasportare DNA umano normale come retrovirus, adenovirus, virus adeno-associati e virus herpes simplex».

 

La terapia genica è già stata utilizzata durante gli studi clinici per curare in modo permanente tutto, dai tumori del sangue alle malattie genetiche rare . Il New York Times, in un articolo intitolato «La terapia genica crea una pelle sostitutiva per salvare un moribondo», riferirebbe una delle ultime scoperte, affermando:

 

«I medici in Europa hanno usato la terapia genica per far crescere strati di pelle sana che hanno salvato la vita di un ragazzo con una malattia genetica, la quale aveva distrutto la maggior parte della sua pelle, secondo quanto riferito dal team sulla rivista Nature. Questo non è stato il primo utilizzo del trattamento, che aggiunge la terapia genica a una tecnica sviluppata per coltivare innesti cutanei per le vittime di ustioni».

 

Si potrebbe immaginare un’arma malvagia usata al contrario per eliminare i geni che mantengono la pelle sana, causando la formazione di vesciche sulla pelle della vittima e la caduta.

 

Nell’utilizzare la terapia genica come arma, il rapporto della US Air Force noterebbe:

 

«Si prevede che la terapia genica aumenti di popolarità. Continuerà a essere migliorato e potrebbe essere indubbiamente scelto come arma biologica. La rapida crescita della biotecnologia potrebbe innescare maggiori opportunità di trovare nuovi modi per combattere le malattie o crearne di nuove. Le nazioni che sono attrezzate per gestire le biotecnologie probabilmente considereranno la terapia genica una valida arma biologica. Gruppi o individui senza risorse o finanziamenti troveranno difficile produrre questa arma biologica» .

 

Si potrebbe immaginare un’arma malvagia usata al contrario per eliminare i geni che mantengono la pelle sana, causando la formazione di vesciche sulla pelle della vittima e la caduta.

 

Riguardo ai «virus invisibili», una variante della tecnica di terapia genica armata, il rapporto afferma:

 

«Il concetto base di questa potenziale arma biologica è “produrre un’infezione virale criptica, strettamente regolata, che può entrare e diffondersi nelle cellule umane usando vettori” (simile alla terapia genica) e poi rimanere latente per un periodo di tempo, fino a quando non viene innescata da un segnale esterno. Il segnale quindi potrebbe stimolare il virus a causare gravi danni al sistema. I virus stealth potrebbero anche essere adattati per infettare segretamente una popolazione mirata per un lungo periodo, usando la minaccia di attivazione per ricattare il bersaglio da colpire».

 

Con le terapie geniche già approvate per la vendita nell’Unione Europea e negli Stati Uniti, e con altre in arrivo, non è esagerato pensare alla possibilità che anche le terapie geniche nascoste siano già state sviluppate e in attesa, o già dispiegate, come «virus stealth».

 

 

Sviluppo e distribuzione

Gli Stati Uniti mantengono una rete globale di laboratori medico-militari e centri di ricerca.

 

Oltre alla 59a coinvolta nella raccolta del materiale genetico russo, gli Stati Uniti coprono l’intera regione del sud-est asiatico da Bangkok, in Thailandia, con il loro Istituto di ricerca delle scienze mediche (AFIRMS).

 

Il sito Web dell’ambasciata americana in Thailandia afferma che AFIRMS è la più grande rete mondiale di laboratori medici militari, sostenendo che «AFIRMS è la più grande rete mondiale di laboratori di ricerca medica Overseas del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, con laboratori gemelli in Perù, Kenya, Egitto e nelle Repubbliche di Georgia e Singapore. USAMD-AFRIMS ha circa 460 membri dello staff (prevalentemente tailandesi e statunitensi) e un budget di ricerca annuale di circa 30-35 milioni di dollari».

 

Con laboratori in Sud America, Europa, Africa e Asia – e attraverso l’uso di subappaltatori – l’esercito statunitense ha accesso a una varietà di materiali e strutture genetiche per condurre ricerche e sviluppare tutte le armi descritte dai documenti politici.

 

“Il concetto base di questa potenziale arma biologica è “produrre un’infezione virale criptica, strettamente regolata, che può entrare e diffondersi nelle cellule umane usando vettori” (simile alla terapia genica) e poi rimanere latente per un periodo di tempo, fino a quando non viene innescata da un segnale esterno. Il segnale quindi potrebbe stimolare il virus a causare gravi danni al sistema. I virus stealth potrebbero anche essere adattati per infettare segretamente una popolazione mirata per un lungo periodo, usando la minaccia di attivazione per ricattare il bersaglio da colpire”

 

Attraverso i programmi finanziati dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, gli stessi USA potrebbero facilmente creare campagne per la vaccinazione e «cliniche» per fornire le armi biologiche sopra descritte in una varietà di modi.

 

Il documento dell’US Air Force sottolineava altresì che «gli attacchi di guerra biologica possono assomigliare a un fenomeno di epidemie naturali e sarebbe molto difficile risalire alla fonte, sottovalutando così le azioni e le intenzione del perpetratore».

 

E in effetti, le nazioni senza la capacità di sequenziare, rilevare e reagire in modo indipendente a armi biologiche genetiche etniche specifiche, potrebbero essere già state prese di mira, o potrebbero essere prese di mira in qualsiasi momento senza alcun mezzo di conoscenza, per non parlare degli inesistenti mezzi per reagire.

 

D’altra parte le nazioni che non dispongono di un’industria biotech ben sviluppata, senza laboratori militari focalizzati sia sul rilevamento che sul lancio di una guerra biologica con tali armi, partono con un notevole svantaggio.

 

Per rimuovere la benda sugli occhi, i governi e le istituzioni militari di tutto il mondo, così come le comunità e le istituzioni locali, dovrebbero sviluppare e avere accesso a un mezzo rapido ed efficiente per sequenziare il DNA, individuare anomalie e sviluppare possibili terapie geniche correttive per riparare in caso di uso DNA militari dannosi introdotti sulla popolazione.

 

La sorveglianza della guerra biologica dovrebbe essere effettuata non solo attraverso la popolazione di una nazione, ma anche attraverso la sua offerta di cibo e acqua, nonché il suo patrimonio zootecnico, la fauna selvatica e le popolazioni di insetti. Le colture geneticamente modificate sono state progettate per colpire e spegnere i geni negli insetti e potrebbero essere altrettanto facilmente utilizzate per colpire i geni umani.

 

Nell’articolo di Science Daily, «Le colture che uccidono i parassiti uccidendo i loro geni», è affermato:

 

«Le piante fanno parte di quegli eucarioti che possono “spegnere” uno o più dei loro geni usando un processo chiamato interferenza RNA per bloccare la traduzione delle proteine. I ricercatori stanno ora intraprendendo questo processo con colture ingegneristiche per produrre specifici frammenti di RNA che, dopo l’ingestione da parte di insetti, provocano interferenze RNA per arrestare un gene – bersaglio essenziale per la vita o la riproduzione, uccidendo o sterilizzando gli insetti».

 

Gli studi sono ancora in corso per determinare quali danni gli organismi geneticamente modificati (OGM), nel loro stato attuale, stanno facendo per la salute umana. Individuare e reagire a OGM sottili e armati sarà ancora più difficile.

“L’uso di zanzare geneticamente modificate per fornire «vaccini» presenta un altro possibile vettore per le biotecnologie armate.”

 

L’uso di zanzare geneticamente modificate per fornire «vaccini» presenta un altro possibile vettore per le biotecnologie armate. La volontà sempre più globale di molti programmi atti alla vaccinazione di massa è anche un pericolo incombente, soprattutto dal momento che questi programmi sono diretti principalmente da potenze occidentali, molte delle quali hanno protetto, cooperato e persino aiutato e favorito il regime dell’Apartheid sudafricano, anche con i vari programmi di armamento biotech.

 

In un mondo in cui la guerra si estende allo spazio cibernetico e genetico, le nazioni che non dispongono di sistemi sanitari umani indipendenti in grado di produrre i propri vaccini o di gestire la propria biodiversità si trovano indifese come le nazioni senza eserciti, flotte o forze aeree. Per quanto impressionanti siano le capacità militari convenzionali di una nazione, la mancanza di una pianificazione e di difese adeguate per questa nuova minaccia biotech attenua tutti i possibili vantaggi e massimizza questa fatale debolezza.

 

La capacità di«scansionare» il nostro DNA e individuare il gene dannoso, di rimuoverlo o applicarlo e di sviluppare salvaguardie contro di esso, includendo il backup dei singoli genomi biologicamente e digitalmente non impedirà completamente alle armi biologiche di creare danni, ma mitigherà il loro impatto.

 

A differenza delle armi nucleari, la ricerca e lo sviluppo di questi strumenti biotecnologici sono accessibili praticamente a qualsiasi governo nazionale e persino a molte istituzioni private. Integrare la biotecnologia nella pianificazione e nella realizzazione della sicurezza nazionale di una nazione non è più facoltativo. Se gli strumenti per manipolare e indirizzare i geni per sempre esistono già, esistono anche gli strumenti per abusarne.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

La Russia accusa: popolazione di Lugansk attaccata con la tubercolosi

Pubblicato

il

Da

In un comunicato del ministero della Difesa russo sui laboratori di armi biologiche in Ucraina, Mosca ha accusato l’Ucraina di aver cercato di infettare con la tubercolosi la popolazione della Repubblica popolare di Lugansk. Lo riporta il sito di informazione legato al governo russo Sputnik, ora non raggiungibili dall’internet italiano.

 

Si tratta di un’accusa pesantissima fatta dal tenente generale delle forze di protezione radioattiva, chimica e biologica della Russia Igor Kirillov.

 

Gli orrori descritti sono tali da far pensare alla pura propaganda da parte dei russi; tuttavia, di questo incredibile briefing dato con estrema ufficialità dall’esercito russo non pare ci sia traccia sulla stampa occidentale.

 

Il tenente generale Kirillov ha dichiarato le forze russe avrebbero ottenuto prove che suggerivano che Kiev avesse tentato di infettare residenti del distretto di Slavyanoserbsk della Repubblica Popolare di Lugansk con un ceppo di tubercolosi altamente patogenico.

 

«Foglietti realizzati sotto forma di banconote contraffatte sono stati infettati dall’agente eziologico della tubercolosi e distribuiti tra i minori nel villaggio di Stepovoe», ha accusato Kirillov, aggiungendo che gli organizzatori di questo crimine avrebbero tenuto conto del comportamento dei bambini, che mettono le cose in bocca e toccano il cibo senza lavarsi le mani, scrive Sputnik.

 

Ha proseguito citando la conclusione della Stazione Sanitaria ed Epidemiologica Repubblicana di Lugansk, secondo la quale «l’infezione delle banconote era molto probabilmente artificiale, poiché il materiale contiene ceppi estremamente pericolosi del patogeno in una concentrazione che può garantire l’infezione e lo sviluppo del processo di tubercolosi».

 

Kirillov ha aggiunto che a Lugansk si sarebbero notati segni di «contaminazione deliberata e artificiale di fogli con biomateriali ad alta patogenicità».

 

Funzionari russi hanno anche affermato che il Pentagono avrebbe condotto esperimenti «disumani» sui pazienti di almeno due istituti psichiatrici a Kharkov.

 

«La categoria principale di soggetti sperimentali era un gruppo di pazienti maschi, molto esausti fisicamente, di età compresa tra 40 e 60 anni», ha detto Kirillov.

 

Gli esperimenti sarebberostati condotti direttamente da specialisti stranieri arrivati ​​in Ucraina attraverso paesi Terzi per nascondere il coinvolgimento degli Stati Uniti, riporta Sputnik. Gli specialisti sarebbero poi stati improvvisamente evacuati dal Paese all’inizio di quest’anno, poco prima dell’inizio dell’operazione militare russa, ha affermato il tenente generale Kirillov.

 

«Nel gennaio 2022, i cittadini stranieri che hanno condotto gli esperimenti sono stati evacuati d’urgenza e le attrezzature e i farmaci che hanno utilizzato sono stati portati nelle regioni occidentali dell’Ucraina», ha affermato il militare.

 

La scorsa settimana, il capo del comitato investigativo russo, Alexander Bastrykin, ha detto al sito di informazione legato al governo russo RT che il servizio aveva «chiaramente identificato» più americani coinvolti nella ricerca biologica militare in Ucraina, compresi dei dipendenti del Pentagono, così come società strettamente associate all’esercito americano.

 

Secondo le stime russe, Washington ha investito più di 224 milioni di dollari nella ricerca biologica nel Paese tra il 2005 e l’inizio del 2022, ha affermato Bastrykin.

 

 

Funzionari statunitensi hanno confermato l’esistenza di «strutture di ricerca biologica» in Ucraina, ma hanno affermato che Washington ha fornito solo ciò che hanno chiamato «assistenza» per gli sforzi che non hanno comportato lo sviluppo di armi biologiche.

 

Difficile capire se si tratti solo di propaganda bellica da parte di Mosca.

 

Lo scenario discusso, tuttavia, è semplicemente allucinante. Ancora più allucinante è che nessuno ne stia parlando.

 

Due mesi fa si era avuta una prima ammissione da parte della stessa domina del Dipartimento di Stato per l’Eurasia, Victoria Nuland.

 

Abbiamo visto, del resto, come la censura sulla questione dei biolaboratori ucraini finanziati dagli USA, dove pare avere avuto un qualche ruolo il figlio corrotto e depravato di Biden, si abbatta perfino su Wikipedia.

 

Come riportato da Renovatio 21, voci su laboratori militari di bioarmi attaccati dai rivoltosi si erano avuti anche durante in disordini in Kazakistan ad inizio anno.

 

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

Ascesa della Biologia sintetica: il mercato della superbioingegneria può valere 3,6 trilioni

Pubblicato

il

Da

 

La Biologia sintetica (detta anche Synbio) è un campo della scienza che riprogetta interamente gli organismi viventi.

 

È come l’ingegneria genetica, ma eseguita a un livello più granulare: mentre l’ingegneria genetica trasferisce materiale genetico già esistente tra gli organismi, la Biologia sintetica può costruire nuovo materiale genetico da zero.

 

L’ingegneria genetica tradizionale usa strumenti, in ultima analisi, analogici – cioè geni preesistenti. Per questo, l’ingegneria genetica tradizionale è considerabile come un settore estrattivo.

 

Con la Biologia sintetica, aperta dagli studi pionieristici di Craig Venter, è possibile progettare integralmente il genoma di un organismo, producendo in laboratorio i geni di cui si ha bisogno.

 

La Biologia sintetica, dunque, si presenta come la definitiva forma di digitalizzazione delle scienze della vita.

 

In pratica, la Biologia sintetica è lo sforzo della scienza di creare la vita dal niente.

 

A giustificare questa forma di super-bioingegneria vi sono già vari argomenti, come l’applicazione dei suoi prodottinel mondo reale in grado di trasformare la nostra vita quotidiana.

 

McKinsey calcola che se tali usi potenziali diventassero realtà nei prossimi anni, potrebbero avere un impatto economico diretto fino a 3,6 trilioni di dollari all’anno entro il 2030-2040.

 

Un recente studio di McKinsey ha rilevato oltre 400 potenziali usi per la Biologia sintetica , suddivisi in quattro categorie principali:

Si prevede che il settore medico e sanitario sarà significativamente influenzato dalla biologia sintetica , con un impatto economico fino a 1,3 trilioni di dollari all’anno entro il 2030-2040.

 

La biologia sintetica ha una vasta gamma di applicazioni mediche. Ad esempio, può essere utilizzato per manipolare i percorsi biologici nel lievito per produrre un trattamento antimalarico.

 

Potrebbe anche migliorare la terapia genica. Utilizzando tecniche di Biologia sintetica, la società biotecnologica britannica Touchlight Genetics sta lavorando a un modo per costruire DNA sintetico senza l’uso di batteri, che sarebbe un punto di svolta per il campo della terapia genica.

 

Come noto, dopo l’iniezione massiva di vaccino COVID mRNA – di fatto, una terapia genica – l’accettazione per questo tipo di interventi genetici fra la popolazione è quasi totale.

La biologia sintetica ha il potenziale per fare un grande salto anche nel settore agricolo, fino a 1,2 trilioni di dollari all’anno già nel 2030.

 

Un esempio di ciò è il ruolo di biologia sintetica nell’«agricoltura cellulare», ovvero quando la carne viene creata direttamente dalle cellule: la famosa carne sintetica creata il laboratorio. Il costo della creazione di carne coltivata in laboratorio è diminuito in modo significativo negli ultimi anni e, per questo motivo, varie startup in tutto il mondo stanno iniziando a sviluppare una varietà di prodotti a base di carne a base di cellule.

 

Come riportato da Renovatio 21, Bill Gates sta investendo pesantemente sulla carne sintetica.

Utilizzando la biologia sintetica, i prodotti potrebbero essere adattati alle esigenze specifiche di un individuo. Ciò sarebbe utile in campi come i test genetici sugli antenati, la terapia genica e terapie cutanee anti-aging.

 

Entro il 2030-2040, la biologia sintetica potrebbe avere un impatto economico sui prodotti e servizi di consumo fino a 800 miliardi di dollari all’anno.

La biologia sintetica potrebbe anche essere utilizzata per aumentare l’efficienza nella produzione di energia pulita e biocarburanti. Ad esempio, le microalghe sono attualmente in fase di «riprogrammazione» per produrre energia pulita in modo economicamente fattibile.

 

Questo, insieme ad altri miglioramenti materiali ed energetici attraverso metodi di Biologia sintetica, potrebbe avere un impatto economico diretto fino a 300 miliardi di dollari ogni anno.

 

Questa nuova disciplina scientifica, tuttavia, oltre che lauti guadagni conduce a rischi esiziali del tutto nuovi per il nostro pianeta e per la razza umana.

 Apportare modifiche a qualsiasi sistema biologico può avere effetti a catena su interi ecosistemi o specie. Quando qualsiasi forma di vita viene manipolata, le cose non vanno sempre secondo i piani.

Alcune applicazioni della Biologia sintetica, come l’editing di embrioni, sono ovviamente ancora controverse – per il momento. Se questi tipi di applicazioni diventassero mainstream, potrebbero avere enormi implicazioni per la società, con il potenziale per aumentare la polarizzazione all’interno delle comunità.

 

Un’ulteriore preoccupazione è per le armi biologiche:  la Biologia sintetica potrebbe essere utilizzato per ricreare virus o manipolare batteri per renderli più letali, creando strumenti di morte.

 

 

 

 

Immagine di NIH Image Gallery via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

I leader democratici USA e Big Pharma coinvolti nelle attività biologiche statunitensi in Ucraina: parla il ministero della Difesa russo

Pubblicato

il

Da

 

L’esercito russo ha iniziato a riferire sull’entità delle attività biologiche militari statunitensi in Ucraina a marzo, citando documenti sequestrati e altro materiale sullo studio di una serie di agenti di armi biologiche potenzialmente letali, comprese le malattie che possono essere diffuse naturalmente utilizzando la geografia, la flora e la fauna locali e prendere di mira determinati gruppi etnici.

 

Secondo Igor Kirillov, il capo delle truppe russe di difesa radiattiva, chimica e biologica (RCB), i politici di alto livello del Partito Democratico USA sarebbero i principali «ideologi» delle operazioni illegali americane nei biolaboratori che avrebbero operato in tutta l’Ucraina e avrebbero coinvolto nelle loro attività le principali società multinazionali di biotecnologie. Lo riporta la testata russa Sputnik.

 

Parlando a un briefing a Mosca mercoledì e citando un’analisi del Ministero della Difesa delle prove documentali, il capo delle truppe RCB ha affermato che i profitti che i politici statunitensi guadagnano per il settore biotecnologico privato aiutano a pagare la loro rielezione tramite donazioni elettorali.

 

Secondo Kirillov, il ramo esecutivo degli Stati Uniti ha anche lavorato per creare un «quadro legislativo per finanziare la ricerca biologica militare direttamente dal bilancio federale», e con «fondi di organizzazioni non governative sottoscritti dallo stato e controllati dalla leadership del Partito Democratico, comprese le fondazioni di beneficenza affiliate alla famiglia Clinton, i Rockerfeller, George Soros e Hunter Biden», scrive Sputnik.

&nbsp

;

 

 

«Le principali aziende farmaceutiche globali sono state coinvolte in questi  schemi di partnership “pubblico-privato”», ha affermato Kirillov., citando grandi nomi di Big Pharma tra cui alcuni produttori di vaccini mRNA.

 

«Specialisti statunitensi stanno lavorando [in Ucraina] alla sperimentazione di nuovi farmaci, aggirando gli standard di sicurezza internazionali. Di conseguenza, le aziende occidentali riducono seriamente i costi dei programmi di ricerca e ottengono significativi vantaggi competitivi», ha affermato l’ufficiale di Mosca.

 

Kirillov sostiene che lo Stato ucraino sarebbe coinvolto anche nelle attività biologiche militari organizzate e finanziate dagli Stati Uniti nel Paese. Kiev ora starebbe tentando di «nascondere le attività illegali, condurre sperimentazioni sul campo e cliniche e fornire il biomateriale necessario».

 

Nel 2020, ha sostenuto Kirillov, è stata tentata l’infezione i residenti dell’insediamento di Stepovoye nella Repubblica popolare di Lugansk con un ceppo di tubercolosi multi-resistente utilizzando banconote contraffatte contaminate dall’agente eziologico della malattia e diffuso tra i giovani locali.

 

Inoltre, il capo delle truppe RCB ha affermato che la sua agenzia avrebbe ricevuto informazioni dettagliate sugli esperimenti del Pentagono su cittadini ucraini presso l’ospedale psichiatrico n. 1 nel villaggio di Strelechie, nella regione di Kharkov, con la ricerca rivolta a pazienti di sesso maschile di età compresa tra 40 e 60 anni con uno stadio elevato di esaurimento fisico e la supervisione di un cittadino statunitense.

 

Nel caso della ricerca in corso presso l’ospedale psichiatrico di Kharkov, gli specialisti occidentali sarebbero stati evacuati nel gennaio 2022 e le attrezzature e i preparati farmaceutici coinvolti sono stati trasferiti nell’Ucraina occidentale, ha affermato.

 

«Inoltre, sono state ottenute prove documentali sul finanziamento della Polonia dell’Università medica di Lvov, che include un partecipante a progetti biologici militari statunitensi: l’Istituto di epidemiologia e igiene. Dal 2002, questa organizzazione ha implementato un programma di riqualificazione per specialisti con esperienza di lavoro con materiali e tecnologie a duplice uso», ha affermato l’ufficiale.

 

L’esercito tedesco è stato anche coinvolto nella ricerca in Ucraina, ha detto Kirillov, citando documenti che indicano che l’Istituto di microbiologia della Bundeswehr (l’esercito federale) aveva prelevato circa 3.500 campioni di siero sanguigno da 25 regioni ucraine in Germania tra il 2016 e il 2019. L’ufficiale ha detto che l’Istituto è ancora l’interesse non identificato per questi biomateriali«solleva interrogativi sugli obiettivi perseguiti» dalle forze armate tedesche.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari