Connettiti con Renovato 21

Eutanasia

Alfie, pastori che elogiano i lupi

Pubblicato

il

 

 

Don Gabriele Brusco è il sacerdote dei Legionari di Cristo che, a partire da domenica scorsa, assiste spiritualmente Alfie e i suoi genitori nella loro camera di tortura all’interno del lager che va sotto il nome di Alder Hey Hospital.

 

È cappellano in una parrocchia di Londra, ma, colpito dalla vicenda di Alfie, ha deciso di prendere un treno per Liverpool. «Ho seguito da vicino fin dall’inizio sui media e i social l’eroica battaglia di Tom Evans e Kate James per salvare loro figlio, e mi sono commosso. Sapevo che cercavano un sacerdote cattolico e mi sono reso disponibile».

«È visibile che Alfie voglia vivere»

 

Da quel giorno non ha mai lasciato la stanza del piccolo, sostenendo i genitori e pregando per Alfie.

 

Padre Gabriele ha amministrato al piccolo Alfie l’Unzione degli infermi e la Cresima e ha recitato le preghiere di accompagnamento. «Ho cercato in tutti i modi di evitare pubblicità, ma non ci sono riuscito» dichiara. «A me interessava il sacramento: volevo soltanto far arrivare ad Alfie la forza di Dio e dare coraggio ai genitori». Riferisce che i genitori di Alfie «molte volte vogliono che metta una mano sulla testa del bimbo e mi chiedono di pregare per lui». Di Tom Evans dice: «Mi sembra davvero un Davide contro il Golia dello Stato britannico».

«Purtroppo lui è prigioniero. Forse è un termine pesante, ma di fatto l’ospedale non lo vuole far uscire vivo. Per loro potrà uscire solo da morto»

 

Ci sono molte altre prove del fatto che don Gabriele appartenga alla razza in via di estinzione dei sacerdoti cattolici. Le sue parole e i suoi gesti sulla incredibile vicenda della famiglia Evans sono sempre stati ispirati a chiarezza e verità, senza incrinature.

 

«È visibile che Alfie voglia vivere» ha affermato in un’intervista a TV2000. «Umanamente parlando, fin dall’inizio sembrava una situazione impossibile. Sarebbe servito solo un miracolo. E fin dall’inizio ho pregato per il miracolo. Di fatto, ci sono stati tanti piccoli miracoli. Anche se noi ci aspettiamo il grande miracolo, cioè che venga in Italia o che comunque possa uscire da questo ospedale. Purtroppo lui è prigioniero. Forse è un termine pesante, ma di fatto l’ospedale non lo vuole far uscire vivo. Per loro potrà uscire solo da morto».

 

Il sacerdote nei giorni trascorsi non ha mancato di rivolgersi anche al personale sanitario, illustrando la necessità dell’obiezione di coscienza quando si sia chiamati a collaborare a una procedura volta a porre fine a una vita umana.  «Le leggi umane si possono infrangere per seguire quelle di Dio: ho detto loro della banalità del male».

In coincidenza temporale  con l’ordine superiore per il quale don Gabriele è stato costretto a lasciare il suo presidio, guarda caso, l’arcivescovo di Liverpool Malcolm Patrick McMahon incontrava Bergoglio. Curioso che dalla Santa Sede nessuno abbia parlato dell’incontro.

 

La reazione delle infermiere, riferisce don Gabriele, è apparsa stizzita e infastidita: «Questa è la sua opinione», hanno risposto. «Io ho dovuto ribadire la verità, qualcuno forse avrà crisi di coscienza, forse questa notte non dormirà, ma era l’ultima cosa che potevo fare».

 

Questo don Gabriele che – come si può ben comprendere, costituiva un fondamentale baluardo di fede e un grande aiuto concreto per la famiglia Evans nella battaglia contro il male allo stato puro che scatenatasi tra le mura dei quel dannato ospedale – è stato improvvisamente richiamato a Londra dal suo parroco, ieri sera, proprio quando, peraltro, gli era stata garantita una decisiva copertura diplomatica per esercitare liberamente il proprio ufficio.

 

Nemmeno gli è stato permesso di salutare Thomas, Kate e il piccolo Alfie. Così Alfie e i suoi straordinari genitori sono stati privati del conforto di un vero ministro di Dio, quando tutto intorno a loro è pervaso ormai da una pervicace volontà di morte, divenuta a questo punto addirittura parossistica e disinibita.

Alfie e i suoi straordinari genitori sono stati privati del conforto di un vero ministro di Dio, quando tutto intorno a loro è pervaso ormai da una pervicace volontà di morte, divenuta a questo punto addirittura parossistica e disinibita.

 

In coincidenza temporale (ma è solo una coincidenza?) con l’ordine superiore per il quale don Gabriele è stato costretto a lasciare il suo presidio, guarda caso, l’arcivescovo di Liverpool Malcolm Patrick McMahon (che non si era più espresso sulla vicenda dopo il tremendo comunicato della conferenza episcopale a sostegno dell’ospedale e dei giudici inglesi) incontrava Bergoglio a seguito dell’udienza generale di ieri, mercoledì 25 aprile. Lo racconta lui stesso in un’intervista al giornale inglese The Tablet.

 

Curioso che dalla Santa Sede nessuno abbia parlato dell’incontro, magari cogliendo l’occasione per richiamare all’attenzione del mondo lo scandalo di Liverpool.

 

Nessuna indiscrezione, nemmeno sui quotidiani nazionali italiani. L’arcivescovo di Liverpool – noto per essere un grande conservatore, che celebra persino la Messa Tradizionale – avrebbe riferito a Bergoglio che i cattolici di Liverpool sono «straziati» dal caso di Alfie Evans, ma che la squadra medica e la cappellania dell’ospedale Alder Hey hanno fatto tutto il possibile per aiutare il bambino.

 

Di Bergoglio dice: »Sono rimasto colpito dal suo atteggiamento compassionevole nei confronti sia di Alfie che dei suoi genitori; ha promesso che continuerà a pregare per loro. Gli ho spiegato che il popolo cattolico di Liverpool ha il cuore spezzato per Alfie e i suoi».

 

Ma al di là di questo fervorino di prammatica, neanche tanto convincente, ciò che realmente mostra quanto avviene dietro le quinte è il seguito delle dichiarazioni del vescovo di Liverpool.  monsignor Mc Mahon, infatti, non ha mancato di ringraziare tutti per «per le cure mediche e spirituali che Alfie sta ricevendo». E ha aggiunto: «so che stanno facendo tutto quello che è umanamente possibile e la nostra preghiera in questo difficile momento è che il Signore possa dare a tutti la forza spirituale per affrontare l’immediato futuro».

 

In sostanza, tutti sono messi al pari di tutti e, in forza del buonismo irradiato erga omnes dal buon pastore,anche sull’ospedale degli orrori è stesa una patina di rispettabilità e persino di umanità. L’unica parte che esce nemmeno troppo velatamente bastonata dalle dichiarazioni di Mc Mahon è il popolo italiano, la cui intraprendenza nel difendere le ragioni fondate sulla ragione non è stata troppo gradita: «Sono molto consapevole della compassione che caratterizza il popolo italiano verso i bisognosi – in questo caso Alfie – ma so che nel Regno Unito, i nostri apparati medici e legali si basano anche sulla compassione e sulla salvaguardia dei diritti del singolo bambino».

Le dichiarazioni della gerarchia di questa chiesa, vanno vagliate con attenzione per capire che cosa vogliono dire veramente.

 

Come sempre, le dichiarazioni della gerarchia di questa chiesa, vanno vagliate con attenzione per capire che cosa vogliono dire veramente. E, più si sale, più si deve stare attenti.

 

Intanto, la polizia di stato britannica è al lavoro per zittire la fronda alla esecuzione pietosa del piccolo suddito di Sua Maestà. L’ispettore capo Chris Gibson ha infatti dichiarato che la polizia di Merseyside è stata messa al corrente di una serie di post sui social media riferiti all’Alder Hey Hospital e all’attuale situazione di Alfie Evans. «Vorrei avvisare le persone del fatto che questi messaggi sono monitorati – minaccia Gibson in un comunicato – e ricordare agli utenti dei social media che qualsiasi attacco, incluse le calunnie e le minacce, sarà esaminato e, ove necessario, si agirà di conseguenza».

La polizia di stato britannica è al lavoro per zittire la fronda alla esecuzione pietosa del piccolo suddito di Sua Maestà

 

Questo intervento censorio punta a soffocare la rabbia degli stessi inglesi contro l’Alder: sui social si leggono insulti di ogni genere, per la strada si vede gente inferocita. Le macchine che transitano davanti alla prigione del piccolo Alfie suonano il clacson secondo un segnale concordato tra gli abitanti di Liverpool, che in codice vuole dire «Alfie resisti, Alfie non mollare». La furia omicida che si muove contro un innocente e la sua famiglia è oramai impossibile da coprire. Neanche i media ci riescono più.

 

Eppure i giudici continuano la loro agghiacciante pantomima. La continua anche l’arcivescovo «tradizionalista» di Liverpool. La parte di don Gabriele, evidentemente, non è prevista dal copione.

 

Cristiano Lugli

Elisabetta Frezza

 

Fonte: Riscossa Cristiana

Continua a leggere

Eutanasia

Eutanasia in tutti gli Stati australiani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Lo stato australiano del Nuovo Galles del Sud ha legalizzato l’eutanasia e il suicidio assistito la scorsa settimana. I membri della Camera Alta hanno sostenuto il Voluntary Assisted Dying Bill 2022 con un margine di 23 a 15.

 

Sia il Premier che il leader dell’opposizione si erano opposti al disegno di legge, ma hanno concesso ai parlamentari un voto di coscienza sulla questione estremamente divisiva. Il disegno di legge è passato alla Camera a novembre con un margine di 53 voti contro 36.

 

Ciò significa che la «morte assistita» è ora legale in ogni stato australiano. E le elezioni federali di sabato hanno messo al potere un governo laburista. Il nuovo parlamento subirà immediatamente pressioni per consentire all’Australian Capital Territory, dove si trova Canberra, e al vasto ma scarsamente popolato Northern Territory, di legalizzare anche lì.

 

La morte assistita è stata dibattuta in Australia almeno dal 1995, quando il Territorio del Nord l’ha legalizzata, sebbene il Parlamento federale abbia approvato una legge che l’ha ribaltata nel 1997, impiegando un potere costituzionale raramente utilizzato. All’epoca i parlamentari erano contrari al VAD [morte volontaria assistita, ndr] in modo schiacciante. Ma nel 2017 lo stato del Victoria ha legalizzato la morte assistita; nel 2019 Australia occidentale; nel 2021 Tasmania, Queensland e Australia Meridionale. Il cambiamento culturale è stato rapido.

 

Il deputato indipendente Alex Greenwich ha presentato il disegno di legge in parlamento alla fine dello scorso anno. Greenwich, che è stato anche responsabile della depenalizzazione dell’aborto nel Nuovo Galles del Sudin questo periodo, ha elogiato un «giorno in cui la compassione ha vinto».

 

«Ora la nostra attenzione deve spostarsi sul parlamento federale e spetta ai nostri colleghi e partner federali approvare leggi che consentano ai territori di essere in grado di legiferare per questa compassione», ha affermato.

 

Il ministro per le relazioni con i dipendenti Damien Tudehope ha dichiarato che il disegno di legge aveva «tradito» persone che soffrivano di una malattia terminale. “Alcuni diranno che questo è un grande momento per il Nuovo Galles del Sud», ha detto a The Guardian . «Andro via da qui oggi pensando che questo sia un giorno buio per il nostro Stato».

 

La nuova legge consentirà ai pazienti di scegliere tra suicidio assistito ed eutanasia. Le sue disposizioni sono più o meno le stesse degli altri stati, ma non consente alle istituzioni di rifiutare di consentire ai propri residenti di avere il VAD, con costernazione dei funzionari sanitari cattolici.

 

«Questa legge costringerà le organizzazioni che non sono d’accordo con la morte assistita a consentire ai medici nei loro locali di prescrivere e persino somministrare farmaci soggetti a restrizioni con l’intenzione di porre fine alla vita di un residente, senza nemmeno informare la struttura», ha affermato Brigid Meney, di Catholic Health Australia

 

«Queste leggi ignorano i diritti del personale e dei residenti che possono scegliere di lavorare e vivere in una particolare struttura residenziale a causa della loro opposizione alla morte assistita».

 

Ci vorranno probabilmente altri 18 mesi prima che le persone possano accedere alla morte assistita nel Nuovo Galles del Sud.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Paul Hocksenar via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

L’ex arcivescovo di Canterbury promuove l’eutanasia in Australia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

L’ex arcivescovo anglicano di Canterbury, George Carey, ha inviato un messaggio al parlamento dello stato australiano del New South Wales, esortandolo ad approvare un disegno di legge sull’eutanasia.

 

In una lettera ottenuta da The Australian indirizzata a tutti i membri della Camera alta del NSW, Lord Carey, che è anche membro della Camera dei Lord nel Regno Unito, ha dichiarato:

 

«“Non è mia intenzione interferire in una questione che appartiene propriamente ai cittadini australiani, ma scrivo come ex arcivescovo di Canterbury che ha cambiato radicalmente idea sulla morte assistita».

 

Lord Carey ha avuto un momento di conversione nel 2014 e successivamente ha pubblicato una lettera aperta in cui ha sostenuto con forza un disegno di legge sulla morte assistita sponsorizzato da Labour Peer Lord Falconer.

 

L’arcivescovo in carica di Canterbury, il capo de facto della Chiesa d’Inghilterra, Justin Welby, dichiarò che sarebbe stato un disastro per gli anziani.

 

Sembra che Lord Carey stia continuando la sua campagna per persuadere i cristiani di tutte le convinzioni a sostenere l’eutanasia.

 

Nella sua lettera del 2014 ha scritto di aver cambiato idea dopo aver parlato con diverse persone morenti:

 

«Ho cominciato a riconsiderare come interpretare la teologia cristiana sull’argomento. Mentre lo facevo, diventavo sempre meno sicuro della mia opposizione al diritto di morire. Mi sembrava che sia la Bibbia che il carattere di Dio attribuissero molta più importanza alla benevolenza a cuore aperto che al rispetto di questa legge particolare. Come ho ricordato a me stesso, uno dei temi chiave dei vangeli è l’amore per i nostri simili».

 

Ha affermato che consentire alle persone di soffrire è in realtà profondamente non cristiano:

 

«Osservando rigorosamente l’insegnamento accettato sulla santità della vita, la Chiesa potrebbe effettivamente sanzionare l’angoscia e il dolore – l’esatto opposto del messaggio cristiano».

 

Gli anni successivi hanno fatto ben poco per smorzare l’entusiasmo dell’ex arcivescovo per l’eutanasia. Semmai, si sente più fortemente al riguardo.

 

Nella sua lettera ai parlamentari del Nuovo Galles del Sud, dice:

 

«Vi esorto a non considerare che il punto di vista religioso sia stabilito su questo argomento e che tutti i leader cristiani e religiosi parlino con un’unica mente. Si pensa spesso che questa sia semplicemente una questione di santità della vita su cui la maggior parte dei cristiani è d’accordo. Eppure c’è un notevole divario tra la guida delle chiese e le opinioni di molti nelle congregazioni».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Eugenetica

«Eugenetica opt-in»: l’eutanasia in Canada è un treno impazzito

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La sensibilità chimica multipla (MCS) è una sindrome attribuita a pazienti che lamentano mal di testa, eruzioni cutanee, depressione e vertigini e li attribuiscono a sostanze chimiche nell’ambiente. Il suo stato controverso dal punto di vista medico come diagnosi non dovrebbe essere un fattore scatenante per l’eutanasia.

 

In Canada, invece, lo è. A marzo 2023, le persone potranno beneficiare dell’eutanasia semplicemente perché hanno una malattia mentale.

 

CTV National News riporta che «Denise», che è costretta su una sedia a rotelle dopo un infortunio alla schiena e vive con una pensione di invalidità, è gravemente colpita da sostanze chimiche nell’aria come fumo di sigaretta, prodotti chimici per il bucato e deodoranti per ambienti. Nella sua attuale sistemazione non può sfuggire.

 

Quindi ha fatto domanda per l’assistenza medica in morte, o MAiD, il nome dell’eutanasia legale in Canada.

 

Le agenzie governative, dice, non sono state in grado di trovare la sua sistemazione adeguata.

 

«Nessuno di loro è stato in grado di fare nulla di significativo in termini di trasferirmi, ottenere l’emergenza discrezionale o alloggi temporanei e fondi di emergenza», ha detto a CTV.

 

Fare domanda per il MAiD è stato molto più semplice, sebbene non sia malata terminale e una morte naturale non sia imminente.

 

«Porta dopo porta chiusa dopo porta chiusa… il guanto di sfida tende a spingere le persone nella direzione della legislazione che c’è, che è l’assistenza medica e la morte”, ha detto un amico che ha lanciato un appello a GoFundMe per aiutare Denise a trovare una casa dove non soffrirà della sua condizione. “Ho una preoccupazione molto significativa che questa sia la punta dell’iceberg».

 

Un’altra donna affetta da MCS ha ricevuto l’eutanasia a febbraio «dopo tentativi infruttuosi di togliere un appartamento dal fumo e dai prodotti chimici nel suo edificio», ha detto CTV.

 

Scrivendo sul National Post, Sabrina Maddeaux ha dichiarato che il Canada sta sperimentando «l’eugenetica opt-in».

 

«Nel marzo 2023, le persone affette da malattie mentali diventeranno ammissibili al programma canadese di assistenza medica nella morte (MAID), un regime già sotto esame per andare oltre la fine del dolore dei malati terminali, come illustrato da alcuni esempi recenti».

«Tra un anno, MAID potrebbe diventare un’opzione per coloro che non possono permettersi la terapia, i farmaci o le cure necessarie in un Paese che preferirebbe approvare l’eutanasia dei malati di mente piuttosto che fornire opzioni di trattamento accessibili. Una serie di notizie ha fatto luce su un sistema che funziona sempre meno come ultima risorsa e più come una rete di sicurezza sociale orrendamente perversa».

 

Alcuni canadesi stanno ripensando al costante aumento del numero di persone che muoiono a causa di MAID. Un altro collaboratore del National Post, il professore di diritto Brian Bird, ha scritto:

 

«Entro il prossimo anno, il Canada potrebbe essere passato – in soli sette anni – da un divieto totale di eutanasia all’eutanasia sul letto di morte di un adulto all’eutanasia per malattie mentali e fisiche in qualsiasi momento della vita di un adulto. La velocità con cui abbiamo viaggiato su una questione di importanza tettonica per la società e il territorio che abbiamo coperto dovrebbero sollevare interrogativi sulla saggezza del nostro approccio. I sostenitori dicono che è progresso. Temo che sia un treno in corsa».

 

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari