Connettiti con Renovato 21

Eutanasia

Eutanasia, perché così tante morti in Canada?

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Le morti per eutanasia in Canada sono aumentate vertiginosamente. Nel 2015 non ce n’erano; nel 2021, ultimo anno intero  per il quale esistono statistiche, erano 10.064. Sulle tendenze attuali altri 10.000 sono morti nel 2022, portando il totale a 40.000.

 

Perché? Come ha scritto recentemente sul Toronto Globe and Mail Scott Kim, un ricercatore di bioetica presso il National Institutes of Health degli Stati Uniti, probabilmente non è perché la legge canadese è più permissiva.

 

Anche la Svizzera ha una legislazione molto permissiva, ma il livello dei decessi non è così alto.

 

Secondo il dott. Kim si sono unite due correnti di pensiero: quella secondo cui l’eutanasia (assistenza medica al morente o MAiD) non è un’ultima risorsa ma un normale trattamento terapeutico e che i medici la stanno promuovendo attivamente.

 

È «un’ideologia MAID unicamente canadese».

 

«È sorprendente che la principale organizzazione canadese di fornitori di MAID, la Canadian Association of MAiD Assessors and Providers (CAMAP), abbia promosso la pratica di avviare la procedura non richiesta. L’organizzazione, che ha ricevuto 3,3 milioni di dollari dal governo per sviluppare un curriculum per i fornitori di MAID, lo ha definito non solo qualcosa di consentito, ma anche un “obbligo professionale”. È difficile enfatizzare quanto sia radicale questa posizione”».

 

Nei Paesi Bassi, dove l’eutanasia è legale da decenni, la MAiD è considerato un’ultima risorsa disperata. In altre giurisdizioni, ai medici è vietato sollevare l’argomento con i loro pazienti. Kim scrive:

 

«Anche quando la MAID è legale, dovrebbe essere un’eccezione alla pratica della medicina, non qualcosa da prendere in seno alla medicina. C’è un motivo per cui tutte le leggi MAID regolano come rispondere alle richieste, non come promuoverle. Ma in Canada, aiutata da una legge viziata, un’ideologia MAID sta trasformando il modo in cui la medicina vede se stessa. Parlare di acquisizione ideologica in Canada non è un’iperbole».

 

I medici canadesi – o meglio, alcuni di loro – ritengono che l’eutanasia sia una «opzione terapeutica» e una «opzione di cura» «medicalmente efficace». In un certo senso lo fa – elimina il dolore – ma a costo di eliminare il paziente.

 

«Questa ideologia ha cooptato e trasformato il sistema sanitario del paese nel più potente veicolo per la consegna MAID nel mondo», scrive Kim, «senza alcuna salvaguardia se non la discrezione personale dei fornitori».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Eutanasia, verso leggi più permissive in Australia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

La prima eutanasia legale nello stato australiano di Victoria ha avuto luogo il 15 luglio 2019. Quasi quattro anni dopo, i sostenitori chiedono l’allentamento di alcune delle 68 tutele previste dalla legislazione.

 

A giugno lo Stato dovrebbe condurre una revisione della legislazione. È improbabile trovare che dovrebbe essere più severo. Un editoriale del quotidiano più influente dello Stato, The Age, si è lamentato del fatto che «ci sono molti ostacoli che hanno reso difficile l’accesso».

 

Raccomanda in particolare tre misure. In primo luogo, ai medici dovrebbe essere consentito «di utilizzare dispositivi elettronici quando comunicano con coloro che cercano di ottenere l’accesso all’eutanasia». Questa restrizione è stata introdotta dal governo federale per proteggere le persone vulnerabili dal suicidio. Ma i sostenitori della morte assistita affermano che le telefonate o Zoom renderanno più facile per le persone nelle regioni periferiche consultare i medici.

 

In secondo luogo, ora che tutti gli stati confinanti hanno legalizzato l’eutanasia, il requisito di residenza di un anno dovrebbe essere eliminato.

 

E terzo, «a livello statale, la maggior parte delle altre giurisdizioni non impedisce ai medici di avviare conversazioni a condizione che forniscano informazioni su tutte le opzioni, comprese le cure palliative. Questo è un cambiamento sensato che dovrebbe essere adottato in Victoria».

 

L’editoriale trascura di menzionare che tali conversazioni potrebbero aver portato allo scandalo dei veterani canadesi a cui è stata offerta l’eutanasia come opzione appropriata per le loro disabilità.

 

Come hanno sottolineato i critici della legge canadese sulla morte assistita : «nessuno dovrebbe suggerire a un’altra persona, specialmente a una persona che vive con una disabilità, che la sua vita non è degna di essere vissuta».

 

L’editoriale conclude: «nonostante tutta la paura e l’odio che si sono generati quando le leggi sull’eutanasia sono state approvate dal Parlamento, si sono dimostrate straordinariamente senza controversie nella pratica. Queste sono buone leggi che, con alcune riforme pragmatiche e ragionevoli, potrebbero essere migliorate».

 

 

Michael Cook

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Melbpal via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Il capo dell’eutanasia belga spiega l’aumento del 10%.

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Perché sempre più persone ricorrono all’eutanasia in Belgio?

 

Il numero di casi di eutanasia in Belgio è aumentato del 9,85% rispetto all’anno precedente nel 2022, secondo i dati pubblicati il ​​17 febbraio dalla Commissione federale per il controllo e la valutazione dell’eutanasia. Il numero di persone decedute è stato di 2.966, il 2,5% dei decessi in Belgio.

 

Il capo della Commissione, il dott. Wim Distelmans, ha spiegato a VRT, un sito di notizie belga, che «c’è un aumento dei casi di eutanasia registrati. Questo perché c’è più consapevolezza sulla legge sull’eutanasia tra la popolazione, sospettiamo».

 

Dal 2002, quando l’eutanasia è stata legalizzata, più neerlandesi che francofoni hanno cercato aiuto per morire. Tuttavia, il rapporto sta diventando più piccolo. «L’anno scorso il rapporto era del 70% di madrelingua olandese rispetto al 30% di madrelingua francese», afferma Distelmans. «All’inizio, quel rapporto era 80-20».

 

Cosa spiega il cambiamento? Il numero di parlanti olandesi sta crescendo, ma a un ritmo più lento.

 

Distelmans ritiene che la cattiva pubblicità per il processo di eutanasia dopo il caso di Tina Nys potrebbe avere qualcosa a che fare con questo. La donna di 38 anni è stata soppressa nel 2010, ma la sua famiglia ha affermato che le procedure previste dalla legge non erano state rispettate. Tre medici sono stati processati. Sono stati esonerati, ma l’incidente potrebbe aver scoraggiato alcune persone nelle Fiandre, dove il caso era più nelle notizie, dall’approfittare dell’eutanasia legale.

 

Distelmans ha affermato che 61 stranieri, per lo più francesi, sono stati soppressi nel 2022.

 

«La legge belga sull’eutanasia non richiede che qualcuno debba essere belga. Sempre più stranieri lo hanno capito e vengono in Belgio tramite Internet. Il fatto che ciò stia accadendo indica che anche quei Paesi dovrebbero votare per una legge sull’eutanasia in modo che i loro abitanti non debbano venire in Belgio», ha affermato.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

La Svizzera inizia con l’eutanasia dei carcerati

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Per la prima volta in Svizzera, un detenuto di una prigione ha posto fine alla sua vita con l’aiuto di un’organizzazione di suicidio assistito, Exit.

 

Il prigioniero maschio era stato detenuto a Bostadel, vicino a Zurigo. È morto il 28 febbraio. Exit ha rifiutato di rilasciare il nome dell’uomo per motivi di privacy.

 

Le autorità di Zurigo hanno dichiarato ai media che il diritto al suicidio assistito si applica anche ai detenuti a causa del loro diritto all’«autodeterminazione». La procedura si svolge normalmente a casa. In alcuni cantoni può svolgersi anche in case di cura o ospedali. Il suicidio del prigioniero è avvenuto fuori dal carcere.

 

La questione del suicidio assistito del prigioniero è stata dibattuta in Svizzera per diversi anni. Nel 2018 Peter Vogt, uno stupratore che sconta l’ergastolo, ha chiesto il suicidio assistito, ma la sua richiesta è stata respinta. «È più umano voler suicidarsi che essere sepolto vivo per gli anni a venire», ha scritto all’agenzia di stampa AFP, dicendo che soffriva di molteplici malattie come insufficienza renale e cardiaca.

 

Un articolo pubblicato l’anno scorso sull’importante rivista Bioethics, sosteneva che i detenuti dovrebbero avere il diritto al suicidio assistito, specialmente se non c’è la pena di morte. Yoann Della Croce, dell’Università di Ginevra, ha sostenuto che «il diritto di accedere al suicidio assistito è da intendersi come una libertà che non può essere sottratta ai detenuti».

 

Inoltre, dice, sebbene i detenuti manchino di autonomia, questo non è necessariamente un ostacolo. «Non c’è alcuna differenza sostanziale tra la situazione dei detenuti e altri casi come una grave disabilità a seguito di un incidente».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari