Mezzo miliardo di zanzare OGM liberate in Florida: la popolazione locale è furiosa

 

 

Nelle Florida Keys, isole al sud della penisola, un’azienda biotecnologica chiamata Oxitec sta per rilasciare 500 milioni di zanzare geneticamente modificate.

 

Questi insetti ematofagi OGM sono progettati per uccidere la popolazione locale di zanzare lungo un lungo tratto delle isole.

 

Nelle Florida Keys, isole al sud della penisola, un’azienda biotecnologica chiamata Oxitec sta per rilasciare 500 milioni di zanzare geneticamente modificate

Uomini in uniforma  si stanno presentando ai cittadini per far firmare loro dei documenti riguardo alle zanzare. «Non so nemmeno cosa ho firmato. Ho appena firmato il mio nome – ha detto una cittadina locale, Virginia Donaldson, a Futurism – Ero tipo “Oh, controllo delle zanzare, sì qualunque cosa”».

 

Senza rendersene conto, Donaldson aveva accettato di partecipare a un esperimento genetico: l’eradicazione delle zanzare tramite l’immissione in natura di centinaiai milioni – presto miliardi – di creature bioingegnerizzate.

 

Non tutti i cittadini l’hanno presa bene: «Trovo questo criminale, che siamo stati vittime di bullismo in questo esperimento», ha detto Meagan Hull, residente in Florida Keys, in un’accesa riunione del consiglio comunale a marzo riportata dal sito. «Abbiamo tutto da rischiare, niente da guadagnare, ed è tutto per i profitti di Oxitec».

 

Oxitec, con la collaborazione dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente e dei governi locali, prevede di rilasciare 500 milioni di zanzare, in ognuna delle quali i suoi scienziati hanno inserito un gene chiamato OX5034. Dopo un processo lungo anni, l’EPA ha approvato il piano Oxitec nel maggio 2020 attraverso un permesso di uso sperimentale (EUP), un’autorizzazione speciale che consente alle aziende di testare sul campo nuovi pesticidi.

 

Questi insetti ematofagi OGM sono progettati per uccidere la popolazione locale di zanzare lungo un lungo tratto delle isole.

Oxitec dice che le zanzare, tutti i maschi – che quindi non pungono gli umani – si riprodurranno quindi con femmine selvatiche, che pungono. Ma trasmetteranno il gene OX5034 , un  fattore ereditario che impedisce a qualsiasi prole femminile di raggiungere l’età adulta. La teoria è che più le zanzare geneticamente modificate e i loro discendenti si riproducono, meno zanzare femmine che pungono ci saranno nell’area.

 

In pratica: la sterilizzazione di una popolazione (zanzare, per ora, non ancora umani) per mezzo dell’ingegneria genetica.

 

Questo esperimento nel mondo reale, che dovrebbe iniziare presto, avrà come obiettivo la specie di zanzara Aedes aegypti . Questi insetti costituiscono solo il 2-4% della popolazione di zanzare nelle Florida Keys, ma sono associati a quasi tutti i casi di malattie trasmesse dalle zanzare. Oxitec afferma che il processo potrebbe aiutare a fermare la diffusione di malattie trasmesse dagli insetti che colpiscono gli esseri umani, come la dengue e lo Zika, impedendo agli insetti che li trasportano di sopravvivere. In più, dice, con la sterilizzazione tramite ingegneria genetica non si debbono usare pesticidi.

 

In pratica: la sterilizzazione di una popolazione (zanzare, per ora, non ancora umani) per mezzo dell’ingegneria genetica

«Tutto ciò cade a pezzi, però, se una qualsiasi delle zanzare femmina finisce davvero per sopravvivere e riprodursi. Alla domanda su questa possibilità» scrive Futurism. Il portavoce dell’EPA Kenneth Labbe ha detto a Futurism che l’esperimento terminerà nel momento in cui una femmina adulta portatrice del gene di proprietà si presenterà durante la raccolta.

 

«Nell’improbabile caso in cui Oxitec trovi una prole femmina geneticamente modificata, deve interrompere immediatamente il rilascio, applicare pesticidi convenzionali mirati agli stadi delle zanzare adulte e larvali e continuare il monitoraggio fino a quando non vengono trovate zanzare femmine OX5034 per due generazioni consecutive», ha detto Labbe.

 

A giudicare dai precedenti, tale ottimismo pare mal riposto: sappiamo per certo che in un precedente esperimento condotto dal 2013 al 2015, Oxitec ha rilasciato zanzare in Brasile che trasportavano un gene ingegnerizzato in precedenza, OX513A , e alla fine ha rilasciato anche quelle con OX5034 . Mentre la società ha dichiarato il rilascio un successo, scienziati non affiliati a Oxitec di Yale e una manciata di istituzioni brasiliane hanno pubblicato una ricerca sulla rivista Nature Scientific Reports sostenendo che alcune delle zanzare si erano accoppiate, prodotto una prole vitale e alla fine hanno creato una nuova popolazione ibrida genetica capace di sopravvivere in natura.

 

L’esperimento in Brasile  aveva creato una specie di super zanzare: l’esatto contrario del fine che si erano posti gli scienziati

Cioè, l’esperimento in Brasile, come scritto a suo tempo da Renovatio 21, aveva creato una specie di super zanzare: l’esatto contrario del fine che si erano posti gli scienziati.

 

Tali conclusioni sono state energicamente contestate da Oxitec, che ha spinto per una ritrattazione. Da allora la rivista ha schiaffeggiato un’espressione di preoccupazione su alcune delle sue scoperte che rimane ancora irrisolta. Nathan Rose, responsabile degli affari normativi di Oxitec, ha riconosciuto che alcune zanzare femmine OX513A sono sopravvissute in Brasile, ma ha affermato di essere fiducioso che le zanzare OX5034 non sarebbero in grado di farlo.

 

A tutti rimane però in mente l’idea espressa in Jurassic Park: «la vita trova sempre una via». In quel caso finzionale, i dinosauri femmina riuscivano a maschilizzarsi grazie ad una parte di genetica del rospo con cui ne avevano ricostruito il DNA. Nella realtà delle zanzare brasiliane o americane, potrebbe esserci qualcosa di ancora più imprevedibile.

 

Tra le varie figure apparse negli articoli che dedichiamo oramai da anni al tema, comparve subito un personaggio ora divenuto centralissimo: il dottor Andrea Crisanti, che, appunto, ora gli avversari accusano di non essere uno specialista ma uno zanzarologo

Renovatio 21 segue la storia delle zanzare OGM sterilizzate da diversi anni: è per noi impossibile non vedere il pendìo scivoloso che dalla zanzara porta all’uomo.

 

Il nostro primo articolo («I vaccini come guerra biologica») che cita l’argomento risale al 2017, quando scrivemmo dell’ipotesi di utilizzo di zanzare geneticamente modificate come vettori per «vaccinare» la popolazione.

 

Tra le varie figure apparse negli articoli che dedichiamo oramai da anni al tema, comparve subito un personaggio ora divenuto centralissimo: il dottor Andrea Crisanti, che, appunto, ora gli avversari accusano di non essere uno specialista ma uno zanzarologo.

 

Crisanti dirigeva a Terni dei laboratori che creavano zanzare GM, create con il nobile fine di sconfiggere la malaria – per un progetto dell’Imperial College di Londra (quello che ha fornito i dati sballati che hanno indotto Johnson a mutare idea e a instaurare il lockdown più draconiano d’Europa) lautamente finanziato dalla Fondazione Bill e Melinda Gates.

 

Tenete sempre presente questa faccenda delle zanzare: il pendìo scivoloso dall’insetto all’uomo è già stato segnato dal disegno della Necrocultura. Con la chimica o con la genetica, la popolazione umana dovrà ridursi, sparire

Se non credete a Renovatio 21, credete a Netflix: guardate la serie di documentari Selezione innaturale, che è tutta incentrata sulla tecnologia del gene drive, applicata non solo alle zanzare, ma anche ai ratti, e respinta da intere comunità come quella neozelandese. Lo stesso Crisanti appare nella seria nei suoi laboratori in Lazio.

 

Tenete sempre presente questa faccenda delle zanzare: sarà vitale nel prossimo futuro. Perché, ribadiamo, il pendìo scivoloso dall’insetto all’uomo è già stato segnato dal disegno della Necrocultura. Con la chimica o con la genetica, la popolazione umana dovrà ridursi, sparire.

 

Si prepara un’apocalisse, l’apocalisse degli insetti.