Connettiti con Renovato 21

Epidemie

«Niente fiducia alle autorità pubbliche e sanitarie senza informazioni sufficienti»: lettera di un vescovo francese ai suoi fedeli

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 pubblica la lettera sull’epidemia COVID scritta da Monsignor Marc Aillet ai fedeli delle diocesi di Bayonne, Lescar e Oloron in Francia.

 

 

 

 

Cari fratelli e sorelle,

 

L’attuale problema posto dal contagio globale del virus COVID-19 non può lasciare la Chiesa indifferente di fronte alla malattia e al disagio morale delle popolazioni.

 

 

Una situazione complessa e un profondo disagio.

Come vescovo, cioè come pastore chiamato a prendersi cura del gregge affidatomi dal Signore, condivido la preoccupazione di un numero crescente di persone inermi di fronte all’attuale panico sanitario.

 

Le soluzioni suggerite dal Governo per contenere l’epidemia, con mezzi mediatici e legislativi forti, se partono dalla lodevole intenzione di garantire la sicurezza pubblica, generano in molti uno stato di disagio psicologico e morale.

 

Se la vaccinazione viene presentata dal potere politico e dalle autorità sanitarie come l’unico modo per fermare l’epidemia, i vincoli posti per decreto o in discussione in Parlamento – vaccinazione obbligatoria per determinate professioni, pass sanitario per determinati luoghi o attività di vita – sollevano interrogativi tra un numero significativo di persone che temono per la protezione delle proprie libertà.

 

L’obbligo del lasciapassare sanitario non arriverà senza mettere in discussione molti, compresi gli eletti da tutte le parti, riguardo il regime di discriminazione, sospetto o controllo reciproco che verrà così posto in essere

Mentre molti cittadini sono stati convinti dagli incentivi statali e su consiglio di tanti medici di buona fede, altri ricorrono al vaccino, costretti e obbligati, per non perdere il lavoro, per non mettere in pericolo le proprie famiglie. o per godersi la libertà di andare al ristorante, al cinema o in viaggio…

 

L’obbligo del lasciapassare sanitario non arriverà senza mettere in discussione molti, compresi gli eletti da tutte le parti, riguardo il regime di discriminazione, sospetto o controllo reciproco che verrà così posto in essere. Lo testimoniano le vivaci discussioni in seno all’Assemblea nazionale. Un esponente della maggioranza, contrario al lasciapassare sanitario, ha addirittura denunciato davanti alla commissione di legge il rischio di «frazionare la società».

La pressione quotidiana del discorso mediatico, che funziona come un invito alla vaccinazione, le approssimazioni e le contraddizioni del discorso pubblico, hanno portato molti nostri concittadini al dubbio, allo scetticismo, anche a disagi e reazioni che non lasciano preoccupare.

 

 

Sarebbe dannoso per la pace e la coesione sociale instaurare una situazione di «discriminazione» tra vaccinati e non vaccinati, anche incitando alcuni a far sentire gli altri in colpa, ad emarginarli ea condannarli alla virtuale morte sociale. Da una parte o dall’altra succede che giochiamo sulla molla della paura e che cadiamo nell’irrazionale.

 

Non passa giorno in cui non provi questo profondo disagio, questo clima di tensione e persino di risentimento che colpisce tante persone che incontro.

 

Non vi nascondo nemmeno la mia preoccupazione rilevando i semi di divisione in famiglie, comunità, gruppi dove la questione della vaccinazione sta gradualmente diventando un argomento tabù, tanto appare una domanda fastidiosa.

 

 

L’informazione al servizio della libertà di coscienza

Capirete che non sta a me dettare il suo comportamento a nessuno, né prendere posizione, dogmaticamente, a favore o contro il vaccino. Ma è mio dovere di pastore invitarvi alla serenità, con il massimo rispetto per tutti, qualunque sia la vostra opzione, rifiutandovi di stigmatizzare chi fa altre scelte.

 

È missione della Chiesa prendere quota e invitare a un dibattito pacifico, anzi: illuminare le coscienze per promuovere il «consenso libero e informato» richiesto dalla Legge. Riprendendo la nota trilogia del pensiero sociale della Chiesa – vedere, giudicare, agire – è stato per me, con l’aiuto dei membri dell’Accademia diocesana per la vita – procedere a un lungo lavoro di ricerca, scegliendo di utilizzare solo informazioni referenziate, dai servizi ufficiali dello Stato francese, di altri Stati o di istituzioni internazionali.

 

Sarebbe dannoso per la pace e la coesione sociale instaurare una situazione di «discriminazione» tra vaccinati e non vaccinati, anche incitando alcuni a far sentire gli altri in colpa, ad emarginarli ea condannarli alla virtuale morte sociale

Anche se non mancano eminenti scienziati, medici e altri operatori sanitari e avvocati per allertare, in maniera pacata e costruttiva, le autorità pubbliche e le popolazioni sui mezzi alternativi al vaccino e al pass sanitario contenere l’epidemia e raggiungere l’immunità collettiva, senza violare le libertà pubbliche.

 

Non c’è dubbio da parte mia negare che la sicurezza sanitaria è un elemento fondamentale del Bene Comune che lo Stato deve prendere di petto, ma nessuno può essere costretto ad agire contro la propria coscienza. Perché qui è in gioco proprio la libertà di coscienza, è necessario anche che la coscienza sia illuminata e informata.

 

Tuttavia, l’indagine condotta dall’Accademia Diocesana per la Vita mi ha permesso di scoprire una ricchezza di informazioni sull’epidemia globale, che colpisce le popolazioni da quasi due anni, e sui mezzi consigliati per debellarla, che non sempre vengono portate all’attenzione dei pubblico dai principali media.

 

Ci sono atti o scelte che sono sempre sbagliati e che nessuna legge può giustificare.

 

C’è più semplicemente un discernimento per operare sulla proporzione dei mezzi messi in atto per raggiungere il fine, per quanto lodevole, che ci siamo prefissati.

 

 

La postura dell’interrogatorio

Mi accontenterò di assumere qui l’atteggiamento di «interrogatorio», che il Presidente della Repubblica, nel discorso ai Bernardin del 9 aprile 2018, aveva affermato di aspettarsi dalla Chiesa. Le domande che mi pongo, forse impertinenti, sono quelle che sento regolarmente intorno a me.

 

Ci viene detto che la vaccinazione è l’unico modo , nella situazione attuale, per fermare l’epidemia e raggiungere l’immunità collettiva. Ma che dire dei trattamenti che esistono e che sono efficaci o altri mezzi di prevenzione consigliati per rafforzare le nostre difese immunitarie naturali?

 

È stato dimostrato che l’idrossiclorochina, vietata per decreto in Francia, è stata autorizzata in altri paesi europei

 

E l’ivermectina, che sembra essere efficace?

 

E la libertà dei medici di prescrivere cure per il COVID-19?

Non vi nascondo nemmeno la mia preoccupazione rilevando i semi di divisione in famiglie, comunità, gruppi dove la questione della vaccinazione sta gradualmente diventando un argomento tabù, tanto appare una domanda fastidiosa.

 

La parola «vaccino» risuona nell’inconscio collettivo come un progresso innegabile che ha portato grandi benefici all’umanità. Pensiamo al vaccino contro il Tetano, per il quale non abbiamo ancora trovato una cura per evitare una morte inevitabile. L’epidemia di COVID-19 è dello stesso ordine, il rischio di morire è paragonabile?

 

Il tasso di mortalità è particolarmente preoccupante?

 

Il numero delle contaminazioni aumenta esponenzialmente il numero dei decessi?

 

I vaccini proteggono dalle «varianti»?

 

I vaccini attualmente sul mercato in Francia sono effettivamente vaccini o «terapie geniche» innovative?

 

Perché l’Agenzia europea per i medicinali, seguita dall’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali in Francia, ha concesso solo un’autorizzazione all’immissione in commercio (MA) «condizionata» e perché le aziende farmaceutiche sono state esentate dal risarcimento per i loro effetti negativi?

 

Se la fase sperimentale 3 per Pfizer non sarà completata, ad esempio, fino all’ottobre 2023, significa che c’è preoccupazione per la sicurezza del farmaco nel medio o lungo termine?

 

Sono stati registrati effetti indesiderati, anche fatali, dall’uso di questi «vaccini» e i medici curanti sono stati invitati ad informare i propri pazienti di questi rischi?

 

Perché non invochiamo il «principio di precauzione» così presente nel discorso pubblico quando si parla di tutela dell’ambiente?

 

Ci sono atti o scelte che sono sempre sbagliati e che nessuna legge può giustificare.

L’ultima domanda riguarda l’uso accertato, almeno per il vaccino AstraZeneca, poiché non esiste un foglietto informativo sulla composizione degli altri tre vaccini – a dir poco strano – di cellule ottenute da feti abortiti.

 

La Congregazione per la Dottrina della Fede ha pubblicato, il 20 dicembre 2020, una «Nota sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini». La questione non è nuova poiché altri vaccini in circolazione dagli anni Sessanta (contro la rosolia, la varicella, l’epatite A e l’herpes zoster), hanno già suggerito alla Chiesa di pronunciarsi in passato.

 

L’ultimo documento citato dalla Nota 2020 è l’Istruzione della Congregazione per la Dottrina della Fede, Dignitas personae, dell’8 dicembre 2008. Se la Chiesa ha ovviamente un giudizio negativo sull’uso di cellule di feti abortiti nella sperimentazione e produzione di vaccini, che dire della cooperazione per danneggiare gli utilizzatori di questi vaccini? È una questione etica che non può essere evitata.

 

Infine, il lasciapassare sanitario viene spesso presentato in maniera altruistica, in quanto necessario per evitare che persone non vaccinate contagiano altre persone, ad esempio i clienti dei ristoranti o le persone più vulnerabili che incontriamo? Ma se sono vaccinati, cosa rischiano?

 

Inoltre, il vaccino anti-COVID protegge dalla contaminazione e dalla trasmissione del virus?

 

La parola pubblica non è chiara: in una memoria al Consiglio di Stato del 28 marzo 2021, il ministro della Salute afferma, con argomentazioni alla chiave, che c’è sempre un rischio per le persone vaccinate, ma il presidente del Consiglio in il suo discorso del 21 luglio su LFI, afferma inequivocabilmente che si è protetti. A chi credere?

 

E se il vaccino non protegge, perché i vaccinati dovrebbero essere più ammessi in certi luoghi rispetto ai non vaccinati? Abbiamo valutato i vincoli che la tessera sanitaria imporrà ai cittadini nella vita quotidiana? Non rappresenta in definitiva un obbligo di vaccino mascherato?

 

Come conciliare i testi giuridici, a partire dal Codice di Norimberga, che vietano qualsiasi obbligo di vaccinazione?

 

Se l’8 aprile 2021, una sentenza della CEDU (Corte europea dei diritti dell’uomo) ha autorizzato la vaccinazione obbligatoria a determinate condizioni, una risoluzione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, votata il 27 gennaio 2021, da tutti i paesi di la Comunità, Francia compresa, chiede «di assicurare che i cittadini siano informati che la vaccinazione non è obbligatoria e che nessuno è sottoposto a pressioni politiche, sociali o di altro tipo per essere vaccinato, se non lo desidera personalmente» (7.3. 1) e «assicurare che nessuno venga discriminato per non essere stato vaccinato, a causa di potenziali rischi per la salute o per non volersi vaccinare» (7. 3.2). Cosa pensarne?

 

Ci viene detto che la vaccinazione è l’unico modo , nella situazione attuale, per fermare l’epidemia e raggiungere l’immunità collettiva. Ma che dire dei trattamenti che esistono e che sono efficaci o altri mezzi di prevenzione consigliati per rafforzare le nostre difese immunitarie naturali?

Queste sono le domande che sento e che volentieri faccio mie.

 

Chi desidera consultare la Nota informativa dell’Accademia Diocesana per la Vita può richiederla al seguente indirizzo di posta elettronica: academiepourlavie@diocese64.org

 

Come ogni cittadino, non possiamo decidere su queste questioni senza riflettere, poiché non possiamo accordare la nostra fiducia autorità pubbliche e sanitarie senza informazioni sufficienti e senza discernimento. Le scelte presentate come così decisive per la sicurezza pubblica possono essere fatte solo in coscienza.

 

Invitandovi a non cedere alla divisione tra noi, ad evitare ogni giudizio reciproco e a cercare sempre la verità nella carità, prego il Signore che ci illumini sui giusti atteggiamenti, in vista del Bene Comune e della difesa delle nostre libertà fondamentali che ne costituiscono la base.

 

Preghiamo per le autorità pubbliche, perché prendano decisioni buone e giuste, e chiediamo al Signore, per intercessione della Vergine Maria, di porre fine a questa epidemia.

 

 

+ Marc Aillet

Vescovo di Bayonne, Lescar et Oloron

 

23 luglio 2021

 

 

 

 

Immagine di Una Voce67 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Continua a leggere

Epidemie

La Omicron «potrebbe essere il segnale della fine del COVID»

Pubblicato

il

Da

 

 

L’amministratore delegato della più grande rete sanitaria privata del Sudafrica afferma che la variante di Omicron è «così mite» che «potrebbe segnalare la fine del COVID-19». Lo riportano diverse testate sudafricane e australiane.

 

Secondo Richard Friedland, amministratore delegato di Netcare, questi primi giorni della variante suggeriscono che non c’è assolutamente bisogno di farsi prendere dal panico e che,anzi, potrebbe trattarsi dell’uscita dal tunnel.

 

«Se nella seconda e terza ondata avessimo visto questi livelli di positività ai test condotti, avremmo visto aumenti molto significativi dei ricoveri ospedalieri e non lo stiamo vedendo. Nelle nostre cliniche di cure primarie si tratta principalmente di persone di età inferiore ai 30 anni», ha affermato il CEO del gruppo sanitario.

 

«Penso che in realtà ci sia un lato positivo qui e questo potrebbe segnalare la fine di COVID-19, attenuandosi a tal punto da essere altamente contagioso, ma non causare malattie gravi. È quello che è successo con l’influenza spagnola»

«Quindi penso che in realtà ci sia un lato positivo qui e questo potrebbe segnalare la fine di COVID-19, attenuandosi a tal punto da essere altamente contagioso, ma non causare malattie gravi. È quello che è successo con l’influenza spagnola».

 

«Stiamo assistendo a infezioni di persone che sono state vaccinate, ma le infezioni che stiamo vedendo sono da lievi a moderate». ha continuato.

 

«Penso che tutta questa faccenda sia stata comunicata così male e che si sia generato così tanto panico».

 

Le parole del manager si sovrappongono a quella di diversi ufficiali medici sudafricani che hanno definito la variante Omicron «estremamente mite».

 

La dottoressa Coetzee, che per prima ha individuato quella che si è rivelata la nuova variante.

 

 

«Non abbiamo ricoverato nessuno in ospedale con la nuova variante», ha detto Coetzee. «Ho parlato con altri miei colleghi, la stessa cosa».

 

Alla domanda della BBC se le autorità di tutto il mondo fossero in preda al panico inutilmente, Coetzee ha detto «sì, in questa fase direi sicuramente. Tra due settimane forse diremo qualcosa di diverso»

 

Continua a leggere

Epidemie

Cosplayer accusato di essere untore della variante Omicron

Pubblicato

il

Da

 

Secondo alcune testate americane, un uomo del Minnesota completamente vaccinato che si è recato a New York City  per partecipare ad una convention di fan degli anime – gli inevitabili cartoni giapponesi –  è ora la seconda persona ad aver ottenuto questo nuovo ceppo di COVID.

 

 

Tuttavia il Dipartimento della Salute del Minnesota ha affermato che i sintomi dell’uomo non identificato erano «lievi» e si sono «risolti». L’uomo era risultato positivo il 24 novembre, e ora pare essere guarito completamente.

 

Anime NYC, questo il nome dell’evento, ammetteva partecipanti che avessero ricevuto almeno una dose di siero anti-COVID. Si è svolto tra il 19 e il 21 novembre; il paziente omicron ha cominciato ad avvertire sintomi (lievi, come si racconta dei casi della nuova variante) il 22.

 

L’opinione pubblica e l’amministrazione ha fatto presto ad accusare l’evento di patiti di animazione giapponese, ma potrebbe non essere andata così

Il governatore dello Stato di Nuova York, Kathy Hochul, ha fatto un video su TikTok chiedendo a tutti partecipanti dell’evento anime di sottoporsi al test COVID.

 


 

L’opinione pubblica e l’amministrazione ha fatto presto ad accusare l’evento di patiti di animazione giapponese, ma potrebbe non essere andata così.

 

«Non abbiamo trovato prove di una trasmissione diffusa alla convention», ha dichiarato al New York Times portavoce del programma di tracciamento dei contatti di New York City, Test and Trace Corps.

 

Gli organizzatori della convention hanno sottolineato che non è chiaro dove l’uomo abbia contratto il virus.

 

«Era solo una persona che era al nostro evento», ha il presidente dell’azienda organizzatricedell’evento. «Non sono stati segnalati altri casi di massa dal nostro evento, e siamo ormai passate le due settimane» dalla fine della convention.

 

Il pubblico alla convention pare abbia raggiunto la cifra di 53 mila partecipanti.

 

Anime NYC è uno di quegli eventi in cui spesso i partecipanti sono cosplayer: persone che si travestono per divenire simili ai loro personaggi preferiti.

 

Essendo molto vistosi, e in teoria fanciullescamente spensierati, non stupisce che con il presente clima da caccia all’untore possano essere finiti nel mirino di chi vuole a tutti i costi capri espiatori da massacrare

Essendo molto vistosi, e in teoria fanciullescamente spensierati, non stupisce che con il presente clima da caccia all’untore possano essere finiti nel mirino di chi vuole a tutti i costi capri espiatori da massacrare.

 

Oramai molto diffuso anche in Italia, dove spunta in una quantità di eventi su tutto il territorio nazionale, il cosplay rimane una pratica controversa, che per alcuni andrebbe proibita a norma di legge, per lo meno sopra una certa età.*

 

 

*Scherziamo, ma fino ad un certo punto. Se riguardiamo la foto però la tentazione potrebbe salire.

 

 

 

 

 

Immagine di Richie.S via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons 

Continua a leggere

Epidemie

La Svizzera non pubblica nemmeno i dati completi sui contagi

Pubblicato

il

Da

 

 

C’era una volta il mito della precisione Svizzera. Nella grande lotta ai contagi, domenica 28 novembre la Confederazione Elvetica ha votato per mantenere e ampliare le restrizioni anti-COVID.

 

Piacerebbe sapere su quale base statistica i cittadini elvetici abbiano scelto che cosa votare, visto che i dati sui contagi per stato vaccinale non sono consultabili.

 

Più volte su Renovatio 21 abbiamo commentato i dati dei singoli governi per verificare l’efficacia dei vaccini.

 

Piacerebbe sapere su quale base statistica i cittadini elvetici abbiano scelto che cosa votare, visto che i dati sui contagi per stato vaccinale non sono consultabili

Abbiamo visto che in Italia i dati raccolti contengono vizi logici (bias) poiché non dichiarano quanti tamponi vengono fatti rispettivamente dai diversi gruppi (vaccinati e non vaccinati).

 

In tal modo è possibile raccontare che i vaccinati si contagiano  genericamente «molto meno». Quante volte in TV sentiamo ripetere a vanvera la frase “«i vaccinati si contagiano molto meno»?

 

Abbiamo poi visto i dati inglesi, che non riportano direttamente le percentuali dei diversi gruppi nelle tabelle. Ma, quando andiamo ad inserire le percentuali, vediamo che i vaccinati si contagiano il doppio dei non vaccinati – il 200%!

 

Ce ne sarebbe quanto basta per dimostrare che il green pass (in versione super, normale o 2G) non solo non serve a nulla, ma è addirittura peggiorativo in vista del contenimento dei contagi: dato che la popolazione vaccinata viene considerata «immune», quando invece non lo è nemmeno lontanamente.

 

Il green pass (in versione super, normale o 2G) non solo non serve a nulla, ma è addirittura peggiorativo in vista del contenimento dei contagi: dato che la popolazione vaccinata viene considerata «immune», quando invece non lo è nemmeno lontanamente

Se aggiungiamo che, comunque, anche un anziano vaccinato rimane protetto dai sintomi gravi soltanto del 50%, si spiega come mai questa pandemia sembri infinita.

 

Stanno svuotando il mare con un colapasta.

 

Ebbene, per adesso, il campione nella raccolta dati sul contagio pare essere la Svizzera: non pubblica nemmeno i dati sui contagi divisi per stato vaccinale tra «vaccinati» e «non-vaccinati».

 

Nel report ufficiale si trova un’inutile classificazione tra vaccinati con 2 dosi e vaccinati con 1 dose. Mica male per il mito della precisione svizzera. Dopo il segreto bancario, abbiamo il segreto del contagio.

 

Dopo il segreto bancario, abbiamo il segreto del contagio

Infatti nei report periodici elvetici di questo dato non c’è traccia. Evidentemente i dati sui contagi divisi tra vaccinati e non vaccinati in Svizzera sono considerati poco importanti per capire l’andamento della situazione pandemica e l’efficacia dei «vaccini».

 

Molto più interessante dividere i contagi tra “maschi” e “femmine”. L’emergenza in Svizzera, insomma, sembra essere  più una lotta tra scapoli e ammogliati.

 

Si spiega così l’idea demenziale contenuta nelle nuove misure annunciate il 3 dicembre dalla Confederazione Elvetica: l’introduzione di un sistema 2G (solo vaccinati e guariti) facoltativo. Una specie di ultra-green pass creativo. Scrive 20 minuti.

 

«Per tutte le strutture pubbliche soggette all’obbligo del certificato e tutte le manifestazioni al chiuso e all’aperto è inoltre prevista la possibilità di limitare l’accesso alle persone vaccinate e guarite (il cosiddetto dispositivo 2G, dal tedesco geimpft e genesen) e di rinunciare all’obbligo della mascherina. Questa misura è stata pensata anche per le discoteche, dove è difficile immaginabile di consumare restando seduti a un tavolo». 

 

In Svizzera una struttura pubblica potrà a sua discrezione ammettere solo persone vaccinate o guarite (sistema 2G), e permettere loro di non portare la mascherina

Avete letto bene. In Svizzera una struttura pubblica potrà a sua discrezione ammettere solo persone vaccinate o guarite (sistema 2G), e permettere loro di non portare la mascherina. La misura – dicono – è stata pensata tra l’altro proprio per dare una mano alle discoteche.

 

Ora, immaginate un trentenne svizzero vaccinato che vada in discoteca senza mascherina e poi si rechi a trovare la nonna.

 

Noi sappiamo, ad esempio, dai dati inglesi che un ottantenne vaccinato rimane al 15 % vulnerabile alla morte se contrae il COVID: 1 su 6 muore comunque. Dai dati italiani – forse più attendibili su questo punto – risulta essere realisticamente 1 su 30.

 

In ogni caso, i nonni svizzeri (seppur vaccinati) avranno un lungo inverno davanti a loro. I nipoti devono ballare in discoteca.
E per fare ballare gli svizzeri è chiaro che devono continuare a ballare anche le statistiche.

 

«Gli svizzeri sono un popolo che si alza presto, ma si sveglia tardi»

Si sa che gli svizzeri sono un popolo abituato ad informarsi costantemente per i numerosi referendum; se solo avessero davanti delle tabelle ben fatte, sarebbero probabilmente uno dei pochi popoli che si accorgerebbe di essere gabbato con misure sanitarie inutili.

 

Quindi – ecco spiegato – le tabelle sui contagi è meglio non fargliele leggere proprio. Così non se ne accorgono.


Viene in mente la battuta del politico svizzero Willi Ritschard:  «gli svizzeri sono un popolo che si alza presto, ma si sveglia tardi».

 

 

Gian Battista Airaghi

Continua a leggere

Più popolari