Connettiti con Renovato 21

Genetica

Elon Musk: con l’mRNA puoi trasformare una persona in una farfalla

Pubblicato

il

 

 

Elon Musk è attualmente l’uomo più ricco del mondo, anche se sulla carta delle azioni di borsa. Il ragazzo ha di fatto inventato PayPal (che all’epoca si chiamava x.com) e l’astronautica privata (SpaceX), nonché una macchina elettrica per il mercato (Tesla) dotata di guida autonoma. È convinto che l’Intelligenza Artificiale dominerà il mondo recando enorme danno all’umanità («è come evocare un demone», disse dell’AI) e che il COVID sia un allarme esagerato, anzi, lo definisce «fascista».  Sta impiantando chip nei cervelli dei maiali e dicendo al mondo di abbandonare Whatsapp e Facebook (lui lo ha fatto da mo’). En passant ricordiamo pure che ha sfidato Johnny Depp a fare a botte (questioni di donne e avvocati) ed è il compagno della più grande cantautrice vivente, Claire Boucher detta Grimes, da cui ha avuto un figlio di nome  «X Æ A-Xii» (proprio così).

 

Accade spesso che Musk si sbottoni su questioni molto rilevanti durante delle interviste, spesso nemmeno rendendosi conto degli effetti che questo può avere, come quando durante la diretta podcast di Joe Rogan provò della marijuana gettando Wall Street nello scompiglio.

 

La scorsa estate ha partecipato ad un evento organizzato dalla famosa telefonica internazionale per lanciare il 5G, un premio annuale assegnato dal colosso dell’editoria tedesco Axel Springer.

 

«Credo che ci saranno tante svolte sul fronte della medicina. in particolare riguardo al mRNA sintetico»

Musk ha parlato un po’ di tutto, del cambiamento climatico e della necessità dell’energia sostenibile, la sua visione d’insieme, etc.  Il conduttore gli ha chiesto dei figli, e ha risposto imbarazzato, facendo capire che con i primi 5 figli (avuti in provetta dalla prima moglie, dopo che il primogenito morì di SIDS) non ha questo gran rapporto.

 

Forse per troncare il discorso su prole e famiglia (famiglie), il Musk comincia a parlare delle svolte tecnologiche che abbiamo davanti, soffermandosi sull’ambito medico.

 

«Credo che ci saranno tante svolte sul fronte della medicina. in particolare riguardo al mRNA sintetico».

 

 

«Fondamentalmente puoi fare qualsiasi cosa con l’RNA/DNA sintetico… è come un programma del computer»

«Fondamentalmente puoi fare qualsiasi cosa con l’RNA/DNA sintetico… è come un programma del computer».

 

La visione del DNA come software, come abbiamo già scritto su Renovatio 21, sembra colpire immediatamente le menti dei ricchi informatici, con l’ovvio onnipervadente esempio di Bill Gates.

 

«Credo che con uno sforzo non troppo eccessivo si  possa fermare l’invecchiamento o renderlo reversibile» dice Musk, il cui ex socio in PayPal,  il geniale investitore tecnologico miliardario Petel Thiel, è uno strenuo cercatore di progetti di anti-aging, compresa la parabiosi, ossia l’utilizzo di trasfusioni di sangue giovane.

«Puoi in sostanza fare qualsiasi cosa – continua il Musk – Se vuoi, puoi trasformare qualcuno in una farfalla avendo la giusta sequenza di DNA… i bruchi lo fanno…»

 

«Puoi in sostanza fare qualsiasi cosa – continua il Musk – Se vuoi, puoi trasformare qualcuno in una farfalla avendo la giusta sequenza di DNA… i bruchi lo fanno…».

 

Jair Bolsonaro, sei stato vendicato.

 

Ricordate le parole del presidente brasiliano, quando attaccò la mancanza di responsabilità  per le reazioni avverse prevista nel contratto del vaccino Pfizer: «E se il vaccino ti trasforma in un caimano jacaré? Il problema è tuo».

Jair Bolsonaro, sei stato vendicato

 

Vuoi vedere che il Jair Messias va preso alla lettera? Sempre detto, noi.

 

 

 

Continua a leggere

CRISPR

Primo trapianto di cuore da maiale geneticamente modificato con geni umani

Pubblicato

il

Da

Un americano di 57 anni con una condizione cardiaca pericolosa per la vita è diventato la prima persona al mondo a ricevere con successo un cuore trapiantato da un maiale geneticamente modificato con geni umani.

 

Il paziente  ha ricevuto il cuore venerdì presso l’Università del Maryland Medical Center di Baltimora. Lo riporta il Washington Post.

 

L’ente regolatore americano Food and Drug Administration (FDA) ha concesso l’autorizzazione d’urgenza per lo xenotrapianto attraverso il suo provvedimento di «uso compassionevole» che consente di utilizzare prodotti sperimentali al di fuori della sperimentazione clinica nei casi in cui il paziente presenta una condizione grave o pericolosa per la vita.

 

Venerdì mattina, i chirurghi hanno rimosso il cuore dal maiale – che è stato fornito da Revivicor, un’azienda di medicina rigenerativa con sede a Blacksburg, in Virginia – e lo hanno inserito in un dispositivo per preservarlo fino a quando non è stato trapiantato al paziente.

 

Il video diffuso dall’ospedale mostrava il dispositivo, un contenitore delle dimensioni di un microonde, portato in sala operatoria su un carrello.

 

 

La pelle e le valvole cardiache dei maiali – che sono per certi versi biologicamente simili agli esseri umani e ai primati, il che li rende candidati ideali per i trapianti – sono state trapiantate con successo nell’uomo in passato.

 

Un tipo di virus trasportato nelle cellule dei suini in grado di infettare le cellule umane aveva impedito a lungo i trapianti di organi completi, ma nel 2015 i ricercatori hanno utilizzato con successo una tecnica di modifica genetica chiamata CRISPR per rimuovere il virus dal DNA delle cellule dei suini.

 

Il «donatore» suino era un OGM, una creatura modificata nella genetica, persino con l’inserti genetici umani.

 

Il maiale il cui cuore è stato trapiantato aveva tre geni «eliminati» che avrebbero causato il rigetto dell’organo, oltre a un altro gene per prevenire la crescita eccessiva del tessuto cardiaco del maiale. Sono quindi stati inseriti sei geni umani che inducono l’organo ad essere accettato dal sistema immunitario del ricevente.

 

Come riportato da Renovatio 21, a novembre i chirurghi della NYU Langone Health hanno trapiantato un rene da un maiale geneticamente modificato della stessa azienda di quello utilizzato venerdì nel corpo di una persona morta ma «mantenuta» in vita, qualsiasi cosa questo voglia dire. Avevano inoltre eseguito la medesima procedura a settembre e il mese scorso avevano affermato che entrambe le procedure avevano avuto successo.

 

Mentre lo xenotrapianto tradizionale, il processo di trapianto di organi o tessuti animali nell’uomo, ha una storia lunga e spesso infruttuosa, le nuove tecnologie di modifica genetica lo stanno rendendo più praticabile.

 

Il maiale geneticamente modificato nell’operazione della scorsa settimana è stato fornito da Revivicor, una delle numerose aziende biotecnologiche che lavorano per sviluppare organi di maiale da trapiantare nell’uomo.

 

Oltre a Revivicor, nel settore sta operando anche l’onnipresente scienziato harvardiano George Church, già noto come pioniere della tecnica di editing genetico CRISPR, per il progetto di «de-estinguere» il mammuth e anche per la sua proposta di una app di incontri stile Tinder basata però sulla compatibilità genetica (cioè, eugenetica) delle persone.

 

Come riporta Technology Review, Church ha cofondato una società, eGensisis , che sta lavorando sull’utilizzo dell’editing genetico CRISPR per rendere gli organi animali praticabili per il trapianto umano, sebbene «la sua ambiziosa scala temporale proposta sia in ritardo».

 

Il maiale «umanizzato» geneticamente usato nel trapianto è definibile come una creatura transgenica.

 

Come emerso settimane fa, la Cina sta utilizzando «maiali umanizzati» nella ricerca sul COVID.

 

Grazie al semaforo verde assicurato dalle istituzioni (per esempio, la Casa Bianca di Biden, o la stessa FDA), la scienza biomedica sta facendo un grande uso anche di «topi umanizzati», ossia roditori nei quali sono stati inseriti geni umani o direttamente trapiantati tessuti di feto abortito. Topi umanizzati sarebbero stati usati anche nel laboratorio di Wuhan, di modo da renderli contagiabili da malattie umane.

 

Come riportato da Renovatio 21, il tema della crescita di organi umani negli animali è un tema di ricerca che usa come giustificazione la carenza di organi umani per i trapianti.

 

Continua a leggere

Genetica

La sanità americana cancella la definizione di «Gain of Function» dal suo sito

Pubblicato

il

Da

 

Il sito dell’ente di sanità pubblica americano USA ha rimosso dal suo sito internet la definizione di «Gain of Function», o «guadagno di funzione».

 

Il Gain of Function (GoF) è la ricerca medica che altera geneticamente un organismo in un modo che può migliorare le funzioni biologiche. Il Gain of Function è per esempio la pratica della bioingegneria per alterare le funzioni dei virus allo scopo di studiarli o di produrre armi biologiche.

 

L’alterazione del sito del NIH pare sia avvenuta circa due mesi fa. Alcuni osservatori sostengono che ciò sia avvenuto più o meno negli stessi giorni un cui l’ente USA ammetteva che le ricerche che esso finanziava nel laboratorio di Wuhan calzavano con la definizione.

 

Il sito dell’ente di sanità pubblica americano USA ha rimosso dal suo sito internet la definizione di «Gain of Function», o «guadagno di funzione»

Il giornale Epoch Times ha richiesto un FOIA riguardo a questo cambio, ma gli è stato risposto che «non ci sono documenti» a riguardo del cambiamento.

 

I documenti rilasciati ai legislatori in ottobre hanno mostrato che il NIH ha finanziato, tramite la ONG EcoHealth Alliance, una ricerca in Cina che includeva il miglioramento della patogenicità di un coronavirus di pipistrello modificato.

 

Ad un’audizione in Congresso divenuta famosa, il principale advisor del governo USA per la pandemia Anthony Fauci disse che ciò che era stato finanziato dagli americani in Cina non rientrava nella definizione di Gain of Function, aggiungendo che il Senatore Paul, un oftalmologo che rappresenta il Kentucky e che lo stava interrogando sul fatto che l’esperimento sembrava calzare propriamente la definizione, non «ha idea di cosa sta parlando».

 

 

Il dottor Anthony Fauci, uno dei principali subordinati di Collins, aveva quindi dichiarato sotto giuramento che «il NIH non ha mai e non finanzia ora la ricerca sul guadagno di funzione presso l’Istituto di virologia di Wuhan».

 

Il dottor Francis Collins, il capo del NIH, aveva affermato in una dichiarazione a maggio che la sua agenzia non aveva mai approvato alcuna sovvenzione «che avrebbe sostenuto la ricerca sul “guadagno di funzione” sui coronavirus che avrebbe aumentato la loro trasmissibilità o letalità per umani».

 

Dopo le rivelazioni di ottobre, le loro posizioni  pare stiano mutando.

 

Non si tratta del primo caso di ente sanitario che, durante la pandemia, cambia una importante definizione biomedica all’interno del suo sito di rappresentanza.

 

L’anno scorso, l’OMS ha modificato sul suo sito la sua definizione di «immunità di gregge»

Come riportato da Renovatio 21 l’anno scorso, l’OMS ha modificato sul suo sito la sua definizione di «immunità di gregge», insistendo sul fatto che l’immunità di gregge può provenire esclusivamente dalla vaccinazione della popolazione.

 

La definizione originale dell’OMS affermava che l’immunità di gregge «si verifica quando una popolazione è immune attraverso la vaccinazione o l’immunità sviluppata attraverso una precedente infezione».

 

La nuova versione dice invece che «”Immunità di gregge”, nota anche come “immunità di popolazione”, è un concetto utilizzato per la vaccinazione, in cui una popolazione può essere protetta da un certo virus se viene raggiunta una soglia di vaccinazione».

 

La definizione aggiornata scrive pure che «l’immunità di gregge si ottiene proteggendo le persone da un virus, non esponendole ad esso».

 

In pratica, si tratta dell’eliminazione del concetto di immunità naturale, cioè la mancata considerazione del sistema immunitario delle persone guarite – cioè l’installazione del vaccino come unica vera via di salvezza dal virus.

 

Ciò ha effetti politici non di poco conto: in molti casi (in USA, ma anche in Italia) l’obbligo vaccinale vale anche per coloro che, guariti dal virus, godono dell’immunità acquisita.

 

Definizioni che cambiano su siti ufficiali denotano mutazioni profonde, tutte di carattere politico – da cui poi dipendono le vita di centinaia di milioni di individui.

 

 

 

 

 

 

 

 

https://www.zerohedge.com/covid-19/nih-no-documents-available-removal-gain-function-definition-website

https://www.zerohedge.com/covid-19/nih-no-documents-available-removal-gain-function-definition-website

https://www.zerohedge.com/covid-19/nih-no-documents-available-removal-gain-function-definition-website

Continua a leggere

Bioetica

Le gemelle cinesi CRISPR: la storia si svela

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Ricordate l’annuncio scioccante della prima nascita delle gemelle con genoma modificato (Lulu e Nana) a livello globale?

 

In un articolo su Nature Biotechnology, apprendiamo qualcosa in più su queste ragazze, ora bambine. Dice, «… il loro destino rimane avvolto nel segreto in mezzo a turbini di voci. Molte persone contattate per questa storia si sono rifiutate di parlare delle bambine… Alcuni avrebbero parlato con Nature Biotechnology solo a condizione di anonimato».

 

Nel 2018, il dottor He Jiankui ha annunciato la nascita delle prime bambine geneticamente modificate al mondo, Lulu e Nana. Hanno modificato i loro genomi con CRISPR per conferire una resistenza all’infezione da HIV.

 

Usando la fecondazione in vitro per produrre gli embrioni, sono state geneticamente modificate disabilitando il gene CCR5

Usando la fecondazione in vitro per produrre gli embrioni, sono state geneticamente modificate disabilitando il gene CCR5 (C-C motif chemokine receptor 5, il gene produce un recettore che consente all’HIV di entrare e infettare le cellule) durante la fase di singola cellula.

 

Ci sono molteplici preoccupazioni associate al CRISPR, comprese le conseguenze indesiderate dell’utilizzo di questa tecnologia all’avanguardia sulle persone. Inoltre, l’editing ereditario del genoma non è ancora pronto per essere provato in modo sicuro ed efficace negli esseri umani. Pertanto, è fondamentale che questa attività possa procedere solo quando fornisce l’equilibrio più favorevole tra benefici e danni.

 

Sono stati eseguiti esami medici sulle bambine modificate geneticamente, inclusi esami del sangue. Questi esami sono stati condotti alla nascita, a uno e sei mesi e a un anno.

 

I test di funzionalità epatica seguiranno all’età di cinque anni e i test del QI all’età di 10 anni. E c’è il test dell’HIV. Questi sono davvero lodevoli.

 

E la valutazione della loro salute mentale? Non sembrano esserci piani definiti per questa valutazione, nemmeno la necessità di informare le gemelle delle circostanze insolite del loro concepimento

E la valutazione della loro salute mentale? Non sembrano esserci piani definiti per questa valutazione, nemmeno la necessità di informare le gemelle delle circostanze insolite del loro concepimento.

 

Seguendo la raccomandazione generale di divulgazione dei genitori ai loro figli concepiti con fecondazione in vitro sulla natura del loro concepimento, anche le bambine nate dall’editing genetico dovrebbero essere informati su ciò che è stato fatto loro come embrioni e le ragioni per questa attività.

 

Inoltre, le gemelle potrebbero essere trattate in modo diverso a causa della loro diversa suscettibilità all’infezione da HIV. Ad esempio, Nana potrebbe essere refrattaria all’infezione da HIV poiché due alleli del suo gene CCR5 sono stati alterati. Il genoma di Lulu mostra un allele modificato. Pertanto, una gemella potrebbe essere considerato un futuro partner preferito.

 

Al momento, ci sono ancora rischi molto gravi associati a CRISPR. La sicurezza è una grande preoccupazione. Ad esempio, c’è il pericolo del mosaicismo. Questo accade quando alcune cellule portano la modifica ma altre no.

 

C’è il pericolo del mosaicismo. Questo accade quando alcune cellule portano la modifica ma altre no

È difficile determinare come le modifiche al genoma dei gemelli si tradurranno in benefici o rischi durante la loro vita.

 

Come afferma l’articolo, «il mosaicismo genetico può anche essere associato ad alcuni tipi di cancro ed è noto che le varianti del mosaico somatico si verificano in alcuni disturbi neuropsichiatrici e dello sviluppo neurologico».

 

Per verificare se il mosaicismo potrebbe causare danni alle ragazze, è necessario testare numerosi tessuti. Questa è davvero una preoccupazione significativa.

 

Nel secondo vertice internazionale sull’editing del genoma umano , gli esperti hanno concordato ampiamente che questi rischi associati alla tecnologia sono elevati.

 

«Il mosaicismo genetico può anche essere associato ad alcuni tipi di cancro ed è noto che le varianti del mosaico somatico si verificano in alcuni disturbi neuropsichiatrici e dello sviluppo neurologico»

Inoltre, è possibile tagliare nella posizione sbagliata (effetti fuori bersaglio). Gli scienziati non sono ancora sicuri di come questo possa influenzare le persone con i genomi modificati.

 

Pertanto, il lavoro del dottor He solleva gravi preoccupazioni sulla pratica scientifica e sulla responsabilità etica. L’editing ereditario del genoma comporta l’apporto di modifiche agli embrioni o ai gameti (spermatozoo e ovuli) che vengono tramandati alle generazioni successive.

 

È universalmente riconosciuto  che in questa fase è prematuro intraprendere CRISPR per applicazioni cliniche. Il Secondo Vertice Internazionale ha affermato che la procedura era irresponsabile all’epoca e non era conforme alle norme internazionali.

 

In un’altra nota, un terzo bambino è nato nel 2019 in qualche luogo segreto. Incoraggiata dal successo dei genitori di Lulu e Nana, una coppia ha continuato con l’impianto di un embrione con un allele CCR5 alterato.

 

Un terzo bambino è nato nel 2019 in qualche luogo segreto

Rimangono molteplici incertezze. È molto preoccupante che i possibili danni ai bambini rimangano sconosciuti.

 

Per citare Kiran Munusuru, dell’Università della Pennsylvania, «Semplicemente non abbiamo ancora la tecnologia… È molto facile da fare se non ti dispiace farlo male, se non ti interessano le conseguenze… ma noi non ci siamo ancora avvicinati a questo».

 

Pertanto, qualsiasi modifica ereditaria del genoma umano dovrebbe procedere con cautela e fornire l’equilibrio più favorevole tra rischi e benefici.

 

 

Patrick Foong

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari