Connettiti con Renovato 21

Sanità

Vaccino in Islanda, segnalate 86 reazioni avverse. 9 sono gravi

Pubblicato

il

 

L’Agenzia Islandese del Farmaco ha ricevuto un totale di 86 segnalazioni di sospette reazioni avverse a seguito della vaccinazione contro il COVID-19.

 

Su 86 segnalazioni complessive, 23 riguardano il vaccino Moderna e 63 il vaccino Pfizer/BioNTech. 

 

Nove segnalazioni riguarderebbero gravi reazioni avverse al vaccino Moderna. Otto segnalazioni del vaccino Pfizer invece sarebbero gravi e altre sette ipotizzate come mortali. 

Nove segnalazioni riguarderebbero gravi reazioni avverse al vaccino Moderna.

 

Otto segnalazioni del vaccino Pfizer invece sarebbero gravi e altre sette ipotizzate come mortali. 

 

Come riporta la testata islandese Morgunbladid, cinque dei decessi sono stati indagati dall’ufficio del direttore medico della Sanità.

 

Otto segnalazioni del vaccino Pfizer invece sarebbero gravi e altre sette ipotizzate come mortali. Cinque dei decessi sono stati indagati dall’ufficio del direttore medico della Sanità

In una riunione informativa della protezione civile lunedì, è stato affermato che in quattro casi non era o era molto improbabile che ci fosse un nesso di causalità, ma in un caso non era possibile prevedere con certezza un nesso di causalità.

 

L’Islanda è un Paese minuscolo, con una popolazione totale molto inferiore a quella di una provincia italiana di medie dimensioni – nel 2020 si contavano circa 365 mila cittadini.

 

Gli islandesi tuttavia dispongono di una caratteristica unica: l’omogeneità genetica. Come accade anche per i sardi, questo aspetto ha reso la popolazione dell’isola particolarmente ambita per esperimenti e statistiche di genomica, al punto di meritarsi il titolo di «più grande laboratorio di genetica al mondo».

 

L’Islanda fece scalpore quando nel 2017 annunciò di essere di essere il primo Paese al mondo down-free: ossia, completamente privo di nascite di individui affetti da Trisomia 21. Il motivo era semplice: erano tutti, senza eccezione, abortiti dalle loro madri su incoraggiamento della medicina di Stato.

 

Qualcuno chiamò il fenomeno con il suo nome: eugenetica. Sulla scia dell’Islanda vi sono la Danimarca e il resto dei Paesi del mondo, comprese alcune regioni italiane come l’Emilia Romagna di Bonaccini.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Sanità

L’OMS «disperata»: Nuova Zelanda e Iran respingono gli emendamenti al regolamento sanitario internazionale

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

La Nuova Zelanda e fino ad altri tre paesi hanno respinto gli emendamenti controversi proposti nel 2022 dall’amministrazione Biden al Regolamento sanitario internazionale del 2005 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

 

La Nuova Zelanda e fino ad altri tre paesi hanno respinto gli emendamenti controversi proposti nel 2022 dall’amministrazione Biden al Regolamento sanitario internazionale (IHR) del 2005 dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

 

I critici hanno avvertito che gli emendamenti proposti, approvati l’anno scorso dalla 75ª Assemblea mondiale della sanità (OMS), danno all’OMS troppo potere e aumentano la probabilità che le proposte future – compresi gli emendamenti IHR del 2023 attualmente in sospeso e l’«Accordo pandemico dell’OMS», o la pandemia trattato – passerà anch’esso.

 

Gli Stati membri dell’OMS avevano la scadenza del 1° dicembre 2023 per respingere gli emendamenti del 2022. L’avvocato neozelandese Kirsten Murfitt ha dichiarato a The Defender che «la Nuova Zelanda ha respinto l’emendamento relativo alla riduzione dei tempi per i futuri emendamenti».

 

«Nel maggio 2022, l’AMS ha votato per adottare l’emendamento all’articolo 59 dell’RSI (e di conseguenza altri articoli), che riduce il periodo di tempo per l’entrata in vigore dei futuri emendamenti da 24 a 12 mesi. Di conseguenza, il periodo per respingere o riservare future modifiche è stato ridotto da 18 mesi a 10 mesi», ha affermato Murfitt.

 

Per gli Stati che non hanno respinto gli emendamenti entro il 1° dicembre 2023, «l’emendamento entrerà in vigore nel maggio 2024 tramite “tacita accettazione”», ha aggiunto Murfitt.

 

Altri esperti hanno dichiarato a The Defender che il loro rifiuto da parte di un massimo di quattro Paesi potrebbe essere indicativo di ostacoli più ampi che l’OMS deve affrontare nei negoziati in corso per entrambe le proposte.

 

Il giornalista indipendente James Roguski ha affermato che l’OMS ha programmato nuovi incontri negoziali dopo essere rimasta indietro rispetto alla propria tempistica giuridicamente vincolante a causa dei disaccordi degli Stati membri sull’equità, come evidenziato dagli sviluppi alla riunione della scorsa settimana del gruppo di lavoro sugli emendamenti al regolamento sanitario internazionale (WGIHR).

 

Le recenti dichiarazioni del direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus suggeriscono anche un crescente disagio per l’avanzamento dei negoziati e la probabilità di raggiungere un accordo sugli emendamenti all’IHR del 2023 proposti e sull’«accordo pandemico» da parte dell’AMS di quest’anno, previsto per il 27 maggio-1 giugno.

 

Altri, tra cui il deputato del New Jersey Chris Smith e il deputato dell’Ohio Brad Wenstrup, hanno avvertito durante una conferenza stampa del 5 febbraio che gli strumenti proposti rappresentano una minaccia fondamentale alla sovranità nazionale, compresa quella degli Stati Uniti.

Sostieni Renovatio 21

I documenti della Nuova Zelanda confermano che il paese ha respinto gli emendamenti IHR del 2022

I documenti ottenuti dal governo della Nuova Zelanda tramite una richiesta di libertà di informazione e condivisi con The Defender dall’avvocato australiano Katie Ashby-Koppens confermano che, il 30 novembre 2023, la Nuova Zelanda ha formalmente notificato all’OMS di aver respinto gli emendamenti IHR del 2022.

 

Un’e-mail del 30 novembre 2023 di Andrew Forsyth, responsabile della strategia di sanità pubblica presso l’Agenzia per la sanità pubblica della Nuova Zelanda, all’ufficio del direttore generale dell’OMS, affermava:

 

«Questo documento notifica il rifiuto da parte della Nuova Zelanda delle modifiche all’articolo 59 del Regolamento, adottate dall’Assemblea Mondiale della Sanità nel maggio 2022».

 

«Dopo le elezioni generali neozelandesi del 14 ottobre 2023, questo passo viene compiuto per dare al governo entrante l’opportunità di prendere in considerazione gli emendamenti. Potrebbe non essere la decisione finale del governo».

 

«Si prega di notare che la Nuova Zelanda rimarrà un partecipante costruttivo agli attuali e sostanziali negoziati del WGIHR».

 

 

L’accordo tra i partiti della coalizione di governo neozelandese prevedeva che la Nuova Zelanda avrebbe presentato una «riserva» contro gli emendamenti IHR del 2022.

 

Ashby-Koppens ha collaborato con Voices For Freedom della Nuova Zelanda per opporsi alle proposte dell’OMS. Ha detto al The Defender che le «riserve» – una dichiarazione di uno stato ai sensi del diritto internazionale che si riserva il diritto di non rispettare determinate disposizioni di un trattato – contro nuovi emendamenti, non sono previste dall’attuale RSI.

 

«La Nuova Zelanda ha fatto la cosa giusta e ha respinto gli emendamenti in tempo», ha detto.

 

Una lettera del 29 novembre 2023 della Missione permanente della Nuova Zelanda presso le Nazioni Unite, anch’essa pubblicata come parte della stessa richiesta di libertà di informazione, ha notificato al direttore generale dell’OMS il «rifiuto degli emendamenti da parte della Nuova Zelanda».

 

«La Nuova Zelanda li ha respinti in modo che il suo nuovo governo possa condurre le proprie valutazioni degli emendamenti», ha affermato Ashby-Koppens, aggiungendo che così facendo, la Nuova Zelanda è diventata il terzo di quattro paesi a respingere gli emendamenti IHR del 2022.

 

Secondo Door to Freedom, un gruppo di pressione che si oppone agli strumenti proposti dall’OMS, anche l’Iran ha respinto gli emendamenti dell’IHR del 2022.

 

«L’Iran rileva di aver respinto gli emendamenti del maggio 2022 perché riducono il tempo per la prenotazione o il rifiuto», ha scritto Door to Freedom. Door to Freedom è stata fondata l’anno scorso dalla dottoressa Meryl Nass, membro del comitato consultivo scientifico di Children’s Health Defense.

 

Durante l’incontro del WGIHR della scorsa settimana, la delegazione russa ha anche confermato che quattro paesi hanno respinto gli emendamenti IHR del 2022, affermando: «vorremmo sottolineare la lettera del Direttore generale secondo cui quattro paesi non hanno aderito agli emendamenti adottati due anni fa all’AMS», secondo Roguski.

 

Gli altri due paesi che hanno respinto gli emendamenti non sono stati rivelati pubblicamente.

 

Roguski ha affermato che gli emendamenti del 2022 non sono stati approvati secondo le procedure dell’OMS. In precedenza aveva scritto che dopo che una serie di emendamenti IHR era stata respinta nel 2022, un diverso pacchetto di emendamenti era stato «presentato illegittimamente» con il sostegno dell’amministrazione Biden. Cinque di questi sono stati approvati.

 

«Questi sono completamente nulli e illegittimi», ha detto Roguski. «Nessuno ha detto una parola. Il Senato degli Stati Uniti non ha detto una sola parola al riguardo».

 

Secondo Door to Freedom, per i paesi che hanno respinto gli emendamenti al RSI del 2022, «i futuri emendamenti al RSI non entreranno in vigore fino a 24 mesi dopo l’approvazione (non 12 mesi), e queste nazioni hanno 18 mesi (non 10 mesi) per respingere o formulare una riserva contro tutti i futuri emendamenti».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

L’OMS mostra «un senso di disperazione»

Il rifiuto degli emendamenti all’IHR del 2022 da parte di quattro paesi sembra essere solo uno dei numerosi ostacoli che affliggono gli sforzi in corso dell’OMS per attuare le sue proposte.

 

Roguski ha affermato che l’incontro del WGIHR della scorsa settimana «non ha concluso il suo ordine del giorno». Invece, l’incontro è stato «sospeso» e «hanno concordato di programmare altre due settimane di riunioni del WGIHR» tra il 4 e il 15 marzo, e una sessione congiunta di un giorno con l’ Organo negoziale intergovernativo (INB) dell’OMS il 23 febbraio.

 

Secondo l’OMS, l’INB è stato istituito nel 2021 per «negoziare una convenzione, un accordo o altro strumento internazionale ai sensi della Costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per rafforzare la prevenzione, la preparazione e la risposta alla pandemia».

 

Roguski ha affermato che «il 31 gennaio si è tenuta in segreto una riunione congiunta dell’INB-WGIHR».

 

Separatamente, l’INB si riunirà tra il 19 febbraio e il 1 marzo e di nuovo tra il 18 e il 29 marzo. Il prossimo incontro formale del WGIHR è previsto per il 22-26 aprile.

 

Il disagio dell’OMS rispetto al tasso di progresso nei negoziati in corso per gli emendamenti dell’IHR e l’«accordo pandemico» appare evidente in diverse recenti dichiarazioni pubbliche rilasciate da Tedros, implorando gli Stati membri dell’OMS di concludere con successo i negoziati in tempo per l’Assemblea mondiale della sanità di quest’anno.

 

In una dichiarazione del 22 gennaio, Tedros ha dichiarato :

 

«Negli ultimi due anni, l’organismo negoziale intergovernativo e il gruppo di lavoro sugli emendamenti all’RSI si sono mossi verso un obiettivo comune: costruire un mondo più sano, più sicuro e più equo».

 

«Questa è la nostra occasione – forse la nostra unica possibilità – per raggiungere questo obiettivo, perché abbiamo lo slancio».

 

«Gli Stati membri si sono impegnati a svolgere il compito storico di consegnare all’Assemblea mondiale della sanità nel maggio di quest’anno un accordo sulla pandemia e un pacchetto di emendamenti per migliorare il regolamento sanitario internazionale».

 

«Questa è un’opportunità generazionale da non perdere».

 

 

Tedros ha inoltre avvertito: «Se la comunità internazionale perde questa opportunità, sarà difficile realizzare la riforma globale di cui abbiamo bisogno, soprattutto per un accesso equo ai prodotti legati alla pandemia».

 

Ha anche criticato aspramente il «torrente di notizie false, bugie e teorie del complotto» sull’«accordo pandemico e sull’RSI».

 

La dottoressa Kat Lindley, presidente del Global Health Project e direttrice del Global COVID Summit, ha dichiarato a The Defender che Tedros «sembra frustrato secondo i suoi tweet», il che, secondo lei, potrebbe essere un segno che «alcuni colloqui sono in fase di stallo».

 

 

Tali dichiarazioni riflettono le osservazioni fatte da Tedros all’incontro annuale del World Economic Forum il mese scorso, dove, dopo aver avvertito che il mondo deve essere preparato per una nuova pandemia che potrebbe essere causata da una «malattia X» ancora sconosciuta, ha affermato:

 

«La scadenza per l’accordo sulla pandemia è maggio 2024 e gli Stati membri stanno negoziando… Si tratta di una questione tra paesi, e spero che riusciranno a consegnare questo accordo sulla pandemia entro quella data prevista, perché se questa generazione non può farlo… la generazione in arrivo, la generazione successiva non lo farà».

 

«Anche l’OMS e Tedros sono a disagio riguardo alla percezione del pubblico, i loro messaggi sembrano disperati e lanciano commenti su suggerimenti di cattiva e disinformazione», ha detto Ashby-Koppens. «Tutte le dichiarazioni pubbliche e di apertura del gruppo di lavoro dell’OMS e delle riunioni dell’INB di quest’anno indicano un senso di disperazione».

 

Ashby-Koppens ha attribuito questa disperazione alla crescente sfiducia globale nei confronti dell’OMS.

 

«Non tutti gli stati membri si stanno allineando con ciò che l’OMS sta cercando di ottenere con entrambi i documenti del trattato… L’OMS promette future pandemie ma non legge la massa e non sembra apprezzare il fatto che tutta la fiducia sia andata nel mondo. organizzazione», ha detto.

Aiuta Renovatio 21

L’OMS «non ci si può nemmeno fidare che segua le proprie regole»

Gli esperti che hanno parlato con The Defender hanno sottolineato che la mancanza di trasparenza durante i negoziati per i due strumenti proposti mette a repentaglio anche gli sforzi per finalizzare e approvare i due emendamenti IHR proposti e il trattato sulla pandemia.

 

Ad esempio, secondo Roguski gli ultimi documenti di modifica dell’IHR del 2023 non sono stati resi pubblici.

 

«Comprendiamo che il gruppo di lavoro IHR prevede che un testo finale venga definito solo nel mese di aprile o forse anche fino a maggio, ma non rimane alcuna scadenza ufficiale per la pubblicazione di quel testo finale. Si rifiuta di confermare ciò che dicono i documenti e si rifiuta di dire quando li rivelerà», ha detto Roguski.

 

I documenti più recenti disponibili al pubblico sugli emendamenti IHR proposti per il 2023 sono datati 6 febbraio 2023. Roguski ha affermato che ciò ha spinto i partecipanti alla riunione del WGIHR della scorsa settimana a chiedere il rilascio pubblico dei documenti più aggiornati.

 

Secondo Ashby-Koppens, «L’OMS non riesce a seguire le proprie regole», poiché molti degli emendamenti proposti che sono pubblicamente noti «sono al di fuori del mandato dell’OMS».

 

Ha aggiunto che «entro il 27 gennaio 2024, l’OMS avrebbe dovuto fornire oltre 300 emendamenti ai suoi Stati membri» – ma non lo ha fatto. «La preoccupazione è che ora non ci si può nemmeno fidare che l’OMS segua le proprie regole, quindi come possiamo fidarci che segua i nuovi poteri che i nostri funzionari eletti garantiranno all’OMS?».

 

Il Giappone, in risposta, «propone [ndr] all’ufficio di presidenza e al WGIHR di prendere in considerazione la pubblicazione del testo dell’ufficio di presidenza». La Rete del Terzo Mondo, riconosciuta dall’OMS come «parte interessata rilevante», ha dichiarato: «chiediamo all’Ufficio di presidenza di pubblicare gentilmente le proposte di testo agli Stati membri nell’interesse della trasparenza».

 

Secondo Roguski, «nessuno ha fatto parola» alla riunione del WGIHR riguardo a queste richieste, che secondo lui potrebbero essere «perché non hanno un accordo» in atto.

 

Ashby-Koppens ha affermato che il governo neozelandese ha rivelato, come parte della sua risposta alla richiesta di libertà di informazione, di essere in possesso di una bozza più recente degli oltre 300 emendamenti IHR proposti per il 2023, ma non la pubblicherà pubblicamente.

 

«Ciò solleva la questione del perché il nostro Paese non è pronto a fornire ai suoi cittadini la versione attuale del documento che pretende di riguardare la nostra salute e le decisioni al riguardo», ha affermato.

 

Invece, secondo Ashby-Koppens, il mese scorso il governo neozelandese «ha fatto una richiesta bizzarra», chiedendo feedback al pubblico sulle versioni dei trattati che saranno diverse da quella definitiva su cui la Nuova Zelanda voterà nel maggio 2024. Il governo ha fissato la scadenza per il feedback al 18 febbraio.

 

«Equità» è un eufemismo per «finanza»

Roguski ha affermato che il principale punto critico tra gli Stati membri dell’OMS è «l’equità», che sarà l’argomento principale di discussione durante l’incontro appena programmato dal 4 al 15 marzo.

 

Secondo Roguski, Oxfam, un altro «importante stakeholder» dell’OMS, «ha fatto un grande colpo chiedendo equità» all’incontro della scorsa settimana, «chiedendo la fine del monopolio di Big Pharma la rimozione delle barriere sulla proprietà intellettuale e la fine della il doppio standard del mondo, chiedendo che la salute abbia la precedenza sugli interessi commerciali».

 

«Vi esortiamo ad adottare rapidamente misure concrete per garantire un accesso tempestivo ed equo alle tecnologie mediche al fine di proteggere tutte le popolazioni», ha affermato Oxfam.

 

Anche paesi ed entità, tra cui la Malesia e il Gruppo africano, hanno chiesto maggiore «equità» durante i lavori della scorsa settimana.

 

Ad esempio, il Gruppo africano ha proposto un nuovo articolo 44A per l’RSI – un «meccanismo finanziario per l’equità nella preparazione e risposta alle emergenze sanitarie». L’articolo proposto creerebbe «Un meccanismo… per fornire risorse finanziarie su base agevolata o a fondo perduto ai Paesi in via di sviluppo».

 

Un altro «parte interessata rilevante» – la Federazione internazionale dei produttori e delle associazioni farmaceutiche – «ha respinto… le richieste di accesso alla loro “proprietà intellettuale”», ha detto Roguski.

 

Ha aggiunto che tali controversie riguardano, alla radice, denaro e finanziamenti, che verrebbero distribuiti attraverso il «Fondo pandemico» della Banca mondiale.

 

«Indipendentemente dal fatto che il “Trattato sulla pandemia” o gli emendamenti all’RSI vengano adottati o meno, i massicci investimenti del complesso industriale di emergenza ospedaliero farmaceutico continueranno», ha scritto recentemente Roguski. «Decifrare il codice: in finanza, il “capitale proprio” è un interesse di proprietà… Il problema è sempre stato, e probabilmente sempre sarà, una questione di denaro».

 

Roguski ha affermato che il «Fondo pandemico» fornisce finanziamenti ai paesi per lo sviluppo di «sistemi di allarme rapido e di sorveglianza delle malattie» e di «sistemi di laboratorio» e per rafforzare «la capacità delle risorse umane/sanità pubblica e della forza lavoro della comunità».

Sostieni Renovatio 21

«Si tratta di una disputa commerciale»

Gli oppositori degli strumenti proposti dall’OMS affermano che minacciano la sovranità nazionale. Alcune proposte presentate durante la riunione del WGIHR della scorsa settimana chiedevano che al direttore generale dell’OMS fosse concessa un’autorità ancora maggiore.

 

Ad esempio, il gruppo africano ha proposto un nuovo articolo 13A per l’RSI, affermando:

 

«Immediatamente dopo la determinazione di un’emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale ai sensi dell’articolo 12, il Direttore Generale dovrà effettuare una valutazione immediata della disponibilità e dell’accessibilità economica dei prodotti sanitari richiesti e formulare raccomandazioni, compreso un meccanismo di assegnazione, per evitare qualsiasi potenziale carenza di prodotti sanitari e tecnologie».

 

Allo stesso modo, il Bangladesh, nel proporre un nuovo articolo 13A, ha chiesto una «risposta internazionale in materia di sanità pubblica guidata dall’OMS».

 

Secondo Roguski, gli stati membri «comprendono che Tedros può dichiarare un’emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale ogni volta che vuole», ma «volevano aggiungergli l’autorità per poi determinare cosa fosse necessario».

 

I deputati USA Smith e Wenstrup hanno affrontato la minaccia alla sovranità nazionale durante una conferenza stampa il 5 febbraio. Smith ha fatto riferimento a «una serie di questioni significative che circondano il trattato proposto».

 

Questi includevano «la mancanza di trasparenza, i negoziati dietro le quinte, l’esagerazione dell’OMS e la violazione della sovranità degli Stati Uniti, obblighi finanziari sconosciuti per i contribuenti statunitensi, minacce ai diritti di proprietà intellettuale e alla libertà di parola, finanziamenti per l’aborto e come il trattato andrà a beneficio della Cina a scapito di gli Stati Uniti».

 

«È stato dato troppo poco controllo, troppo poche domande sono state poste su cosa significhi questo accordo o trattato giuridicamente vincolante per la politica sanitaria negli Stati Uniti e altrove», ha detto Smith.

 

Wenstrup ha accusato l’OMS di voler «violare la nostra sovranità nazionale».

 

Aiuta Renovatio 21

Lindley ha affermato che ci sono state iniziative da parte di alcuni stati per proteggersi da un’invasione della sovranità da parte dell’OMS, incluso un disegno di legge presentato il 5 febbraio nel New Hampshire, HB1156, in cui si afferma che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e l’OMS «non hanno giurisdizione in materia».

 

«Come scritto, gli emendamenti all’IHR sono in diretta violazione del nostro Primo Emendamento, 5° e 10° emendamento», ha affermato Lindley.

 

Ma per Roguski la questione principale sono il commercio e le finanze, non la sovranità.

 

«Questa è una disputa commerciale ed è un gioco di soldi per costruire il complesso industriale di emergenza degli ospedali farmaceutici nelle nazioni che hanno mancato la prima volta», ha detto. «Hanno problemi perché discutono di soldi e proprietà intellettuale».

 

«Tutti sono stati distratti da altri aspetti dei negoziati, ma fin dall’inizio lo scopo principale di tutto ciò è stata la disputa commerciale», ha aggiunto.

 

«Esiste un chiaro e significativo conflitto di interessi finanziari tra la lealtà dell’OMS nei confronti dei principali contribuenti finanziari privati ​​e i diritti e la libertà dei cittadini di tutto il mondo», ha affermato Murfitt, sottolineando che una parte significativa dei finanziamenti dell’OMS proviene da partner privati, come la Fondazione Bill & Melinda Gates.

 

«La pressione dei cittadini funziona e dovremmo continuare così»

Lindley ha affermato che «la pressione delle persone funziona e dovremmo continuare su questa strada», sottolineando che l’opposizione agli emendamenti dell’IHR e all’«accordo pandemico» sta «creando consapevolezza e chiacchiere – due cose che il direttore generale dell’OMS sembra odiare».

 

Murfitt ha affermato che «le crepe si stanno formando mentre l’OMS spinge la disinformazione e la teoria della cospirazione mentre cittadini, avvocati e politici preoccupati hanno iniziato a parlare», mentre Ashby-Koppens ha affermato che gli interessi finanziari potrebbero far deragliare le proposte dell’OMS.

 

«Il trattato sulla pandemia corre il rischio reale di essere ribaltato… a causa delle preoccupazioni sollevate da Big Pharma attraverso il governo degli Stati Uniti: non vogliono rinunciare alla loro proprietà intellettuale o alla quota di profitto, cosa che potrebbero dover fare con la condivisione dei loro prodotti con le nazioni più povere», ha detto Ashby-Koppens.

 

«È pazzesco pensare che i gruppi per la libertà siano allineati con Big Pharma riguardo all’abolizione del trattato sulla pandemia», ha aggiunto. «L’OMS sta perdendo il ruolo di organizzazione fidata. Le persone sono stanche e certamente sentono che qualcosa non va».

 

«Stiamo vincendo la campagna populista contro l’OMS», ha detto Lindsey, ma «abbiamo molto più lavoro da fare».

 

«È necessario un voto a maggioranza per la proposta di emendamento all’RSI e un voto del 75% per l’accordo sulla pandemia», ha affermato Murfitt.

 

«È molto e non credo che siamo ancora arrivati», ha detto Lindley.

 

«Molti di noi ritengono che gli emendamenti proposti all’RSI verranno approvati e che quindi dovremo esercitare pressioni politiche per uscire dal regime», ha detto Murfitt. «Con l’attuale bozza disponibile al pubblico, non sembra esserci un meccanismo per rinunciare dopo la data di chiusura».

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 13 febbraio 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Mattia Panciroli via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic

 

 

Continua a leggere

Sanità

Auto si schianta contro il Pronto Soccorso: il video

Pubblicato

il

Da

Un’auto si è schiantata contro un pronto soccorso del Texas, uccidendo almeno una persona e ferendone molte altre, compresi bambini. Lo riportano le autorità del luogo.   Il veicolo si è schiantato contro l’ingresso del St. David’s North Austin Medical Center intorno alle 17:30 di martedì sera, hanno riferito i servizi medici di emergenza della contea di Austin-Travis, sottolineando che due bambini e un adulto hanno subito «ferite potenzialmente gravi».    

Sostieni Renovatio 21

    Altri due hanno riportato «ferite non mortali», ha aggiunto il servizio di emergenza, dopo aver inizialmente segnalato un totale di 10 feriti.   Il detective della polizia Carey Chaudoir ha successivamente confermato una morte all’American-Statesman di Austin, mentre il dipartimento di polizia della città ha notato che l’incidente sembrava non intenzionale.   L’autista è morto nell’apparente incidente, anche se Chaudoir ha notato che non era chiaro se l’incidente fosse la causa.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
  Immagine screenshot da Twitter
Continua a leggere

Geopolitica

Assedio israeliano degli ospedali a Khan Younis: massacro massivo in vista?

Pubblicato

il

Da

Le forze israeliane hanno messo sotto assedio gli ospedali di Khan Younis, minacciando la vita di migliaia di persone.

 

Ashraf al-Qudra, portavoce del Ministero della Sanità a Gaza, ha dichiarato l’8 febbraio che il completo assedio israeliano dell’ospedale Nasser e gli attacchi mirati nelle sue vicinanze avevano lasciato migliaia di persone all’interno del complesso a rischio imminente di morte, ha riferito il quotidiano Middle East Eye.

 

Ci sarebbero «300 membri del personale medico, 450 feriti e 10.000 sfollati nel complesso medico Nasser che vengono uccisi e muoiono di fame», ha detto il portavoce.

 

L’ospedale assediato soffre di una grave carenza di anestetici e farmaci per la terapia intensiva, nonché di forniture chirurgiche, ha aggiunto il Qudra.

 

Un video postato in rete dalla Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS) mostrerebbe un paziente morto a causa della mancanza di ossigeno nel nosocomio.

 

Sostieni Renovatio 21

La PRCS ha anche affermato che il personale sanitario è stato deliberatamente preso di mira dalle forze israeliane il 7 febbraio mentre svolgevano una missione per evacuare un certo numero di feriti nell’enclave assediata.

 

Video ulteriori mostrano la distruzione delle ambulanze da parte delle forze israeliane.

 

Aiuta Renovatio 21

Anche il personale e i pazienti sono in pericolo all’ospedale Al-Amal di Khan Younis, secondo la PRCS, che gestisce la struttura.

 

«Un bombardamento di artiglieria molto ravvicinato contro l’ospedale Al-Amal della PRCS, con schegge che hanno colpito l’edificio dell’ospedale in mezzo a continui colpi di arma da fuoco pesanti, mettendo in pericolo la sicurezza del personale e dei pazienti», ha scritto l’organizzazione su Twitter l’8 febbraio.

 

La guerra Israele-Hamas, oltre ai campi profughi, alle chiese e alle scuole, ha travolto gli ospedali palestinesi sin dai suoi primi giorni.

 

La situazione ha fatto sì che divenisse chiaro una volta per tutte, qualora ve ne fosse bisogno, cosa ne è stato del giuramento di Ippocrate: il 5 novembre, un centinaio di medici israeliani dell’organizzazione «Medici per i diritti dei soldati israeliani» ha rilasciato una dichiarazione affermando che il grande complesso medico Al-Shifa di Gaza e altri ospedali di Gaza sono obiettivi legittimi da distruggere, in quanto ospitano i terroristi di Hamas, ha riferito il canale satellitare panarabo con base in Libano Al Mayadeen.

 

Secondo calcoli di tre mesi fa, un abitante di Gaza ogni 200 è stato ucciso.

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari