Connettiti con Renovato 21

Eutanasia

Caso Lambert, intervista al neurologo dr. Byrne

Pubblicato

il

 

 

Recentemente la Francia è stata al centro di un grande interesse mediatico internazionale a seguito della decisione dell’ospedale di Reims, in cui è ancora ricoverato Vincent Lambert, un uomo di 43 anni rimasto tetraplegico dopo un grave incidente. L’équipe medica che ha in cura il Sig. Lambert, contro il valore della Vita stessa, contro lo stesso giuramento d’Ippocrate e contro i genitori dell’uomo, ha combattuto per ottenere dal tribunale il placet necessario per togliere il sostegno al paziente con  la sospensione dell’alimentazione e dell’idratazione per via enterale.

 

Una volta ottenutolo, è cominciata la cosiddetta «sedazione profonda», con annessa rimozione delle cure necessarie per nutrire Vincent. Poi, d’improvviso, dopo l’ultimo disperato ricorso dei genitori – che hanno ripreso loro figlio mentre piangeva sul letto di ospedale (un video straziante, che ha fatto il giro del mondo) – un tribunale ha ordinato ai medici dell’ospedale francese di riprendere i protocolli indispensabili per curare Lambert.

 

«Prendere una decisione per trattenere o ritirare trattamenti e cure potrebbe accorciare la vita di qualcuno o, in altre parole, accelerare la morte di quella persona»

La situazione però rimane incerta, ed è chiaro che la vita di quest’uomo sia in grave pericolo a causa di quella Cultura della Morte ormai diffusa nella fattispecie negli ospedali, quei luoghi che, invece di mettere al centro il Bene della Persona e la Persona nella sua struttura ontologica, sono invece ormai i maggiori luoghi di Morte.

 

Renovatio 21, attraverso il nostro Cristiano Lugli, ha intervistato in esclusiva il Dottor Paul Byrne, pediatra e neurologo, Presidente della Fondazione americana Life Guardian, medico con un’enorme carriera sulle spalle. Il Dott. Byrne durante tutta la sua vita ha girato il mondo per strappare bambini, giovani e adulti dal braccio della morte, dall’uncino sanitario e giudiziario che spesso voleva dare per morto chi poi, come dimostrato in tanti casi dal Dott. Byrne, era più vivo che mai.

«In qualsiasi modo si intenda l’ “accanimento terapeutico”, il caso di Vincent non rientra in questa categoria»

 

Lo abbiamo raggiunto per chiedere lui qualche breve precisazione sul caso Lambert.

Dottor Byrne, può dirci qual è la situazione clinica di Vincent Lambert?

Vincent è un uomo assolutamente vivo, anche se apparentemente non mostra coscienza.

 

Quindi il signor Lambert non è un “vegetale” come i dottori vorrebbero farci credere?

Vincent è una persona vivente. Non è una carota, una patata dolce o un fagiolino.

 

Come si nutre il signor Lambert?

Vincent Lambert viene alimentato attraverso un sondino nel suo stomaco. Questo è stato efficace nel fornire nutrimento a Vincent. Sembra essere ben nutrito e non disidratato.

Nessuno dovrebbe essere privato dell’assistenza di base, compresi cibo e acqua, letti adeguati, un ambiente termico ottimale, una via respiratoria non ostruita, assistenza all’igiene personale, trattamenti, farmaci, procedure e operazioni efficaci.

 

È da considerarsi «accanimento terapeutico»?

Il tubo di alimentazione fornisce acqua e nutrizione che sono requisiti indispensabili per continuare la vita sul pianeta terra. In qualsiasi modo si intenda l’ “accanimento terapeutico”, il caso di Vincent non rientra in questa categoria.

 

Allora perché i medici volevano sospendere la nutrizione e l’idratazione del loro paziente?

Fermare acqua e cibo avrebbe comportato la morte di Vincent entro 1 o 2 settimane al massimo. Tutti, compresi i dottori, sanno che senza acqua e cibo si morirebbe. Forse volevano proprio questo.

 

Sarebbe stato da considerarsi come un atto di eutanasia?

Sì. Nessun medico, infermiere, altro personale sanitario o badante che sia dovrebbe cooperare all’eutanasia. Per eutanasia si intende un’azione o un’omissione che di per sé o per intenzione causa la morte. Nessuno dovrebbe essere privato dell’assistenza di base, compresi cibo e acqua, letti adeguati, un ambiente termico ottimale, una via respiratoria non ostruita, assistenza all’igiene personale, trattamenti, farmaci, procedure e operazioni efficaci.

«Nessuno dovrebbe morire di fame. Il tubo di alimentazione, infine non è sproporzionato, pericoloso o gravoso: semplicemente salva la vita supportando una funzione di cui un paziente malato è divenuto privo»

 

Cosa si intende per «mezzi ordinari» e «mezzi straordinari»? E quali sono le differenze?

Trattamenti, farmaci, procedure e operazioni che offrono una ragionevole speranza di proteggere e preservare la vita sono mezzi ordinari per proteggere e preservare la vita. Questi includono, come dicevo, la fornitura di acqua, di cibo, di letti adeguati, di un buon ambiente climatico, assistenza sanitaria, ecc.

 

Mezzi straordinari comportano ragioni più serie per trattare il paziente con una malattia più grave. Sono usati per preservare la vita nei momenti di malattia più grave, cioè per mantenere uniti corpo ed anima. Straordinari, sproporzionati, pericolosi e onerosi sono termini che sono stati usati per etichettare come legittimi la ritenuta o il ritiro di trattamenti e cure considerate in realtà ordinarie da molti comitati etici. Questi termini sono soggetti a differenze di definizione e percezione.

 

L’uso di tali mezzi nel prendere una decisione per trattenere o ritirare trattamenti e cure potrebbe accorciare la vita di qualcuno o, in altre parole, accelerare la morte di quella persona. Piuttosto, la concentrazione dovrebbe essere nel proteggere e preservare la vita di Vincent Lambert fintanto che Lambert dovrà vivere per volontà non certo umana o medica che sia.

 

Nessuno dovrebbe morire di fame. Il tubo di alimentazione, infine non è sproporzionato, pericoloso o gravoso: semplicemente salva la vita supportando una funzione di cui un paziente malato è divenuto privo.

 

 

Cristiano Lugli

Continua a leggere

Eutanasia

Abusi sugli anziani e suicidio assistito

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Secondo una ricerca dell’Australian Institute of Family Studies (AIFS), quasi un anziano australiano su sei (14,8%) riferisce di aver subito abusi negli ultimi 12 mesi e solo circa un terzo di loro ha cercato aiuto.

 

Il National Elder Abuse Prevalence Study ha rilevato che la forma più comune di abuso sugli anziani era l’abuso psicologico (11,7%), seguito da negligenza (2,9%), abuso finanziario (2,1%), abuso fisico (1,8%) e abuso sessuale (1% ).

 

Alcune persone anziane (3,5%) hanno subito più di un tipo di abuso, con la combinazione più comune di abuso psicologico e abbandono.

 

«Il fatto che solo un terzo delle vittime stia cercando aiuto da una terza parte è una vera preoccupazione. Quando l’abuso rimane nascosto, questo crea le condizioni affinché l’abuso continui», ha affermato Rae Kaspiew, dell’AIFS.

 

Lo studio ha rilevato che i perpetratori erano per lo più membri della famiglia, con i figli adulti che hanno maggiori probabilità di commettere abusi, costituendo quasi un quinto degli autori. Anche amici (12%), vicini (7%) e conoscenti (9%) sono stati citati come comunemente responsabili.

 

I livelli sorprendentemente alti di abuso dovrebbero essere presi in considerazione nella regolamentazione della «morte volontaria assistita»

«Il fatto che spesso siano le persone a loro più vicine a commettere l’abuso è particolarmente preoccupante, in quanto ciò può creare il desiderio della vittima di mantenere segreto l’abuso per evitare vergogna, imbarazzo e ripercussioni negative per l’autore, soprattutto quando arriva ai membri della famiglia», ha affermato il dottor Kaspiew.

 

La ricerca riporta che l’azione più frequente intrapresa per fermare l’abuso prevede che la vittima parli direttamente con l’autore del reato. Un’altra misura comune è rompere il contatto con l’autore del reato o evitarlo, anche se il dottor Kaspiew avverte che ciò potrebbe peggiorare l’impatto dell’abuso, aumentando l’isolamento della persona anziana.

 

«Interrompere il contatto con l’autore del reato o evitarlo può servire ad esacerbare ulteriormente gli effetti dell’abuso sulla persona anziana a causa del suo ritiro sociale».

 

«Le dinamiche familiari possono rendere difficile affrontare gli abusi. Ad esempio, quando l’abuso è perpetrato da un figlio adulto, la persona anziana potrebbe essere riluttante a denunciare l’abuso per evitare di perdere il contatto con altri membri della famiglia come i nipoti», ha affermato il dottor Kaspiew».

«Come ha affermato il dottor Henry Marsh, neurochirurgo britannico e sostenitore della legalizzazione del suicidio assistito e dell’eutanasia:  “Anche se alcune nonne vengono bullizzate [fino al suicidio], non è forse il prezzo che vale la pena pagare per tutte le persone che potrebbero morire con dignità»

 

Quando le vittime cercano aiuto o consiglio da terzi, la famiglia (41%), gli amici (41%) e i medici generici o infermieri (29%) sono le fonti di sostegno più comuni.

 

Il dottor Kaspiew ha affermato che mentre chiunque può subire abusi, ci sono alcune caratteristiche che mettono maggiormente a rischio le persone anziane.

 

Il rapporto ha rilevato che uno status socioeconomico inferiore, essere single, separato o divorziato, vivere in alloggi in affitto, possedere una casa con un debito a fronte e una cattiva salute fisica o psicologica sono tutte caratteristiche associate a un rischio maggiore di abusi.

 

«Gli abusi sugli anziani sono qualcosa che può capitare a chiunque, indipendentemente dalle circostanze. È importante fare tutto il possibile per ridurre l’abuso e il suo impatto, ha affermato il dottor Kaspiew.

 

Come osserva Richard Egan, un osservatore australiano delle tendenze dell’eutanasia, i livelli sorprendentemente alti di abuso dovrebbero essere presi in considerazione nella regolamentazione della «morte volontaria assistita».

 

Cita un famoso neurochirurgo britannico che è un sostenitore della morte assistita:

 

Le persone anziane a cui è stato fornito un farmaco letale per il loro suicidio assistito potrebbero essere indotte a farlo dai figli o dal partner. Esiste anche una correlazione tra solitudine e richieste di «morte assistita»

«Come ha affermato il dottor Henry Marsh, neurochirurgo britannico e sostenitore della legalizzazione del suicidio assistito e dell’eutanasia:  “Anche se alcune nonne vengono bullizzate [fino al suicidio], non è forse il prezzo che vale la pena pagare per tutte le persone che potrebbero morire con dignità».

 

Egan sottolinea che le persone anziane a cui è stato fornito un farmaco letale per il loro suicidio assistito potrebbero essere indotte a farlo dai figli o dal partner. Esiste anche una correlazione tra solitudine e richieste di «morte assistita».

 

Conclude che è una seria considerazione nell’inquadrare la legislazione:

 

«Dato ciò che quest’ultimo rapporto sull’abuso agli anziani conferma sulla sua prevalenza e sull’incapacità dei professionisti, inclusi medici di famiglia e altri operatori sanitari di identificarlo e rispondere adeguatamente, non vi sono motivi per presumere che le disposizioni di qualsiasi legge che consenta l’eutanasia o l’assistenza al suicidio siano adeguate per prevenire morti illecite per abuso di anziani con pressioni per richiedere o ingerire un veleno letale. Il semplice canto della “scelta” come mantra non affronta questo rischio reale e sostanziale di abusi letali sugli anziani».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Eutanasia

Anoressia, un gruppo di dottori USA approvano il suicidio assistito per una paziente

Pubblicato

il

Da

Il «Servizio di consulta etica» American Clinicians Academy on Medical Aid in Dying’s (ACAMAID) ha deciso che è etico assistere al suicidio di una persona con anoressia nervosa. Lo riporta Lifesitenews.

 

L’ACAMAID è un’organizzazione di medici che forniscono suicidio assistito.

 

Secondo il  caso clinico:

 

«Una paziente con anoressia nervosa ha chiesto aiuto per morire dal suo medico di cure palliative. Negli ultimi anni aveva partecipato a molteplici programmi di trattamento ospedaliero e ambulatoriale per i disturbi alimentari senza alcun recupero prolungato».

 

«Il suo medico per il disturbo alimentare, che ha partecipato alla chiamata di consultazione, ha ritenuto che, sebbene la paziente non avesse accettato o acconsentito al trattamento “gold standard” del ripristino del peso totale per valutare la funzione cerebrale, era malata terminale».

 

«Questo medico, così come lo psichiatra consulente, ritenevano che il paziente avesse capacità decisionali. La paziente è stata ricoverata in hospice e ha vissuto con la sua famiglia che ha sostenuto la sua richiesta di accedere agli aiuti in caso di morte».

 

La decisione è stata presa nonostante il servizio di consulenza ACAMAID abbia riconosciuto che «non c’è consenso nella letteratura sui disturbi alimentari riguardo al fatto che un paziente che ha una grave anoressia nervosa persistente sia malato “terminalmente” e “irreversibilmente” secondo la definizione nello statuto dello Stato».

 

Quindi, «se il medico curante del disturbo alimentare della paziente e lo psichiatra valutatore fossero d’accordo sul fatto che lei avesse una “malattia terminale” e conservasse la capacità decisionale, soddisferebbe i requisiti dello statuto dell’aiuto alla morte e nella sua giurisdizione».

 

Chi non crede alla teoria della slippery slope, il pendìo scivoloso per cui ogni concessione bioetica rotola a valanga verso la valle della morte, può ricredersi – se ne ha l’onestà intellettuale e umana.

 

Ci avevano detto che l’eutanasia era per i malati terminali di cancro, i tetraplegici, etc. Ora si stanno allargando alle malattie mentali – Renovatio 21 plurime volte vi ha informato del fenomeno – che può sfociare in quello che è il punto più alto del fondamentalismo eutanatico, cioè il «suicidio razionale», o suicidio per «vita completa» di certi anziani, senza scordare l’introduzione dell’eutanasia per COVID e l’eutanasia per stress da lockdown.

 

Avere un piccolo disturbo mentale – magari, una depressione momentanea – potrebbe diventare pericoloso: è pronta la scusa che il depresso è un costo insostenibile per la società e per il contribuente, un po’ come il non vaccinato.

 

Domanda: qualcuno ricorda chi eutanatizzava i malati di mente?

 

Il mondo è in un pendio scivoloso, dove la gravità è costituita dalla Necrocultura – l’opposto della Vita e della sua continuazione. Ogni problema medico, tramite la Cultura della Morte, diventa una possibilità del sistema di eliminare l’essere umano.

 

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

L’Austria legalizza il suicidio assistito

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

A partire dal giorno di Capodanno il suicidio assistito è diventato legale in Austria. Una sentenza della Corte Suprema aveva dichiarato incostituzionale il precedente divieto perché violava il diritto all’autodeterminazione. Quindi doveva essere approvata una nuova legge per garantire che la pratica fosse regolamentata.

 

Come descritto da Deutsche Welle, la nuova legge è abbastanza convenzionale. Un paziente deve avere più di 18 anni e essere malato cronico o terminale. Ogni caso deve essere valutato da due medici, uno dei quali dovrebbe essere un esperto di medicina palliativa.

 

È previsto un periodo di «raffreddamento» obbligatorio di 12 settimane. Tuttavia, se un paziente è «terminale», il periodo può essere allungato a due settimane.

 

L’individuo poi redigerebbe il proprio «testamento di morte» (direttive anticipate) con un notaio o un difensore del paziente prima di poter ottenere un farmaco letale da un farmacista.

 

Tuttavia, c’è una differenza significativa, che è stata rilevata dall’Australian Care Alliance 

 

«Ciò rende l’Austria la prima giurisdizione a legalizzare l’eutanasia da parte di laici (non operatori sanitari), compresi i familiari, di una persona che non è in grado di autosomministrarsi il veleno letale o che ha perso la capacità decisionale»

«Il “testamento di morte” può specificare le persone che sono autorizzate ad aiutare la persona a porre fine alla sua vita ingerendo il veleno letale prescritto, anche somministrandolo attivamente, apparentemente anche se la persona perde la capacità decisionale».

«Ciò rende l’Austria la prima giurisdizione a legalizzare l’eutanasia da parte di laici (non operatori sanitari), compresi i familiari, di una persona che non è in grado di autosomministrarsi il veleno letale o che ha perso la capacità decisionale».

 

Il Partito popolare austriaco (ÖVP) conservatore al governo austriaco si è unito ai Verdi, ai socialdemocratici dell’opposizione e al partito liberale Neos. Solo il Partito della Libertà d’Austria (FPÖ) di destra si è opposto.

 

Il suicidio assistito e/o l’eutanasia si stanno diffondendo in Europa.

 

I Paesi in cui l’uno o l’altro o entrambi sono attualmente legali sono: Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Svizzera e Spagna.

 

In Germania è stato legalizzato con sentenza del tribunale ma non esiste una legge.

 

In Portogallo è stata approvata una legge, ma finora il presidente si è rifiutato di firmarla.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari