Connettiti con Renovato 21

Sorveglianza

Gli antivaccinisti protestano davanti alla BBC

Pubblicato

il

 

 

 

Protesta antivaccinista alla BBC contro l’introduzione del passaporto vaccinale e la somministrazione dei sieri genetici ai bambini.

 

Una massa di manifestanti si sono radunati nel quartiere della nordoccidentale White City, dove hanno marciato in corteo. Un gruppo si è staccato dirigendosi verso le porte di ingresso dell’emittente statale britannica.

 

Un cordone di polizia ha impedito ai manifestanti di entrare nel palazzo di Auntie («zietta»), come viene soprannominata in patria la BBC.

 

La manifestazione è stata organizzata dal gruppo Official Voice, che accusa i media mainstream di sfacciata propaganda al vaccino COVID.

 

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

In Australia stanno costruendo campi di quarantena per i non vaccinati

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Nonostante alcuni stati inizino provvisoriamente a revocare le restrizioni di blocco, le autorità australiane stanno costruendo campi di quarantena c per prepararsi a ospitare coloro «che non hanno avuto accesso alla vaccinazione».

 

Secondo ABC Australia, una di queste strutture di quarantena da 1.000 posti letto all’aeroporto di Wellcamp, fuori Toowoomba, sarà completamente completata entro la fine di marzo 2022.

 

Le autorità australiane stanno costruendo campi di quarantenaper prepararsi a ospitare coloro «che non hanno avuto accesso alla vaccinazione»

«In questa fase, le cabine saranno utilizzate dai viaggiatori nazionali di ritorno dagli hotspot COVID», afferma il rapporto.

 

I campi sono suddivisi in diverse zone e ospitano camere singole, doppie e familiari e saranno pattugliati dalla polizia e dalle guardie di sicurezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

 

I campi non saranno pronti, secondo quanto riportato, fino al prossimo anno.

 

 

Parlando ancora di nuovi ceppi di COVID e persone «che non hanno avuto accesso alla vaccinazione», il vice premier del Queensland, Steven Miles, ha dichiarato ai media: «prevediamo che ci sarà una continua necessità di strutture di quarantena».

 

Il vice premier del Queensland, Steven Miles: «prevediamo che ci sarà una continua necessità di strutture di quarantena»

Il governo sta affittando il terreno su cui è in costruzione il campo dalla Wagner Corporation per 12 mesi con un’opzione per altri 12.

 

 

Un’altra struttura di quarantena da 1.000 posti letto è in costruzione anche su una caserma dell’esercito di 30 ettari nella zona industriale di Pinkenba, vicino all’aeroporto di Brisbane.

 

Per quanto riguarda leggi e restrizioni anti COVID, l’Australia – come sa il lettore di Renovatio 21 – ha il primato di essere il paese più repressivo al mondo.  Strutture di quarantena, di fatto, già esistono in alcuni Stati del Paese

 

Tuttavia, gli antipodi non stanno agendo in solitaria. Pure le autorità statali in America (per esempio, lo Stato di Washington) stanno costruendo nuove «strutture di quarantena» per gli americani che «non sono in grado di mettersi in quarantena a casa propria».

 

Già dallo scorso anno le autorità di Quebec City, in Canada, hanno annunciato che isoleranno i cittadini «non collaborativi» in strutture apposite per il coronavirus, la cui location rimane un segreto.

 

La Nuova Zelanda ha anche annunciato l’intenzione di mettere i contagiati COVID e i loro familiari in «strutture di quarantena».

Crediamo davvero che  i campi di detenzione per i non vaccinati del nostro Paese siano una ipotesi tanto lontana?

 

A gennaio, le autorità tedesche hanno anche annunciato che avrebbero trattenuto i dissidenti COVID che ripetutamente non rispettano correttamente le regole in quello che è stato descritto come un «campo di detenzione» situato a Dresda.

 

In Italia la situazione è sotto gli occhi di tutti, con l’obbligo unico al mondo di esibire l’infame lasciapassare persino per recarsi al lavoro – cosa che non accadeva né nel Sudafrica dell’Apartheid, né in Unione Sovietica. 

 

Crediamo davvero che  i campi di detenzione per i non vaccinati del nostro Paese siano una ipotesi tanto lontana?

 

 

Continua a leggere

Sorveglianza

Gli australiani devono fornire alla polizia selfie geo-tracciabili per dimostrare che sono in quarantena

Pubblicato

il

Da

 

 

 

I cittadini sono ora obbligati a fornire selfie geo-tracciabili alla polizia per dimostrare che stanno a casa in quarantena aderendo al protocollo pandemico.

 

Un articolo del servizio nazionale di notizie 9 News Australia descrive in dettaglio come le persone nello Stato Victoria (la cui capitale è Melbourne) siano ora tenute a rispondere alle autorità entro 5 minuti da quando vengono contattati inviando un selfie da casa.

 

Se i cittadini non rispondono al controllo come ordinato, ufficiali sanitari vengono inviati al loro indirizzo per infliggere punizioni.

 

I cittadini sono ora obbligati a fornire selfie geo-tracciabili alla polizia per dimostrare che stanno a casa in quarantena aderendo al protocollo pandemico

«Oggi è stato lanciato l’appello a tutti coloro che sono in quarantena domiciliare nel Victoria per prendere parte a un programma pilota. E ciò significa che riceveranno telefonate casuali e dovranno rispondere entro cinque minuti con un selfie inviato a un’app che quindi geo-traccerà dove si trova quella persona e per assicurarsi che sia chi dice di essere» dice il giornalista di 9 News.

 

«Se essi non rispondono entro cinque minuti, è allora che i ministri della salute bussano alla porta»

 

 

L’agenzia Reuters ha riferito in merito a questo programma all’inizio di questo mese, osservando che era in fase di sperimentazione nel «Nuovo Galles Meridionale (NSW) e nel Victoria, sede di Sydney, Melbourne e di oltre la metà dei 25 milioni di abitanti dell’Australia».

 

Se i cittadini non rispondono al controllo come ordinato, ufficiali sanitari vengono inviati al loro indirizzo per infliggere punizioni.

La tecnologia in questione utilizza il riconoscimento facciale, ma le autorità sanitarie australiane si sono rifiutate di commentare la questione.

 

La faccenda delle tecnologie di riconoscimento facciale è ancora molto delicata. Alcuni sostengono che venga usata anche in Italia per comminare multe a chi frequenta determinate manifestazioni, cosa che per alcuni legali sarebbe illegale.

 

Esistono sul mercato oggi software estremamente potenti (ed economici) come ClearviewAI, che usa una quantità impressionante di fotografie reperite in rete (specialmente su Facebook: prima che scoppiasse un piccolo scandalo in merito) e ha per clienti (felici) tantissimi distretti di polizia e agenzie di sicurezza.

 

Agli antipodi quindi sarebbe già operativo «un vero e proprio obbligo di sorveglianza del governo» chiosa Summit News.

 

«L’Australia è andata».

Continua a leggere

Sorveglianza

Il governo USA ordina a Google di identificare chiunque cerchi determinate informazioni

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Un articolo della rivista economica americana Forbes afferma che un documento giudiziario accidentalmente non sigillato rivelerebbe che il governo federale ha ordinato segretamente a Google di fornire dati sulle persone che cercano parole o frasi di ricerca specifiche, altrimenti note come «keyword warrant», ossia  «taglia di parole chiave».

 

Secondo l’articolo, il Dipartimento di Giustizia ha inavvertitamente aperto i documenti a settembre (che sono stati prontamente risigillati). In diversi casi, gli investigatori delle forze dell’ordine hanno chiesto a Google di identificare chiunque cercasse parole chiave specifiche.

 

Il gigante della tecnologia ha fornito alle forze dell’ordine gli account Google e gli indirizzi IP di coloro che hanno effettuato le ricerche

Il primo caso è stato nel 2019, quando gli investigatori federali erano a caccia di uomini che ritenevano avessero abusato di un minorenne. Secondo un mandato di perquisizione, il minore è scomparso ma è riapparso un anno dopo e ha affermato di essere stato rapito e aggredito sessualmente. Gli investigatori hanno chiesto a Google se qualcuno avesse cercato il nome del minore. Il gigante della tecnologia ha risposto e ha fornito alle forze dell’ordine gli account Google e gli indirizzi IP di coloro che hanno effettuato le ricerche.

 

Ci sono stati altri rari esempi di cosiddetti keyword warrant , come nel 2020 quando la polizia ha chiesto a Google se qualcuno avesse cercato l’indirizzo di una vittima di un incendio doloso nel caso del governo contro il cantante R Kelly. Poi, nel 2017, un giudice del Minnesota ha chiesto a Google di fornire informazioni su chiunque avesse cercato il nome di una vittima di frode.

 

«Dopo la pubblicazione, Jennifer Lynch, direttrice del contenzioso di sorveglianza presso la Electronic Frontier Foundation (EFF), ha evidenziato altri tre warrant di parole chiave di Google utilizzati nelle indagini sugli attentati seriali di Austin nel 2018, che hanno provocato la morte di due persone» scrive Forbes.

 

«Ordini simili sono stati dati su Microsoft e Yahoo per i rispettivi motori di ricerca»

«Non ampiamente discussi al momento, gli ordini appaiono anche più ampi di quello sopra, chiedendo indirizzi IP e informazioni sull’account Google di individui che hanno cercato vari indirizzi e alcuni termini associati alla fabbricazione di bombe, come “basso esplosivo” e “pipe bomb”.” Ordini simili sono stati dati su Microsoft e Yahoo per i rispettivi motori di ricerca».

 

Per quanto riguarda i dati che le società tecnologiche hanno fornito agli investigatori, tali informazioni rimangono sotto sigillo.

 

Ogni anno, Google risponde a migliaia di ordini di mandato, ma l’ultimo mandato di parola chiave è una strategia completamente nuova degli investigatori del governo e sta diventando sempre più controversa.

 

«Spulciare il database della cronologia delle ricerche di Google consente alla polizia di identificare le persone semplicemente in base a ciò a cui potrebbero aver pensato, per qualsiasi motivo, in passato», ha detto Jennifer Granick, consulente per la sorveglianza e la sicurezza informatica presso l’American Civil Liberties Union.

 

«Questa tecnica mai prima possibile minaccia gli interessi del Primo Emendamento e inevitabilmente spazzerà via persone innocenti, specialmente se i termini delle parole chiave non sono univoci e il lasso di tempo non è preciso. A peggiorare le cose, la polizia sta attualmente facendo questo in segreto, il che isola la pratica dal dibattito pubblico e dalla regolamentazione», ha aggiunto.

 

Un’ulteriore prova che gli Stati Uniti si stanno trasformando in uno stato autoritario di monitoraggio e sorveglianza delle attività online proprio come quello cinese.

Google ha risposto alle notizie sui keyword warrant segreti e ha difeso la sua decisione:

 

«Come per tutte le richieste delle forze dell’ordine, abbiamo un processo rigoroso progettato per proteggere la privacy dei nostri utenti supportando l’importante lavoro delle forze dell’ordine», ha affermato un portavoce di Google.

 

Come scrive Zerohedge, i documenti del tribunale esaminati da Forbes mostrano che Google ha fornito dati su persone che hanno cercato parole chiave specifiche, il che è un’ulteriore prova che gli Stati Uniti si stanno trasformando in uno stato autoritario di monitoraggio e sorveglianza delle attività online proprio come quello cinese.

 

 

 

 

Immagine di Noah Loverbear via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

Continua a leggere

Più popolari